siapinform04_2015195407.

04
Roma, 11 Aprile 2015
Editoriale: Quando la conoscenza fa la differenza
Sommario:
Editoriale
Quando la conoscenza
fa la differenza
1
Dalla Segreteria Nazionale
2
• Pagamento degli straordinari
EXPO 2015: qualche
dato sull’impegno dei
Reparti Mobili
2
• Portale NOIPA. Errori
2
•
nella pubblicazioni
parametri stipendiali
Errata certificazione
modelli CUD
2
Flash Vertenze
Reggio Calabria
•
3
•
La denuncia
Emergenza Vicaria Mercato
3
Pescara Posto di
Polizia
Monte
Pratello
4
• Napoli
•
Nella giornata del 9 aprile,
mentre arrivano le prime
frammentarie quanto drammatiche notizie della sparatoria al Tribunale di Milano,
sul sito del corriere della
sera, in una sezione dedicata alla notizia tra i primi
commenti, quello più tenero e ripetibile: ma dov’erano i poliziotti? in pausa caffè? E in serata il tg satirico
di Canale5 ironizzava su
due poliziotti che – presumibilmente e sottolineiamo
presumibilmente – chattavano davanti il Palazzo di
Giustizia milanese … noi
non difettiamo certo in
autoironia, né siamo permalosi ma oggettivamente
la messa alla berlina
tout court del poliziotto comincia a pesarci.
Soprattutto quando non
solo siamo oggetto dello
sberleffo e dello scherno
(in una chiamiamola pacifica manifestazione il complimento più bello che ci
sentiamo indirizzare è
schiavi o servi) ma quando
anche le istituzioni democratiche, quelle stesse che
noi difendiamo ogni giorno, arrivano a velocizzare
l’iter di un progetto di
legge (stiamo parlando di
quello sull’introduzione del
reato di tortura nel nostro
ordinamento)
sull’onda
emotiva di una sentenza.
Non amiamo i doppi pesi e
le doppie misure: conti-
nuiamo a dire e sostenere che
le sentenze si rispettano anche quando riguardano una
pagina dolorosa della nostra
istituzione (non abbiamo paura a dirlo, a Genova è stata
scritta una pagina dolorosa)
ma vorremmo che ci fosse
una più puntale e precisa informazione sulla sicurezza, sui
suoi uomini e le sue donne.
Perché le lacrime nei funerali
di stato non ci servono. Perché gli elogi e gli encomi postumi non servono a nessuno.
Perché a Milano i tornelli sono presidiati dalla vigilanza
privata e i colleghi che forse
chattavano non si stavano
necessariamente divertendo.
Perché siamo sempre più
convinti che la conoscenza
fa la differenza; anche nelle
case sindacali. Ai colleghi non
servono demonizzazioni di
facciata, parole di carta e frasi
di circostanza; ai colleghi
servono leggi, ordinamenti e regolamenti chiari entro cui muoversi e il rispetto per una professione
in cui, spesso, è in gioco la
vita stessa.
Pagina 2
[email protected]
Dalla Segreteria Nazionale
Sul nostro sito
www.siap-polizia.org
tutte le ultime notizie,
aggiornate in tempo reale
La Segreteria
Nazionale è
intervenuta, con
diverse note,
presso i
Athena
•
Pagamento degli straordinari
Dopo la nota del Dipartimento della P.S. datata … e reperibile ancora sulla home page
del nostro sito, viste le numerose richieste di informazioni, abbiamo assunto informazioni più dettagliate e abbiamo appreso che gli straordinari di gennaio e febbraio verranno retribuiti con cedolino a parte, entro aprile. Da maggio, presumibilmente, tutte le
indennità potrebbero confluire nel cedolino unico. Dati gli innumerevoli disguidi che si
stanno verificando nella elaborazione dei cedolini unici, la Segreteria Nazionale vigilerà
affinché siano rispettati i tempi per il pagamento delle spettanze e, non appena in nostro
possesso, daremo la conferma ufficiale tramite i nostri canali di informazione.
