Indagine di mercato multisettoriale Turchia

INDICE
ABBREVIAZIONI ...................................................................................................................................3
INTRODUZIONE ....................................................................................................................................6
METODOLOGIA.....................................................................................................................................7
PARTE 1 : QUADRO MACROECONOMICO GENERALE ................................9
A. QUADRO GENERALE.........................................................................................................................10
B. SCENARIO POLITICO E RELAZIONI INTERNAZIONALI ............................................................................11
C. INDICATORI MACROECONOMICI .........................................................................................................12
PARTE 2 : I SETTORI .......................................................................................24
1. AMBIENTE .......................................................................................................................................25
A. INTRODUZIONE ................................................................................................................................25
B. EVOLUZIONE DEL SETTORE ..............................................................................................................25
C. STATO ATTUALE DELL'AMBIENTE IN TURCHIA .....................................................................................27
D. L'UNIONE EUROPEA, LA TURCHIA E L'AMBIENTE................................................................................38
E. PRINCIPALI SOGGETTI ......................................................................................................................40
F. LA GESTIONE AMBIENTALE E LE PRINCIPALI SFIDE IN TURCHIA ............................................................49
G. VALUTAZIONE DELL'IMPATTO AMBIENTALE (VIA) IN TURCHIA .............................................................54
H. OPPORTUNITÀ DI MERCATO PER I BENI ED I SERVIZI AMBIENTALI ........................................................57
I. CONCLUSIONI ...................................................................................................................................60
J. APPENDICE .....................................................................................................................................62
2. LA GESTIONE DELLE RISORSE IDRICHE....................................................................................77
A. INTRODUZIONE ................................................................................................................................77
B. POTENZIALE IDRICO DELLE TURCHIA.................................................................................................78
C. GESTIONE DELL'ACQUA ....................................................................................................................82
D. L'UNIONE EUROPEA E LA TURCHIA NELLA GESTIONE DELLE RISORSE IDRICHE ....................................92
E. PRINCIPALI SFIDE .............................................................................................................................94
F. CONCLUSIONI ..................................................................................................................................96
3. LA GESTIONE DELLA SICUREZZA ALIMENTARE ....................................................................107
A. INTRODUZIONE ..............................................................................................................................107
B. AGRICOLTURA, PRODUZIONE ALIMENTARE ED ESPORTAZIONI ..........................................................107
C. STRUTTURA ISTITUZIONALE ............................................................................................................108
D. L'UNIONE EUROPEA, LA TURCHIA E LA SICUREZZA ALIMENTARE ......................................................112
E. PRINCIPALI SFIDE ...........................................................................................................................114
F. CONCLUSIONI ................................................................................................................................115
4. AGRICOLTURA BIOLOGICA........................................................................................................134
A. PANORAMICA DELL'AGRICOLTURA BIOLOGICA IN TURCHIA...............................................................134
B. PRODUZIONE .................................................................................................................................134
C. DINAMICA DEL MERCATO E STRUTTURA DELLA DOMANDA .................................................................138
D. IMPORT - EXPORT .........................................................................................................................140
E. INVESTIMENTI ESTERI E PRESENZA ITALIANA ...................................................................................143
Turchia – Indagine di mercato multisettoriale – a cura di ICE Istanbul
F. FATTORI CRITICI E STRATEGIE DI SVILUPPO .....................................................................................143
G. APPENDICI.....................................................................................................................................146
5. ENERGIA RINNOVABILE..............................................................................................................163
A. PANORAMICA GENERALE ................................................................................................................163
PRODUZIONE ........................................................................................................................................169
B. DINAMICA DEL MERCATO E STRUTTURA DELLA DOMANDA.................................................................177
C. INVESTIMENTI ESTERI E PRESENZA ITALIANA ...................................................................................182
D. FATTORI CRITICI E STRATEGIE DI SVILUPPO .....................................................................................184
E. APPENDICI .....................................................................................................................................184
6. PRODOTTI DI PESCA E ACQUACOLTURA ................................................................................219
A. PANORAMICA GENERALE DELLA PESCA E DELL'ACQUACOLTURA IN TURCHIA .....................................219
B. PRODUZIONE .................................................................................................................................221
C. DINAMICA DEL MERCATO E STRUTTURA DELLA DOMANDA .................................................................231
D. IMPORT - EXPORT .........................................................................................................................233
E. INVESTIMENTI ESTERI E PRESENZA ITALIANA ...................................................................................236
F. FATTORI CRITICI E STRATEGIE DI SVILUPPO .....................................................................................237
G. APPENDICE ...................................................................................................................................241
PARTE 3: OPPORTUNITA' DI MERCATO.....................................................262
A.
B.
C.
D.
INTRODUZIONE .........................................................................................................................264
ALLEANZE STRATEGICHE E OPPORTUNITA' DI MERCATO .................................................266
SISTEMA GENERALE DEGLI INCENTIVI ..................................................................................272
OPPORTUNITÀ' DI FINANZIAMENTO .......................................................................................279
2
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
ABBREVIAZIONI
CC
Codice Civile Turco
DAP
Progetto Anatolia Orientale
DPT
Ente di Pianificazione Statale
DSI
Ente Statale per le Opere Idrauliche
EBRD
Banca Europea per la Ristrutturazione e lo Sviluppo
EC
Commissione Europea
EFTA
Associazione Europea di Libero Scambio
EIA
Valutazione Impatto Ambientale
EIB
Banca Europea degli Investimenti
EPDK
Autorità per la Regolamentazione del Mercato Energetico
EU
Unione Europea
EUAS
Società Turca Produzione Elettricità
EUR
Euro
FAO
Organizzazione per l'Alimentazione e l'Agricoltura
FMD
Afta Epizootica
FDI
Investimento Diretto Estero
FSM
Gestione Sicurezza Alimentare
FTA
Accordo di Libero Scambio
GAP
Progetto Anatolia Sud Orientale
GDFC
Direzione Generale degli alimenti e dei Controlli
GDNP
Direzione Generale dei Parchi Nazionali
GDP
Prodotto Interno Lordo
GDFC
Direzione Generale della Tutela e dei Controlli
GMT
Greenwich Mean Time
GNP
Prodotto Nazionale Lordo
GWh
Giga Watt Ora
HEPP
Centrale Idroelettrica
IFC
International Finance Corporation
ISPAT
Agenzia Turca per il Supporto e la Promozione degli Investimenti
Km
Chilometri
3
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
KOP
Progetto Pianura di Konya
KWh
Kilowatt ora
KWp
Kilowatt-picco
L
litro
Mha
milioni di ettari
MARA
Ministero dell'Agricoltura e Affari Rurali
MDG
Piano di Sviluppo Millenario
MoC
Ministero della Cultura
MoEU
Ministero dell'Ambiente e Urbanistica
MoFAL
Ministero degli Alimenti, Agricoltura e Zootecnia
MoFHW
Ministero delle Foreste e Opere Idrauliche
MoH
Ministero della Salute
MRG
Grande Distribuzione di Prodotti Alimentari
Mt
Milioni di tonnellate
Mtoe
Milioni di tonnellate di equivalente di petrolio
Mw
Megawatt
NEAP
Piano d'Azione Ambientale Nazionale
NGO
Organizzazione Non Governativa
NPL
Crediti in Sofferenza
OECD
Organizzazione per la Cooperazione Economica e Lo Sviluppo
O&M
Gestione e Manutenzione
R&D
Ricerca e Sviluppo
SPA
Amministrazioni Provinciali Speciali
TEFER
Progetto Soccorso Emergenze, Alluvioni e Terremoti
TL
Lire Turche
TPE
Ufficio Turco dei Brevetti
TSKB
Banca Turca per lo Sviluppo Industriale
TSE
Istituto Turco degli Standard
TUBITAK
Centro Nazionale Ricerche Scientifiche e Tecniche
TURKAK
Agenzia Turca d'Accreditamento
TWh
Terawatt Ora
UK
Regno Unito
UN
Nazioni Unite
4
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
UNDP
Programma di Sviluppo delle Nazioni Unite
UNESCO
Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Educazione, la Scienza e la Cultura
US
Sati Uniti
USD
Dollari Americani
UTC
Codice Orario Universale
VAT
Imposta sul Valore Aggiunto
WFD
Direttiva Quadro sulle Acque
WRM
Gestione Risorse Idriche
WTO
Organizzazione Mondiale per il Commercio
WUAs
Associazioni degli Utenti d'Acqua
WUOs
Organizzazioni degli Utenti d'Acqua
WWF
Fondo Mondiale per la Vita Selvatica
YEGM
Direzione Generale dell'Energia Rinnovabile
5
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
INTRODUZIONE
Nell'ultimo decennio la Turchia ha sperimentato una serie di grandi trasformazioni passando dallo scenario di
grave crisi economica e finanziaria del 2001 all'attuale posizionamento della sua economia tra le prime 18 nel
mondo. La stabilità politica e la forte leadership, che permangono da allora, hanno supportato e rafforzato lo
sviluppo economico del paese il cui Prodotto interno lordo, nella media decennale, è cresciuto ad un ritmo del
6% annuo, con picchi dell'8.9% nel 2010 e dell’8.5 nel 2011.
Ha rallentato poi al 2.2% a fine 2012, in seguito alle conseguenze della crisi dei mercati europei ed occidentali
in genere, ma con una ripresa al 4.4% nel 2013 mentre autorevoli osservatori economici
congiunturali stimano un trand di crescita medio intorno al 5% nel prossimo quinquennio.
In questa prospettiva il Governo si è posto l'ambizioso obiettivo di attestarsi tra le prime 10 economie al modo
entro il 2023, anno del centenario di fondazione della Repubblica.
I primi provvedimenti sono già stati varati nel corso del 2012, come il Nuovo Codice Commerciale che allinea
sostanzialmente la normativa turca a quella europea, e la legge per l'ulteriore Attrazione degli Investimenti, che
mira a sostenere principalmente lo sviluppo delle aree centrali e sud orientali del Paese.
Grandi opere infrastrutturali vengono completate ogni anno, come recentemente il tunnel ferroviario sotto il Mar
di Marmara, altre sono state aggiudicate e avviate, il Terzo Ponte sul Bosforo, ed altre stanno per essere
perfezionate, il Terzo Aeroporto di Istanbul.
Un preambolo lungo ma necessario per inquadrare nella giusta dimensione la Turchia e per evidenziare la forte
dinamicità che caratterizza il suo modello di specializzazione produttiva basato anch'esso, come quello italiano,
sul primato delle piccole e medie imprese che concorrono, con la stessa similitudine, in forte misura alla
composizione del PIL.
Questa energia positiva coinvolge tutti i settori del sistema produttivo e con la presentazione della Ricerca di
mercato multisettoriale ci siamo posti l'obiettivo di evidenziare altri campi di cooperazione bilaterale, sia da un
punto di vista della collaborazione industriale che di interscambio commerciale.
I settori analizzati, ambiente, gestione delle risorse idriche, energie rinnovabili, gestione della sicurezza
alimentare, agricoltura biologica, pesca e acquacoltura sono legati l'uno agli altri e nella metodologia condivisa
con la societa' specializzata che ha condotto l'indagine, sono state poste in evidenza le rispettive peculiarita'
che mirano a fornire un quadro esaustivo delle problematiche esistenti.
Per ciascun settore sono state fornite le prime indicazioni in merito alle opportunita' di mercato che potranno
essere approfondite e verificate sul campo grazie ai servizi di assistenza ed orientamento che l'Ufficio ICE
Agenzia di Istanbul mette a disposizione delle aziende italiane.
6
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
METODOLOGIA
La metodologia utilizzata per la presente indagine consta delle quattro fasi seguenti:
Progettazione
La fase iniziale è la progettazione, durante la quale sono impostate le decisioni e le strategie
necessarie per quanto riguarda la messa a fuoco e la portata della ricerca in fase di proposta.
Ricerca a Tavolino
Gli analisti identificano tutti i dati pubblicati e le informazioni relative al mercato e ai
concorrenti attraverso una dettagliata ricerca a tavolino, che include una ricerca multi linguale
in internet e nei database, analizzando gli esistenti studi di mercato, i giornali e le riviste
specializzate, i rapporti commerciali e annuali e le altre pubblicazioni di aziende ed enti.
Ricerca sul Campo (Interviste)
Le interviste realizzate con gli operatori del mercato, i clienti e i partner, le associazioni del
settore, le istituzioni pubbliche e private, le università e altri esperti mirano a conseguire
un'approfondita comprensione dei mercati e dei principali operatori.
Analisi e Consegna dei Risultati
Questa fase prevede l'analisi, la rendicontazione e la documentazione delle informazioni
raccolte. Un'intensa elaborazione delle informazioni e un'analisi coerente assicurerà
l'affidabilità e l'integrità dei risultati finali.
Annotazioni
In Turchia, gran parte delle statistiche sono elaborate in USD o TL. Queste cifre sono state
convertite in Euro sulla base dell'attuale tasso di cambio di 3 TL/Euro e 1.35 Euro/USD.
7
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
8
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
PARTE 1
QUADRO MACROECONOMICO
GENERALE
9
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
A. Quadro generale
La Repubblica di Turchia è stata fondata nel 1923. La capitale è Ankara, situata al centro del
Paese. La Turchia è situata nel fuso orario UTC+2 (GMT+2) che le permette di comunicare
sia con i Paesi occidentali che quelli orientali entro lo stesso giorno lavorativo.
Da un punto di vista geografico, il Paese è situato nell'immediata vicinanza dell'Europa (le
principali destinazioni europee sono a due-tre ore di volo), del Medio Oriente e del Caucaso.
Da questo punto di vista la Turchia beneficia del proprio status di ponte fra Europa e Asia.
L'Anatolia, che comprende la maggior parte del territorio turco, è una penisola dell'Asia
occidentale situata fra il Mar Nero, a nord, e il Mar Mediterraneo, a sud. La Tracia e l'Anatolia
sono separate dal Mar di Marmara e dallo Stretto dei Dardanelli e dal Bosforo, entrambi
aventi valenza strategica. La superficie della Turchia, pari a 783.562,38 km2, è divisa in sette
regioni geografiche: Marmara, Egeo, Mediterraneo, Anatolia Sud Orientale, Anatolia
Orientale, Anatolia Centrale e il Mar Nero. Il Paese è circondato da quattro mari: il Mar
Mediterraneo, il Mare Egeo, il Mar di Marmara e il Mar Nero.
Figura 1: Mappa della Turchia e Principali Citta'
La popolazione della Turchia è di circa 77 milioni, metà dei quali aventi un’età inferiore ai 30
anni, il 61% della popolazione è sotto i 35 anni e il 43% sotto i 24. La forza lavoro vanta 24,7
milioni di persone. Se paragonata ai 27 Paesi membri dell'UE, la Turchia vanta la più vasta
10
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
popolazione giovane ed è la 4^ forza lavoro; con circa 50 milioni di abitanti nei centri urbani,
vanta la 13^ popolazione urbana al mondo.
Oggi la Turchia può contare su più di 25 milioni di professionisti giovani, ben formati e
motivati con circa 450.000 laureati presso 150 università e circa 550.000 diplomati presso i
licei, un terzo dei quali provenienti da istituti vocazionali e istituti professionali. Nel complesso
la Turchia vanta un mercato del lavoro che aumenta di anno in anno, sia quantitativamente
che qualitativamente ed offre una forza lavoro accessibile, qualificata e conveniente.
La lingua ufficiale è il turco, proveniente dal turco antico dell'Anatolia. L'uso dell'alfabeto
latino è stato introdotto al posto di quello arabo nel 1928.
La Turchia vanta estese superfici di terreni coltivabili; le risorse idriche sono di gran lunga
superiori a quelle dell'intero Medio Oriente ma generalmente inferiori a quelle dei Paesi
Europei. Circa il 30% del territorio è coltivabile, mentre circa l’11,5% è adibito alle attività di
pascolo. Circa l'11% della superficie coltivabile (3,3% della superficie totale) è adibito a
coltivazioni permanenti e il 18% è irrigata. I fiumi offrono la possibilità di generare energia
idroelettrica e permettono l’irrigazione. Le riserve petrolifere e di gas naturale note sono
esigue, ma sono presenti vasti giacimenti di carbone. Il Paese, comunque, rappresenta un
corridoio energetico fra l'Asia e l'Europa costituito da numerosi oleodotti e gasdotti. Il boro e il
cromo rappresentano le altre principali risorse minerarie.
Le lunghe coste dal clima mite favoriscono il commercio, il turismo e la pesca.
B. Scenario politico e relazioni internazionali
Nonostante la repentina crescita economica registrata nell'ultimo decennio sotto la guida del
Presidente del Consiglio Recep Tayyip Erdoğan, le tensioni all'interno del Paese hanno
raggiunto alti livelli. Le proteste dell'anno scorso hanno sottolineato la spaccatura in atto nella
società turca mentre i manifestanti, generalmente giovani secolaristi turchi, si oppongono allo
stile e all'agenda del governo. Nel mese di dicembre sono venuti a galla elementi indicanti
una vasta corruzione a livello governativo e la vicenda si è conclusa con le dimissioni di sei
deputati AKP e l'esonero di migliaia di funzionari pubblici. Per quanto riguarda la questione
curda, dalla fine del 2012 è in atto un fragile armistizio. Tuttavia i colloqui fra il Governo e il
PKK hanno registrato progressi deboli e nel frattempo si sono verificati attentati su piccola
scala ad opera dei militanti curdi.
Gli ultimi risultati elettorali dimostrano che, nonostante le diffuse proteste e le accuse,
Erdoğan detiene ancora il 43-46% dei voti complessivi, una percentuale più che sufficiente
per mantenere un governo monocolore, anche in vista delle prossime elezioni politiche e che
indica una probabile vittoria alle prossime elezioni presidenziali.
11
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Tutti gli analisti di diversa estrazione politica, solitamente in disaccordo tra loro, concordano
sul fatto che in Turchia non vi sia un'opposizione seria e unita, in grado di sfidare il governo di
Erdogan. Anche se la questione curda è ed è sempre stata la Spada di Damocle della
Turchia, ci si aspetta che Erdogan si dimostri determinato a portare avanti il processo di pace
in cambio del sostegno del partito d'opposizione curdo BDP, necessario per la critica riforma
costituzionale che trasformerebbe il sistema politico turco da un sistema parlamentare ad un
sistema presidenziale. Questa riforma conferirebbe al Primo Ministro una completa
padronanza della politica turca. Le elezioni presidenziali si terranno nel mese di agosto 2014
mentre le elezioni politiche avranno luogo nel 2015. E' altamente probabile che il governo
AKP si riconfermi per un nuovo mandato, confermando la stabilità politica che dura da più di
un decennio.
C. Indicatori macroeconomici
L'Economia in Generale
Con una popolazione di 77 milioni ca. nel 2013, la Turchia era la 18ma economia al mondo
dal punto di vista del PIL e la popolazione della sola città di Istanbul è superiore a quella di
19 Paesi UE. E' un Paese con una "massa significativa", un profilo demografico favorevole
ed un eccezionale potenziale di crescita. La popolazione giovane è uno dei principali motivi
della forte crescita registrata dall'economia nell'arco dell'ultimo decennio. Dopo la crisi
globale, la crescita del PIL della Turchia ha sorpassato quella degli USA e dell'UE, inserendo
il Paese tra le economie mondiali con il più alto tasso di crescita. Gli investimenti diretti esteri
hanno superato i 7 miliardi di EUR nel 2013. Numerosi analisti prevedono che la Turchia
raggiunga nel 2050 il 12o posto nella graduatoria mondiale dal punto di vista del PIL, con
un'economia di 1,5 trilioni di EUR.
Come accaduto per altre economie in via sviluppo, anche la Turchia si è allontanata
dall'agricoltura verso il settore dei servizi e dell'industria. Sulla base delle stime del 2012,
l'agricoltura contribuisce solo all'8,9% del PIL della Turchia, mentre il contributo dell'industria
e del settore dei servizi è rispettivamente del 28,1% e del 63%. Il Paese ha esteso la propria
produzione al di là dei settori tradizionali, esportando prodotti e servizi nel settore del tessile
e dell'abbigliamento, automotive, costruzione, elettronica. Ad esempio, la Turchia è divenuta
la principale produttrice di veicoli commerciali leggeri d'Europa ed è al 16o posto fra i Paesi
dell'automotive, con una produzione annuale superiore al milione di unità e con
un'esportazione pari al 70% della produzione domestica.
Anche il commercio estero riflette questo cambiamento strutturale, sia nell'industria che nei
partner commerciali. I prodotti agricoli, che un tempo dominavano le esportazioni della
Turchia, sono stati rimpiazzati dai manufatti, che nel 2013 rappresentano circa il 78% delle
esportazioni. Inoltre, nell'ambito della categoria dei manufatti, prodotti aventi un maggiore
valore aggiunto quali TV, apparecchiature elettriche e autoveicoli hanno rimpiazzato prodotti
tradizionali come il tessile e l'abbigliamento.
12
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Crescita e Attuali Sviluppi
La Turchia è classificata dalla Banca Mondiale come un Paese avete un reddito medio-alto.
L'economia turca ha registrato una spettacolare performance nell'arco dell'ultimo decennio,
manifestando una crescita esemplare. Per il 2014 si prevede un prodotto nazionale lordo
(PNL) pro capite compreso nell'intervallo 7.300 - 8.500 EUR.
Figura 2: PIL pro capite (EUR)
Fonte: Ente Turco per le Statistiche
Questa crescita comunque, non è stata stabile dopo la crisi finanziaria globale e l'economia
ha cominciato a manifestare segni di debolezza soprattutto nella seconda metà del 2013.
Tabella 1: Crescita in Turchia
PIL (miliardi EUR)
PIL pro capite (EUR)
Tasso di crescita PIL
(%)
Indice Stipendi Reali
(orario, 2010=100)
(su base annuale, %)
2009
457
6.340
-4,8
2010
542
7.424
9,2
Attuale
2011
573
7.753
8,8
2012
1.049
7.778
2,2
3Q13
609
4,4
Previsioni 2014
Private Governative
584
642
7.549
8.353
2,7
4,0
52,5
56,0
60,9
64,6
70,9
-
-
-7,7
6,7
8,7
6,2
6,0
-
-
Fonte: CBT, TURKSTAT, Ente Pianificazione Statale (*) Stime.
13
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Da questi dati si evince come l'economia turca sia entrata in un processo di rapida crescita
dopo la crisi economica mondiale del 2008 e come il PIL abbia registrato un aumento del
23% nei tre anni seguenti la crisi. Questo recupero a forma di V ha reso la Turchia il Paese
con il più alto tasso di crescita in ambito OECD e il più performante della regione negli anni
seguenti la crisi finanziaria globale. Questa performance è stata sostenuta da tutti i settori
dell'economia nazionale, quali i consumi, la spesa pubblica e gli investimenti, che hanno
contribuito alla crescita. Durante questo periodo la fiducia dei consumatori era alta, il tasso di
disoccupazione era in discesa e la continua spesa fiscale ha sostenuto la domanda interna.
D'altra parte, la rapida espansione del credito domestico nei settori privati e governativi ha
accelerato la domanda interna e ha portato ad un rapido aumento delle importazioni. Mentre
anche le esportazioni erano in forte crescita durante tale periodo, l'impennata delle
importazioni ha generato un forte deficit nelle partite correnti. Un Paese con un decennio di
stabilità economica e di crescita alle spalle, un reddito pro-capite raddoppiato, un mercato
azionario tornato al 900% in termini di valuta locale e un PIL cresciuto da 170 a 600 miliardi
di EUR è stato improvvisamente associato a volatilità ed incertezza. Nel corso dello scorso
anno, la lira ha perso il 30% del suo valore rispetto al dollaro. I cambiamenti del contesto
finanziario hanno indotto gli investitori a rivalutare il loro atteggiamento nei confronti del
rischio Paese.
La vulnerabilità della Turchia è stata evidenziata nel corso dell'ultimo anno a seguito
dell'alleggerimento quantitativo (QE) operato dalla US Federal Reserve, che sta influenzando
le condizioni globali di liquidità, e del deterioramento della stabilità politica interna. La Banca
Centrale si è mossa nel mese di gennaio aumentando drasticamente i tassi di interesse,
mossa ritenuta un indicatore di indipendenza politica e necessaria per puntellare la Lira.
L'aumento degli oneri finanziari, tuttavia, avrà un effetto frenante sull'economia interna e la
crescita rallenterà lievemente nel 2014. Nonostante i rischi a breve termine, si sono registrate
decisioni politiche positive, quali le misure introdotte per ridurre il disavanzo strutturale delle
partite correnti, che rappresenta un rischio fondamentale per la stabilità macroeconomica del
Paese. L'accesso a fonti più stabili di capitali (ad esempio il risparmio nazionale), le politiche
fiscali e monetarie più restrittive e le ulteriori riforme strutturali, aiuteranno le aspettative
inflazionistiche e la realizzazione di un modello di crescita più equilibrato che è meno
suscettibile agli shock esterni.
Commercio estero
Il profilo commerciale della Turchia ha subito cambiamenti significativi negli ultimi anni. Con
la fine del sistema delle quote globali che hanno ridotto la sua fetta nelle esportazioni totali, il
settore tessile, tradizionalmente il principale settore delle esportazioni turche, si trova ad
affrontare la concorrenza dei mercati internazionali. L'importanza di altri settori per le
esportazioni, in particolare l'industria automobilistica ed elettronica, è in aumento. I principali
prodotti esportati sono costituiti da macchine, attrezzature per il trasporto e prodotti chimici,
mentre la Turchia è un importatore netto di energia.
14
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
I principali partner commerciali della Turchia sono la Germania, gli USA, il Regno Unito e
l'Italia; negli ultimi anni anche l'Iraq è divenuto una destinazione chiave per le esportazioni
turche, che si sono diversificate verso il Medio Oriente, l'Africa e altre destinazioni. L'UE è il
partner commerciale più importante.
Le nuove condotte energetiche provenienti dalla Russia e dall'Asia Centrale favoriscono il
commercio con questi Paesi. Sin dal 1996 la Turchia fa parte dell'Unione Doganale con i 27
Paesi dell'UE e ha siglato accordi di libero commercio con altri 16 Paesi. In totale, dunque,
possiede accordi di libero commercio con più di 40 Paesi.
Esportazioni
Le esportazioni sono importanti per la Turchia sia quantitativamente che qualitativamente. A
partire in modo particolare dal 1980 e continuando fino alla metà degli anni 90, sviluppi
significativi sono stati osservati nella quota di mercato detenuta dai prodotti industriali ad alta
manodopera quali il tessile e l'abbigliamento, il ferro, l'acciaio e gli alimentari. Nel 1996, anno
dell'istituzione dell'Unione Doganale con l'Unione Europea, le esportazioni della Turchia sono
entrate in un nuovo processo di trasformazione strutturale. Gli sviluppi degli ultimi anni
mostrano come la produzione e l'esportazione siano aumentate notevolmente in settori ad
alta tecnologia, in cui le merci prevedono l'utilizzo di macchine ed equipaggiamenti elettrici ed
elettronici , così come nel settore automobilistico. A questo proposito, si può anche osservare
come la quota di mercato dell'esportazione di manufatti industriali sia aumentata.
Tabella 2: Esportazioni per Attivita' Economica, milioni EUR
Agricoltura e
Foresta
Pesca
Miniere e
Cave
Manifatturiera
Altro
TOTALE
2005
2.466
2006
2.579
2007
2.759
2008
2.916
2009
3.220
2010
3.656
2011
3.827
2012
3.844
2013
4.189
104
600
97
849
117
1.230
178
1.596
140
1.247
116
1.990
138
2.078
141
2.341
191
2.874
50.973
284
54.427
59.441
393
63.359
74.876
479
79.461
92.732
376
97.798
70.703
351
75.661
78.124
473
84.358
93.306
582
99.931
106.070
539
112.935
104.730
469
112.453
Fonte: Ente Turco per le Statistiche
Tabella 3: Esportazioni per Gruppi di Paesi, milioni EUR
TOTALE
ESPORTAZIONI
A- Paesi UE
B-Zone
Franche della
Turchia
Altri Paesi
2005
54.427
2006
63.359
2007
79.461
2008
97.798
2009
75.661
2010
84.358
2011
99.931
2012
112.935
2013
112.453
30.765
2.202
35.666
2.198
45.003
2.180
47.199
2.228
34.984
1.450
39.210
1.544
46.362
1.885
43.999
1.700
46.692
1.787
4.213
5.739
7.768
11.370
8.224
8.240
9.433
10.494
10.530
15
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Europei
Africa
Paesi del
Vicino e Medio
Oriente
Altri Paesi
Asiatici
Australia e
Nuova Zelanda
Americhe
Altri Paesi
2.690
7.544
3.382
8.382
4.427
11.171
6.713
18.837
7.522
14.217
6.876
17.256
7.655
20.693
9.894
31.445
10.480
26.359
2.244
2.920
3.872
5.240
4.967
6.356
7.555
7.833
8.904
201
242
254
322
268
299
356
363
399
4.415
154
4.687
142
4.150
635
4.839
1.050
3.613
416
4.502
76
5.871
121
7.128
78
7.191
110
Fonte: Ente Turco per le Statistiche
Importazioni
Il regime turco delle importazioni evidenzia la liberalizzazione di queste ultime in linea con gli
impegni assunti nell’ambito dell'Unione Doganale con l'UE, il suo rapporto con l'EFTA e gli
obblighi assunti con l’Organizzazione Mondiale del Commercio (OMC). La Turchia si è
impegnata in modo particolare a ridurre i dazi doganali per allinearli alla tariffa doganale
comune. Sono state apportate le modifiche necessarie al regime d'importazione del Paese e
l'Unione doganale con l'UE è diventata effettiva a decorrere dal 1o gennaio 1996.
Le importazioni della Turchia hanno registrato un continuo aumento insieme alle
esportazioni, fatta eccezione per le crisi degli anni 2009 e 2010. L'energia, i macchinari e le
attrezzature rappresentano le principali categorie delle importazioni della Turchia.
Tabella 4: Importazioni per Attivita' Economica, milioni EUR
Agricoltura e
Foresta
Pesca
Miniere e
Cave
Manifatturiera
Altro
TOTALE
2005
2.075
2006
2.150
2007
3.438
2008
4.735
2009
3.403
2010
4.783
2011
6.589
2012
5.516
2013
5.717
18
12.090
24
16.321
23
18.751
30
26.407
23
15.278
24
19.210
36
27.653
41
31.294
43
28.300
69.784
2.533
86.499
81.762
3.133
103.390
99.213
4.547
125.973
111.298
7.132
149.603
82.245
3.443
104.391
107.679
5.744
137.440
136.244
7.879
178.401
130.544
7.822
175.219
145.787
6.561
186.408
Fonte: Ente Turco per le Statistiche
Anche se nel corso degli ultimi anni la Cina e i Paesi dell'Estremo Oriente hanno aumentato
la loro quota nel mercato turco in linea con le tendenze globali, l'Europa, comunitaria e non,
rimane il principale esportatore in Turchia. Il petrolio e il gas, ovviamente, sono importati dai
Paesi produttori e costituiscono un'importante fetta delle importazioni turche.
Tabella 5: Importazioni per Gruppi di Paesi, milioni EUR
TOTALE
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
86.499
103.390
125.973
149.603
104.391
137.440
178.401
175.219
186.408
16
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
IMPORTAZIONI
A- Paesi UE
B-Zone Franche
della Turchia
Altri Paesi Europei
Africa
Paesi del Vicino e
Medio Oriente
Altri Paesi Asiatici
39.097
563
44.036
699
50.720
907
55.195
988
41.938
715
53.623
650
67.733
769
64.931
775
68.478
939
15.037
2.382
4.493
18.989
2.896
6.401
25.316
3.783
7.518
32.660
4.145
9.737
19.096
2.917
5.284
22.297
3.573
9.638
26.421
5.013
15.140
27.560
4.387
15.859
30.608
4.467
16.455
15.245
19.006
24.932
27.864
21.296
29.884
39.366
36.742
40.481
238
296
498
649
480
365
598
638
976
5.820
6.964
3.622
4.104
Fonte: Ente Turco per le Statistiche
9.001
3.299
12.759
5.605
9.093
3.573
12.444
4.965
16.851
6.510
14.987
9.339
14.060
9.944
Australia e Nuova
Zelanda
Americhe
Altri Paesi
Appartenenza della Turchia alle Organizzazioni Internazionali del Commercio
La Turchia è membro dell'Organizzazione Mondiale del Commercio dal 1995. L'impegno
profuso dalla Turchia nell'integrazione delle norme del commercio regionale e internazionale
è riscontrabile nella partecipazione e adesione a varie organizzazioni, quali l'Organizzazione
di Cooperazione Economica (ECO), la Conferenza delle Nazioni Unite sul Commercio e lo
Sviluppo (UNCTAD), l'Organizzazione per la Cooperazione Economica del Mar Nero (BSEC),
l'Organizzazione Mondiale delle Dogane (WCO), la Camera di Commercio Internazionale
(ICC), il D-8 ecc.
Oltre all'Unione Doganale con l'UE, la Turchia ha firmato accordi di libero scambio (FTA) con
Islanda, Norvegia, Svizzera e Liechtenstein, Georgia, Israele, ex Repubblica Iugoslava della
Macedonia, Croazia, Bosnia-Erzegovina, Tunisia, Marocco, Autorità Palestinese, Siria,
Egitto, Albania, Montenegro, Serbia, così come Cile, Giordania e Libano (quest’ultimo in
corso di ratifica).
Andamento della Produzione
La produzione e l'utilizzo di capacità riflettono l'impatto della crisi finanziaria globale del 2008.
Mentre l'utilizzo di capacità è a grandi linee rimasto invariato, l'aumento della produzione
industriale riflette una crescita minore a partire dal 2011.
Produzione Industriale
Produzione Industriale
(su base annuale, %)
Tasso Utilizzo Capacità
(Media, %)
Tabella 6: Produzione Industriale
Attuale
2009
2010
2011
2012
3Q13
12,8
10,1
2,5
3,4
6,9
72,6
75,4
73,6
76,0
76,0
Previsioni 2014
Private
Governative
-
-
17
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Lavoro
Indice Produttività
(orario, 2010=100)
(su base annuale, %)
Tasso di
Disoccupazione (%)
2009
92,5
2010
99,9
2011
103,6
2012
102,3
1,1
2009
14,0
8,0
2010
11,9
3,7
2011
9,8
-1,3
2012
9,2
103,0
0,9
9,9
Private
-
Governative
-
Private
-
Governative
9,5
Fonte: CBT, TURKSTAT, Ente Pianificazione Statale (*) Stime.
Andamento dei Prezzi
In Turchia, l'inflazione e l'aumento dei prezzi si sono stabilizzati dopo anni di iper inflazione.
L'inflazione non è più considerata come una questione critica, anche se si prevede un tasso
pari al 7-8%.
Inflazione
CPI (su base annuale,
%)
CPI (Media annuale, %)
PPI (su base annuale,
%)
PPI (Media annuale, %)
2009
6,4
Tabella 7: Inflazione
Attuale
2010
2011
2012
3Q13
10,4
6,2
7,4
7,8
Previsioni 2014
Private
Governative
7,5
5,3
8,6
8,9
6,5
13,3
8,9
2,5
7,5
7,0
10,7
-
-
8,5
11,1
6,2
4,5
-
-
-
Fonte: CBT, TURKSTAT, Ente Pianificazione Statale
Investimenti Diretti Esteri
Dopo l'Arabia Saudita, la Turchia è il secondo maggior destinatario degli IDE nell'Asia
Occidentale. Il Paese ha adottato una serie di riforme legislative per facilitare la ricezione
degli investimenti stranieri (esenzioni fiscali e altri incentivi), come l'istituzione dell'Agenzia
Turca per il Supporto e la Promozione degli Investimenti (ISPAT), che si pone l’obiettivo di
attirare gli operatori stranieri. La stabilità politica e la performance economica che seguirono
la crisi del 2001 hanno portato ad un aumento dei flussi degli IDE, che si sono
successivamente prosciugati per effetto della crisi finanziaria globale. Gli IDE sono stati
particolarmente dinamici nel 2011, in parte a causa dello sviluppo dei partenariati pubblicoprivati per la realizzazione di grandi progetti infrastrutturali così come per l’adozione di misure
quali la semplificazione amministrativa e il rafforzamento dei diritti di proprietà intellettuale,
ponendo fine allo screening IDE. Determinanti sono state anche le riforme strutturali in vista
18
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
della futura adesione del Paese all'UE. Tuttavia, gli IDE hanno di nuovo rallentato nel 2012,
come reazione alla crisi della zona euro.
A partire dalla fine del 2013, l'afflusso degli Investimenti Diretti Esteri (IDE) in Turchia è sceso
a 9,4 miliardi di EUR, registrando un calo annuo del 4%. La cifra include gli acquisti
immobiliari effettuati in Turchia da stranieri, in media 1,5 miliardi di EUR all'anno negli ultimi
cinque anni. L'importo è salito a 2,2 miliardi di EUR nel 2013, un aumento annuo del 16% e
una quota del 24% degli afflussi totali.
Tabella 8: Flussi IDE in Turchia
Ripartizione dei flussi IDE in Turchia (milioni di EUR)
2009
2010
2011
2012
2013
Capitale (Netto)
4.581
4.608
10.478
7.501
7.127
Afflusso
4.641
4.634
11.953
7.970
7.547
Deflusso
-61
-26
-1.475
-469
-421
Altro Capitale (Netto)
491
254
10
342
12
Immobili (Netto)*
1.320
1.847
1.491
1.953
2.259
Totale
6.392
6.710
11.979
9.796
9.397
Fonte: Banca Centrale Turca (CBRT) * Beni immobili acquistati da stranieri
Nel 2013, un afflusso totale lordo di 7.547 milioni di EUR è stato ripartito fra i seguenti settori:
servizi 52,4%, industria 47,2% e agricoltura 0,4%. Le acquisizioni immobiliari da parte di
stranieri rappresentano il 24% del totale afflusso di IDE, pari a 9.397 milioni di EUR.
Tabella 9: Flusso di IDE per Settore
Flussi IDE in Turchia per settore
Industria / Milioni EUR
Afflusso di capitale
Agricoltura
Industria*
Elettricità e Gas
Manifatturiera
Mineraria
Servizi
Finanza e Assicurazioni
Commercio all'Ingrosso e al
Dettaglio
Trasporti, Magazzinaggio
Costruzioni
Altri Servizi
Deflusso di Capitali
Altro Capitale (Netto)
Immobili (Netto)*
Totale
2009
4.641
36
2.879
1.595
1.215
66
1.727
605
288
2010
4.634
60
2.139
1.351
684
101
2.436
1.201
322
2011
11.953
24
5.953
3.180
2.664
108
5.976
4.358
525
2012
7.970
32
4.059
684
3.216
158
3.879
1.544
164
2013
7.547
27
3.563
1.864
1.487
185
3.957
2.766
264
2009-2013
36.745
179
18.593
867
9.267
618
17.974
10.473
1.563
170
155
508
-61
491
1.320
6.392
136
230
547
-26
254
1.847
6.710
164
223
705
-1.475
10
1.491
11.979
96
1.058
1.018
-469
342
1.953
9.796
216
164
547
-421
12
2.259
9.397
783
1.830
3.325
-2.451
1.109
8.870
44.273
19
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Fonte: Banca Centrale Turca (CBRT)
* I sub settori sono listati sulla base dei flussi del
2013.
Dopo aver acquisito slancio tramite le fusioni e le acquisizioni (M&A) nel 2011 ed essere
entrata in una fase di declino nel 2012, la tendenza al ribasso nel settore industriale è
proseguita nel 2013. Gli afflussi di IDE nel 2013 nel settore industriale erano di 3,5 miliardi di
EUR, con un forte calo rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Tuttavia, gli afflussi
nelle industrie dell'elettricità e del gas, sotto-categorie del settore industriale, sono triplicati.
Nell'industria manifatturiera la produzione di computer e componenti elettronici è al primo
posto con una quota del 30% e un afflusso di circa 448 milioni di EUR. L'industria alimentare,
bevande e lavorazione del tabacco ne rappresentano una quota del 17%.
Tabella 10: Ripartizione degli IDE nell'Industria manifatturiera
Ripartizione dei flussi IDE per l'industria manifatturiera nel 2013
Metallo Base
6%
Mobili
7%
Gomma
11%
Prodotti chimici e farmaceutici
13%
Produzione di alimentari, bevande e tabacco
17%
Informazione e Comunicazione
30%
Altro
16%
Fonte: Banca Centrale Turca (CBRT)
Nel 2013, i Paesi che hanno maggiormente contribuito all'afflusso di IDE in Turchia sono stati
la Germania, l'Olanda, la Russia, l'Azerbaigian e l'Austria.
Tabella 11: IDE per Paese
Principali Pesi e loro Partecipazione ai flussi IDE nel
2013
Primi 10 Paesi
Afflussi IDE (milioni di
EUR)
1 Germania
1.367
2 Olanda
759
3 Russia
643
4 Azerbaigian
575
5 Austria
488
6 Libano
425
7 Spagna
393
8 Giappone
365
9 Qatar
347
10 USA
255
Altro
1.930
Totale
7.547
(Afflussi di Capitale Netto)
20
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Fonte: Banca Centrale Turca (CBRT)
Settori principali, punti di forza e sfide del paese
La Turchia ha aderito all'Unione Doganale con l'UE nel 1996 ed è candidata all'adesione
all'UE dal 2005. Il tutto ha portato all'espansione delle relazioni commerciali con l'Europa. Le
imprese turche continuano ad essere partner commerciali perfetti per le imprese europee,
grazie all'Unione Doganale, alla prossimità geografica e alla reciproca conoscenza culturale.
Inoltre, il nuovo diritto commerciale, entrato in vigore nel 2011, si propone di integrare le
applicazioni locali con il diritto comunitario, di migliorare la trasparenza, la tutela dei diritti
delle minoranze e il rafforzamento dei principi di corporate governance. Anche se con la
nuova legge la Turchia si sta muovendo verso l'adozione dei Principi Internazionali di
Rendicontazione Finanziaria (IFRS), vi è ancora molto da fare nella pratica, poichè
l’applicazione dei principi contabili può variare da azienda ad azienda.
Il quadro giuridico turco offre parità di condizioni per gli investitori stranieri e per le imprese
locali. La proprietà estera non subisce alcuna restrizione, senza requisiti di screening preaccesso. Il governo turco prevede vari incentivi fiscali e non fiscali per gli investitori stranieri,
in linea con quelli forniti alle imprese locali. Questi includono le esenzioni doganali e IVA sui
vari beni importati o consegnati localmente, compresi macchinari e attrezzature, così come
incentivi che offrono priorità ad alcune regioni, quali concessione gratuita di terreno e
sostegno energetico.
Gli investitori sono anche in grado di beneficiare del sostegno fornito alla Ricerca e Sviluppo
e delle ricerche di mercato con l'obiettivo di incoraggiare le esportazioni e l'aumento della
competitività delle imprese sui mercati internazionali.
Questi punti di forza e le basi tradizionali dell'economia turca sono fattori che rendono alcuni
settori particolarmente importanti per il Paese. Come ogni europeo può immaginare e come
molti hanno personalmente appurato, quello dei viaggi e del turismo è uno dei settori più
dinamici del Paese. Esso ha sfidato la crisi economica del 2009, continuando a crescere
anche grazie alla Primavera Araba, che ha permesso alla Turchia di beneficiare del tracollo
del turismo nei vicini Paesi Mediorientali. La crescita del settore turistico della Turchia ha fatto
raggiungere al Paese la sesta posizione a livello mondiale nella lista dei luoghi più visitati
(con 29 milioni di turisti), superando il Regno Unito. La Turchia mira ad inserirsi fra i primi
cinque paesi al mondo sia per il numero di turisti che per le entrate entro il 2023 .
Al secondo posto troviamo il settore del tessile e dell'abbigliamento, uno dei settori più
importanti nel commercio estero del Paese. Il tessile e l'abbigliamento detengono più del 19%
del volume totale delle esportazioni. Sono più di 35.000 le aziende che operano in questo
21
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
settore e la Turchia è uno dei principali operatori del mondo. L'industria dell'abbigliamento
turca è il secondo più grande fornitore dell'UE. Ha una quota del 4,6% nelle esportazioni
globali di tessuti per abbigliamento e si classifica fra i primi cinque Paesi esportatori al
mondo. L'industria turca del tessile e dell'abbigliamento è competitiva su scala globale, grazie
alla sua alta qualità e alla vasta gamma di prodotti.
Tornando al mercato interno, lo sviluppo economico registrato negli ultimi dieci anni si riflette
in modo particolare in alcuni settori, come quello della vendita al dettaglio. Sino agli inizi degli
anni 2000, il settore turco delle vendite al dettaglio era caratterizzato da una struttura
tradizionale; con l'inizio del processo di modernizzazione ha acquisito slancio, con un effetto
straordinariamente positivo sull'economia nazionale. Secondo il rapporto di Planet Retail, la
spesa dei consumatori in Turchia dovrebbe raggiungere i 702 miliardi di EUR nel 2013. Le
vendite al dettaglio, pari a 17 miliardi di Euro nel 1998, sono salite a 95 miliardi di Euro nel
2003, a 244 miliardi di Euro nel 2008 e a 264 miliardi di Euro nel 2010. In linea con l'aumento
del PIL, le vendite al dettaglio hanno raggiunto il livello di 333 miliardi di EUR nel 2013 .
Come per il settore della vendita al dettaglio, sul mercato interno anche il settore delle
costruzioni ha registrato negli ultimi dieci anni un tasso di crescita annuale reale del 7,5%. I
fattori chiave di questa crescita sono le aumentate esigenze abitative, le facilitazioni nei mutui
che hanno premesso la ristrutturazione delle case, l'aumento del numero di grandi ditte
appaltatrici turche e la crescita del settore dei materiali da costruzione. La Turchia è
attualmente leader del mercato nelle esportazioni di cemento ed è in stretta concorrenza con
l'Egitto per il dominio di tutto il bacino del Mediterraneo. La produzione di acciaio grezzo in
Turchia ha superato le 30 milioni di tonnellate, con una crescita del 15,2% rispetto agli anni
precedenti. Di conseguenza, la Turchia si è classificata al decimo posto nel mondo nella
produzione di acciaio grezzo.
Attiva sia sui mercati interni e che esteri, l'industria automobilistica sta crescendo molto
velocemente. Attualmente, la Turchia è il più grande produttore di autobus in Europa.
Detiene, inoltre, il 7% dell'intera produzione europea di autovetture. Il numero totale delle
autovetture prodotte nel 2013 è stato di 1,1 milioni di unità. I veicoli per passeggeri e gli
autocarri rappresentano oltre il 90% delle autovetture prodotte. La Turchia mira a divenire il
terzo maggior produttore di autovetture dell'Europa entro il 2015.
L'energia è una preoccupazione primaria per l'economia turca e il governo turco è
determinato a risolvere questo problema, adoperandosi per creare ulteriore capacità nucleare
ad Akkuyu e Sinop. L'impianto Akkuyu sarà realizzato da una joint venture turco russa,
mentre la centrale di Sinop sarà costruita da una joint venture con i giapponesi. Il
Meccanismo di Sostegno delle Energie Rinnovabili, entrato in vigore alla fine del 2011, è un
passo positivo per l'espansione e la diversificazione dell'offerta.
Dal momento che i trasporti e la logistica rappresentano uno dei principali pilastri del
commercio nazionale ed internazionale, il governo turco sta investendo nella creazione di
22
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
nuove infrastrutture. Nel "Piano Strategico 2009-2013" del Ministero dei Trasporti, alle
autostrade viene riconosciuta la massima importanza e saranno oggetto di una notevole
quantità di investimenti.
Il settore finanziario (in particolare quello bancario) ha attraversato una seria ristrutturazione
dopo che l'economia aveva subito un brusco deterioramento durante la crisi del 2001. Le
riforme sostenute dall'IMF così come il rigoroso monitoraggio dell'Agenzia di Vigilanza e di
Regolamentazione Bancaria, hanno permesso al settore finanziario turco di registrare grandi
progressi negli ultimi dieci anni. Gli ultimi dati indicano che il settore finanziario ha continuato
a sperimentare una crescita patrimoniale, con una dimensione del settore quasi raddoppiata
nel periodo 2007-2013. Per quanto riguarda gli indicatori macroeconomici della Turchia, quali
la dinamica del debito e le cifre del bilancio, la Turchia dimostra una posizione solida rispetto
ai propri omologhi nonché alle economie sviluppate grazie al suo relativamente basso NPL e
al forte Rapporto di Adeguatezza Patrimoniale (CAR). L'aumento di emissioni
obbligazionarie/titoli così come di nuovi strumenti finanziari hanno dimostrato che gli
investitori sono aperti all'innovazione finanziaria, segnalando grandi opportunità nel settore.
Infine, progetti come 'Istanbul come Centro della Finanza Internazionale'; 'Crescente
Alfabetizzazione Finanziaria'; "Privatizzazione di una IPO della Borsa di Istanbul (BIST)"; una
campagna nota come 'Summit IPO' (al fine di innescare l'IPO in BIST) e incentivi
rappresentano una prospettiva affascinante per il settore finanziario turco.
Il settore della sanità offre ancora grandi opportunità per il settore privato e si prevede che
continuerà a fornire un significativo contributo alla crescita. Nel settore sanitario un totale di
23 offerte ha avuto luogo tra il 2005 e il 1° trimestre del 2012, per un dichiarato valore di
contratto complessivo superiore ai 2,6 miliardi di USD. I favorevoli indicatori demografici ed
economici, la stabilità politica e i margini desiderabili continuano ad alimentare l'interesse
degli investitori finanziari alla ricerca di opportunità di investimento nel mercato turco della
sanità.
D'altro canto, anche se l'economia turca è in possesso di solidi indicatori macroeconomici (il
debito pubblico e il deficit di bilancio in rapporto al PIL sono inferiori ai criteri di Maastricht), il
disavanzo delle partite correnti e l'inflazione sono questioni che vanno affrontate. Nel corso
dell'ultimo decennio si è registrato un significativo successo nel ridurre l'inflazione; tuttavia,
una forte domanda interna e il deprezzamento del tasso di cambio potrebbero di nuovo
portarla a due cifre se non tenuta sotto controllo. Inoltre, nonostante i continui sforzi per
risolvere la questione, vi è una spaccatura tra l'est e l' ovest del Paese: lo sviluppo
economico, le opportunità di investimento, le infrastrutture e il personale qualificato sono
prevalentemente concentrati nell'ovest.
23
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
PARTE 2
I SETTORI
24
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
1. AMBIENTE
A. Introduzione
La Turchia ha una posizione geografica unica, trovandosi al crocevia tra l'Europa e l'Asia. Le
coste della Turchia, lunghe 8333 km, si estendono lungo il Mar Nero, il Mar di Marmara, il
Mar Egeo e il Mar Mediterraneo.
L'alto tasso di crescita della popolazione porta ad alti tassi di migrazione verso le più grandi
città del paese. Le città industriali, in particolare Istanbul , Izmit , Izmir , Adana e Mersin, sono
le città che maggiormente attraggono gli emigranti provenienti dalle zone rurali. Questa
corrente migratoria porta con se' grandi cambiamenti ambientali. L'urbanizzazione non
pianificata, che comporta l'uso per scopi urbani di fertili terreni agricoli, ha avuto gravi impatti
ambientali quali la salinizzazione, l'erosione del suolo e l'inquinamento delle acque
superficiali.
I fiumi più lunghi della Turchia, il Kızılırmak, il Yeşilırmak e il Sakarya sfociano nel Mar Nero. I
fiumi Dicle e Firat (Tigri e Eufrate) provengono dall'Anatolia Orientale e scorrono verso sud
per sfociare nel Golfo Persico .
Le foreste ricoprono il 27,6% della superficie e il terreno agricolo arabile e permanente
ricopre il 31,1% del Paese. In Turchia, circa 4,5 milioni di ettari di terreno sono irrigati. Il
Progetto dell'Anatolia Sud-Orientale (GAP) dovrebbe favorire la crescita della regione,
irrigando 1,8 milioni di ettari. Il progetto si basa sul concetto dello sviluppo sostenibile, che
mira a creare un ambiente in cui le generazioni future possano essere pienamente
autosufficienti. Lo sviluppo equo, la partecipazione, la tutela dell'ambiente, l'occupazione, la
pianificazione territoriale e lo sviluppo delle infrastrutture sono le strategie di base del GAP.
La Turchia dimostra grande diversità per quanto riguarda la struttura geologica, il clima e
l’ambiente. Il paese è diviso in sette regioni geografiche: quattro di esse sono zone costiere
(Mar Nero, Marmara, Egeo e Mediterraneo) mentre le rimanenti tre sono Anatolia Centrale ,
Anatolia Orientale e Anatolia Sud-Orientale.
Le dimensioni e la topografia del paese, la crescita della popolazione e la sua deriva verso le
aree urbane non solo creano problemi ambientali, ma pongono anche grandi sfide
all'apparato amministrativo e alla capacità delle autorità governative a livello centrale,
provinciale e comunale.
B. Evoluzione del settore
La Turchia ha iniziato ad affrontare le preoccupazioni ambientali nel corso degli anni 70. Nel
1978 venne istituito Sottosegretariato per l'Ambiente presso la Presidenza del Consiglio
25
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
come estensione di un Ministero di Stato responsabile del coordinamento di tutte le attività
nazionali e internazionali in materia ambientale.
Nell'agosto del 1991, il Sottosegretariato per l'Ambiente venne sostituito dal Ministero
dell'Ambiente. L'istituzione del Ministero dell'Ambiente e Urbanistica ha accelerato i progressi
su alcuni problemi ambientali, come l'inquinamento atmosferico urbano. Nei primi anni 2000,
la prospettiva dell'adesione all'Unione Europea ha stimolato l'aggiornamento di diverse
normative ambientali. Tuttavia, la fusione del Ministero dell'Ambiente con il Ministero delle
Foreste nel 2003 ha ridotto l'influenza dei funzionari ambientali nella formazione delle
politiche e ha indebolito le procedure esecutive (come quelle che regolano il traffico
attraverso il Bosforo). In generale, le imprese private hanno risposto alla normativa
ambientale meglio delle imprese statali, che costituiscono ancora oggi una grande
percentuale dell'economia turca.
Oggigiorno, le attività del Ministero dell'Ambiente e Urbanistica riguardano questioni come
l'uso appropriato del territorio, la conservazione delle risorse naturali, la tutela delle specie
animali e vegetali, la prevenzione dell'inquinamento e la sensibilizzazione dell'opinione
pubblica. L'impostazione delle politiche e delle strategie ambientali, il coordinamento delle
attività ambientali a livello locale, nazionale e internazionale, il rilascio di licenze ambientali,
la raccolta di informazioni e l'organizzazione delle attività di formazione sono tra gli altri
compiti del Ministero. Il Ministero dell'Ambiente e Urbanistica impiega circa 800 dipendenti.
La Legge sull'Ambiente del 1982, entrata in vigore nel 1983, ha istituito molte misure
aggiuntive. L'obiettivo della legge, che considera l'ambiente nel suo complesso, non è solo
prevenire ed eliminare l'inquinamento ambientale, ma anche consentire la gestione delle
risorse naturali e del territorio. Secondo i principi di base che governano l'applicazione della
legge ambientale, come indicato nella Costituzione, i cittadini nonché lo Stato sono
responsabili della tutela dell'ambiente. La legge prevede inoltre che tutte le attività
economiche debbano adottare ogni misura necessaria per ridurre al minimo l'inquinamento.
In linea con la Legge sull'Ambiente, diversi regolamenti sono stati emessi a partire dal 1983:
•
Regolamento sul controllo della qualità dell'aria (1986)
•
Regolamento sul controllo dell'inquinamento idrico (1988)
•
Regolamento sul controllo del rumore (1986)
•
Regolamento sul controllo dei rifiuti solidi (1991)
•
Regolamento per la Valutazione dell'Impatto Ambientale (1992)
•
Regolamento sul controllo dei rifiuti sanitari (1993)
•
Regolamento sul controllo delle sostanze e dei prodotti chimici tossici (1993)
26
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
•
Regolamento sul controllo dei rifiuti pericolosi (1993)
Nel 2006, la Legge sull'Ambiente è stato rivista per inibire attraverso provvedimenti rigorosi le
istituzioni e le imprese che causano l'inquinamento ambientale.
In modo complementare alla Legge sull'Ambiente e ai relativi regolamenti, sono entrate in
vigore altre leggi e convenzioni internazionali che disciplinano la tutela dell'ambiente.
Nel quadro dello sviluppo sostenibile, la Turchia oggi affronta la sfida di bilanciare la crescita
economica con il progresso ambientale. Un alto numero di elementi istituzionali e legislativi
della riforma ambientale sono stati messi all'ordine del giorno nell'ambito della pianificazione
ambientale del paese. Ciò richiederà maggiori sforzi e la cooperazione tra il governo centrale,
i comuni e il settore privato, che creerà le infrastrutture necessarie nelle aree urbane e
industriali.
Nei prossimi anni , la Turchia deve quindi trovare il modo di:
Attuare politiche ambientali e rafforzare le capacità di applicazione
Investire in infrastrutture ambientali
Prevedere la partecipazione del pubblico e sensibilizzare l'opinione pubblica nei confronti dei
problemi ambientali
Integrare le preoccupazioni ambientali nelle decisioni economiche
Rispettare gli impegni internazionali assunti dal Paese
Portare a termine l'armonizzazione con le norme UE.
C. Stato attuale dell'ambiente in Turchia
I principali problemi ambientali della Turchia sono l'inquinamento delle acque causato dai
prodotti chimici e dai detergenti, l'inquinamento atmosferico (in particolare nelle aree urbane),
la deforestazione e la possibilità di fuoriuscite di petrolio e di gas trasportato dalle 50.000 navi
che annualmente attraversano il Bosforo. Le priorità sono rappresentate dall'acqua e dagli
impianti di trattamento delle acque reflue, dalla gestione dei rifiuti solidi e dalla conservazione
della biodiversità. Il rilascio di sostanze inquinanti da parte dei paesi limitrofi ha criticamente
contaminato il Mar Nero e la cooperazione multinazionale non ha adeguatamente affrontato il
problema. L'inquinamento atmosferico è stato accelerato dalla rapida crescita economica
iniziata a metà degli anni 1990. Il problema è particolarmente sentito in città quali Istanbul,
Ankara, Erzurum e Bursa, dove l'utilizzo di combustibili per scopi di riscaldamento aumenta la
densità delle particelle in inverno. Soprattutto ad Istanbul, l'aumento delle autovetture private
e il lento sviluppo del trasporto pubblico causa sovente condizioni di smog urbano.
L'inquinamento atmosferico industriale proviene principalmente dalle centrali elettriche e
27
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
dall'industria metallurgica, del cemento, dello zucchero e dei fertilizzanti, una grande
percentuale delle quali manca di impianti di depurazione. Il degrado del suolo è un problema
agricolo critico, causato da un uso improprio dei terreni agricoli, dal pascolo eccessivo, da
un'eccessiva concimazione e dalla deforestazione. La grave erosione del suolo si è verificata
in più della metà della superficie terrestre della Turchia. Secondo una stima, la Turchia perde
circa 1 miliardo di tonnellate di terriccio ogni anno. Ampie zone della Turchia sono
sismicamente attive.
1. Aria
La normativa inerente l'inquinamento atmosferico e la gestione della qualità dell'aria in
Turchia è presentata dal Regolamento sul Controllo della Qualità dell'Aria, entrato in vigore
nel 1986. Gli uffici provinciali del Ministero della Salute, in cooperazione con il Ministero
dell'Ambiente e Urbanistica, effettuano i test sulla qualità dell'aria.
Nel quadro delle politiche del MoEU, soprattutto il Diritto Ambientale e tutta la legislazione e
le sue implementazioni tengono conto delle priorità dell'Unione Europea, espresse dalle
politiche ambientali comunitarie. Le priorità sono:
Affermazione del concetto di "Prevenzione dell'inquinamento"
Prevenzione dell'Inquinamento alla fonte
Minimizzazione dei rifiuti,
Migliori Tecnologie e Tecniche Disponibili,
Utilizzo Efficace dell'Energia,
Implementazione di un Efficace Sistema di Monitoraggio e Controllo,
Applicazione del principio di "chi Inquina Paga".
Il primo regolamento inerente la tutela della qualità dell'aria e il meccanismo di controllo
dell'inquinamento atmosferico è stato quello emesso il 2 Novembre 1986 e riguardante la
qualità dell'aria. Il regolamento include:
I valori limite per la qualità dell'aria ambientale,
Il processo di rilascio delle licenze per le imprese industriali,
I criteri per il riscaldamento domestico e i veicoli a motore.
Le autorità pubbliche preposte al miglioramento della qualità dell'aria sono i ministeri
dell'Ambiente e Urbanizzazione, della Salute, dell'Energia e delle Risorse Naturali,
dell'Industria e del Commercio, l'Ente Statale per la Pianificazione, gli uffici provinciali dei
28
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
ministeri competenti, i comuni, l'Istituto Nazionale delle Statistiche e l'Istituto Turco degli
Standard.
Per la prevenzione dell'inquinamento generato dagli impianti industriali è stato pubblicato il
Regolamento per il Controllo dell'Inquinamento Atmosferico Industriale (2004). Ai sensi del
Regolamento, le imprese industriali devono essere in possesso delle licenze di emissione nel
corso del periodo di pianificazione e di quello operativo. Tali imprese industriali devono
seguire i requisiti del Regolamento. In caso contrario sono previste delle sanzioni punitive.
Per ridurre e controllare gli effetti negativi degli agenti inquinanti atmosferici originati dagli
impianti di riscaldamento e di combustione domestici, nel 2005 è stato emanato il
Regolamento sull'Inquinamento Atmosferico da Riscaldamento Domestico. Il Regolamento
contiene:
Definizione della Proprietà del combustibile (solido, liquido e gassoso), criteri per la qualità del
combustibile e sostanze bandite;
Urgenza di vendita di combustibile imballato;
Scala dei tassi d’inquinamento delle città.
Le regole, le disposizioni e i principi per i sistemi di combustione che utilizzano combustibili
solidi, liquidi e gassosi e i valori limite delle emissioni di gas di scarico del camino.
Lo scarico industriale, insieme alle emissioni attribuibili all'utilizzo industriale di energia, è
responsabile di quasi il 40% dell'inquinamento totale SO2 in Turchia. I veicoli a motore sono
ancora una fonte significativa di monossido di carbonio, idrocarburi, ossidi di azoto (NOx) e di
particolato, soprattutto nelle grandi città.
Per impostare e individuare i criteri per la prevenzione e il controllo dell'inquinamento
atmosferico derivante dai veicoli a motore, è stato emanato il Regolamento per il Controllo
dei Gas d'Emissione (2005). Il Regolamento definisce i principi di monitoraggio e le
procedure di controllo delle emissioni dei gas di scarico. Inoltre, le misurazioni delle emissioni
dei gas di scarico dei veicoli a motore avvengono parallelamente alle verifiche dei veicoli.
1.260 stazioni misurano le emissioni dei gas di scarico.
Il miglioramento dei combustibili utilizzati nei veicoli a motore è il criterio principale per la
riduzione delle emissioni dei gas di scarico. Sulla base del summenzionato criterio, nel 2005
è stato emesso il Regolamento sulla Qualità del Carburante. Il regolamento proibisce la
vendita di carburante contenente piombo e adegua la produzione di benzina e diesel agli
standard UE.
Come conseguenza del rapido sviluppo economico e dell'urbanizzazione incontrollata, il
sempre più alto livello di inquinamento atmosferico continua a rappresentare un problema
ambientale emergente in alcune città.
29
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Per alleviare l'inquinamento atmosferico in Turchia occorrerà:
L’aumento delle informazioni dettagliate sulle emissioni nell'atmosfera e sulla qualità dell'aria.
L'applicazione delle norme sulla qualità dell'aria.
L'uso di strumenti economici per aumentare l' efficacia dei costi della gestione della qualità
dell'aria.
Studi di efficienza energetica e diffusione di energie rinnovabili e di combustibili più puliti.
122 stazioni in 81 province monitorano la qualità dell'aria. Nel 2011, con l'istituzione del
Centro d'Aria Pulita di Marmara, altre 39 stazioni sono state incluse nella rete di
monitoraggio. Entro il 2014, la Qualità dell'Aria Nazionale sarà monitorata da un totale di 209
stazioni.
La Turchia ha aderito a:
Convenzione sull'Inquinamento Atmosferico Transfrontaliero a Lunga Distanza il 23 marzo
1983;
Convenzione di Vienna per la Protezione dello Strato di Ozono il 20 giugno 1990;
Protocollo di Montreal Relativo alle Sostanze che Riducono lo Strato di Ozono (un protocollo
della Convenzione di Vienna) e tutti gli emendamenti di questo protocollo il 19 dicembre 1992;
Convenzione Quadro della Nazioni Unite sul Cambiamento Climatico il 24 maggio 2004;
Convenzione Quadro della Nazioni Unite sul Cambiamento Climatico, Protocollo di Kyoto il 26
agosto 2009.
2. Acqua
La qualità dell'acqua è legalmente disciplinata dal Regolamento sul Controllo
dell'Inquinamento Idrico. Il Regolamento sancisce i principi per lo scarico dei rifiuti nelle
acque superficiali e sotterranee nonché le strategie per proteggere i bacini idrici utilizzati per
l'acqua potabile. Elenca, inoltre, le regioni protette. Lo standard dell'Acqua Potabile (TS 266)
determina i valori limite massimi consigliati. Il Regolamento sui Prodotti Idrici delinea anche
gli standard di qualità per i prodotti contenenti acqua.
