Continua - Menta e Rosmarino

MENTA E ROSMARINO & ARTE
Giancarlo Ossola
appoggiate al muro”, e ricorda che anche Testori si è
interessato e ha scritto di Salvini, a conferma, se fosse
necessario, della statura europea del pittore di Cocdi CONSUELO FARESE
quio. Di sé gli piace ricordare ancora l’impegno per la
Triennale e la lunga collaborazione con la radio della
n famiglia sono tutti imprenditori, io solo sono Svizzera italiana.
Riprendendo a scorrere il lungo elenco delle mostre
pittore”. Potrebbe iniziare così l’intervista a Giandi
Giancarlo Ossola si nota che spesso egli stesso
carlo Ossola, anche se questa constatazione egli
scrive
un testo di presentazione, che si affianca nei cala aggiunge alla fine, in tono riflessivo, quasi a contaloghi
a quelli di grandi nomi: “Sono convinto che chi
clusione dell’incontro.
dipinge
possa e debba scrivere di sé, della propria e
Giancarlo Ossola, artista di fama internazionale e di
dell’altrui
pittura: non comprendo perché molti pittori
forte personalità, ha un importante
si chiudano nell’afasia”, osserva.
legame con la Valcuvia: il padre e
Va anche detto però che non tutti i
la nonna materna nacquero infatti a
“La vera grandezza
pittori forse sanno scrivere così inCastello Cabiaglio, e con Castello
della nostra epoca
cisivamente come lui: leggere un
Cabiaglio il pittore sente di avere
consiste nella
suo testo è un vero piacere.
un rapporto particolarmente increazione del rifiuto…
“La vera grandezza della nostra
tenso, benché altri familiari lo leepoca
consiste nella creazione del
ghino a Cocquio e a Caldana in
rifiuto…
Non la produzione di
particolare, e benché Giancarlo Ossola stesso sia nato
beni
o
servizi
ci
consegnerà
alla
memoria dei futuri
a Milano.
millenni,
ma
la
trasformazione
del
pianeta in un gi“Mio padre era restauratore e decoratore, aveva fregantesco
relitto…
Avete
mai
percorso
una discarica o
quentato l’Umanitaria a Milano, e, ferito nella prima
esplorato
i
terreni
rischiosi
e
accidentati
del relitto inguerra mondiale, è morto presto” dice del padre Leodustriale?”
Questo
testo
di
Giancarlo
Ossola
è del
nello. Della nonna Angela egli ricorda detti e pre-
“I
ghiere, resi originali e sapidi dal dialetto: di lei ha un
ricordo molto intenso anche perché Giancarlo bambino
trascorre gli anni corrispondenti alla seconda, alla terza
e alla quarta elementare a Castello Cabiaglio, sfollato
dalla Milano sfigurata e resa insicura dai bombardamenti. A Milano tornerà e frequenterà dei corsi a Brera
e però “Mi considero autodidatta”, mi dice, ricordando
i primi disegni dal vero, “le mucche di Cabiaglio”, ricorda, descrivendo il paese di allora, intatto nelle trame
del paesaggio boschivo e nei ritmi della civiltà contadina. E tuttavia, guardando gli acquarelli di quei primi
anni, che ritraggono le vie del paese, forse suggestionati dalle opere successive, non si può fare a meno di
notare l’attenzione del giovanissimo Giancarlo per le
architetture, sia pure quelle ingenue e spontanee di via
del Borghetto.
A questi luoghi del resto Giancarlo Ossola rimane
legato per diversi motivi, in un doppio legame con Milano, così vicina. Scorrendo il lungo elenco delle sue
mostre non si può non notare nelle presentazioni il ricorrere di nomi importanti, Raboni senz’altro, e
Chiara, Isella, Sereni; sono state frequentazioni assidue e feconde, mi conferma il pittore, “ci frequentavamo sia in questi luoghi, Luino e la Valcuvia, sia in
Milano”. Così ci si immagina con piacere e con un
certo rimpianto, cosa fossero quegli anni, quanto intensa fosse la vita artistico letteraria quassù tra le valli
incastonate di laghi e la grande città giù nella pianura.
Di Salvini egli ricorda una visita al mulino del pittore, lo stupore di vedere “queste grandi tele, grandissime, di straordinaria qualità, messe lì per terra,
Cerro,“Cà di fior”,
1981, china su carta.
Menta e Rosmarino
51
1984: leggerlo ora richiama alla mente immagini affatto attuali di un’umanità che non sa, e forse non
vuole, liberarsi dalle scorie che produce, e anche questo aspetto, che ci segnala un tragico desiderio di autodistruzione, è pur presente nella prosa del pittore, là
dove poi egli nel testo prosegue “E’ la nostra energia
infernale, l’altra parte della civiltà dei consumi, metafora materica dell’inconscio collettivo… Luoghi selvaggi, zone d’elezione di ogni marginalità… habitat di
verità indecorose, di poesia rischiosa e di violenze solitarie”
Chi conosce la produzione artistica di Giancarlo Ossola ha subito negli occhi quelle tele famosissime, e
pregevolissime, di interni industriali, eppure non si
può tacere che le opere che da quella poetica sono originate, ci presentano relitti immersi in una luce dorata,
Nonna Angela
carboncino, 1955.
in un’atmosfera evocativa:l’artista non può non amare
l’oggetto della sua poetica, non può non amare quell’umanità che lascia dietro di sé relitti sospesi nel
tempo.
Se ripenso a quella notazione, “io solo sono pittore”,
che ho riportato in apertura, penso che gli imprenditori forse siano meno capaci di un grande artista di
comprendere prima ciò che sta avvenendo, ciò che sta
per avvenire. Sicuramente un artista, il nostro senz’altro, è colui che sa far vedere a noi in un solo sguardo
ciò non sappiamo vedere e che pagine e pagine di testo
a volte non sanno svelare. Dispiace pensare, come fa
Giancarlo Ossola nel riflettere con amarezza sul suo
essere pittore, che “Achille Bonito Oliva e Celant
hanno sostituito se stessi ai pittori”.
Atelier 5
olio su tela, 1997.
• ASSISTENZA MULTIMARCHE
• ASSISTENZA V.T.L.
• SERVIZIO GOMME
nino morvillo
fotografia
industriale
Cell. 335.5477727 - fotomorvillo@tin.it
Via Roma, 31 - GEMONIO (VA) Tel. 0332.610568 - Fax 0332.617441
NOLEGGIO
e VENDITA
DVD
S.A.S.
V.le Verbano, 13 - Gavirate (VA) - Tel. 0332 747610
www.videofantasy-va.guyaonline.com
52
Menta e Rosmarino
BELLORINI Elettrauto
Diagnosi e riparazione - ABS - Iniezione elettronica
Ricarica climatizzatori e messa a punto motore
Controlli pre revisione e bollino blu - Installazione antifurto autoradio e tel. auto
Su chiamata servizio rapido sul posto
COCQUIO TREVISAGO (VA) - TEL. 0332.700386