•
EXPO 2015: qualche dato sull’impegno dei Reparti Mobili
Con l’apertura di Expo2015, come sempre avviene in occasione di eventi speciali, si
stanno diffondendo tra i colleghi una serie di voci e aspettative su possibili aggregazioni.
Il SIAP, tenendo fede all’impegno assunto nei confronti dei proprio iscritti e non solo, ci
tiene a dare indicazioni certe, chiare e concrete. Conoscendo l’interesse che comunque
la materia suscita tra i colleghi, abbiamo assunto delle informazioni dai competenti uffici
del Dipartimento e questo dovrebbe essere lo schema dell’impiego minimo dei diversi
Reparti Mobili:
• 150 uomini del Reparto di Milano fissi al giorno dal 1 maggio al 31 ottobre,
• i Reparti di Genova e Padova, opportunamente potenziati, parteciperanno con 2
squadre al giorno per Reparto;
• 1 squadra al giorno sarà garantita da TUTTI GLI ALTRI REPARTI
Il periodo di impiego, verosimilmente, sarà dal 1° maggio al 31 ottobre c.a. e le aliquote
di personale su citate sono soggette a potenziamenti a seconda delle esigenze che l’evento presenterà, su indicazioni della autorità di pubblica sicurezza competenti.
competenti uffici
del MEF e del
Dipartimento
della P.S. per
chiedere che
siano sanate le
diverse anomalie
determinatesi nel
passaggio al
sistema Noi
Portale NOIPA. Errori nella pubblicazioni parametri stipendiali Forze
di Polizia dello Stato ad ordinamento civile.
Il passaggio al sistema NoiPa sta creando una serie infinita di intoppi; tra le altre, abbiamo verificato che, nel sito ufficiale del MEF vi sono diversi errori nell’abbinamento dei
parametri alle qualifiche del personale appartenente alla Polizia di Stato. A titolo esemplificativo, nel portale viene abbinata alla qualifica Vice Commissario e equiparati – codice MC03 – il parametro 133,30 mentre quello previsto è 133,25, oppure alla qualifica
Vice Perito – codice MP05 – il parametro 120,80 a fronte del 120,75 contrattualmente
previsto ed ancora la qualifica di Sovrintendente – codice MS03 – il parametro 116,30
invece del 116,25. Considerato che, come noto, dal parametro vengono stabiliti gli incrementi stipendiali del personale in base alle varie qualifiche, la Segreteria Nazionale ha
inviato una nota ai competenti uffici del Ministero dell’Economia e Finanza e del Dipartimento della P.S. per chiede di apportare le dovute correzioni sul sito de quo e che sia
effettuata una verifica sulla corretta applicazione dei parametri dei cedolini paga del
personale.
•
•
Errata certificazione modelli CUD
Dopo una attenta valutazione della Segreteria Nazionale su alcune segnalazioni giunte
dalle strutture territoriali, risulterebbero confermati degli errori nei modelli CUD trasmessi ai dipendenti della Polizia di Stato; la Segreteria Nazionale ha inviato una nota
urgente ai competenti uffici del Dipartimento della P.S. data la delicatezza della problematica e reputando indifferibile un sollecito intervento atto a comprendere la tipologia
dell’errore e un’altrettanto immediata soluzione. Abbiamo altresì chiesto che se ne dia
tempestiva informazione al personale interessato; la questione riveste carattere d'urgenza in quanto i colleghi sono impegnati proprio in questi giorni alla compilazione delle
dichiarazione dei redditi.