Le autorità preposte alla protezione e alla gestione della qualità delle acque sono i ministeri
dell'Ambiente e Urbanizzazione, dell'Energia e Risorse Naturali, degli Alimenti, Agricoltura e
Zootecnia, del Turismo, della Salute, il Sottosegretariato degli Affari Marittimi, l'Ente Statale
per le Opere Idrauliche, la Guardia Costiera, l'Amministrazione per la Sicurezza delle Coste e
il Salvataggio dei Natanti e le Imprese Marittime Statali.
30
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
L'impegno legislativo della Turchia nei confronti degli obiettivi di politica ambientale e in
particolare della tutela delle risorse idriche dall'inquinamento si riflette in un dettagliato
quadro normativo.
Il Codice Civile turco del 2001 (n. 4721) regola dettagliatamente la proprietà e i diritti degli
utenti in materia di risorse idriche e affronta anche la questione dell'inquinamento: l'articolo
757 regola la questione del risarcimento nel caso di inquinamento o contaminazione delle
acque mentre l'articolo 758 regola le questioni riguardanti il loro recupero.
La Legge sulle Acque di Falda del 1960 (n. 167) ha sancito la proprietà pubblica delle stesse.
I diritti degli utenti sono soggetti a licenze su richiesta e non possono né essere trasferiti né
venduti. L'Ente Statale per le Opere Idrauliche rilascia le licenze d'uso e monitora
l'inquinamento ma il suo mandato non prevede il controllo dell'inquinamento delle falde
sotterranee.
Inoltre, la Legge Municipale del 2005 (No.5393), la Legge delle Municipalità Metropolitane del
2004 (n. 5126) e la Legge per l'Amministrazione Provinciale del 2005 (n. 5302) conferiscono
alle amministrazioni locali il dovere di provvedere all'erogazione di servizi idrici e igienicosanitari nelle loro giurisdizioni; le Amministrazioni Speciali Provinciali ricoprono lo stesso
compito nei villaggi, nelle zone rurali e nelle aree ex-municipali delle 81 province della
Turchia.
La Legge sull'Ambiente del 1983 (n. 5491), che è stata rivista il 26 aprile 2006, è un
documento quadro che determina i principi generali concernenti la salvaguardia dell'ambiente
e la prevenzione dell'inquinamento. Sancisce il principio di "Chi Inquina Paga" e gestisce le
questioni ambientali in generale.
Partendo dal presupposto che la Legge UE sull'Ambiente costituisce un documento quadro,
venne ipotizzato un periodo di tre anni per l'introduzione delle regolamentazioni ad esso
collegate. Tuttavia, anche se i recenti sforzi di armonizzazione con l'UE hanno accelerato la
modifica legislativa e molti regolamenti in materia di gestione delle risorse idriche e
dell'inquinamento sono stati emanati, è stato necessario più di un decennio.
Lo sviluppo economico, con il conseguente aumento dell'uso dell'irrigazione nella produzione
agricola, e l’alto tasso di crescita della popolazione hanno aumentato la domanda idrica ad
uso industriale e domestico. Questi sviluppi non solo fanno aumentare la domanda d’acqua,
ma minacciano anche l'esistenza e la qualità delle risorse idriche.
Per quanto riguarda le acque superficiali, la Turchia è geograficamente divisa in 25 bacini
d'acqua. Ci sono più di 120 laghi naturali che coprono una superficie di circa 1 milione di
ettari.
31
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Figura 3: 25 Bacini Fluviali della Turchia
L'approccio alla gestione dei bacini idrografici è stato implementato al fine di fornire efficienza
nella gestione dell'acqua. Vengono preparati piani di salvaguardia dei bacini idrografici e le
implementazioni sono monitorate. Questi piani includono anche la determinazione della
superficie attuale, dei livelli dell'acqua sotterranea e costale, il livello di inquinamento e gli
impatti creati da attività urbane, industriali, agricole ed economiche, l'elaborazione di mappe
di qualità dell'acqua e la determinazione delle infrastrutture ambientali. Sono stati approntati
11 piani di protezione su 25 bacini d'acqua. Saranno inoltre ultimati i piani per la salvaguardia
dei bacini idrografici di 25 fiumi della Turchia. Essi sanciranno i compiti e le responsabilità
delle diverse istituzioni e delle organizzazioni.
Il totale deflusso superficiale all'interno del Paese raggiunge i 193 miliardi di m3/anno al
quale va aggiunto un deflusso delle acque superficiali pari a 186 miliardi di m3/anno e uno
di deflusso superficiale di 7 miliardi di m3/anno provenienti da paesi limitrofi. D'altra parte , la
quantità media di dispersione delle acque sotterranee è di 41 miliardi di m3/anno.
Tuttavia, non tutte le risorse idriche rinnovabili possono essere utilizzate a causa di motivi
economici e tecnici. Le porzioni sfruttabili del deflusso superficiale, incluso quello proveniente
dai paesi limitrofi, e delle acque sotterranee sono rispettivamente di 98 e 14 miliardi di
m3/anno. Pertanto , il potenziale totale delle risorse idriche economicamente sfruttabile
ammonta a 112 miliardi di m3/anno.
Attualmente, solo il 41% di queste risorse idriche sfruttabili viene utilizzato. 34 miliardi di m3
vengono utilizzati per l'irrigazione, 7 miliardi di m3 per uso industriale e 5 miliardi di m3
come acqua potabile.
32
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
A causa dell'inquinamento delle sorgenti d'acqua, è sorta la necessità di impianti di
trattamento. Mentre nel 1994 è stato trattato 1 miliardo di m3 di acqua su 3,2 miliardi di m3 di
approvvigionamento idrico municipale, nel 2012 questo è salito a 2,7 miliardi di m3 (56%) su
4,8 miliardi di m3 di acqua municipale.
La quantità di acqua pro capite per anno è di circa 1.450 m3. Nei Paesi considerati ricchi di
risorse idriche, la quantità di acqua pro capite per anno è di circa 8-10.000 m3. In Turchia,
l'acqua disponibile pro capite all'anno è circa 1/5 di quella dei paesi ricchi di acqua. Va notato
che la Turchia, contrariamente alla convinzione generale, non è un paese ricco d'acqua e
non è nemmeno il paese più ricco della regione in termini di risorse idriche. L'acqua
disponibile pro capite in Turchia è inferiore alla media mondiale. Inoltre, gli esperti prevedono
che nel 2023 la quantità di acqua disponibile sarà probabilmente meno di 1000
m3/capite/anno.
Si stima che la rete d'acqua potabile rifornisca 3.190 delle 3.225 municipalità, circa il 99%
della popolazione urbana. In termini di impianti di trattamento dell'acqua potabile, circa il 50%
della popolazione risulta esservi collegato. Secondo la stessa valutazione, l'88% della
popolazione municipale è collegato alla rete fognaria mentre il 70% della popolazione
municipale è collegato ad un impianto di depurazione. A partire dal 2010, tutte le istituzioni, le
organizzazioni e le imprese dotate di impianti di trattamento delle acque reflue godono di
incentivi energetici fino al 50%.
Rimane ancora molta strada da percorrere al fine di migliorare la gestione sostenibile delle
risorse idriche in Turchia. Azioni specifiche devono essere intraprese per aumentare la quota
della popolazione collegata al trattamento delle acque reflue, che attualmente si attesta
intorno al 70%. La struttura dei prezzi dei servizi idrici deve essere sviluppata per coprire i
costi degli investimenti e della manutenzione nonché per permettere un uso razionale
dell'acqua. Si dovrebbe dare priorità agli investimenti nelle infrastrutture idriche al fine di
sviluppare la cooperazione pubblica-privata nei finanziamenti. Le strategie per la gestione
delle risorse nei bacini idrici devono essere migliorate. La legislazione pertinente deve essere
applicata in un modo più efficace. Il monitoraggio e la misurazione della qualità delle acque
devono essere adeguatamente applicate e registrate.
3. Rifiuti
I rifiuti sono regolati da normative sul Controllo dei Rifiuti Solidi, sul Controllo dei Rifiuti
Sanitari e sulla Gestione dei Rifiuti Pericolosi, con l'obiettivo di valutare eventuali impatti
negativi.
Le autorità preposte alla gestione dei rifiuti solidi in Turchia sono i Ministeri dell'Ambiente e
Urbanizzazione, dell'Industria e del Commercio, dell'Interno, dei Lavori Pubblici e
Insediamento, le municipalità, le camere di commercio e dell'industria e l'Istituto Turco degli
Standard.
33
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Mentre la quantità di rifiuti solidi generati per persona era pari a 1,1 kg/giorno nel 1994, è
salita a 1,14 kg/giorno nel 2010. Nonostante i mutevoli modelli di consumo e la crescita
economica, tale importo non ha subito un aumento notevole. La ragione principale è da
ricercarsi nelle misure adottate per la riduzione dei rifiuti alla fonte.
Nel 2012, 25,9 milioni di tonnellate di rifiuti solidi sono stati raccolti e smaltiti da 2.894 comuni
della Turchia. (La tabella elenca lo smaltimento dei rifiuti solidi in base alle dimensioni della
città.) Di questo importo, il 33,5% (8,7 milioni di tonnellate) è stato smaltito in discariche
comunali, il 4,3% (1,1 milioni di tonnellate) in discariche comunali metropolitane, il 59,9%
(15,5 milioni di tonnellate) portato in discarica, lo 0,4% (94.000 tonnellate) sepolto, lo 0,1%
(33.000 tonnellate) scaricato nei fiumi, lo 0,4% (105.000 tonnellate) bruciato all'aria aperta, lo
0,8% (202.000 tonnellate) scaricato nei corsi d'acqua e lo 0,6 % (155.000 tonnellate) smaltiti
in impianti di compostaggio.
A seguito dell'aumento della popolazione del paese e dei cambiamenti nello stile di vita, il
volume dei rifiuti urbani è salito da 15 milioni di tonnellate nel 1991 a 25,9 milioni di tonnellate
nel 2012. Gli impianti di compostaggio sono presenti in alcune città, mentre in altri centri le
pratiche di smaltimento variano dalla discarica a pratiche di scaricamento nelle cave, nei
corsi d'acqua e persino in mare. Le strategie per la gestione dei rifiuti urbani devono essere
sviluppate e deve essere garantito il necessario supporto tecnico.
La percentuale delle persone che beneficiano dello smaltimento e del riciclaggio dei rifiuti è
notevolmente migliorata nel periodo 1994-2011. Mentre tale percentuale era del 5% nel
1994, è salita sino al 58% nel 2011.
Questi miglioramenti sono il risultato dei crescenti investimenti municipali nel campo della
gestione dei rifiuti. In esso esistono tuttora opportunità per conseguire obiettivi di sviluppo
sostenibile.
Sebbene la maggior parte del materiale sia riciclato attraverso la cernita dalle pattumiere
situate lungo le strade, l'aumento previsto nella popolazione urbana comporterà la graduale
uscita di scena di tale pratica.
Nel periodo 1992-2010 si sono registrati notevoli cambiamenti nel settore del riciclaggio dei
rifiuti da imballaggio. Sebbene il tasso di riciclaggio, che era del 47% nel 1992, si sia quindi
ridotto fino al 30% nel 2003, in seguito ha registrato un aumento del 153% nel 2009 a causa
di una crescente consapevolezza del suo valore economico. Addirittura vennero riciclati o
riutilizzati anche i rifiuti prodotti negli anni precedenti.
Gran parte dei rifiuti solidi industriali viene raccolta in depositi e mescolata con i rifiuti urbani
nelle discariche. Per quanto riguarda i rifiuti sanitari, i dati esistenti sono incompleti, tuttavia, i
calcoli basati sulla capacità degli ospedali forniscono una stima di circa 104.000
tonnellate/anno. Ci sono 1.328 ospedali in Turchia per un numero totale di posti letto pari a
175.141.
34
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
La principale soluzione adottata nella gestione dei rifiuti sanitari è l'incenerimento. Il numero
di inceneritori è limitato a causa del loro elevato costo operativo. Fino al 2010, la maggior
parte dei rifiuti sanitari veniva smaltita nelle discariche. Tuttavia tale pratica è stata bandita
dal regolamento emesso nel marzo 2010, che prende in considerazione il pericolo di contagio
dai rifiuti infetti. Dopo il 2011, 21 centrali di sterilizzazione hanno cominciato a lavorare i rifiuti
sanitari di 64 provınce.
Il riciclaggio dei rifiuti industriali è migliorato grazie alle normative entrate in vigore negli ultimi
5 anni. E' entrato in vigore il sistema di dichiarazione dei rifiuti pericolosi e circa 16.000
impianti industriali hanno dichiarato i propri rifiuti pericolosi. Circa il 70% di questi rifiuti
pericolosi vengono riciclati ogni anno. La seguente tabella mostra la capacità totale di
riciclaggio e di smaltimento degli impianti per rifiuti pericolosi:
Tabella 12: Impianti di Riciclaggio dei Rifiuti Pericolosi
Impianti di Riciclaggio e Smaltimento dei Rifiuti
Pericolosi
Numero
Capacità
Impianti di Incenerimento dei Rifiuti Pericolosi
4
89.950
Impianti di Discarica dei Rifiuti Pericolosi
6
722.084
Impianti di Riciclaggio dei Rifiuti Pericolosi
Impianti di Incenerimento (Recupero Energia e
Cementifici)
152
2.410.000
30
1.500.000
Totale
192
4.722.034
Nel corso degli ultimi dieci anni, molti nuovi regolamenti sono entrati in vigore per il
monitoraggio, la raccolta, il riciclaggio e lo smaltimento dei diversi tipi di rifiuti quali oli usati,
batterie e accumulatori, pneumatici usurati, rifiuti elettronici e rottami d'auto. Nel 2011 sono
state raccolte e riciclate o smaltite 451 tonnellate di pile scariche e 59.400 tonnellate di
accumulatori.
La crescente consapevolezza e regolamenti sempre più restrittivi, associati alle quantità
sempre più elevate dei rifiuti di ogni categoria e al riciclo/recupero di energia e di materie
prime ha creato nuovi campi di lavoro per ciascuna categoria di rifiuti. Le nuove tecnologie di
riciclaggio e di fabbisogno energetico contribuiranno senza dubbio a migliorare la gestione
dei rifiuti in Turchia.
4. Suolo
Tra le istituzioni competenti per la prevenzione dell'inquinamento del suolo in Turchia, le
principali sono i Ministeri dell'Ambiente e Urbanizzazione, della Foresta, Agricoltura e Affari
rurali, dei Lavori Pubblici e Insediamento, le direzioni generali dei servizi rurali e l'Ente Statale
per le Opere Idrauliche.
Il problema principale del terreno in Turchia è rappresentato dall'erosione. Si stima che la
perdita di suolo sia di circa 1.000 milioni di tonnellate, la maggior parte avvenuta in mare.
35
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
L'erosione colpisce l'81% della superficie totale della Turchia e rappresenta un problema
molto serio nelle zone ove si svolgono attività agricole senza alcuna precauzione ambientale.
In Turchia si dovrebbe impedire l'utilizzo di terreni agricoli per altri scopi. Le scelte
urbanistiche dovrebbero essere connesse a classificazioni della capacità del suolo; si
dovrebbe stilare, quindi, un inventario del terreno e delle sue capacità ed implementare una
nuova legge sui pascoli. Le politiche di sostegno agricolo dovrebbero essere integrate con gli
sforzi per proteggere le risorse del territorio, gli agricoltori dovrebbero essere coinvolti nelle
decisioni eco-regionali e si dovrebbe prevenire l'uso eccessivo o improprio di fertilizzanti
sintetici, dei prodotti chimici a scopo agricolo e degli ormoni. Inoltre, dovrebbe essere
abbandonato il metodo di irrorazione aerea dei disinfettanti agricoli, dovrebbe essere
sostenuta la ricerca e l'applicazione di metodi di controllo e la gestione integrata delle specie
nocive. Le attività di bonifica hanno sempre danneggiato l'equilibrio ecologico e, per tale
motivo, questi progetti dovrebbero essere sottoposti in fase decisionale ad una valutazione
dell'impatto ambientale (VIA). Vi è la necessità di proteggere e favorire la creazione di
foreste, dovrebbe essere limitata la bruciatura delle stoppie e dovrebbero essere ratificate
delle leggi su queste tematiche.
Solo il 24 % della superficie totale della terra di Turchia è adatta all'agricoltura. A causa della
mancanza di misure ambientali, l'83% di tutta la produzione agricola soffre di problemi
ambientali.
A causa della mancanza di incentivi, di sanzioni, dell’istruzione, della consapevolezza e della
partecipazione al processo decisionale, gli agricoltori non sono incentivati alla conservazione
della terra e delle risorse idriche.
Lo scarso controllo della contaminazione del suolo e dell'acqua è un altro problema che
mette a repentaglio le risorse idriche della Turchia. Occorre sviluppare una politica di
fermezza per la fornitura dei servizi di trattamento dei rifiuti da fognatura adatti a tutte le
comunità aventi una popolazione superiore alle 20.000 unità. Le acque reflue industriali e
urbane costituiscono un'importante fonte inquinante del terreno in Turchia.
Le emissioni industriali, i rifiuti solidi e le acque reflue influenzano anche l'ecosistema
naturale del terreno. Come risultato delle emissioni industriali, varie sostanze pericolose
penetrano nel suolo.
5. Salvaguardia della natura
La Turchia ha aderito alla Convenzione di Ramsar, alla Convenzione di Berna, alla
Convenzione sul Commercio Internazionale delle Specie Animali e Vegetali in Via di
Estinzione (CITES) e Biodiversità. Il quadro giuridico per la protezione della natura è stabilito
dalle leggi sulla Caccia Terrestre (n: 3167), sulla Foresta (n: 3116), sui Parchi Naturali (n.
2873), sui Parchi Nazionali (n. 2873).
36
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
La tutela delle risorse naturali in Turchia è un compito che spetta ai ministeri dell'Ambiente e
Urbanizzazione, delle Foreste e Opere Idrauliche, degli Alimenti, Agricoltura e Zootecnia,
della Cultura, dei Lavori Pubblici e Insediamenti, all'Ente Statale per le Opere Idrauliche, al
entro Nazionale Ricerche Scientifiche e Tecniche (TUBITAK) e alle università.
La posizione unica della Turchia, situata tra l'Europa e l'Asia, e la diversità delle sue
condizioni climatiche le conferiscono una ricca varietà bilogica ed ecologica.
Sono state individuate ed istituite una serie di aree protette, come parchi nazionali, parchi
naturali, siti Ramsar, ecc., e negli ultimi anni il loro numero è aumentato. In Turchia ci sono
32 parchi nazionali, 35 oasi naturali protette, 15 parchi naturali e 54 monumenti naturali, 13
aree ambientali sottoposte a particolare protezione, 118 zone di protezione della fauna
selvatica e nove siti Ramsar.
In Turchia esistono più di 9.000 specie di piante. Di queste, 3.000 sono endemiche. Infatti, la
variegata ecologia e i diversi ecosistemi rendono Turchia la sede della più ampia varietà di
specie e sottospecie peculiari della regione e, pertanto, definite come endemiche.
Alcune di queste specie endemiche sono localizzate in specifiche zone montane. Altre sono
più diffuse, come nel caso della gran parte della parte orientale del Paese. La crescita della
popolazione e dello sviluppo economico costituisce una minaccia significativa per le specie
vegetali endemiche. D'altra parte, la bonifica del terreno per i campi, il pascolo eccessivo, gli
incendi boschivi, la costruzione di dighe e centrali elettriche, l'uso di pesticidi associati ad un
intenso inquinamento proveniente dall'industrializzazione e dall'urbanizzazione non
pianificata hanno avuto un notevole impatto negativo sulla flora e sulla fauna della Turchia.
Il 27% della superficie della Turchia è coperto da foreste, anche se questa cifra sta
diminuendo a causa dei tagli e delle bonifiche illegali, dell'insediamento illegale, dei pascoli,
degli incendi e dei parassiti. Gli incendi sono una minaccia crescente soprattutto nelle regioni
mediterranee e del Mar Egeo, dove le aree boschive sono minacciate dall'urbanizzazione e
dal turismo.
Il 28% è rappresentata dai pascoli, un'altra cifra in diminuzione. I pascoli e le praterie sono
importanti perché sostengono la zootecnia, che rappresenta un terzo della produzione
agricola del paese.
Il 2% della superficie totale è rappresentata da zone umide. Queste sono ricche in varietà e
rappresentano una tappa cruciale per gli uccelli migratori. In Turchia, il 75% delle 250 zone
umide sono superiori ai 100 ettari, il 60% rappresentano ecosistemi di acqua dolce e il 20%
sono acque salate. Il 70% delle zone umide in Turchia ha una profondità inferiore ai 6 metri.
Ci sono circa 400 specie di uccelli in Turchia, 250 delle quali sono migratorie.
La distruzione della biodiversità continua nelle zone rurali, in gran parte a causa del rapido
sviluppo del turismo, dell'urbanizzazione e di grandi progetti infrastrutturali (dighe, centrali
37
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
elettriche, ecc.). Le aree protette, che soffrono dei progetti turistici, dell'irrigazione,
dell'inquinamento delle zone umide, degli incendi boschivi ecc., coprono solo il 2% della
superficie totale della Turchia. A questo proposito vi è la necessità di rafforzare la rete di
specialisti, di scienziati e delle ONG che si occupano di flora e di fauna, al fine di stilare
l'inventario delle specie minacciate e pubblicare una "lista rossa" delle stesse. E' necessaria
una maggiore cooperazione e partenariato tra i Ministeri e le istituzioni preposte alla
conservazione della natura. E' inoltre indispensabile aumentare la consapevolezza pubblica e
rafforzare i programmi di informazione e di educazione sulla conservazione della natura,
nonché la capacità di sviluppare un piano d'azione per la biodiversità nazionale.
D. L'Unione Europea, la Turchia e l'ambiente
Le condizioni ambientali della Turchia rappresentano un notevole ostacolo all’adesione
all'Unione Europea, principalmente a causa delle problematiche inerenti i costi
d'adeguamento e le fonti di finanziamento degli investimenti. Troppo poco si è discusso circa
i benefici che le direttive ambientali dell'UE garantirebbero alla Turchia sia in termini
ambientali che economici. L'analisi dei benefici derivanti dall’attuazione della legislazione
ambientale comunitaria in Turchia è necessaria per conseguire una piena conoscenza degli
effetti reali della sua adesione all'UE.
La Turchia sta affrontando l’importante compito di inserire le direttive ambientali comunitarie
nella propria legislazione nazionale e di attuare la loro implementazione. Allo stesso tempo,
si sta allineando con la normativa comunitaria anche in altri ambiti. In molte di queste aree vi
sono notevoli esigenze; tuttavia le risorse, sia finanziarie che amministrative, sono limitate.
Partendo da tali presupposti, alcune delle principali sfide nel settore ambientale nell'ambito
dell'adesione all'UE sono:
•
•
•
•
•
•
•
•
•
•
Migliorare ed estendere le reti di approvvigionamento idrico;
Migliorare ed estendere la raccolta delle acque reflue e gli impianti di trattamento;
Garantire che le emissioni dai grandi impianti di combustione siano ridotte;
Migliorare la qualità dell'aria in numerosi centri urbani;
Garantire che le sostanze pericolose rilasciate dagli impianti siano controllate e che i rischi di
incidenti siano ridotti al minimo;
Raccolta, trattamento e smaltimento dei rifiuti domestici, industriali e ospedalieri;
Pulizia dei terreni contaminati e dei fiumi la cui attuale qualità dell'acqua è inaccettabile;
Proteggere gli ecosistemi, gli habitat e le specie dalle pressioni economiche e ambientali;
Ridurre le emissioni degli inquinanti provenienti dai settori economici; e
Ratifica della Convenzione di Aarhus e l'attuazione delle sue disposizioni.
Tenendo presente, inoltre, che la Turchia è un paese orientato verso l'adesione all'UE,
l'applicazione della normativa ambientale dell'UE, e quindi del Sistema di Ecogestione e Audit
(EMAS), è più che rilevante.
38
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
L'ultima relazione periodica predisposta dalla Commissione Europea sulla Turchia è stata
pubblicata nel 2013. Il Capitolo 27 del Rapporto definisce i problemi ambientali e ha chiesto
progressi nell'adozione dell'acquis ambientale. Esso evidenzia le seguenti aree specifiche:
•
Nel mese di aprile, la Turchia ha modificato la sua legislazione orizzontale in materia
ambientale in un modo che non è coerente con i requisiti della Valutazione dell' Impatto
Ambientale (VIA), con l'introduzione di ulteriori deroghe per la VIA. Come risultato, molti dei
grandi progetti infrastrutturali, comprese le centrali nucleari del Mar Nero e del Mediterraneo,
le micro centrali idroelettriche, il 3 ° ponte e il nuovo aeroporto di Istanbul sono stati resi esenti
dalla VIA.
•
Per quanto riguarda la qualità dell'aria, i progetti di legge volti ad allineare e attuare la Direttiva
Nazionale dei Massimali delle Emissioni e la Direttiva sulla Qualità dell'Aria Ambientale e per
un'Aria più Pulita in Europa (direttiva CAFE) sono stati predisposti ma non ancora adottati.
•
Nel campo della gestione dei rifiuti, sono continuati gli sforzi per adeguare il livello delle
discariche a quello previsto dalle norme comunitarie. L'ordinamento e la capacità di riciclaggio
è aumentata ma sono necessari ulteriori e significativi progressi in questo settore. La Turchia
deve ancora soddisfare i requisiti della Direttiva Quadro UE sui Rifiuti in materia di
preparazione e attuazione dei piani di gestione dei rifiuti.
•
Nel settore della qualità delle acque, è stata adottata la legislazione sulla gestione dei bacini
idrografici e la gestione delle acque di superficie. La capacità di trattamento delle acque reflue
è aumentata a causa dei recenti investimenti.
•
Deve essere ancora adottata una normativa quadro sulla protezione della natura, così come
deve essere adottata una strategia e un piano d'azione per la biodiversità nazionale. Il
progetto di legge sulla protezione della natura non è in linea con l'acquis comunitario.
•
Per quanto riguarda il controllo dell'inquinamento industriale e la gestione dei rischi, è in corso
l'assistenza tecnica dell'Unione Europea per l'attuazione della Direttiva sulle Emissioni
Industriali e la Direttiva Seveso II. Per quanto riguarda le sostanze chimiche, il progetto di
legge rivolto ad allineare il Regolamento REACH è stato preparato ma non è ancora stato
adottato. Gli studi sull’ allineamento con il Regolamento sugli Inquinanti Biologici Persistenti
hanno avuto inizio. L'allineamento legislativo in materia del rumore ha raggiunto un buono
stato d'avanzamento. I preparativi per gli studi pilota per la fornitura di mappe acustiche e
relativi piani d'azione sono tuttora in corso.
•
Il piano d'azione sul cambiamento climatico nazionale della Turchia manca di un obiettivo
nazionale globale per le emissioni di gas aventi effetto serra. Nell'ambito del Programma
Economico di Pre-adesione (2013-15) recentemente approvato, le priorità del clima e
dell'efficienza energetica devono essere prese in considerazione nella politica nazionale delle
entrate. Con l'adozione della legge sulle energie rinnovabili, della strategia di efficienza
39
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
energetica e di alcuni progetti di sensibilizzazione, gli investimenti sull'efficienza energetica e
nelle energie rinnovabili sono in crescita.
Esistono significativi vantaggi che la Turchia potrebbe sfruttare con la piena attuazione delle
direttive comunitarie. Nel complesso, il valore annuo dei benefici per la Turchia è stimato tra i
3,1 miliardi e i 15 miliardi di Euro. Ciò corrisponde a un valore pro capite compreso fra i 41 e i
196 Euro.
Inoltre, molti dei vantaggi delle direttive comunitarie non sono stati inseriti nella valutazione
dei valori monetari. Ciò include la protezione degli ecosistemi sensibili e della biodiversità.
Alcuni investimenti ambientali potrebbero portare anche a benefici non direttamente collegati
all'ambiente della Turchia. Può migliorare l'efficienza economica e si può assistere ad un
incremento della produttività, attraverso l'adozione della tecnologia moderna, la riduzione dei
costi di produzione e di manutenzione per le imprese attraverso il miglioramento della qualità
delle acque di scarico e l'efficienza energetica, e si può garantire un risparmio con una
gestione più efficiente dei rifiuti.
E. Principali soggetti
1. Istituzioni Governative
La Direzione Generale dei Servizi Rurali conduce progetti su temi
l'approvvigionamento idrico nelle zone rurali, l'irrigazione e il trattamento delle acque.
quali
Le municipalità conducono progetti di infrastrutture ambientali, impianti di acqua potabile e di
fognature, raccolta dei rifiuti, lo smaltimento dei rifiuti e piani di sviluppo per l'utilizzo
adeguato del territorio nelle aree urbane.
L'Ente Statale per le Opere Idrauliche è responsabile per lo sviluppo e la gestione delle
risorse idriche. E' la prima agenzia di stato esecutiva in tema idrico e ha lo statutario compito
di sviluppare tutte le risorse idriche del paese. L'ente implementa progetti inerenti le acque
superficiali e sotterranee.
L'Ente di Pianificazione Statale, operante nell'ambito della Presidenza del Consiglio, può
effettuare scelte strategiche in tutti i settori dell'attività economica di interesse pubblico.
Appronta piani nazionali quinquennali per lo sviluppo, che sono i principali strumenti di
coordinamento delle politiche di governo. L'Ente di Pianificazione Statale stanzia inoltre le
risorse per gli investimenti pubblici.
Il Garante per la Tutela delle Zone Speciali è un'istituzione affiliata al Ministero
dell'Ambiente. E' responsabile per la protezione e il miglioramento delle 13 aree specialmente
protette di Göcek, Dalyan, Patara, Kekova, Goksu, Golbasi, Pamukkale, Ihlara, Foca, Belek,
Datca, Gokova e Tuz Golu (Lago di Sale).
40
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
La İlbank fornisce finanziamenti e crediti nonché l'assistenza tecnica alle municipalità nella
preparazione dei progetti infrastrutturali in materia di fognature e di depurazione delle acque
reflue e impianti di smaltimento dei rifiuti solidi.
Il Ministero degli Alimenti, Agricoltura e Zootecnia è responsabile della protezione e dello
sviluppo delle risorse naturali, dell'inquinamento delle acque e loro controllo, nonché delle
attività di pesca. Il Ministero, inoltre, svolge attività di ricerca, indagini, piani, programmi e
progetti per salvaguardare e migliorare le esigenze di consumo del suolo, dell'acqua, della
flora e della fauna e le analoghe risorse naturali in conformità con le esigenze di tutela
ambientale.
Il Ministero della Cultura è responsabile della gestione dei 54 monumenti naturali protetti
della Turchia.
Il Ministero dell'Ambiente e Urbanizzazione è responsabile del coordinamento di tutte le
attività nazionali e internazionali riguardanti l'ambiente. Le attività del Ministero riguardano
questioni come l'uso appropriato del territorio, la tutela delle risorse naturali, delle specie
animali e vegetali, la prevenzione dell'inquinamento e la sensibilizzazione dell'opinione
pubblica. Le altre attività espletate sono lo sviluppo delle politiche e delle strategie ambientali,
il coordinamento delle attività ambientali a livello locale, nazionale e internazionale, il rilascio
delle licenze ambientali, la raccolta di dati, ecc.
Il Ministero delle Foreste e Opere Idrauliche e il suo dipartimento, la Direzione Generale
dei Parchi Nazionali e della Tutela della Natura (GDNP), sono responsabili per i progetti
connessi all'inquinamento dell'acqua nelle foreste, la conservazione della fauna selvatica e la
protezione e la gestione dei 32 parchi nazionali, delle 31 riserve naturali, degli 11 parchi
naturali e delle altre oasi protette. Queste non comprendono le 13 aree specialmente protette
gestite dal Garante per la Tutela delle Zone Speciali.
Il Ministero della Salute e il suo reparto, i Servizi di Salute Ambientale, sono responsabili del
monitoraggio, della riduzione e della prevenzione dell'inquinamento ambientale che colpisce
la salute umana. Il Ministero è responsabile della qualità dell'acqua potabile e da bagno e del
monitoraggio della qualità dell'aria.
Il Ministero dell'Industria e del Commercio è l'autorità competente per le questioni
industriali e per lo sviluppo della politiche industriali, comprese quelle riguardanti l'ambiente.
Il Consiglio Turco di Accreditamento è autorizzato ad accreditare le organizzazioni
nazionali ed estere per condurre servizi di laboratorio, certificazioni e ispezioni.
Il Sottosegretariato per gli Affari Marittimi si occupa del settore dell'acquacoltura
concentrandosi soprattutto sul regime del traffico marittimo in materia di protezione dei porti
naturali e delle piccole baie, delle strutture turistiche, delle altre calette nelle vicinanze e degli
effetti sull'ambiente.
41
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
2. Istituzioni Governative a Livello Locale
La Sedi Provinciali del Ministero dell'Ambiente rappresentano il Ministero a livello locale.
Le principali funzioni delle sedi provinciali sono: adottare misure per prevenire e ridurre al
minimo l'inquinamento provocato da agenti inquinanti terrestri, monitorare qualsiasi attività
che possa minacciare l'ecologia e causare l'inquinamento del mare, controllare gli impianti
autorizzati dalle autorità locali e i loro sistemi di raccolta dei rifiuti, di raffinazione e di scarico
sulla base delle norme stabilite dalla Legge Ambientale e dai relativi regolamenti, monitorare
e controllare ogni attività all'interno del territorio che interessi l'ambiente e avviare le
procedure necessarie a fermare queste attività e informare il Ministero circa le richieste delle
istituzioni per svolgere compiti amministrativi a nome e per conto del Ministero.
Le fondazioni per la protezione ambientale sono istituite in ogni città dove operano le sedi
provinciali del Ministero dell'Ambiente. Esse sono istituite dal Ministero e amministrate dai
governatori. Le loro attività sono simili a quelle delle istituzioni ambientali locali. I loro ricavi
provengono da servizi a pagamento quali le misurazioni delle emissioni industriali, delle
emissioni di scarico dei veicoli e del livello di rumore. I progetti ambientali locali sono
finanziati tramite le fonti di finanziamento di queste fondazioni.
I comuni sono responsabili della redazione dei progetti generali d'insediamento e della
realizzazione di grandi parchi e aree verdi, specificando i punti per la raccolta di rifiuti
domestici e industriali e creando impianti per il loro smaltimento, nonché della fornitura di
servizi quali acqua, fognature, gas naturale e trasporto pubblico.
3. Organizzazioni non Governative
Le attività di tutela ambientale registrate nell'ultimo decennio hanno portato allo sviluppo in
Turchia di molte organizzazioni non governative ambientaliste nazionali e regionali. Le
principali ONG di carattere nazionale, che sono attivamente coinvolte in molti problemi
ambientali al fine di creare consapevolezza e di sensibilizzare l'opinione pubblica e
incoraggiare la partecipazione pubblica, hanno l'obiettivo di proporre soluzioni efficienti
fungendo da gruppo di pressione sul processo decisionale.
La capacità amministrativa e finanziaria delle ONG a livello nazionale e regionale è
comunque una fonte di preoccupazione. La sensibilizzazione e gli approcci efficaci alle
tematiche ambientali e la conoscenza dei recenti sviluppi nel settore ambientale sono a livelli
bassi a causa della mancanza di personale qualificato e specializzato. Esiste inoltre la
necessità di realizzare reti tra le ONG interessate a proporre un approccio integrato alle
questioni ambientali presenti all'ordine del giorno.
Negli ultimi anni si sono registrati aumenti nel numero di ONG quali le fondazioni, le
associazioni e le iniziative dei cittadini impegnati in materie come la scienza, la tecnologia, la
ricerca, la democrazia, la tutela dell'ambiente, ecc.
42
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Il Consiglio dei Ministri può riconoscere ad un'associazione lo status di "Associazione Utile al
Pubblico" per consentire esenzioni fiscali e il ricevimento di un contributo finanziario da parte
dello Stato. Le associazioni sono più dipendenti dal governo rispetto alle fondazioni, in
quanto sono soggette al monitoraggio del Ministero dell'Interno.
Le principali ONG nazionali della Turchia rappresentanti la società civile in campo ambientale
sono di seguito elencate in ordine alfabetico:
L'Associazione per la Cooperazione della Agenzie Ambientali e Culturali (CEKUD) mira a
creare una società che collabori con le associazioni sensibili all'ambiente e alla cultura, che
abbiano una visione etica e nutrano l'ideale di vivere in un ambiente pulito. Inoltre, mira a
ristabilire l'equilibrio sociale ed ecologico che è stato alterato da calamità naturali e dagli
incidenti.
La Fondazione Turca per l'Ambiente (TCV) è stata istituita nel 1978. La Fondazione
promuove l'ambiente tramite la ricerca, la pubblicazione di libri, newsletter, opuscoli e altri
mezzi d'informazione e mette in primo piano la formazione della consapevolezza pubblica.
Dal maggio 1992, la TCV è membro del Comitato Nazionale UNEP.
L'Associazione Turca dei Medici per l'Ambiente è stata fondata nel 1998. L'Associazione
si propone di organizzare i medici sensibili all'ecologia per studiare i problemi di salute
derivanti dai rischi ambientali e il deterioramento dell'equilibrio ecologico. I suoi membri
conducono studi scientifici riguardanti l' ambiente e la salute degli ecosistemi e lavorano alla
creazione di un archivio di informazioni a favore della comunità. Inoltre, l'associazione
fornisce consulenza medica e scientifica e partecipa alle attività educative.
La Società per la Protezione della Natura (DHKD) è stata fondata nel 1975. La società
lavora per la conservazione della diversità biologica e delle risorse naturali, incoraggia l'uso
sostenibile delle risorse naturali, incrementa la consapevolezza pubblica in merito alla
conservazione della natura, realizza progetti volti a tutelare gli importanti ecosistemi
minacciati e effettua attività lobbistiche presso le istituzioni e le agenzie pubbliche a sostegno
di questi obiettivi. La società vanta 12.000 soci sostenitori. La Società è membro associato
del World Wide Fund for Nature ( WWF) , Bird Life Partner della Turchia.
La Fondazione Turca per la Lotta Contro l'Erosione del Suolo e per il Rimboschimento
e la Protezione degli Habitat Naturali (TEMA) è stata fondata nel 1992. L'obiettivo
principale della fondazione è quello di sensibilizzare l'opinione pubblica sulle diverse
questioni ambientali che presentano un grande pericolo per il futuro della Turchia. L'erosione
del terreno, la deforestazione, la perdita di produttività dei terreni agricoli e le minacce alla
biodiversità sono le principali preoccupazioni della Fondazione. La TEMA sviluppa e realizza
progetti pilota per lo sviluppo rurale, la riabilitazione dei pascoli e il rimboschimento. La TEMA
ha attualmente 50.000 soci e 288 rappresentanti volontari in tutto il Paese.
43
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
L'Associazione Turca per la Salvaguardia dell'Ambiente Marino (TURMEPA) è stata
fondata nel 1994. L'obiettivo dell'Associazione è la tutela del mare.
Le altre ONG ambientali nazionali sono:
•
L'Associazione per la Protezione dei Consumatori e Dell'ambiente, CETKO (1990)
•
L'Associazione Blu Marmara per la salvezza del Mar di Marmara (1991)
•
La Fondazione per l'Energia Pulita, TEMEV (1994)
•
La Fondazione per la Ricerca e la Tutela dell'Ambiente, CEV-KOR (1991)
•
La Fondazione Turca per l'Educazione Ambientale, TURCEV (1993)
•
Il Consiglio Turco per la Tutela dell'Ambiente e il Rinverdimento, TCKYK (1972)
•
L'Associazione degli Applicatori delle Tecnologie Ambientali, CEVRETED (1991)
•
La Fondazione degli Ambientalisti Esperti, UCEV (1996)
•
La Fondazione per la Tutela e la promozione dei beni ambientali e Culturali, CEKUL (1990)
•
L'Associazione degli Amici dell'Ecologia e dell'Ambiente, ECED (1993)
•
La Sezione Turca della Società Internazionale dell'Energia Solare, UGET-TB (1992)
•
L'Associazione Turca per la Conservazione della Natura e delle Risorse Naturali, TTKD (1955)
4. Istituzioni accademiche (Università/Scienza)
In Turchia si contano 20 università che vantano nel loro organico dipartimenti di ingegneria
ambientale. La maggior parte di queste università ha, inoltre, istituito centri multidisciplinari di ricerca e di applicazione ambientale.
Gli obiettivi principali di questi centri sono la conduzione di progetti di ricerca e sviluppo in
collaborazione con il settore pubblico e privato e la fornitura di servizi di consulenza, nonché
l'assistenza all'educazione e alla formazione sulle seguenti questioni: individuazione
dell'inquinamento ambientale, prevenzione dell'inquinamento ambientale e tutela
dell'ambiente, studi chimici, biologici, microbiologici, tossicologici, di igiene, giuridici ed
economici sulle risorse inquinate (acqua, terra, aria), valutazioni di impatto ambientale,
impianti di trattamento fisici, chimici e biologici che mirano a prevenire l'inquinamento
ambientale, strumenti di trattamento dei fumi e degli scarichi, pianificazione ambientale,
44
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
progettazione paesaggistica, questioni giuridiche ed economiche, nuove tecnologie
ambientali e igiene ambientale.
Alcuni di questi centri localizzati nelle regioni costiere della Turchia sono focalizzati sulla
geologia marina, oceanografia fisica, bacini idrici processi litorali e costieri, strutture marine e
gestione delle zone costiere.
Questi centri accademici sono i seguenti:
•
Università dell'Egeo, Centro di Ricerca e Applicazione delle Scienze Ambientali
•
Università Anadolu, Centro di Ricerca e Sviluppo delle Scienze Ambientali
•
Università del Bosforo, Istituto delle Scienze Ambientali
•
Università di Celal Bayar, Centro di Ricerche delle Scienze Ambientali
•
Università della Repubblica, Centro di Ricerche delle Scienze Ambientali
•
Università di Dicle, Centro di Ricerche delle Scienze Ambientali
•
Università del Nove Settembre, Istituto delle Scienze e Tecnologie Marine
•
Università di Dumlupınar, Centro di Ricerca e Sviluppo delle Scienze Ambientali
•
Università di Hacettepe, Centro di Ricerca e Applicazione Ambientale
•
Università Tecnica di Istanbul, Centro di Ricerca e Sviluppo delle Scienze e Tecnologie
Energetiche
•
Università Tecnica di Istanbul, Centro di Ricerche Ambientali e Urbanistiche
•
Università di Marmara, Centro di Ricerca e Applicazione delle Scienze Ambientali
•
Università di Marmara, Centro di Ricerca e Sviluppo delle Essenze Naturali e dei Prodotti
dell'Acqua
•
Università Tecnica del Medio Oriente, Centro di Ricerche Ambientali
•
Università di Muğla, Centro di Ricerca dei Problemi Ambientali
•
Università di Selçuk, Centro di Ricerca e Applicazione delle Scienze Ambientali
•
Università di Trakya, Centro di Ricerca e Applicazione delle Scienze Ambientali
45
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
•
Tubitak, Centro di Ricerche di Marmara, Centro di Ricerca delle Tecnologie Ambientali e
Energetiche
•
Università di Uludağ, Centro di Ricerca e Applicazione Ambientale
•
Università del Mediterraneo, Centro di Ricerca, Sviluppo e Applicazione della Varietà Biologica
•
Università del Diciannove Maggio, Centro di Ricerca e Sviluppo delle Scienze Ambientali
5. Organizzazioni Internazionali e Donatrici in Turchia
Birdlife International
La BirdLife International è una partnership globale di gruppi di conservazione non governativi.
La Società per la Protezione della Natura della Turchia (DHKD) è un partner internazionale di
BirdLife per la Turchia.
BSEP (Programma Ambientale mar Nero)
Esso è sostenuto da UNDP nell'ambito del programma finanziario del Global Environment
Facility (GEF). I risultati più importanti conseguiti dal BSEP sono stati l'Analisi-Diagnosi
Transfrontaliera (TDA) e il Piano d'Azione Strategico regionale per la riabilitazione e la tutela
del Mar Nero (BSSAP). Il BSSAP è stato firmato a nome dei paesi dai ministri dell'ambiente
dei paesi rivieraschi il 31 ottobre 1996.
FAO (Organizzazione per l'Alimentazione e l'Agricoltura)
La Turchia è membro della FAO sin dal 1945. Tra le principali controparti e collaboratori della
FAO in Turchia vi sono il Ministero degli Affari Esteri, il Ministero degli Alimenti, Agricoltura e
Zootecnia, il Ministero delle Foreste e Opere Idrauliche, il Progetto dell'Anatolia SudOrientale (GAP), l'Agenzia per lo Sviluppo Regionale, il Ministero dell'Ambiente e
Urbanizzazione, la Direzione Generale dei Servizi Rurali e anche diverse università, ONG,
organizzazioni, agenzie, istituzioni, fondazioni e il settore privato.
Agenzia Tedesca per la Cooperazione allo Sviluppo (GTZ)
La GTZ opera come società di servizi per lo sviluppo internazionale sino dal 1975. Gli
obiettivi primari delle attività della GTZ sono quelli di migliorare le condizioni di lavoro delle
persone che vivono nei paesi partner e sostenere la base naturale per la vita.
ISDE (Società Internazionale dei Medici per l'Ambiente)
La ISDE è una ONG ambientale istituita da medici il 25 novembre 1990 ed oggi conta
organizzazioni nazionali e regionali membri in oltre 35 paesi. Si tratta di un'organizzazione
non governativa, non-profit e indipendente. Lo scopo principale della ISDE è quello di
proteggere l'ambiente per prevenire le malattie, garantire le condizioni di base per la salute e
migliorare la qualità della vita. Favorisce i contatti e la cooperazione con le organizzazioni
46
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
internazionali come l'ONU, l'UNEP, l'UNESCO, l'OMS, l'Unione Europea e molte ONG per
sostenere i progetti di rilevanza internazionale e per riunire i gruppi nazionali che lavorano su
progetti locali. L’Associazione Turca dei Medici per l'Ambiente è membro dell'ISDE dal 1998.
JICA (Agenzia Giapponese per la Cooperazione Nazionale)
Il governo giapponese ha istituito un ufficio JICA ad Ankara nel 1995 al fine di fornire una
risposta più adeguata alle emergenti esigenze di assistenza nel paese.
I principali obiettivi della sede JICA Turchia sono quelli di sostenere le attività e i progetti in
corso, di monitorare e valutare le attività e di ricercare opportunità per un'ulteriore
cooperazione nei settori individuati.
MAP (Unep - Piano d'Azione per il Mediterraneo)
Il Piano d'Azione per il Mediterraneo (MAP) si sforza di proteggere l'ambiente e di
promuovere lo sviluppo nel bacino del Mediterraneo. E 'stato adottato a Barcellona, Spagna,
nel 1975 da 16 stati del Mediterraneo e dalla CE, sotto gli auspici dell'UNEP. Essendo stato
adottato da tutti gli Stati del Mediterraneo e dalla CE, il MAP ha funto da base per lo sviluppo
del programma completo ambientale e di sviluppo nella regione. Il MAP copre la gestione
delle zone costiere, la valutazione e il controllo dell'inquinamento, la tutela degli ecosistemi e
la conservazione della biodiversità. Un'unità fondata nel 1982 coordina il MAP. Le parti
contraenti si incontrano ogni due anni a livello ministeriale.
Programma mediterraneo per l'Assistenza Tecnica e Ambientale (METAP)
Sostenuto dalla Commissione Europea, dalla Banca Europea per gli Investimenti (BEI),
dall'UNDP e dalla Banca Mondiale, il METAP è stato varato nel 1990 per riunire i paesi
mediterranei nell'affrontare e ridurre il degrado ambientale.
Commissione Europea
Sin dal 1963, anno dell'Accordo di Ankara, la Turchia coopera ufficialmente con l'Unione
Europea. Nel 1974 è stato inaugurato ad Ankara un centro stampa e informazioni della
Commissione Europea. Lo status diplomatico vero e proprio è stato riconosciuto all'ufficio
sulla base dell'Accordo sull'Istituzione di Rappresentanza della Commissione delle Comunità
Europee in Turchia e sulle sue Immunità e Privilegi, firmato a Bruxelles il 4 febbraio 1987.
Diversi strumenti finanziari sono stati sviluppati per la Turchia. La Commissione Europea ha
proposto un nuovo regolamento per l'assistenza finanziaria di pre-adesione. Tale
regolamento garantirà che l'assistenza venga coordinata nell'ambito di un unico ed efficiente
programma e che tutti i finanziamenti siano destinati ad affrontare le priorità di pre-adesione
47
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
citate dal Partenariato per l'Adesione della Turchia. Oggi nel settore dell'ambiente esistono
numerosi programmi finanziari disponibili per la Turchia.
Banca Mondiale
La Turchia è un membro del Gruppo della Banca Mondiale e delle consociate: la Banca
Internazionale per la Ricostruzione e lo Sviluppo, l'Associazione per lo Sviluppo
Internazionale, la Cooperazione Finanziaria Internazionale, l'Agenzia Multilaterale per la
Garanzia degli Investimenti e il Centro Internazionale per la Risoluzione delle Controversie
Relative agli Investimenti.
Programma di Sviluppo delle Nazioni Unite
In Turchia l'UNDP collabora con il governo da oltre 30 anni. Gli sforzi per lo sviluppo
dell'UNDP si sono concentrati sulla costruzione delle capacità nazionali, sul sostegno politico
ai settori chiave dello sviluppo e sullo sviluppo delle risorse istituzionali e umane. Le attività in
Turchia dell'UNDP legate all'ambiente sono: Programma per lo Sviluppo Sostenibile Umano
nel Sud-Est dell'Anatolia (GAP), Urbanizzazione e Habitat II; Agenda Locale 21:
Partecipazione Popolare allo Sviluppo Locale e il Programma delle Piccole Sovvenzioni /
Possibilità Ambientali Globali (GEF SGP).
Programma delle Piccole Sovvenzioni / Possibilità Ambientali Globali
Per poter beneficiare del sostegno GEF SGP, il progetto proposto per il finanziamento deve
soddisfare la strategia del programma nazionale della Turchia.
Programma Ambientale delle Nazioni Unite
La missione dell'UNEP è quella di incoraggiare il partenariato rivolto a tutelare l'ambiente
consentendo alle nazioni e alle popolazioni di partecipare al miglioramento della qualità della
vita. La Fondazione Turca per l'Ambiente rappresenta il Comitato Nazionale UNEP della
Turchia dal maggio 1992.
UNIDO (Organizzazione per lo Sviluppo Industriale delle Nazioni Unite)
Il Centro UNIDO per la Cooperazione Regionale in Turchia è dedicato alla promozione dello
sviluppo sostenibile industriale in Turchia. L'ufficio UNIDO di Ankara è stato istituito nel 1967
con lo scopo di fornire assistenza tecnica alla Turchia ed è diventato un Centro Regionale nel
febbraio 2000. Il Centro è responsabile dello sviluppo e dell'attivo sostegno della
cooperazione globale tra il QG dell'UNIDO e i governi, le comunità accademiche, il settore
privato e la società civile della regione per promuovere e incoraggiare l'industrializzazione di
prodotti eco-compatibili e i relativi metodi di produzione.
48
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
World Wide Nature Fund (WWF)
La missione del WWF è quella di proteggere l'ambiente naturale e costruire un futuro in cui
l'umanità possa vivere in armonia con la natura, tramite:
•
La conservazione della diversità biologica del mondo;
•
Garantendo l'uso sostenibile delle risorse naturali;
•
Promuovendo la riduzione dell'inquinamento e degli sprechi.
Da quando è stato fondato nel 1961, il WWF è diventato uno delle più grandi e più efficaci
organizzazioni indipendenti di tutto il mondo dedicati alla conservazione della natura. WWF
opera oggi in oltre 100 Paesi.
La Società per la Protezione della Natura della Turchia (DHKD) è membro associato del
WWF e lo rappresenta nel paese. In collaborazione con WWF e DHKD, diversi progetti e
programmi in materia ambientale sono stati finora sviluppati e implementati in Turchia.
F. La gestione ambientale e le principali sfide in Turchia
La Turchia è in una fase di rapido e dinamico cambiamento e si confronta con la sfida di
armonizzare la conservazione ambientale e con uno sviluppo senza precedenti. La crescita
della popolazione è molto elevata ed è accompagnata da una crescita urbana in gran parte
incontrollata.
Le politiche ambientali in Turchia necessitano di ulteriori miglioramentiper affrontare la sfida e
promuovere sia il progresso ambientale e che lo sviluppo sostenibile, in particolare in due
direzioni,:
•
Integrazione delle tematiche ambientali in tutti i settori di attività economica e in tutte le
politiche governative pertinenti; e
•
Applicazione e rispetto delle leggi e delle politiche ambientali, tra cui l'efficace applicazione e
le misure istituzionali e finanziari connesse.
La Turchia è un paese fortemente centralizzato e il governo è molto coinvolto in tutti gli
aspetti della vita economica. Questa centralizzazione è in gran parte destinata a promuovere
la crescita economica e a favorire lo sviluppo di un'infrastruttura economica mentre di per sé
non è sufficiente a garantire lo sviluppo sostenibile.
L'integrazione delle politiche economiche e ambientali potrebbe ridurre le attuali perdite della
Turchia in questi settori e supportare politiche di prevenzione per i prossimi anni. Ci sono
molte leggi, regolamenti e misure fiscali che sono in vigore per dirigere l'economia e tutelare
l'ambiente. Queste spesso non sono ben coordinate o applicate e, in alcuni casi, sono anche
contrastanti.
49
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
A livello strategico, il governo turco ha l'opportunità di dimostrare il suo dichiarato impegno
per uno sviluppo sostenibile prendendo una serie di decisioni chiave. Potrebbe, ad esempio,
adottare formalmente una serie di obiettivi ambientali concreti come parte della strategia di
sviluppo sostenibile nel quadro ambientale del Programma Nazionale per l'Adozione
dell'Acquis, che delinea la politica ambientale generale del processo di integrazione all'UE.
Il ruolo del Ministero dell'Ambiente e Urbanizzazione è fondamentale in tutti gli aspetti
della politica ambientale. A questo proposito, il Ministero deve essere rafforzato con
adeguati strumenti finanziari e quanto altro necessario per il conseguimento dei vari obiettivi.
Devono essere assunte responsabilità internazionali, quali gli accordi negoziali, il
monitoraggio della loro attuazione e la partecipazione ai processi decisionali internazionali
della politica ambientale.
L'Ente di Pianificazione Statale ha un ruolo altrettanto importante in quanto prepara i piani
di sviluppo quinquennali e decide sulle priorità di investimento sulla base delle esigenze.
Per fornire una migliore integrazione all'interno di questo processo di pianificazione, i metodi
di pianificazione settoriali dovrebbero essere abbandonati, il processo decisionale dovrebbe
essere aperto a tutti i soggetti interessati, le competenze ambientali dovrebbe essere
rafforzate e l'attuazione del piano dovrebbe essere verificata non solo tramite gli indicatori
economici e sociali ma anche tramite alcuni indicatori ambientali.
Lo SPO ha il potere di imporre che le considerazioni ambientali siano integrate nelle proposte
di investimento totalmente o parzialmente finanziate con i fondi pubblici. I collegamenti tra lo
SPO e il Ministero dell'Ambiente e Urbanizzazione dovrebbero essere integrati in virtù del
fatto che le valutazioni ambientali sono integrate in grandi progetti pubblici di investimento.
Le politiche ambientali sono attuate a livello provinciale dal coordinamento delle municipalità
o delle istituzioni governative. La Turchia è un paese centralizzato, con una forte presenza
dei principali Ministeri in tutte le province. Il governatore di ciascuna provincia dipende dal
Ministero dell'Interno ed è responsabile del coordinamento tra le municipalità e le istituzioni
governative così come della promozione delle politiche che vengono attuate secondo le linee
guida della politica del governo.
E’ difficile realizzare l'integrazione tra le municipalità separate territorialmente e che
provengono da diversi indirizzi politici sotto il controllo diretto del governatore nel caso non
venga fornita alcuna specifica cooperazione ambientale. A questo proposito, dovrebbero
essere promosse le associazioni dei distretti provinciali.
Un'altra sfida in Turchia è quella di recepire le politiche ambientali attraverso il miglioramento
della gestione ambientale quotidiana e benefici economici e sociali correlati. La Turchia
dovrebbe favorire un ulteriore decentramento della sua struttura amministrativa ambientale al
fine di avvicinare l'amministrazione centrale ai problemi locali. Dovrebbe, inoltre, consentire
un maggiore coinvolgimento della popolazione e degli enti locali nella gestione ambientale.
50
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
1. Applicazione delle leggi
La Turchia ha già messo in atto numerosi provvedimenti necessari per l'efficace attuazione
delle politiche ambientali, dei regolamenti e delle norme. Ad esempio, esiste già una serie di
misure legislative che definisce pienamente i principi della gestione ambientale. Tuttavia, vi è
una lacuna nella capacità di applicazione di tali leggi. Le multe e le sanzioni previste per il
mancato rispetto della normativa ambientale dovrebbero essere riviste in modo da essere
ulteriormente deterrenti. Il Ministero dell'Ambiente necessita, inoltre, di sviluppare un
dipartimento ispettivo ed esecutivo e di rafforzare le proprie capacità a livello locale.
Considerato il divario esistente tra le norme e l'attuazione, un prerequisito indispensabile per
l'applicazione dei regolamenti e delle norme risiede nella loro chiarezza e trasparenza. A tal
fine, l'applicazione della normativa è effettivamente svolta quando viene assegnata ad un
ente specifico e quando il ruolo di quest'ultimo non è in contrasto con quello di una qualsiasi
altra istituzione. Questo non è il caso della Turchia, dove istituzioni hanno il diritto di
interferire nel processo decisionale per l'applicazione delle normative ambientali, sminuendo
quindi la loro efficacia.
2. Informazione ambientale
L'informazione svolge un ruolo fondamentale in tutte le fasi del processo di gestione
ambientale. Sono necessari inventari di risorse per formulare degli standard; il monitoraggio
delle emissioni e degli scarichi dimostrerà se siano state rispettate le condizioni previste dalle
autorizzazioni; il monitoraggio della qualità dell'aria e dell'acqua mostrerà lo stato di salute
dell'ambiente. Nonostante i significativi progressi registrati nel monitoraggio ambientale e la
diffusione di informazioni da parte di molte istituzioni ambientali e non, come l'Istituto
Nazionale delle Statistiche e l'Ente Statale per la Pianificazione, non esistono regolari e
complete informazioni disponibili (dati ambientali, indicatori ambientali, stato dei rapporti
sull'ambiente, ecc.).
3. Partecipazione
In Turchia i meccanismi della partecipazione pubblica devono essere articolari a diversi livelli.
E ' importante ascoltare i cittadini quando i progetti sono in fase di proposta. Le procedure di
autorizzazione e di approvazione per la pianificazione territoriale e la protezione della qualità
dell'acqua e dell'aria hanno anche bisogno di essere aperte e facilmente accessibili al
pubblico senza costi eccessivi o ostacoli giuridici. L'assenza di una rendicontazione
ambientale e di informazioni da parte delle parti interessate porta a molti conflitti con le ONG
e, in generale, con l'opinione pubblica. Le ONG ambientali, che rappresentano la società
51
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
civile in generale, dovranno affrontare una serie di questioni al fine di potersi imporre come
partner stimolanti e costruttivi per il progresso ambientale.
In Turchia dovrebbe essere riconosciuto il ruolo costruttivo delle ONG ambientali, invitandole
a partecipare maggiormente al processo di formulazione delle politiche. A tutti i livelli, o in
tutti i settori, il governo potrebbe sostenere la partecipazione dell'opinione pubblica, fornendo
tempestivamente informazioni pertinenti. In Turchia questo è un problema che non si
riscontra solo nelle politiche governative. Le ONG ambientali, così come altre organizzazioni
simili, mancano di personale formato, specializzato e qualificato, di risorse finanziarie
sufficienti, dell'accesso ai fondi esteri, della gestione del ciclo progettuale e della
partecipazione dell'opinione pubblica.
4. Finanziamento delle misure ambientali
Il finanziamento delle misure ambientali in entrambi i settori, pubblico e privato, dipende dal
tipo di strumenti di finanziamento utilizzati, dalla determinazione del governo e raccogliere
fondi sufficienti e dalla capacità dell'economia di generare fondi.
La Turchia vorrebbe ridurre al minimo le future esigenze di finanziamento, ponendo la
massima enfasi sulle politiche preventive, sugli investimenti industriali, sulla produzione e
l'utilizzazione dell'energia, ecc. Per ogni settore deve essere sviluppata una strategia
specifica con lo scopo di prevenire l'inquinamento e di aumentare e sostenere l'uso delle
risorse. Un primo passo è già stato fatto in alcune zone della Turchia: l’utilizzo del gas
naturale in alcune aree urbane ha ridotto in modo significativo l'inquinamento in termini di
materia SO2 e di particolato. I costi associati sono relativamente bassi e in gran parte sono a
carico dei singoli nuclei famigliari che beneficiano di aria pulita. D'altra parte, tale strategia
deve anche comprendere investimenti per il controllo dell'inquinamento e l'introduzione di
tecnologie a bassa emissione nei nuovi siti industriali della Turchia. Questo sposterà l'onere
dei finanziamenti al settore privato. Gli incentivi alle imprese per investimenti ambientali sono
di solito forniti sulle tecnologie cosiddette "end-of-pipe". Occorre sviluppare meccanismi per
la promozione di tecnologie pulite.
I servizi ambientali forniti al pubblico, quali i sistemi idrici e fognari e la gestione dei
rifiuti solidi, sono notevoli e la necessità di fonti finanziarie sufficienti è particolarmente
urgente in Turchia in quanto la salute pubblica è in pericolo e un grave danno è stato
arrecato alle risorse idriche e alle regioni costiere. Al fine di risanare la situazione attuale, c'è
bisogno di ulteriori fondi per l'ambiente e di meccanismi di finanziamento ai comuni per
migliorare i loro progetti ambientali urbani. La Ilbank deve essere ristrutturata alla luce di tali
esigenze e il finanziamento dei comuni deve essere vincolato a parametri di costo-efficacia,
trasparenza e prestazioni. I meccanismi dovrebbero essere rivisti per favorire la
partecipazione dell'opinione pubblica sia al processo decisionale che all'attuazione dei
progetti ambientali a livello locale. Le sanzioni e le multe applicate per il mancato rispetto
delle normativa dovrebbe godere di un'applicazione più rigorosa e il 100% delle entrate
52
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
dovrebbero essere concessa ai comuni che le riscuotono. I fondi dovrebbero, quindi, essere
utilizzati per investimenti a scopo ambientale.
Tasse supplementari potrebbero essere imposte su alcuni prodotti inquinanti sia per
scoraggiarne l'uso che per generare fondi per lo smaltimento e trattamento dei rifiuti. E’
necessario ampliare il ricorso a strumenti economici per contribuire ad una gestione più
efficiente dell'ambiente e per garantire la prezzatura adeguata delle risorse naturali, come
l'acqua e l'energia, tenendo presente anche le condizioni sociali. La Turchia dovrebbe,
inoltre, ampliare e diversificare le fonti di finanziamento pubbliche, private e internazionali per
la tutela dell'ambiente e valorizzare il ruolo delle banche nel sostenere gli investimenti
ambientali.
Gli strumenti economici utilizzati per l'attuazione delle politiche ambientali sono insufficienti in
Turchia e i loro risultati non sono scientificamente analizzati. La Tassa sulla pulizia
dell'ambiente e i prezzi fissati per la benzina senza piombo sono esempi di insufficiente
utilizzo degli strumenti economici per la tutela dell'ambiente: ci dovrebbe essere una notevole
differenza di prezzo al fine di incoraggiare le persone a cambiare le proprie abitudini di
consumo.
5. Educazione ambientale
In Turchia, le discipline che si occupano dell'ambiente sono generalmente la progettazione
architettonica, alcuni rami dell'ingegneria (costruzione, chimica, fisica , ecc.), la sociologia,
l'economia, la biologia e la geografia. Negli ultimi anni, grazie all'istituzione del Dipartimento
di Ingegneria Ambientale, è emerso un nuovo ramo professionale: l'ingegneria ambientale. In
medicina esistono indirizzi quali la Salute Ambientale e la Sanità e la Medicina Pubblica.
Tuttavia, l'ecologia come disciplina autonoma manca ancora nei curricula universitari. I
concetti ambientali sono studiati solo in modo limitato nei corsi offerti dai dipartimenti di
Economia e di Giurisprudenza.
La Direzione Generale dell'Istruzione Secondaria Pubblica del Ministero della Pubblica
Istruzione continua a valutare l'implementazione dell'educazione ambientale. Pianifica di
sviluppare le tematiche ambientali nell'ambito dei corsi di biologia, geografia e filosofia. Lo
schema fornito da un programma ambientale incoraggerà un'azione specifica. Gli studenti
devono essere in grado di identificare le loro risorse naturali vitali e di utilizzarle per gli scopi
più opportuni nel quadro del nuovo programma.
In Turchia sta cominciando ad affermarsi l'istruzione universitaria nel settore ambientale.
