Scarica il programma

DOMENICA 10 MAGGIO 2015,
HOTEL ROYAL CONTINENTAL,
VIA PARTENOPE 38-44, NAPOLI
Ore 9.00
Assemblea dei Presidenti dei Club Aderenti al Forum
Ore 12.30
Hotel Royal Continental – Colazione dell’arrivederci
Gestione e Sviluppo delle Aree Marine Protette
con l’ausilio delle nuove tecnologie
Napoli 9 - 10 Maggio 2015 - Castel Dell’Ovo
SEGRETERIA PERMANENTE DEL FORUM
PRESSO IL R.C. GROSSETO
e-mail: info@rotaryfasciacostiera.it
www.rotaryfasciacostiera.it
COMITATO ORGANIZZATORE
Rotary Club Napoli Castel Sant’Elmo - Distretto 2100
GIANCARLO NOCERA - FABRIZIO PISANI MASSAMORMILE
GIORGIO BUDILLON - BIAGIO VALLEFUOCO
ANTONIO FIORENZA - PASQUALE PALESCANDOLO
Hanno patrocinato il XXXV Forum:
SEGRETERIA OPERATIVA
Tel.: +39 327.8820230 • e-mail: info@xxxvforumfasciacostiera.it
La scheda di partecipazione e’ scaricabile dall’indirizzo :
www.xxxvforumfasciacostiera.it
Comune di Napoli
Corpo delle capitanerie di porto
Guardi Costiera
SABATO 9, MAGGIO 2015, CASTEL DELL’OVO
VIA ELDORADO, 3 - NAPOLI
Ore 8.30
Registrazione dei partecipanti
Ore 9.00
Apertura del Forum
La XXXV edizione del Forum, che si svolgerà nella straordinaria cornice
del Golfo di Napoli, dedica la sua attenzione nuovamente, e questa volta
in modo esclusivo, all’ambiente ed alla realtà delle aree marine protette.
L’incontro interclub ed interdistrettuale, organizzato dal Rotary Club Napoli
Castel Sant’ Elmo, viene a collocarsi nell’ampio e talvolta aspro dibattito tra
sviluppo economico e tutela, con l’obiettivo di superare razionalmente e
lontano dagli ideologismi, le posizioni tipiche dell’ambientalismo d’assalto
e degli interessi economici diretti e portatori di limitati benefici generali.
Il disegno complessivo che ispira i contenuti di questo Convegno sono
al contrario tutti improntati alla ricognizione sulle più aggiornate risorse
scientifiche ed operative destinate al raggiungimento del duplice ed
apparentemente contraddittorio obiettivo ovvero: il contemperamento
delle esigenze della salvaguardia con quelle dell’”uso” del mare ai fini della
soddisfazione di esigenze esistenziali ed economiche delle popolazioni
rivierasche e della comunità imprenditoriale, con le cautele necessarie e
sotto lo scudo protettivo dello studio e della ricerca, nonché della corretta
progettazione dei criteri e delle modalità di impiego delle risorse marine.