11 Aprile 2015
Pagina 3
Flash vertenze - Segreterie SIAP sul territorio
Reggio Calabria La
denuncia
Gli operatori di polizia aggrediti in servizio e finiti in ospedale nell’anno 2014 sono
“parecchie” centinaia; un dato
allarmante e inquietante che
riguarda i soli poliziotti impegnati quotidianamente sulle
strade, e non anche quelli
impiegati nei servizi di ordine
pubblico. Ben si guardano
politica ed istituzioni da ufficializzare il dato, sminuendolo
invece con pubblici complimenti e riconoscimenti in
occasioni di importanti risultati, ed in quei rari casi estremi,
con la formale presenza a
funerali di stato. Non minimizziamo che la molteplicità dei
risultati di servizio è ottenuta,
in gran parte, grazie a spirito
di sacrificio e abnegazione, a
dignità e responsabilità, a senso del dovere e professionalità
che animano le Forze dell’Ordine nonostante non gli vengano forniti gli strumenti operativi e giuridici che gli consentano di svolgere la propria attività in sicurezza (mancanza di
certezza della pena, adeguati
strumenti di difesa passiva),
nonché la garanzia di appropriata tutela. Stiamo aspettando da anni l’introduzione di un
banale spray urticante e l’adozione di protocolli operativi in
grado di regolamentare una
professione che diventa giorno dopo giorno sempre più
difficile. Siamo nell’epoca in cui
ti aspetta li, proprio dietro
l’angolo come una mannaia,
l’avviso di garanzia, la sanzione
disciplinare, l’aggressione.
Per alcuni delinquenti sta quasi
diventando un hobby cercare
lo scontro col poliziotto, anche durante un banale controllo di routine, tra l’altro
incoraggiati dai sempre più
frequenti segnali di depenalizzazione di reati sorti per tutelare proprio i pubblici ufficiali,
e non solo. Un episodio che ci
ha lasciati scombussolati e
sconcertati, la cui rabbia non è
•
stata ancora smaltita nonostante sia già trascorso un
mese, è quell’atto di pseudo
cannibalismo accaduto in piazza Garibaldi ad opera di un
cittadino indiano che, immotivatamente ed inaspettatamente, aggrediva un Sovrintendente della Polizia di Stato, impegnato in uno dei consueti controlli di polizia, e con un morso gli tranciava una falange del
dito pollice. Lamentiamo che i
continui tagli, il blocco dei
turn over e le leggi poco incisive ci stanno gradualmente
svigorendo. Richiamiamo un
messaggio lanciato nel 2008
dal compianto Capo della
Polizia, Antonio Manganelli,
che giustamente disse: “i soldi
spesi per la sicurezza non
sono costi, bensì investimenti”. Ribadiamo che le forze
dell’ordine sono l’unico baluardo di democrazia e legalità. Denunciamo la carenza di
sicurezza e di tutela delle Forze dell’Ordine
• Napoli
Emergenza
Vicaria Mercato
Negli ultimi tempi nei quartieri
di competenza del Commissariato “Vicaria Mercato” c’è
stata una recrudescenza dei
reati legati alla criminalità organizzata e si sono registrati
episodi di notevole impatto sia
per l’opinione pubblica sia per
gli stessi operatori di Polizia
che si trovano ormai abbandonati dalla stessa amministrazione di cui fanno parte. Fatti
come colpi di arma da fuoco
sparati nelle auto di cittadini
parcheggiate davanti agli Uffici
del Commissariato e per le
strade adiacenti. Volanti minacciosamente circondate da
un intero gruppo di fuoco
schierato dinnanzi con mitra e
pistole puntate contro, i cui
operatori possono raccontare
il fatto solo per scelta di quei
criminali che non hanno voluto sparare, comunque poi
stoicamente inseguiti dagli
stessi operatori minacciati.