Oggi ci sono 22 centri di ricerca ambientale in Turchia. Undici dipartimenti di ingegneria
ambientale sono stati istituiti nel corso degli ultimi 20 anni.
Ci sono programmi di master offerti nei corsi di studio ambientali. L'unico corso di bio-politica
per la durata di due semestri è offerto dal programma di dottorato in Scienze Ambientali
53
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Urbane presso l’Università di Ankara. Gli studenti di varie professioni, quali urbanisti,
architetti, biologi, giuristi e scienziati sociali possono partecipare a questo programma di
dottorato. Molti altri dipartimenti universitari si occupano di scienze ambientali, di
pianificazione della conservazione e dell'analisi della soglia, mentre altri dipartimenti, come
quelli di architettura, progettazione del paesaggio, chimica, ingegneria edile, fisica e medicina
offrono corsi ambientali.
G. Valutazione dell'Impatto Ambientale (VIA) in Turchia
Il Sistema della Valutazione di Impatto Ambientale (VIA), che incarna il "principio di
prevenzione" del diritto ambientale, è uno strumento importante per la tutela dell'ambiente.
Questo strumento ha una particolare importanza per la Turchia in quanto Paese in via di
sviluppo, ed è entrato nell'ordinamento turco nel 1983 con la Legge sull'Ambiente. Inoltre, il
Regolamento VIA, che sancisce i principi applicativi, è entrato in vigore nel 1993. Essendo la
Turchia candidata all'adesione all'Unione Europea (UE), il Regolamento VIA è stato
modificato nell'ambito della procedura di adeguamento all'UE, e la sua ultima versione è
entrata in vigore nel 2008.
1. Che cosa è la Valutazione dell'Impatto Ambientale (VIA)?
La Valutazione dell'Impatto è semplicemente definita come il processo di identificazione delle
future conseguenze di una azione corrente o proposta. Il concetto di "ambiente" è una
valutazione d'impatto evoluta da una focalizzazione iniziale sulle componenti biofisiche a una
definizione più ampia che comprende componenti quali quelle fisico-chimiche, le componenti
biologiche, visive, culturali e socioeconomiche dell'ambiente totale.
Secondo il Regolamento VIA turco ("Regolamento VIA"), la VIA si riferisce agli studi da
effettuare per la determinazione dei probabili effetti positivi o negativi che i progetti avranno
sull'ambiente, lo studio di possibili misure di protezione ambientale relative a tali progetti al
fine di minimizzarne gli effetti negativi, l'accertamento e la valutazione delle alternative
tecnologiche e delle sedi selezionate e il monitoraggio e il controllo dell'attuazione di tali
progetti.
La VIA fornisce informazioni sui potenziali impatti ambientali e sociali, negativi e positivi, dei
progetti previsti. Essa mira, inoltre, a formulare raccomandazioni per la mitigazione dei
potenziali impatti negativi e la valorizzazione di quelli positivi. Un'indagine sul campo del sito
del progetto deve essere condotta e i potenziali impatti ambientali delle attività del progetto
devono essere identificate, valutate e documentate.
Lo scopo del processo di valutazione ambientale può essere definito come segue:
•
sostenere gli obiettivi di tutela ambientale e dello sviluppo sostenibile;
•
integrare la tutela ambientale e le decisioni economiche nelle primissime fasi della
pianificazione di un'attività;
54
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
•
prevedere le conseguenze ambientali, sociali, economiche e culturali di un progetto di attività
e valutare i piani per attenuare gli eventuali effetti negativi derivanti dall’attività proposta.
2. Fasi del processo VIA
Ai sensi della normativa vigente, alcune tipologie di progetti sono soggette a determinati
requisiti che il titolare deve possedere per ottenere una "VIA positiva", mentre altri progetti
sono soggetti a "Criteri di Selezione e di Eliminazione". Di conseguenza, il Ministero decide
se la "VIA non sia richiesta" o se il conseguimento di una "VIA positiva" sia necessario. Gli
Allegati del Regolamento VIA stabiliscono una distinzione dettagliata tra le varie tipologie di
progetto.
2.1. Procedura di applicazione per il rapporto VIA
Ai sensi della normativa vigente la procedura di applicazione per ottenere una parere di "VIA
Positiva" può essere semplificata in sei (6) passi.
1. Avvio del Processo VIA, Istituzione della Commissione: Il titolare del progetto deve
presentare richiesta al Ministero esibendo i documenti necessari; il Ministero esamina
la documentazione e le informazioni dal punto di vista dell'adeguatezza. Nel caso in
cui la richiesta sia stata debitamente redatta e presentata, il Ministero, tenendo conto
delle informazioni fornite con la richiesta stessa, istituisce una Commissione composta
dai rappresentanti delle istituzioni e organizzazioni interessate, dai funzionari del
Ministero e dal titolare del progetto e/o dai suoi rappresentanti. I membri che
rappresentano le istituzioni e le organizzazioni nella Commissione devono essere
dotati di sufficienti conoscenze professionali ed esperienza e devono essere
autorizzati a formulare pareri limitatamente ai settori di competenza delle istituzioni e
delle organizzazioni che essi rappresentano.
2. Riunione di Partecipazione Pubblica: La Partecipazione Pubblica può essere definita
come il coinvolgimento di individui e gruppi che si ritiene possano essere colpiti
positivamente o negativamente dall'intervento oggetto del processo decisionale o che
siano interessati allo stesso. Prima della data della Riunione della Commissione per la
Definizione dello Scopo e del Formato, il titolare del progetto organizza una Riunione
sulla Partecipazione Pubblica in una data concordata con il Ministero sul sito del
progetto allo scopo di informare l'opinione pubblica e raccogliere pareri e
raccomandazioni riguardanti il progetto stesso.
3. Riunione della Commissione per la Definizione dello Scopo e del Formato: Il formato
speciale definito dalla Commissione deve essere comunicato entro un certo periodo
dal Ministero al titolare del progetto e/o al suo rappresentante. Il titolare del progetto è
tenuto a presentare la relazione della VIA al Ministero entro un determinata scadenza.
Nel caso in cui la relazione della VIA non sia stata presentata o non sia stata richiesta
55
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
entro la scadenza prevista una proroga di tempo con le relative motivazioni, la
richiesta viene considerata nulla.
4. Presentazione della Relazione della VIA: Ai sensi del regolamento sulla VIA, il titolare
del progetto presenta la Relazione della VIA al Ministero. La Relazione della VIA deve
essere esaminata dal Ministero dal punto di vista della conformità con il formato
generale e per appurare se essa sia stata redatta o meno dagli specialisti
professionisti che avrebbero dovuto partecipare al gruppo di lavoro. Un numero di
copie sufficienti della Relazione VIA redatta sulla base del formato speciale devono
essere approntate ad opera del titolare del progetto e presentate al Ministero. L'avvio
del processo di esame e valutazione del progetto e la consegna della Relazione VIA
deve essere notificata da parte del Ministero e dalla prefettura competente all'opinione
pubblica tramite adeguati mezzi di comunicazione quali cartelloni pubblicitari, annunci,
internet, ecc.
5. Esame della Relazione VIA: Nel corso delle riunioni di esame e di valutazione, la
Commissione esamina e valuta se la Relazione VIA e i suoi allegati siano sufficienti e
appropriati, se gli esami, i calcoli e le valutazioni siano basate sul un livello sufficiente
di dati, informazioni e documentazione, se i probabili impatti ambientali del progetto
siano stati sufficientemente esaminati, se sono state determinate le misure necessarie
per dissipare i probabili effetti negativi, se la Riunione di Partecipazione si sia
regolarmente conclusa e se le questioni evidenziate durante la Riunione di
Partecipazione Pubblica siano state risolte.
6. La presentazione della Relazione Finale sulla VIA e la decisione di "VIA Positiva" o
"VIA Negativa": Il titolare del progetto presenta al Ministero la Relazione VIA messa a
punto dalla Commissione e gli altri documenti. Il Ministero deve fornire un parere di
"VIA positiva" o "VIA negativa" entro un certo periodo, tenendo conto degli studi della
Commissione effettuati sulla relazione VIA e sottoporre tale parere per iscritto al
titolare del progetto e alle istituzioni ed organizzazioni competenti. La Prefettura,
tramite adeguati mezzi di comunicazione, deve rendere noto il contenuto della
decisione, le motivazioni della stessa nonché il fatto che i pareri e le raccomandazioni
dell'opinione pubblica siano state prese in considerazione nella Relazione VIA Finale.
Nel caso in cui gli investimenti necessari non vengano avviati entro sette (7) anni dalla
data della decisione di "VIA positiva", tale decisione è da considerarsi nulla.
2.2. Procedura per i progetti sottoposti ai criteri di selezione ed eliminazione
Nel caso in cui la tipologia o lo scopo del progetto sia soggetto ai criteri di selezione e di
eliminazione, il titolare del progetto deve richiedere dal Ministero un esame per determinare
se il progetto stesso necessiti di una procedura di richiesta di VIA.
Il Ministero esamina e valuta i progetti che sono soggetti ai criteri di selezione e di
eliminazione ai sensi del Regolamento VIA. In questa fase, il Ministero, nel caso lo ritenga
56
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
necessario, può richiedere al titolare del progetto di fornire informazioni complete e
dettagliate sullo stesso, gli strumenti e i mezzi necessari e di commissionare a istituzioni
accreditate analisi, esperimenti e misurazioni.
Il Ministero completerà i propri studi entro un predeterminata scadenza e fornirà il parere di
"VIA Necessaria" o di " VIA Non Necessaria". Ai sensi del regolamento VIA, tale decisione
deve essere notificata anche all'opinione pubblica. Nel caso in cui i progetti non vengono
avviati entro il periodo indicato a partire dalla data del parere di "VIA Non Necessaria", tale
stessa decisione è considerata nulla.
Va inoltre rilevato che i progetti per i quali è stata formulata la decisione di "VIA Necessaria"
ai sensi del Regolamento VIA saranno soggetti alle procedure previste dal Regolamento VIA.
3. Monitoraggio dei progetti ai sensi del regolamento VIA
Il Ministero, come nel caso dei progetti per i quali è stato formulato il parere di "VIA
Necessaria" o di " VIA Non Necessaria", dovrà monitorare e controllare se le tematiche
contemplate nella Relazione VIA o nella richiesta formulata sulla base delle disposizioni del
Regolamento VIA e affidate al titolare del progetto siano state soddisfatte o meno. Il
Ministero, se ritenuto necessario, coopera con le istituzioni e le organizzazioni competenti nel
realizzare tale compito. Inoltre, i titolari del progetto o i loro rappresentanti delegati sono
tenuti a presentare alle autorità competenti le relazioni sul monitoraggio delle fasi di
avviamento, realizzazione, funzionamento e post-operatorie degli investimenti,
successivamente all’ottenimento del parere di "VIA Necessaria" o di " VIA Non Necessaria"
Se a seguito del parere di "VIA Necessaria" o di " VIA Non Necessaria", viene appurato che i
titolari dei progetti non soddisfano le condizioni previste e sancite dalle relazioni VIA, il
Ministero, e in certi casi la prefettura preposta, può concedere una proroga una tantum, al
fine di garantire l'adempimento di tali condizioni da parte del titolare del progetto. Nel caso in
cui le summenzionate condizioni non vengano soddisfatte entro la scadenza concessa,
l'investimento viene sospeso.
H. Opportunità di mercato per i beni ed i servizi ambientali
Esistono significative opportunità in Turchia per le esportazioni e / o per gli investimenti diretti
nella gestione dei rifiuti pericolosi, la gestione dei rifiuti solidi, il trattamento delle acque e
delle acque reflue, così come per la generazione avanzata di energia convenzionale e delle
energie rinnovabili. Esistono opportunità future anche nel controllo dell'inquinamento
atmosferico, nelle tecnologie pulite, nelle tecnologie di produzione e nella gestione
57
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
patrimoniale. Una mappa delle opportunità attuali e future nei mercati dell'ambiente e delle
risorse a bassa emissione di carbonio è riportato di seguito.
Tabella 13: Opportunità per i Beni e i Servizi Ambientali
Opportunità per i Beni e i Servizi Ambientali (EGS)
Settore
Opportunità Attuali
Opportunità Future
Normativa Quadro
Inquinamento dell'Aria e
Buono
Controllo
Tecnologie Pulite
Gestione dell'Energia
Discreto
Consulenza Ambientale
Buono
Monitoraggio Ambientale
Basso
Inquinamento Marino
Basso
Gestione dei Rifiuti
Discreto
Risorse Idriche
Discreto
Buono
EGS Totale
Legenda
colori
Dimensioni relativamente grandi del mercato e delle attività, regolamentazione
relativamente esigente, spesa pubblica relativamente elevata in questo settore e
commercio e regime degli investimenti relativamente liberale.
Miscela di mercato e attività di dimensioni modeste, regolamentazione
modestamente esigente, spesa pubblica di livello modesto e commercio e
investimenti in fase di liberalizzazione ma tuttora restrittivi.
Mercato e attività di dimensioni minime o inesistenti, nessuna regolamentazione,
commercio e regime di investimenti restrittivi
Nel 2003 la spesa ambientale totale è stata pari all'1,6% del PIL ed è stata inferiore al 1,2%
nel 2012 (che ha visto una crescita particolarmente rapida del PIL). Nel 2012, la spesa
ambientale totale operata dal settore pubblico in Turchia è stata pari a 17,6 miliardi di TRY
(7 miliardi di euro), composta al 67,6% dalle spese correnti e al 32,4 % dagli investimenti. Il
governo ha contribuito al 73,1% del finanziamento totale, mentre il contributo del settore
pubblico è stato del 26,9%. Il governo locale ha fornito il 79,7% del totale dei finanziamenti
governativi.
Esistono circa 150 aziende nel mercato ambientale locale le cui capacità sono per lo più
amministrative; esse possiedono generalmente una capacità limitata nell'assumere progetti
ambientali su ampia scala.
I problemi affrontati dalle imprese locali sono la mancanza di standard generali, le soluzioni
specifiche adottate per ciascun settore, le carenze nel controllo degli impianti di trattamento e
di riciclaggio e la mancanza di chiarezza tra i ruoli delle amministrazioni centrali e quelle
locali.
58
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Le imprese locali tendono a cercare partner stranieri per assumere progetti più grandi e le
norme sono diventate sempre più favorevoli agli investimenti esteri. Le società straniere
hanno intrapreso progetti in vari settori quali la gestione delle acque, delle acque reflue e dei
rifiuti solidi.
1. Gestione dei rifiuti
In Turchia vengono prodotte circa 30 milioni di tonnellate di rifiuti solidi ogni anno. Quasi
tutti i rifiuti domestici vengono convogliati senza alcun trattamento nelle zone di stoccaggio e
nelle discariche comunali. Il numero degli inceneritori è alquanto esiguo. Tuttavia, negli ultimi
anni vi è stato un aumento nella quantità di rifiuti solidi che sono stati smaltiti attraverso
l'utilizzo di impianti di compostaggio.
Vi è la necessità di attrezzature per la movimentazione e il trattamento dei rifiuti solidi e di
tecnologie per la raccolta, la separazione, il riciclaggio e l'incenerimento dei rifiuti. Tuttavia, le
finanze pubbliche turche messe a disposizione sono limitate. Sebbene vi sia stato un
aumento della spesa pubblica nell'arco degli ultimi dieci anni, la percentuale continua ad
essere molto esigua.
La maggior parte degli investimenti necessari saranno effettuati tra il 2012 e il 2018, con una
spesa annua di circa 100 milioni di Euro. Inoltre, l'impresa petrolchimica di proprietà statale
sta progettando la costruzione di una nuova struttura per la gestione dei propri rifiuti. Le
aziende ambientali che forniscono servizi di consulenza, ingegneria o attrezzatura inerenti il
trattamento dei rifiuti pericolosi / sanitari dovrebbero essere molto attive in Turchia nel breve
e nel medio termine.
Al fine di generare energia alternativa, presso alcune discariche della Turchia sono in fase di
avvio progetti per la produzione di energia dai rifiuti. Il numero di discariche in Turchia non è
sufficiente per lo stoccaggio dei rifiuti solidi. Avrà inizio la costruzione di nuove discariche e le
aziende interessate alla loro costruzione e gestione potrebbero essere determinanti in questo
settore. Sono, inoltre, necessarie le attrezzature per la movimentazione dei rifiuti solidi in fase
di raccolta o presso le discariche.
2. Risorse idriche e gestione
La rete d'acqua potabile rifornisce circa il 99% della popolazione urbana. Il numero degli
impianti di acqua potabile è aumentato nel corso degli ultimi dieci anni ma la necessità è
ancora alta. Solo il 50% della popolazione è connessa agli impianti di trattamento e quelli
esistenti necessitano di migliorie. Il tutto crea un'ampia opportunità di sviluppo.
Vi è una crescente domanda per l'approvvigionamento idrico ad uso domestico e industriale,
ma le risorse di acqua dolce facilmente sfruttabili sono in diminuzione e stanno premendo sul
bilancio. Il governo ha reagito con l'introduzione di nuovi principi nella normativa, compreso il
Regolamento sul Controllo dell'Inquinamento Idrico.
59
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Le municipalità rifornite da impianti di depurazione delle acque reflue rappresentano l'88%
della popolazione. Lo sviluppo del trattamento delle acque e delle acque reflue urbane è
più rapido rispetto alle altre aree della protezione ambientale. Esistono ancora migliaia di
comuni che non dispongono di adeguati sistemi di trattamento delle acque e delle acque
reflue. Alcune delle città più piccole, a causa della loro limitata capacità finanziaria, non sono
in grado di intraprendere progetti di grandi dimensioni con gli operatori internazionali, ma vi
sono ancora città con popolazioni superiori a 250.000 abitanti tuttora sprovviste di un
impianto di trattamento.
Questo crea un grande potenziale di opportunità di sviluppo, anche se l'attuale spesa
pubblica riservata all'acqua è limitata. I consulenti o i produttori di attrezzature esteri
potrebbero trovare ampi spazi e opportunità di business in questo settore nel caso vi sia una
più ferrea applicazione dei regolamenti e un aumento dei finanziamenti pubblici.
3. Inquinamento dell'aria
Il monitoraggio della qualità dell'aria in Turchia è attualmente molto limitato. La Turchia sta
lavorando per migliorare la politica dell'aria e il controllo della gestione dell'energia per potersi
adeguare alle norme integrate di prevenzione e di controllo UE. Finora l'intervento del settore
pubblico nei confronti dell'inquinamento atmosferico è stato di dimensioni limitate.
Tuttavia, il Ministero dell'Ambiente e le municipalità locali dovranno investire in nuove
stazioni di rilevamento per integrare le attuali 209 stazioni di controllo della qualità dell'aria
già attive in 81 province. Si attende una richiesta per display elettronici e dispositivi di
monitoraggio per gli impianti di riscaldamento così come la crescita del mercato per i
produttori di dispositivi di controllo delle emissioni.
4. Inquinamento marino
Il Piano di Azione Ambientale Nazionale (1999) individuava i principali problemi riguardanti le
risorse marine, come i rifiuti del turismo e delle acque reflue industriali. Allo stato attuale, la
crescita non è gestita in modo da garantire il controllo dei livelli dei rifiuti, gli incidenti e gli
sversamenti che minacciano le risorse marine. Secondo il NEAP, la crescita deve essere
gestita in modo più efficace e si devono implementare controlli più rigorosi in materia di rifiuti.
In termini di inquinamento dei mari, il discarico annuale nel Mediterraneo dei fiumi e dei
canali fognari è di oltre 400 miliardi di metri cubi. Questo contiene sostanze altamente
tossiche come il piombo, il mercurio, il cromo e lo zinco, principalmente provenienti da attività
agricole.
I. Conclusioni
La Turchia ha subito grandi cambiamenti economici negli ultimi anni, parallelamente ad una
rapida crescita economica e a cambiamenti strutturali. La privatizzazione delle imprese
statali, la liberalizzazione dei prezzi, l'integrazione all'economia europea tramite l'Unione
60
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Doganale, la candidatura di adesione all'UE e la partecipazione all'economia globale sono
esempi di tali cambiamenti strutturali.
La popolazione della Turchia ha raggiunto i 77 milioni e continua a detenere uno dei tassi più
alti in ambito OCSE. Continua la migrazione dalle aree rurali verso le aree urbane, industriali
e turistiche.
La Turchia affronta oggi la sfida di bilanciare questa crescita economica con lo sviluppo
ambientale e sociale. Nel corso dell'ultimo decennio il paese ha sperimentato crescenti
pressioni ambientali sul processo decisionale e ha compiuto significativi progressi nei settori
dell'energia , dell'industria e del turismo.
Un certo numero di riforme istituzionali e legislative sono state implementate: è stato istituito il
Ministero dell'Ambiente e Urbanizzazione, la normativa ambientale e gli strumenti per la
protezione dell'ambiente sono stati riformati; è stata introdotta la VIA ed è stato redatto
dall'Ente di Pianificazione Statale, con il sostegno finanziario della Banca Mondiale, il Piano
d'Azione Nazionale per l'Ambiente (NEAP), adottato nel 1998 come parte integrante del
piano di sviluppo nazionale.
Tuttavia, la maggior parte delle infrastrutture ambientali necessarie deve ancora essere
creata nelle aree urbane e industriali.
La strada che porta alla coscienza ambientale richiederà maggiori sforzi da parte del governo
centrale, delle municipalità e del settore privato in quanto in Turchia l'ambiente aveva nel
passato una priorità relativamente bassa.
La sfida della Turchia, quindi, è di:
•
Attuare politiche ambientali e rafforzare le infrastrutture della gestione ambientale al fine di
fornire capacità di applicazione;
•
Integrare le preoccupazioni ambientali nelle decisioni economiche come pure nella vita
quotidiana;
•
Investimenti ambientali per la prevenzione dell'inquinamento e l'uso sostenibile delle risorse;
•
Rispettare gli impegni internazionali assunti dal paese con la ratifica delle convenzioni
internazionali in materia ambientale e conseguentemente fornendo un'efficace attuazione delle
disposizioni.
Gli altri progressi che si sono registrati nel settore includono un significativo aumento dei
poteri delle amministrazioni provinciali e locali in materia di questioni ambientali e gli sforzi a
favore della protezione ambientale, come la certificazione dei sistemi di gestione ambientale
da parte delle industrie ad alto tasso d'esportazione. Tuttavia, questi progressi non sono
61
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
sufficienti a far fronte alle maggiori pressioni di un'industrializzazione senza regole e di una
crescita urbana non pianificata.
L'applicazione delle leggi ambientali, la mancanza di informazioni in materia, la
partecipazione dell'opinione pubblica, l'insufficienza dei finanziamenti nel settore e la limitata
capacità istituzionale sono i problemi che devono essere affrontati con urgenza. Ci vorrà
tempo e uno sforzo considerevole. Un forte impegno è necessario per trasformare le pratiche
di gestione ambientale nonché per mobilitare le adeguate risorse finanziarie per inserire le
preoccupazioni ambientali all'ordine del giorno.
La volonta di aderire all'UE potrebbe stimolare gli sforzi e aiuterebbe il paese ad individuare
gli obiettivi per attuare un'economia rispettosa dell'ambiente e della società. I benefici
derivanti dall’attuazione della legislazione ambientale dell'UE e l'adozione di pratiche
ambientali in Turchia sono innegabili e sono ora all'ordine del giorno nell’agenda del governo
turco, con l’approvazione del programma nazionale.
J. APPENDICE
Principali Istituzioni ed Enti
Denominazione
The State
Hydraulic Works
http://en.dsi.gov.tr
+90 312
417 83 00
The State
Planning
Organization
http://www.mod.gov.tr
+ 90 312
294 50 00
The Authority for
the Protection of
Special Areas
http://www.csb.gov.tr/gm/tabiat/
+90 312
222 1234
Ilbank
http://www.ilbank.gov.tr
+90 312
508 70 00
Indirizzo
Devlet Mahallesi ,
Inonu Bulvari No:
16 Cankaya / Ankara
TC Kalkınma
Bakanlığı Necatibey
cad. No:110/A
Yücetepe Ankara
Mustafa Kemal
Mahallesi Eskişehir
Devlet Yolu Çankaya
Ankara
Atatürk Bulvarı No:21
Opera Ulus - Ankara
+90 312
287 33 60
Eskişehir Yolu 9. Km
Lodumlu - Ankara
http://www.kultur.gov.tr
+90 312
309 08 50
Atatürk Bulvarı No: 29
06050 Opera / Ankara
http://www.csb.gov.tr/ +90 312
410 10 00
Vekaletler Cad. No:1
Bakanlıklar / Ankara
http://www.ormansu.gov.tr/ +90 312
207 50 00
Söğütözü Cad. No:
14/E - ANKARA
+90 312
410 82 10
Esat Cad. No:41
Küçükesat 06660 /
ANKARA
The Ministry of
Food, Agriculture
and Livestock
The Ministry of
Culture
The Ministry of
Environment and
Urbanization
The Ministry of
Forestry
Hydraulic Works
The Turkish
Accreditation
Council
Sito Web
http://www.tarim.gov.tr
http://www.turkak.org.tr E-mail
[email protected]
[email protected]
Telefono
62
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Under-secretariat
for Maritime
Affairs
http://www.didgm.gov.tr +90 312
203 10 00
Hakkı Turayliç
Caddesi No:5 Emek /
Çankaya / ANKARA
Organizzazioni non governative
Denominazione
The Environment and
Culture Agencies
Cooperation Association
(CEKUD)
The Environment
Foundation of Turkey
(TCV)
The Turkish Foundation
for Combating Soil
Erosion for Reforestation
and Protection of Natural
Habitats (TEMA)
The Turkish Marine
Environment Protection
Association (TURMEPA)
Sito Web
E-mail
Telefono
Indirizzo
http://www.cekud.org.tr [email protected]
+90 212
621 77 00
Fevzipaşa Cd.
Kınalızade Sk. Ilgaz Ap.
No: 7/2 Fatih – İstanbul
http://www.cevre.org.tr [email protected]
+90 312
425 55 08
Tunalı Hilmi Caddesi
50/20 06660 Ankara
[email protected]
+90 212
283 78 16
Çayır Çimen Sokak
Emlak Kredi Blokları A-2
Blok Kat:2 Daire:8
Levent Istanbul
+90 216
310 9301
Nakkaştepe, Aziz Bey
Sokak No:1 Kuzguncuk İstanbul
http://www.tema.org.tr http://www.turmepa.org.tr
Principali Societa’
Denominazione
Sito Web
E-mail
Telefono
Thames Water
http://www.thameswater.co.uk [email protected]
+44 0845
850 2777
Grontmij
http://www.grontmij.com.tr/ [email protected]
+90 212
290 2880
Agbar
http://www.agbar.es/en +34 933 42
20 00
Wabag
http://www.wabag.com/tr [email protected]
+90 212
438 12 26
Indirizzo
Clearwater
Court
Vastern Road
Reading RG1
8DB UK
Dereboyu
Cad. Meydan
sok. No:1
Beybi Giz
Plaza K:10
B:36 MaslakIstanbul
Avinguda
Diagonal,
211, 08018
Barcelona,
Spain
Oruç Reis
Mah.,
Tekstilkent
Cad. No: 12
Koza Plaza
A-Blok Kat: 8
No: 29-32
63
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
EsenlerIstanbul
Fiere
Denominazione
REW İstanbul: International
Recycling, Environmental
Technologies and Waste
Management Trade Fair
Localita’
İstanbul
Organizzatore
İFO İstanbul Fuar Hizmetleri
Sito Web
http://www.rewistanbul.com/
64
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Profili aziendali
Akademi Çevre Danışmanlık Hiz. İnş. San. ve Tic. Ltd. Şti.
Indirizzo
Orta Mah. Demokrasi Cad. No:92/1 P.K. 34956 Tepeören – Tuzla,
İstanbul
Telefono
+90 216 304 25 15
Fax
+90 216 304 19 75
E-mail
[email protected]
URL
www.akademicevre.com
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
Akademi Çevre é una societa' di consulenza nel campo della raccolta
dei rifiuti elettrici e elettronici, decomposizione chimica e feedback
operata tramite varie autorizzazioni e licenze nella regione industriale.
L'azienda conduce attivita' di stoccaggio intermedio di batterie e
accumulatori tramite l'autorizzazione "APAK Stoccaggio Intermedio di
Accumulatori di Risulta" rilasciato dalla Repubblica di Turchia,
Amministrazione Provinciale di Istanbul, Direzione Provinciale del
Ministero dell'ambiente e Delle Foreste.
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni
(%fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,temporanei)
N/A
Opportunita' di cooperazione:
Trasferimento di know-how e tecnologia
Formazione
Assistenza tecnica
□
□
□
65
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Akar Makina
Indirizzo
Organize San. Böl. 14.Cadde No:8 Eskişehir
Telefono
+90 222 236 17 00
Fax
+90 222 236 17 02
E-mail
[email protected]
URL
www.akarmak.com.tr
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
La Akar produce macchinari/attrezzature per l'industria della
ricostruzione dei pneumatici e per l'industria dell'acciaio, nonché
autoclavi e serbatoi pressurizzati per altri rami industriali. La Akar
produce macchinari dall'alto valore aggiunto e produzioni su disegno
per la clientela operante nell'industria dell'acciaio.
La Akar vanta inoltre una vasta esperienza e capacita' nella produzione
di autoclavi. Le autoclavi possono essere utilizzate nel settore della
laminazione del vetro, dei materiali compositi, della ricostruzione dei
penumatici, della vulcanizzazione della gomma, dei materiali da
costruzione, dell'industria alimentare e della sterilizzazione.
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
N/A
Opportunita' di cooperazione:
Trasferimento di know-how e tecnologia
□
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
Investimento diretto
□
Assistenza tecnica
□
66
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Alp Kompozit Yapı İnşaat Taahhüt San. ve Tic. A.Ş.
Indirizzo
Uşak Karma Organize Sanayi Bölgesi 4.Cad. No:36 Uşak
Telefono
+90 276 234 00 10
Fax
+90 276 234 00 11
E-mail
[email protected]
URL
www.alpkompozityapi.com
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
Settori di attivita': Torri di raffreddamento d'acqua, trattamento acque
industriali, lavori edilizi, servizi di ingegneria.
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
N/A
temporanei)
Opportunita' di cooperazione:
Trasferimento di know-how e tecnologia
□
Joint Venture
□
Investimento diretto
□
Assistenza tecnica
□
67
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
68
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Arasya Atık Su Arıtma ve Kurutma Sistemleri A.Ş.
Indirizzo
Bağdat Cad. Öncü Sk. Büyükhanlı Blokları B1 Blok Kat:9 D:25
Suadiye, İstanbul
Telefono
+90 216 445 32 42
Fax
+90 216 445 32 44
E-mail
[email protected]
URL
www.arasya.com.tr
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
Sistemi di cogenerazione
Esiccazione e bruciatura dei fanghi
Costruzioni
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
N/A
temporanei)
Opportunita' di cooperazione:
Trasferimento di know-how e tecnologia
□
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
Investimento diretto
□
Assistenza tecnica
□
69
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Arsimak Arıtma Sis. Mak. İnş. San. ve Tic. Ltd. Şti.
Indirizzo
Sultan Orhan Mah. Hasköy San. Sit.14/B Blok No:7 Gebze, Kocaeli
Telefono
+90 262 644 80 89
Fax
+90 262 642 21 17
E-mail
[email protected]
URL
www.arsimak.com
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
Arsimak é un produttore di attrezzature e una societa' di progetto.
Arsimak é una azienda che fornisce servizi completi di ingegneria,
design, lavorazione e installazione.
Settori di attivita': Trattamenti biologici, filtri a pressa, filtri a
nastropressa, rabotti.
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
N/A
temporanei)
Opportunita' di cooperazione:
Trasferimento di know-how e tecnologia
□
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
Investimento diretto
□
Assistenza tecnica
□
70
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Aymas Mak. San. Ve Tic. Ltd. Şti.
Indirizzo
Ankara Asfaltı 22.Km No: 63 Pk.: 35730 Kemalpaşa, İzmir
Telefono
+90 232 478 25 86
Fax
+90 232 478 51 21
E-mail
[email protected]
URL
www.aymasmakina.com
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
Produzione di macchinari e equipaggiamenti con macchinari e
tecnologie d'avanguardia.
Gamma prodotti: Presse rottami, pressa rottami, frantoi per sfridi,
presse per bricchettaggio, taglierine per rottami, presse per lattine
usate, spelafili, tramogge vibranti, separatori magnetici e sistemi di
trasporto dei rottami
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
N/A
temporanei)
Opportunita' di cooperazione:
Trasferimento di know-how e tecnologia
□
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
Investimento diretto
□
Assistenza tecnica
□
71
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Çağsel Aritma Ekip Makine İmalat Ve İnş. Tic. Ltd. Şti.
Indirizzo
Adres Sultan Orhan Mah Hasköy Sanayi Sitesi 12/A blok No: 9
Gebze, Kocaeli
Telefono
+90 262 642 60 29
Fax
+90 262 642 60 16
E-mail
[email protected]
URL
www.cagselaritma.com.tr
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Descrizione delle
attivita'
Dati economici
Area d'attivita':
Impianti di trattamento delle acque reflue
Impianti di trattamento dell'acqua potabile
Cemento biologico e armato - Impianti di trattamento delle acque reflue
chimiche
Impianti di acqua potabile, RO e ultra filtrazione
Impianti di trattamento degli odori
Stazioni di fornitura dell'acqua
Lavori elettrici e di automazione
Produzione di attrezzature meccan,che
Oltre a servizi di assemblaggio, implementazione, operazione,
progettazione, consulenza e manutenzione, la Çağsel produce anche
attrezzature per altre aziende di trattamento.
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
N/A
temporanei)
Opportunita' di cooperazione:
Trasferimento di know-how e tecnologia
□
Joint Venture
□
Investimento diretto
□
Assistenza tecnica
□
72
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Çinkanlar Kim. Mad. Tic. Ve San. Ltd. Şti.
Indirizzo
Ansızca Köyü, Akkoca Mevkii Ankara Asfaltı 25.km Kemalpaşa, İzmir
Telefono
+90 232 878 33 33
Fax
+90 232 878 81 18
E-mail
[email protected]
URL
www.cinkanlar.com
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
Importazione di vernici, diluenti e solventi; produzione di resine e
prodotti speciali; raccolta, separazione e riciclaggio dei rifiuti presso gli
impianti aventi una superificie di 36.000 m2 e siti nella Zona Industriale
di Kemalpaşa, Izmir grazie alle autorizzazione concesse dal Ministero
dell'Ambiente e Urbanizzazione.
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
Opportunita' di cooperazione:
N/A
Trasferimento di know-how e tecnologia
□
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
Investimento diretto
□
Formazione
□
Assistenza tecnica
□
73
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Erçim Geri Kazanım Sistemleri San. ve Tic. Ltd. Şti.
Indirizzo
Eğitim mah. Poyraz sk. No:1 Söğütlüçeşme İş Merkezi Kat 5 D:57
Kadıköy, İstanbul
Telefono
+90 216 546 10 92
Fax
+90 216 546 05 92
E-mail
[email protected]
URL
www.ercim.com
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
Progettazione, industrializzazione, produzione e manutenzione di
sistemi di lavorazione della carne e riciclaggio di sottoprodotti animali.
Consulenza e appaltatore.
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
N/A
temporanei)
Opportunita' di cooperazione:
Trasferimento di know-how e tecnologia
□
Joint Venture
□
Investimento diretto
□
Assistenza tecnica
□
74
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
75
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Esman Çega Esman Çevresel Ekipmanlar Güv. Araç Ve Sis. San. ve Tic. Ltd. Şti.
Indirizzo
İkitelli OSB. Metal-İş Sanayi Sitesi, 9.Blok, No:4-6-8-10 Başakşehir,
İstanbul
Telefono
+90 212 671 93 10
Fax
+90 212 671 49 19
E-mail
[email protected]
URL
www.esmancega.com
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Descrizione delle
attivita'
Dati economici
Attrezzature ambientali
Attrezzature per la pulizia
Attrezzature per la pulizia per uso manuale
Attrezzature lavaggio strade, tunnel a barriere
Veicoli per la raccolta di rifiuti
Veicoli per la pulizia delle spiagge
Sistemi per la raccolta di rifiuti
Attrezzature per la canalizzazione e la pulizia
Attrezzature polifunzionali per la pulizia
Attrezzature e Sistemi di Sicurezza:
Sistemi per la prevenzione di incendi
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
Opportunita' di cooperazione:
N/A
Trasferimento di know-how e tecnologia
□
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
Investimento diretto
□
Assistenza tecnica
□
76
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
2. LA GESTIONE DELLE RISORSE IDRICHE
A. Introduzione
L’acqua influenza la salute sociale, il
benessere, la conservazione dell'ecosistema e
lo sviluppo economico di un paese, ma
purtroppo e’ una risorsa naturale limitata. A
causa degli effetti del riscaldamento globale e
del suo impatto negativo sul clima, molti paesi
del mondo si troveranno costretti ad affrontare
gravi carenze di questa risorsa. La
pianificazione, la gestione e la conservazione
di questo prezioso elemento e’ divenuta quindi
essenziale.
La Turchia si trova in una parte del Medio
Oriente caratterizzata oggi da risorse idriche
limitate. Mentre prima del 2000 il Paese era un
paese ricco d'acqua, ora è annoverato tra i paesi aventi problemi idrici. L'impropria gestione
delle acque, le politiche idriche attuate, l'aumento della popolazione, l’accresciuta domanda
di acqua sono tra le cause più significative dei problemi attuali.
In Turchia sono state adottate misure significative circa la gestione sostenibile delle risorse
idriche nel quadro dell’avvicinamento all’acquis comunitario. L'adeguamento alla direttiva
quadro sulle acque (WFD) rappresenta il passo più significativo, ma altre normative
dovrebbero essere riviste e molte norme giuridiche dovranno ancora essere implementate
per conformarsi completamente alla direttiva quadro sulle acque.
Considerando le autorità e le responsabilità delle istituzioni nella gestione delle risorse idriche
della Turchia, si notano svariate lacune. La mancanza di coordinamento tra esse, la
mancanza di risorse e di efficaci sistemi di monitoraggio e valutazione rappresentano i
problemi più significativi. Il Paese dovrebbe riesaminare diverse leggi e regolamenti relativi le
risorse idriche. Dovrebbe essere ratificata una 'Legge sull'Acqua', in grado di garantire una
gestione e pianificazione integrata delle risorse idriche, l'adeguamento a nuove tecnologie, in
modo da meglio rispondere alle richieste e agli interessi nazionali.
77
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
B. Potenziale idrico delle Turchia
1. Clima
Il clima del Paese si presenta come semi-arido, con temperature estreme. I dati relativi al
clima ed alle precipitazioni mostrano grande variabilità; nella parte più alta dell'altopiano
interno anatolico, gli inverni sono freddi con primavere in ritardo, mentre le coste circostanti
godono di un clima mediterraneo molto più mite. Le precipitazioni medie annue sono di 643
millimetri, oscillando tra i 250 mm della parte sud-orientale e gli oltre 3,000 millimetri della
zona costiera nord orientale del Mar Nero. La cifra media annuale delle precipitazioni è pari
ad una media di 501 miliardi di m3 di acqua. Circa il 70 % delle precipitazioni totali si
realizzano fra ottobre e marzo e durante i mesi estivi le piogge efficaci sono rare.
Figura 4: Mappa dell'umidita' in Turchia
Fonte: 2009, Direzione Generale delle Opere Idrauliche
Il territorio presenta tre
tropicale e continentale.
aree climatiche principali: la zona mediterranea, la zona sub-
Anche le precipitazioni possono essere distinte in tre macro categorie: convettive in Anatolia
Centrale durante mesi primaverili ed estivi, precipitazioni frontali in tutte le regioni, soprattutto
nei mesi invernali e primaverili, e pioggia orografica sui versanti del Mar Nero e del Mar
Mediterraneo.
Ad altitudini superiori ai 1.000 m, una considerevole parte della precipitazione si presenta
sotto forma di neve. Lungo la regione costiera del Mar Nero, la pioggia annuale totale è di
circa 2,500 millimetri ed è distribuita in modo uniforme. In altre zone costiere, tuttavia,
compreso il Mediterraneo, la distribuzione delle precipitazioni si presenta molto variabile.
78
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Eccezioni a queste suddivisioni climatiche generali si trovano in alcune località dotate di
specifici "microclimi".
La temperatura media annuale varia tra i 15°C e i 20°C sulle zone costiere, e scende a 4° C
e 18°C nelle zone interne. La temperatura media nel periodo 1941-2012 è stata di circa
13°C, con una tendenza all'aumento di 0,64°C in 100 anni.
Figura 5: Diagramma del clima in Turchia
Fonte: Ente per i Servizi Meteorologici
Secondo le proiezioni relative ai modelli climatici globali, entro il 2030 la Turchia sarà afflitta
da tempo secco e caldo. I modelli climatologici prevedono che le temperature aumenteranno
di circa 2°C in inverno e di 2 o 3°C in estate. Le precipitazioni estive diminuiranno del 5-15%.
Anche l'umidità del terreno subirà un calo del 15-25%.
2. Risorse idriche
Nel complesso il Paese registra una grande variazione nei parametri annui delle
precipitazioni, dell'evaporazione e di deflusso superficiale e le precipitazioni non sono
uniformemente distribuite nel tempo e nello spazio. In Turchia sono presenti 25 bacini
idrologici. I fiumi hanno spesso regimi irregolari.
Figura 6: 25 Bacini idrici della Turchia
79
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Sommando il deflusso superficiale medio dell'acqua, che è di 186 miliardi di m3/anno con il
deflusso superficiale di 7 miliardi di m3/anno proveniente dai paesi limitrofi si calcola che il
deflusso superficiale all'interno del paese raggiunga un totale di 193 miliardi di m3/anno.
D'altra parte, la quantità media di dispersione delle acque sotterranee è di 41 miliardi di
m3/anno. Non tutte le risorse idriche tuttavia possono essere utilizzate, a causa di
impedimenti economici e tecnici. Si calcola che le porzioni sfruttabili del deflusso
superficiale, incluso quello proveniente dai paesi limitrofi, e delle acque sotterranee siano
rispettivamente di 98 e 14 miliardi di m3/anno. Il potenziale totale delle risorse idriche
economicamente sfruttabili ammonta a 112 miliardi di m3/anno.
I 25 bacini idrologici della Turchia hanno un deflusso superficiale d'acqua totale pari a 193
miliardi di m3/anno. Il 31% del potenziale è costituito dall'Eufrate (Fırat) e dal Tigri (Dicle),
che hanno entrambi le loro sorgenti nella parte orientale del paese.
Gli elementi del bilancio idrico annuale della Turchia sono illustrati nella figura seguente. I
dati si riferiscono ad un periodo compreso fra il 1935 ed oggi.
80
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Figura 7: Budget idrico annuo della Turchia
Figura 8: Disponibilita' idrica nel Mondo
Prendendo in considerazione la popolazione del 2013, 76,7 milioni, la quantità di acqua pro
capite annuale è di 1.460 m3. Nei paesi considerati ricchi di risorse idriche, la quantità di
acqua annua pro capite è di circa 8-10.000 m3. In Turchia, quindi, la quantita’ pro capite di
81
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
acqua disponibile corrisponde a circa 1/5 di quella disponibile nei paesi ricchi di questa
risorsa. Contrariamente quindi alla convinzione generale, la Turchia non è un paese ricco
d'acqua. La quantita’ pro capite di acqua disponibile in Turchia è inferiore alla media
mondiale. Gli esperti prevedono che nel 2023 la quantità di acqua scendera’ sotto la soglia
dei 1000 m3/capite/anno.
3. Risorse terrestri
La superficie totale della Turchia è di 77,95 milioni di ettari (MHA). La superficie agricola
totale del paese, quasi un terzo della superficie totale, può essere classificata come terreno
arativo. Con le tecnologie disponibili, una superficie di circa 8,5 mha risulta essere
economicamente irrigabile. Le statistiche relative alle risorse del territorio della Turchia sono
riportate nella tabella seguente.
Tabella 14: Risorse Terrestri
Risorse Terrestri
(mha)
Superficie della Turchia
77,95
Terreno arabile
28,05
Agricoltura Piovana
17,00
Economicamente Irrigabile
8,50
Attualmente Irrigata
5,28
C. Gestione dell'acqua
Le attività di pianificazione della gestione idrica sono iniziate in Turchia nel 1950, portando
alla costruzione di strutture sui fiumi per regolarne il flusso e per soddisfare le necessita’
energetiche ed alimentari di una popolazione in crescita, concorrendo allo sviluppo socioeconomico.
L'approccio principale per la gestione integrata delle risorse idriche è di gestirle in modo
sostenibile in scala di bacino. Negli anni la Turchia ha compiuto grandi progressi nella
gestione sostenibile dell'acqua, riuscendo a soddisfare la crescente domanda di
approvvigionamento idrico domestico, le necessita’ della sicurezza alimentare, di produzione
di energia e di conservazione dell'ambiente in modo conforme agli standard internazionali.
1. Quadro normativo e istituzionale
Le attività legate all'acqua sono pianificante a livello centrale. La gestione delle risorse
idriche viene descritta nei piani di sviluppo quinquennali che specificano i principi e le priorità
dell'implementazione delle politiche economiche, tecniche, ambientali, sociali e culturali a
medio e lungo termine.
82
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Il quadro istituzionale ha tre livelli: i decisori, il livello esecutivo e gli utenti finali.
La Presidenza del Consiglio, i Ministeri competenti e l'Ente di Pianificazione Statale
rappresentano i principali decisori. Le istituzioni governative costituiscono il livello esecutivo.
Hanno un’organizzazione a due livelli. Il livello di top management è costituito dalla Direzione
Generale delle Organizzazioni Statali in Ankara, che si avvale di svariati dipartimenti. Il
secondo livello è composto dalle direzioni regionali o dalle direzioni provinciali dislocate in
tutto il paese. A livello di utente, esistono sia organizzazioni governative che non governative
per la gestione e la manutenzione dei progetti.
Quadro normativo
Il Codice Civile turco (CC) ha classificato le risorse idriche nelle due categorie seguenti:
a. Risorse Idriche Pubbliche:
Si tratta di risorse idriche che esulano dalla proprietà privata e sono a disposizione dello
Stato. La loro gestione e utilizzazione viene regolata attraverso il diritto pubblico.
Esistono diversi regolamenti sulle questioni idriche, alcuni dei quali sono di seguito riportati;
Legge n 167 sulle Acque Sotterranee, entrata in vigore nel 1960. Secondo questa Legge, le
acque sotterranee sono sotto il controllo e la proprietà del governo. La Legge si occupa in
primo luogo della ricerca, dell'allocazione, dell'utilizzo, della tutela e dell'inventario delle
acque sotterranee.
Legge 1053 sulle Risorse di Acqua Potabile, di Servizio e Industriale in Ankara, Istanbul e
Città Aventi una Popolazione Superiore le Centomila Unità attribuisce alla DSI la
responsabilità per la fornitura di acqua per uso domestico ed industriale per le città aventi
una popolazione oltre i 100.000 abitanti. Secondo una modifica apportata nel 2007, la
Direzione Generale della DSI è stata autorizzata per la fornitura di acqua per uso domestico
e industriale ai 3.225 insediamenti soggetti ad amministrazioni municipali.
La Legge 2872 per la Tutela dell'Ambiente è stata ratificata nel 1983 e modificata nel 2006.
Tre principali aree trattate:
•
i principi generali per la tutela dell'ambiente e la prevenzione dell'inquinamento;
•
le misure e i divieti relativi alla tutela ambientale;
•
l'imposizione di sanzioni amministrative a inquinatori che causano il deterioramento della
qualità delle acque sotterranee.
83
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Nell'ambito della Legge per la Tutela dell'Ambiente è stato redatto un Regolamento per il
Controllo dell'Inquinamento Idrico. Lo scopo del regolamento è di salvaguardare la qualità
dell'acqua e di definire le questioni legali e tecniche per la prevenzione dell'inquinamento
delle acque in base al principio di sviluppo sostenibile.
b) Le Risorse Idriche di Proprietà Pubblica e Privata
Si tratta delle fonti d'acqua e delle sorgenti considerate come parte integrante del territorio in
cui si trovano e che, come tali, ricadono sotto la proprietà di privati. I diritti di proprietà e di
utilizzo di queste acque sono definite nel CC e sono soggette alla registrazione del titolo di
proprietà (CC, A 674).
Quadro istituzionale
Le organizzazioni coinvolte nelle questioni legate all'acqua sono numerose, con molteplici
competenze:
•
I Piani di Sviluppo sono preparati dall'Ente di Pianificazione Statale
•
la Legge 6200 disciplina l'Organizzazione e i Compiti della Direzione Generale
•
la legge sulle Opere Idrauliche è stata promulgata nel 1954. La DSI, in quanto autorità
competente per acqua, è la principale organizzazione responsabile della gestione delle risorse
idriche. Tutte le risorse idriche sono gestite ai sensi della Legge n ° 6200. La DSI è stata
istituita con lo scopo di prevenire i danni causati dalle acque superficiali e sotterranee e per
garantire l'utilizzo delle risorse idriche per molteplici scopi.
•
Il Ministero dell'Ambiente e Urbanizzazione è stato istituito per prendere le misure necessarie
per proteggere l'ambiente e per prevenire l'inquinamento ambientale ai sensi della Legge
4856.
•
La Direzione Generale per la Ricerca e lo Sviluppo delle Risorse di Energia Elettrica è
responsabile per le ricerche relative all'energia elettrica e all'uso razionale della stessa.
•
Le Amministrazioni Speciali Provinciali (SPA) operano agli ordini dei prefetti provinciali (legge
5302). Le responsabilità delle SPA relative alle questioni idriche comprendono la fornitura di
acqua potabile alle comunità rurali.
•
La Ilbank, un'istituzione affiliata al Ministero dei Lavori Pubblici e Insediamenti, è responsabile
della pianificazione urbanistica, dei lavori pubblici e della fornitura di acqua potabile alle
municipalità ai sensi della Legge 4759 sulla stessa Ilbank.
•
Le municipalità metropolitane hanno le loro proprie autorità ai sensi della Legge 5216. Entro i
propri confini territoriali, queste municipalità assicurano la protezione dei bacini idrici in modo
conforme al principio dello sviluppo sostenibile.
•
La Legge 2560 sull'Istituzione e Doveri della Direzione Generale dell'Amministrazione delle
Acque e Fognature di Istanbul stabilisce i poteri dell'Amministrazione delle Acque e Fognature
84
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
di Istanbul. Le amministrazioni idriche e fognarie (entro i confini delle municipalità
metropolitane) sono responsabili per l'implementazione di misure legali, tecniche e
amministrative per preservare l'acqua e prevenire l'inquinamento delle acque.
•
Il Ministero degli Alimenti, Agricoltura e Zootecnia è responsabile per lo studio e la
preparazione di progetti rivolti a proteggere e migliorare il suolo, l'acqua, le piante, le risorse
ittiche e i prodotti animali e a controllare gli scarichi di acque reflue nelle zone di produzione
ittica, e a monitorare i parametri di nitrati in acqua dolce e acque sotterranee ai sensi del
Decreto Legge n 441.
•
Il Ministero della Salute è responsabile della determinazione degli standard di qualità
dell'acqua potabile e dell'acqua da consumo, del monitoraggio di tali standard e della
predisposizione delle inerenti normative.
•
Il Ministero degli Affari Esteri è coinvolto in tutte le questioni relative alle acque
transfrontaliere.
2. Utilizzo dell'Acqua
La sicurezza dell'acqua è recentemente diventata una grande preoccupazione per molti
paesi. Aderendo agli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (MDGs, Convenzione ONU ) la
Turchia si e’ impegnata a ridurre della meta’ per l'anno 2015 la percentuale delle persone
senza accesso all'acqua potabile. In linea con le questioni igienico-sanitarie del MDGs, sono
stati perpetuati sforzi per gestire e garantire l'uso efficiente delle risorse idriche, in particolare
nell'ambito dello sviluppo sostenibile.
Le risorse idriche sono assegnate ai vari settori da parte dell'Ente Statale per le Opere
Idrauliche (DSI), in linea con criteri moderni di gestione. Il governo dà grande importanza ai
progetti di sviluppo regionale integrato. Fra questi, il Progetto dell'Anatolia Sud-Orientale
(GAP), il Progetto dell'Anatolia Orientale (DAP) e il Progetto della Pianura di Konya (KOP).
85
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Figura 9: Progetti di sviluppo regionale
Attualmente, solo il 41% del potenziale idrico totale del paese è stato utilizzato. Si prevede
che la parte restante potrebbe essere sviluppata entro il 2023, anno in cui ricorrerà il 100°
Anniversario della Repubblica Turca.
Un totale di 46 miliardi di m3 di acqua vengono consumati ogni anno in diversi settori, con 34
miliardi di m3 in irrigazione, 7 miliardi di m3 di approvvigionamento idrico domestico e di 5
miliardi di m3 nel settore industriale. Tale quantita’ corrisponde solo al 41% del potenziale
sfruttabile pari a 112 miliardi di m3. Secondo le proiezioni relative ai prossimi anni, la quota di
utilizzo per l'irrigazione diminuirà dal 74% al 64% entro il 2023. D'altra parte, nello stesso
periodo, l'uso domestico ed industriale salirà rispettivamente al 16% e al 20%.
Il fabbisogno di acqua aumenta costantemente e il settore agricolo ne è un grande
consumatore, con circa 34 miliardi di m3/anno mentre per il 2023 si prevede che il volume di
acqua da utilizzare per questo sia di 72 miliardi di m3/anno.
86
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Figura 10: Attuale consumo idrico in Turchia e previsioni per il 2023
Le risorse idriche sotterranee sfruttabili sono pari a 13,66 miliardi di m3/anno escluso lo
scarico delle sorgenti che alimentano le risorse idriche superficiali.
Attualmente, il 90% (12,42 miliardi di m3/anno) della riserva di acque sotterranee è stato
assegnato, di cui il 55% (6,77 miliardi di m3/anno) per l'irrigazione (compreso l'uso privato di
2,74 miliardi di m3/anno) e il 45% (5,65 miliardi di m3/anno) per scopi domestici e industriali.
Figura 11: Consumi idrici nel nondo
Le percentuali di utilizzo dell'acqua di ogni categoria variano a secondo dei livelli di sviluppo
dei singoli paesi. La media mondiale dell'uso dell'acqua per scopi agricoli è del 70%, 82% per
87
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
i paesi in via di sviluppo e paesi sottosviluppati. Tuttavia, considerando la minore attività
agricola e gli alti tassi di industrializzazione, il tasso scende al 30% nei paesi sviluppati. Nei
paesi con un basso livello di reddito, la percentuale più elevata nell'uso dell'acqua si riscontra
nell'agricoltura mentre la crescita dei livelli di reddito spostano l'uso dell'acqua dall'agricoltura
verso l'industria. Esempio: il 70% dell'acqua viene utilizzata per l'irrigazione in Spagna, l'80%
in Grecia e Portogallo, mentre in Italia tale percentuale è del 50%. Secondo i rapporti della
Nazioni Unite, la produzione agricola aumenterà fino al 67 % entro il 2030. Con l'attuale
potenziale delle acque, non sarà possibile sostenere questi aumenti e l'uso dell'acqua
nell'agricoltura dovra’ essere mantenuto ad un livello del 14%, aumentando l' efficienza in
agricoltura. In altri termini, per crescere l'agro-industria dovra’ produrre di più utilizzando
meno acqua.
3. Dighe
La costruzione di dighe ha subito una sensibile accelerazione dopo il 1954, grazie
all'istituzione della DSI (l'Ente Statale per le Opere Idrauliche), a interventi legislativi settoriali
e alla creazione di amministrazioni regionali che hanno continuato a stimolare lo sviluppo
delle dighe nella seconda metà del 20° secolo.
Le preoccupazioni ambientali rappresentano una delle cause di rallentamento dell’attività di
costruzione di dighe nel paese.
La prima diga costruita in epoca repubblicana è la Diga Cubuk-I, il cui scopo principale è
quello di soddisfare il fabbisogno di acqua domestica della città di Ankara. Sino al termine
della Seconda Guerra mondiale non si sono riscontrate serie attività costruttive, fatta
eccezione per qualche diga di piccole dimensioni realizzata per scopi irrigatori. La più grande
diga polivalente costruita in Turchia è la Diga di Atatürk. Facendo un raffronto sulla base
della capacità del bacino, la Diga di Atatürk è 8600 volte più grande della diga di Cubuk-I.
In Turchia sono state realizzate ben 673 dighe di grandi dimensioni. La capacità totale del
serbatoio di 260 di queste è di circa 140 km3.
Le dighe in Turchia possono essere classificate come segue, in base ai tipi di cresta:
•
Dighe in roccia o terra: 650 dighe
•
Dighe a gravità: 8 dighe,
•
Dighe ad arco: 6 dighe
•
Dighe composite (Contrafforti - Terra - CFRD o RCC): 9 dighe
Grazie alla notevole variazione osservata nel deflusso in termini di stagioni, anni e regioni, è
assolutamente necessario disporre di stoccaggio di acqua lungo i fiumi, in modo da
assicurare l'accesso all'acqua quando necessario. E’ da considerare difatti che la costruzione
di dighe non è solo a scopo irrigatorio e per la produzione di energia idroelettrica, ma anche
88
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
per l'approvvigionamento idrico domestico a lungo termine. Di conseguenza, la Turchia ha
ritenuto prioritaria la costruzione di impianti di stoccaggio dell'acqua.
4. Acqua per uso domestico e industriale
Acqua per uso domestico
Le autorità responsabili per l'approvvigionamento idrico domestico sono la DSI (l'Ente Statale
per le Opere Idrauliche), la Ilbank, le Municipalità e le SPA. Attualmente, 7 miliardi di m3
d'acqua per uso domestico sono forniti alle città e alle zone rurali sulla base degli standard
dell'acqua potabile. I progetti di approvvigionamento idrico domestico sono sviluppati dalle
menzionate istituzioni, mentre le attività di gestione e manutenzione sono svolte dalle
municipalità e dalle amministrazioni rurali.
Gli impianti per il trattamento delle acque domestiche sono progettati e costruiti in modo
conforme alle norme europee. Le capacità degli impianti di trattamento costruiti variano tra
1.600.000 m3/giorno e i 50.000 m3/giorno a seconda della popolazione delle città.
Tabella 15: Utilizzo Domestico dell'Acqua
Anno
Utilizzo Totale
Utilizzo Domestico
dell'Acqua
dell'Acqua
Milioni di
%
Milioni di
%
m3
m3
30,600
27
5,141
17
1990
38,900
35
5,700
10
1999
39,300
36
5,800
15
2002
46,000
41
7,000
15
Attuale
112,000
100
18,000
16
2023
L'Importo medio annuo del consumo idrico domestico per persona e’ stato pari a 98 L/giorno
nel 1980, a 195 L/giorno nel 1990, mentre oggi è pari a 250 L/giorno. Poiché il cambiamento
climatico minaccia l'uso sostenibile delle risorse, è necessario un uso sempre piu’ efficiente
della risorsa, in modo da evitare che le prossime generazioni siano costrette a subirne la
mancanza. Per questo motivo, la Turchia mira a risparmiare acqua riducendo l'uso quotidiano
a 150 litri per persona per giorno incentivando la tecnologia.
I progetti di fornitura d'acqua e degli impianti di trattamento di 21 città sono gestiti dalle
rispettive municipalità. 2,7 miliardi di m3 di acqua all'anno vengono trattati in questi impianti in
modo conforme alle norme europee.
Utilizzo industriale dell'acqua
L'utilizzo industriale rappresenta circa l'11% del consumo totale di acqua. La necessità di
acqua per l'industria manifatturiera nella regione di Marmara e’ piu’ alta rispetto alle altre
89
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
regioni della Turchia. Nel 2013, il più alto utilizzo di acqua industriale è stato registrato
proprio in questa grande area, ormai altamente industrializzata e urbanizzata, ed ha
rappresentato il 18% del consumo totale di acqua industriale. Le più grandi città
metropolitane come Istanbul, Bursa e Kocaeli si trovano in questa regione.
Tabella 16: Utilizzo industriale dell'acqua
Anno
1990
1999
2002
Attuale
2023
Utilizzo Totale dell'Acqua
Milioni di
m3
30,600
38,900
39,300
46,000
112,000
%
27
35
36
41
100
Utilizzo Industriale
dell'Acqua
Milioni di
%
m3
3,443
11
4,000
11
4,200
11
5,000
11
22,000
20
5. Utilizzo agricolo dell'acqua
L'importo totale dei terreni economicamente
utilizzabili è di 8,5 milioni di ettari. A partire dal
2008 5,28 milioni di ettari di terreno sono stati
dotati di impianti di irrigazione ed entro il 2023
si prevede l’utilizzo dell’intera superficie
considerata.
Circa il 92% della superficie totale è irrigata con
metodi superficiali quale il solco. La parte
rimanente viene irrigata con metodi di irrigazione
a pressione (nebulizzatori) o per gocciolamento.
Le attività di esercizio e manutenzione (O&M) sono state svolte dalle organizzazioni
governative sino ai primi anni 1990. Le organizzazioni governative possono trasferire la
gestione e la manutenzione dei sistemi di irrigazione alle Organizzazioni degli Utenti d'Acqua
(WUOs) quali le amministrazioni rurali, le municipalità, le cooperative e le Associazioni degli
Utenti d'Acqua (Wuas). Il governo ha varato un programma per il trasferimento delle
responsabilità O&M per i canali secondari e terziari alle WUOs.
Nel 1993, la DSI ha ceduto le O&M inerenti i sistemi di irrigazione di circa 70.000 ettari a
vari tipi di WUOs. Per eseguire le O&M delle infrastrutture di irrigazione e di drenaggio in
modo più efficiente e per garantire la partecipazione degli agricoltori, questo processo è stato
incentivato a partire dal 1993.
90
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Attualmente, il 96% di tutte le reti di irrigazione sono gestite e mantenute dalle WUOs. La
cessione della gestione dell'irrigazione è stata sostenuta dalla Banca Mondiale. Il programma
realizzato dalla Turchia viene utilizzato best practice per i paesi in via di sviluppo, e
rappresenta un esempio valido di come la cessione della gestione dell'irrigazione possa
essere realizzata in modo efficiente.
L'agricoltura può svolgere un ruolo nella riduzione della povertà generale, dal momento che il
settore agricolo dà un contributo significativo alla crescita economica complessiva attraverso
i suoi collegamenti con gli altri settori dell'economia. Inoltre contribuisce indirettamente ad
alleviare la povertà rurale perché influenza comunque l'economia rurale non agricola.
Soprattutto nelle zone rurali, i sistemi di irrigazione con acque sotterranee hanno un ruolo
importante. L'irrigazione con le acque sotterranee è fornita agli agricoltori da cooperative di
irrigazione. Tutti gli impianti di irrigazione (le perforazioni sotterranee, le pompe, le unità di
elettrificazione, i sistemi di irrigazione) sono costruiti dal governo. La responsabilità della
gestione e della manutenzione dei sistemi viene ceduta alle cooperative, ossia agli
agricoltori. Tutti i costi di investimento sono finanziati dal governo e sono rimborsati in 15 anni
dagli agricoltori, senza l'applicazione di alcun interesse. Inoltre , le acque sotterranee sono
assegnate in via gratuita ai singoli agricoltori per l'irrigazione, con un aumento del reddito
nelle zone rurali.
Si ritiene che la migrazione verso le grandi città possa essere prevenuta e mitigata anche
attraverso il valido strumento dei sistemi di irrigazione sotterranei.
6. Gestione dei rischi e delle calamità
Gestione delle alluvioni
Esclusi gli eventi sismici, le alluvioni sono considerate il secondo più grande rischio in
Turchia, in grado di provocare ingenti perdite economiche. Secondo i dati basati sugli studi
annuali delle alluvioni, le perdite economiche legate alle inondazioni raggiungono i 75 milioni
di EUR/anno. Negli ultimi 15 anni, circa 500.000 ettari di aree urbane e agricole sono stati
colpiti dalle inondazioni.
Le alluvioni dello scorso decennio e i costosi danni da esse provocati hanno condotto la
Turchia ad elaborare un nuovo approccio per ridurre e controllare l’esposizione del Paese a
tale tipo di rischi.
L'attuazione di un sistema di previsione delle piene e di allerta rientra nel quadro del
Progetto Soccorso Emergenze, Alluvioni e Terremoti (TEFER). La trasmissione dei dati si
svolge via satellite. Il sistema di previsione delle inondazioni preleva i dati di monitoraggio in
tempo reale della meteorologia regionale e dello stato del bacino e produce le previsioni
inerenti lo stato alluvionale del bacino stesso.
91
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Nei prossimi anni il sistema di previsione sara’ implementato.
Le aree di prossimo intervento sono quelle del Fiume Maritsa (il progetto sara’ realizzato in
collaborazione con la Bulgaria e con il sostegno dei finanziamenti dell'Unione Europea), la
Regione del Mar Nero Orientale e le Cascate di Manavgat.
Gestione della Siccità
I rapporti precipitazioni-flusso che subiscono cambiamenti stagionali, dimostrano anche
notevoli differenze da un anno all'altro e la fornitura di acqua naturale scende a livelli minimi
nel periodo estivo quando le richieste sono massimo. Pertanto, la gestione delle acque è di
vitale importanza al fine di soddisfare le esigenze idriche che cambiano con il tempo e in
base al luogo. Inoltre, le periodiche siccità del paese causano problemi importanti e
richiedono lo sviluppo di progetti di stoccaggio per soddisfare le richieste nei periodi di siccità.