Il percorso scientifico della manifestazione prenderà perciò le mosse
dagli studi di natura climatica, oceanografica e biologica per approdare
alle ricerche ed alle applicazioni che riguardano il risparmio dell’energia
nei trasporti marittimi, il contenimento dei diversi tipi di contaminazione
in particolare a favore dei siti posti dalle istituzioni sotto il controllo e la
salvaguardia per il mantenimento delle corrette e tipiche condizioni
ambientali. La conservazione e lo sviluppo di appropriati livelli di trofismo,
la difesa della biodiversità, la selezione e l’adozione dei processi necessari
per il controllo delle condizioni fisico chimiche e conseguentemente della
migrazione di specie alloctone, le interferenze con l’esplorazione profonda
della tettonica e dell’archeologia sottomarina, sono solo alcuni degli
obiettivi che tali interventi operativi dovrebbero garantire. Uno spazio
significativo verrà riservato alle iniziative ed alle pratiche che, utilizzando le
nuove tecnologie, sono in grado di sorvegliare che le condizioni da tenere
sotto controllo non possano essere alterate in direzione negativa dagli
agenti più diversi: la spoliazione biologica di un mare già tendenzialmente
povero, l’inquinamento, gli insediamenti dannosi e pericolosi, le bonifiche
ancora da attuare, i rischi derivanti dalla istallazione di impianti offshore
destinati tanto alla utilizzazione industriale quanto alla pesca o maricoltura
secondo i nuovi standard di produzione ed allevamento. È nelle intenzioni
degli organizzatori riservare a tali agenti anche una sessione poster nella
quale illustrare sinteticamente le procedure, le attrezzature e le modalità
operative. Gli esiti di tali comunicazioni confluiranno, secondo la tradizione
del Forum, in una serie di valutazioni e di proposizioni da rivolgere alle
autorità istituzionali ed amministrative così come alla comunità di
riferimento, anche rotariana, nell’adempimento di uno specifico ed ormai
ricorrente contributo ai principi dell’azione professionale e sociale.
Antonio Ludovico
Segretario del Forum: Apertura del XXXV Forum
Giancarlo Nocera
Presidente Rotary Club Napoli Castel Sant’Elmo
Giancarlo Spezie
Governatore Distretto 2100 Rotary International
Ore 10.00
Inizio Prima Sessione
Ammiraglio Ispettore Capo (C.P.) Felicio Angrisano
Comandante Generale Corpo delle Capitanerie di Porto
Capitano di Vascello Aurelio Caligiore
Capo Reparto Ambiente Marino
Prof. Giorgio Budillon
Università Parthenope - Climatologia
“Cambiamenti climatici globali e possibili impatti
nell’area Mediterranea”
Dott.ssa Laura Giuliano
Direttore CNR - ISMAR Biologa Marina
“Biotecnologie, fra il marino ed il marittimo ”
Ore 11.00
Coffe Break
Ore 11.30
Seconda sessione
Avv. Alberto Serino
“Aspetti legislativi delle Aree Marine Protette”
Ing. Carlo Arena
Merchant Ships Sales & Marketing E.V.P., Fincantieri S.p.A.
“Nuove tecnologie per la riduzione
dell’impatto ambientale delle navi”
Capitano di Fregata Pasquale Palescandolo
Marina Militare Nuove Tecnologie
“Presentazione App. per smartphone per la navigazione
in sicurezza e legalità”
Prof. Fabrizio Pirri
Istituto Italiano Tecnologia “Robotica e nanotecnologie
per il monitoraggio ambientale”
Dott.ssa Fannie Dubois
Rotary Club Genova Centro Storico
“Il Santuario Pelagos, Area Marina Internazionale di mare
aperto dedicata alla protezione dei mammiferi marini”
Ore 13.30
Colazione
Ore 14.30
Inizio sessione pomeridiana
Sig. Riccardo Cingillo
Documentarista ricerca subacquea
“Le vie del mare in Sicilia:
itinerari subacquei nelle Aree Marine Protette”
Ing. Massimo Comparini
Chief Technical Officer - Telespazio S.p.A.
“La protezione dell’ambiente marino attraverso
l’osservazione satellitare “
Ing. Pierluigi Duranti
Ricercatore
“Natanti robotizzati per rilievi idro-geologici
ed ambientali”
Dott.ssa Costanza Gialanella
Soprintendenza per i Beni Archeologici di Napoli
“Aree Marine Protette della Gaiola e di Baia”
Prof. Giovanni Fulvio Russo
Università Parthenope - ordinario di Ecologia Marina
“Aree Marine Protette: laboratori di sviluppo sostenibile”
Dott. Antonio Miccio
Direttore Area Marina Protetta Punta Campanella
“L’ Area Marina Protetta di Punta Campanella”
Ore 18.00
Lettura ed approvazione della mozione conclusiva