Athena
Poliziotti della Volante che
dopo aver visto la morte in
faccia, invece di essere confortati da personale di rinforzo, si
vedono “togliere dal fianco”
anche altra volante perché la
stessa “deve” essere sistematicamente impiegata per i servizi
urgenti come le notifiche per
gli altri uffici o per coprire
servizi come l’Ordine Pubblico
al Duomo perché gli uffici
centrali preposti non riescono
a coprirlo. Cose da scuotere
nella tomba i veri poliziotti,
quelli che dinanzi ad un gesto
del genere avrebbero rivoltato
il quartiere come un calzino
fino all’individuazione dei responsabili; ma noi abbiamo
sbagliato epoca, oggi contano i
numeri non la sostanza! Intanto il malumore tra la truppa
cresce e già ci sono le prime
richieste di abbandonare il
servizio di volante da parte di
validi elementi che si vedono
lasciati soli al proprio destino.
E’ pur vero che negli ultimi
periodi si stanno tenendo dei
servizi integrati di controllo
del territorio che però, pur
producendo i “numeri elevati”
che piacciono tanto ai vertici,
non hanno l’incidenza e l’efficacia richiesta per il tipo di
problema da affrontare, tant’è
che con dieci pattuglie sul solo
territorio di Forcella, la protervia di questi criminali li ha
portati comunque a sparare in
pubblica via con il conseguente ferimento una persona. A
proposito di tali servizi di
controllo del territorio è opportuno domandarsi come
mai sia stata esclusa l’indennità
Pagina 4
SIAP-Inform@
N. 04
del 11 Aprile 2015
Direttore Responsabile
Giuseppe Tiani
Responsabile
di redazione
Loredana Leopizzi
Redazione
Enzo Delle Cave
Luigi Lombardo
Massimo Martelli
Marco Oliva
Francesco Tiani
Vito Ventrella
Fabrizio Iannucci
Sede: Via delle Fornaci, 35
00165 ROMA
[email protected]
0639387753/4/5
Siti web - Informazione on line
www.siap-polizia.org
www.fuoriordinanza.com
Autorizzazione Tribunale
di Roma
n. 277 del 20 luglio 2005
[email protected]
di O.P. ai colleghi partecipanti
ai predetti servizi specifici,
quando per lo stesso tipo di
mansione, in ogni altro quartiere, essa è invece garantita.
Gli Uffici interni del commissariato non se la passano meglio, letteralmente sommersi
di lavoro, al quale non riescono più a far fronte, grazie anche ad un errore sulla competenza territoriale del Commissariato, che ha conservato
quella di quando si costituì il
POLO (ultimo stradario
“aggiornato” al 15.04.2013);
errore già denunciato da questa O.S. e per far fronte al
quale è interessato da circa sei
mesi l’Ufficio di Gabinetto
della Questura. … Una delle
volanti compie interventi in
una zona enorme, con serio
aggravio di lavoro per l’ufficio.
Per non parlare degli altri uffici
della città che, tenendo fede
ad una inopportuna suddivisione territoriale, inviano gli atti
relativi ai reati compiuti in tali
zone al Commissariato
“Vicaria Mercato”, col risultato che il lavoro degli operatori
si concreta in gran parte nel
trasmettere la miriade di atti
agli Uffici realmente competenti. Inoltre nel “saldo” dei
trasferimenti o pensionamenti
dal 2010 ad oggi, ben 16 sottufficiali sono venuti meno
all’organico e non sono stati
rimpiazzati, 25 del ruolo Agenti e Assistenti sono stati
sostituiti con soli 17 colleghi
dello stesso ruolo con la ovvia
conseguenza che si sono più
che raddoppiati i carichi di
lavoro ed anche la “truppa” è
costretta a svolgere lavoro
che compete a ruoli superiori…con stipendi superiori. Se
ci si aggiungono i problemi
legati al lavoro straordinario
che è diventata la più grande
preoccupazione, sia per chi è
costretto a gestirlo sotto la
scure del pagamento di tasca
propria, sia per i colleghi che
si trovano a lavorare in una
zona ad altissima densità criminale, anche per la stessa
città di Napoli, e vengono
demotivati dalle antipatiche
beghe per la “concessione”
del pagamento delle indennità
accessorie. Da non trascurare
il fatto che, l’ufficio MPS, segue
in media le pratiche relative ad
un centinaio di Arrestati Domiciliari e Detenuti Domiciliari
ed a circa trecento sottoposti
ad altre misure. E’ bene ricordare che il commissariato
Vicaria Mercato, il quale conta
“sulla carta” 94 dipendenti, è
frutto della fusione di due
commissariati, Vicaria e Mercato, che avevano complessivamente circa 140 uomini e
ben tre volanti fisse sul territorio. Dapprima ne fu soppressa una, poi una seconda
assunse un nuovo nome e
questo fatto ha tratto in inganno i più, che ritengono per
questo quest’ultima una volante in più rispetto e quindi
“sacrificabile”, con la conseguenza che il territorio che
prima era presidiato con difficoltà da tre volanti di zona,
ora si ritrova con una sola
volante che svolge il triplo del
lavoro normale. La seconda
volante è dovuta, non è un di
più, e non bastano pertanto
soltanto le volanti dell’U.P.G.,
impegnate soprattutto per gli
itinerari prefissati dai vertici.