Le statistiche indicano che negli ultimi anni le precipitazioni sono diminuite e che
periodicamente si verificano episodi di siccità, mediamente ogni 16-18 anni.
In tale contesto, sono stati approntati piani di irrigazione basati sui bacini idrografici in modo
da minimizzare l'effetto della siccità riscontrata in passato, in particolare nelle regioni di
Marmara e dell'Egeo.
Per ridurre l'impatto della siccità sulla resa delle piantagioni, ogni anno si realizzano studi
sulle colture che consumano più acqua, determinando il periodo in cui la pianta richiede più
acqua e irrigandola solo nel momento in cui ne necessita.
In Turchia, il 74% delle risorse idriche viene utilizzato nel settore dell'irrigazione. Nel periodo
di siccità, la carenza nella fornitura di acqua in certe proporzioni puo’ avere forti implicazioni
economiche. Anche se le richieste nei periodi di siccità possono essere pienamente
soddisfatte dal punto di vista tecnico con la costruzione di serbatoi di stoccaggio, questa
soluzione non è accettata come una soluzione economicamente razionale ed è reputata
come uno spreco di risorse. In questi periodi le richieste vengono soddisfatte applicando dei
tagli nella fornitura di acqua.
A causa della sua posizione nel bacino del Mediterraneo, la Turchia sarà uno dei paesi più
colpiti dal cambiamento climatico, secondo il Rapporto sull'Acqua pubblicato dalle Nazioni
Unite nel 1994.
Il Quarto Rapporto IPCC (Commissione Intergovernativa sul Cambiamento Climatico) ritiene
probabile la diminuzione della quantità annuale delle precipitazioni e del numero di giorni
interessati da precipitazioni, con un aumento del rischio di siccità estiva in gran parte della
regione mediterranea.
D. L'Unione Europea e la Turchia nella gestione delle risorse idriche
Le norme che disciplinano la gestione delle acque in Turchia non si presentano al passo con
i tempi e sono sparse all'interno di una molteplicita’ di altre disposizioni. Il Paese non
92
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
dispone di un testo unico sull'acqua anche se nel corso degli ultimi anni vi sono stati diversi
tentativi di miglioramento. Si prevede ad esempio di avvicinare la Legge Quadro sulle Acque
alla Direttiva Quadro sulle Acque della UE.
Tra le più di venti direttive esistenti in merito, la disposizione più importante per la protezione
e la gestione delle risorse idriche è la "Direttiva Quadro sulle Acque (WFD)" 2000/60/CE del
23 ottobre 2000. La norma è considerata come la "costituzione" delle politiche idriche in
quanto ne disegna un quadro di riferimento essenziale.
La WFD costituisce un quadro integrato per la gestione delle acque in tutta Europa. Il
principio di base della direttiva asserisce che l'acqua "... non è un prodotto commerciale al
pari degli altri, bensì un patrimonio che va protetto, difeso e trattato come tale". Da questo
punto di vista, stabilisce un principio chiaro, che comporta che la gestione integrata sia da
considerare obbligatoria per i paesi membri, chiamati ad implementarla anche con i paesi
non membri.
Gli obiettivi della direttiva sono:
•
la protezione delle acque superficiali e sotterranee nel loro insieme
•
il miglioramento dello stato delle acque entro il 2015
•
la gestione integrata dei bacini fluviali con la cooperazione transfrontaliera
•
la valutazione congiunta degli standard di qualità dell'acqua e dei controlli delle emissioni, con
l'eliminazione dei materiali maggiormente pericolosi
•
la prezzatura accurata delle acque per ottenerne un uso razionale
•
la gestione congiunta delle risorse idriche con tutte le parti interessate e la comunità
Per poter portare a compimento i criteri UE la Turchia necessita di regolamentazioni istituzionali e
giuridiche, in particolare riguardo:
•
Il coordinamento e la cooperazione tra le istituzioni governative
•
Il trasferimento di autorità e responsabilità a livello regionale (Regioni dei Bacini Idrici)
•
L'applicazione del criterio della gestione integrata dell'acqua sulle risorse idriche e sugli utenti
•
La condivisione e la divulgazione delle informazioni
•
La consulenza pubblica e la partecipazione dei soggetti interessati
•
Gli incentivi e le misure economiche
93
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Nel processo di adesione all'UE, l'Ente di Pianificazione Statale (SPT) ha approntato una
strategia per lo Sviluppo Rurale Nazionale enfatizzando la gestione sostenibile delle risorse
idriche e dei terreni agricoli.
La piena armonizzazione con gli standard UE per il controllo dell'uso di pesticidi, molto
comune nei bacini idrografici, è stata raggiunta e le relative normative emesse fino ad oggi
sono:
•
•
•
•
•
•
Regolamento in materia di "Qualità delle acque superficiali, che vengono o saranno utilizzate
come acqua potabile" del 2005/11/20 (79/869/CEE e 75/440/CEE)
Regolamento in materia di "Controllo dell'inquinamento vicino le risorse idriche causato da
materiali pericolosi" del 26.11.2005 (76/464/CEE e direttive correlate)
Regolamento in materia di "Consumo domestico dell'acqua" del 17.02.2005 (98/83/CE)
Regolamento in materia di "Controllo dell'inquinamento del suolo" del 31.05.2005
(86/278/CEE)
Regolamento in materia di "Controllo dei rifiuti pericolosi" del 14.03.2005 (91/689/CEE)
Regolamento in materia di "Tutela delle acque dall'inquinamento provocato dai nitrati agricoli"
del 18.02.2004 (91/676/CEE)
Le altre direttive che sono attualmente in fase di studio per l'adeguamento all'UE sono:
•
Direttiva sul trattamento delle acque reflue urbane (91/271/ CE)
•
Direttiva sulle acque balneari (76/160/CEE)
•
Direttiva sullo scarico dei rifiuti pericolosi (76/464/CEE, 80/68/CEE, 86/280/CEE)
•
Direttiva sui fanghi curativi (86/278/CEE)
•
Direttiva quadro sui rifiuti (75/442/CEE)
E. Principali sfide
Sino al 2011 in Turchia non esisteva un coordinamento istituzionale per la tutela e l'uso delle
risorse idriche. La Direzione Generale della Gestione delle Acque è stata istituita nel luglio
2011 nell'ambito del Ministero delle Foreste e degli Affari Idrici. In seguito, il Comitato di
Coordinamento per la Gestione delle Acque è stato istituito nel 2012 con la partecipazione di
tutti i ministeri e le istituzioni competenti. Tuttavia, la gestione dell'acqua manca ancora di un
regime unitario. Si spera che questo nuovo coordinamento istituzionale acceleri i preparativi
della nuova legge sull'acqua.
In una valutazione globale ed esaustiva del tema occorre tenere conto degli aspetti relativi a:
uso delle risorse idriche :
•
L'abuso di acqua e perdita di acqua
•
Utilizzo illegale dell'acqua
94
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
•
Struttura di prezzatura dell'acqua
funzionamento della rete di irrigazione:
•
Mancanza di distribuzione pianifica dell'acqua
•
Dispersione eccessiva e perdita dell'acqua nel trasferimento e distribuzione della stessa
•
Bassa efficienza e percentuali di irrigazione
•
Uso irrazionale dell'acqua in agricoltura, salinizzazione, desertificazione
•
Obsolete infrastrutture per l'irrigazione, trasferimento dell'acqua con canali in cemento
inquinamento delle acque:
• Uso incontrollato di pesticidi in agricoltura e loro effetti sulle risorse idriche
• Rifiuti domestici e industriali
• La mancanza di impianti di trattamento
• Urbanizzazione non pianificata e trasformazione delle aree agricole in aree industriali e
residenziali
• La mancanza di trattamento delle acque reflue e il riutilizzo delle acque reflue
cordinamento e cooperazione:
•
Mancanza di coordinamento e di cooperazione tra le istituzioni
•
Normative obsolete e contrastanti
•
Poco chiara ripartizione dei poteri e delle responsabilità tra le diverse unità
•
Mancanza di gestione idrica basata sui bacini
monitoraggio e valutazione:
•
La mancanza di unità di monitoraggio e di valutazione nelle istituzioni preposte
•
La mancanza di una database sulle risorse idriche e i bacini
•
La mancanza di dati sistematici e attuali
•
Centralizzazione dei dati, la mancanza di dati a livello locale
•
La mancanza di dati sulla qualità delle acque
politiche di gestione delle risorse idriche:
•
Mancanza di una politica idrica nazionale
95
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
•
Dipendenza dal governo per le politiche, mancanza quindi di una politica delle acque a lungo
termine
F. Conclusioni
L'acqua è una risorsa limitata e vulnerabile, essenziale per la vita, l'ambiente e lo sviluppo.
L'attuazione di piani d'azione e programmi per l'utilizzo razionale e ottimale delle risorse
idriche è quindi indispensabile se si deve mirare a raggiungere gli obiettivi globalmente
accettati. Consapevole di questi fatti, la Turchia ha sviluppato la propria politica di gestione
delle acque in base alle presenti e future esigenze idriche della sua popolazione in crescita,
della rapida urbanizzazione, dell'irrigazione, dell'energia idroelettrica e dell'ambiente.
Tra le principali sfide che devono essere superate vi sono la minaccia della scarsità d'acqua
a causa dei cambiamenti climatici e l'inadeguata sanificazione derivante dagli insediamenti
disorganizzati in alcune località. Anche calamità quali le inondazioni e la siccità sono
frequenti. Le attività di gestione dell'acqua devono quindi incorporare lo sviluppo di sistemi di
pre-allarme e di programmi di monitoraggio della quantità/qualità dell'acqua e l'attuazione di
piani di emergenza, nonché i miglioramenti strutturali delle infrastrutture idriche, la
sensibilizzazione dell'opinione pubblica sull'uso efficiente dell'acqua e sulla tutela
dell'ambiente. Anche il rafforzamento dell'azione coordinata è molto importante per garantire
il successo delle misure di mitigazione e l'adattamento dei cambiamenti globali.
L'agricoltura, che rappresenta il 74% dell'attuale consumo della Turchia, rimarrà il principale
settore ad alto consumo di acqua anche in futuro. Per questo motivo, a partire dal 1970 la
Turchia ha compiuto importanti investimenti nello sviluppo e nel miglioramento delle
infrastrutture idriche e degli impianti d'irrigazione. Al fine di conservare l'acqua e aumentare la
produzione agricola, sono state introdotte nuove e più efficienti tecniche di irrigazione, che
minimizzano l'impatto ambientale. Il GAP nel bacino del Tigri e dell'Eufrate, che sta
letteralmente trasformando le limitrofe aree desertiche in fertili terreni agricoli, è riconosciuto
come modello di transizione dal semplice sviluppo dell'acqua alla gestione efficiente delle
risorse idriche.
Esistendo una forte relazione tra la gestione sostenibile delle acque e lo sviluppo economico,
è di primaria importanza garantire gli investimenti nel settore idrico, prendendo in
considerazione anche le preoccupazioni ambientali. Al fine di superare gli ostacoli finanziari
agli investimenti, le imprese private, sia locali che straniere, sono state incoraggiate
attraverso il modello BOT.
Il profilo climatico è un altro fattore chiave nelle politiche di gestione delle risorse idriche. La
Turchia gode di quattro stagioni l'anno, con condizioni climatiche che manifestano notevoli
differenze. Questo rende essenziale la gestione delle acque se il fabbisogno idrico deve
essere soddisfatto in ogni momento e in ogni luogo. A tale proposito, la costruzione di dighe
e serbatoi è essenziale per regolare la distribuzione non uniforme dei flussi d'acqua naturali.
96
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
L'acqua e l'energia sono i due principali motori dello sviluppo sostenibile. Nel settore
dell'energia, la politica di base della Turchia è la fornitura di energia elettrica a basso costo e
in quantità e qualità sufficiente. Gli investimenti nell'energia idroelettrica meritano un
sostegno particolare in quanto si tratta di una fonte di energia pulita e con una vita
economica di lunga durata.
Le acque transfrontaliere rappresentano il 40% del potenziale idrico della Turchia. La politica
delle acque transfrontaliere del paese cerca di utilizzare e condividere i benefici delle risorse
idriche transfrontaliere in modo efficiente attraverso la cooperazione tra gli Stati limitrofi.
La politica della Turchia per quanto riguarda l'uso dei fiumi transfrontalieri si basa sui
seguenti tre principi:
•
•
•
Ogni stato confinante di un sistema fluviale transfrontaliero ha il diritto sovrano di sfruttare
l'acqua nel suo territorio.
Gli stati confinanti devono fare in modo che la loro utilizzazione delle acque non apporti un
"danno significativo" agli altri.
Le acque transfrontaliere devono essere utilizzate in modo equo, ragionevole e ottimale
("l'equo utilizzo" non significa distribuzione uguale delle acque di un fiume transfrontaliero tra
gli Stati limitrofi).
Per concludere, lo sviluppo delle risorse idriche costituisce un elemento importante del
programma di sviluppo economico della Turchia. Sussistono diverse sfide importanti da
affrontare per porre le basi di una futura efficacia, che passa attraverso lo sviluppo delle
risorse idriche in modo equo, ragionevole e ottimale. Pertanto, è di notevole importanza per il
Paese che lo sviluppo, la gestione, l'uso e la tutela delle risorse idriche vengano pianificati in
maniera integrata, tenendo conto di tutte le esigenze economiche e sociali della popolazione.
G. APPENDICE
Principali Istituzioni ed Enti
Denominazione
The Ministry of
Forestry and
Hydraulic Works
The State Hydraulic
Works
General Directorate of
Environmental
Management
Competenze
Sito Web
Indirizzo
Raccolta delle acque
Investimenti sulla distribuzione
e allocazione delle acque (per
consumo residenziale, utilizzo
industriale , irrigazione ed
energia)
Falde acquifere
Controllo delle Alluvioni
http://en.dsi.gov.tr
Devlet Mahallesi , Inonu
Bulvari No: 16 Cankaya
/ Ankara
Controllo dell’ Inquinamento
delle acque
97
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
The Ministry of Food,
Agriculture and
Livestock
Irrigazione
http://www.tarim.gov.tr
Eskişehir Yolu 9. Km Lodumlu ‐ Ankara http://www.saglik.gov.tr
Mithatpaşa Cad. No : 3 06434 Sıhhıye / ANKARA http://www.enerji.gov.tr
Türk Ocağı Caddesi No:2 06100 Çankaya/ANKARA http://www.csb.gov.tr/
Vekaletler Cad. No:1 Bakanlıklar / Ankara http://www.icisleri.gov.tr
T.C. İçişleri Bakanlığı, Bakanlıklar / ANKARA http://www.mfa.gov.tr
Dr. Sadık Ahmet Cad. No:8 Balgat / ANKARA Bonifica e miglioramento del
terreno
The Ministry of Health
The Ministry of
Energy and Natural
Resources
General Directorate of
EIE
The Ministry of
Environment and
Urbanization
Bank of Provinces
The Ministry of
Interior
General Directorate of
Local Administrations
Provincial Special
Administration
Local Administration
Associations
Irrigation Associations
Municipalities
The Ministry of
Foreign Affairs
Salute delle acque pubbliche
Misurazione delle Acque e
utilizzo per energia
Investimenti per l’utilizzo delle
acque municipali, delle
fognature, del trattamenti delle
acque reflue e distribuzione
Fornitura di acqua potabile a
villaggi e piccoli bacini di acqua
Progetto per il supporto delle
infrastrutture dei villaggi
(KO YDES)
Irrigazione
Pianificazione di investimenti
per la fornitura di acqua,
trattemento acque reflue e
irrigazione
Lavori relativi alle acque di oltre confine Principali societa’
Denominazione
Sito Web
E-mail
Telefono
Bar-Su
http://www.bar-su.com
[email protected]
+90 312
472 78 10
Elit Sulama
Sistemleri
http://www.elitsulama.com
[email protected]
+90 232
281 48 00
Fernas Group
http://www.fernas.com.tr
[email protected]
+90 312
426 62 62
Polat Yapı
http://www.polatyol.com
[email protected]
+90 216
3250686
Indirizzo
1314. Cadde
No:10/13
A.Ovecler - Ankara
Fatih Mh. 184 Sk.
No: 35 Sarnıç
Gaziemir İzmir
Elçi Sokak No:21
Yukarı
Ayrancı/ANKARA
Uzunçayır Yolu
Cad. Hamza Polat
İş Merkezi No:6
Hasanpaşa Kadıköy / İstanbul
98
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Kanalet Proje
http://www.kanalet.com.tr
[email protected]
+90 242
345 3220
Fabrikalar Mah.
3007 Sok. No: 25
Kepez, ANTALYA
Fiere
Denominazione
Istanbul International Water
Forum
Localita’
İstanbul
Organizzatore
SUEN – Turkish Water
Institution
Sito Web
http://www.iusf.org.tr/
99
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Profili aziendali
BAR-Su Proje ve İnşaat Tic. Ltd. Şti.
Indirizzo
1314. Cadde No:10/13 A.Öveçler, Ankara
Telefono
+90 312 472 78 10
Fax
+90 312 472 78 11
E-mail
[email protected]
URL
www.barsu.com.tr
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Descrizione delle
attivita'
Dati economici
La Bar-su, fondata in Ankara nel 1996, é un'azienda di consulenza
ingegneristica specializzata in irrigazione e dighe. L'azienda é privata al
100% ed é una delle aziende leader della Turchia nel campo della
consulenza.
L'azienda ha maturato esperienza soprattutto nel design, nell'ingegneria
e nella gestione di progetti riguardanti lo sviluppo dell'irrigazione, la
distribuzione dell'acqua e relativi impianti. Tali impianti comprendono:
Studi di fattibilita', pianificazione e design di sistemi d'irrigazione e
drenaggio, dighe e centrali idroelettriche, sistemi di fonritura e
distribuzione dell'acqua, piccole dighe per accumulo e sbarramento,
bacini di dissipazione e dissipatori d'energia, condotte larghe, tunnel e
astazioni di pompaggio.
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
Opportunita' di cooperazione:
N/A
Trasferimento di know-how e tecnologia
□
Joint Venture
□
Investimento diretto
□
Formazione
□
100
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Elit Plastik San. ve Tic. Ltd. Şti.
Indirizzo
Fatih Mh. 184 Sk. No: 35 Sarnıç - Gaziemir, İzmir
Telefono
+90 232 281 48 00
Fax
+90 232 281 48 16
E-mail
[email protected]
URL
www.elitsulama.com
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Descrizione delle
attivita'
Dati economici
La Elit Plastik San.Tic.Ltd.Şti. opera nel campo dei sistemi di irrigazione
per scopi agricoli e paesaggistici sino dal 1990. L'azienda fornisce
servizi di progettazione, applicazione, assistenza tecnica, fornitura,
vendita e assistenza post-vendita.
Nel campo dell'irrigazione agricola, l'azienda rappresenta John Deere
(Plastro), Seo Won, Jain Irrigation e Cepex. Nel camğo dell'irrigazione
paesaggistica l'azienda rappresneta la HUnter, l'azienda leader
mondiale.
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
N/A
101
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Opportunita' di cooperazione:
Distribuzione / partnership commerciale □
Trasferimento di know-how e tecnologia
□
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
Investimento diretto
□
Assistenza tecnica
□
Fernas Şirketler Grubu
Indirizzo
Elçi Sokak No:21 06550 Yukarı Ayrancı, Ankara
Telefono
+90 312 426 62 62
Fax
+90 312 426 38 38
E-mail
[email protected]
URL
www.fernas.com.tr
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
Il Fernas Group opera in numerosi settori quali la realizzazione si sovra
e infrastrutture, realizzazione di impianti industriali, reti di distribuzione
del gas naturale, dell'energia, energia, turismo, produzione di cemento
e gesso.
Il Fernas group ha sviluppato progetti strategicamente importanti quali il
piu' grande progetto turco di stoccaggio del gas naturale e ha portato a
compimento con successo diversi progetti energetici. Il gruppo sviluppa
costantemente le sue attivita' a livello internazionale.
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
N/A
102
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
(permanenti,
temporanei)
Opportunita' di cooperazione:
Trasferimento di know-how e tecnologia
□
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
Investimento diretto
□
Assistenza tecnica
□
Kanalet İnşaat Elektrik Üretim San. ve Tic. A.Ş.
Status dell'azienda
Attiva
Indirizzo
Fabrikalar Mah. 3007 Sok. No: 25 Kepez, Antalya
Telefono
+90 242 345 32 20
Fax
+90 242 345 32 22
E-mail
[email protected]
URL
www.kanalet.com.tr
Referente
Yılmaz Tatoğlu
Ruolo aziendale
Presidente
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
La KANALET Construction Electricity Generation Industry and
Commerce Inc. oper nel settore da oltre 35 anni. Kanalet attualmente é
focalizzata sull'energia rinnovabile e sulle centrali idroelettriche.
Inoltre, Kanalet rappresenta un gruppo di compagnie specializzate in
settori differenti quali la progettazione, la produzione di materiali
prefabbricati di costruzione.
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
N/A
103
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
(permanenti,
temporanei)
Opportunita' di cooperazione:
Trasferimento di know-how e tecnologia
□
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
Investimento diretto
□
Formazione
□
Assistenza tecnica
□
Dolsar Mühendislik A.Ş.
Indirizzo
DOLSAR Binası, Kennedy Caddesi No:43 Kavaklıdere, Ankara
Telefono
+90 312 417 90 00
Fax
+90 312 418 10 66
E-mail
[email protected]
URL
www.dolsar.com.tr
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
DOLSAR é un'azienda di ingegneria multi-disciplinare che fornisce
servizi di ingegneria, architettura, consulenza e supervisione per
progetti su larga scala in una vasta gamma di settori.
la DOLSAR ha fornito con successo servizi nei settori dell'energia,
dell'acqua, delle risorse e dello sviluppo territoriale e regionale,
dell'ambiente, dei trasporti e dell'edilizia.
Fatturato annuale
N/A
104
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
N/A
Esportazioni
(% fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
Opportunita' di cooperazione:
Trasferimento di know-how e tecnologia
□
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
Investimento diretto
□
Assistenza tecnica
□
Su Yapı Mühendislik ve Müşavirlik A.Ş.
Indirizzo
Mustafa Kemal Mahallesi, 2128 Sokak, No:6 Çankaya, Ankara
Telefono
+90 312 441 32 26
Fax
+90 312 438 27 26
E-mail
[email protected]
URL
www.suyapi.com.tr
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
Su-Yapı é un'azienda indipendente di ingegneria e consulenza. Su-Yapı
fornisce servizi di ingegneria e consulenza a piu' di 500 progetti, inclusi
quelli finanziati da istituzioni internazionali e realizzati in associazione
con aziende di ingegneria e consulenza locali e straniere.
Fatturato annuale
N/A
105
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
N/A
Esportazioni
(% fatturato)
300
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
Opportunita' di cooperazione:
Trasferimento di know-how e tecnologia
□
Joint Venture
□
Investimento diretto
□
Assistenza tecnica
□
106
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
3. LA GESTIONE DELLA SICUREZZA ALIMENTARE
A. Introduzione
La Turchia vanta un territorio vasto, una popolazione ampia e un clima adatto ad una ricca
produzione agricola. La cospicua produzione agricola procura abbondante materia prima per
la manifattura
alimentare, che si presenta come la quarta industria del Paese per
dimensioni. Anche se la Turchia è tra i primi dieci esportatori di cibo nella graduatoria
mondiale, le esportazioni alimentari non sono ancora ai livelli desiderati.
Gli Stati membri dell'UE sono i principali partner commerciali della Turchia. Circa il 45% delle
esportazioni turche, difatti, sono destinati ai Paesi UE-27. I principali articoli esportati sono la
frutta e la verdura. Il settore agricolo è tradizionalmente il più grande del Paese ed offre un
importante contributo al PIL, alle esportazioni e all’ industria, anche se la crescita del settore
non ha tenuto il passo con quella degli altri settori economici.
La manifattura degli alimenti e delle bevande impiega più di un milione di persone. Il tessuto
produttivo è composto prevalentemente da piccole e medie imprese, in gran parte di
proprietà privata. Il numero di aziende straniere, sia nell’industria alimentare che
nell’agricoltura, è in aumento.
I modelli di consumo si sono spostati verso gli alimenti confezionati e trasformati, come piatti
pronti ed alimenti surgelati, tendenza sostenuta dall'aumento dell'occupazione femminile a
tempo pieno.
Se la piccola industria ancora non possiede le risorse e la capacità per operare secondo le
norme della Comunità Europea, le grandi aziende internazionali e le aziende della grande
distribuzione organizzata rappresentano un'importante forza trainante per la qualità e la
sicurezza alimentare.
B. Agricoltura, produzione alimentare ed esportazioni
Fra i paesi candidati all'adesione all'Unione Europea, la Turchia rappresenta uno dei piu’
estesi, con una popolazione di circa 77 milioni. La Banca Mondiale indica la Turchia come
una delle 20 più grandi economie del mondo. Il valore delle esportazioni turche verso i paesi
dell'UE-27, i principali partner commerciali, è più che raddoppiato negli ultimi anni. Il valore
delle esportazioni verso l'UE è di circa 47 milioni di Euro nel 2013.
L'agricoltura rappresenta l'8% del prodotto interno lordo della Turchia (PIL). Le principali aree
di produzione sono i cereali, la carne e il pesce. Nel 2013 la Turchia ha esportato 2.098.000
tonnellate di frutta fresca, soprattutto agrumi (arance, mandarini, limoni), uva da tavola e
ciliegie ed è stato il quinto più grande esportatore. E' stato il quarto più grande esportatore di
107
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
verdure, con circa 1.243.000 tonnellate (soprattutto peperoni dolci, pomodori, cetrioli,
zucchine, melanzane e fagiolini).
Tra il 1998 e il 2009 l'industria alimentare e delle bevande ha avuto un tasso di crescita
superiore a quello del PIL, raggiungendo i 2.950 milioni di euro nel 2009 (+19,6%). La quota
dei prodotti alimentari e delle bevande nella capacità produttiva totale è aumentata dall’ 8,7%
del 2005 al 12,8% nel 2009. Quasi un milione di persone sono impiegate nel settore.
Esistono più di 20.000 imprese attive nel settore dell'alimentare e delle bevande. La
popolazione presenta una tradizionale tendenza all’acquisto quotidiano di alimenti freschi. Il
settore della vendita al dettaglio dei generi alimentari (MRG) è in crescita; i supermercati
rappresentano ora il 45% delle vendite al dettaglio dei prodotti alimentari. La presenza
capillare di punti vendita MRG associata all'aumento dei redditi, ha portato ad un aumento
del consumo di cibi confezionati e trasformati, come piatti pronti per il consumo e alimenti
surgelati. L'industria alimentare si sta espandendo anche nel settore del fast food, anche
grazie alle mutate abitudini alimentari della popolazione giovane ed alla crescita del turismo.
Il numero delle aziende manifatturiere di generi alimentari e di bevande di proprietà straniera
è fortemente aumentato nel corso degli ultimi dieci anni, raggiungendo l'attuale livello di circa
500 societa’. Analogamente, nel settore agricolo il numero delle aziende straniere ha
raggiunto le 400 unita’. L'avvento di importanti multinazionali di produzione di generi
alimentari e la penetrazione dei supermercati nel mercato interno della vendita al dettaglio è
un ulteriore e importante fattore trainante della qualità e della sicurezza alimentare.
C. Struttura istituzionale
Il Ministero dell'Agricoltura e Affari Rurali (MARA) è stato prioritariamente coinvolto nella
sicurezza alimentare, con la responsabilità di tutte le fasi dalla produzione al consumo, delle
ispezioni per la sicurezza alimentare, del benessere degli animali e della produzione agricola.
Il MARA è stato recentemente riorganizzato, ai sensi del Decreto Legge n. 639 (pubblicato
sulla Gazzetta Ufficiale n. 27958 del 3 giugno 2011), che ha stabilito, a partire dal giugno
2012, la struttura, i compiti, i poteri e le responsabilità del nuovo Ministero degli Alimenti,
Agricoltura e Zootecnia (MoFAL).
Il Ministero è composto da amministrazioni centrali e provinciali.
Tabella 17: Ministeri Precedenti e Attuali a Confronto
MoFAL
MARA
Alimenti e Controllo
Produzione e Sviluppo Agricolo
Zootecnia
Ricerca Agricola
Pesca e Acquacoltura
Tutela e Controllo
Produzione Vegetale
Relazioni Estere e Controlli UE
108
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Riforma Agricola
Sostegno e Organizzazione
Ricerche e Politiche Agrarie
UE e Affari Internazionali
MoFAL è costituito da una struttura centrale ma è anche rappresentato in ciascuna delle 81
province, dove è responsabile dei controlli/ispezioni alimentari, dei controlli veterinari e
fitosanitari ed e’ presente in circa 800 distretti. Esistono, inoltre, 40 Laboratori di Controllo
Provinciale, nove Istituti di Controllo e Ricerca Veterinaria, un Istituto di Controllo e Ricerca
Alimentare e quattro Istituti per la ricerca sulla tutela delle colture.
La Direzione Generale per la Protezione e il Controllo (GDPC) del MARA era responsabile
delle attività relative la sicurezza alimentare, la politica veterinaria e fitosanitaria (compresa la
legislazione alimentare), la registrazione della produzione locale di alimenti e mangimi, la
definizione delle strategie e delle procedure nonché la formazione e l'istruzione dei
dipendenti MARA. Ha rappresentato anche il punto di contatto per le istituzioni e le agenzie
internazionali. Nella nuova struttura le responsabilità della GDPC sono state attribuite a
diverse direzioni ed, in particolar modo, alla Direzione Generale degli Alimenti e del Controllo
(GDFC). Gli uffici provinciali sono responsabili della registrazione dei prodotti importati,
dell'ispezione degli impianti, del controllo dei mercati, dei controlli doganali e delle analisi.
La GDFC e’ collegata a 81 Direzioni Provinciali ed a 801 Direzioni Distrettuali.
Le direzioni provinciali sono costituite dall'Unità Protezione delle Essenze, dall’Unità di
Supervisione degli Agricoltori, dall'Unità di Controllo, dall'Unità di Salute degli Animali,
dall’Unità delle Statistiche Progettuali e dalle Unità di Supporto nonché dai dipartimenti degli
affari amministrativi e finanziari.
1. Altri ministeri e istituzioni pubbliche
Gli altri enti pubblici, con competenze più limitate per la sicurezza alimentare sono:
•
il MoH, responsabile per il controllo, la sicurezza e la qualità dell'acqua potabile e il
loro utilizzo. Il MoH ha anche il diritto di intervenire nelle emergenze di salute
pubblica.
•
Il Ministero dell'Interno, che interagendo con i comuni e le amministrazioni
provinciali speciali, rilascia le licenze e gestisce il registro degli stabilimenti
alimentari. Nell'ambito delle cosiddette Aree Industriali Organizzate sono in vigore
disposizioni differenti
•
Il Ministero dell'Ambiente e Urbanizzazione, responsabile per la protezione degli
animali, degli OGM e dei materiali per la propagazione della silvicoltura.
109
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
•
Il Sottosegretariato per il Commercio Estero, che
effettua controlli sulle
esportazioni ai sensi degli standard nazionali dell'Istituto Turco degli Standard.
•
Le municipalità locali, responsabili per i controlli di sicurezza nel settore della
ristorazione.
•
Il Ministero dell'Industria e del Commercio, che ha il compito di sostenere le PMI.
2. Altre organizzazioni
Le altre organizzazioni, anche se non direttamente coinvolte nella stesura e
nell'implementazione della normativa, contribuiscono al suo sviluppo e alla sua applicazione.
In Turchia vi sono quattro istituzioni pubbliche ed una semi-pubblica coinvolte nella qualità e
nella sicurezza alimentare: l'Istituto Turco degli Standard (TSE), l'Ufficio Turco dei Brevetti
(TPE), il Sottosegretario per il Commercio Estero (DTM), il Sottosegretariato per la
Pianificazione statale (DPT) e l'Agenzia Turca per l'Accreditamento (TURKAK).
Il Sottosegretario per il Commercio Estero (DTM) e la Direzione Generale per la
Standardizzazione per il Commercio Estero hanno unità di ispezione in punti selezionati per il
rilascio del "Certificato di Ispezione" per i prodotti agricoli da esportare/importare nell'ambito
di applicazione delle disposizioni per esportazioni/importazioni.
Il Sottosegretario per la Pianificazione Statale (DPT) è l' organo decisionale principale ed è
preposto alla redazione dei Piani di Sviluppo e dei Programmi Annuali del governo, tra cui le
politiche di sicurezza alimentare e di qualità così come le decisioni di investimento per
migliorare le infrastrutture garanzia della qualità del TKB.
Il TSE (Istituto Turco degli Standard) in precedenza ha avuto un ruolo determinante nella
qualità del cibo, dal momento che era l'ente preposto alla definizione dei rispettivi standard
locali e conduceva test di valutazione della conformità e rilasciava i certificati dei rispettivi
prodotti alimentari. Ma con la nuova normativa, il suo ruolo ufficiale è stato ridotto alla sola
emissione dei Certificati di Conformità agli importatori di generi alimentari e alla conduzione
di attività di audit per i sistemi di assicurazione della qualità (ISO 9000, 22000 ecc.) stabiliti
dagli impianti di produzione di generi alimentari. Quest'ultima funzione è ricoperta anche da
società private europee tramite le loro rappresentative in Turchia (cioè Bureau Veritas, TUV).
L'Ufficio Turco dei Brevetti (TPE) agisce come un ente di certificazione e organo di controllo
per i marchi e per le Indicazioni Geografiche ( IG). Il TPE è stato istituito sotto forma di entità
giuridica indipendente con un budget autonomo e vincolata al Ministero dell'Industria e del
Commercio; il suo scopo è di sostenere lo sviluppo tecnologico in Turchia e di tutelare i diritti
di proprietà industriale nonché di informare il pubblico in merito a tali diritti, sostenendo quindi
la formazione di un ambiente competitivo e lo sviluppo delle attività di ricerca e di sviluppo.
L'Agenzia Turca per l'Accreditamento (TURKAK) è un ente d'accreditamento semi-pubblico
che permette l'accesso agli standard e agli audit di qualità a livello mondiale. La TURKAK è
stata istituita ai sensi di una normativa speciale ma è vincolata alla Presidenza del Consiglio.
110
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
La TURKAK accredita gli organismi locali ed internazionali che forniscono servizi di
laboratorio, di certificazione e di ispezione, garantisce il loro funzionamento in conformità con
le vigenti norme nazionali ed internazionali e quindi facilita il riconoscimento internazionale
del prodotto/servizio, del sistema, del personale e dei certificati di laboratorio.
Esiste, inoltre, la Federazione Turchia degli Alimenti e delle Bevande (TGDF), che è la più
grande organizzazione non governativa del settore turco dei generi alimentari e delle
bevande.
3. Normativa
Nel 2010 le preesistenti leggi sui generi alimentari, i mangimi, i servizi veterinari e fitosanitari
sono state raccolte in un testo unico: la Legge n. 5996 sui Servizi Veterinari, la Salute dei
Vegetali, i Generi Alimentari e i Mangimi, pubblicata il 13 giugno 2010 ed entrata in vigore il
13 dicembre 2010 (Gazzetta Ufficiale N. 27610), si basa sui requisiti del Regolamento
Generale della Legge Alimentare CE 178/2002, che reca i principi e i requisiti generali della
legislazione alimentare, istituisce l'Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare e fissa le
procedure nel campo della sicurezza alimentare.
La Legge n 5996 regola anche la concessione di licenze per i centri di produzione alimentare
e l'istituzione di un efficiente sistema di audit e di controllo.
La normativa prevede nuove sanzioni in caso di non conformità, tra cui un sistema di
ammende, piuttosto che le sanzioni amministrative già esistenti, compresi gli avvisi e le
notifiche. Le autorità competenti hanno il potere di esigere l'eliminazione del prodotto non
conforme e, nel caso di un rischio diretto o indiretto per i consumatori, della persecuzione
legale dell'operatore responsabile.
Questi sviluppi hanno sancito il progresso del rapporto d'avanzamento per il 2010 (CETurchia 2010 Progress Report COM 2010- 660) in tema di sicurezza alimentare, delle
politiche veterinarie e fitosanitarie. Il nuovo adeguamento dovrebbe facilitare il recepimento e
l'attuazione dell'acquis in questione.
4. Laboratori
I laboratori ufficiali svolgono gli studi analitici per il controllo della conformità, identificando le
maggiori criticita’ all'interno della filiera alimentare. Esistono tre tipi di laboratori: i Laboratori
degli Istituti per la Ricerca e il Controllo Veterinario, il Laboratori Provinciali e il Laboratori
Fitosanitari.
Istituti per la ricerca e il controllo veterinario
Il Dipartimento dei Servizi di Salute Animale del GDFC è responsabile per la nomina e il
controllo dei laboratori veterinari. Esistono otto istituti di ricerca e di controllo veterinario che
111
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
fungono da laboratori regionali per le malattie degli animali e un Laboratorio Specializzato in
Afta Epizootica.
Laboratori di controllo provinciale
Il Dipartimento dei Servizi di Sanità Pubblica del GDFC è responsabile del coordinamento
delle 39 Direzioni dei Laboratori di Controllo Provinciale, di un istituto per il controllo degli
alimenti e di ricerca centrale che effettuano i controlli ufficiali degli alimenti, nonché della
nomina di 25 laboratori di controllo privati che svolgono analisi sugli alimenti.
Laboratori di salute fitosanitaria
Esistono diciassette laboratori fitosanitari, inclusi quattro Istituti di Ricerca per la Protezione
delle Piante, sette Laboratori di Quarantena Agricola, cinque Direzioni Centrali per la
Certificazione delle Sementi e una direzione centrale per la registrazione e la certificazione
delle sementi. Gli Istituti di Ricerca per la Protezione delle Piante si occupano anche dei
controlli di quarantena e dei programmi di monitoraggio.
Alcuni laboratori sono accreditati secondo la norma EN ISO / IEC 17025 sui "Requisiti
generali per la competenza dei test e la taratura dei laboratori". Tra questi vi sono un
laboratorio per la salute animale e le analisi degli alimenti, sei laboratori per le analisi degli
alimentari e dei mangimi e due laboratori privati per le analisi degli alimenti.
Esistono anche altri laboratori presso il Ministero della Salute, il Sottosegretariato per il
Commercio Estero, l'ıstituto Turco degli Standard, il Centro di Ricerche Marmara di
TÜBİTAK, dieci laboratori municipali e un laboratorio universitario.
D. L'Unione Europea, la Turchia e la sicurezza alimentare
La principale organizzazione responsabile della sicurezza alimentare è il Ministero
dell'Agricoltura e degli Affari Rurali (MARA), recentemente ristrutturato e rinominato come il
Ministero degli Alimenti, Agricoltura e Zootecnia (MoFAL). Costituisce un organismo centrale
per il controllo di tutti gli aspetti di questo settore. Questo rappresenta un passo positivo
verso il rafforzamento del sistema di controllo ufficiale.
Un notevole sviluppo nel campo del controllo della sicurezza alimentare in linea con le norme
comunitarie e’ rappresentato dall'introduzione, nel dicembre 2010, della Legge n. 5996 sui
Servizi Veterinari, Fitosanita', i Generi Alimentari e i Mangimi. La legge individua le autorita’
preposte alla concessione delle licenze ai produttori di generi alimentari, fissando i requisiti
tecnici e igienici e istituisce un efficiente sistema di audit e di controllo.
Oltre 140 regolamenti sono entrati in vigore, in forza della legge, tra il settembre 2011 e il
dicembre 2012.
73 di questi regolamenti sono stati redatti in parallelo con la legislazione UE. Gli altri sono
dedicati alle strutture amministrative necessarie per l'attuazione dell'acquis comunitario,
112
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
all'istituzione di meccanismi di controllo e di ispezione e per coprire le tematiche che sono
lasciate alle normative nazionali degli Stati Membri dell'Unione Europea.
Le recenti preoccupazioni relative ai prodotti provenienti dalla Turchia sono state innescate
dall'elevato numero di comunicazioni relative alla presenza o agli elevati livelli di micotossine
e residui di antiparassitari, di residui veterinari e la certificazione degli stabilimenti. Questi
sono discussi alla luce dei recenti rapporti del FVO e dei progressi registrati in questi settori.
Il controllo delle malattie degli animali rimane una priorita’, in particolar modo quello dell'afta
epizootica (FMD). Tuttavia, nel 2011 la Commissione Europea ha riferito che, nonostante il
regolamento per i controlli dell'afta epizootica sia entrato in vigore, non è ancora stato
implementato un piano di controllo di emergenza. Un intenso programma di vaccinazione
contro l'afta epizootica e rigorose misure di circolazione sono state attuate tra la Tracia e
l'Anatolia e la Tracia ha mantenuto il suo status di regione esente dai vaccini contro l'afta
epizootica.
La Turchia ha fatto fronte ai suoi obblighi di comunicazione all'Organizzazione Mondiale per
la Salute Animale (OIE) e nel 2009 ha cominciato ad inoltrare comunicazioni al Sistema
Europeo di Notifica delle Malattie degli Animali (ADNS). E' entrato in vigore, inoltre, un
regolamento inerente la notifica delle malattie degli animali.
Sono stati perpetuati sforzi per introdurre il sistema di identificazione e di registrazione dei
bovini e dei loro movimenti, in linea con l'acquis. Un sistema di identificazione e registrazione
degli ovini e dei caprini è stato avviato in tutto il paese, anche se non vi è stato alcun
progresso sul controllo del movimento commerciale degli animali domestici. L'introduzione e
il funzionamento dei Punti di Controllo di Confine non sono ancora stati attuati.
E' stata condotta una revisione degli stabilimenti di prodotti di origine animale. Sono stati
varati i passi necessari per lo sviluppo di un piano di potenziamento nazionale.
La Turchia ha approntato una dettagliata strategia per il recepimento, l'attuazione e
l'applicazione dell'acquis. I recenti rapporti sullo stato di avanzamento pubblicati dalla
Commissione Europea sottolineano i significativi progressi compiuti per l'armonizzazione
delle normative turche all'acquis. E' comunque necessario un ulteriore lavoro per portare il
sistema di controllo globale in linea con la normativa UE. In particolare:
•
La salute animale e il potenziamento degli stabilimenti agroalimentari richiedono ancora uno
sforzo considerevole in modo da renderli conformi ai requisiti igienici e strutturali dell’UE.
•
Deve essere ancora adottata una legislazione che recepisca il confezionamento igienico e le
norme specifiche in materia di prodotti di origine animale. Sono stati comunque mossi i primi
passi per lo sviluppo di un piano di riqualificazione nazionale degli gli stabilimenti agroalimentari.
113
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
•
I piani di emergenza per l'afta epizootica devono ancora essere attuati e il programma di
eradicazione deve essere esteso al resto del paese .
•
I posti d'ispezione frontalieri non sono ancora pienamente operativi. Si necessita di ulteriore
personale specializzato per poter intensificare i controlli fitosanitari e veterinari.
•
L'incidenza di brucellosi resta elevata nonostante sia in diminuzione. D'altro canto, sembra
che gli episodi di Salmonellosi, Campilobatteriosi e Escherichia coli O157 siano in aumento.
•
Per quanto riguarda la TSE deve ancora iniziare il lavoro relativo a: Benessere Animale;
Igiene Alimentare e Controlli sui movimenti non commerciali degli animali da compagnia.
•
Sono stati comunque registrati miglioramenti nelle capacità, nello scopo e nella qualità dei
laboratori, necessari per soddisfare i requisiti di legge per quanto riguarda le analisi dei
pesticidi, dei residui veterinari e dei contaminanti sulla base di metodi accreditati/convalidati. I
Laboratori Nazionali Referenti devono essere pienamente operativi.
•
Si necessita di un dettagliato monitoraggio dei seguiti delle indagini RASFF, ad esempio per
quanto riguarda l’uso dei pesticidi da parte dei coltivatori.
•
Si necessita di sostenere le PMI per permettere loro di adeguarsi alle nuove normative e ai
nuovi requisiti.
E. Principali sfide
Malattie Animali
Afta epizootica - le misure adottate in materia nella regione della Tracia sembrano essere
efficaci. Tuttavia, piani intensivi devono essere estesi anche al resto del paese.
La prevalenza delle altre malattie animali rimangono elevate - in particolare la TSE. Altre
misure devono essere adottate nel settore.
I Posti d'Ispezione Frontalieri dovrebbero diventare pienamente funzionali.
Controlli dell'Igiene
Devono essere attuati nuovi piani e stabilite le tempistiche per l'esecuzione dei controlli in
materia di igiene, in linea con le norme comunitarie. In particolar modo, gli stabilimenti
caseari e gli impianti di pollame locali devono mettersi al passo con gli standard per poter
esportare verso l'UE.
Le pratiche di sostegno e di formazione sono particolarmente necessarie in particolare per le
PMI.
114
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Zoonosi
Le indagini sono cruciali a seguito dell'aumento dell'incidenza di salmonellosi, E. coli O157 e
Campilobatteriosi e le cause devono essere identificate.
Contaminanti e residui
I prodotti provenienti dalla Turchia sono soggetti ad un elevato numero di notifiche nel
sistema RASFF. Devono essere messe in atto nuove misure per garantire il rispetto di tali
notifiche.
Deve essere istituito un sistema nazionale di notifica degli incidenti e della registrazione dei
casi di lamentale/restituzione dei prodotti.
Ulteriori progressi devono essere fatti per fornire ai laboratori ufficiali il controllo necessario
per condurre tutte le analisi richieste.
Aree scoperte
Non vi sono ancora interventi nel campo del benessere animale, dell'igiene dei mangimi e del
controllo dei movimenti non commerciali di animali da compagnia. Devono essere elaborati
nuovi programmi in questi settori.
Formazione e informazioni
Nuovi sistemi dovrebbero essere impostati per sostenere le PMI, mettendole a conoscenza
dei cambiamenti in atto nella legislazione, assistendole nel loro rispetto e attuando sistemi
adeguati.
Cambiamenti nelle abitudini alimentari
Le conseguenze del cambiamento dei modelli di consumo, quali l'aumento nel consumo di
alimenti lavorati, l'aumento di punti vendita della grande distribuzione e lo sviluppo del settore
della ristorazione, devono essere analizzate dal punto di vista della sicurezza alimentare.
F. Conclusioni
La Turchia ha compiuto notevoli progressi nell'armonizzazione con la legislazione dell'UE, in
particolare per quanto riguarda la realizzazione di un'organizzazione centrale e il varo di una
legislazione generale per la gestione della sicurezza alimentare. I settori che richiedono
ulteriori sforzi comprendono il controllo delle malattie animali, il benessere animale, l'igiene e
i controlli dei mangimi, la certificazione degli stabilimenti e l'attuazione dei principi di igiene.
La penetrazione delle grandi società internazionali e la crescita del settore della grande
distribuzione e della ristorazione, associate con il cambiamento dei modelli di consumo, sono
ulteriori incentivi per la qualità e la sicurezza alimentare.
115
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Nel 2013, la Turchia era 37esima su 105 Paesi nell'Indice Globale della Sicurezza
Alimentare, mentre si è classificata 28esima nella disponibilità del cibo, 49esima nella
accessibilità economica del cibo e 40esima nella sicurezza alimentare. Anche se i negoziati
di adesione sono alquanto lenti, la Turchia adotta le misure necessarie in materia di
sicurezza alimentare il più velocemente possibile per raggiungere una piena integrazione con
le norme UE.
Le norme UE impongono requisiti relativi alla qualità che, se non rispettati, potrebbero ridurre
la quota turca nei mercati alimentari mondiali. Tuttavia, nel Paese è generalmente migliorata
l'infrastruttura per i controlli di sicurezza alimentare. Grandi miglioramenti si sono registrati
nella qualità nella produzione di latte, che supera ormai i requisiti minimi del Codice
Alimentare. La motrice principale di questo miglioramento è l'esistenza di aziende caseari
nazionali e internazionali che elevano gli standard di qualità del mercato.
Su un altro versante, va evidenziata la necessita’ di una evoluzione della sensibilita’ dei
consumatori e dei produttori riguardo il tema della qualita’, sui quali potra’ avere una notevole
influenza la cooperazione tra le diverse istituzioni governative e dei media, che dovranno
informare il grande pubblico sull’importanza della sicurezza alimentare.
E’ prevedibile, inoltre, la necessita’ di investimenti da parte delle istituzioni pubbliche per
sviluppare ulteriormente le condizioni di base per la produzione di alimenti sicuri e di qualità.
Il processo di adesione all'UE rappresenta, dunque, un sostegno allo sviluppo della qualità
alimentare in Turchia e la sua prosecuzione sarà una motrice importante per i prossimi anni,
così come lo sarà il sostegno finanziario da parte dell'UE e di altre organizzazioni
internazionali, quali la Banca Mondiale.
G. APPENDICE
Principali Istituzioni ed Enti
Denominazione
Competenze
Sito Web
Indirizzo
Controlli/ ispezioni alimentari
The Ministry of Food,
Agriculture and Livestock
The Ministry of Health
The Ministry of
Environment and
Urbanization
Controlli veterinari e fitosanitari
Pianificazione politiche e strategie
Istruzione e formazione
Ispezione, sicurezza e qualita’ delle
acque potabili. Interventi in casi di
emergenze sulla salute pubblica.
Protezione dele specie animali, OGM e
prodotti per la proliferazione delle
foreste
The Ministry of Interior
http://www.tarim.gov.tr
Eskişehir Yolu 9. Km
Lodumlu - Ankara
http://www.saglik.gov.tr
Mithatpaşa Cad. No : 3
06434 Sıhhıye / ANKARA
http://www.csb.gov.tr/
Vekaletler Cad. No:1
Bakanlıklar / Ankara
http://www.icisleri.gov.tr
T.C. İçişleri Bakanlığı,
Bakanlıklar / ANKARA
116
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Provincial Special
Administration
Municipalities
Licenze e registrazione di imprese
agricole
The Undersecretariat of
Foreign Trade
Controllo delle seportazione in accordo
con gli standard Nazionali previsti
dall’Istituto Turco degli Standard
http://www.ekonomi.gov.tr
The Ministry of Industry
and Commerce
Supporto per le PMI
http://www.sanayi.gov.tr
The State Planning
Organization
The Turkish Standards
Institution (TSE)
The Turkish Patent
Institute (TPE)
The Turkish Accreditation
Agency (TURKAK)
The Turkish Food and
Drink Federation (TGDF)
Preparazione dei Piani di Sviluppo per
la sicurezza e la qualita’ alimentare e
decisioni circa gli investimenti per
l’aumento della qualita’ delle
infrastrutture di assicurazione
Issuing Conformity Certificates to food
importers and conducting auditing
activities for the quality assurance
systems (ISO 9000s, 22000, etc.)
Istituzione di certificazione e auditing
per marchi e Identificazione Geografica
(GI)
Accessibilita’ degli styandards e
qualita’ degli audit internazionale
La piu’ grande organizzazione non
governativa del settore alimentare e
bevande in Turchia
T.C. Ekonomi Bakanlığı
İnönü Bulvarı No:36
Emek / ANKARA
Mustafa Kemal Mh.
Dumlupınar Bulvarı
2151.Cd No:154 Çankaya
/ANKARA
http://www.mod.gov.tr
TC Kalkınma Bakanlığı
Necatibey cad. No:110/A
Yücetepe Ankara
http://www.tse.org.tr
Necatibey Cad. No:112
06100 Bakanlıklar /
Ankara
http://www.tpe.gov.tr
http://www.turkak.org.tr
http://www.tgdf.org.tr
Hipodrom Caddesi
No:115 Yenimahalle /
ANKARA
Esat Cad. No:41
Kucukesat ANKARA
Ataturk Bulvari 231/16
Kavaklõdere - ANKARA
Principali societa’ e laboratori
Denominazione
Sito Web
E-mail
Telefono
Çevre
Endüstriyel
Analiz
http://www.cevreanaliz.com
[email protected]
+90 212 321 09
00
Intertek Test
http://www.intertek-turkey.com
[email protected]
+90 212 496 46
46
Kalite Sistem
Group
http://www.kalitesistem.com
[email protected]
+90 216 445 27
27
Protek Analitik
http://www.protekanalitik.com
+90 216 329 39
60
Santia Gıda ve
İş Sağlığı
http://www.santia.co.uk/turkiye
+90 232 238
6677
Indirizzo
Merkez Mah.
Tatlıpınar Sok. Mart
Plaza No:13 K:1-2
Kağıthane, Istanbul
Merkez Mh. Sanayi
Cd. No.23 Altındağ
Plaza Yenibosna Istanbul
AR Plaza B Blok
Değirmen Sk No:16
Kozyatağı Kadıköy İstanbul
Atakent Mah. Dicle
Cad. No:29 Ümraniye
İstanbul
Mithatpaşa Cad.
No:569/1B Narlıdere
İzmir
117
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Fiere
Denominazione
Localita’
Organizzatorew
Sito Web
İstanbul GIDA-TEK:
International Food and Beverage
Technologies, Food Safety,
Additives and Ingredients,
Cooling, Ventilation, Storage
Systems and Logistics Fair
İstanbul
Reed Tüyap
Fuarcılık
http://www.tuyap.com.tr/webpages/gidatek/
118
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Profili aziendali
Arasta Makine Kimya San. Tic. Ltd. Şti.
Indirizzo
Darülaceze Cad. Perpa Ticaret Merkezi B Blok Kat: 6 No.740 Şişli,
İstanbul
Telefono
+90 212 615 70 88
Fax
+90 212 615 70 88
E-mail
[email protected]
URL
www.arastaltd.com.tr
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
Tecnologie e servizi di sicurezza alimentare e controllo qualita'.
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
N/A
Opportunita' di cooperazione:
Trasferimento di know-how e tecnologia
□
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
Investimento diretto
□
Formazione
□
Assistenza tecnica
□
119
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Avrasya Dağ. ve Paz. Ltd. Şti.
Indirizzo
Saim Çıkrıkçı Caddesi No:62 Kısıkköy, İzmir
Telefono
+90 216 651 29 75
Fax
+90 216 651 29 70
E-mail
[email protected]
URL
www.avrasyadgtm.com
Referente
Harun Sorkun
Ruolo aziendale
Funzionario
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
Tecnologie e servizi di sicurezza alimentare e controllo qualita'.
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
N/A
Opportunita' di cooperazione:
Trasferimento di know-how e tecnologia
□
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
Investimento diretto
□
Formazione
□
Assistenza tecnica
□
120
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Çevre Gıda ve Endüstriyel Analiz Laboratuvarı
Indirizzo
Merkez Mah. Tatlıpınar Sok. Mart Plaza No:13 K:1-2 Kağıthane,
İstanbul
Telefono
+90 212 321 09 00
Fax
+90 212 321 09 75
E-mail
[email protected]
URL
www.cevreanaliz.com
Referente
Dr. Ömer Güzel
Ruolo aziendale
Amministratore
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
Analisi di alimenti, analisi di materiali a contatto con generi alimentari,
analisi di mangimi, analisi ambientali, analisi industriali, audit,
formazione e consulenza.
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
300
Opportunita' di cooperazione:
Trasferimento di know-how e tecnologia
□
Joint Venture
□
Investimento diretto
□
Formazione
□
Assistenza tecnica
□
121
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Dizayn Müh. Hizm. İnşaat San. ve Tic. Ltd. Şti.
Indirizzo
Sahrayıcedit, İnönü cad. Taşkur Ap. No.43 D:4 Kadıköy, İstanbul
Telefono
+90 216 355 77 00
Fax
+90 216 355 77 02
E-mail
[email protected]
URL
www.dizaynmuhendislik.com.tr
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
Materiali e equipaggiamenti igienici.
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
N/A
Opportunita' di cooperazione:
Trasferimento di know-how e tecnologia
□
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
Investimento diretto
□
Assistenza tecnica
□
122
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Edelmak Makine San. ve Tic. A.Ş.
Indirizzo
Emirgazi Mah. Pazarcık Sok. No: 4 - 42150 Karatay, Konya
Telefono
+90 332 355 90 90
Fax
+90 332 355 66 99
E-mail
[email protected]
URL
www.edelmak.com
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
Sistemi di filtraggio e di sterilizzazione.
Scambiatori di calore.
Sistemi di pastorizzazione.
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
N/A
Opportunita' di cooperazione:
Trasferimento di know-how e tecnologia
□
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
Investimento diretto
□
Assistenza tecnica
□
123
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
İlk Reklam Bilişim
Indirizzo
Büklüm SK. 48/2 Kavaklıdere, Ankara
Telefono
+90 312 367 74 67
Fax
N/A
E-mail
N/A
URL
N/A
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
Sistemi di filtraggio e di sterilizzazione.
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
N/A
Opportunita' di cooperazione:
Trasferimento di know-how e tecnologia
□
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
Investimento diretto
□
Assistenza tecnica
□
124
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
İntermak A.Ş.
Indirizzo
Fetih Mahallesi Sönmez Sokak No:8 Karatay, Konya
Telefono
+90 332 355 03 55
Fax
+90 332 355 76 19
E-mail
[email protected]
URL
www.intermak.com.tr
Referente
Mehmet Büyükalim
Ruolo aziendale
Amministratore
Telefono diretto
N/A
Descrizione delle
attivita'
Dati economici
Tecnologie e servizi di sicurezza alimentare e controllo qualita'.
Sistemi di refrigerazione.
Sistemi di riscaldamento e misurazione dell'umidita'.
Misuratori pH.
Sensori
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
N/A
Opportunita' di cooperazione:
Trasferimento di know-how e tecnologia
□
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
Investimento diretto
□
Assistenza tecnica
□
125
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
İntermet Metal Makina San. Tic. Ltd. Şti.
Indirizzo
Saim Çıkrıkçı Caddesi No:62 Kısıkköy, İzmir
Telefono
+90 232 257 56 14
Fax
+90 232 257 54 83
E-mail
[email protected]
URL
www.intermetltd.com.tr
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
Sistemi di sterilizzazione e filtraggio.
Materiali e equipaggiamenti igienici.
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
N/A
Opportunita' di cooperazione:
Trasferimento di know-how e tecnologia
□
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
Investimento diretto
□
Assistenza tecnica
□
126
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
İnternet Test Hizmetleri A.Ş.
Status dell'azienda
Attiva
Indirizzo
Merkez Mahallesi Sanayi Cad. No.23 Altındağ Plaza Yenibosna,
İstanbul
Telefono
+90 212 496 46 46
Fax
+90 212 452 80 55
E-mail
[email protected]
URL
www.intertek-turkey.com
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
Servizi di qualita' e sicurezza.
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
30.000-in tutto il mondo
temporanei)
Opportunita' di cooperazione:
Formazione
□
127
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Kalite Sistem Özel Gıda Kontrol Laboratuvarı
Indirizzo
AR Plaza B Blok Değirmen Sokak No:16 Kozyatağı-Kadıköy, İstanbul
Telefono
+90 216 445 27 27
Fax
+90 216 416 07 08
E-mail
[email protected]
URL
www.kalitesistem.com
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Descrizione delle
attivita'
Dati economici
La Kalite Sistem Croup consiste del Laboratorio Privato di Controllo
degli Alimentari Kale Sistem, del Laboratorio Centrale Kalite Sistem,
dell'accadeia Kalite Sistem, dell'Audit e certificazione del Kalite Sistem,
del Management Qualita' Sistem, dell'ISA Cert and Baltic Control, centri
esperti che offrono servizi professionali in:
• Qualita'
• Sicurezza Alimentare
• Salute del Consumatore
• Sino al 1991, da 20 anni in Turchia, Bulgaria, Cipro, Romania,
Azerbaigian, Armenia, Uzbekistan, Albania,
Kazakistan, Iran, Pakistan, Bahrein, Dubai, Yemen e Egitto.
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
N/A
Opportunita' di cooperazione:
Trasferimento di know-how e tecnologia
Joint Venture
□
Formazione
Assistenza tecnica
□
□
□
128
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Onurtech Gıda ve Pak. Mak. Üretim Pazarlama
Indirizzo
Gimat 3. Blok No: 35 Yenimahalle, Ankara
Telefono
+90 312 397 88 58
Fax
+90 312 397 88 58
E-mail
[email protected]
URL
www.onurtech.com.tr
Referente
Mustafa Pıtlak
Ruolo aziendale
Presidente
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
Sistemi di filtraggio e di sterilizzazione.
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
N/A
Opportunita' di cooperazione:
Trasferimento di know-how e tecnologia
□
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
Investimento diretto
□
Formazione
□
129
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Assistenza tecnica
□
OST Otomasyon Sistem Teknolojileri
Indirizzo
N/A
Telefono
+90 212 671 04 71 / +90 549 671 04 71
Fax
N/A
E-mail
[email protected]
URL
www.ostotomasyon.com
Referente
Sinan Tez
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
Materiali e equipaggiamenti igienici
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
N/A
Opportunita' di cooperazione:
Trasferimento di know-how e tecnologia
□
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
130
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Investimento diretto
Assistenza tecnica
□
□
Pastör Endüstri Mak. San. ve Tic. A.Ş.
Status dell'azienda
Attiva
Indirizzo
Kışla Cad. Emintaş Rami Sit. No:123/280 Rami, İstanbul
Telefono
+90 212 674 01 09
Fax
+90 212 576 10 63
E-mail
[email protected]
URL
www.pastormakina.com
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Descrizione delle
attivita'
Dati economici
Sistemi di filtraggio e di sterilizzazione.
Scambiatori di calore.
Sistemi di pastorizzazione.
Sistemi UHT.
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
N/A
Opportunita' di cooperazione:
Trasferimento di know-how e tecnologia
□
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
131
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Investimento diretto
Assistenza tecnica
□
□
Tanrıver Mümessillik Makina San. ve Tic. Ltd. Şti.
Indirizzo
Birlik Sanayi Sitesi 5. Cadde No:40 34500 Beylikdüzü, İstanbul
Telefono
+90 212 854 36 01
Fax
+90 212 854 36 02
E-mail
[email protected]
URL
www.tanriver.com.tr
Referente
İsa Yanıkoğlu
Ruolo aziendale
Rappresentante Commerciale
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
Materiali e equipaggiamenti igienici.
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
N/A
temporanei)
Opportunita' di cooperazione:
Trasferimento di know-how e tecnologia
□
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
Investimento diretto
□
Formazione
□
Assistenza tecnica
□
132
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
133
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
4. AGRICOLTURA BIOLOGICA
A. Panoramica dell'Agricoltura Biologica in Turchia
In Turchia si e’ iniziato a parlare di agricoltura biologica all’inizio negli anni ‘80, con la crescita
della domanda nel mercato biologico europeo. L'industria si è sviluppata in maniera
relativamente rapida da allora, ma il Paese è ancora lontano dall'utilizzare il proprio pieno
potenziale. La Turchia è uno dei paesi più adatti all'agricoltura biologica grazie alla presenza
di una vasta gamma di zone climatiche, che spaziano dal freddo temperato al subtropicale,
ben adattati ai diversi ecosistemi agricoli, alla ricchezza della biodiversità e alla grande
ricchezza della tradizione agricola.
Le attività di agricoltura biologica sono in aumento con la diffusione delle terre biologiche in
tutte le regioni, con più di 700.000 ettari coltivati ed il crescente numero di aziende (superiore
a 50.000 nel 2012, quattro volte il numero registrato nel 2002). Anche la varietà dei prodotti
è aumentata in meno di 15 anni da 37 a circa 200 nel 2012. Questi 200 prodotti sono
suddivisi in nove gruppi principali. Queste categorie sono: la frutta secca, le noci
commestibili, le spezie e le erbe aromatiche, la frutta e la verdura fresca/lavorata, i legumi, i
cereali, le colture industriali, i semi oleosi e gli altri prodotti grezzi/lavorati. Nel 2002 la
produzione biologica totale è stata di 310.000 tonnellate, mentre dieci anni dopo ha raggiunto
1,7 milioni di tonnellate.
Le registrazioni ufficiali della Turchia del 2011 dimostrano come le esportazioni raggiungano
33 paesi, la maggior parte dei quali membri UE15. Nonostante i problemi, essendo i
consumatori di oggi più attenti alla difesa della salute, l'agricoltura biologica è diventata
popolare anche nel mercato domestico. Anche se il costo dei prodotti biologici per i
consumatori è alto, la differenza nelle vendite rispetto ai prodotti ottenuti con metodi non
biologici si è ridotta a causa dell'aumento dei costi del carburante e dei fertilizzanti. Al tutto si
aggiunge l'aumento del reddito pro capite e la crescente consapevolezza che ha iniziato a
creare, anche se lentamente, un mercato interno redditizio.
B. Produzione
Le pratiche di agricoltura biologica aiutano gli agricoltori ad aumentare la produttività e a
proteggere le risorse naturali attraverso l'utilizzo di adeguati sistemi tecnologici e il facile
accesso al mercato e alle informazioni. Le principali sfide che la Turchia ha affrontato in
questo settore nel corso degli anni sono l'assenza di metodi di produzione propri, l'assenza di
organismi di certificazione ed il fatto che le vendite trovavano sbocco unicamente sui mercati
esteri.
134
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
In altre parole, lo sviluppo della produzione biologica in Turchia richiede agli agricoltori di
agire in maniera organizzata invece di dipendere da aziende di certificazione, esportazione o
importazione o da enti governativi.
Il ruolo del governo, naturalmente, è importante per stabilire una base legislativa e per
sostenere l'agricoltura biologica attraverso adeguate politiche e misure.
In Turchia, attualmente sono 703,000 gli ettari gestiti biologicamente. Ciò corrisponde al
2,9% della totale superficie agricola. Circa il 56% di questa superficie è utilizzato per la
produzione di frutta secca, il 24% per le colture, il 9% per le essenze alternative e il 6% per
gli altri prodotti. Sebbene il settore della frutta secca sia stato il pioniere dell'agricoltura
biologica in Turchia a partire dal 1985, oggi esistono molti altri prodotti, che sono classificati
nei nove principali gruppi di prodotti sopra elencati.
Tabella 18: Prodotti biologici prodotti commercialmente
Colture
Frutti dal Guscio Duro
Nocciole, Noci, Pistacchi, Mandorle
Arachidi, Castagne
Uva, Albicocca, Albicocche Affettate, Prugna, Fico, Mela, Ciliegia, Amarena,
Frutta secca
Pera, Fragola
Ortaggi
Pomodoro, Funghi
Mele, Fichi, Fragole, Prugna, Pera, Amarena, Ciliegia, Cachi, Bacche,
Anguria, Limone, Arancio, Pompelmo, Mandarino, Pesca, Uva, Pomodoro,
Frutta e verdura fresca
Peperone, Cetriolo, Spinaci, Porri, Cavolfiore, Melanzane, Prezzemolo,
Carota, Patate, Cipolla, Aglio, Sedano, Piselli
Legumi
Lenticchie, Ceci, Fagioli
Spezie e Piante Mediche Alloro, Timo, Cumino, Salvia, Rosmarino, Tiglio, Finocchio, Menta Piperita,
Aromatiche
Ortica
Impianti Industriali
Cotone, Semi di Poopy, Anice, Zucchero di barbabietola
Semi Oleosi
Girasole, Sesamo
Cereali
Grano, Riso, Mais, Avena, Orzo
Altro
Capperi, Pinoli, Olive, Rosa canina, Pepe rosso, Farina di nocciole
Prodotti Alimentari Trasformati
Albicocca, Fragola, Ciliegia, Amarena, Frutti di Bosco, Prugna, Cipolla,
Frutta e Verdura Surgelata
Zucchino, Pomodoro, Pepe
Pure di albicocca, succo concentrato di pera, Concentrato di amarena, succo
Succhi e concentrati di frutta
concentrato di mela
Olio d'oliva, Grano bollito e pestato, Pectina, Passata di pomodoro,
Altro
Marmellata, Vino, Pepe
Miele, Nocciolo di albicocca, Nocciolo di Amarena, Rose secche, Olio di
Altre coltivazioni agricole
Rosa, Acqua di Rosa, Olio di mirto, Acqua di mirto, Olio di timo, Olio di
lavanda
L'agricoltura biologica è stata avviata nel 1985 a Smirne, nella regione dell'Egeo, con la
produzione di frutta secca. Oggi la produzione agricola biologica si è estesa a tutte le regioni.
135
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Izmir, Malatya, Sanliurfa, Aydin, Bursa, Hatay, Kütahya, Isparta, Rize e Afyon sono le
province leader nella produzione agricola biologica.
La frutta rappresenta la maggior parte della produzione biologica (66%) della Turchia.
Seguono le colture erbacee (16%), le verdure (9%) e i prodotti minori (9%). Uva, fichi,
albicocche e nocciole vantano importanti volumi di produzione.
Figura 12: Numero delle colture
La produzione è realizzata secondo le norme e i sistemi di certificazione dei paesi
importatori, che sono principalmente i paesi dell'Unione Europea. Il regolamento statale sulla
produzione, la trasformazione e il commercio di prodotti biologici è entrato in vigore nel 1994
ed è stato finora emendato quattro volte al fine di adottare gli standard internazionali. Una
legge quadro è stata approntata e ratificata nel dicembre 2004.
In Turchia, il numero di produttori coinvolti in attività di produzione biologica è cresciuto
rapidamente a partire dalla metà degli anni ‘80 principalmente a causa dei rapporti con
alcune multinazionali al fine di esportare prodotti biologici verso le nazioni sviluppate,
soprattutto l'UE. All'inizio del 1990 il numero degli agricoltori biologici era esiguo e questo non
ha subito grandi cambiamenti nel corso degli anni. Ma verso la fine del decennio si è
registrato un enorme aumento della produzione. Molti agricoltori hanno deciso di
abbandonare i loro metodi di produzione convenzionali per adattarsi alle tecniche biologiche.
L'introduzione dell'agricoltura contrattuale è stato una causa determinante dell'aumento delle
aziende agricole biologiche. Questo metodo consente agli appaltatori di garantire che il
prodotto soddisfi determinati standard e ai produttori di garantire il pagamento
precedentemente concordato.
136
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Il numero totale delle aziende, che comprende quelle in fase di transizione, era di 12.428
unità nel 2002 ma ha raggiunto le 54,635 unità nel 2012.
Figura 13: Numero degli agricoltori
In linea con l'aumento del numero di aziende, anche i terreni agricoli biologici sono aumentati
enormemente negli ultimi dieci anni, anche se il vero incremento si è registrato dopo il 2008,
quando la superficie totale è aumentata di circa 703.000 ettari, salendo a circa 167 mila
ettari.
137
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Figura 14: Area produttiva
Allo stesso modo, il volume della produzione è passato da 421,934 tonnellate del 2005 a
1.750.127 tonnellate del 2012.
Figura 15: Produzione di colture biologiche (tonnellate)
C. Dinamica del mercato e struttura della domanda
Il mercato interno in Turchia è largamente sotto il livello auspicato ma ha iniziato a svilupparsi
negli ultimi 2-3 anni, grazie all'interesse di persone che vivono nelle grandi città. Nonostante
138
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
ciò, le vendite di prodotti biologici nel mercato interno non sono molto diffuse. Questo
dipende da diverse ragioni.
Il primo motivo è la mancanza di informazioni ai consumatori sui prodotti biologici. La
maggior parte dei consumatori turchi non conosce le caratteristiche distintive dei prodotti
biologici e ha l'idea sbagliata che i prodotti naturali siano superiori al biologico e che
"biologico" ed "ecologico" siano due termini distinti. I prodotti biologici sono preferiti da una
fascia di consumatori caratterizzata da elevata scolarità e bassa età anagrafica, mentre
risultano indifferenti ad ampie fasce della popolazione.
Il secondo motivo, ma probabilmente quello più importante, sembra essere il reddito pro
capite relativamente basso. Nel mercato domestico si registra una notevole differenza tra i
prezzi dei prodotti biologici e quelli prodotti in modo convenzionale. Il prezzo di un prodotto
biologico è generalmente determinato dal "prezzo di mercato + premio approccio". Il prezzo è
determinato di solito al momento della raccolta o all'inizio del periodo di acquisto e vendita. Di
conseguenza, i prodotti biologici venduti sul mercato interno sono sino al 100% più costosi
rispetto ai loro omologhi convenzionali, con una inevitabile ricaduta sui volumi di vendita.
Inoltre, il ridotto numero di canali di vendita è un altro vincolo per il mercato interno. Le
vendite di prodotti biologici sul mercato interno sono effettuate tramite i negozi di prodotti
naturali. I grandi supermercati alimentari stanno recentemente sperimentando le sottosezioni
biologiche dei reparti di frutta e verdura fresca in luoghi mirati, soprattutto nelle grandi
metropoli. Tuttavia, nelle città di campagna i prodotti biologici freschi sono difficili da reperire
e, quando disponibili, sono stati spesso sottoposti a trasporti lungo tutto il paese e il loro
commercio è gestito da numerosi intermediari di marketing. In Turchia la maggior parte degli
alimentari biologici è venduta attraverso negozi specializzati in Istanbul, Ankara e Izmir.
Anche se esiste un certo numero di mercati contadini, di consegne a domicilio e orti
comunitari che operano in tutto il paese, il marketing diretto svolge solo un ruolo subordinato
al sistema di distribuzione all'ingrosso a causa delle lunghe distanze di trasporto per poter
raggiungere i consumatori. Il settore alimentare biologico turco ha bisogno di nuove ricerche
per esplorare le strategie alternative di distribuzione e il loro impatto sul prezzo finale,
tenendo conto del relativamente basso numero di consumatori che sono disposti a pagare
per tali prodotti.
Tabella 19: Mercati specializzati nel biologico in Turchia
Provincia
Mercato Cittadino
Data inaugurazione
İstanbul
Şişli
Giugno, 2006
Bursa
Nilüfer
Novembre, 2006
Antalya
Muratpaşa
Marzo, 2006
Ankara
Çankaya
Giugno, 2008
İstanbul
Kartal
Dicembre, 2009
İstanbul
Kadıköy
Gennaio, 2010
İstanbul
Beylikdüzü
Febbraio, 2010
139
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
İstanbul
İzmir
İzmir
Eskişehir
İstanbul
İstanbul
Samsun
Ankara
Bakırköy
Bornova
İzmir B.B., Karşıyaka
Tepebaşı
Maltepe
Zeytinburnu
İlkadım
Yenimahalle
Maggio, 2010
Giugno, 2010
Giugno, 2010
Luglio, 2010
Luglio, 2010
Ottobre, 2010
Novembre, 2010
Ottobre, 2011
Fonte: GTKB, 2011
I consumatori turchi non sono in grado di trovare una vasta gamma di prodotti biologici.
Considerando il fatto che l'agricoltura biologica in Turchia è iniziata con l'obiettivo di
esportare, i prodotti biologici ai quali i consumatori turchi possono accedere sul mercato
interno sono generalmente frutta e verdura secca, snack e legumi, ossia prodotti richiesti dai
paesi stranieri.
D. Import - Export
I prodotti agricoli biologici turchi stanno diventando sempre più familiari per gli importatori
esteri. Il volume ufficiale delle esportazioni di prodotti biologici della Turchia è aumentato
abbastanza velocemente all'inizio del 2000, quando era pari a 13,129 tonnellate, e ha
raggiunto le 21,083 tonnellate nel 2003. Tuttavia, i volumi ufficiali delle esportazioni sono
diminuiti considerevolmente dopo il 2004, scendendo a 3,371 tonnellate nel 2011. Allo stesso
modo, il numero delle imprese esportatrici nel 2000 era di 31, con esportazioni per un volume
di 17 milioni di EUR. L'importo ha raggiunto i 29,359 milioni di EUR nel 2007 ma da allora è
costantemente diminuito fino a raggiungere gli 11 milioni di EUR nel 2011.
Tuttavia, queste cifre devono essere valutate con cautela in quanto non esistono statistiche
ufficiali e affidabili in merito al commercio estero dei prodotti biologici. Il motivo principale alla
base di questo problema è l'assenza di codici personalizzati specifici per tali prodotti. I dati
statistici dipendono dalle dichiarazioni rese dalle società esportatrici e, nella maggior parte
dei casi, le imprese trascurano di rilasciare tale dichiarazione. Come si può notare nelle
tabelle che seguono, il volume ufficiale delle esportazioni della Turchia difficilmente ha
raggiunto le 21.000 tonnellate (2003) ed è sceso a circa 3.300 tonnellate nel 2012. Tuttavia,
secondo una recente statistica, la produzione nel 2012 è stata di 1,75 milioni di tonnellate.
Dal momento che la vendita di una simile ed enorme quantità sul mercato nazionale è
impossibile, è generalmente accettato che i dati di esportazione siano gravemente
sottostimati. Allo stesso modo la dimensione monetaria delle esportazioni è sottovalutata.
Gli esperti del settore parlano di un valore delle esportazioni di circa 220 milioni di EUR nel
2012, quando le cifre ufficiali dimostrano solo 11 milioni di EUR. Pertanto, è saggio
moltiplicare il volume e le cifre monetarie con un coefficiente da 15 a 20 per raggiungere cifre
che potrebbero essere rappresentative della realtà.
140
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Tabella 20: Esportazioni di prodotti biologici
Esportazione prodotti biologici - base annua
Quantità
Anni
Valore (EUR 000)
(Tonnellate)
2000
13,129
16.856
2001
17,556
20.179
2002
19,183
22.872
2003
21,083
27.358
2004
16,093
24.501
2005
9,319
19.430
2006
10,374
20.916
2007
9,347
21.747
2008
8,629
20.193
2009
7,566
20.374
2010
3,593
11.763
2011
3,371
11.503
Nonostante i problemi delle statistiche ufficiali in termini di volume e valore, le destinazioni
dell'esportazione sono ben note. I paesi europei, membri dell'UE e non, hanno il pieno
comando delle esportazioni. In particolare Germania, Francia, Danimarca, Belgio e Svizzera
sono i principali mercati di esportazione per i prodotti biologici turchi. Iraq e Russia sono
deviazioni importanti di questa tendenza, ma non è sicuro che essi rappresentino un mercato
sostenibile per gli esportatori turchi.
Tabella 21: Maggiori esportazioni per paese di destinazione (2011)
Paese
Quantità (Tonnellate)
Importo (EUR 000)
% (EUR)
Germania
1,847
7.379
64,1
Francia
611
1.604
13,9
Iraq
271
297
2,5
Danimarca
151
181
1,5
Belgio
148
695
6
Svizzera
120
702
6,1
Regno Unito
83
179
1,56
Svezia
68
287
2,4
Emirati Arabi Uniti
49
64
0,55
Polonia
22
93
0,81
141
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
USA
Federazione Russa
Ghana
Totale
3
0,6
0,1
3,374
10
11
0,1
11.503
0,08
0,09
100
Fonte: Associazione Esportatori dell'Egeo, 2011
La produzione biologica e la commercializzazione di questi prodotti da parte delle imprese
esportatrici sono svolte in vari modi. Nel primo caso una ditta locale esegue il progetto di
produzione ed esporta essa stessa i prodotti. Nel secondo caso una ditta straniera che si
trova all'estero conduce il progetto di produzione. I prodotti trasformati sono poi esportati
verso l'azienda titolare del progetto da parte del processore o da una delle imprese
esportatrici locali, con la quale esiste un contratto. Nel terzo caso una ditta straniera conduce
il progetto di produzione; i prodotti sono trasformati da una società che è stata fondata in
Turchia da parte dell'impresa estera o con la sua partecipazione. Gli esportatori turchi sono consapevoli delle esigenze sanitarie e ambientali dei clienti e
soddisfano tali esigenze della clientela offrendo prodotti che soddisfano entrambi i requisiti
normativi e di mercato. Strumenti quali l'ISO 9001: 2000 e il HACCP sono argomenti positivi
per la qualità e la sicurezza alimentare. Gli esportatori turchi si sono adeguati con successo a
questi sviluppi che incidono sul commercio mondiale. I prodotti principali sono l'uva passa, i
fichi secchi, le nocciole, le albicocche secche e il succo di mela.
Tabella 22: Principali prodotti esportati (2011)
Quantità
%
Prodotto
Importo (EUR 000)
(Tonnellate)
(Tonnellate)
Frutti in guscio e derivati
674,9
3.616
20
Passa
1.091,1
2.787
32
Albicocche e derivati
278,4
1.354
8
Fichi e derivati
360,6
1.333
11
Lenticchie
424,0
513
13
Prodotti in cotone e tessili
6,0
312
0
Totale
2,385
9.914
84
Totale Generale
3,371
11.503
% (EUR)
31
24
12
12
4
3
86
Fonte: Associazione Esportatori dell'Egeo, 2012
D'altra parte, le importazioni in Turchia sono occasionali e non rappresentano un'importante e
significativa attività commerciale.
Tabella 23: Principali importazioni per paese di origine (2010)
Paese
Quantità (Tonnellate)
Federazione Russa
25,108
Svezia
1,655
Kirghizistan
749
Kazakhstan
500
Cina
120
Iran
97
USA
33
Olanda
8
142
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Germania
Messico
Spagna
Svizzera
Austria
Repubblica
Cipro
8
7
6
3
1
Turca
di
Nord
0,1
Fonte: GTKB, 2011. OTBIS.
E. Investimenti esteri e presenza italiana
Gli investitori provenienti soprattutto dalla Francia, dal Regno Unito e dai Paesi Bassi stanno
cercando opportunità di investimento nell'agricoltura biologica in diverse regioni della Turchia
quali frutta e verdura nel Mar Egeo e Mediterraneo, allevamento e mangimi nell'Anatolia
Meridionale, legumi nell'Anatolia Centrale e olive e olio d'oliva nella regione del Mar Egeo. Si
vocifera che diverse aziende israeliane abbiano avviato studi di agricoltura biologica nella
zona del GAP, dove esistono grandi sistemi di irrigazione. La Germania ha recentemente
proposto di coltivare biologicamente nel Parco Storico Nazionale di Troia, vicino a
Çanakkale, e di esportare le verdure prodotte nei paesi dell'Unione Europea.
D'altra parte, l'agricoltura biologica non è un obiettivo primario degli investimenti esteri come
nel caso dell'automotive , dell'energia, delle telecomunicazioni e della sanità. Oltre alle
questioni legate all'agricoltura in generale, esistono problemi specifichi riguardanti
l'agricoltura biologica che vengono di seguito indicati.
La presenza di aziende straniere è frammentaria e ricopre una percentuale minoritaria
dell'industria.
F. Fattori critici e strategie di sviluppo
GAP - Punto di accesso ad un mercato da 150 miliardi di Euro
Una volta completato, il GAP, il più grande progetto di sviluppo regionale della Turchia,
renderà la regione un importante esportatore di una vasta gamma di prodotti agricoli. Le sue
esportazioni sono passate dai 316 milioni di Euro del 1994 ai 1,5 miliardi di Euro del 2005. La
143
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
regione del sud est anatolico è un punto d'accesso per il Medio Oriente, che rappresenta un
mercato di importazione da oltre 150 miliardi di Euro.
Il GAP nteressa una superficie pressoché uguale a quella dell'Austria, abitata da circa 7
milioni di persone. Il progetto ha un costo di investimento pari a 23,7 miliardi di USD, di cui
oltre 13 miliardi di Euro sono stati realizzati a partire dall'inizio del 2006. Il progetto necessita
di 6 miliardi di Euro solo per gli investimenti nell'irrigazione e offre opportunità redditizie per
gli investitori in questo settore. L'autostrada Sanliurfa - Gaziantep, lunga 196 km, dovrebbe
essere ultimata in breve tempo, collegando la regione ai porti del Mediterraneo. In merito va
osservato:
•
Il cotone è disponibile in abbondanza. Benché nell'ambito del GAP solo una piccola parte dei
progetti di irrigazione siano stati sino ad oggi ultimati, il cotone prodotto nella regione
rappresenta il 50% della produzione totale nazionale.
•
La regione presenta vantaggi senza precedenti per l'agricoltura biologica e, quindi, per
l'industria tessile biologica.
•
La regione è in una posizione eccellente per le industrie di produzione di generi alimentari e di
beveraggi. La superficie irrigabile, che in base al progetto aumentaerà da 120.000 ettari a 1,7
milioni di ettari nel 2010, si presta alla coltivazione di cinque raccolti in due stagioni.
•
La disponibilità di manodopera manifatturiera esperta ed economica è cresciuta del 3% l'anno
e costa in media il 38% in meno rispetto a quella disponibile nelle regioni sviluppate della
Turchia.
•
La tendenza verso la creazione di grandi imprese agricole che operano in termini commerciali
è più marcata nel GAP. Come tale, la regione del GAP rappresenterà un grande mercato per
impianti di irrigazione, mezzi di trasporto, macchine agricole specializzate e i servizi di
gestione, la manutenzione e l'operazione dei sistemi di irrigazione. Sorgeranno promettenti
opportunità nel settore delle strutture di stoccaggio, di smistamento e di confezionamento.
•
La situazione indica la presenza di ampio potenziale per la fornitura di attrezzature agricole,
per i servizi di operazione, manutenzione e gestione nonché per le strutture di stoccaggio,
smistamento e confezionamento.
Quadro giuridico dell'agricoltura biologica in Turchia
Il regolamento e la legge sull'agricoltura biologica costituiscono il quadro normativo del
settore, stabilendo i principi fondamentali delle attività ad esso legate. Il primo regolamento
turco sull'agricoltura biologica è entrato in vigore nel 1994. Non solo ha definito le regole per
144
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
la produzione biologica di piante e animali, ma ha anche stabilito due comitati,
rispettivamente il Comitato di Agricoltura Biologica e il Comitato d'Orientamento Nazionale
per 'l'Agricoltura Biologica. Mentre il primo è competente riguardo le attività per lo sviluppo
dell'agricoltura biologica, il controllo degli organismi di certificazione e il controllo, degli
imprenditori, ecc., il secondo determina le strategie necessarie per il commercio, il
riconoscimento e la ricerca di prodotti biologici. Il regolamento, che è stato rivisto varie volte,
è entrato in vigore nella sua forma definitiva il 10 giugno 2005. D'altro canto, la legge
sull'agricoltura biologica, entrata in vigore il 3 dicembre 2004, regola le attività dei due
comitati, degli organismi di controllo e di certificazione, degli imprenditori e anche altre
questioni quali il commercio estero, la pubblicità dei prodotti biologici e dei fattori di
produzione, il controllo da parte delle autorità preposte e le sanzioni.
Organismi di controllo e di certificazione
Il MoFAL autorizza gli organismi di certificazione biologica. Le organizzazioni private possono
certificare le aziende agricole biologiche; tuttavia, per poter operare in Turchia, gli organismi
di certificazione nazionali e internazionali devono presentare istanza al MoFAL, esibire tutta
la documentazione richiesta dalla normativa nazionale e ottenere l'autorizzazione. Gli
organismi di certificazione devono ottenere un permesso da parte del Comitato di Agricoltura
Biologica, OAC, (in ambito MoFAL) per svolgere attività connesse al controllo e alla
certificazione. L'OAC supervisiona le attività degli organismi di ispezione e i membri OAC
effettuano visite, preannunciate e non, agli organismi di certificazione e alle aziende agricole
biologiche. L'OAC è composto da rappresentanti provenienti da diverse direzioni generali del
MoFAL. La Segreteria del Comitato si trova presso il Dipartimento per la Ricerca, la
Progettazione e il Coordinamento.
L'elenco delle summenzionate società è dato nell'ultima sezione relativa a questo settore.
Gli organismi di controllo e di certificazione che operano in Turchia sono ventiquattro. La
maggior parte di questi organismi sono rappresentanze in Turchia di enti stranieri e
internazionali di controllo e di certificazione. I costi delle ispezioni da parte di questi
organismi variano fra i 250 e i 500 euro per controllo. Confrontando i costi locali delle
ispezioni con quelle vigenti nell'UE, si evince che le ispezioni in Turchia sono molto costose.
La distribuzione non uniforme degli organismi di controllo e di certificazione tra le regioni
geografiche della Turchia e la necessità di inviare alcuni campioni all'estero per le analisi di
laboratorio sono le principali cause dei prezzi elevati.
145
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Incentivi per l'agricoltura biologica in Turchia
Il sostegno all'agricoltura biologica è strategicamente molto importante ma, nonostante il
grande potenziale, la Turchia fornisce un supporto limitato ai produttori biologici. Questi
supporti non sono sufficienti né per la produzione né per la commercializzazione. Anche se il
governo turco ha fatto grandi progressi in termini di sostegno all'agricoltura biologica, il livello
di riconoscimento e finanziamento statale è insufficiente se paragonato agli standard europei.
In Turchia, gli incentivi per la produzione vegetale biologica differiscono da regione a regione.
I prodotti delle aziende agricole biologiche sono pagati 35 TL/da per frutta e verdura, 10
TL/da per le colture seminative. In aggiunta è previsto un pagamento di 135 TL/da per le
tecniche di allevamento e di coltura ecocompatibili.
Sul lato finanziario, alle imprese di agricoltura biologica è concessa la possibilità di utilizzare
mutui per investimenti per un massimo di sette anni e prestiti di capitale d'esercizio per 2
anni. Questi prestiti hanno un tasso di interesse più basso del 50% rispetto ai tassi correnti
applicati ai crediti agricoli.
Non vi è alcun supporto specifico per gli agricoltori nel periodo di transizione, che invece
esiste nell'UE, e non vi è alcun sostegno finanziario che aiuti gli agricoltori nell'affrontare gli
elevati costi di certificazione.
G. Appendici
Aziende Autorizzate alla Certificazione dell'Agricoltura Biologica
Nome dell'Azienda
Ecological Products
Control and Certification
Services Co. Ltd.
KAYOS International
Certification and
Inspection Services Co.
Ltd.
Mehmet BIYIK-TUSCERT
National Certification
Services
Sito web
http://www.basakksk.co
m
E-mail
[email protected]
mail.com
Telefono
0 232 239 45 44
http://www.kayos.com.tr
[email protected]
m.tr
0 242 247 99 27
http://www.tuscert.com
[email protected]
0 312 384 12 06
BIOBEL Certification
Inspection and Training
Services Co. Ltd.
http://www.biobel.com.tr
[email protected]
r
0 216 505 50 66
ORTAR Control and
Certification Services Co.
Ltd.
ECAS Certification and
Inspection Co. Ltd.
http://www.ortar.com.tr
[email protected]
il.com
0 346 781 28 28
http://www.ecas.com.tr
[email protected]
0 242 321 55 56
Control Union Inspection
http://www.controlunion.
[email protected]
0 216 469 75 57
Indirizzo
Çamtepe Mah. Mithatpaşa
Cad. No:147/7
Narlıdere/İZMİR
Tahıl Pazarı mah.
Çatalköprü Cad. Yaşar
Çöpelci İş Merkezi 9/14
Muratpaşa / ANTALYA
Kazım Karabekir
Cad.Sütlüoğlu İşhanı
NO:37/51 İskitler
Altındağ/ANKARA
Cumhuriyet Mah. Libadiye
Caddesi Çimen Sokak
Esma Apt. No:6/3
Üsküdar/İSTANBUL
Hürriyet Mahallesi Atatürk
Caddesi No:12 Ulaş/SİVAS
Çaybaşı Mah. Ali
Çetinkaya Cad. Kayahan
Apt. No:146/3 ANTALYA
Mansuroğlu mah. 286 sok.
146
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
and Certification Co. Ltd.
İsmail DEMİRCAN
NOPcert Biological
Farming Practices
Biological Inputs and
Biological Products
Certification Services
BIO INSPECTA Control
Certification Co. Ltd.
com
http://www.nopcert.com
ion.com
[email protected]
m
http://www.bioinspecta.com
[email protected]
0 232 347 48 68
EGETAR Control and
Certification Services Co.
Ltd.
KALİTEST Certification
and Training Services Co.
Ltd.
ANKA GLOBAL
KONTROL VE
SERTİFİKASYON A.Ş.
IMC Co. Ltd.
http://www.egetarcert.com
[email protected]
0232 388 54 12
http://www.kalitest.com.t
r
[email protected]
.tr
0 212 269 37 41
http://www.ankasertifikas
yon.com
[email protected]
asyon.com
0 312 425 60 55
http://www.imcturkiye.co
m
www.nissert.com
[email protected]
om
[email protected]
om
0 312 232 54 32
http://www.turkgap.com
[email protected]
com
0 324 327 41 91
Barbaros Mah. 2174 sk.
Kordon Apt. Kat:1 No:1
Daire:1 33110 MERSİN
http://anadoluekolojik.co
m
[email protected]
gmail.com
0 226 812 21 00
http://www.orser.com.tr
[email protected]
0 312 438 15 60
http://www.cerescert.com.tr
[email protected]
0 232 247 20 22
Süleymanbey Mahallesi
Ezgi Sok. No: 3 77200
YALOVA
Paris Cad. No:6/15 06550
Çankaya/ANKARA
Korutürk Mahallesi Ahlat
Sok. No: 39 Balçova/İZMİR
http://www.icea-tr.com
[email protected]
0 232 342 60 68
http://www.eko-tar.com
[email protected]
0 324 325 49 64
http://www.etko.org
[email protected]
0 232 339 76 06
160.Sokak No:13/7 35040
Bornova/İZMİR
http://www.ecocert.com
[email protected]
cert.com
0 232 343 43 60
184.Sok. No:60 Kat:2
Daire:3 Bornova/ İZMİR
NİSSERT International
Certification and
Inspection Services Co.
Ltd.
TURKGAP Agricultural
Practices Control and
Certification Services Co.
Ltd.
ANADOLU Ecological
Products Control and
Certification Co. Ltd.
ORSER Control and
Certification Co. Ltd.
CERES Certification of
Environmental Standards
- GmbH İzmir Branch
ICEA Istitulo per la
Certificazione Etica e
Ambientale - Turkey
Branch
EKOTAR Ecological
Products Production,
Control, Certification
Industry and Trade Co.
Ltd.
ETKO Ecological Farming
Control Organization Co.
Ltd.
ECOCERT Inspection and
Certification Co. Ltd.
0 312 334 4 334
0 312 397 07 87
No:16/2 Bornova/ İZMİR
79. Sokak Sayıştay Sitesi
10/A Yenimahalle - Ankara
/ TÜRKİYE
Mansuroğlu Mahallesi 286
sokak Çolakoğlu Sitesi A-1
Blok No: 16/16 35535
Bayraklı/İZMİR
Manavkuyu Mah 238/2
Sokak No: 9 Başaran 10
Apt.Zemin Bayraklı/İZMİR
Akatlar Mahallesi Hare
Sok. 2.Göltaş Evleri G-10
No: 9 1.Levent/İSTANBUL
Meşrutiyet Caddesi 16/8
Kızılay /ANKARA
İzmir Cad. 3/17
Kızılay/ANKARA
Gimat 3 Blok No:29
Macunköy/ANKARA
Mustafa Kemal Cad.Halil
Bey Apt. B Blok No:166/2
Kat:7 Daire: 13 35040
Bayraklı/İZMİR
Adnan Menderes Bulvarı
Denis Apt. 36/1 33110
MERSİN
147
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
IMO Control and
Certification Trade Co.
Ltd.
BCS ÖKO-GARANTIE
Biological Farming
Certification Services Co
Ltd.
http://www.imocontrol.org
[email protected]
0 232 347 47 05
http://www.bcsoeko.com.tr
[email protected]
0 232 339 05 81
225.Sokak Dündar Apt.
No:29 Kat:7 Daire:7
Bornova/ İZMİR
Kazım Dirik Mah. Gediz
Cad.Kadri Dağüstü Apt.
No:21 B Blok Daire:2
35040 Bornova /İZMİR
148
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Enti e Istituzioni Settoriali
Ente/Istituzione
Ministero dell'Agricoltura e
Affari Rurali
-
Codice
Ente Turco del Grano
TMO
Direzione Generale degli
Affari Agricoli
TIGEM
Direzione Generale della
Produzione e dello Sviluppo
Agricolo
TUGEM
Direzione Generale della
Riforma Agricola
TRGM
Direzione Generale della
Ricerca Agricola
TAGEM
Descrizione
La sua missione è quella di
operare per lo sviluppo delle
aree rurali e lo sviluppo della
produzione agricola e
zootecnica.
Opera nell'ambito del
Ministero dell'Agricoltura e
Affari Rurali La sua missione è
quella di regolare il mercato
turco del grano e di prevenire
che il prezzo sia troppo basso
per il produttore e troppo alto
per il consumatore.
Opera nell'ambito del
Ministero dell'Agricoltura e
Affari Rurali La sua missione è
quella di produrre tutti i servizi
e gli equipaggiamenti
necessari per l'industria
agricola.
Opera nell'ambito del
Ministero dell'Agricoltura e
Affari Rurali La sua missione è
quella di approntare e
implementare progetti di
sviluppo agricolo e rurale.
Opera nell'ambito del
Ministero dell'Agricoltura e
Affari Rurali La sua missione è
quella di effettuare le
necessarie ricerche per
identificare le priorità e
comunicare al Ministero
dell'Agricoltura le regioni che
necessitano di una riforma
agricola. Ha 9 direzioni
regionali.
Opera nell'ambito del
Ministero dell'Agricoltura e
Affari Rurali
Contatti
Tarım ve Köy İşleri
Bakanlığı Kampüsü
Eskişehir Yolu 9. Km
Lodumlu – ANKARA
Tel: (0312) 287 33 60
Fax: (0312) 286 39 64
Website: www.tarim.gov.tr
Milli Müdafa Caddesi No:18
Bakanlıklar – ANKARA
Tel: (0312) 416 30 00
Fax: (0312) 417 59 34
Website: www. tmo.gov.tr
Karanfil Sokak No: 62
Bakanlıklar – ANKARA
Tel: (312) 417 84 70
Fax: (0312) 425 59 55
Website: www.tigem.gov.tr
Eskişehir Yolu 10. Km
Lodumlu – ANKARA
Tel: (0312) 287 33 60
Fax: (0312) 287 00 41
Fatih Cad. No:6 Keçiören –
ANKARA
Tel: (0312) 318 35 90
Fax: (0312) 317 80
Website:
www.tarimreformu.gov.trl
Tarım Kampüsü İstanbul
Yolu Üzeri No: 38
Yenimahalle – ANKARA
Tel: (0312) 315 76 22 – 26
Fax: (312) 34 48
149
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Centro di Assistenza agli
Investitori Agricoli
TARYAT
Organizzazione per
l'Alimentazione e l'Agricoltura
FAO
La sua missione è quella di
informare gli investitori in
merito agli incentivi e sostegni
forniti dal Ministero
dell'Agricoltura e degli Affari
Rurali. Inoltre assiste gli
investitori lungo tutto il
processo burocratico per il
rilascio delle licenze.
La sua missione è di prevenire
la fame a livello internazionale.
Fondata nel 1945, sostiene i
paesi in via di sviluppo a
sviluppare il proprio settore
agricolo e ad assicurare una
nutrizione sufficiente.
Website: www.tagem.gov.tr
Tarım ve Köyişleri Bakanlığı
8. kat, Eskişehir Yolu 9.Km.
Lodumlu - ANKARA
Tel: (0312) 285 65 22
Fax: (0312) 287 80 97
Website: www.taryat.gov.tr
www.agrinvestturkey.gov.tr
Viale delle Terme di
Caracalla 00153 Rome,
Italy
Tel: (+39) 06 570 51
Fax: (+39) 06 570 531 52
Website: www.fao.org
Camere e Associazioni Professionali
Denominazione
ZMO - Ordine degli Ingegneri
Agricoli
GIDAMO - Ordine degli
Ingegneri alimentari
TYZMB - Ordine degli Ingegneri
Agricoli Certificati Turchi
TZOB - Camera delle
Associazioni Agricole
ETO - Associazione
dell'Agricoltura Biologica
Sito web
http://www.zmo.org.tr/
Buğday Associazione per il
Sostenimento della Vita
Ecologica
TEMA – Fondazione Turca per la
Lotta Contro l'Erosione del Suolo
e per il Rimboschimento e la
Protezione degli Habitat Naturali
http://www.bugday.org/
+90 212 252 52
55
http://www.tema.org.tr/
+90 212 283 78
16
http://www.gidamo.org.
tr/
http://www.tzymb.org.tr
/
http://www.tzob.org.tr/
http://www.eto.org.tr/
Telefono
+90 312 425 05
55
+90 312 418 28
26
+90 312 433 59
81
+90 312 231 63
00
+90 232 464 89
74
Indirizzo
Karanfil Sok. No:28/18 06640
Kızılay - Ankara
Meşrutiyet Cad. No:22/13
Kızılay Çankaya - Ankara
Sakarya Cad. No:30/2
Kızılay-Ankara
Gmk Bulvarı No:25 Demirtepe
06440 Ankara
Mansuroğlu Mah. 288/6 Sokak
Hasan Efendi Site No:2 C
Blok Kat 4 D:8 Manavkuyu –
İzmir
Asmalı Mescit Mah.Nergis
Sok.No:8/8 Beyoğlu - İstanbul
Çayır Çimen Sokak Emlak
Kredi Blokları A-2 Blok Kat:2
Daire:8 34330
Levent - İstanbul
Fiere
Denominazione
Localita’
Organizzatore
Sito Web
Natural, Organic and Healthy
Foods Fair
İstanbul
Tureks Uluslararası Fuarcılık
http://www.exponatura.net/
İzmir Organic Foods Fair
İzmir
İzfaş
http://www.ekolojiizmir.com/
FRESH TÜRKİYE: Fresh Fruit
and Vegetable Trade Fair
İstanbul
Start Fuarcılık
http://www.freshturkiye.com.tr/
150
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Profili aziendali
Akasya Tarım
Indirizzo
Akasya Sk. N.6/4 35330 Balçova, İzmir
Telefono
+90 232 278 40 90
Fax
+90 232 278 40 96
E-mail
[email protected]
URL
www.akasyaltd.com
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Descrizione delle
attivita'
Dati economici
Produzione, confezionamento e esportazione di prodotti organici e
convenzionali. Esporta frutta secca nell'UE e negli USa.
Rifornisce di cotone organico grezzo molte aziende dell'UE,
dell'Estremo Oriente, degli USA nonché l'indutria tessile turca.
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
N/A
Opportunita' di cooperazione:
Trasferimento di know-how e tecnologia
□
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
Investimento diretto
□
Assistenza tecnica
□
151
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
City Farm
Indirizzo
Ayazağa Mah. Mimar Sinan Sk. No:8/1 Şişli, İstanbul
Telefono
+90 212 332 00 10
Fax
+90 212 289 72 07
E-mail
[email protected]
URL
www.cityfarm.com.tr
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
Distributore.
City Farm non solo offre una vasta gamma di prodotti alimentari organici
ma, attraverso i propri punti vendita e il proprio sito web offre alla
propria clientela prodotti organici certificati per l'igiene personale e la
pulizia.
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
N/A
temporanei)
Opportunita' di cooperazione:
Distribuzione / partnership commerciale □
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
Investimento diretto
□
152
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Ekofit Organik Ürünler
Indirizzo
Barbaros Mah. Evren Cad. Çim Sokak No:11 Ataşehir, İstanbul
Telefono
+90 216 291 12 47
Fax
+90 216 291 12 49
E-mail
[email protected]
URL
www.ekofit.com.tr
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
Distributore.
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
N/A
Opportunita' di cooperazione:
Distribuzione / partnership commerciale □
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
Investimento diretto
□
153
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
154
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Elite Naturel İçecek San. Tic. Ltd. Şti.
Indirizzo
Mustafa Kemal Mah. 2159 Sok. 6/8 Soğütözü - Çankaya, Ankara
Telefono
+90 312 219 80 95
Fax
+90 312 219 80 93
E-mail
[email protected]
URL
www.elitenaturel.com
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
La Elite naturel é un'azienda produttrice in rapida crescita che produce
succhi di frutta naturali al 100% e prodotti organizi certificati con il
marchio "Elite Naturel Organic" utilizzando frutta di primissima qualita',
la tecnologia piu' avanzata e rigorosamente implementando gli standard
produttivi presso le proprie piantagioni di 25.000 m2 (8.000 m2 al
coperto).
Fra i prodotti dell'azienda: succhi di frutta organici per bambini, bevande
organiche, estratti di semi di uva e melograno organici.
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
N/A
Opportunita' di cooperazione:
Trasferimento di know-how e tecnologia
□
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
Investimento diretto
□
155
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Işık Tarım Ürünleri San. ve Tic. A.Ş .
Indirizzo
75. Yıl Cumhuriyet Mahallesi, Ova Sokak No:9, 35733 Ören
Kemalpaşa, İzmir
Telefono
+90 232 874 81 28
Fax
+90 232 874 83 97
E-mail
[email protected]
URL
www.isiktarim.com
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
Işık Tarım produce, confeziona e esporta frutta e verdura organica
essiccata.
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
N/A
Opportunita' di cooperazione:
Sub fornitura
Joint Venture
Investimento diretto
□
□
□
156
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
157
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
OTS Danışmanlık Gıda Tarım Hayvancılık Tur. San. ve Tic. Ltd. Şti.
Indirizzo
Atatürk Mah. Barbaros Cad. No:44/A Bornova, İzmir
Telefono
+90 232 463 24 25
Fax
+90 232 463 27 37
E-mail
[email protected]
URL
www.otsorganik.com
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
Distributore.
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
N/A
temporanei)
Opportunita' di cooperazione:
Distribuzione / partnership commerciale □
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
Investimento diretto
□
158
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Sardes
Indirizzo
Organize Sanayi Bölgesi 45300 Salihli, Manisa
Telefono
+90 236 742 52 25
Fax
+90 236 742 51 37
E-mail
[email protected]
URL
www.sardes.com.tr
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Descrizione delle
attivita'
Dati economici
Pomodori essiccati al sole
Pomodori essiccati al sole sottolio
Verdure fritte sottolio
Bruschetta
Prodotti arrostiti
Prodotti piccanti in salamoia
Altri prodotti
Prodotti organici
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
N/A
Opportunita' di cooperazione:
Sub fornitura
Joint Venture
Investimento diretto
Assistenza tecnica
□
□
□
□
159
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Şentaş Tarım Ürünleri İhr. San. ve. Tic. A.Ş.
Indirizzo
Ege Cad. No:34 Sarnıç, İzmir
Telefono
+90 232 281 33 43
Fax
+90 232 281 46 06
E-mail
[email protected]
URL
www.sentas.com.tr
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
Fichi, prugne secche, albicocche secche, amarene secche, uva passa,
mandorle, pinoli, noci
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
N/A
temporanei)
Opportunita' di cooperazione:
Sub fornitura
Joint Venture
Investimento diretto
Assistenza tecnica
□
□
□
□
160
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Ekofit Organik Ürünler
Indirizzo
Abdullah Ağa Mah. Şemsi Efendi Sok. Yağcılar Köşkü No:16
Beylerbeyi, İstanbul
Telefono
+90 216 333 20 00
Fax
+90 216 333 20 20
E-mail
[email protected]
URL
www.tiryaki.net
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
Distributore
Tiryaki opera nel settore della fornitura, produzione, lavorazione,
stoccaggio e commercio di prodotti agroalimentari.
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
N/A
Opportunita' di cooperazione:
Trasferimento di know-how e tecnologia
□
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
Investimento diretto
□
Assistenza tecnica
□
161
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Yerlim Çiftlik Ürünleri
Indirizzo
Atatürk Cad. No: 128 Davutlar, Kuşadası
Telefono
+90 256 681 28 00
Fax
+90 256 681 61 34
E-mail
[email protected]
URL
www.yerlim.com
Referente
Yıldız Saatçi
Ruolo aziendale
Direttore Relazioni Pubbliche
Telefono diretto
+90 256 681 61 30 (ext. 315)
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
Vino, olio, olive, aceto, concentrato di pomodoro, marmellata, frutta e
verdura secca
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
N/A
Opportunita' di cooperazione:
Sub fornitura
Joint Venture
Investimento diretto
□
□
□
162
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
5. ENERGIA RINNOVABILE
A. Panoramica generale
Il consumo energetico in Turchia
Negli ultimi decenni, la Turchia è stata uno dei mercati energetici che ha registrato la più
rapida crescita nel mondo. La domanda di elettricità è circa triplicata nel corso degli ultimi
quindici anni. Le attuali proiezioni della domanda, per il periodo fino al 2020, indicano che la
crescita media annua della domanda sarà compresa tra il 6% e l'8%. Secondo uno scenario
moderato, sino al 2020 sarà necessaria una capacità aggiuntiva di 40.000 MW. Lo scenario
ottimistico, invece, per lo stesso periodo prevede una capacità aggiuntiva di circa 60.000
MW. In questa prospettiva, il fabbisogno di investimenti per il settore dell'elettricità nel corso
di questo periodo è stimato superare i 100 miliardi dollari. Tra tutti i paesi del Mediterraneo
meridionale e orientale, la Turchia è quindi il Paese con il più alto fabbisogno di
finanziamento per il settore energetico.
Il settore dell’energia rinnovabile
La Turchia ha il più alto potenziale di energia idroelettrica, eolica e geotermica d'Europa.
Vanta anche un notevole potenziale di energia solare annua equivalente a 1,3 mega
tonnellate equivalenti di petrolio dal momento che si trova fra i 36 e i 42 gradi di latitudine
nord e i 26 e i 45 gradi di longitudine est e si affaccia sul Mar Mediterraneo, sul Mar dell'Egeo
e sul Mar Nero. Inoltre, il potenziale annuo di biomassa del Paese è di circa 372 TWh. In
altre parole, la Turchia è privilegiata dal punto di vista delle risorse rinnovabili. Nonostante
questo, la quota di energia rinnovabile nel bilancio energetico totale è irrisoria.
Nel 1970, il consumo di energia primaria della Turchia è stata di 19 Mtep (221 TWh), ha
raggiunto i 105 milioni di Mtep (1.221 TWh) nel 2010 e, secondo gli scenari ufficiali, si
prevede un raddoppiamento, raggiungendo i 2.442 TWh nel 2020.
Oggigiorno, i combustibili fossili quali il gas naturale, il carbone e il petrolio forniscono quasi il
90% del fabbisogno primario totale della Turchia. In termini di fornitura di energia elettrica, i
combustibili ad alta intensità di CO2 hanno una quota pari a circa il 72%. Il resto è soddisfatto
da fonti rinnovabili, di cui circa l'89% è fornito dall'energia idroelettrica. Attualmente, solo
circa l'11% dell'energia elettrica è fornita dall'eolico, dal geotermico, dalle biomasse e dal
163
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
solare. Dal momento che il 77% dei combustibili fossili sono importati, vale a dire che il 55%
del consumo totale è coperto da fonti importate, il paese può essere considerato
estremamente dipendente dalle fonti straniere. Il motivo principale che spiega la dipendenza
energetica è la crescita irregolare della nuova potenza installata in relazione all’aumento
molto più veloce della domanda, principalmente imputabile alla rapida espansione della
popolazione e dell'economia. Un secondo ma altrettanto importante motivo è rappresentato
dal facile accesso ai combustibili fossili, al gas naturale e al petrolio a costi relativamente
bassi, essendo la Turchia un Paese di transito per tali combustibili. Gli scenari
summenzionati assumono una dipendenza costante dai combustibili importati per gli anni a
venire, fatta riserva per l'opzione nucleare attualmente in corso.
Secondo le stime, circa il 70% della domanda energetica sarà coperta dai combustibili fossili
importati; il restante 30% sarà soddisfatta dalle risorse nazionali, di cui circa il 60% dal
carbone e dalla lignite, circa il 30% dalle risorse rinnovabili e circa il 10% da altre risorse
nazionali. Di conseguenza, in termini di energia elettrica, la Turchia intende soddisfare entro
il 2023 il 30% del fabbisogno previsto con le energie rinnovabili.
Lo Stato turco ha quindi intrapreso diverse misure per sfruttare le risorse autoctone e
aumentare la quota di partecipazione delle fonti energetiche rinnovabili alla produzione di
energia elettrica sia per rafforzare la sicurezza energetica, riducendo la dipendenza estera,
che per diminuire le emissioni di anidride carbonica (CO2) e combattere il cambiamento
climatico. Diversi incentivi per favorire la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili
sono stati sviluppati e promulgati tramite varie leggi. I punti fondamentali di queste leggi
riguardano una varietà di incentivi per le persone fisiche e giuridiche coinvolte nella
produzione di elettricità da fonti rinnovabili; questi incentivi sono dettagliatamente spiegati
nelle sezioni seguenti.
Potenziale dell'energia rinnovabile
Idroelettrica
La Turchia ha un potenziale idroelettrico stimato di 430 terawattora (TWh), che
corrispondono all'1,1% del potenziale globale e al 13,75% del potenziale europeo. In teoria, il
potenziale idroelettrico della Turchia è in grado di soddisfare fino al 46% del proprio
fabbisogno di energia elettrica entro il 2020. Ci sono circa 678 siti disponibili per la
costruzione di centrali idroelettriche, 172 dei quali già in fase di sviluppo. Tuttavia, solo il 30%
(130 TWh) di questo potenziale è realizzabile. Approssimativamente il 97% di questo
potenziale economico risiede in quattordici dei ventisei bacini fluviali della Turchia.
In Turchia, i fiumi principali si trovano nelle regioni orientali. In sostanza, il sistema dei fiumi
Tigri e Eufrate, con il suo vasto bacino idrografico e la sua elevata altitudine, contribuisce
all'abbondante potenziale del Paese, permettendo la costruzione grandi centrali elettriche. In
aggiunta ai precedenti, i recenti lavori su piccole centrali idroelettriche generano un ulteriore
potenziale energetico di 38 TWh l'anno. Queste piccole centrali, costruite su fiumi aventi
164
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
un'elevazione e una superficie drenante inferiore, sono per lo più situate nelle zone
occidentali.
Attualmente sono operative 172 centrali idroelettriche con una capacità totale installata di
13,7 GW e una produzione annuale di energia pari a 47,8 TWh. Altre 94 centrali, per una
capacità totale di 5,2 GW e un potenziale energetico annuo di circa 17.560 GWh, sono
attualmente in costruzione. Ulteriori 506 centrali idroelettriche saranno costruite nel prossimo
futuro, raggiungendo una capacità installata totale di 63,24 GW e una produzione annua di
circa 155 TWh entro il 2020. Sulla base di uno studio pubblicato di recente dall’Ente Idraulico
Statale sulle piccole centrali idroelettriche, potrebbe essere acquisito un ulteriore potenziale
tecnico energetico di circa 5 TWh/anno, 3 TWh dei quali sembrano economicamente fattibili.
Una percentuale compresa tra il 32% e il 35% della domanda elettrica prevista, compresa tra
i 440 e i 480 TWh, può essere soddisfatta tramite l'energia prodotta dalle centrali
idroelettriche.
Figura 16: Centrali Idroelettriche
Energia Solare
La Turchia ha abbondanti risorse collegate all'energia solare, in quanto si trova in una fascia
soleggiata compresa fra i 36 e i 42 gradi di latitudine nord. Il potenziale del Paese è stimato
intorno a 1,3 miliardi di tonnellate di petrolio equivalente (15.120 TWh) ed è distribuito fra la
varie regioni, come evidenziato nella mappa alla pagina seguente (v. figura 17). La maggior
parte di queste aree sono adatte allo sviluppo di sistemi ad energia solare.
165
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
A causa delle dimensioni della Turchia e alla posizione geografica di ciascuna delle sue
regioni, la media annuale della radiazione solare totale e le ore di sole differiscono per
ciascuna regione. La radiazione media annuale totale varia da un minimo di 1.120 kWh/m2
l'anno nella regione del Mar Nero, con 1.971 ore di sole l'anno, a un massimo di 1.460
kWh/m2 l'anno nel sud-est dell'Anatolia, con 2.993 ore di sole. Le medie delle altre regioni
variano tra questi due valori limite. Assumendo un impianto standard di energia solare avente
un rapporto di prestazione pari a 0,75, il potenziale elettrico medio annuo varia fra i 1.118
kWh/kWp nella regione dell'Anatolia orientale e gli 815 kWh/kWp nella regione del Mar Nero.
Figura 17: Mappa del potenziale di energia solare
Sulla base degli studi condotti dal YEGM, la durata media annua del soleggiamento della
Turchia è di 2640 ore per 7,2 ore al giorno e la radiazione solare media totale è stimata pari a
1.311 kWh/m2 l’anno, per un totale giornaliero di 3,6 kWh/m2 che corrisponde ad potenziale
annuo di circa 1.512 TWh.
Energia Eolica
Grazie alla sua posizione geografica, la Turchia è sotto l'influenza di differenti sistemi di
pressione atmosferica. Durante l'inverno, il sistema ad alta pressione amplia la sua area di
impatto sino alle latitudini meridionali della Turchia, causando forti venti provenienti da nord e
166
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
specialmente da nord-est. L'Anatolia, in particolare la parte occidentale, è sotto l'influenza dei
venti occidentali e nord-occidentali. Durante l'estate, la Turchia è influenzata dal centro d'alta
pressione delle Azzorre che provoca venti costanti provenienti da nord, soprattutto nelle
regioni occidentali della Turchia. La forte differenza presente fra il centro d'alta pressione
delle Azzorre e il centro di bassa pressione di Bassora ad est crea venti nord-orientali nella
regione orientale. Le regioni meridionali, così come quelle orientali, sono generalmente sotto
l'effetto dei venti provenienti da sud e da sud-est.
Il potenziale tecnico dell'energia eolica è stimato intorno ai 114 GW di capacità nelle regioni
in cui la velocità del vento è superiore. Si ritiene che circa 20GW di questo potenziale siano
economicamente sfruttabili. I calcoli tecnici dimostrano che il potenziale sfruttabile è
compreso tra i 200 e i 400 TWh. Tuttavia, il potenziale economicamente sfruttabile è
compreso tra i 35 e i 70 TWh e attualmente solo il 9-10% di esso è utilizzato.
Figura 18: Mappa del potenziale di energia eolica
In Turchia vi è un certo numero di città con velocità del vento relativamente alta. Queste sono
state classificate in sei regioni ventose che variano da un minimo di circa 3,5 m/s ad un
massimo di 5 m/s ad un'altitudine di 10 m, corrispondente ad una produzione teorica
compresa tra i 1000 e i 3000 kWh /(m2 anno). I siti più interessanti sono la regione del Mar di
Marmara, del Mar Mediterraneo, della Costa del Mar Egeo e dell'Anatolia Centrale. Di
conseguenza, la principale capacità eolica installata della Turchia è distribuita tra queste
regioni, vale a dire Egeo, Marmara e Mediterranea.
167
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Energia Geotermica
Nel 2012 il potenziale geotermico della Turchia è stato stimato intorno ai 31.5GWt e ai
4.5GWe, con una capacità totale installata di 94,2 MW utilizzato direttamente sotto forma
termica e 104 MW convertita in elettricità. Il forte potenziale geotermico dipende dalla
posizione unica del paese. Sulla fascia tettonica attiva che unisce le Alpi e la catena delle
Himalaya sono presenti vulcani attivi e giovani falde. La maggior parte del potenziale di
energia geotermica si trova nella regione dell'Egeo e dell'Anatolia centrale. La capacità
geotermica comprovata dei pozzi e delle sorgenti esistenti è di circa 4.078 MW.
Figura 19: Mappa del potenziale di energia geotermica
La temperatura dei fluidi nei campi geotermici ne determina le modalità d'utilizzo. I campi con
un fluido geotermico ad alta temperatura si trovano generalmente nella parte occidentale
della Turchia, situati sotto i graben (una superficie depressa situata tra faglie parallele)
formatisi a seguito delle recenti attività tettoniche. Nelle regioni dell'Anatolia centrale e
orientale, si trovano sorgenti a bassa e media temperatura situate lungo la Zona Nord
Anatolica.
168
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Potenziale di Biomassa
Il potenziale di biomassa naturale del paese è stimato aggirarsi intorno alle 372 TWh. Questa
risorsa energetica comprende vari residui agricoli come la polvere di grano, la paglia di
grano, le nocciole e vari tipi di rifiuti. Circa il 53% del potenziale naturale, 198 TWh, è adatto
per la produzione di energia elettrica.
Figura 20: Mappa del potenziale di energia da biomasse
Produzione
La produzione di energia da fonti rinnovabili in Turchia è da sempre dominata dall'energia
idroelettrica e dalle biomasse. Tuttavia, le preoccupazioni ambientali e la scarsità degli
approvvigionamenti hanno portato a un declino nell'uso della biomassa, soprattutto nel
settore del riscaldamento domestico. La disponiblità totale di energia rinnovabile è scesa fra il
1990 e il 2009, a causa di una diminuzione della fornitura di biomassa. Di conseguenza, la
composizione dell’approvvigionamento di energia rinnovabile è cambiata e l'energia eolica
sta iniziando ad incrementare la propria quota di mercato. Essendo una delle cause
dell'inquinamento atmosferico e della deforestazione, la quota di biomassa in qualità di
energia rinnovabile dovrebbe ridursi con l'aumento di altre fonti di energia rinnovabili.
169
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Figura 21: Produzione Elettrica da Sorgenti Rinnovabili (milioni kWh)
Energia Idroelettrica
Attualmente sono in funzione 172 centrali idroelettriche con dimensioni che variano dai
2400MW della Centrale di Atatürk sino a una miriade di centrali minori aventi una potenza
inferiore a 2 MW.
Figura 22: Capacita' Installata (MW)
Fonte: REGD
Della capacità totale installata, 11.629 MW sono stati generati in strutture appartenenti a
EUAS. Alcune di queste centrali elettriche, tra cui Karakaya (1.800 MW), Ataturk (2.405 MW)
e Keban (1.330 MW), sono e resteranno al di fuori del portafoglio di privatizzazione. D'altra
parte anche le grandi holding private sono attive nel settore della generazione dell'energia.
170
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
La Dogus Holding, Akenerji e Aksa sono i principali attori locali che operano in questo
settore. Inoltre la Birecik AS è proprietaria di un impianto da 672 MW sul fiume Eufrate, e la
Cukurova Elektrik AS attualmente vanta una capacità generativa superiore ai 1000 MW.
Figura 23: Produzione elettrica da fonti idriche (milioni kWh)
Fonte: REGD
Il progetto di centrale idroelettrica più grande attualmente in fase di realizzazione è la
centrale idroelettrica di Boyabat. Il progetto è di proprietà di un consorzio di investitori locali:
la Dogus Holding e la Dogan Holding, nonché la Unit Investment. Il progetto, avente una
capacità pari a 528 MW, è finanziato da un prestito per un importo di 550 milioni di euro. Il
Cetin è un altro progetto su ampia scala che sarà realizzato sul fiume Tigri. Il progetto
rappresenta il terzo investimento in Turchia dell'azienda energetica norvegese Statkraft. Il
progetto Cetin, che avrà una capacità di 517 MW, dovrebbe entrare in servizio entro il 2015.
Quest’ultimo porterà la capacità installata totale della Statkraft a 639 MW. La Akenerji,
essendo il primo gruppo di società autoproducente in Turchia, è uno dei principali operatori
nel settore idroelettrico. Recentemente, la società ha acquisito la Ickale Enerji, che vanta una
centrale idroelettrica da 163 MW. Ora la società detiene otto licenze per impianti idroelettrici
con una potenza complessiva pari a 298 MW. Oltre alla suddetta capacità potenziale, una
capacità di 81 MW è già attiva mentre una capacità di 217 MW è ancora in fase di
realizzazione. La TSKB ha fornito un finanziamento pari a 84 milioni di Euro per i progetti di
questa azienda.
Uno sviluppo interessante e degno di nota in questo sottosegmento è rappresentato
dall'iniziativa presa dal governo per la fabbricazione di apparecchiature richieste dal settore.
L'Azienda dell'Industria Elettromeccanica, che è controllata dal Ministero dell'Energia e delle
171
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Risorse Naturali, produce tutte le turbine, i generatori e gli equipaggiamenti elettromeccanici
per gli impianti idroelettrici. L'azienda effettua inoltre studi di ricerca e sviluppo per le
attrezzature degli impianti ad energia solare ed eolica.
Energia Eolica
Al momento della stesura della presente relazione, la capacità installata operativa era
leggermente superiore ai 2.260 MW.
Figura 24: Capacita' installata di energia eolica (MW)
Fonte: REGD
Sul fronte della produzione il più grande produttore è la Zorlu Holding con un rotore
localizzato in Osmaniye avente una capacità installata pari a 135 MW. Un altro progetto di
capacità notevole, la centrale elettrica da 150 MW con quarantaquattro turbine della Al-Yel
Electricity Production Company, è in fase di realizzazione nella provincia di Kirsehir. Il titolare
della licenza è la società francese Akuo Energy Sas. La società detiene altre tre licenze per
l'energia eolica. A seguito della finalizzazione dei suddetti nuovi impianti, la Akuo disporrà di
una capacità installata di 363 MW di energia eolica e probabilmente diventerà il più grande
produttore di energia eolica della Turchia. Un gruppo di società di costruzioni turca, la
Agaoglu, ha manifestato interesse per il settore delle energie rinnovabili. La società ha
attualmente due impianti eolici in esercizio per una capacità di 126 MW e altri in fase di
realizzazione per una capacità' di 14 MW.
172
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Figura 25: Produzione di energia eolica (kWh)
Fonte: REGD
Il numero dei fornitori locali di tecnologie è alquanto esiguo. La Enercon, il produttore tedesco
di turbine, ha impianti di produzione in Turchia. L'azienda ha una partnership con la holding
turca Demirer Enercon Turkey che svolge attività di produzione di turbine eoliche nella Zona
Franca del Mar Egeo. Fino ad oggi l'azienda ha fornito turbine eoliche per una capacità
installata di circa 500 MW. La Enercon fornisce anche servizi di consulenza tecnica per
l'installazione e l'esercizio degli impianti eolici. La Model Enerji produce turbine eoliche ad
alta capacità da 1.650 kW. La società sta lavorando inoltre sulla produzione di turbine da
2.000 kW e da 2.500 kW. La Soyut Wind produce accumulatori per turbine eoliche aventi una
capacità compresa fra 1 kW e 30 kW e sistemi di network per turbine eoliche con capacità
comprese fra i 30 kW e i 500 kW. L'azienda effettua una produzione locale al 100%. La GSR
Enerji produce turbine eoliche di piccole dimensioni.
Energia Solare
Nonostante l'enorme potenziale di energia solare della Turchia, il suo utilizzo nella
produzione di elettricità è pressoché trascurabile. Purtroppo i pannelli solari utilizzano solo un
certo numero di applicazioni di base e sperimentali. Sul 63% del territorio nazionale l'energia
solare può essere sfruttata tecnicamente ed economicamente per dieci mesi all'anno, mentre
il 17% della superficie può essere sfruttato nell'arco di tutto l'anno. Nonostante questo
importante potenziale e le condizioni adeguate per le applicazioni dell'energia solare, l'attuale
contributo dell'energia solare al totale energetico è ad un livello trascurabile. Le applicazioni
di energia fotovoltaica in Turchia sono relegate ad alcuni enti statali che la utilizzano per
soddisfare la domanda di energia elettrica a distanza. Le principali aree di applicazione
173
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
comprendono le stazioni di telecomunicazioni, gli impianti di segnaletica, le stazioni di
monitoraggio del ministero delle foreste, le stazioni di monitoraggio degli incendi, i fari e i
sistemi di emergenza autostradale. Si stima che circa 2,0 MW del potenziale fotovoltaico sia
stato installato negli ultimi anni, con un mercato annuo in leggera crescita rispetto al livello
stabile dei quattro anni precedenti. Applicazioni isolate rappresentano approssimativamente il
90% della potenza fotovoltaica cumulativa installata pari a circa 5 MW.
Sul fronte dell'industria, vi sono due aziende produttrici di celle fotovoltaiche solari. Una di
esse è la An-eL Enerji. La Società fornisce inoltre servizi di consulenza agli investitori per i
test delle misurazioni solari. La Antak Enerji, sita in Antalya, produce celle fotovoltaiche.
Energia Geotermica
La EPDK ha concesso 17 licenze per una capacità complessiva di 369 MW. 114 MW di
questa capacità sono operativi, mentre 255 MW sono in fase di costruzione.
Figura 26: Capacita' installata di energia geotermica (MW)
Fonte: REGD
La produzione di energia elettrica da fonti geotermiche è in continua crescita ma il vero picco
si è registrato dopo il 2008.
174
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Figura 27: Produzione di energia geotermica (kWh)
Fonte: REGD
Sul fronte geotermico, la Zorlu Enerji si propone ancora una volta come l'operatore principale.
La società è titolare di due licenze. 15 MW dei complessivi 75 MW sono già operativi, mentre
i rimanenti 60 MW sono in fase di costruzione. Inoltre, l'azienda sta realizzando un impianto
da 30 MW presso la centrale eolica sita in Osmaniye. La Bereket Enerji, un operatore
dell'energia idroelettrica, ha una centrale geotermica da 6,85 MW attualmente operativa.
L'impianto ha ricevuto un finanziamento di 4 milioni di Euro dal TSKB.
Energia da Biomassa
Ci si attende che la produzione totale da biomassa sia pari a 12,6 Mtep entro il 2020.
Esistono ventuno licenze per impianti di biomasse vegetali concesse da EPDK, per una
capacità totale di 150MW.
175
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Figura 28: Produzione di energia da biomassa (kWh)
Uno dei più grandi giocatori sul fronte del biogas è la Ortadogu Enerji, che produce energia
elettrica utilizzando i rifiuti urbani di Istanbul. Per ora l'azienda ha una capacità produttiva di
circa 23 MW mentre altri 13 MW sono in fase di costruzione. ITC-Ka detiene 4 licenze di
biogas in Adana, Ankara e Konya. L'azienda dispone di una capacità totale di 58,64 MW di
cui 38,17 MW attualmente in funzione.
Figura 29: Capacita' installata di energia da biomassa (MW)
176
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
B. Dinamica del mercato e struttura della domanda
Le opportunità commerciali inerenti la vendita di energia sono alquanto ben sviluppate e sono
riassunte qui di seguito.
Rischio
Prezzo
del
Rischio di
Vendita
Aspettative di
Ricavo
Mercati Organizzati
Accordi Bilaterali
Alto: Fluttuazioni stagionali e
orarie del prezzo. Oneri di
sbilanciamento imprevedibili.
Medio: Prezzi negoziabili. Possibile
copertura dei rischi collegati al
prezzo di medio/lungo termine. Il
prezzo di riferimento è il prezzo di
mercato
Nessuno: Possibile vendere
tutto l'importo offerto
Basso: L'importo è determinato
sulla base dei negoziati.
L'importo non può essere venduto
tramite accordi bilaterali ma solo
sul mercato del giorno prima.
Volatilità bassa/media:
Possibilità di garantire un ricavo
fisso attraverso contratti a
media/lunga scadenza.