Ci chiediamo: a cosa vogliamo
arrivare? Ci deve scappare il
morto? Vogliamo che i colleghi rispondano personalmente
del fatto che non si riescono
ad evadere nei giusti tempi gli
adempimenti di polizia giudiziaria? Questo non è un attacco, è una richiesta di aiuto!
Chiediamo un congruo rinforzo di sottufficiali e di agenti e
assistenti. Chiediamo una migliore organizzazione degli
uffici centrali in modo che essi
possano coprire i servizi di
O.P. e non li demandino al già
v e s s a t o C o m m i s s a ri a t o
“Vicaria Mercato”, impegnato
nel fango, in prima linea, nonostante gli scarsi e inefficienti
mezzi. Chiediamo e aspettiamo, facendo sempre e comunque il nostro lavoro, al meglio
delle nostre possibilità, ma
siamo certi che non potremo
durare per molto.
Pescara Posto di Polizia Monte Pratello
La Segreteria Provinciale di
Pescara segnala “un problema
tutt’ora in atto presso il Posto
•
di Polizia stagionale di Monte
Pratello nel comune di Rivisondoli (AQ). Si tiene a precisare che, come da circolare
ministeriale, la Società degli
“Impianti Pratello Ski” deve
fornire agli operatori del Soccorso Alpino della Polizia di
Stato vitto ed alloggio. In realtà, il personale soggiorna presso gli alloggi forniti dalla società “Aremogna Ski” posta in
località Aremogna, nel Comune di Roccaraso (AQ), unitamente ai colleghi che fanno
servizio proprio presso il Posto di Polizia stagionale dell’Aremogna. Gli alloggi sono posti a mt. 1650 slm mentre gli
impianti di Monte Pratello
sono posti a mt. 1250 slm.
Pertanto i colleghi che fanno
servizio a Monte Pratello, tutti
i giorni devono coprire l’itinerario, che si snoda per 10 km
di viabilità ordinaria. Tale itinerario, naturalmente, deve
essere effettuato tutti i giorni
dal personale operante con la
propria auto privata, in qualsiasi condizione meteo: neve,
ghiaccio, o bufere che sia. I
colleghi hanno chiesto di usare
la motoslitta in dotazione per
questi spostamenti, ma è stato
loro negato, dicendo che la
motoslitta era deputata esclusivamente al soccorso. Inoltre
gli operatori del Posto Fisso
Stagionale di Monte Pratello
possono consumare il primo
ordinario solo presso una
baita, data in gestione, che è
stata oggetto, il 05 gennaio
u.s., di un controllo da parte
dei NAS di Pescara. Al contrario i colleghi che fanno servizio all’Aremogna, dormono in
loco, possono fruire del primo
ordinario in qualsiasi delle
baite del comprensorio di loro
competenza ed hanno a disposizione una Fiat Marea con i
colori d’istituto, per tutti i
loro spostamenti, qualsiasi essi
siano”.