Alta volatilità: Volatilità
collegata alle fluttuazioni del
prezzo e oneri di
sbilanciamento.
Conto
Energia
Nessuno: Prezzo fisso
indicizzato a USD
Nessuno: Obbligo di vendere
tutto l'importo generato.
Fisso: A causa dei prezzi fissi,
non vi sono sorprese nelle
aspettative di reddito.
L'investitore non è
responsabile dei costi di
sbilanciamento.
Esistono inoltre opportunità commerciali transfrontaliere per gli investitori nell'energia
rinnovabile. La Turchia è collegata in sincrono alla ENTSO-E. La Turchia ha anche varie
interconnessioni con i Paesi limitrofi quali la Georgia, l'Iran, l'Azerbaigian e la Siria. Allo
stesso modo, gli operatori di trasmissione della Turchia, della Bulgaria e della Grecia,
mettono regolarmente all'asta le capacità di interconnessione sulle frontiere greco e bulgara
della Turchia. Gli operatori del settore privato hanno dimostrato grande interesse a queste
aste che ha portato a un incremento degli scambi rispetto agli anni precedenti.
Normativa Quadro dell'Energia Rinnovabile
Ogni tipo di energia rinnovabile ha un regolamento a sé stante che permette alla normativa
secondaria di essere più precisa. Secondo il REL, le fonti di energia rinnovabili sono definite
come risorse energetiche non-fossili quali quella idroelettrica, eolica, solare, geotermica,
biomasse, biogas (compreso il gas di discarica), onde e delle maree.
177
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Tabella 24: Normativa dell'Energia Rinnovabile
Leggi e Regolamenti Comuni sulla Generazione di Energia Rinnovabile
Legge sul Mercato dell’Elettricità N. 6446
Legge sull'Utilizzo di Fonti Energetiche Rinnovabili ai Fini di Generare Energia Elettrica N.
5346
Tabella 25: Normative Speciali per Ciascuna Fonte Energetica
Eolico
Regolamento Tecnico per
la Valutazione delle
Applicazioni di
Generazione di Energia
Eolica
Comunicato sugli
Standard di Misura per
l'Energia Eolica e Solare
Solare
Comunicato sugli
Standard di Misura per
l'Energia Eolica e Solare
Regolamento Tecnico per
la Valutazione delle
Applicazioni di
Generazione di Energia
Solare
Geotermica
Regolamento per
l'Utilizzazione di Fonti
Energetiche Geotermiche
al Fine della Generazione
di Energia Elettrica
Legge Geotermica N.
5686
Biomassa e Rifiuti
Legge sull'Ambiente N.
2872
Regolamento per il
Controllo dei Rifiuti Solidi
Regolamento sui Principi
Generali della Gestione
dei Rifiuti
La procedura per il rilascio di autorizzazioni per gli impianti di generazione di energia
rinnovabile
Le centrali elettriche che hanno una capacità installata superiore a 1 MW sono soggette alla
licenza rilasciata dall'EPDK 1 2 . La procedura necessaria per l'ottenimento della licenza è
diversa per ogni tipo di energia. Ad esempio, il collegamento alla rete è la fase più critica
prima del conseguimento di una licenza per impianti fotovoltaici ed eolici. La nuova Legge sul
Mercato dell'Elettricità regola la procedura di gara per i diritti di collegamento alla rete. E'
1
Per le centrali di piccole dimensioni, i diritti di utilizzo dell'acqua sono concessi dalla Direzione Generale delle
Opere Idrauliche (DSI), che seguono una procedura simile: una tassa sul consumo dell'acqua è versata alla
DSI, che può organizzare una gara per i diritti di utilizzo dell'acqua.
2
Per gli impianti a biomassa, una gara d'appalto è riservata a quelle aziende che vogliono costruire una
centrale elettrica che utilizza le discariche come combustibile. In questo caso, i diritti di utilizzo della discarica
urbana vengono concessi mediante una gara d'appalto organizzata da parte della Municipalità.
178
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
obbligatoria una gara basata su una «tassa contributo» da versare al Gestore del Sistema di
Trasmissione per i primi 3 anni successivi alla messa in servizio per gli investimenti solari ed
eolici le cui richieste interessano aree sovrapposte o intersecanti finalizzate allo stesso centro
di trasformazione.
La procedura per ottenere una licenza può essere sintetizzata come segue:
•
Determinazione dei principi di investimento dell'impianto quali la posizione, la capacità
installata, le modalità di finanziamento ecc. e la valutazione della risorsa.
•
Per l'energia solare ed eolica, acquisizione dei diritti di connessione alla rete tramite offerta da
presentare alla gara d'appalto e conseguente richiesta della licenza.
•
Finalizzazione della valutazione d'impatto ambientale e ottenimento delle altre autorizzazioni
necessarie.
•
Studi di fattibilità tecnica e finanziaria, misurazione dei dati e completamento dello sviluppo del
progetto.
•
Domanda per la pre-licenza.
•
Ottenimento della licenza dopo aver completato la documentazione necessaria nel caso che
sia stato acquisito il diritto di connessione alla rete.
•
Reperimento del supporto finanziario, delle attrezzature e inizio dei lavori di costruzione.
Sistema di incentivi in Turchia
Le centrali di energia rinnovabile entrate in funzione sino al 18 maggio 2005 o che entreranno
in funzione prima del 31 dicembre 2015 potranno utilizzare le seguenti tariffe Feed-in per i
primi dieci anni del loro funzionamento. Gli incentivi da concedere agli impianti che saranno
commissionati dopo il 2015 saranno definiti in seguito. Inoltre, alle incentivazioni viene
aggiunto un premio per i primi cinque anni del funzionamento se l'apparecchiatura meccanica
o elettromeccanica della centrale è stata prodotta localmente.
Tabella 26: Sistema di incentivi
Meccanismo del Conto Energia
Tipologia della centrale
energetica
Tariffa Feed-in
Premo massimo di
produzione locale
Tariffa massima
possibile
Centrale Idroelettrica
$7.3 cents/kWh
$2.3 cents/kWh
$9.6 cents/kWh
Centrale Eolica
Centrale Geotermica
Biomassa (incluse le
discariche)
$7.3 cents/kWh
$10.5 cents/kWh
$13.3 cents/kWh
$3.7 cents/kWh
$2.7 cents/kWh
$5.6 cents/kWh
$11 cents/kWh
$13.2 cents/kWh
$18.9 cents/kWh
179
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
$13.3 cents/kWh
$6.7 cents/kWh
Centrali Fotovoltaiche
$13.3 cents/kWh
$9.2 cents/kWh
Concentrazione Solare
Nota: Le cifre sono in USD in quanto le tariffe sono strutturate in questa valuta.
$20 cents/kWh
$22.5 cents/kWh
Soprattutto per gli investitori idroelettrici e eolici, il premio concesso per l'utilizzo di
attrezzature fabbricate localmente è l'elemento che conferisce al meccanismo di sostegno un
vantaggio rispetto al mercato a pronti, in quanto i conti energia di base non sono superiori ai
prezzi del mercato a pronti.
Tuttavia, nel medio termine la produzione locale è destinata a rimanere limitata al montaggio
dei più sofisticati componenti importati. Tenendo conto di tale realtà, la normativa assegna
premi specifici in base ai vari componenti delle apparecchiature. Ciò consentirà agli investitori
di ricevere premi per le operazioni di assemblaggio meccanico delle apparecchiature, anche
se non è realistico ricevere i premi massimi riconosciuti per la produzione locale.
Tabella 27: Premi concessi alle produzioni locali
Premi concessi alle produzioni locali
Tipologia Centrale
Energetica
HPP
WPP
Centrali
Fotovoltaiche
Concentrazione
Solare
Biomassa
Tipologia
Turbina
Generatore e elettronica di potenza
Pale
Generatore e elettronica di potenza
Torre eolica
Equipaggiamento meccanico nel gruppo rotore e nel cono
frontale
Integrazione panello fotovoltaico e meccanica della struttura
solare
Moduli fotovoltaici
Celle modulo fotovoltaico
Inverter
Materiale focalizzante per la raccolta dei raggi solari sui moduli
fotovoltaici
Tubo raccolta irradiazioni
Sistema di tracciamento solare
Piano di riscontro riflettente
Equipaggiamento meccanico del sistema di stoccaggio
dell'energia termica
Equipaggiamento meccanico del sistema di produzione del
vapore tramite la raccolta dei raggi solari sul tetto
Propulsore Stirling
Integrazione panello e meccanica della struttura solare
Caldaia vapore
Caldaia vapore a combustibile liquido e gassoso
Unità di gassificazione e degassificazione
Turbine a vapore o gas
Premio
$1.3 cents/kWh
$1.0 cents/kWh
$0.8 cents/kWh
$1.0 cents/kWh
$0.6 cents/kWh
$1.3 cents/kWh
$0.8 cents/kWh
$1.3 cents/kWh
$3.5 cents/kWh
$0.6 cents/kWh
$0.5 cents/kWh
$2.4 cents/kWh
$0.6 cents/kWh
$0.6 cents/kWh
$1.3 cents/kWh
$2.4 cents/kWh
$1.3 cents/kWh
$0.6 cents/kWh
$0.8 cents/kWh
$0.4 cents/kWh
$0.6 cents/kWh
$2.0 cents/kWh
180
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Motore a combustione interna o Stirling
Generatore e elettronica di potenza
Sistema di cogenerazione
Turbine a vapore o gas
Geotermico
Generatore e elettronica di potenza
Iniettore di vapore o compressore dl vuoto
Nota: Le cifre sono in USD in quanto le tariffe sono strutturate in questa valuta.
$0.9 cents/kWh
$0.5 cents/kWh
$0.4 cents/kWh
$1.3 cents/kWh
$0.7 cents/kWh
$0.7 cents/kWh
Incentivi differenti dalle Tariffe Feed-in per gli investimenti in energia rinnovabile
Esistono altri incentivi per gli investimenti e la generazione di energia rinnovabile. Questi
possono essere sintetizzati come segue.
Tabella 28: Altri incentivi per gli investimenti in energia rinnovabile
Incentivi differenti dalle tariffe feed-in per gli investimenti in energia rinnovabile
L'assegnazione di terreni demaniali e di "terreni a disposizione
dello stato" per progetti di energia rinnovabile. Sconto dell'85%
sulle tasse di servitù, d'usufrutto o di locazione finanziaria per i
primi 10 anni di attività.
Utilizzo dei parchi nazionali, dei parchi naturali, delle oasi naturali,
Incentivi previsti dalla Legge
delle foreste tutelate, delle zone di coltura selvatica e delle aree
sull'energia Rinnovabile (N. 5346)
speciali per la conservazione della natura previa concessione dei
necessari permessi.
Esenzione dal pagamento dell'obbligatoria imposta pari all'1% del
fatturato per le imprese che operano sui beni immobili del
demanio.
Incentivi previsti dal Regolamento sulle Esenzione pari al 99% sulla tassa e sul canone annuo delle
licenze per i primi 8 anni di attività.
Licenze del Mercato Elettrico (n.
248836)
Priorità nella connessione al sistema.
Esenzione IVA per le apparecchiature prodotte localmente per i
titolari del Certificato di Sostegno all'Investimento.
Incentivi fiscali previsti dal Decreto
Governativo sugli aiuti Statali agli
Esenzioni IVA, tasse doganali, imposta sull'utilizzo delle risorse
Investimenti (n. 2009/15199)
per le importazioni effettuate dai titolari del Certificato di Sostegno
all'Investimento.
Deduzione sulle attività di Ricerca e Sviluppı (deduzione delle
spese di ricerca e di sviluppo al 100% sulla tassa sul reddito
aziendale).
Incentivi previsti dalla Legge sul
Sostegno alle Attività di Ricerca e
Esenzione dall'imposta sul reddito (80% sul reddito di lavoro
Sviluppo (n. 5746)
dipendente per le attività di ricerca e sviluppo e per il personale),
contributo sui premi di sicurezza sociale per un periodo di 5 anni,
esenzione dall'imposta sul bollo.
Produzione esente da autorizzazioni
Gli impianti di fonti rinnovabili con una potenza installata inferiore a 1 MW non hanno
l'obbligo di ottenere una licenza per la produzione o di avviare una società. Secondo il
regolamento relativo alla produzione esente da autorizzazione, questi produttori devono
181
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
rivolgersi alla società di distribuzione presente nella loro regione. Le imprese distributrici sono
tenute a compensare gli importi di consumo e di produzione e di acquistare l'energia in
eccesso ai prezzi indicati dal meccanismo YEK per un periodo di 10 anni. Secondo il
Regolamento sulla Documentazione e Incentivi per le Fonti Energetiche Rinnovabili, le
compagnie di distribuzione devono procedere alla registrazione della produzione esente da
autorizzazione realizzata nel territorio di loro competenza presso l'EPDK
contemporaneamente alle società produttrici. Essendo il quadro normativo entrato in vigore
solo recentemente, la partecipazione dei produttori esenti da licenza al meccanismo YEK è
prevista per il 2013.
C. Investimenti esteri e presenza italiana
La Turchia sta incentivando il settore privato a investire nel settore della produzione e
distribuzione di energia elettrica, nella costruzione di dighe, nell'efficienza energetica, nello
sviluppo delle fonti energetiche rinnovabili quali eolica, solare, geotermica, ecc. Il settore
turco delle energie rinnovabili è stato uno dei settori più interessanti in termini di fusioni e
acquisizioni negli ultimi due anni. Molti giganti del settore dei servizi sono entrati sul mercato
turco e ci sono numerosi imprenditori locali che hanno ottenuto le licenze rinnovabili, ma
sono alla ricerca di partnership internazionali.
Il seguente elenco delle principali operazioni dimostra il crescente interesse da parte degli
investitori internazionali nel mercato turco a decorrere dal 2005.
Tabella 29: Principali transazioni in energia rinnovabile
QUOTA
IMPORTO DELLA
TRANSAZIONE
(MILIONI DI
EURO)
Aprile 2010
100%
301
ABK Elektrik Üretim AS
Aprile 2010
N/A
N/A
Turchia
Essentium Grupo
Gennaio
2010
N/A
N/A
Statkraft
Norvegia
Yeşil Enerji
Giugno
2009
95%
88
EnBW
Germania
Borusan Enerji
Marzo
2009
50%
N/A
EDF Energies
Nouvelles
Francia
Polat Enerji
Dicembre
2008
50%
N/A
CEZ
Repubblica
Ceca
Akenerji
Ottobre
2008
37,4%
224
Cogentrix Energy
USA
Taşyapı Enerji
Luglio 2008
50%
N/A
ACQUIRENTE
ORIGINE
OBIETTIVO
DATA
Energo - PRO as
Repubblica
Ceca
Aralık HPP / Hamzalı
HPP / Resadiye Cascade
Non Annunciato
Turchia
Enerco Group
182
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
QUOTA
IMPORTO DELLA
TRANSAZIONE
(MILIONI DI
EURO)
Luglio 2008
100%
37
Enerjisa
Marzo
2007
50%
242
BND Elektrik
Dicembre
2006
66,7%
0,51
United Development Qatar
Company
Turk Millenya
Giugno
2006
60%
N/A
Sumitomo
Corporation
Diga e Centrale
Idroelettrica di Birecik
Maggio
2005
31%
30,1
ACQUIRENTE
ORIGINE
OBIETTIVO
DATA
Italgen
Italia
Bares Elektrik
Verbund
Austria
Berggruen Holding
USA
Giappone
Attualmente ci sono molte aziende straniere, presenti tramite investimenti o uffici di
rappresentanza, che sono coinvolte in differenti sottosegmenti del settore della produzione e
distribuzione dell'energia. Anche le società estere di consulenza sono molto attive in questo
settore.
Figura 30: Primi 20 Paesi attivi in Turchia nel settore dela produzione di energia
Con poco più di 250 società, comprese le società di consulenza, la Germania è il paese più
attivo sul mercato seguita da Olanda, Iran, Spagna e Regno Unito.
183
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
D. Fattori critici e strategie di sviluppo
Sono principalmente due le grandi sfide che ogni impresa d'energia rinnovabile si trova ad
affrontare in Turchia. Queste sono la mancanza di risorse finanziarie e di strumenti adeguati
di prestito, in particolare per i progetti su piccola scala, e la mancanza di dettagliate
valutazioni delle risorse di energia rinnovabile e di relative banche dati. D'altra parte, la
mancanza di consapevolezza e conoscenza non è da considerarsi come un ostacolo
importante per la Turchia. L'energia rinnovabile è riconosciuta essere un grande potenziale
per la produzione di energia interna e pulita. Per quanto riguarda gli stranieri, l'ostacolo
principale è rappresentato dalla burocrazia. Nonostante la semplificazione, il processo di
applicazione per i permessi può durare fino ad un anno con il coinvolgimento di numerose
autorità.
Da quanto riportato si evince che la consapevolezza non rappresenta un problema. La
generazione idroelettrica, la combustione di biomasse, l'energia solare per l'essiccazione
agricola del grano, il riscaldamento dell'acqua calda e l'energia geotermica sono in uso da
molti anni.
E. Appendici
Enti e Istituzioni Settoriali
Denominazione
DEK-TMK - World
Energy Council,
Comitato Nazionale
Turco
EPDK – Repubblica
di Turchia, Autorità
per la
Regolamentazione
del Mercato
ETKB – Repubblica
di Turchia, Ministero
dell'Energia e
Risorse Naturali
ÇSB - Ministero
dell'Ambiente e
Urbanizzazione
EİE - Direzione
Generale per
l'Energia
Rinnovabile
TEİAŞ – Azienda
Turca per la
Trasmissione
Sito web
http://www.dektmk.
org.tr
E-mail
[email protected]
rg.tr
Telefono
+90 312 442
82 78
Indirizzo
Cinnah Cad. No:67/15 06680
Çankaya-Ankara
http://www.epdk.go
v.tr
-
+90 312 201
40 00
İşçi Blokları Mahallesi Muhsin
Yazıcıoğlu Caddesi (Eski
1483 Cd.) No:51/C 06530
Yüzüncüyıl/Çankaya/Ankara
http://www.enerji.go
v.tr
-
+90 312 212
64 20
Türk Ocağı Caddesi No:2
06100
Çankaya/Ankara/Türkiye
http://www.csb.gov.
tr
-
+90 312 410
10 00
Vekaletler Cad. No:1
Bakanlıklar / Ankara
http://www.eie.gov.t
r/
[email protected]
+90 312 295
50 00
Eskişehir Yolu 7. Km No:166
Posta Kodu:06520 Çankaya Ankara
http://www.teias.go
v.tr
-
+90 312 222
81 60
Nasuh Akar Mah.Türkocağı
Cad.No:12 06100
Balgat/Çankaya/Ankara
184
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
dell'Energia Elettrica
EÜAŞ – Azienda per
la Generazione
dell'Energia Elettrica
TETAŞ - Azienda
Turca per il
Commercio e la
Contrattazione
dell'Energia Elettrica
TEMSAN –
Direzione Generale
Turca dell'Industria
Elettromeccanica
DSI - Direzione
Generale delle
Opere Idrauliche
TEDAŞ – Azienda
Turca per la
Distribuzione
dell'Energia Elettrica
http://www.euas.go
v.tr
[email protected]
ov.tr
+90 312 212
69 00
Nasuh Akar Mah. Türkocağı
Cad. No:2/F-1 06520
Bahçelievler Çankaya Ankara
Eskişehir Yolu 7.Km No:166
Çankaya/Ankara
http://www.tetas.go
v.tr
[email protected]
+90 312 999
1718
http://www.temsan.
gov.tr
[email protected]
gov.tr
+90 312 397
55 75
Çamlıca Mahallesi 145.
Sokak No:16 Yenimahalle /
Ankara
http://www.dsi.gov.t
r/
-
+90 312 417
83 00
http://www.tedas.go
v.tr
[email protected]
+90 312 212
69 15
Devlet Mahallesi , İnönü
Bulvarı No: 16 Çankaya /
Ankara
Nasuh Akar Mahallesi
Türkocağı Caddesi No:2
06520 Çankaya - Ankara
Camere
Denominazione
EMO - Ordine degli
Ingegneri Elettrici
della Turchia
JMO – Ordine degli
Ingegneri Geologici
della Turchia
Ordine degli
Ingegneri Minerari
della Turchia
Sito web
http://www.emo.org.tr/
E-mail
[email protected]
Telefono
+90 312 425 32 72
Indirizzo
Ihlamur Sokak No:10
Kızılay/Ankara
http://www.jmo.org.tr/
[email protected]
+90 312 432 30 85
Hatay Sokak No:21
Kocatepe / Ankara
http://www.maden.org.tr/
[email protected]
+90 312 425 10 80
Ordine degli
Ingegneri Meccanici
della Turchia
Ordine degli
Ingegneri
Metereologici della
Turchia
http://www.mmo.org.tr/
[email protected]
+90 312 444 86 66
http://www.meteoroloji.org.tr/
[email protected]
+90 312 419 56 04
Selanik Caddesi
Yeşim Apt. No:19/4
06650 Çankaya Ankara
Meşrutiyet Caddesi
No:19 Kat:6-7-8
Kızılay - Ankara
Bayındır Sok. No:
49/16 Kızılay ANKARA
Associazioni Professionali
Denominazione
ALBİYOBIR - Associazione
dei Produttori di Energia
Alternativa e Biodiesel
Sito web
http://www.albiy
obir.org.tr/
E-mail
[email protected]
rg.tr
Telefono
+90 312
472 12 65
HESİAD – Associazione
http://www.hesia
[email protected]
+90 312
Indirizzo
1314. Cadde (Eski 2.
Cadde) 1315. Sokak (Eski
81. Sokak) 12/A Daire: 1
06460 A.Öveçler,
Çankaya/Ankara
Hülya Sok. No:37 06700
185
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Turca dell'ındustria e del
Commercio delle Centrali di
Energia Idroelettrica
IZODER - Associazione dei
Produttori, Fornitori e
Installatori dei Materiali
Coibentali, Impermeabili,
Insonorizzanti e Infiammabili
RESSİAD – Associazione
dei Gestori degli Impianti
Eolici e Idroelettrici
TURKOTED - Associazione
Turca delle Tecnologie di
Cogenerazione e Energia
Pulita
TÜREB – Associazione
Turca dell'Energia Eolica
d.org.tr/
.tr
445 04 64
G.O.P./Ankara
http://www.izode
r.org.tr/
[email protected]
tr
+90 216
415 74 94
Şerifali Mah. Hendem Cad.
No:58 Yukarı Dudullu
34775 Ümraniye / İstanbul
http://www.ressi
ad.org.tr/
[email protected]
g.tr
+90 312
436 95 98
Kuleli Sokak No:87 Daire:2,
06700 G.O.P./Ankara
http://www.turkot
ed.org/
-
-
-
http://www.tureb
.com.tr/
[email protected]
tr
+90 312
474 02 74
GENSED – Associazione
dell'Industria e Business
dell'Energia Solare
http://www.gens
ed.org/
[email protected]
g
+90 216
455 35 00
Green Office Kızılırmak
Mah. 1443 Cad. No:22/16
06520 Çukurambar /
Ankara
Bayar Cad. İclal Ataç İş
Merkezi No:84 K:4 D:8
Kozyatağı / İstanbul
186
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Idroelettrica
Profili aziendali dei principali operatori
Ak Enerji Elektrik Üretim A.Ş.
Indirizzo
Miralay Şefik Bey Sokak Akhan No:15 Kat:3-4 Gümüşsuyu, İstanbul
Telefono
+90 212 249 82 82
Fax
+90 212 249 73 55
E-mail
[email protected]
URL
www.akenerji.com.tr
Referente
Ahmet Ümit Danışman
Ruolo aziendale
Direttore Generale
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
Le attivita' della AKENERJİ Elektrik Üretim A.Ş. nel campo della
generazione energetica e del vapore. Le attivita' delle sue consociate
prevedono la generazione, trasmissione, distribuzione, acquisto e
vendita dell'energia elettrica, realizzazione di impianti per i
summenzionati scopi, attivita' di acquisto e vendita all'ingrosso di
energia elettrica e/o capacita' domestica e export-import di energia ai
sensi della normativa in vigore.
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni
N/A
(% fatturato)
301
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
Opportunita' di cooperazione:
Distribuzione / partnership commerciale □
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
187
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Aksa Enerji Üretim A.Ş.
Indirizzo
Gülbahar Cad. 1.Sk. 34212 İstanbul
Telefono
+ 90 212 478 66 66
Fax
+ 90 212 657 55 16
E-mail
[email protected]
URL
www.aksaenerji.com.tr
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Descrizione delle
attivita'
Dati economici
Aksa Enerji produce e vende energia nonché fornisce servizi nei
seguenti settori:
•Sviluppo e Design di Progetti
•Fornitura di Equipaggiamenti
•Ingegneria
•Costruzione, Installazione e Montaggio Erection
•Operazione e Applicazione
•Assistenza e Pezzi di Ricambi
•Manutenzione
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
400+
Opportunita' di cooperazione:
Distribuzione / partnership commerciale □
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
188
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Altek-Alarko A.Ş.
Indirizzo
Muallim Naci Cad. 69 34347 Ortaköy, İstanbul
Telefono
+ 90 212 252 31 54
Fax
+ 90 212 252 31 19
E-mail
[email protected]
URL
www.altek.alarko.com.tr
Referente
Bekir Bora
Ruolo aziendale
Amministratore
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
La ALTEK A.Ş. é un'azienda del Gruppo Alarko Enerji attiva nel settore
della produzione di elettricita', della vendita, realizzazione e gestione
delle centrali energetiche ai sensi della Legge 3096 e della Legge 4628
(Legge sul Mercato dell'Elettricità).
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni
N/A
(% fatturato)
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
3,000+
Opportunita' di cooperazione:
Distribuzione / partnership commerciale □
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
189
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Borusan Enbw Enerji Yatırımları ve Üretim A.Ş.
Indirizzo
Büyükdere Caddesi Nurol Plaza No.255 – 257 A-B Blok Kat:4 Maslak Şişli
Telefono
+90 212 340 27 60
Fax
+90 212 286 39 85
E-mail
[email protected]
URL
www.borusanenbw.com.tr
Referente
Canan Coşkun Güleç
Ruolo aziendale
Addetto Commerciale
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
La Borusan EnBW Energy attribuisce priorita' e importanza alle risorse
di energia rinnovabile presenti nel proprio portafoglio. La Borusan
EnBW Energy, focalizzata sulla produzione massimale di energia con il
minimo utilizzo di risorse, produce impianti di produzione energetica
ecologici e di qualita'.
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni
N/A
(% fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
Opportunita' di cooperazione:
Distribuzione / partnership commerciale □
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
190
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Çalık Enerji San ve Tic. A.Ş.
Indirizzo
Yaşam Caddesi Ak Plaza N0: 7 Kat: 17 Söğütözü, Ankara
Telefono
+ 90 312 207 70 00
Fax
+ 90 312 207 70 03
E-mail
N/A
URL
www.calikenerji.com
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Descrizione delle
attivita'
Dati economici
Servizi EPC per:
•Centrali a ciclo combinato
•Impianti di cogenerazione
•Stazioni di pompaggio
•Stazioni di compressione
•Centri di commutazione, stazioni AT, linee di trasmissione AT
•Servizi e strutture sulla terraferma per aree di estrazione del gas e del
greggio
•Gasdotti e oleodotti
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni
N/A
(% fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
Opportunita' di cooperazione:
Distribuzione / partnership commerciale □
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
191
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Limak Enerji Ticareti A.Ş.
Indirizzo
Dereboyu Cad. Meydan Sk. No:3 Veko Giz Plaza Kat:1-2 Maslak-Şişli,
İstanbul
Telefono
+ 90 212 290 37 10
Fax
+ 90 212 290 37 19
E-mail
[email protected]
URL
www.limakenerji.com.tr
Referente
Ebru Özdemir Kışlalı
Ruolo aziendale
Amministratore
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
La Limak Energy é una delle compagnie energetiche leader della
Turchia, operante nel settore del commercio, della produzione, delle
distribuzione, della vendita al dettaglio e all'ingrosso, dell'importazione
e dell'esportazione dell'energia elettrica. Suddivisa in 4 gruppi, Vendite,
Commercio, Produzione e Distribuzione, la Limak Energy mira a
divenire una piattaforma commerciale nell'Europa Sud Orientale e nel
Medio Oriente sostenendo investimenti produttivi.
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
N/A
Opportunita' di cooperazione:
Distribuzione / partnership commerciale □
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
192
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Soyak Enerji Yatırım A.Ş.
Indirizzo
Büyükdere Cad. No:38 Mecidiyeköy 34387 İstanbul
Telefono
+ 90 212 315 50 28
Fax
+ 90 212 288 92 73
E-mail
[email protected]
URL
www.soyakenerji.com.tr
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Descrizione delle
attivita'
Dati economici
La Soyak Energy attua i propri progetti energetici in tutte le aree del
settore.
Il portafoglio degli investimenti della Soyak Enerji attualmente include
licenze per 4 centrali idroelettriche, 1 centrale termica e 2 impianti eolici
e 1 licenza di vendita all'ingrosso. Inoltre, sono stati sviluppati 5 progetti
di impianti eolici attualmente in fase di post-richiesta.
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
N/A
Opportunita' di cooperazione:
Distribuzione / partnership commerciale □
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
193
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Altre aziende operanti nel settore
Denominazione
Adalı Enerji Üretim
Pazarlama A.Ş.
Ado Enerji Sanayi
Ve Ticaret A.Ş.
Age İnşaat A.Ş.
Sito web
www.adaliholding
.com
www.adoenerji.co
m
www.age.com.tr
E-mail
[email protected]
m
-
Telefono
+90 312 286
60 70
+90 242 227
49 90
+90 312 468
82 40
+90 312 441
71 85
Indirizzo
Çetin Emeç Bulvarı No: 60
D: 7 Balgat / Ankara
Uncalı Mah. Hürriyet Cad.
No: 495 Antalya
Tahran Caddesi No: 19/5
Kavaklıdere / Ankara
Hoşdere Caddesi No:
158/3 Çankaya / Ankara
Ahiköy Enerji Üretim
Sanayi Ve Ticaret
A.Ş.
Ak Enerji Elektrik
Üretimi Ve
Otoprodüktör Grubu
A.Ş.
Akdenizli Elektrik
Üretim A.Ş.
www.pelka.com.tr
[email protected]
www.akenerji.co
m.tr
[email protected]
+90 212 249
82 82
Miralay Şefik Bey Sokak
Akhan No: 15 Kat: 3-4
Gümüşsuyu / İstanbul
www.unit.com.tr
[email protected]
+90 212 282
28 28
Akköy Enerji A.Ş.
www.kolin.com.tr
[email protected]
Aksa Enerji Üretim
A.Ş.
Aksu Madencilik
Sanayi Ve Elektrik
Üretim Ticaret A.Ş.
Alarko-Altek Elektrik
A.Ş.
www.aksa.com.tr
[email protected]
www.aksugroup.c
om
[email protected]
m
+90 312 447
17 00
+90 212 478
66 66
+90 312 215
90 00
Nispetiye Caddesi
Akmerkez E-3 Blok Kat: 13
Etiler / İstanbul
Horasan Sokak No: 24
Gaziosmanpaşa / Ankara
Gülbahar Caddesi 1. Sokak
34212 Güneşli / İstanbul
Mebusevleri İller Sokak No:
5 Tandoğan / Ankara
www.altek.alarko.
com.tr
[email protected]
m.tr
+90 212 252
31 54
Aska İnşaat A.Ş.
www.askainsaat.
com
[email protected]
m
+90 312 212
62 14
Aslancık Elektrik
Üretim A.Ş.
Ayen Enerji A.Ş.
www.dogusgrubu
.com.tr
www.ayen.com.tr
-
Balıkesir
Elektromekanik
Sanayi Tesisleri A.Ş.
Bereket Enerji A.Ş.
www.besttrafo.co
m.tr
[email protected]
r.com
+90 216 680
30 30
+90 312 445
04 64
+90 266 243
40 13
www.bereketener
ji.com.tr
[email protected]
.com.tr
+90 258 242
27 76
Bm Mühendislik Ve
İnşaat
www.bmmuhendi
slik.com
[email protected]
com
+90 312 286
53 53
[email protected]
[email protected]
Tarlabaşı Bulvarı Alarko
Dim İş Merkezi No:28
34430 Şişhane / İstanbul
Mebusevleri Süslü Sokak
No: 18 06580 Tandoğan /
Ankara
Hatır Sokak No: 22
Gaziosmanpaşa / Ankara
Hülya Sokak No: 37
Gaziosmanpaşa / Ankara
Ağır Sanayi Bölgesi No:
149 Balıkesir
Atatürk Bulvarı 75. Yıl
Esnaf Sarayı No: 171 Kat:
2 Denizli
Eskişehir Bilkent Kavşağı
Yolu No: 4 06530 Ankara
194
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Borusan Enbw Enerji
Yatırımları Ve Üretim
A.Ş.
www.borusanenb
wenerji.com
[email protected]
nenbwenerji.com
+90 212 340
27 60
Büyükdere Caddesi Nurol
Plaza A-B Blok No: 255257 Kat: 4 Maslak /
İstanbul
Denominazione
Borusan Holding
A.Ş.
Sito web
www.borusan.co
m.tr
E-mail
-
Telefono
+90 212 393
52 30
Çalık Enerji A.Ş.
www.calikenerji.c
om
-
+90 312 207
71 61
Egenda Ege Elektrik
Dağıtım A.Ş.
www.endaenerji.c
om.tr
[email protected]
m.tr
+90 232 463
98 11
Enbw Holding A.Ş.
www.borusanenb
w.com.tr
[email protected]
nenbwenerji.com
+90 312 459
60 00
Enya Enerji
Yatırımları
Danışmanlığı İnşaat
Sanayi Ve Ticaret
A.Ş.
Ere Elektrik A.Ş.
www.enya.com.tr
-
+90 312 466
03 88
Indirizzo
Rumeli Hisarı Mahallesi
Baltalimanı Caddesi No: 6
Sarıyer / İstanbul
Yaşam Caddesi Ak Plaza
10. Kat No: 7 Söğütözü /
Ankara
1380 Sokak No: 2/1 Alyans
Apartmanı B Blok Kat:3
Daire:5 35220 Alsancak /
İzmir
Uğur Mumcu Caddesi Uğur
Mumcu Sokak No: 1/4
06700 Gaziosmanpaşa /
Ankara
Çetin Emeç Bulvarı No: 60
D: 7 Balgat / Ankara
www.ere.com.tr
-
+90 312 287
30 00
Fetaş Fethiye Enerji
Ve Ticaret A.Ş.
Gönen Hes A.Ş.
www.age.com.tr
[email protected]
www.endaenerji.c
om.tr
www.ictasenerji.c
om.tr
[email protected]
m.tr
-
+90 312 468
82 40
+90 266 243
04 22
+90 312 285
83 63
Karabük Enerji
Elektrik Üretim A.Ş.
-
-
+90 212 345
11 00
Karesi Enerji A.Ş.
www.besttrafo.co
m.tr
[email protected]
r.com
+90 266 241
48 50
Karhes Karadeniz
Hidroelektrik
Enerjiden Elektrik
Üretim Santralı Ltd.
-
-
+90 312 466
60 70
Ic İçtaş Enerji Üretim
Ve Ticaret A.Ş.
Ulusoy Plaza 53. Cadde
1450. Sokak No: 9 Daire
41 Ve 42 Çukurambar
Balgat / ANKARA
Tahran Caddesi No: 19/5
Kavaklıdere / Ankara
Anafartalar Caddesi Mortaş
İşhanı K: 2 D: 78 Balıkesir
Çetin Emeç Bulvarı 65.
Sokak No: 4 Balgat /
Ankara
Büyükdere Caddesi Park
Plaza No: 14 Kat: 20 34398
Maslak / İstanbul
Eski Kuyumcular Mahallesi
Muharrem Hasbi Caddesi
No: 74 Balıkesir
Koru Mahallesi Akmeşe
Sokak No: 4 Yenimahalle /
Ankara
195
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Kulak İnşaat Ticaret
Ve Sanayi A.Ş.
www.kulakco.co
m.tr
-
+90 312 436
00 31
Limak Enerji Üretim
A.Ş.
www.limak.com.tr
[email protected]
+90 312 446
88 00
Mogan Yatırım
Holding A.Ş.
www.guris.com.tr
[email protected]
+90 312 484
05 70
Denominazione
Muradiye Elektrik
Üretim A.Ş.
Sito web
www.muradiyeele
ktrik.com
E-mail
[email protected]
k.com
Telefono
+90 212 267
42 06
Peta Mühendislik
Enerji Turizm Sanayi
Ve Ticaret A.Ş.
Senerji Enerji Üretim
A.Ş.
www.petamuhen
dislik.com
[email protected]
k.com
+90 312 468
75 60
www.soyakholdin
g.com.tr
[email protected]
om.tr
+90 212 315
50 00
Soyak Enerji Yatırım
A.Ş.
www.soyakholdin
g.com.tr
[email protected]
om.tr
+90 212 315
53 61
Statkraft Enerji A.Ş.
www.statkraft.co
m
[email protected]
+90 212 340
19 00
Sütçüler Enerji A.Ş.
www.mareconsult
.com.tr
www.ciltug.com
[email protected]
com
[email protected]
+90 312 446
14 87
+90 342 230
03 25
Tektuğ Elektrik
Üretim A.Ş.
Mamatha Gandi Caddesi
No: 33/8 Gaziosmanpaşa /
Ankara
Reşit Galip Caddesi Hafta
Sokak No:9 06700
Gaziosmanpaşa / Ankara
Ankara-Konya Devlet
Karayolu 23. Km Pk. 15
Gölbaşı / ANKARA
Indirizzo
İkitelli Organize Sanayi
Bölgesi Ziya Gökalp Mah.
Atatütk Bulvarı 8. Cadde
No: 3 Başakşehir / İstanbul
Cinnah Caddesi No: 10
Pekkan Center Çankaya /
Ankara
Büyükdere Cad. No: 38
34387 Mecidiyeköy İstanbul
Büyükdere Cad. No: 38
34387 Mecidiyeköy İstanbul
Büyükdere Caddesi No:127
Astoria İş Merkezi A Kule
Kat: 11 Esentepe Şişli /
İstanbul
İkizdere Sokak No:11/7
Gaziosmanpaşa / Ankara
Atatürk Bulvarı No: 89/2
Şahinbey / Gaziantep
Eolico
196
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Eolico
Principali operatori del settore.
197
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Ak Enerji Elektrik Üretim A.Ş.
Indirizzo
Miralay Şefik Bey Sokak Akhan No:15 Kat:3-4 Gümüşsuyu, İstanbul
Telefono
+90 212 249 82 82
Fax
+90 212 249 73 55
E-mail
[email protected]
URL
www.akenerji.com.tr
Referente
Ahmet Ümit Danışman
Ruolo aziendale
Direttore Generale
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
Le attivita' della AKENERJİ Elektrik Üretim A.Ş. nel campo della
generazione energetica e del vapore. Le attivita' delle sue consociate
prevedono la generazione, trasmissione, distribuzione, acquisto e
vendita dell'energia elettrica, realizzazione di impianti per i
summenzionati scopi, attivita' di acquisto e vendita all'ingrosso di
energia elettrica e/o capacita' domestica e export-import di energia ai
sensi della normativa in vigore.
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
301
temporanei)
Opportunita' di cooperazione:
Distribuzione / partnership commerciale □
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
198
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Aköz Enerji Elektrik Üretim San. A.Ş.
Indirizzo
Aköz İş Merkezi Altunizade, Kısıklı Caddesi No. 14/2 B Blok D:8,
Üsküdar, İstanbul
Telefono
+90 216 474 03 00
Fax
+90 216 474 03 03
E-mail
[email protected]
URL
www.akoz.com.tr
Referente
Bahattin Özal
Ruolo aziendale
Amministratore
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
Installazione di impianti per la produzione di elettricita', loro locazione,
produzione di elettricita'
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
N/A
Opportunita' di cooperazione:
Distribuzione / partnership commerciale □
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
199
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Boreas Enerji Üretim Sistemleri San. ve Tic. A.Ş.
Indirizzo
Ahmet Adnan Saygun Cad. Orkide Sokak. Orkide Apt. No: 1/15 Ulus,
İstanbul
Telefono
+90 212 265 78 01
Fax
+90 212 265 78 21
E-mail
[email protected]
URL
www.boreas.com.tr
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
Investimenti, costruzione e gestione di centrali eoliche, centrali
idroelettriche e tutti gli impianti di generazione di energia rinnovabile
rappresentano i settori di attivita' della Boreaz.
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
N/A
Opportunita' di cooperazione:
Sub fornitura
Joint Venture
Assistenza tecnica
□
□
□
200
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Sanko Enerji San. ve Tic. A.Ş.
Indirizzo
Sani Konukoğlu Bulvarı No: 223 Şehitkamil - Gaziantep
Telefono
+90 342 211 30 00
Fax
+90 342 211 37 27
E-mail
[email protected]
URL
www.sankoenerji.com
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
la Sanko Energy é attiva nel settore degli investimenti nelle risorse
rinnovabili e della produzione di energia pulita. Impianti di Energia
Eolica (WPP) e Centrali Idroelettriche (HPP) nonché centrali geotermali
nonché utilizzanti altre sorgenti alternative.
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
5,000-6,000
temporanei)
Opportunita' di cooperazione:
Distribuzione / partnership commerciale □
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
Assistenza tecnica
□
201
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Soyak Holding
Indirizzo
Soyak Binası Büyükdere Cad. No: 38 34387 Mecidiyeköy, İstanbul
Telefono
+90 212 315 50 00
Fax
+90 212 273 23 05
E-mail
[email protected]
URL
www.soyakholding.com.tr
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
Il Soyak Group opera in quattro settori: immobiliare, energia, cemento e
colaggio.
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
1,400
Opportunita' di cooperazione:
Distribuzione / partnership commerciale □
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
Assistenza tecnica
□
202
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Zorlu Enerji Grubu
Indirizzo
Zorlu Enerji Grubu, Zorlu Plaza 34310 Avcılar, İstanbul
Telefono
+90 212 456 23 00
Fax
+90 212 422 00 99
E-mail
[email protected]
URL
www.zoren.com.tr
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Descrizione delle
attivita'
Dati economici
Avendo investimenti in ogni settore dell'energia e offrendo servizi aventi
alto valore aggiunto, il Zorlu Energy Group é uno dei principali attori del
settore energetico turco.
Operante in ogni pase della produzione energetica, dalla progettazione
alla realizzazione, dalla gestione alla manutenzione delle centrali
energetiche tramite le proprie consociate, il Gruppo fornisce servizi
"chiavi in mano", l'azienda gode di grande visibilita' sia a livello
nazionale che internazionale, in Europa, in Asia e nel Medio Oriente.
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
N/A
Opportunita' di cooperazione:
Distribuzione / partnership commerciale □
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
Assistenza tecnica
□
203
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Altre aziende operanti nel settore.
Denominazione
Ak Enerji
Sito web
www.akenerji.c
om.tr
E-mail
[email protected]
m.tr
Telefono
+90 212 282
02 00
AKÖZ Grubu
www.akoz.com
.tr
[email protected]
r
+90 216 391
75 65
Bayındır Holding
www.bayindir.c
om
[email protected]
m
+90 212 355
27 00
Bereket Enerji
www.berekete
nerji.com.tr
[email protected]
etenerji.com.tr
+90 258 242
27 76
Bilgin Enerji Yatırım
Holding A.Ş.
Boreas Enerji Üretim
Sistemleri Sanayi Ve
Ticaret A.Ş.
Borusan Enbw Enerji
Yatırımları Ve Üretim
A.Ş.
Çaldere Elektrik Üretim
A.Ş.
www.bilgin.co
m.tr
www.boreas.co
m.tr
[email protected]
om.tr
[email protected]
com.tr
+90 312 446
30 23
+90 212 324
89 47
www.borusane
nbwenerji.com
+90 212 340
27 60
www.caldere.c
om.tr
[email protected]
rusanenbwenerji.
com
[email protected]
m.tr
Çimtaş Çelik İmalat
Montaj Ve Tesis A.Ş.
www.cimtas.co
m.tr
[email protected]
om.tr
+90 212 340
35 35
Das Mühendislik ve
Enerji Yatırımları A.Ş.
-
[email protected]
ering.net
+90 216 456
57 09
Enimeks
www.enimeks.
com
[email protected]
ks.com
+90 212 465
71 60
Epuron GmbH
www.epuron.d
e
www.erkogrou
p.com.tr
www.galkon.co
m.tr
www.gungorel
ektrik.com
[email protected]
+49 172 531
44 74
+90 212 279
25 81
+90 312 278
08 40
+90 312 212
02 22
ERKO Şirketler Grubu
Galkon A.Ş.
Güngör Elektrik Üretim
A.Ş.
[email protected]
up.com.tr
[email protected]
com.tr
[email protected]
trik.com
+90 216 345
02 05
Indirizzo
Nispetiye Caddesi, Akmerkez
Ticaret Merkezi E-3 Blok Kat:
14-15
80600 Etiler / İstanbul
Aköz İş Merkezi Altunizade,
Kısıklı Caddesi No. 16-18/8 B
Blok,
81190 Üsküdar – İstanbul
Büyükdere Cad. Prof. Dr. Bülent
Tarcan Sok. No:1
Gayrettepe – İstanbul
Atatürk Bulvarı Gürcan Mah. 75.
Yıl Esnaf Sarayı No.171 Kat 2
Denizli
Kuleli Sokak , No: 87/2 06700
Gaziosmanpaşa / Ankara
Sümbül Sokak No:45 34335 I.
Levent- İstanbul
Büyükdere Caddesi Nurol Plaza
A-B Blok No: 255-257 Kat: 4
Maslak / İstanbul
Rasimpaşa Mahallesi Rıhtım
Caddesi Çelik İşhanı No: 60
Kat: 4
34716 Kadıköy / İstanbul
Bestekar Şevkibey Sokak Enka
2 Binası K.3 Balmumcu –
Beşiktaş / İstanbul
Ataşehir Gardenya Plaza 2
Kat:2 Kadıköy/İstanbul
İstanbul Dünya Ticaret Merkezi
A1 Blok Kat: 12
34830 Yeşilköy / İstanbul
Anckelmannsplatz 1
20537 Hamburg
Selvili Sokak No: 11/1 34330 4.
Levent / İstanbul
Batıkent Ergazi Mahallesi 1.
Cadde No. 185 06370 Ankara
Güngör Elektrik San. Ve Tic.
Ltd. Şti.
204
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Güriş İnşaat Ve
Mühendislik A.Ş.
www.guris.com
.tr
[email protected]
ris.com.tr
+90 312 484
05 70
Hareket Proje
Taşımacılığı Ve Yük
Mühendisliği A.Ş.
HEXAGON
Danışmanlık ve Ticaret
A.Ş.
Hidro Dizayn Müh. Müş.
İnş. Tur. Ve Tic. Ltd.
Şti.
www.hareket.c
om.tr
[email protected]
hareket.com.tr
+90 312 440
63 33
6. Cadde 37. Sokak No: 44/2
Bahçelievler / Ankara
Ankara – Konya Devlet Yolu 23.
km, PK 15 06831 Gölbaşı /
Ankara
Turan Güneş Bulvarı 509. Sok.
No:2/4 Çankaya 06550 Ankara
www.hexagon.
com.tr
[email protected]
lting.com
+90 212 385
24 92
İş Kuleleri, Kule2, Kat:6 4.
Levent, Beşiktaş İstanbul
www.hidrodiza
yn.com
[email protected]
n.com
+90 312 473
41 00
www.karesiene
rji.com.tr
www.lngtr.com
[email protected]
sienerji.com.tr
[email protected]
+90 266 243
04 22
+90 262 335
59 94
Çetin Emeç Bulvarı 8. Cad 62.
Sok.
No:12 06460
Öveçler / Ankara
Ağır Sanayi Bölgesi No:1
Balıkesir
Org. Eşref Bitlis Caddesi No:
104/2
Körfez / Kocaeli
www.masterco
nsultancy.net
[email protected]
onsultancy.net
+90 312 427
15 96
Büklüm Sokak No: 38/18 06660
Kavaklıdere / Ankara
www.ozg.com.t
r
[email protected]
+90 312 436
57 17
www.akuenerg
y.com
www.resanatolia.com
[email protected]
d.com.tr
[email protected]
+90 312 439
67 55
+90 212 366
58 16
SANKO Enerji Sanayi
ve Ticaret A.Ş.
www.sankoene
rji.com
[email protected]
i.com
+90 342
211 37 00
SOYAK Holding
www.soyakhol
ding.com.tr
[email protected]
olding.com.tr
+90 212 315
50 00
Türkerler İnşaat
www.turkerler.
com
[email protected]
m
+90 312 492
03 06
Usluel A.Ş.
www.usluel.co
m
[email protected]
om
+90 312 491
77 99
Vestas Türkiye
www.vestas.co
m
-
+90 216 569
80 80
Nenehatun Cad. No:121/2
06700
Gaziosmanpaşa - Ankara
Hollanda Cad. No. 4/6 Yildiz
06550 Çankaya / Ankara
Maslak Mahallesi Bilim Sokak
Sun Plaza No:5 Kat:15 34398
Sisli, Maslak-Istanbul
Burak Mahallesi
Sani Konukoğlu Bulvarı No:221
Şehitkamil/Gaziantep
Soyak Binası, Büyükdere
Caddesi No: 38 34387
Mecidiyeköy / İstanbul
Turan Güneş Bulvarı 15. Cad.
No:11
Çankaya / Ankara
Ürdün Caddesi, 48. Sokak,
No:10
06450, Oran-Ankara
Değirmen Sokak Nida Kule İş
Merkezi No: 18 Kat:14
Karesi Enerji A.Ş.
LNG Proses
Teknolojileri
Doğalgaz Kriyojenik
Mühendislik
ve Basınçlı Kaplar A.Ş.
Master Danışmanlık
Mümessillik Ve Ticaret
A.Ş.
OZG Enerji İnşat
Taahhüt Sanayi ve
Ticaret A.Ş.
Perfect Wind Enerji
Üretim Ve Ticaret A.Ş.
RES ANATOLIA
205
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Yenigün İnşaat
Zorlu Holding
www.yenigun.c
om.tr
www.zoren.co
m.tr
[email protected]
n.com.tr
[email protected]
m
+90 312 468
28 68
+90 212 456
23 00
Kozyatağı/ İstanbul
Tunus Caddesi No. 91 / 7 06680
Kavaklıdere / Ankara
Zorlu Plaza K: 18-19, Ambarlı
Petrol Ofisi Dolum Tesisleri Yolu
34480 Avcılar / İstanbul
Solare
Principali operatori del settore
206
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
ABB Elektrik San. A.Ş.
Indirizzo
Organize Sanayi Bölgesi 2.Cadde No.16 34776 Y.Dudullu Istanbul
Telefono
+90 216 528 22 00
Fax
+90 216 466 53 85
E-mail
[email protected]
URL
www.abb.com.tr
Referente
Haluk Özgün
Ruolo aziendale
Project Manager
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
La ABB Elektrik Sanayi A.S. é un operatore in Turchia e all'estero dei
principali progetti di elettrificazione.
Le tecnologie ABB sono state introdotte sul mercato elettrico e
industriale turco a partire dagli anni 40. Nell'arco degli ultimi 60 anni, la
ABB ha rifornito il mercato turco di una vasta gamma di soluzione
tecnologiche innovative.
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
N/A
Opportunita' di cooperazione:
Distribuzione / partnership commerciale □
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
207
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Borusan Enbw Enerji Yatırımları ve Üretim A.Ş.
Indirizzo
Büyükdere Caddesi Nurol Plaza No.255 – 257 A-B Blok Kat:4 Maslak Şişli
Telefono
+90 212 340 27 60
Fax
+90 212 286 39 85
E-mail
[email protected]
URL
www.borusanenbw.com.tr
Referente
Canan Coşkun Güleç
Ruolo aziendale
Addetto Commerciale
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
La Borusan EnBW Energy attribuisce priorita' e importanza alle risorse
di energia rinnovabile presenti nel proprio portafoglio. La Borusan
EnBW Energy, focalizzata sulla produzione massimale di energia con il
minimo utilizzo di risorse, produce impianti di produzione energetica
ecologici e di qualita'.
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
N/A
Opportunita' di cooperazione:
Distribuzione / partnership commerciale □
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
208
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Hittite Solar Energy
Indirizzo
Süleyman Seba Cad. Acısu Sok. Sarp Apt. No: 2 D: 10 AkaretlerBeşiktaş, İstanbul
Telefono
+90 212 327 06 35
Fax
+90 212 327 06 41
E-mail
[email protected]
URL
www.hittitesolarenergy.com
Referente
Oğuz Çapan
Ruolo aziendale
CEO
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
CSP Concentratore Parabolico (DSG), Trattamento Acqua, Accumulo
Calore
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
N/A
Opportunita' di cooperazione:
Trasferimento di know-how e tecnologia
□
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
Investimento diretto
□
Assistenza tecnica
□
209
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Özgün Grup-Omega Enerji
Indirizzo
Enderunlu İsmail Hakkı Sokak No:6 34349 Balmumcu, İstanbul
Telefono
+90 212 275 3737
Fax
+90 212 267 3515
E-mail
[email protected]
URL
www.ozgungroup.com
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
OMEGA Enerji ve Yatırım A.Ş. é stata fondata nel mese di Aprile 2007,
come azienda per gli investimenti energetici. OMEGA Enerji ve Yatırım
A.Ş. é focalizzata sull'energia idrica e in tale ambito ha un progetto per
una centrale Idroelettrica la cui richiesta di licenza stata approvata
dall'EPDK (Autorita' per la Regolamentazione del Mercato Energetico),
e un Accordo per i Diritti d'Utilizzo dell'Acqua. Esistono altre richieste
formulate per altrettante Centrali Idroelettriche.
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
N/A
Opportunita' di cooperazione:
Distribuzione / partnership commerciale □
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
210
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Altre aziende operanti nel settore.
Denominazione
ABB Elektrik Sanayi
A.Ş.
Sito web
www.abb.com.t
r
E-mail
[email protected]
abb.com
Telefono
+90 216 528
22 00
Adalı Enerji A.Ş.
www.adaliholdi
ng.com
www.akisenerji.
com
[email protected]
g.com
[email protected]
com
+90 312 286
60 70
+90 212 290
24 63
Anel Enerji Elektrik
Üretim Sanayi Tic.A.Ş.
www.anelenerji
.com.tr
[email protected]
com.tr
+90 216 636
20 00
Arı-En Elektrik Üretim
A.Ş.
www.arien.com
[email protected]
+90 212 365
25 55
Asunim Yenilenebilir
Enerji Teknolojileri İnş.
Müh. San. Tic. Ltd. Şti.
Bisam A.Ş.
www.asunim.co
m.tr
[email protected]
com
+90 312 467
77 72
www.bisam.co
m.tr
[email protected]
.tr
+90 212 735
20 10
BMD Solar Alternatif
Enerji Sistemleri
www.bmdsolar.
com
[email protected]
com
+90 312 387
34 36
Borusan Enbw Enerji
Yatırımları Ve Üretim
A.Ş.
B&W Enerji Turkey A.Ş.
www.borusane
nbwenerji.com
+90 212 340
27 60
www.bwenergy.com.tr
[email protected]
rusanenbwenerji
.com
[email protected]
+90 352 294
37 00
Chint Elektrik Sanayi ve
Ticaret A.Ş.
www.chint.com.
tr
ercument.kaya
@chint.com.tr
+90 216 621
00 55
CG Solar Enerji
San.Tic.Ltd.Şti
www.cleanglob
e.com.tr
[email protected]
.com.tr
+90 212 705
62 01
CW Enerji Ltd. Şti.
www.cwenerji.com
www.crescent.c
om.tr
www.cataklienerji.com
[email protected]
[email protected]
om.tr
[email protected]
+90 242 229
00 54
+90 212 259
67 04
+90 216 452
04 02
Akiş Enerji A.Ş.
Crescent Capital
Çataklı Enerji Eğitim
Yayıncılık Danışmanlık
Indirizzo
Organize Sanayi Bölgesi
2.Cadde No.16 34776 Y.Dudullu
Istanbul
Çetin Emeç Bulvarı No 60/7
Balgat Çankaya/Ankara
Meydan Sokak Veko Giz Plaza
Kat:21 D:73 Maslak-Şişli /
İstanbul
Anel İş Merkezi
Saray Mah. Site Yolu Sokak
No:5/4 34768 Ümraniye/İstanbul
Eski Büyükdere Caddesi Kargo
Plaza No: 17/19 Kat: 8 34398
Maslak / İstanbul
İran Cad. Karum İş Merkezi
No:383 Kavaklıdere, Çankaya /
Ankara
Fevzipaşa Mahallesi Söğüt
Caddesi No:24 Değirmenköy,
Silivri, 34586 İstanbul
Anadolu Bulvarı Atb İş Merkezi
K Blok No: 282 Macunköy
Yenimahalle / Ankara
Büyükdere Caddesi Nurol Plaza
A-B Blok No: 255-257 Kat: 4
Maslak / İstanbul
Mimarsinan Osb. 4.Cadde.
No.4. Tr-38350
Melikgazi / Kayseri
Mecidiye Mah. Demokrasi Cad.
(Kuzey Yanyol) İkiz Kule İş
Merkezi 299-A Sultanbeyli
İstanbul
Büyükdere Caddesi, Nart
Business Center,
Ecza Sokak No: 4/1, Levent –
Istanbul
Arapsuyu Mah. Kuşkavağı Cad.
No42/A 07070 Konyaltı- Antalya
Teşvikiye Cad. 23/7 Nişantaşı /
İstanbul
Atatürk Cad. Altaş Sk No 4
34880 Soğanlık Yeni-Kartal-
211
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
ve Ticaret Ltd. Şti.
Delta Telekom Enerji
İnş. San. ve Tic. Ltd.
Şti.
İstanbul
Kavaşlı Mah. Atatürk Cad. 1.
Sokak Menke Apt. No: 79 Kat: 7
Odabaşı Beldesi
Antakya / Hatay
www.deltatelec
om.co
[email protected]
m.co
+90 326 216
77 47
Denominazione
Deneyimli Güneşten
Elelektrik Enerjisi
İthalat Ve İhracat San.
Tic. Ltd. Şti.
Detakom
Telekomünikasyon Ger.
San. Tic. Ltd. Şti.
Detay Solar Enerji
Sistemleri
San.Tic.Ltd.Şti.
Dow Crowning
Sito web
www.habdankpv.com
E-mail
[email protected]
olar.com
Telefono
+90 212 458
48 68
Indirizzo
Cankurtaran Mah. İshakpaşa
Cad.
No: 8/A Fatih – İstanbul
www.detakom.
com
[email protected]
om
+90 216 471
12 00
Ferhatpaşa Mah. G-29 Sokak
No: 44-46 Ataşehir / İstanbul
www.detaysola
r.com.tr
+90 422 326
55 01
www.dowcornin
g.com
hakan.aydogan
@detaysolar.co
m.tr
[email protected]
corning.com
Dünya Solar
Ectech İletişim
Hizmetleri Ltd. Şti.
www.dunyasola
r.com
www.ectech.co
m.tr
[email protected]
r.com
[email protected]
m.tr
+90 212 617
66 53
+90 216 376
51 51
Ekinler-Eurosol Enerji
A.Ş.
www.ekinleren
ergy.com
[email protected]
+90 212 485
09 53
Eko Solar Ltd. Şti.
www.ekosolar.c
om
[email protected]
r.com
+90 312 491
64 53
Else Enerji Müşavirlik
Mühendislik Tic. San.
Ltd. Şti.
Elte Mühendislik Ltd.
Şti.
www.elseenerji.
com
[email protected]
com
+90 312 394
60 98
www.elte.com.t
r
[email protected]
+90 212 886
47 90
EMASolar Enerji
Çözümleri
www.emasolar.
com.tr
+90 212 216
92 23
EniSolar Enerji
Çözümleri
www.enisolar.c
om
mehmet.kilicoglu
@emasolar.com
.tr
[email protected]
m
İzzetiye Mah. Atmalı Sok.
Kazancılar İş Merkezi No:56
Malatya
Halk Sok. Pakpen Plaza No: 44
Kat : 10 34734 IstanbulKozyatagi
Liman Mah. 3 Cad. Serbest
Bölge Konyaaltı Antalya
Fevzi Çakmak Cad. Doğan Sk.
No: ¾, Gülsuyu – Maltepe
İstanbul
Eski Büyükdere Cad. Maslak İş
Merkezi No:37/9 34398 Maslak
Şişli / İstanbul
İlkbahar (Sancak) Mah. 596
Sk.14/1
Çankaya – Ankara
Anadolu Bulvarı 994. Sk.
No:11/B 06210 Aşağı Yahyalar,
Yenimahalle / Ankara
Buyukcekmece
Alkent Mahallesi, Pelican Hill –
Messina C5/1
Cemil Aslan Güder Sk. No : 2/9
34349, Beşiktaş, Istanbul
Envy Enerji ve Çevre
Yatırımları A.Ş.
Erikoğlu Holding A.Ş.
www.envy.com.
tr
www.erikoglu.c
om.tr
www.esis.com.t
[email protected]
r
[email protected]
u.com.tr
[email protected]
+90 312 583
88 00
+90 258 267
22 77
+90 216 540
Esis Enerji ve
+90 216 467
76 45
+90 232 425
05 39
Hürriyet Blv. No:5/1 K:3 D:301
Musullugil İş Merkezi 35210
Cankaya – İzmir
Çetin Emeç Bulvarı, 1314.
Cadde No:7 Öveçler / Ankara
Ankara Karayolu 8. km P.K.
20100 Akkale, Denizli
Dudullu Org. San. Böl. Esenkent
212
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Elektronik San. Tic.
A.Ş.
Final Energy
r
r
90 00
www.finalgoc.c
om
[email protected]
om
+90 216 360
82 56
Denominazione
Form Grup
Sito web
www.formgroup
.com
E-mail
[email protected]
com
Telefono
+90 212 286
18 38
Fronius
www.fronius.co
m
[email protected]
ius.com
+90 216 581
59 00
Galata orona
Enerji Sanayi Ticaret
A.Ş.
www.galataren
ova.com
[email protected]
va.com
+90 212 342
10 46
Gest Enerji
www.gestenergy.com
www.globalpart
ner.com.tr
[email protected]
[email protected]
ner.com.tr
+90 326 255
10 10
+90 216 450
26 22
www.halkenerji.
com.tr
[email protected]
com.tr
+90 312 236
19 93
www.hascelik.c
om
[email protected]
om
+90 262 676
70 00
Hittite Solar Energy
www.hittitesolar
energy.com
[email protected]
energy.com
+90 212 327
06 35
Hizmark Grup
www.hizmark.c
om
[email protected]
m
+90 212 264
17 17
IBC Solar Türkiye
www.ibcsolar.com.tr
[email protected]
+90 212 275
77 77
Inopra Group
www.inopra.co
m
www.ipekler.co
m.tr
[email protected]
m
[email protected]
com.tr
+90 212 227
02 50
+90 216 394
02 25
www.karexener
gy.com
[email protected]
.tr
+90 212 229
02 88
Global Partner
Mühendislik San. Ve
Dış Tic. A.Ş.
Halk Enerji Yatırımları
Üretim İnşaat Taahhüt
Ticaret ve San. A.Ş.
Hasçelik San. Ve Tic.
A.Ş.
İpekler Elk. İnş. Ve
Müh. Hiz.
San.Tic.Ltd.Şti
Karex Energy
Mah. Baturalp Sok.No:14 34776
Ümraniye / İstanbul
Sahrayicedit Derya Sok. No:9/4
Kadikoy / Istanbul
Indirizzo
Eski Büyükdere Caddesi Sümer
Sok. No:3 Ayazağa Ticaret
Merkezi Kat:16 Maslak 34398
İstanbul
Aydınlı Mahallesi, Birlik Org.
San. Böl. Batı Caddesi, 3.
Sokak No:1 34953 Tuzla –
İstanbul
Maden Mah. Kilyos Cad. No 230
Terrace Bahce Evleri Sitesi A3
D 24, Zekeriyakoy, Sariyer
İstanbul
Güngör Uydukent Blok C-12
Antakya, Hatay
Bahariye Caddesi Nevzemin
Sokak No:2A / 27
Kadıköy / Istanbul
Beysu Villakent Sitesi 1920.
Cadde 2008. Sokak No: 2
Beysukent 06800 Ankara
TOSB Otomotiv Yan Sanayi
İhtisas O.S.B. Cadde No:17
Şekerpınar, Çayırova Kocaeli
Süleyman Seba Cad. Acısu
Sok. Sarp Apt. No: 2 D: 10
Akaretler / Beşiktaş Istanbul
Emniyet Evleri Yeniçeri Sk.
No:24 C 34416 4.Levent/
İstanbul
Bestekar Şevki Bey Sok. No. 31,
34340 Balmumcu
Beşiktaş/ İstanbul
BJK Plaza A Blok No:108 TR
34357 Beşiktaş / İstanbul
Aydıntepe Mahallesi Sahil Yolu
Bulvarı Alize İş Merkezi No:191
Kat:1 D:66 Tuzla, İstanbul
Sakıp Sabancı Cad. Park Apt.
No:6/1 Emirgan – İstanbul
213
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
www.koronaen
erji.com.tr
www.laek.com.t
r
www.mavisis.c
om
[email protected]
erji.com.tr
[email protected]
r
[email protected]
m
+90 322 458
71 72
+90 212 251
80 41
+90 262 678
89 75
Merk Solar Enerji
www.merkenerj
i.com
[email protected]
merkenerji.com
+90 216 524
38 00
Minerji Yenilenebilir
Enerji Sistemleri Ltd.
www.minerji.co
m
[email protected]
m
+90 216 408
11 98
Denominazione
Modül Makina San. Ve
Tic.
Neo Temiz Enerji
Sito web
www.modulsola
r.com
www.neoenerji.
com
E-mail
[email protected]
r.com
[email protected]
com
Telefono
+90 242 221
13 23
+90 212 671
54 44
Norm Enerji Sistemleri
Turizm İnş. Paz. San.
ve Tic. Ltd. Sti.
www.normenerj
i.com.tr
[email protected]
.com.tr
+90 212 444
09 41
Northel Enerji A.Ş.
www.northelen
erji.com.tr
[email protected]
helenerji.com.tr
+90 266 331
57 70
Özgün Grup
www.ozguntr.c
om
www.orbitsolar.
com.tr
[email protected]
guntr.com
[email protected]
com.tr
+90 212 275
37 37
+90 216 304
06 33
www.polatenerj
i.com
www.remagrup.
com
[email protected]
.com
[email protected]
com
+90 212 213
66 35
+90 212 465
37 65
Sader Enerji Sanayi Ve
Ticaret Ltd. Şti.
www.sader.co
m.tr
[email protected]
.tr
+90 312 256
53 53
Schott Türkiye
www.schott.co
m
www.siemens.c
om
[email protected]
schott.com
[email protected]
mens.com
+90 212 437
86 80
+90 262 676
20 00
www.solarmounting.com
[email protected]
+90 232 376
81 60
orona Enerji
Laterna Alternatif Enerji
Mavisis Teknoloji En.
San. Tic. A.Ş.
Orbit Mühendislik
İnşaat ve Satınalma
Hizm. Ltd. Şti.
Polat Enerji Ve Sanayi
Ticaret A.Ş.
Rema Grup
Siemens A.Ş.
Tekom-Puk
Electromechanıcal
Industry And Trade Inc.
Reşatbey Mahallesi Fuzuli
Caddesi No:21/1 Seyhan/Adana
Davutpaşa Tim 1 No:85
Zeytinburnu, İstanbul
GOSB Teknopark
Üretim 2 Bölüm 2 Gebze
Kocaeli
Kısıklı,Alemdağ Cad. Masaldan
İş Mrk. No:60/B K:4 D:9-10
34696 Üsküdar/İstanbul
Göztepe Mah. Bağdat Cad.
No:179/1 Kadıköy İstanbul
Indirizzo
Akdeniz Sanayi Sitesi 5006 Sk.
No:48 07220 - Antalya
Söğütlüçeşme Mah. Fevzi
Çakmak Cad. No:12/1
34295 Sefaköy
Küçükçekmece/İstanbul
PERPA Ticaret Merkezi B-Blok
Kat:11 No:1845-1847 (Yeşil
Avlu)
Okmeydanı Şişli
Çanakkale - İzmir Yolu Fabrikalar Sanayi Bölgesi
Ayvalık - Balıkesir
Enderunlu İsmail Hakkı Sokak
No:6 34349 Balmumcu İstanbul
Orhanlı Orta Mh., Erdem San.
Sit. F3/5 Tuzla - İstanbul
Büyükdere Cad. Polat Holding
Mecidiyeköy 34387 İstanbul
Yeşilköy Egs Business Park B1
Blok. K.12 No:390
Bakırköy / İstanbul
Batı Sitesi Mahallesi (Gersan)
2307. Sokak No: 53
06370 Ergazi Ankara
Otakcılar Cad. No.78 Kat:1A No:
A1A1 34050 Eyüp / Istanbul
Gebze Organize Sanayi Bölgesi
1000.Cadde, No: 1004 41480
Gebze / Kocaeli
10006 Sokak No:11 A.O.S.B.
35620
Çiğli – Izmir
214
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Universal Greenergy
www.universalg
reenergy.com
[email protected]
reenergy.com
+90 216 392
18 60
yc2 enerji
Yönetim Danısmanlıgı
Sanayi
Ticaret Limited Sirketi
www.yc2enerji.
com
[email protected]
com
+90 242 324
25 36
Zahit Alüminyum San.
Ve Tic. A.Ş.
www.zahit.com.
tr
[email protected]
.tr
+90 322 394
35 02
Zen Enerji
www.zenenerji.
com.tr
[email protected]
om.tr
+90 216 357
42 95
Güzelyalı Mahallesi, Parsan
Çıkmazı Sokak, No:1 34903
Pendik / İstanbul
Çaglayan Mahallesi, 2025
Sokak
Damla Apartmanı, No:46
Daire:7
07230 Antalya
Hacı Sabancı Organize Sanayi
Bölgesi Oğuz Kağan Köksal
Cad. No:5 Sarıçam / Adana
Ömerpaşa Cd., Vardar Sk. N:3
D:11 Caddebostan, İstanbul
215
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Biomassa
Principali operatori del settore
Paksoy Ticaret ve Sanayi A.Ş.
Indirizzo
Karataş Cad. No:184 01280 Yüreğir - Adana
Telefono
+90 322 311 48 30
Fax
+90 322 311 43 40
E-mail
[email protected]
URL
www.paksoy.com.tr
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
Uno dei maggiori produttori di biodiesel della Turchia, la Paksoy
contribuisce in modo significativo all'agricoltura nazionale,
all'indipendenza energetica e all'ambiente.
Paksoy é una delle poche compagnie della Turchia che vanta tutte le
licenze necessarie per la produzione di biodiesel ed é l'unica azienda
con un'integrazione completa seme-carburante con molteplici fonti di
materia prima.
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
N/A
temporanei)
Opportunita' di cooperazione:
Distribuzione / partnership commerciale □
Trasferimento di know-how e tecnologia
□
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
Investimento diretto
□
Assistenza tecnica
□
216
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Altre aziende operanti nel settore.
Denominazione
Çukurova Pamuk,
Yerfıstığı Ve Yağlı
Tohumlar Tarım Satış
Kooperatifleri Birliği
Türkiye Petrol
Rafinerileri A.Ş.
Sito web
www.cukobirlik.
com.tr
E-mail
[email protected]
birlik.com.tr
Telefono
+90 322 441
15 00
Indirizzo
Mersin Karayolu 19. Km.
Seyhan / Adana
www.tupras.co
m.tr
[email protected]
m.tr
+90 262 316
30 00
Güney Mah. Petrol Cad. No:25
41790 Körfez Kocaeli
Paksoy Ticaret ve
Sanayi A.Ş.
www.paksoy.co
m.tr
[email protected]
.com.tr
+90 322 311
4830
Karataş Cad. No:184 01280
Yüreğir - Adana
Servizi di Consulenza
Denominazione
Enerko Enerji Hizm. Ltd.
Şti.
Sito web
www.enerko.com
.tr
E-mail
[email protected]
m.tr
Telefono
+90 212 347
30 61
GE Türkiye
www.ge.com
[email protected]
+90 212 366
26 26
Wärtsilä Enpa Dış Ticaret
A.Ş.
www.wartsila.co
m
[email protected]
m
+90 216 494
50 50
Bosen Enerji
www.bosenenerji.
com
[email protected]
nerji.com
+90 224 242
68 91
İltekno İleri Teknoloji Müh.
Tic. A.Ş.
Ayg Enerji Danışmanlık
Müh.Ve Tahh. San. Tic.
Ltd. Şti.
www.iltekno.com
www.aygunler.ne
t
[email protected]
m
[email protected]
net
+90 212 296
77 40
+90 216 363
76 37
Arke Enerji Sistemleri
Sanayi ve Ticaret Limited
Şirketi
Esko Enerji Servisleri Ve
Kojenerasyon Yatırımları
A.Ş.
Armağan Mühendislik
Danışmanlık Sanayi ve
Ticaret Limited Şirketi
www.arkeenerji.c
om
infoarkeenerji.co
m
+90 216 456
60 96
www.eskoenergy.
com
[email protected]
y.com
+90 212 438
63 88
www.armaganda
nismanlik.com
[email protected]
uhendislik.com.t
r
+90 216 533
77 84
Barış Teknolojik Tesisat
Sistemleri San. Ve Tic. Ltd.
www.barismuhen
dislik.com.tr
[email protected]
ndislik.com.tr
+90 322 456
14 14
Indirizzo
Yıldız Posta Cd Akın Sitesi
A Blok D:12, Gayrettepe /
İstanbul
Windowist Tower Eski
Buyukdere Cad. No: 26
34467 İstanbul
Aydıntepe Mah. D-100
Karayolu(E-5) Cad. No:
14/E Bahar İş Merkezi
34947 Tuzla – İstanbul
Organize Sanayi Bölgesi
Pembe Cd. 2.Sk. No:2
Nilüfer - Bursa
Dolapdere Cad. No: 127
Pangaltı - İstanbul
Kaşenaler Sok. Paksa
Divan Sitesi No: 19 A
Blok/3 34738 Erenköy Kadıköy/İstanbul
Atasehir, Sedef Cad.
Ata 2-3 Plaza, K:4, D:43
Kadiköy-Istanbul
Dolapdere Caddesi. No:
87/2 Pangaltı -İstanbul
Soyak Yenişehir Bambu
Residence D.90 Şenol
Güneş Bulvarı 34770
Ümraniye İstanbul
Kurtuluş Mah. Şinasi
Efendi Caddesi Eyüp Ünal
217
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Şti.
Apt. No:32 Seyhan/Adana
Fiere
Denominazione
Localita’
Organizzatore
Sito Web
RENSEF: Renewable Energy
Systems and Energy Efficiency
Exhibiton
Antalya
Agoras Fuarcılık
http://www.rensef.org/
SOLAREX ISTANBUL: Solar
Energy and Technologies Fair
İstanbul
İhlas Fuarcılık
http://www.solarexistanbul.com/
ICCI: International Energy &
Environment Fair and
Conference
İstanbul
Sektörel Fuarcılık
http://www.icci.com.tr/
HYDROPOWER & DAM EXPO:
Dams, Hydroelectric Plant
Technologies and Equipment
Fair
İstanbul
Demos Fuarcılık
http://www.demosfuar.com.tr/
EXPO GEOTHERMAL:
Geothermal Energy
Technologies and Equipment
Fair
Ankara
Demos Fuarcılık
http://www.demosfuar.com.tr/
EVF: Energy Efficiency Forum
and Exhibition
İstanbul
Expotim Uluslararası Fuar
Organizasyonları
http://www.expotim.com/
Van Solar Energy and
Renewable Energy Fair
Van
Ajans Asya Fuarcılık
Organizasyon
http://www.vanfuar.com/
218
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
6. PRODOTTI DI PESCA E ACQUACOLTURA
A. Panoramica generale della pesca e dell'acquacoltura in Turchia
La Turchia è circondata dal Mar Nero a nord, dal Mar Mediterraneo a sud e dal Mar Egeo a
ovest. Il Mar Nero è collegato al Mar di Marmara attraverso lo Stretto di Istanbul e al Mar
Mediterraneo attraverso lo stretto di Çanakkale, i Dardanelli. Nel Paese vi sono anche ricche
acque interne e sistemi fluviali che consentono significative attività di pesca e acquacoltura.
Tabella 30: Risorse della pesca e dell’acquacoltura
Risorse
Laghi Naturali
Laghi Dighe
Laghi Artificiali
Mare (Superficie Totale) 3
Totale 4
Numeri
Area (ha)
200
206
952
4
1,362
906,118
342,377
27,032
24.607.200
26.000.000
Fonte: TUIK
L'abbondanza di acque marine e interne permette la produzione di diverse specie sia nel
campo della pesca che dell'acquacoltura, grazie anche alla varietà geografica e climatica.
D'altra parte, solo alcune delle specie dell'ambiente acquatico sono economicamente
importanti. Si stima che ci siano circa 247 specie economicamente valide nel Mar Nero, 200
nel Mar di Marmara, 300 nel Mar Egeo e 500 nel Mediterraneo.
Anche se il settore presenta importanti risorse e potenzialità, rappresenta attualmente solo lo
0,3% del PIL.
Il settore della pesca comprende la pesca marittima, la pesca nelle acque interne e
l'acquacoltura. Storicamente la pesca marittima ha la quota maggiore mentre quella operata
nelle acque interne è ridotta. D'altro canto, l'acquacoltura sta diventando sempre più
importante.
Naturalmente, la pesca marittima ha una quota importante sul totale della pesca in quanto il
Paese è circondato da quattro mari. Oltre alla pesca marittima, anche il pescato dalle acque
interne è importante, soprattutto per le aree rurali, in termini di approvvigionamento di pesce
e di occupazione. La pesca interna costituisce circa il 7-10 % della produzione totale e, sulla
base dei dati degli ultimi dieci anni, è stagnante. Il pescato principale è ottenuto dal lago di
Van (Anatolia Orientale) con i Chalcalburnus tarichii, che è la specie endemica delle acque
3
Il Mar Nero, il Mar di Marmara e i Dardanelli, il Mar Egeo e il Mar Mediterraneo circondano la Turchia con una
lunghezza costiera di 8,333 km.
4
La cifra non è inclusiva di 39 fiumi
219
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
basiche (soda) del lago. La produzione delle acque interne è notevolmente inferiore rispetto
al ricco potenziale delle stesse.
Tabella 31: Quantita' e Valore dei Prodotti della Pesca (2008-2012)
Quantità
(Tonnellate),
Valore (TL)
2008
Quantità
Valore
2009
Quantità
Valore
2010
Quantità
Valore
2011
Quantità
Valore
2012
Quantità
Valore
Prodotti Marini
Produzione Acquacoltura
Prodotti
Acqua Dolce
Pesci Marini
Altri
Prodotti
Marini
Acque
Interne
Acque Marine
395,660
870.455.400
57,453
112.518.000
66,557
266.555.080
85,629
584.091.000
41,011
114.205.000
380,636
648.105.810
44,410
64.518.660
76,248
324.497.250
82,481
628.438.250
39,187
124.863.410
399,656
838.416.410
46,024
97.404.690
78,568
338.205.100
88,573
728.573.500
40,259
142.694.100
432,246
927.885.610
45.412,4
99.798.504
100,446
470.279.790
88,344
799.748.350
37.096,8
115.588.058
315.636,5
981.464.136
80.685,5
120.210.650
1111,557
556.567.310
100,853
1.048.726.390
36,120
107.353.640
L'acquacoltura è il terzo comparto della produzione ittica. Nel corso degli anni, il contributo
della cattura marina e della pesca delle acque interne alla produzione ittica totale è diminuito
mentre la quota della produzione dell'acquacoltura è aumentata costantemente, anche se
lentamente. L'acquacultura è iniziata in Turchia con l'allevamento della trota salmonata nei
primi anni '70 e ben pochi sviluppi si sono registrati sino al 1985, anno di inizio della cultura
dell'orata e del branzino nel Mar Egeo. Oggi il settore è caratterizzato principalmente da tre
specie: la trota salmonata, la spigola e l'orata.
Il volume dei prodotti della pesca si è stabilizzato nella fascia di 600-700 mila tonnellate
all'anno; stabile anche il consumo pro-capite. Considerando la crescita registrata
praticamente in tutti i segmenti dell'economia negli ultimi dieci anni, la crescita del settore
della pesca sembra in ritardo. Il commercio estero è costituito solo da una piccola parte del
volume totale, anche se sia commercio interno che estero sono in costante aumento in
termini di volume.
220
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Tabella 32: Produzione, importazione, esportazione e consumo dei prodotti di pesca (20012012)
Produzione
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
Esportazione
594,977
627,847
587,715
644,492
544,773
661,991
772,323
646,310
622,962
653,080
703,545
644,852
18,978
26,860
29,937
32,804
37,655
41,973
47,214
54,526
54,354
55,109
66,737
74,006
Consumo
Lavorato
Consumo
(Fattorie di
Importazione
Domestico
carne e olio
di pesce)
(Tonnellate)
12,971
22,532
45,606
57,694
47,676
53,563
58,022
63,222
72,686
80,726
65,698
65,384
517,832
466,289
470,131
555,859
520,985
597,738
604,695
555,275
545,368
505,059
468,040
532,346
62,755
156,000
120,000
105,000
30,000
60,000
170,000
95,742
90,211
168,073
228,709
94,200
Non
lavorato o
consumato
Consumo pro
capite
(Kg)
8,383
1,230
13,253
8,523
3,809
15,843
8,436
3,989
5,715
5,565
5,756
9,682
7,547
6,697
6,649
7,812
7,229
8,191
8,567
7,812
7,569
6,918
6,329
7,081
Fonte: TUIK
La Turchia ha accumulato un notevole livello di know-how in termini di manodopera
qualificata, che è relativamente a buon mercato. Ci sono 17 facoltà di pesca e cinque
dipartimenti delle facoltà di agricoltura che forniscono istruzione universitaria di primo e
secondo livello nel settore della pesca (compresa l'acquacoltura) e delle scienze acquatiche.
Ogni anno, più di 300 studenti si laureano presso queste istituzioni; tuttavia, il livello
occupazionale del settore è ancora basso e coloro che vi sono impiegati sono principalmente
nel comparto dell'acquacoltura marina.
B. Produzione
Secondo le statistiche della pesca del 2010, la produzione totale è 644.000 tonnellate. Del
totale, il 61% è ottenuto dalle attività di pesca marina, il 6% dalle acque interne, il 33%
proviene dall'acquacoltura.
221
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Figura 31: Produzione Storica
Anno
2000
2001
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
Tabella 33: Produzione ittica
Produzione Totale
Acquacultura
(mt)
(mt)
582,376
79,031
594,977
67,244
627,847
61,165
587,715
79,943
644,492
94,010
544,773
118,277
661,991
128,943
772,323
139,873
646,310
152,186
623,191
158,729
653,080
167,141
703,545
188,790
644,852
212,410
Pesca marittima e interna
La pesca in Turchia è caratterizzata dagli stock ittici pelagici e di profondità, come nella
maggior parte degli altri Paesi del Mediterraneo. La pesca a strascico e la pesca artigianale
(reti da imbrocco, tramagli, palangari, trappola, ecc.) sfruttano gli stock ittici di profondità,
mentre le reti a circuizione si concentrano sugli stock ittici pelagici di piccoli o grandi
dimensioni. La pesca su ampia scala è caratterizzata dalle reti a strascico e a circuizione che
producono circa il 90% del totale del pescato. Mentre la rete a circuizione ha come bersaglio
la Sardina pilchardus, l'Engraulis encrasicolus, lo Scomber scombrus, il Mugil spp., il
Pomatamus saltatrix e il Thunnus thynnus, i pescherecci mirano al Merluccius, al Mullus
222
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
surmuletus, al Mullus barbatus, al Paraparaeus longirostris, al Lophius piscatorius e alla
Solea solea. Tra le specie altamente migratorie, le principali specie di valenza economica
sono il Thunnus thynnus, lo Xiphias gladius e il Thunnus alalunga. Esiste anche la pesca
lagunare che si concentra su spigole, orate, anguille e triglie. Nelle acque interne, il
Chalcalburnus taricii, che è la specie endemica delle acque del lago di Van, è la specie più
frequentemente pescata.
Tabella 34: Pescato della Turchia per regione e per specie
Pesca
Regione
Specie principali
Mar Nero Orientale
Alice, Sgombro, Palamita,
Spratto
Mar Nero Occidentale
Alice, Spratto, Palamita, Tonno,
Sugherello, Sgombro, Sardine,
Specie pelagiche
Pescecane
Marmara
Alice, Palamita, Spratto,
Sugherello, Tonno, Sardine
Mediterraneo e Egeo
Sardine, Sgombro
1-Mare Nero Occidentale
Nasello, Triglia, Rombo
Pesca a strascico
2-Egeo
Misto
3-Mediterraneo
Misto
Specie altamente migratorie
Mediterraneo e Egeo
Tonno, Pesce spada
Pesca artigianale (reti da
Mar Nero, Marmara,
Misto (Nasello, Rombo, Triglia,
imbrocco, tramagli, palangari,
Mediterraneo e Egeo
Gamberi, Sparidi, Sogliola,
trappola)
Seppie, Polipi e Calamari,
Pesce spada)
Pesca Lumache di Mare
Mar Nero Orientale, Mar di
Lumaca di Mare
(Dragaggio)
Marmara
Pesca di Molluschi (Dragaggio) Mar Nero Occidentale
Molluschi
Pesca di Gamberi/Scampi
Marmara, Egeo e Mediterraneo Gamberi
Pesca Lagunare
Mediterraneo, Mar Egeo e
Misto (Spigola, Orata, Anguille,
Marmara
Triglie)
L'alice è il pesce più pescato della Turchia seguito dal palamita atlantico, dalla sardina e dallo
sgombro. La vongola è il prodotto principale fra le specie non ittiche. Dal punto di vista della
pesca in acque interne (pesca d'acqua dolce), la carpa comune e il tarek sono le due specie
principali.
Tabella 35: Quantita' di prodotti selezionati del Pescato (2008-2012)
(Tonnellate)
2008
2009
2010
2011
Pesca marina
251,675
204,699
229,023
228,491
Alice
Spratto
39,303
53,385
57,023
87,140
Sardina
17,531
30,091
27,639
34,708
Sgombro
22,134
20,373
14,392
18,072
Nasello
12,231
11,146
13,558
9,454
Palamita atlantico
6,448
7,036
9,401
10,018
2012
163,981
12,091
28,248
24,625
7,367
35,764
223
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
10,043
4,048
3,345
1,252
Sugherello
Tonno
Cefalo
Nasello Europeo da lago
7,895
5,999
2,987
1,557
(Tonnellate)
2008
2009
Pescato di altre prodotti marini (Crostacei, molluschi)
36,896
24,574
Vongole
Lumaca di Mare
11,442
6,085
Scampi
4,668
4,614
Seppie
537
576
Vongole veraci
1,255
68
Cozza del Mediterraneo 342
6,261
Cozza pelosa
Pesca di prodotti d'acqua dolce
11,758
10,685
Tarek
Carpa comune
11,625
10,964
Barbo transcaucasico
993
891
Luccio
1,346
1,234
Latterino di sabbia
6,630
6,184
Lumache
1,007
2,227
Gambero di fiume
783
734
6,055
4,744
3,119
1,256
2010
6,937
3,122
2,513
921
2011
6,320
7,389
4,010
892
2012
26,931
8,437
4,705
528
56
30.175,6
6.533,8
4,769
394
26
61,225
9,596
5,038
530
14
981
1,806
2,093
11,382
12,058
962
1,476
4,438
1,991
1,030
9,167
9,998
923
737
6,705
1,410
609
9,621
9,973
812
593
3,608
1,193
492
Fonte: TUIK
In Turchia ci sono 14,324 pescherecci 5 , di cui circa il 18% sono utilizzati nelle acque interne.
Di questi solo 1,345 sono pescherecci con reti a strascico e a circuizione. Analogamente, il
93% di questi natanti sono in legno. La maggior parte delle navi si trova nelle regioni del Mar
Nero e del Mar Egeo.
Tabella 36: Pescherecci per quantita' (2008-2012)
2008
Tipologia d'utilizzo
Strascico
Rete a circuizione
Strascico-Rete a circuizione
Trasporto
Altro
Materiali di Consumo
Legno
Lamiere di ferro
Fibra di vetro
Stazza (Gros ton)
1-4
5
2009
2010
2011
2012
543
526
469
213
15,410
552
505
431
156
15,201
669
485
337
130
15,029
700
485
241
201
12,673
686
440
219
213
12,766
16,007
1,071
83
15,748
1,014
83
15,497
1,020
133
13,262
977
61
13,294
975
55
13,155
12,783
12,423
10,154
10,639
Fine 2012
224
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
5-9
10-29
30-49
50-99
100-199
200-499
500+
Potenza (kW)
1-9,9
10-19,9
20-49,9
50-99,9
100-199,9
200-499,9
500+
Lunghezza (metri)
1-4,9
5-7,9
8-9,9
10-11,9
12-14,9
15-19,9
20-29,9
30-49,9
50+
Utilizzo di Generatori (kw)
Senza generatore
Potenza generatori
1-5
6-10
11-20
21-50
51-99
100+
Dimensioni delle Celle Frigorifere (m3)
Senza cella frigorifera
Numero delle celle frigorifere
1-10
11-20
21-50
51+
2008
1,753
1,054
393
371
291
127
17
2009
2,033
902
376
368
272
97
14
2010
2,132
952
373
413
247
98
12
2011
2,014
1,004
372
381
248
113
14
2012
1,632
985
333
373
234
114
14
6,141
2,651
3,297
2,147
1,598
826
501
6,490
2,508
3,402
1,924
1,327
803
391
6,026
2,407
3,629
1,960
1,363
868
397
5,095
1,790
2,790
2,075
1,268
855
427
4,956
1,877
2,936
2,031
1,210
913
401
159
9,448
4,855
666
664
467
632
255
15
9,312
4,947
748
585
422
623
198
10
9,196
4,871
728
603
420
609
215
8
7,293
4,512
662
607
400
593
223
10
7,377
4,409
680
633
396
595
225
9
16,311
16,162
15,938
13,565
13,577
76
78
49
170
222
255
40
65
43
145
187
203
37
44
37
169
197
228
59
59
71
189
136
221
40
48
59
182
168
250
16,266
15,963
15,605
13,156
13,403
541
177
122
55
420
244
169
49
635
208
143
59
654
314
140
36
436
311
141
33
Fonte: TUIK
Come si evince dalle statistiche, circa il 10% della flotta turca può essere considerato
commercialmente capace. La maggior parte è costuita da pescherecci artigianali. La maggior
225
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
parte delle navi è sotto i 20 GT (92%) e i 10 m OAL (85%). Nel 61% delle navi non c'è
equipaggio, mentre il 35% ha tra 1 e 4 marinai e il 4% ha un equipaggio con più di 5 marinai.
Il 95% delle navi mancano di generatori e di strutture frigorifere. Tutte queste cifre indicano
come la flotta peschereccia turca sia composta principalmente da apparecchiature artigianali.
Tabella 37: Numero dei pescherecci per tipologia d'utilizzo, radar, sonar, eco-scandaglio,
satellite gps (2012)
Tipologia d'utilizzo
Totale
Strascico
Reti a
Strascico-A Trasporto
Altro
circuizione
circuizione
Totale
14,324
686
440
219
213
12,766
Numero di pescherecci
2,479
535
356
168
111
1,309
con radar
Numero di pescherecci
11,845
151
84
51
102
11,457
senza radar
Totale
14,324
686
440
219
213
12,766
Numero di pescherecci
1,428
121
350
96
33
828
con sonar
Numero di pescherecci
12,896
565
90
123
180
11,938
senza sonar
Totale
14,324
686
440
219
213
12,766
Numero di pescherecci
4,798
604
416
206
110
3,462
con eco-scandaglio
Numero di pescherecci
9,526
82
24
13
103
9,304
senza eco-scandaglio
Totale
14,324
686
440
219
213
12,766
Numero di pescherecci
2,617
648
392
197
114
1,266
con satellite-GPS
Numero di pescherecci
11,707
38
48
22
99
11,500
senza satellite-GPS
Totale
14,324
686
440
219
213
12,766
Numero di pescherecci
2,592
659
403
207
149
1,174
con rodin set
Numero di pescherecci
11,732
27
37
12
64
11,592
senza rodin set
Fonte: TUIK
La pesca marina e interna non sono solo una fonte di produzione di cibo, ma anche un
settore importante per l'occupazione. Esistono 136 782 pescatori dotati di licenza e 45 643
operai impiegati part-time nei pescherecci e nei porti della Turchia. Solo i pescatori
autorizzati possono svolgere attività di pesca, come imposto dalla legge sulla pesca. Izmir,
Istanbul, Trabzon, Zonguldak, Samsun e Hatay sono tra le principali province dal punto di
vista del numero delle licenze e dei pescherecci. In generale, i pescatori sono i membri delle
407 cooperative o associazioni, per un totale di 20 385 adesioni.
226
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Area di Pesca
Marittimi
Acque Interne
Totale
Tabella 38: Flotta peschereccia e occupati
Numero dei pescherecci
Numero di pescatori
17,773
132,006
3,149
8,021
20,888
140,027
Di conseguenza, l'area operativa della flotta turca è principalmente rappresentata dalla zona
costiera della Turchia. Tuttavia negli ultimi anni, alcuni grandi pescherecci con reti a
circuizione hanno iniziato a pescare nel Mediterraneo al largo dell'Egitto, dell'Algeria, del
Marocco e dell'Italia, grazie ad accordi speciali di pesca per la cattura di piccoli e grandi
migratori pelagici. D'altra parte, sebbene i pescherecci artigianali su piccola scala
comprendano più del 90% del numero totale dei pescherecci, realizzano meno del 10% del
totale delle pescato in termini di peso.
Acquacoltura
L'acquacoltura ha una storia relativamente breve in Turchia ed è iniziata con l'allevamento
della trota salmonata (Onchorhynchus mykiss) e la carpa comune (Cyprinus carpio) alla fine
del 1960 e si è ulteriormente sviluppata con la coltura dell'orata (Sparus aurata) e del
branzino (Dicentrarchus labrax) a metà degli anni 80. La produzione delle tre specie
principali, ovvero la trota salmonata, la spigola e l'orata, è aumentata rapidamente nel corso
degli anni '90; nel 2009 la produzione ha raggiunto le 100 mila tonnellate/anno di trota
salmonata, spigole, orate, cozze, carpa comune e altre specie, in 1 855 allevamenti.
L' industria si è sviluppato a tal punto che la Turchia è attualmente il terzo più grande
produttore di pesci d'allevamento (crostacei esclusi) in Europa e il secondo più grande
produttore di spigole e orate (dopo la Grecia) e di trota salmonata (dopo la Norvegia). I dati
relativi alla produzione degli ultimi cinque anni dimostrano come la Turchia sia tra i primi 12
Paesi registranti il più alto tasso di sviluppo nel settore dell'acquacoltura. Come in altri Paesi
del Mediterraneo, l'acquacoltura marina in Turchia è stata guidata dai seguenti fattori durante
la sua fase di sviluppo:
•
Basso volume delle principali specie allevate (spigole e orate) da pesca di cattura e prezzi
inizialmente elevati,
•
Disponibilità di siti protetti e di acque di buona qualità per una crescita rapida,
•
Sostegno del Governo,
•
Regolamenti accomodanti o flessibili,
•
Alto interesse del settore privato negli investimenti e nello sviluppo dell'acquacoltura,
227
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
•
Rapido sviluppo di tecnologie specifiche per i vivai marini,
•
Rapidi sviluppi biotecnici nell'alimentazione, nella patologia, nei mangimi e nelle gabbie,
•
Autorazionalizzazione del settore e trasformazione dalla strategia basata sulla produzione ad
una strategia orientata al mercato.
•
Basso costo della manodopera
Tabella 39: Produzione dell’acquacoltura (2008-2012)
(Tonnellate)
Produzione Acquacoltura
Acque Interne
Trota
Carpa
Acque Marine
Trota
Orata
Spigola
Cozze
Altro
2008
2009
2010
2011
2012
65,928
629
75,657
591
78,165
403
100,239
207
111,335
222
2,721
31,670
49,270
196
1,772
5,229
28,362
46,554
89
2,247
7,079
28,157
50,796
340
2,201
7,697
32,187
47,013
5
1,442
3,234
30,743
65,512
1,364
Attualmente, la quota dell'acquacoltura nella produzione ittica totale è di circa il 33% in
volume e di circa il 57% in valore. La maggior parte della produzione (circa il 98%) proviene
da allevamenti intensivi.
Per molti anni il settore è stato dominato dalle trote allevate in acqua dolce, ma negli ultimi
anni il contributo delle specie ittiche marine alla produzione complessiva di acquacoltura ha
raggiunto livelli elevati, con circa 90 mila tonnellate contro le 100 mila tonnellate per la
produzione nelle acque interne. Gli allevamenti di trote sono ampiamente diffusi in tutto il
Paese in acque dolci e in mare, mentre la maggior parte degli allevamenti di orata e spigola
si trova sulla costa meridionale del Mar Egeo che offre condizioni ecologiche ottimali per
l'acquacoltura marina. Approssimativamente il 95% dell'attuale produzione totale delle
spigole e delle orate di mare proviene dalla regione del Mar Egeo che contribuisce a circa il
47 % della produzione totale di acquacoltura turca ed è popolare non solo per le orate e le
spigole, ma anche per la trota salmonata.
Anche la regione del Mar Nero fornisce un importante contributo, con circa il 24% della
produzione totale. Nel Mar nero ci sono più di 1.000 fattorie di acqua dolce e 20 aziende
marittime. Circa la metà delle aziende ha una capacità annuale inferiore alle 10 tonnellate
mentre le rimanenti producono in media meno di 50 tonnellate. La grande maggioranza delle
aziende, circa l'80%, è a conduzione familiare. La regione del Mar Nero possiede un buon
equilibrio ecologico, favorevole per la coltura della trota in ambiente marino grazie alla bassa
salinità.
228
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Il Mar Nero è seguito dal Mar di Marmara, dal Mediterraneo e dalle regioni dell'Anatolia
Centrale. La trota salmonata è la specie principalmente allevata nella regione dell'Anatolia
Centrale, sia in canalette terrestri e che gabbie in mare; la trota è seguita dalla spigola e dalla
carpa comune.
La trota salmonata è principalmente consumata localmente, mentre circa il 75% della spigola
e dell'orata viene esportato nei paesi dell'Unione Europea. Quasi tutti i prodotti
dell'acquacoltura sono venduti come pesce intero fresco.
Nel 2013, il numero degli allevamenti ittici autorizzati e le rispettive capacità progettuali
erano:
Tabella 40: Capacita' di allevamenti di pesce (2013)
Marine
Acque Interne
Totale
Numero
1,935
418
2,353
Capacità
245,166
217,494
462,660
A parte gli allevamenti marini e alcune fattorie a gabbia d'acqua dolce, la maggior parte degli
allevamenti di trote impiegano piccole canalizzazioni in calcestruzzo, utilizzando
prevalentemente acque di torrente. Negli ultimi dieci anni, la coltura in gabbia della trota in
dighe ha raggiunto un livello molto importante di produzione. Oggi 26 000 tonnellate di trote
sono allevate in gabbia, nei laghi delle dighe. Oltre il 50% delle aziende possiede incubatoi di
uova, prodotte durante la stagione riproduttiva naturale, cioè tra i mesi di dicembre e
febbraio. La crescita nelle canalette impiega tra i 12 ei 24 mesi. La maggior parte dei pesci è
venduta localmente sotto forma di porzioni. Nel Mar Nero i pesci sono allevati in gabbie fino a
0,5-1,5 kg e quindi venduti come "salmone".
Come in altri Paesi del Mediterraneo, l'allevamento di orate e di spigole europee ha avuto un
buon successo e la produzione è costantemente aumentata negli ultimi anni. Negli ultimi
dieci anni, alcune nuove specie sono state introdotte nel settore dell'acquacoltura. Alcune di
queste sono allevate per scopi di assistenza commerciale, come la trota del Mar Nero, l'orata
del Mar Rosso, il dentice comune, la cernia bianca e l'orata dal muso tagliente, ecc. Alcune
aziende stanno operando in produzioni multi-specie, come spigola/orata, spigola/trota o
orata/spigola/trota.
La carpa comune è coltivate in 86 aziende; tuttavia, negli ultimi anni, la produzione ha
appena superato le 1.000 tonnellate. Allo stato attuale, la cozza mediterranea è l'unica specie
di molluschi allevata nel Mar Egeo e nello stretto dei Dardanelli. Ci sono fra le 4 e le 6
aziende che producono tonno (Thunnus thynnus) in quantità comprese fra le 1.000 e le 3.000
tonnellate, ma queste non sono state incluse nelle cifre inerenti la produzione
dell'acquacoltura. Allo stesso modo, alcune specie di salmonidi, come la trota di ruscello
(Salvelinus fontinalis) e la trota marrone (Salmo trutta), sono prodotte in alcuni allevamenti di
229
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
trote. Il rombo nero di mare (Scophthalmus maeoticus ) è stato prodotto con successo a
livello sperimentale nel Mar Nero. Anche la coltura di altre specie è stata sperimentata negli
ultimi anni per contribuire a diversificare la produzione dell'acquacoltura; queste specie
comprendo il Puntazzo puntazzo, il Pagrus pagrus, il Dentex dentex e l'Epinephelus spp.
Il quadro istituzionale per lo sviluppo dell'acquacoltura è ben definito sotto l'autorità del
MoFAL. Il settore è regolato da normative inerenti l'ottenimento delle licenze, nonché le
disposizioni sanitarie e ambientali. La legge principale del settore dell'acquacoltura è la
Legge sulla Pesca n. 1380 del 1971 e quella del Regolamento dell'Acquacoltura n. 25507 del
24 giugno 2004.
E' stata fondata l'Associazione dei Produttori di Acquacoltura, che ha iniziato a fornire un
valido aiuto allo sviluppo dell'acquacoltura. Attualmente, il Paese ha una notevole capacità di
know-how e di ricerca, anche se è ancora necessario un migliore coordinamento di tali
attività. Il governo turco ha recentemente emanato un decreto che richiede l'assunzione
obbligatoria di personale tecnico in imprese di acquacoltura di una certa dimensione.
L'attuale tasso di sviluppo del settore dell'acquacoltura turco è destinato a crescere; il
sostegno pubblico, la domanda di pesce e la manodopera relativamente a buon mercato
sono i principali punti di forza del settore, mentre lo scarso numero delle specie e della
diversità dei prodotti, il conflitto nell'uso delle risorse, la disponibilità dell'acqua e l'aumento
delle questioni ambientali e di benessere degli animali sono i fattori limitanti.
A dispetto della modernizzazione dei sistemi di allevamento, la necessità di manodopera è
ancora alta, soprattutto a causa del basso costo del lavoro. Tuttavia, poiché non è stato
ancora stabilito un sistema completo di raccolta dei dati, il numero esatto dei dipendenti che
lavorano nel settore dell'acquacoltura turca non è noto. Si stima che più di 12.000 persone
lavorino nel settore e nelle attività connesse; i servizi di assistenza secondari quali mangimi,
attrezzature e consulenza si stanno sviluppando rapidamente e forniscono opportunità di
lavoro.
La maggior parte dei servizi a sostegno dell'acquacoltura (impianti di alimentazione, fornitori
di attrezzature / distributori e consulenti) sono basati nella parte occidentale del Paese,
ovvero lungo la costa del Mar Egeo e nei dintorni di Istanbul. Ci sono 15 produttori di
mangimi per pesce con una produzione annua di oltre 40.000 tonnellate; un terzo di queste
aziende produce esclusivamente mangimi per l'acquacoltura. Inoltre, alcuni dei principali
produttori europei di mangimi per l'acquacoltura hanno agenzie di distribuzione nel paese.
Vivai e produzione di avannotti
Sono 14 gli incubatoi marini attivi che producono circa 220 milioni di avannotti di spigole e di
orate all'anno. Questi incubatoi sono moderni, impiegano sistemi automatizzati per il controllo
della qualità dell'acqua e per alimentazione e sono adatti alla produzione fuori stagione
(applicazione fotoperiodo) degli avannotti. Negli ultimi anni si sono registrate carenze nella
230
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
fornitura di avannotti di orata e, per tale motivo, nel 2006 è stata concessa l'importazione di
avannotti di orata (15.000 avannotti). Alcuni incubatoi esportano avannotti di spigola e orata.
L'azienda leader in Turchia ha tre incubatoi per una capacità totale annua di 120 milioni di
avannotti di spigola e orata. Altri tre operatori hanno due incubatoi ciascuno e producono in
totale 60 milioni di avannotti. La metà di questi vivai marini stanno cercando di produrre
anche altre specie mediterranee.
Lavorazione del pesce
La lavorazione di pesce fresco destinato all'esportazione è aumentata negli ultimi anni. Il
volume delle esportazioni di pesce refrigerato ha anche determinato un aumento nella
produzione di allevamento di spigole e orate. I prodotti lavorati della pesca sono
principalmente prodotti congelati. Le fabbriche di farina e di olio di pesce utilizzano pesci
pelagici (soprattutto acciughe), che sono i principali ingredienti per la produzione dei mangimi
per l'acquacoltura e gli allevamenti di pollame. Nei primi anni 70, sono stati effettuati
investimenti lungo la costa orientale e centrale del Mar Nero per fornire un'alternativa al
consumo fresco o alla salatura della pescato pelagico. Dei 23 impianti di mangimi a livello
nazionale, sette producono solo mangimi per pesci. La maggior parte produce mangimi sfusi
e ha una capacità di produzione annuale complessiva pari a 160.000 t.
Una sfida importante nello sviluppo del mercato del settore della lavorazione del pesce è
quella di poter utilizzare tutte le alici, che è la principale specie pescata sia per il consumo
umano sia per il consumo interno e l'esportazione. Le tendenze del consumo interno e
dell'esportazione dei prodotti dell'acquacoltura stanno cambiando. Il consumo interno delle
spigole e delle orate è in aumento, come anche le esportazioni di trote. Negli ultimi anni, le
grandi imprese (aventi punti di vendita) hanno profuso maggior impegno nel mercato
nazionale e alcuni rivenditori hanno addirittura creato le proprie catene di mercato del pesce.
C. Dinamica del mercato e struttura della domanda
In generale i turchi consumano una grande quantità di carne rossa. Nel caso del pesce, la
preferenza è per pesce fresco intero. Le principali attività di pesca sono altamente stagionali
perché vi è una resistenza del consumatore al pesce congelato, considerato un modo di
proporre prodotti non freschi. Questo, a sua volta, influenza la propensione dei rivenditori a
commercializzare pesce congelato. Con un consumo di pesce limitato nel paese, soprattutto
nel caso dei redditi più bassi, dovrebbe esserci una domanda notevole per gli alimenti a
contenuto proteico a basso costo quali le alici congelate.
Tuttavia, la tendenza si sposterà verso il consumo di filetti di pesce parallelamente
all'aumento di valori aggiunti, quali il reddito pro capite e il potere d'acquisto, la
partecipazione femminile alla forza di lavoro così come l'aumento del tempo libero e degli
acquisti presso i supermercati.
231
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Il consumo annuo pro capite di pesce e prodotti ittici in Turchia è stato in media pari a 7,0 kg
negli ultimi dieci anni, con variazioni annuali a seconda della disponibilità di piccoli pesci
pelagici, soprattutto alici, provenienti dal Mar Nero. Vi è una vasta discrepanza nei modelli di
consumo regionali, con un consumo sostanzialmente più elevato lungo la costa che
nell'entroterra, soprattutto nelle aree metropolitane continentali.
Nel 2012, l'80% del totale del pescato è stato utilizzato per il consumo umano locale.
Naturalmente, il pesce venduto per il consumo umano comporta un prezzo superiore rispetto
a quello venduto per la farina di pesce.
Il consumo umano di pesce è determinato dai seguenti fattori:
•
La qualità e le dimensioni del pescato (>10~2 centimetri è preferibilmente destinato alla
filettatura; il pesce azzurro prima della maturità - quando l'olio viene utilizzato per la sessualità
- è preferito)
•
L'appetito dei clienti, anche se la domanda di alice fresca è sostenuta all'inizio della stagione
delle alici, diminuisce come la stagione avanza.
I prodotti ittici coltivati costituiscono una piccola parte del consumo totale interno, che è
piuttosto basso in confronto alle cifre medie globali ed europee e anche rispetto alla
disponibilità in Turchia delle risorse acquatiche. Come risultato, il governo turco ha mostrato
una chiara intenzione di voler aumentare il consumo pro capite di pesce incentivando la
produzione nel settore dell'acquacoltura, che sembra essere l'unica opzione per raggiungere
questo obiettivo.
L'apprezzamento e l'accettazione delle specie ittiche di coltura sta migliorando grazie ad una
serie di iniziative da parte di organizzazioni governative e di produttori; tuttavia, vi è urgente
necessità di migliorare le infrastrutture di distribuzione in tutta la catena di produzione. Inoltre,
il consumo di crostacei e pesci ciprinidi è bassa a causa di una preferenza culturale nonché
di una percezione di bassa qualità che pregiudica l'apprezzamento tra i consumatori.
La trota salmonata si consuma quasi interamente sul mercato interno mentre le specie
marine mediterranee sono esportate in tutti i paesi dell'Europa meridionale. I pesci sono
venduti principalmente interi e freschi e la Turchia importa trascurabili quantità di prodotti ittici
d'allevamento. In generale, i prezzi di mercato e, di conseguenza, i margini di profitto per
tutte le specie sono in declino, in particolare al livello del commercio all'ingrosso.
La trota dipende completamente dal mercato nazionale e, in modo particolare, da quello
locale. Il pesce prodotto in allevamenti di acqua dolce viene commercializzato sotto forma di
porzione, mentre quello prodotto in gabbie in mare è venduto come "salmone" grazie alla sue
dimensioni più grandi. Nessuna pigmentazione viene utilizzata in Turchia nell'allevamento
delle trote; di conseguenza, tutte le trote prodotte hanno una carne di colore bianco. Allo
stesso modo, è raro trovare prodotti dal valore aggiunto, come i filetti di trota e la trota
affumicata o congelata. I pesci allevati in allevamenti di acqua dolce sono commercializzati
232
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
durante i mesi estivi, mentre i pesci cresciuti in gabbie in mare sono venduti poco prima
dell'estate oppure sono trasferiti alle aziende agricole d'acqua dolce. I pesci sono raccolti
quotidianamente e commercializzati come prodotto fresco e di solito direttamente dagli
allevatori ai ristoranti, agli alberghi e alle aziende di catering. Molte aziende hanno i loro
propri ristoranti nelle vicinanze. Le trote sono vendute anche attraverso i principali mercati
all'ingrosso di Istanbul, Ankara e Izmir.
La maggior parte (circa l'80%) della produzione delle spigole e delle orate di mare viene
esportata verso i paesi europei, in particolare Italia, Francia, Spagna e Germania.
Nonostante i divieti temporanei di esportazione applicati dall'Unione europea (UE) alla fine
degli anni 90, attualmente la Turchia non ha problemi particolari a seguito di accordi speciali
e grazie all'allineamento con gli standard di qualità dell'UE.
Tabella 41: Quantita' di pescato di mare per regione e per tipologia di vendita, 2012
8,810
231,759
41,262
1,5
7,415
297
2,895
9,682
163,715
162,844
86,916
2,600
71,706
1,174
-
307
140
762
109
Mar Nero
Occidentale
118.977
108,568
4,988
3,770
58,031
38,338
1,5
3,486
54,1
1,230
9,080
48,593
37,297
27,740
47,924
36,862
27,448
1,545
738
13,4
380
1,799
262
43,698
32,598
25,725
1,423
307
21
-
862
1,388
1,372
16,2
32,5
54,6
331
288
284
338
148
7,8
Marmara
Egeo
Mediterraneo
Non Lavorato
o Consumato
Autoconsumo
Impianti di
inscatolament
o
94,201
Altro
Agenti
Commissionari
e, Grossisti e
Commercianti
383,745
Fabbriche di
mangimi
Fattorie di
Carne e Olio di
Pesce
396,322
Cooperative e
Associazioni
Totale
Totale
Mar Nero
Orientale
Regione
Produzione
Marina
Produzione
Totale
Direttamente al
consumatore
Tipo di Marketing
D. Import - Export
In questo momento il settore della pesca non è un settore commerciale chiave per la Turchia.
Tuttavia, il pesce e i suoi derivati, in particolare le esportazioni e le importazioni, sono
aumentate rapidamente negli ultimi anni. Le esportazioni erano pari a 94 mila tonnellate nel
2013, per una valore di 386 milioni di EUR e le importazioni nel 2012 hanno raggiunto le 67
mila tonnellate, per un valore di 138 milioni di EUR. Il trend di crescita delle esportazioni per il
233
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
settore della pesca nel corso degli ultimi due decenni dimostra il grande potenziale di
esportazione della pesca in Turchia.
Il parziale sviluppo del settore della pesca in Turchia non pone limiti al suo potenziale. La
politica commerciale turca impiega raramente tassi elevati e divieti di importazione per
scoraggiare le importazioni e promuovere la produzione locale della pesca. L'80% delle
importazioni totali di prodotti della pesca in Turchia è composto da pesce congelato. Le due
industrie conserviere del tonno importano alte quantità di congelato. La maggior parte del
tonno giallo e del tonnetto striato sono congelati e importati dall'Oceano Indiano e dalla
Spagna. I principali paesi che esportano verso la Turchia sono la Norvegia, la Francia,
l'Islanda, la Spagna, la Cina, gli Stati Uniti e la Grecia. Negli ultimi anni, il governo turco ha
fatto da intermediario nella creazione di contatti commerciali tra importatori esteri e uomini
d'affari turchi per lo sviluppo e la promozione del settore.
La Turchia esporta più di 200 tipi di prodotti della pesca verso più di 60 Paesi. Le
esportazioni sono effettuate verso 30 destinazioni senza interruzione. Il contesto normativo
della Turchia, caratterizzato negli anni passati da divieti di esportazione, da complesse
procedure di controllo e da requisiti di rimpatrio della valuta, rendeva difficile promuovere le
esportazioni. Il governo ha quindi iniziato a rivedere i divieti all'esportazione e le ispezioni
pre-imbarco affinchè fossero aboliti. Inoltre, ha iniziato a sostenere i prodotti di esportazione
delle imprese e dei servizi. Ciò è dovuto all'alto valore del tonno rosso, delle spigole e delle
orate nelle statistiche di esportazione. Quasi il 50% della produzione di spigole e di orate e il
33 % della produzione di trote salmonate viene esportato nell'UE mentre tutta la produzione
del tonno rosso viene esportata in Giappone. L'aumento delle esportazioni dalla Turchia ha
subito un arresto nel 2008 principalmente dovuto proprio alla diminuzione del volume delle
esportazioni di tonno vero il Giappone.
Tabella 42: Esportazioni di prodotti ittici della Turchia
Anni
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013
Quantità
(Tonnellate)
26,860
29,937
32,804
37,655
41,973
47,214
54,526
56,406
55,109
66,764
74,006
94,886
EUR
71.650.659
92.475.721
133.714.066
152.622.175
172.878.011
202.279.636
283.923.961
248.869.364
231.803.716
292.845.873
306.603.602
386.025.273
234
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Dal punto di vista dei mercati d'esportazione, il Giappone ha perso il suo primato a seguito
del rallentamento nel mercato del tonno. Attualmente il mercato leader è quello olandese,
seguito da quello tedesco, italiano e giapponese.
Figura 32: Principali mercati di destinazione dell'Export della Turchia
Le importazioni in Turchia sono inferiori alle esportazioni e risultano insignificanti se
paragonate alla dimensione attuale del mercato interno.
Tabella 43: Importazioni della Turchia di prodotti ittici
Anni
2002
2003
2004
2005
2006
2007
2008
2009
2010
Quantità
(Tonnellate)
22,532
45,606
57,694
47,676
53,563
58,022
63,222
72,705
80,726
EUR
13.892.432
24.174.904
40.178.003
50.783.956
61.785.068
71.579.306
88.717.661
78.455.275
99.133.010
235
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
2011
2012
2013
65,698
65,394
67,247
128.804.827
130.738.160
137.894.482
L'analisi per Paese delle importazioni dimostra il predominio indiscusso della Norvegia. I
prodotti norvegesi costituiscono quasi il 50% del totale delle importazioni ittiche della Turchia.
Si segnala la scomparsa di alcuni Paesi dell'UE, come la Francia e la Grecia, dalla lista dei
primi dieci fornitori e l'aumento delle Paesi dell'Asia sud-orientale.
Figura 33: Importazioni
E. Investimenti esteri e presenza italiana
Sono quarantasette le aziende che hanno un partenariato estero e sono attive nel settore. La
Norvegia, l'Olanda, la Germania e l'Italia sono i paesi leader fra quelli aventi una
partecipazione in questo settore in Turchia. Praticamente tutte le società estere operano nel
sub segmento dell'acquacoltura.
236
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Figura 34: Numero di aziende straniere nel settore dell’Acquacoltura
Nonostante tutte le discussioni, la promozione e il sostegno, le imprese straniere
rappresentano ancora una piccola parte del settore e sono praticamente inesistenti nella
pesca marina e interna.
F. Fattori critici e strategie di sviluppo
Quadro amministrativo e giuridico per la pesca marina / interna e per l'acquacoltura
Il MARA è l'autorità principale responsabile di tutte le attività di pesca, l'amministrazione, la
regolamentazione, la tutela e l'assistenza tecnica; essa opera tramite quattro direzioni
generali istituite dalla Legge sulla Pesca (n. 1380), la quale è stata ratificata nel 1971 e
modificata dalla Legge n. 3288 del 1986. La Legge sulle Acque Continentali (n: 2674),
invece, è stata ratificata nel 1982. Ai sensi delle disposizioni di queste leggi, ogni anno sulla
Gazzetta Ufficiale vengono pubblicate circolari sulla pesca commerciale e sulla pesca
sportiva inerenti le restrizioni implementate per la tutela delle riserve ittiche attraverso la
regolamentazione delle attività di pesca e di controllo dell'inquinamento. Le altre leggi
correlate alla pesca e al pescato sono:
•
La Legge n. 1163 sulle cooperative,
237
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
•
Il Decreto Legislativo n. 560 riguardante la produzione, il consumo e l'ispezione di prodotti
alimentari,
•
La Legge n. 3285 sulla salute e l'igiene degli animali,
•
La Legge n. 2872 in materia di ambiente.
Quadro Regolamentare Specifico per la Pesca Marina e Interna
Secondo la Legge sulla Pesca del 1971 e del 1986, sono obbligatorie sia le licenze per i
pescatori che per i loro pescherecci. Durante la stagione della pesca, i pescatori possono
pescare qualsiasi specie in un qualsiasi mare per un qualsiasi importo con un esiguo numero
di restrizioni (relative, ad esempio, a zone protette e al tipo d'attrezzatura impiegato),
specificate nella relativa circolare annuale.
La regolamentazione della pesca si basa sui seguenti criteri;
•
Dimensione minima delle maglie (ad esempio reti da traino 20 mm. nel Mar Nero e 22 mm.
negli altri mari),
•
Taglia minima dei pesci (lunghezza (cm.) e/o il peso (g.)),
•
Zone interdette e caratteristiche dell'attrezzatura e/o dei pescherecci,
•
Stagioni di chiusura e zone interdette,
•
Divieto di cattura per alcune specie, quali i delfini, le foche, la testuggine marina, una specie di
spugne, i coralli e gli storioni,
•
Tecniche di pesca e tipologie di reti totalmente proibite,
•
Restrizioni circa le attrezzature per la pesca di alcune specie,
•
Restrizioni circa le attrezzature o le tecniche di pesca,
•
Alcune restrizioni inerenti le sostanze inquinanti.
Il divieto stagionale tutela le risorse riproduttive in quanto vieta l'uso di reti a strascico e a
circuizione nel periodo compreso tra maggio e settembre. La restrizione territoriale si riferisce
alla legge che vieta la pesca entro tre miglia dalla costa.
Non ci sono altre misure gestionali quali le quote territoriali, le autorizzazioni speciali di pesca
regionali o sub regionali. Quasi la metà dei regolamenti sulla pesca riguardano le reti a
strascico ed equipaggiamenti simili. Ma i regolamenti e le disposizioni attuali, che utilizzano
metodi inefficaci così come divieti e controlli insufficienti, non forniscono un valido sostegno
al recupero delle risorse ittiche.
238
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Quadro istituzionale per l'Acquacoltura
Il MoFAL è il principale organo istituzionale responsabile per la gestione, la tutela, la
promozione e l'assistenza tecnica della pesca e dell'acquacoltura; essa opera attraverso
quattro direzioni generali. Queste sono la Direzione Generale della Produzione Agricola e lo
Sviluppo (GDAPD), la Direzione Generale della Ricerca Agricola (GDAR), la Direzione
Generale della Tutela e del Controllo (GDPC) e la Direzione Generale per l'Organizzazione e
il Sostegno (GDOS).
La produzione, lo sviluppo e la gestione delle attività di acquacoltura e di pesca continentale
sono a carico della GDAPD, mentre la GDAR è responsabile della la ricerca e la GDPC dei
movimenti dei pesci vivi, delle malattie e del pesce inteso come genere alimentare. Il MoFAL
ha direzioni in tutte le province della Turchia. Queste direzioni provinciali svolgono la maggior
parte delle attività autorizzative e di monitoraggio / controllo.
Il Centro Nazionale Ricerche Scientifiche e Tecniche (TUBITAK ) svolge un ruolo importante
nel sostenere i progetti di ricerca aventi un'alta priorità, mentre l'Ente per la Pianificazione
Statale ha la responsabilità di preparare i piani di sviluppo a lungo termine, i programmi
annuali e il coordinamento delle attività dei vari ministeri e delle istituzioni pubbliche. I dati
sulle attività di pesca vengono raccolti e valutati dall'Istituto Nazionale di Statistica, in
collaborazione con il Ministero dell'Agricoltura e degli Affari Rurali. Esiste, inoltre, un certo
numero di istituzioni pubbliche coinvolte nel processo di autorizzazione, quali il Ministero
dell'Ambiente e delle Foreste, il Ministero della Cultura e del Turismo, il Dipartimento della
Navigazione e dell'Oceanografia, il Sottosegretariato degli Affari Marittime e la Direzione
Generale delle Opere Idrauliche (DSI).
Quadro normativo specifico per l'Acquacoltura
Tutte le attività della pesca e dell'acquacoltura sono regolate dalla Legge sulla Pesca n.
1380, modificata nel 1986 dalla legge n. 3288. L'acquacoltura è regolata attraverso il rilascio
di licenze e i regolamenti sanitari e ambientali. Recentemente, è entrato in vigore un nuovo
regolamento che affronta le principali problematiche legate al settore.
Tutti gli operatori del settore sono tenuti a rivolgersi al MoFAL, a dichiarare la propria
posizione, le caratteristiche e la gestione dei loro impianti e a presentare le specifiche dei
progetti. Tutti i produttori di acquacoltura devono essere in possesso di una licenza di
acquacoltura rilasciata dal Dipartimento di Acquacoltura presso la DGAPD. Le licenze
vengono rilasciate se non sono stati riscontrati effetti negativi in termini di salute pubblica,
economia nazionale, navigazione o in ambito scientifico e tecnologico. Questo è importante
per le unità produttive marine e interne. Secondo la vigente normativa in materia di
Valutazione dell'Impatto Ambientale (VIA), gli allevamenti ittici aventi una capacità annuale
inferiore alle 30 tonnellate non necessitano di una relazione VIA. Gli allevamenti ittici aventi
una produzione annuale compresa fra le 30 e le 1.000 tonnellate possono necessitare di una
239
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
VIA; ciò viene stabilito dalla commissioni provinciale preposta. Gli allevamenti che hanno una
produzione annua superiore alle 1.000 tonnellate, invece, devono esibire una VIA. Se il
progetto viene approvato, la licenza viene rilasciata insieme ad una Certificazione del
Produttore; il processo richiede di solito circa 1 anno. Il periodo dei contratti di locazione per i
siti marini ove posizionare le gabbie può essere al massimo di 15 anni e lo stato ha il diritto di
sciogliere tale contratto prima della scadenza concordata.
Incentivi e sostegno pubblico all'Acquacoltura
Il governo ha iniziato a sostenere la produzione dell'acquacoltura nel 2005, fornendo sostegni
finanziari per i prodotti commercializzati o prodotti. I principali obiettivi del regime degli
incentivi sono la prevenzione della produzione in nero o non autorizzata, la creazione di un
settore competitivo in Europa, lo sviluppo di sistemi di produzione ecocompatibili, l'aumento
della produzione, del valore aggiunto, della qualità e del consumo interno dei prodotti ittici e il
sostegno alle attività di ricerca e sviluppo. Sostegni finanziari sono forniti per spigole, orate,
trote, cozze e avannotti.
Il governo fornisce, inoltre, sostegno ai produttori che aderiscono alle associazioni di
acquacoltura. Un qualsiasi produttore che è membro di un'associazione può ottenere un
ulteriore sussidio pari al 10% per le prime 10 mt di produzione e al 3% per le seguenti 10-40
mt.
Esiste un numero sufficiente di fornitori di servizi nazionali e internazionali, soprattutto in
termini di attrezzature (gabbie, reti, serbatoi, sistemi di ormeggio e dispositivi vari), mangimi
(compresi i mangimi per le larve) e prodotti sanitari (vaccini e antibiotici). Anche se alcune
aziende nazionali ed internazionali offrono servizi assicurativi, questa è una pratica limitata al
settore dell'acquacoltura.
240
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
G. Appendice
Panoramica generale delle aziende operanti nel settore.
Produttore
Kilic Sea Products
Fjord Marin Sea
Products
Gumusdoga Water
Products
Sürsan Water Products
Ege Marin Water
Products
Marines Sagun / Merlion
Sagun
Black Sea Food
MELPE GIDA
HAYVANCILIK
Orion Trade Corporation
Akyürek Pazarlama
Ozer fish
Denizer
Seçkin
Capacita’
(tonn/anno)
9830
Specie Allevate
Sito Web
Orata, Spigola, Corallo Rosso,
Dentice, Cernia
Orata, Spigola, Abramide
Comune, Corallo Rosso, Dentice
Orata, Spigola
http://www.kilicdeniz.com.tr/
http://www.sursanaqua.com/
Trader / Distributor
Orata, Spigola
Orata, Spigola, Abramide
Comune, Corallo Rosso, Dentice
Generale
Trader
Trader
Generale
Cetrioli di mare
Trader
Distributor
Pesce surgelato
Generale
Trader
Trader / distributor
Trader
Generale
Generale
Generale
8800
6550
5800
5150
http://www.fjord-marin.com.tr/
http://www.gumusdoga.com.tr/
http://www.marines.com.tr/default.a
spx
http://www.blackseafood.com/
http://www.melpetrade.com/
http://www.oriontradecorp.com/en/
http://www.akyurekpazarlama.com.t
r/
http://www.ozerfish.com/
http://denizer.com.tr
http://www.seckinworldwide.com
241
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Profili aziendali
Akyürek Pazarlama
Indirizzo
Tekstilkent Koza Plaza B Blok 24 Esenler - İstanbul
Telefono
+90 212 438 47 67
Fax
+90 212 438 63 70
E-mail
[email protected]
URL
www.akyurekpazarlama.com.tr
Referente
Ferda Besli
Ruolo aziendale
Amministratore
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
Azienda di marketing a livello mondiale in vari settori industriali. Aree
d'attivita': Trakya Birlik, Marmarabirlik, Fiskobirlik, Dimes, Dardanel
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
N/A
temporanei)
Opportunita' di cooperazione:
Distribuzione / partnership commerciale
Joint Venture
□
Formazione
□
□
242
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Black Sea Food
Indirizzo
N/A
Telefono
+90 555 607 48 20
Fax
N/A
E-mail
[email protected]
URL
www.blackseafood.com
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
Le attivita' dell'azienda constano di operazioni di import e export.
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
N/A
Opportunita' di cooperazione:
Sub fornitura
Joint Venture
Assistenza tecnica
□
□
□
243
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Denizer Su Ürünleri Yatırımları İthalat ve İhracat Sanayi ve Ticaret A.Ş.
Indirizzo
İkitelli Organize Sanayi Bölgesi Tümsan 2. Kısım, A Blok No.5
Başakşehir, İstanbul
Telefono
+90 212 485 73 46
Fax
+90 212 485 73 47
E-mail
[email protected]
URL
www.denizer.com.tr
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
Denizer Seafood fornisce prodotti di mare refrigerati e consegalti
catturati e allevati e effettua importazioni tramite una rete e
un'infrastruttura logistica a livello mondiale.
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
N/A
temporanei)
Opportunita' di cooperazione:
Trasferimento di know-how e tecnologia
□
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
Investimento diretto
□
Assistenza tecnica
□
244
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Ege Marin Water Products
Indirizzo
N/A
Telefono
N/A
Fax
N/A
E-mail
N/A
URL
N/A
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
Specie Allevate: Orate, Spigole, Pagello Comune, Red Coral, Dentice
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
N/A
temporanei)
Opportunita' di cooperazione:
Trasferimento di know-how e tecnologia
□
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
Investimento diretto
□
Assistenza tecnica
□
245
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Fjord Marin
Status dell'azienda
Attiva
Indirizzo
Kocakışla Mahallesi No:30 Güllük – Milas, Muğla
Telefono
+90 252 522 32 84
Fax
+90 252 522 32 87
E-mail
[email protected]
URL
www.fjord-marin.com.tr
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
Specie Allevate: Orate, Spigole, Pagello Comune, Red Coral, Dentice
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
N/A
Opportunita' di cooperazione:
Trasferimento di know-how e tecnologia
□
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
Investimento diretto
□
Assistenza tecnica
□
246
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Gümüşdoğa A.Ş.
Indirizzo
Dibecik Mevkii Akyol Köyü – Milas, Muğla
Telefono
+90 252 536 62 28
Fax
+90 252 536 60 02
E-mail
[email protected]
URL
www.gumusdoga.com.tr
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
Gümüşdoğa opera nel settore dei mangimi per spigole, orate e trote e
dell'acquacoltura. Grazie all'impianto di confezionamento e filettatura in
Güllük e l'impianto di trote affumicate in Milas, Gümüşdoğa assicura che
la qualita' pervenga al consumatore finale.
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
N/A
Opportunita' di cooperazione:
Trasferimento di know-how e tecnologia
□
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
Investimento diretto
□
Assistenza tecnica
□
247
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Kılıç Holding-Kılıç Deniz
Indirizzo
Kemikler Köyü Mavkii, Milas Bodrum Karayolu 18. km Milas, Muğla
Telefono
+90 252 559 02 83
Fax
+90 252 559 02 87
E-mail
[email protected]
URL
www.kilicdeniz.com.tr
Referente
Ayşen Kılıç Bozan
Ruolo aziendale
Consiglio d'Amministrazione
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
Kılıç Deniz é l'azienda leader che vanta il piu' esteso impianto della
Turchia per l'allevamento di avanotti di spigole e orate.
Specie Allevate: Orate, Spigole, Corvallo, Red Coral, Dentice, Cernia
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
N/A
Opportunita' di cooperazione:
Trasferimento di know-how e tecnologia
□
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
Investimento diretto
□
Assistenza tecnica
□
248
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Marines Sagun
Indirizzo
Osmangazi Mh. Battalgazi Cd. Sagun Plaza No: 21 Sancaktepe,
İstanbul
Telefono
+90 216 561 20 20
Fax
+90 216 561 07 17
E-mail
[email protected]
URL
www.marines.com.tr
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
Grup Sagun é un gruppo di 6 aziende differenti, 8 impianti di produzione
in tutta la Turchia che opera nel settore dell'acquacoltura, produzione,
import a export.
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
N/A
Opportunita' di cooperazione:
Trasferimento di know-how e tecnologia
□
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
Investimento diretto
□
249
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Melpe Gıda Hayvancılık San. ve Tic. Ltd. Şti.
Indirizzo
1475 Sok. No:1 K:5 D:504 35220 Alsancak, İzmir
Telefono
+90 232 464 11 18
Fax
+90 232 464 11 58
E-mail
[email protected]
URL
www.melpetrade.com
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
Azienda di Import - Export Specie allevate: Cetrioli di mare
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
N/A
temporanei)
Opportunita' di cooperazione:
Sub fornitura
Joint Venture
Investimento diretto
□
□
□
250
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Orion Trade Corp.
Indirizzo
İçerenköy Mah. Değirmenyolu Sk. Kutay İş Mrk. B.Blok Kat:1
Ataşehir, İstanbul
Telefono
+90 212 999 92 34 / +90 535 839 57 91
Fax
+90 216 469 86 54
E-mail
[email protected]
URL
www.oriontradecorp.com
Referente
Utku Yıldırım
Ruolo aziendale
Fondatore e Presidente
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
La Orion esporta frutti di mare, principalmente trote salmonate, spigole,
orate e uova di trota in tutto il mondo.
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
N/A
Opportunita' di cooperazione:
Sub fornitura
Joint Venture
Investimento diretto
□
□
□
251
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Özer Fish
Indirizzo
Büyükdere Cad. Kanyon Ofis Binası No:185 Kat:6 Levent, İstanbul
Telefono
+90 212 319 77 53
Fax
+90 212 319 76 00
E-mail
[email protected]
URL
www.ozerfish.com
Referente
İlker Özer
Ruolo aziendale
Direttore Generale
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
Esportatore dalla Turchia di prodotti di acquacoltura e fornitore di
prodotti di acquacoltura alla clientela internazionale. La gamma di
prodotti include sia prodotti freschi che surgelati.
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
N/A
Opportunita' di cooperazione:
Sub fornitura
Joint Venture
Investimento diretto
□
□
□
252
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Seçkin Worldwide Deniz Ürünleri İç ve Dış Tic. Ltd. Şti.
Indirizzo
295/2 Sokak No:1 Kat:4/435 Ege Sun Plaza A Blok Bayraklı, İzmir
Telefono
+90 232 478 23 85
Fax
+90 232 478 35 05
E-mail
[email protected]
URL
www.seckinworldwide.com
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
Commercio
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
N/A
Opportunita' di cooperazione:
Sub fornitura
Joint Venture
□
□
253
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Sürsan Su Ürünleri A.Ş.
Indirizzo
Bankalar Cad. Ferah Sok. No:5 Samsun
Telefono
+90 362 431 60 99
Fax
+90 362 432 36 71
E-mail
[email protected]
URL
www.sursanaqua.com
Referente
Osman Atalay
Ruolo aziendale
Direttore Generale
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
Produzione di orate e spigole per il fabbisogno europeo di pesce di
primissima qualita'.
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
N/A
Opportunita' di cooperazione:
Trasferimento di know-how e tecnologia
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
Investimento diretto
□
Formazione
Assistenza tecnica
□
□
□
254
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Principali allevamenti in Turchia.
Akuvatur Akdeniz Balıkları
Indirizzo
Mansuroğlu Mah. 295/2 Sok. No:1 Ege Sun Plaza A Blok Kat:2
Daire:220 Bayraklı, İzmir
Telefono
+90 232 462 10 58
Fax
+90 232 462 10 53
E-mail
[email protected]
URL
www.akuvatur.com
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
Prodotti: Orate, spigole, dentice, orata del Mar Rosso, dentice rosso,
corvina, triglia, orata comune, orata ibrida del Mar Rosso, sarago
pizzuto orata a due bande, sogliola comune, ricciola
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
N/A
Opportunita' di cooperazione:
Trasferimento di know-how e tecnologia
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
Investimento diretto
Assistenza tecnica
□
□
□
255
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Çamlı Yem Besicilik Sanayii ve Ticaret A.Ş.
Indirizzo
Kemalpaşa Asfaltı, No:32/A 35070 Işıkkent, İzmir
Telefono
+90 232 436 20 21
Fax
+90 232 436 20 22
E-mail
[email protected]
URL
www.camli.com.tr
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
Çamlı é un'azienda agricola che opera in vari settori in Turchia dalla
produzione di mangimi all'allevamento di bovini, dalla nutrizione dei
vegetali alla produzione acquaculturale e lavorazione del pesce.
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
N/A
Opportunita' di cooperazione:
Trasferimento di know-how e tecnologia
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
Investimento diretto
Assistenza tecnica
□
□
□
256
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
ılıç Deniz
Indirizzo
Kemikler Köyü Mavkii, Milas Bodrum Karayolu 18. km Milas, Muğla
Telefono
+90 252 559 02 83
Fax
+90 252 559 02 87
E-mail
[email protected]
URL
www.kilicdeniz.com.tr
Referente
Ayşen Kılıç Bozan
Ruolo aziendale
Consiglio d'Amministrazione
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
Kılıç Deniz é l'azienda leader che vanta il piu' esteso impianto della
Turchia per l'allevamento di avanotti di spigole e orate.
Specie Allevate: Orate, Spigole, Corvallo, Red Coral, Dentice, Cernia
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
N/A
Opportunita' di cooperazione:
Trasferimento di know-how e tecnologia
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
Investimento diretto
Assistenza tecnica
□
□
□
257
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Serçin Su Ürünleri Yavru Üretim Ltd. Şti.
Indirizzo
Kumkapı Su Ürünleri Hali, No:78-79 Eminönü, İstanbul
Telefono
+90 212 517 71 19
Fax
+90 212 517 71 20
E-mail
N/A
URL
N/A
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
Prodotti: Orate, Spigole
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
N/A
Opportunita' di cooperazione:
Trasferimento di know-how e tecnologia
Sub fornitura
□
Joint Venture
□
Investimento diretto
Assistenza tecnica
□
□
□
258
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Yunuslar
Indirizzo
İncirli Pınar Mah. Nail Bilen Cad. Hasan Kelleci İş Merkezi, No:24
Kat:1/8 Gaziantep
Telefono
+90 342 215 05 25
Fax
+90 342 232 01 55
E-mail
N/A
URL
N/A
Referente
N/A
Ruolo aziendale
N/A
Telefono diretto
N/A
Dati economici
Descrizione delle
attivita'
Prodotti: Orate, spigole, gamberetti.
Fatturato annuale
N/A
Esportazioni (%
fatturato)
N/A
Numero di dipendenti
(permanenti,
temporanei)
N/A
Opportunita' di cooperazione:
Sub fornitura
□
Investimento diretto
□
Assistenza tecnica
□
259
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Altri allevamenti in Turchia
Denominazione
Località
Capacità
(milioni)
Specie
Indirizzo
AKUVATURKarataş
ADANA-Karataş
39
YUNUSLAR
ADANAYumurtalık
15
orate, spigole, dentice,
orata del Mar Rosso,
dentice rosso, corvina,
triglia, orata comune, orata
ibrida del Mar Rosso,
sarago pizzuto orata a
due bande, sogliola
comune, ricciola
Orate, Spigole, Gamberi
EGEMAR
AYDIN-Didim
39
KILIÇ-Bafa
AYDIN-Söke
146
SERÇİN
AYDIN-Söke
30
orate, spigole, corvina,
corvallo, cernia bianca,
dentice, orata del Mar
Rosso, orata comune, orata
a due bande, ricciola
orata, spigola, orata a
strisce, orata a due bande,
corvallo, orata comune,
cernia bianca, dentice,
orata del Mar Rosso,
corvina
Orate, Spigole
Mansuroğlu Mah. 295/2 Sok.
No:1
Ege Sun Plaza A Blok Kat:2
Daire: 220
35010 Bayraklı İZMİR
Tel: 0232 462 10 58-68-78
0533 813 64 96 (Fct)
[email protected]
İNCİRLİ PINAR MAHALLESİ,
NAİL BİLEN CADDESİ
HASAN KELLECİ İŞ
MERKEZİ NO:24 KAT:1/8
GAZİANTEP
Tel: 0342 215 06 25-232 01
55
Korutürk Mah. Kauçuk Sokak
No: 24/2 Balçova-İZMİR
Tel: 0232 259 59 35 - 279 00
88
[email protected]
Kemikler Köyü Mevkii, Milas
Bodrum Karayolu 18. km
48200 Milas – MUĞLA
Tel: 0252 559 0283
[email protected]
İDA GIDA
ÇANAKKALELapseki
40
Orate, Spigole
AKUA-TEK
İZMİR-Dikili
38
ÇAMLI-Alaçatı
İZMİR-Çeşme
50
orate, spigole, dentice,
orata del Mar Rosso,
corvina, orata comune,
corvallo
Orate, Spigole
KUMKAPI SU ÜRÜNLERİ
HALİ NO:78-79 EMİNÖNÜİSTANBUL
Tel/Fax: 0212 517 71 19 –
517 71 20
Bursa Yolu 2. Km
ÇANAKKALE
Tel: 0286 212 87
1717 Sok. No:147/201
Karşıyaka-İZMİR
Tel 0232 232 24 05
[email protected]
Eski Kemalpaşa Asfaltı
Tuborg Karşısı 35060
Pınarbaşı – İZMİR
Tel: 0232 726 02 65
260
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
ÇAMLI-Ildırı
İZMİR-Çeşme
10
orate, spigole, orata a
strisce, orata a due bande,
dentice, orata del mar
rosso, eşkina, ostriche,
kidonya, akivades
Eski Kemalpaşa Asfaltı
Tuborg Karşısı 35060
Pınarbaşı – İZMİR
Tel: 0232 726 02 65
Fiere
Denominazione
Future Fish EURASIA:
International Fair for Fish
Imports/Exports, Processing,
Aquaculture and Fisheries
Localita’
İzmir
Organizzatore
Avrasya Fuarcılık
Sito Web
http://www.eurasiafairs.com/
261
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
PARTE 3
OPPORTUNITA' DI MERCATO
262
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
263
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
A. INTRODUZIONE
Le opportunità offerte dal mercato turco devono essere discusse sia da una prospettiva
commerciale che d'investimento. La prospettiva di investimento è ovviamente incentrata
sull'esistenza di una domanda in crescita, sulla redditività del business facente fronte a tale
domanda e sugli incentivi specifici garantiti ai potenziali investimenti in questo settore. La
prospettiva commerciale, invece, si concentra sulle aziende che operano nel settore,
monitorando la domanda finale che queste aziende soddisfano. Le opportunità per le aziende
italiane devono essere, quindi, valutate in questo contesto. Come nel caso della prospettiva
di investimento, anche la prospettiva commerciale è interessata agli incentivi non solo per
poter giudicare il potenziale di crescita del settore, ma anche per valutare se il sistema
rappresenta un'opportunità o un ostacolo al commercio.
In Turchia sono in vigore incentivi specifici per i settori contemplati in questo rapporto. Tra
questi meritano una menzione speciale gli incentivi forniti agli investitori che nel settore
idroelettrico fanno uso di attrezzature acquisite dal mercato locale. In questo caso specifico
esiste una barriera contro il commercio che deve essere presa in considerazione da un
qualsiasi esportatore di apparecchiature verso la Turchia. Oltre agli incentivi specifici per i
settori, in Turchia esistono incentivi agli investimenti di carattere generale, che possono
influenzare sia la redditività che il finanziamento di un qualsiasi progetto. Il sistema di
incentivazione generale è descritto nel prosieguo di questa sezione.
Per quanto riguarda i settori oggetto della presente relazione, non c'è dubbio che la Turchia
offra diverse opportunità. Prima di entrare nei dettagli, è utile osservare i principali settori
oggetto della presente relazione.
Per quanto riguarda il commercio e la consulenza, gli acquirenti cambiano a seconda del
settore. Il governo centrale o le municipalità sono i principali acquirenti in alcuni settori
mentre le aziende private lo sono in altri.
264
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Tabella 44: Tipologie di Appalti
Appalti Pubblici
Appalti Privati
Come risultato dell'Unione Doganale con l'UE e
del processo di adesione all'UE del Paese, la
Turchia è sulla buona strada nell'applicare le
misure di politica commerciale comune dell'UE in
tutti i settori. Le recenti riforme nel campo del
business e degli investimenti hanno migliorato le
prospettive per le imprese straniere e hanno
notevolmente ridotto i processi e le procedure
burocratiche.
Si
necessita
di
ulteriori
miglioramenti in materia di trasparenza e
prevedibilità dei progetti del settore pubblico. Il
mercato turco richiede un impegno a lungo
termine da parte degli operatori e degli investitori
stranieri nonché la cooperazione con i partner
locali e una rete di contatti sia nel settore
pubblico che privato.
Le imprese del settore privato turco sono inoltre
potenziali acquirenti dei trattamenti dei rifiuti
industriali, delle tecnologie di riciclaggio e relative
attrezzature nonché di prodotti e di servizi inerenti
la prevenzione dell'inquinamento atmosferico.
Esse dispongono di una limitata capacità di
offerta interna a cui attingere. Il mercato
ambientale turco vanta circa 150 aziende la cui
capacità è in gran parte confinata alle attività di
contrattazione e si dimostrano spesso incapaci di
intraprendere progetti ambientali di dimensioni
globali a causa della mancanza di esperienza.
Nel
settore
delle
energie
rinnovabili,
dell'agricoltura biologica e della pesca, le aziende
private sono praticamente le uniche acquirenti.
Il Ministero dell'Ambiente e delle Foreste può
acquistare i servizi o le attrezzature necessarie
per i progetti nazionali ma i principali acquirenti di
attrezzature e servizi sul mercato turco
ambientale sono gli enti locali (municipalità) e le
organizzazioni industriali. Le municipalità sono i
principali attori per la costruzione e la gestione
dei rifiuti solidi, delle acque e dei servizi di
trattamento delle acque reflue.
Il sistema di appalti pubblici impone spesso la
partecipazione agli appalti di società sulla base
del diritto locale. I contratti Costruisci-GestisciTrasferisci (BOT) e Costruisci-Detieni-Gestisci
(BOO) rappresentano una buona opportunità per
la collaborazione dei consorzi in cui le imprese
straniere non solo forniscono il know-how ma
anche l'accesso ai finanziamenti.
Gli appalti sono pubblicati sulla Gazzetta
Ufficiale, le riviste settoriali, i siti web delle relative
organizzazioni committenti.
265
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
B. ALLEANZE STRATEGICHE E OPPORTUNITA' DI MERCATO
Questa sezione riassume le suddette opportunità per le specifiche aree e mira a dare un
quadro completo di opportunità del business nei vari settori. La seguente matrice delle
opportunità mostra le possibili aree sulle quali le diverse società dovrebbero concentrarsi in
base alle loro capacità.
Tabella 45: Matrice d'Opportunita'
Investimento
Ambiente
Gestione Risorse
Idriche
Gestione Sicurezza
Alimentare
Ampia scala
Scala Media Ridotta
Vendita di
Equipaggiamenti
Servizi di Perizia e
Consulenza Tecnica
Basso
Medio
Alto
Alto
Alto
Alto
Alto
Alto
Basso
Medio
Alto
Alto
Basso
Alto
Agricoltura
Biologica
Idroelettrica
Alto
Limitato
Alto
Alto
Energia Eolica
Alto
Alto
Alto
Alto
Energia Solare
Limitato
Alto
Alto
Alto
Alto
Alto
Alto
Alto
Energia da
Biomassa
Basso
Alto
Alto
Alto
Pesca Maria e
Interna
Basso
Basso
Limitato
Limitato
Acquacoltura
Basso
Alto
Limitato
Alto
Energia Geotermica
Questa matrice mette in evidenza come la Turchia rappresenti una grande opportunità in
termini di competenze e servizi di consulenza tecnica. Allo stesso modo, in termini di
opportunità commerciali, ovvero per la vendita di attrezzature, le opportunità sono
generalmente molto elevate. Per quanto riguarda gli investimenti su ampia scala, le
opportunità nei settori dell'ambiente, della gestione della sicurezza alimentare, dell'energia
solare, delle biomasse e della pesca e acquacoltura sono relativamente basse, mentre sono
266
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
alte per quanto riguarda gli investimenti su piccola e media scala nel settore della gestione
delle risorse idriche, dell'energia solare, delle biomasse e dell'acquacoltura.
Gli investimenti, d'altra parte, possono essere effettuati direttamente o in forma di joint
venture. Ciò di solito dipende dalle diverse esigenze: più elevati sono gli investimenti e la
regolamentazione del settore e più sono preferite le joint ventures. La seguente matrice
mostra le modalità generalmente accettate per la strutturazione degli investimenti.
Ambiente
Gestione
dell'Acqua
Gestione
Sicurezza
Alimentare
Agricoltura
Biologica
Idroelettrico
Energia Eolica
Energia Solare
Energia
Geotermica
Tabella 46: Struttura degli Investimenti
Joint Ventures / Alleanze Strategiche
Titolare Unico
Le joint venture a partecipazione straniera sono
generalmente preferite per intraprendere
progetti su ampia scala. Le imprese locali
forniscono opere civili e le tecnologie di base
per molti progetti di trattamento delle acque
reflue industriali, dei sistemi di desolforazione
dei gas di combustione degli impianti energetici
e di compostaggio, degli inceneritori e le
tecnologie
di
bonifica.
Tuttavia,
esse
generalmente mancano di finanziamenti dei
progetti. A fronte di tali esigenze, e per le La proprietà esclusiva in questi settori è un
caso raro. Nei progetti più piccoli può
attrezzature di ingegneria avanzata, i fornitori
locali devono importare la tecnologia, le essere fattibile, ma presenta ancora alcuni
rischi in quanto i principali acquirenti sono
attrezzature ed i servizi necessari, e spesso
le amministrazioni pubbliche centrali o
devono collaborare con un partner estero per il
locali.
finanziamento dei progetti BOT/BOO del settore
pubblico.
Le società turche generalmente formano joint
ventures e partnership con società straniere
aventi una certa esperienza. La creazione di
dinamiche bilaterali di mercato in questo settore
è una pratica diffusa. Il mercato ambientale è
dominato principalmente dalle aziende UE, USA
e giapponesi, che offrono tecnologie, servizi e
attrezzature ambientali.
In questo settore gli investimenti esteri sono limitati; comunque, la produzione concentrata
sulle esportazioni di proprietà esclusiva è meno rischiosa di quanto non sia negli altri settori.
Le joint venture sono
generalmente preferite in
quanto il partner locale è più
esperto in questi settori
altamente regolamentati.
Limitato
Alto
Alto
Alto
267
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Energia da
Biomassa
Pesca Maria e
Interna
Acquacoltura
Joint Ventures / Alleanze Strategiche
Titolare Unico
Alto
Limitato
Alto
Alto
Basso
Investimenti stranieri inesistenti in questo segmento
Bassa probabilità
Le imprese straniere di solito entrano sul mercato in prima
persona in quanto questo settore non è eccessivamente
regolamentato e il mercato è ben sviluppato, soprattutto dal
punto di vista delle esportazioni
Gestione dell'ambiente
La Turchia ha subito grandi cambiamenti economici negli ultimi anni, parallelamente a forti
cambiamenti strutturali. Il Paese affronta oggi la sfida di bilanciare questa crescita economica
con lo sviluppo ambientale e sociale. Nel corso dell'ultimo decennio, infatti, ha sperimentato
crescenti pressioni circa il processo decisionale nel settore ambientale e ha compiuto
significativi progressi nei settori dell'energia, dell'industria e del turismo.
La volontà di aderire all'UE potrebbe stimolare gli sforzi ed aiutare la Turchia ad individuare
gli obiettivi per un'economia rispettosa dell'ambiente e della società. I benefici derivanti
dall'attuazione della legislazione ambientale dell'UE e dall'adozione di pratiche ambientali
sono innegabili.
Esistono significative opportunità in Turchia per le esportazioni e/o per gli investimenti diretti
nella gestione dei rifiuti pericolosi, nella gestione dei rifiuti solidi, nel trattamento delle acque
e delle acque reflue, così come per la generazione avanzata di energia convenzionale e delle
energie rinnovabili. Esistono opportunità future nel controllo dell'inquinamento atmosferico,
nelle tecnologie pulite, nelle tecnologie di produzione e nella gestione patrimoniale.
Nel 2003 la spesa ambientale totale è stata pari all'1,6% del PIL ed è stata inferiore al 1,2%
del 2012 (anno in cui si è assistito ad una crescita particolarmente rapida del PIL). Nel 2012,
la spesa ambientale totale operata dal settore pubblico in Turchia è stata pari a 17,6 miliardi
di TRY (7 miliardi di euro), composta al 67,6% dalle spese correnti e al 32,4 % dagli
investimenti. Il governo ha contribuito al 73,1% del finanziamento totale, mentre il contributo
del settore pubblico è stato del 26,9%. Il governo locale ha fornito il 79,7% del totale dei
finanziamenti governativi.
Esistono circa 150 aziende nel mercato ambientale locale, con competenze per lo più
amministrative e una capacità generalmente limitata nell'assumere progetti ambientali su
ampia scala. I problemi affrontati dalle imprese locali sono la mancanza di standard generali,
268
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
di soluzioni specifiche adottate per ciascun settore, le carenze nel controllo degli impianti di
trattamento e di riciclaggio e la mancanza di chiarezza tra i ruoli delle amministrazioni centrali
e quelle locali.
Le imprese locali tendono a cercare partner stranieri per assumere progetti più grandi e le
norme sono diventate sempre più favorevoli agli investimenti esteri. Le società straniere
hanno intrapreso progetti in vari settori, quali la gestione delle acque, delle acque reflue e dei
rifiuti solidi.
Gestione delle risorse idriche
L'agricoltura, che rappresenta il 74% dell'attuale consumo della Turchia, rimarrà anche in
futuro il principale settore ad alto consumo di acqua. Per questo motivo, a partire dal 1970, la
Turchia ha compiuto importanti investimenti nello sviluppo e nel miglioramento delle
infrastrutture idriche e degli impianti d'irrigazione. Al fine di conservare l'acqua e aumentare la
produzione agricola, sono state introdotte nuove e più efficienti tecniche di irrigazione, che
minimizzano l'impatto ambientale. Il GAP nel bacino del Tigri e dell'Eufrate, che sta
letteralmente trasformando le limitrofe aree desertiche in fertili terreni agricoli, è riconosciuto
come modello di transizione dal semplice sviluppo dell'acqua alla gestione efficiente delle
risorse idriche.
Essendoci una forte relazione tra la gestione sostenibile delle acque e lo sviluppo economico,
è di primaria importanza garantire gli investimenti nel settore idrico, prendendo in
considerazione anche le preoccupazioni ambientali. Al fine di superare gli ostacoli finanziari
degli investimenti, le imprese private, sia locali che straniere, sono state incoraggiate
attraverso il modello BOT.
Lo sviluppo delle risorse idriche costituisce un elemento importante del programma di
sviluppo economico della Turchia. Ci sono diverse sfide importanti, che costituiscono la base
per l'azione futura. Tutte queste devono essere superate attraverso lo sviluppo delle risorse
idriche in modo equo, ragionevole ed ottimale. Pertanto, è molto importante che lo sviluppo,
la gestione, l'uso e la tutela delle risorse idriche vengano pianificati in maniera integrata,
tenendo conto di tutte le esigenze economiche e sociali del popolo.
Gestione della sicurezza alimentare
Ci sono barriere alle esportazioni dovute alla scarsa qualità dei prodotti che riducono la
quota turca nei mercati alimentari mondiali. Tuttavia, è generalmente migliorata l'infrastruttura
per quanto riguarda le questioni di sicurezza alimentare, come i requisiti legali minimi richiesti
dalle autorità del paese importatore e/o dalle catene di distribuzione alimentare
multinazionali. Ad esempio, le osservazioni dimostrano che ci sono grandi miglioramenti nella
produzione di latte; la qualità del latte supera ormai i requisiti minimi del Codice Alimentare.
269
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
La motrice principale di questo miglioramento è l'esistenza di aziende caseari nazionali e
internazionali che elevano gli standard di qualità del mercato.
La consapevolezza della qualità da parte del consumatore e del produttore deve essere
migliorata per superare in modo efficace i problemi del sistema di garanzia della qualità in
Turchia. Pertanto, la cooperazione tra le diverse istituzioni governative, e anche la
collaborazione dei media, sono necessarie per informare il grande pubblico sulla qualità degli
alimenti. Gli investimenti nelle infrastrutture da parte delle istituzioni pubbliche sono necessari
per sviluppare ulteriormente le condizioni di base per la produzione di alimenti sicuri e di
qualità. Il processo di adesione all'UE rappresenta un sostegno allo sviluppo della qualità
alimentare e la sua prosecuzione sarà una motrice importante per i prossimi anni, come lo
sarà il sostegno da parte dell'UE e di altre organizzazioni internazionali, quali la Banca
Mondiale.
Agricoltura biologica
La Turchia vanta la più vasta superficie biologicamente coltivata dell'intero Mediterraneo ed è
un mercato aperto allo sviluppo, che opera ai sensi di una normativa redatta sul modello
dell'Unione Europea. Terreni arabili e non inquinati rendono la Turchia una destinazione
privilegiata per la produzione biologica. Come già riportato in precedenza, il Progetto Anatolia
Sud Orientale (GAP) è il più grande programma di sviluppo regionale della Turchia; esso
mira a rendere la regione un importante esportatore di prodotti agricoli a livello mondiale
grazie anche alla sua vicinanza ai mercati del Medio Oriente, che vantano un valore di circa
150 miliardi di euro. Il GAP detiene il 50% dell'intera produzione di cotone della Turchia. Da
tale punto di vista è un centro di attrazione sia per gli investitori e gli acquirenti nonché per
quelle aziende che mirano a vendere attrezzature e servizi di consulenza.
Sul lato B2B, nonostante l'enorme potenziale del settore, le opportunità sono ancora
inutilizzate. Gli indicatori di produttività agricola della Turchia non sono alla pari con le medie
internazionali. La necessità di trasferimento di tecnologie e miglioramenti della produttività
rappresenta un'ottima occasione per le aziende che operano nel settore.
Mentre l'esportazione verso la Turchia è più difficile che in altri mercati europei, i prodotti
internazionali sono sempre ben accetti parallelamente all'aumento del reddito pro capite e del
livello d'istruzione. Alla luce dell' enorme potenziale non sfruttato, la Turchia rappresenta una
rara opportunità, con la possibilità di ampi ritorni per gli esportatori disposti a cimentarsi sul
mercato. Il mercato di consumatori della Turchia di circa 77 milioni, la crescente domanda per
la cucina occidentalizzata, un miglioramento dell'economia guidato da una tendenza verso i
prodotti di alto valore, un settore turistico in forte espansione e un contesto normativo sempre
più facilitante l'accesso al mercato per gli stranieri rendono la Turchia un meta interessante
per gli esportatori italiani.
270
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Pesca e acquacoltura
L'acquacoltura è un mercato in crescita e la Turchia è uno dei mercati più consistenti e in via
di sviluppo dell'Acquacoltura Europea con una quota di mercato del 7,2% e un tasso di
crescita annua dell'l'8%. Il Paese è il quarto più grande produttore in Europa. Come discusso
in precedenza, il mercato turco è in gran parte dominato da due specie di pesci: le trote e le
spigole/orate. Ciò corrisponde al 13% del mercato europeo della spigola/orata, che è il
secondo segmento nell'UE con un tasso del 6% annuo. Allo stesso modo, l'acquacoltura
turca è supportata dal crescente mercato locale.
La Turchia offre una produzione a basso costo soprattutto nel settore della spigola/orata e gli
investimenti nell'acquacoltura sono sostenuti dallo Stato, in quanto forniscono un contributo
significativo alle esportazioni. Le coste e i regolamenti turchi consentono la realizzazione di
allevamenti su ampia scala.
In questo contesto, l'introduzione di nuove specie aventi un valore più elevato quali il tonno a
pinna blu, la sogliola, lo storione, la cernia bianca, il caviale, ecc. sembra redditizia sia per il
mercato nazionale che quello internazionale.
Energia rinnovabile
Idroelettrico
Il Governo turco spera di aumentare la capacità idroelettrica a 45.000 MW entro il 2020.
Ultimamente si prevede la costruzione di oltre 350 centrali per poter sfruttare i rimanenti siti
idroelettrici, con un potenziale di circa 80.000 GWh all'anno. Questo piano a lungo termine
porterebbe ad un'ulteriore capacità idroelettrica di 19.300 MW ad un costo di oltre 30 miliardi
di euro.
Attualmente sono operative 172 centrali idroelettriche con una capacità totale installata di
13,7 GW e una produzione annuale di energia pari a 47,8 TWh. Altre 94 centrali, per una
capacità totale di 5,2 GW e un potenziale energetico annuo di circa 17,560 GWh, sono in
costruzione. Ulteriori 506 centrali idroelettriche saranno costruite nel prossimo futuro,
raggiungendo una capacità installata totale di 63,24 GW e una produzione annua di circa 155
TWh entro il 2020. Sulla base di uno studio pubblicato di recente dallo Ente Idraulico Statale
sulle piccole centrali idroelettriche, un ulteriore potenziale tecnico energetico di circa 5
TWh/anno potrebbe essere acquisito, 3 TWh dei quali appaiono come economicamente
fattibili. Una percentuale tra il 32% e il 35% della domanda elettrica prevista, compresa tra i
440 e i 480 TWh, può essere soddisfatta tramite l'energia prodotta dalle centrali
idroelettriche.
271
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Eolico
Si registra un grande interesse da parte degli operatori privati per la costruzione di parchi
eolici, ma il principale ostacolo nel processo di autorizzazione è la limitata capacità di
trasmissione. Nonostante i problemi della regolamentazione, gli investimenti eolici sono un
settore abbordabile dagli investitori aventi dimensioni relativamente piccole.
Solare
Il potenziale della Turchia in qualità di mercato del fotovoltaico è molto elevato, poiché il
paese è molto adatto in termini di irraggiamento e di grandi terreni disponibili per i parchi
solari. Ci sono più di 30.000 piccole aree residenziali dove l’elettricità ottenuta dall'energia
solare potrebbe probabilmente essere più economica di quella fornita dalla rete. Un altro
potenziale per il mercato fotovoltaico è rappresentato dai villaggi delle vacanze situati presso
le lunghe zone costiere. Queste strutture sono spesso lontane dai principali nodi di rete e
richiedono una potenza aggiuntiva quando il livello di irraggiamento solare è alto. Nonostante
questo potenziale commerciale, la domanda di energia in Turchia è talmente alta che i servizi
si concentrano su grandi centrali elettriche convenzionali e impianti di carico massimo.
Il riscaldamento dell'acqua domestica è attualmente la primaria tecnologia solare utilizzata. Si
stima che dal 1980 ad oggi siano stati installati circa 30.000 impianti di riscaldamento solare.
Questa è una frazione minima del potenziale totale in quanto circa il 50% degli edifici
esistenti può essere dotato in modo efficace di un riscaldatore solare per l’acqua.
Estendendo al 2025 la proiezione di tale potenziale, sembra necessaria l'installazione di circa
5 milioni di sistemi. Esiste un alto numero di aziende nel settore solare e quindi fornitori di
attrezzature, consulenti e investitori possono facilmente trovare posto in questo mercato.
Biomassa
Essendo il biogas vincolato ai residui agricoli, ha un elevato potenziale per sostituire il
carbone e la lignite utilizzati per produrre elettricità. Gli impianti di biogas sono considerati
forti alternative ai sistemi di riscaldamento tradizionali nelle zone rurali della Turchia. Le
pompe di calore geotermico rappresentano un'applicazione relativamente nuova dell'energia
geotermica che è cresciuta rapidamente negli ultimi anni. Il principale vantaggio delle pompe
di calore geotermico è rappresentato dal fatto che utilizzano il 50% in meno dell'energia
elettrica rispetto ai sistemi tradizionali di riscaldamento e di raffreddamento. Le pompe di
calore geotermico possono inoltre ridurre il consumo energetico e le relative emissioni
inquinanti fino al 44% rispetto alle pompe di calore ad aria e fino al 72% rispetto al
riscaldamento a resistenza elettrica con impianti standard di climatizzazione.
C. SISTEMA GENERALE DEGLI INCENTIVI
Oltre agli incentivi specifici forniti a settori specifici, in Turchia esiste un sistema generale di
incentivi. L'obiettivo di questo sistema è di favorire le esportazioni, l'alta tecnologia, lo
sviluppo della competitività del Paese, l'aumento del tasso d'occupazione, la continuazione
272
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
degli investimenti e il mantenimento dello sviluppo sostenibile. La base giuridica del nuovo
sistema di incentivazioni è stata completata a seguito della pubblicazione sulla Gazzetta
Ufficiale, in data 19 giugno 2012 e 20 giugno 2012, del Decreto del Consiglio dei Ministri n.
2012/3305 che regola il nuovo sistema di incentivi e del comunicato del Ministero
dell'Economia.
Definizione di Investimento
L'investimento è definito come il totale delle spese sostenute per impianti e macchinari. Le
spese in conto capitale d'esercizio o le spese per esercizio non sono invece considerate.
Obbligo dell'Ottenimento del Certificato d'Incentivo
Per poter beneficiare degli incentivi, si deve ottenere il rilascio di un certificato
d'incentivazione. Il certificato, tra l'altro, comprende un elenco di tutte le attrezzature e delle
spese oggetto del certificato stesso. Dopo il loro completamento, i certificati di incentivazione
per investimenti devono essere chiusi. Le spese d'investimento sostenute prima della data di
applicazione non sono coperte dal certificato di incentivazione.
Procedura per l'Ottenimento del Certificato
Le domande devono essere presentate al Ministero dell'Economia. Tuttavia, a seconda delle
preferenze della società, le richieste relative agli investimenti inferiori ai 10 milioni di TRY
possono essere presentate all'ufficio locale del Ministero dell'Economia sito nel luogo dove
sarà effettuato l'investimento. Nel caso la richiesta venga accettata, il Ministero rilascia il
certificato di incentivazione per gli investimenti e gli elenchi dei macchinari e delle
attrezzature contemplate dallo stesso.
Linee Generali del Nuovo Sistema di Incentivi
L'attuale sistema degli incentivi turco può essere sintetizzato come segue:
Tabella 47: Sistema Turco degli Incentivi
Esenzione VAT
(Imposta sul Valore
Aggiunto)
Esenzione dalle
Tasse Doganali
Riduzione
sull'Imposta sui
Redditi
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Contributo Statale
ai Premi
Assicurativi dei
Esenzione VAT
(Imposta sul
Valore Aggiunto)
Esenzione dalle
Tasse Doganali
Esenzione VAT
(Imposta sul
Valore Aggiunto)
Esenzione dalle
Tasse Doganali
Riduzione
sull'Imposta sui
Redditi
Contributo Statale
ai Premi
Assicurativi dei
Esenzione VAT
(Imposta sul Valore
Aggiunto)
Esenzione dalle
Tasse Doganali
Riduzione
sull'Imposta sui 273
Redditi
Contributo Statale
ai Premi
Assicurativi dei
Le regioni di questa struttura sono come di seguito definite:
274
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Figura 35: La Nuova Mappa degli Incentivi
1. Incentivi Generali
Tutti gli investimenti al di sopra del livello minimo possono beneficiare degli incentivi ma il
livello minimo delle spese di investimento varia a seconda della regione. Tali valori minimi
sono i seguenti:
Tabella 48: Livello Minimo dell'Investimento
Livello Minimo dell'Investimento
Regioni 1 e 2
TRY 1 milione
Regioni 3, 4, 5 e 6
TRY 500.000
Gli elementi degli incentivi generali sono i seguenti:
Tabella 49: Elementi degli Incentivi Generali:
Incentivi
Esenzione dalle Tasse Doganali
Esenzione dall'Imposta sul Valore Aggiunto
Incentivo sulla Ritenuta d'Acconto sul Reddito d'Impresa (solo Regione 6)
Contributo ai premi sociali e assistenziali a carico del dipendente (solo Regione 6 e
attività di costruzione nei cantieri navali)
275
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
2. Incentivi Regionali
Gli investimenti beneficiano di elementi di incentivazione specifici per ogni regione. La tabella
seguente mostra l'elenco dei distretti in ogni regione e gli incentivi ad essi associati:
Tabella 50: Elementi degli Incentivi Regionali
Regione
Distretto
Investimento
6
Minimo
Regione 1
Ankara, Antalya, Bursa,
Eskisehir, Istanbul, Izmir,
Kocaeli, Mugla
TRY 1 milione
II. Regione
Adana, Aydin, Bolu, Canakkale,
Denizli, Edirne, Isparta, Kayseri,
Kirklareli, Konya, Sakarya,
Tekirdag, Yalova
TRY 1 milione
III. Regione
Balikesir, Bilecik, Burdur,
Gaziantep, Karabuk, Karaman,
Manisa, Mersin, Samsun,
Trabzon, Usak, Zonguldak
TRY 500.000
IV. Regione
Afyonkarahisar, Amasya, Artvin,
Bartin, Corum, Duzce, Elazig,
Erzincan, Hatay, Kastamonu,
Kirikkale, Kirsehir, Kutahya,
Malatya, Nevsehir, Rize, Sivas
TRY 500.000
Adiyaman, Aksaray, Bayburt,
Cankiri, Erzurum, Giresun,
Gumushane, Kahramanmaras,
Kilis, Nigde, Ordu, Osmaniye,
Sinop, Tokat, Tunceli, Yozgat
TRY 500.000
Agri, Ardahan, Batman, Bingol,
Bitlis, Diyarbakir, Hakkari, Igdir,
Kars, Mardin, Mus, Siirt,
Sanliurfa, Sirnak, Van
TRY 500.000
V. Region
VI. Regione
Incentivi
Esenzione dalle Tasse Doganali
Esenzione dall'Imposta sul Valore Aggiunto
Riduzione sull'Imposta sui Redditi
Contributo ai premi assicurativi a carico del
datore di lavoro
Sussidio allocazione terreno
Esenzione dalle Tasse Doganali
Esenzione dall'Imposta sul Valore Aggiunto
Riduzione sull'Imposta sui Redditi
Contributo ai premi assicurativi a carico del
datore di lavoro
Sussidio allocazione terreno
Esenzione dalle Tasse Doganali
Esenzione dall'Imposta sul Valore Aggiunto
Riduzione sull'Imposta sui Redditi
Contributo ai premi assicurativi a carico del
datore di lavoro
Sussidio allocazione terreno
Contributo agli interessi
Esenzione dalle Tasse Doganali
Esenzione dall'Imposta sul Valore Aggiunto
Riduzione sull'Imposta sui Redditi
Contributo ai premi assicurativi a carico del
datore di lavoro
Sussidio allocazione terreno
Contributo agli interessi
Esenzione dalle Tasse Doganali
Esenzione dall'Imposta sul Valore Aggiunto
Riduzione sull'Imposta sui Redditi
Contributo ai premi assicurativi a carico del
datore di lavoro
Sussidio allocazione terreno
Contributo agli interessi
Esenzione dalle Tasse Doganali
Esenzione dall'Imposta sul Valore Aggiunto
Riduzione sull'Imposta sui Redditi
Contributo sulla Ritenuta d'Acconto sul
Reddito d'Impresa
Contributo ai premi assicurativi a carico del
datore di lavoro
Contributo ai premi assicurativi a carico del
lavoratore
Sussidio allocazione terreno
Contributo agli interessi
Rimborso VAT
6
La spesa minima di investimento è pari a 200.000 TRY per ogni società di locazione finanziaria per gli investimenti finanziati dalla locazione finanziaria. 276
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
3. Investimenti su ampia scala
Incentivi sono concessi agli investimenti definiti 'su ampia scala" e la struttura degli incentivi
cambia a seconda della posizione geografica.
Attualmente, gli investimenti effettuati in dodici settori sono accettati come investimenti su
ampia scala. Tuttavia, per alcuni di questi settori, il livello minimo dell'investimento è diverso
rispetto alla soglia di 50 milioni di TRY. Le categorie di investimento su ampia scala e il
relativo livello minimo di investimenti richiesto.
Tabella 51: Investimento Minimo Richiesto per Investimenti su Ampia Scala
Industria
Investimento
(Milioni TRY)
Produzione di Prodotti Petroliferi Raffinati
1,000
Produzione di Sostanze e Prodotti Chimici
200
Investimenti Portuali e Servizi Portuali
200
Investimenti nell'Industria Indotta dei Autoveicoli Terrestri
- Investimenti nell'ındustria principale dei veicoli terrestri
200
- Investimenti nell'ındustria indotta dei veicoli terrestri
50
Investimenti nella Produzione di Locomotive e/o Vagoni Ferroviari e Tram
50
Investimenti nei Servizi di Trasporto tramite Condutture di Transito
Investimenti nell'Industria Elettronica
Investimenti nella Produzione di Dispositivi Medici, Sensibili e Attrezzature
Ottiche
Investimenti nella Produzione di Medicinali
Investimenti nella Produzione di Veicoli Aerei/Spaziali e/o Parti di Essi
Investimenti nella Produzione di Macchinari (incluso i Macchinari e gli Strumenti
Elettronici)
Investimenti nella Produzione di Metalli: Investimenti per la produzione finale di
metalli partendo da minerali e/o dai concentrati dei minerali metallici citati
nell'allegato IV/c della Legge Mineraria (inclusi gli investimenti minerari integrati
in questi impianti)
50
50
50
50
50
50
50
Gli incentivi per gli investimenti su ampia scala sono i seguenti:
277
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Tabella 52: Incentivi su Ampia Scala
Incentivi
Esenzione dalle Tasse Doganali
Esenzione dall'Imposta sul Valore Aggiunto
Riduzione sull'Imposta sui Redditi
Contributo ai premi assicurativi a carico del datore di lavoro
Sussidio allocazione terreno
Incentivo sulla Ritenuta d'Acconto sul Reddito d'Impresa (solo Regione 6)
Contributo ai premi sociali e assistenziali a carico del dipendente (solo
Regione 6)
4. Investimenti Strategici
Gli investimenti per la produzione di beni altamente dipendenti dalle importazioni e che
soddisfano tutti i seguenti criteri vengono considerati come investimenti strategici:
Tabella 53: Criteri degli investimenti strategici
Importo minimo di investimento superiore ai 50 milioni di TRY Capacità totale della produzione inferiore all'importo importato Valore aggiunto minimo da generarsi tramite l'investimento pari al 40% L'importazione dei prodotti correlati in Turchia dell'anno precedente deve essere stata superiore ai 50 milioni di USD. Gli incentivi per gli investimenti strategici sono i seguenti:
Tabella 54: Elementi degli incentivi per investimenti strategici
Elementi degli Incentivi Strategici Esenzione dalle Tasse Doganali Esenzione dall'Imposta sul Valore Aggiunto Riduzione sull'Imposta sui Redditi Contributo ai premi assicurativi a carico del datore di lavoro Sussidio allocazione terreno Contributo agli interessi Rimborso Imposta sul Valore Aggiunto Incentivo sulla Ritenuta d'Acconto sul Reddito d'Impresa (solo Regione 6) Contributo ai premi sociali e assistenziali a carico del dipendente (solo Regione 6) 278
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
D. OPPORTUNITÀ' DI FINANZIAMENTO
Le opportunità di finanziamento in settori specifici sono dettagliate nelle relative sezioni. La
presente mira a fornire un quadro riepilogativo delle opportunità di finanziamento.
I finanziamenti esteri concessi tramite la Banca Mondiale, la Banca Europea per gli
Investimenti e le istituzioni di credito locali sostengono la maggior parte dei grandi progetti
ambientali. Questo processo sta creando una seria richiesta di competenze, servizi e prodotti
ambientali che le imprese straniere sono in grado di soddisfare. Il supporto tecnico per lo
sviluppo della capacità e per l'assistenza finanziaria è particolarmente ricercata in quanto la
Turchia mira ancora a sviluppare una propria capacità.
Finanziamento dei progetti in generale
Il meccanismo principale di finanziamento dei progetti governativi è rappresentato dagli
strumenti di finanziamento dell'UE. I progetti infrastrutturali definiti nell'ambito del Programma
d'Investimento nei Costi Ambientali sono attualmente in fase di studio di fattibilità e alcuni
sono passati alla fase d'implementazione finanziata dall'IPA (strumento di assistenza di
preadesione).
Diversi progetti di gemellaggio, nell'ambito del supporto tecnico tra le preposte unità dell'UE e
delle relative organizzazioni governative turche, sono stati implementati in collaborazione con
gli Stati membri dell'UE. Recenti progetti di gemellaggio sono stati condotti nel settore della
qualità dell'aria, dei prodotti chimici e dei campi di gestione dei rifiuti solidi.
Vari altri progetti sono stati finanziati tramite i fondi comunitari stanziati per il settore
ambientale, quali l’adeguamento delle norme di salute e della sicurezza sul lavoro, stabilendo
standard ambientali nel settore tessile e di sviluppo della capacità nel settore ambientale
279
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
(compresa l'educazione ambientale, gli investimenti economici e i progetti di gestione dei
rifiuti).
Anche la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) è un'importante agenzia di finanziamento.
Oltre agli investimenti diretti esteri e alle attività del settore privato, la BEI attribuisce
particolare importanza ai progetti del settore sociale, quali la sanità, l'istruzione e la tutela
dell'ambiente. Finora, il sostegno finanziario della BEI è stato rivolto allo sviluppo delle
infrastrutture in Turchia.
In aggiunta, anche le banche private in Turchia finanziano vari progetti ma in modo molto più
restrittivo.
IPARD: Strumento di assistenza pre-accettazione - Programma di sviluppo rurale
L'IPARD sostiene, sotto forma di sovvenzioni, i progetti di acquacoltura e di trasformazione e
commercializzazione del pescato. L'importo massimo della sovvenzione varia a seconda del
progetto e il programma è applicabile solo in alcuni distretti della Turchia.
I supporti all'acquacoltura sono concessi per le seguenti regioni:
280
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Figura 36: Mappa dei Sostegni per l'Acquacoltura
281
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Supporti per la trasformazione dei prodotti marini e di marketing sono forniti nei seguenti
quartieri:
Figura 37: Mappa dei Sostegni per la Lavorazione e la Commercializzazione del Pescato
Marittimo
Finanziamento di progetti ambientali, idrici, alimentari e energetici
L'interesse delle istituzioni finanziarie nel finanziare questi mega settori potrebbe essere
aumentato drasticamente dopo la crisi finanziaria globale, ma le condizioni di finanziamento
in Turchia continuano ad essere onerose per gli investitori. Il ricordo della crisi finanziaria è
fresco nelle menti dei finanziatori e le condizioni volatili di mercato continuano a costituire un
rischio. Di conseguenza, i finanziatori esigono dagli sponsor sicurezza, affidabilità creditizia,
finalizzazione e garanzie di prezzo. Nel mercato turco, il finanziamento non è mai stato facile
per gli investitori e questa realtà è stata uno dei principali motivi per cui i gruppi di aziende
282
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
locali, a prescindere dai loro punti di forza, si sono messi alla ricerca di partner stranieri per la
realizzazione di grandi progetti. Anche prima della crisi, gli sponsor non sono stati in grado di
ottenere finanziamenti pro-soluto, che sono garantiti dalle attività di progetto e ripagati tramite
il progetto stesso. Durante la crisi, tuttavia, le condizioni di finanziamento sono diventate
molto più severe. Anche se le banche offrono limitati finanziamenti pro-soluto per i progetti, il
costo totale e le garanzie necessarie li rendono molto simili ai finanziamenti aziendali a
rivalsa totale. Inoltre, gli sponsor sono ancora tenuti a finalizzare costosi rapporti di adeguata
verifica tecnica e finanziaria per i loro progetti, necessari per ottenere prestiti per la
realizzazione dei progetti. Anche se le condizioni sono diverse per ciascun progetto, il
contesto generale dei finanziamenti non è migliorato di granché dopo la crisi finanziaria
globale.
La legislazione turca prevede "diritti step-in" a favore dei finanziatori, ma questi non li
considerano sufficienti. Ad esempio, ai sensi dell'articolo 5 del Regolamento delle
Autorizzazione del Mercato Elettrico, le banche o le istituzioni finanziarie che forniscono
prestiti ai progetti hanno il diritto di rivolgersi all'EPDK e richiedere il trasferimento della
licenza del progetto ad un altro soggetto giuridico. Tuttavia, specialmente i finanziatori
stranieri, nutrono delle riserve su come questa procedura possa funzionare nella pratica.
Soprattutto per quanto riguarda gli impianti idroelettrici ed eolici, è improbabile che il nuovo
meccanismo possa migliorare le condizioni dei finanziamenti. Infatti, il premio riconosciuto
per l'utilizzo delle apparecchiature di produzione locale potrebbe complicare il processo di
finanziamento, piuttosto che facilitarlo. Il tipo, la marca e la tecnologia delle apparecchiature
del progetto sono sempre stati importanti per i finanziatori, ma queste considerazioni sono
sorpassate dalla reputazione generale degli sponsor del progetto. Ora, però, le banche e le
istituzioni finanziarie europee quali la Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo
(BERS), affermano che richiederanno un ulteriore rapporto di adeguata verifica atto a
dimostrare che, a seguito dell'introduzione del meccanismo, le attrezzature fabbricate
localmente vengano acquistate ad un equo valore di mercato e non ad un prezzo più alto.
Con i prezzi di mercato a pronti, considerati troppo bassi a causa di un eccesso di offerta e
del meccanismo di sostegno che non offre alternative, la possibilità di concludere contratti
bilaterali di acquisto a lungo termine aiuterà gli sponsor dei progetti nei loro sforzi per
ottenere i necessari finanziamenti.
In tale contesto, le banche per lo sviluppo sono un'altra possibile fonte di finanziamento dei
progetti. L'International Finance Corporation (IFC), la Banca Europea per gli Investimenti
(BEI), la Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo (BERS), così come l'Agenzia
Francese per lo Sviluppo (AFD) hanno rilasciato finanziamenti per progetti di investimenti in
Turchia o hanno collaborato con le banche turche per lo stesso scopo.
La TSKB detiene la leadership nel finanziamento dei progetti di energia rinnovabile e
ambientali. La banca ha finanziato più di sessantacinque progetti idroelettrici per una una
283
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
capacità superiore ai 2.150 MW , impianti eolici, centrali geotermiche e una centrale a
biomasse. Tra questi, sette impianti idroelettrici (capacità 150 MW), un impianto eolico
(capacità 30 MW), un impianto geotermico (capacità 10 MW) e l'impianto a biomasse sono
già in servizio.
La BERS sta fornendo finanziamenti attraverso due fondi, rispettivamente il TurSEFF e il
MidSEFF. Il TurSEFF offre fino a 3,70 milioni di euro per i progetti d'efficienza energetica e
per i progetti di energia rinnovabile. 220.000 euro sono disponibili per progetti su piccola
scala, mentre 55.000 euro sono concessi ai Progetti del Settore Residenziale. Il MidSEFF è
stato introdotto per il finanziamento di progetti di energia sostenibile di media entità ed è stato
lanciato dalla BERS con il sostegno della Banca Europea per gli Investimenti (BEI) e la
Commissione Europea (UE). Questo programma fornisce 975 milioni di euro per lo sviluppo
di progetti di media entità del settore privato dediti alle energie rinnovabili, alla conversione
dei rifiuti in energia e all'efficienza industriale. Questi prestiti sono forniti attraverso alcune
delle principali banche turche quali la Akbank, la Denizbank, la Finansbank, la Garanti, la
Isbank, la Vakıfbank e la Yapi Kredi.
La Turchia è membro della International Finance Corporation (IFC) sino dal 1956, ed è il
quarto cliente in termini di portafoglio degli impegni. La IFC investe nell'efficienza energetica,
nelle energie rinnovabili, nelle municipalità e nelle regioni più povere dei paesi. Secondo i
propri dati, in Turchia la IFC ha investito 30 milioni di euro e ha mobilitato 96 milioni di euro
per 13 progetti.
284
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Progetti nel settore Ambiente
ASSISTENZA TECNICA E SUPERVISIONE PER IL PROGETTO DI
ACQUE REFLUE E PIOVANE A CEYHAN
Tipologia progetto
□
Nuovo
Potenziamento
Riabilitazione
□
Descrizione del progetto
Il consulente fornirà assistenza tecnica per il rafforzamento delle capacità e la modernizzazione
delle Dipartimento delle Acque della Municipalità di Ceyhan al fine di consentire l'attuazione dei
progetti previsti e degli obiettivi FOPIR (Miglioramento della Performance Finanziaria e
Operazionale) e per la supervisionare dei lavori di costruzione dell'impianto di trattamento delle
acque reflue nonché per la sostituzione del collettore esistente che sarà attuata secondo il FIDIC
Yellow Book e la costruzione del sistema di raccolta delle acque piovane ai sensi del FIDIC Red
Book.
Nell'ambito dell'assistenza tecnica, il consulente fornirà i necessari corsi di formazione necessari e
le attività di sviluppo delle capacita'.
Budget indicativo: EUR 1,752,845
Informazioni disponibili
Studi di pre fattibilità
□
Studi di mercato
□
Altro
Contributo del promotore locale
NA – Progetto di Servizio Individuale
Contributo richiesto dal partner italiano
Tecnologia, know-how, formazione, finanziamento, prezzi competitivi
Tempistica e scadenza
Status: Preventivo - Scadenza: Non specificata
Eventuali altri partner coinvolti nel progetto
Variabile
Finanziamento locale/italiano/internazionale inerente il progetto
IPA Budget 13.05.02 del Budget Generale EC (75%) e Contributo Nazionale (25%)
285
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
ASSISTENZA TECNICA E SUPERVISIONE PER IL PROGETTO DI
ACQUE E ACQUE REFLUE IN BULANCAK
Tipologia progetto
Nuovo
Potenziamento
Riabilitazione
□
□
Descrizione del progetto
- Assistenza tecnica all'a municipalità di Bulancak e Unità di Implementazione Progettuale (PIU)
attraverso sviluppo della capacità' amministrativa e tecnica, ammodernamento del Dipartimento delle
Acque e assistenza della Municipalità nella formazione e gestione di un efficace dipartimento delle
acque e delle acque reflue,
- Servizi di supervisione per la realizzazione di un progetto di acqua potabile che sarà implementato
sulla base delle condizioni contrattuali FIDIC,
- Redazione della progettazione dettagliata, dei disegni e della documentazione d'appalto per la
realizzazione del progetto di acque reflue e la supervisione dei lavori di costruzione,
- Assistenza durante la fase d'appalto e di contrattazione
Valore Totale del Contratto: 9.808.614,84
Nell'ambito dello scopo di tale contratto, saranno realizzate le seguenti attività:
- Sostituzione degli allacciamenti domestici (7000 unità)
- Sostituzione della rete idrica (circa 103,6 km)
- Realizzazione e rinnovamento dei nuovi depositi
- Realizzazione di nuove stazioni di pompaggio e rinnovo delle esistenti
- Sostituzione di 22,64 km di linee di trasporto.
- Realizzazione di un Sistema di Cloraggio.
- Realizzazione di un sistema di monitoraggio locale.
Informazioni disponibili
Studi di pre fattibilità
□
Studi di mercato
□
Altro
Contributo del promotore locale
Gestione sul sito, organizzazione degli approvvigionamenti locali, relazioni con le autorità
locali, conformità alla normativa locale.
Contributo richiesto dal partner italiano
Tecnologia, know-how, finanziamento, prezzi competitivi
Tempistica e scadenza
Il progetto ha avuto inizio li 11.07.2013 Esiste la Delibera per il Finanziamento / In fase
d'appalto
Eventuali altri partner coinvolti nel progetto
Variabile
286
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Finanziamento locale/italiano/internazionale inerente il progetto
IPA Budget 13.05.02 del Budget Generale EC e Contributo Nazionale.
IPA - REALIZZAZIONE DEL COLLETTORE PRINCIPALE DI
ACQUE REFLUE IN ADIYAMAN
Tipologia progetto
Nuovo
Potenziamento
Riabilitazione
□
□
Descrizione del progetto
Il contratto consterà dei seguenti lavori:
— Realizzazione di circa 24 km. di collettori per il trasporto delle acque reflue all'impianto di
trattamento,
— Realizzazione di circa 1,64 km di linea di pompaggio,
— Realizzazione di un sifone,
— Stazione di pompaggio per la raccolta delle acque reflue urbane (4 pompe).
Il contratto sarà implementato sulla base delle condizioni definite dal datore di lavoro per i lavori di
ingegneria e realizzazione degli edifici (FIDIC Red Book).
Informazioni disponibili
Studi di pre fattibilità
□
Studi di mercato
□
Altro
Contributo del promotore locale
Gestione sul sito, organizzazione degli approvvigionamenti locali, relazioni con le autorità
locali, conformità alla normativa locale.
Contributo richiesto dal partner italiano
Tecnologia, know-how, finanziamento, prezzi competitivi
Tempistica e scadenza
Esiste la Delibera per il Finanziamento / In fase d'appalto
Eventuali altri partner coinvolti nel progetto
Variabile
287
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Finanziamento locale/italiano/internazionale inerente il progetto
IPA Budget 13.05.02 del Budget Generale EC e Contributo Nazionale.
288
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
IPA - ASSISTENZA TECNICA E SUPERVISIONE PER IL
PROGETTO DI ACQUE REFLUE IN ADIYAMAN
Tipologia progetto
Nuovo
Potenziamento
Riabilitazione
□
□
Descrizione del progetto
I doveri principali del Consulente sono i seguenti:
Assistenza Tecnica per la riabilitazione dell'esistente rete idrica e sistema di distribuzione:
— determinazione delle perdite d'acqua e pianificazione della loro manutenzione,
— preparazione dei progetti e della documentazione d'appalto sulla base di FIDIC Red Book,
— preparazione dei ToR per la consulenza di supervisione,
— assistenza tecnica per l'appalto;
sviluppo della capacità del Dipartimento delle Acque della Municipalità;
ammodernamento dei servizi del Dipartimento delle Acque;
supervisione dei lavori di costruzione;
— supervisione per la realizzazione dell'impianto di trattamento delle acque reflue di Adıyaman,
— supervisione per la realizzazione del collettore principale di acque reflue di Adıyaman;
Assistenza tecnica per la fornitura di equipaggiamenti e software:
— revisione e verifica della documentazione dell'appalto della fornitura e ricerca di mercato,
— assistenza durante la fase d'appalto e di contrattazione.
Budget indicativo:
EUR 3.145.478
Informazioni disponibili
Studi di pre fattibilità
□
Studi di mercato
□
Altro
Contributo del promotore locale
Gestione sul sito, organizzazione degli approvvigionamenti locali, relazioni con le autorità
locali, conformità alla normativa locale.
Contributo richiesto dal partner italiano
Tecnologia, know-how, finanziamento, prezzi competitivi
Tempistica e scadenza
Esiste la Delibera per il Finanziamento / In fase d'appalto
Eventuali altri partner coinvolti nel progetto
Variabile
289
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Finanziamento locale/italiano/internazionale inerente il progetto
IPA Budget 13.05.02 del Budget Generale EC e Contributo Nazionale.
IPA - REALIZZAZIONE DELL'IMPIANTO PER IL
TRATTAMENTO DI ACQUE REFLUE (WWTP) IN ADIYAMAN
Tipologia progetto
Nuovo
Potenziamento
Riabilitazione
□
□
Descrizione del progetto
Il contratto comprende principalmente i lavori civili, meccanici e elettrici del WWTP e la formazione.
Il contratto prevede la progettazione, la realizzazione, l'operazione e la manutenzione di un WWTP
per la Municipalità di Adıyaman e include la realizzazione della prima fase dell'impianto di
trattamento delle acque reflue e della condotta di mandata.
ıl WWTP di Adıyaman consterà di un sistema di areazione con nitrificazione/denitrificazione e
rimozione del fosforo, per una popolazione di 245.490 persone e un equivalente industriale pari a
71.857.
Il contratto sarà implementato sulla base delle Condizioni FIDIC per i Contratti per la Progettazione e
Realizzazione degli Impianti (Yellow Book).
Informazioni disponibili
Studi di pre fattibilità
□
Studi di mercato
□
Altro
Contributo del promotore locale
Gestione sul sito, organizzazione degli approvvigionamenti locali, relazioni con le autorità
locali, conformità alla normativa locale.
Contributo richiesto dal partner italiano
Tecnologia, know-how, finanziamento, prezzi competitivi
Tempistica e scadenza
Esiste la Delibera per il Finanziamento / In fase d'appalto
Eventuali altri partner coinvolti nel progetto
Variabile
Finanziamento locale/italiano/internazionale inerente il progetto
IPA Budget 13.05.02 del Budget Generale EC e Contributo Nazionale.
290
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
REALIZZAZIONE DELLA
RETE DI RACCOLTA DELLE ACQUE REFLUE DI AKŞEHIR
Tipologia del progetto
Nuovo
□
Potenziamento
Riabilitazione
Descrizione del progetto
Il contratto, implementato ai sensi del FIDIC Red Book, consiste del potenziamento della rete
fognaria e della realizzazione di nuove connessioni per gli utenti nonché della sostituzione e
riabilitazione della fogna principale.
Informazioni disponibili
Studi di pre fattibilità
□
Studi di mercato
□
Altro
Contributo del promotore locale
Gestione sul sito, organizzazione degli approvvigionamenti locali, relazioni con le autorità
locali, conformità alla normativa locale.
Contributo richiesto dal partner italiano
Tecnologia, know-how, finanziamento, prezzi competitivi
Tempistica e scadenza
Status: Preventivo - Scadenza: Non specificata
Eventuali altri partner coinvolti nel progetto
Variabile
Finanziamento locale/italiano/internazionale inerente il progetto
IPA Budget 13.05.02 del Budget Generale EC e Contributo Nazionale.
291
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
REALIZZAZIONE DELLA
RETE DI RACCOLTA DELLE ACQUE REFLUE DI AKŞEHIR
Tipologia progetto
Nuovo
Potenziamento
Riabilitazione
□
Descrizione del progetto
Il contratto sarà implementato ai sensi dei requisiti del FIDIC Red Book
Rinnovamento dell'attuale sistema di raccolta delle acque reflue lungo circa 31 km
Realizzazione di una rete di raccolta delle acque reflue in Kuruçay (Fase uno - 3,45 km diametro
3000 mm, fase due - circa 7 km diametro 300 mm)
Sostituzione dell'attuale collettore di acque reflue alla quale si connetterà il sistema del Kuruçay
(1,85 km con diametro 300 mm e 0,46 km con diametro 400 mm)
Informazioni disponibili
Studi di pre fattibilità
□
Studi di mercato
□
Altro
Contributo del promotore locale
Gestione sul sito, organizzazione degli approvvigionamenti locali, relazioni con le autorità
locali, conformità alla normativa locale.
Contributo richiesto dal partner italiano
Tecnologia, know-how, finanziamento, prezzi competitivi
Tempistica e scadenza
Status: Preventivo - Scadenza: Non specificata
Eventuali altri partner coinvolti nel progetto
Variabile
Finanziamento locale/italiano/internazionale inerente il progetto
IPA Budget 13.05.02 del Budget Generale EC (75%) e Contributo Nazionale (25%)
292
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
REALIZZAZIONE DELL'IMPIANTO DI
TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE DI AKŞEHIR
Tipologia progetto
Nuovo
Potenziamento
Riabilitazione
□
□
Descrizione del progetto
Il contratto prevede la realizzazione di un impianto di trattamento delle acque reflue (WWTP) per una
popolazione di circa 93.000 abitanti e di una condotta di mandata.
Il Contratto, soggetto al FIDIC Yellow Book, consiste delle opere di costruzione, civili, meccaniche e
elettriche, dell'avviamento dell'impianto, della messa in servizio, della formazione operativa del
personale del gestore e il trasferimento alla municipalità dell'intero impianto di trattamento delle
acque reflue pronto per il funzionamento.
Questo contratto riguarderà anche le opere civili e la posatura dei tubi e sarà inclusivo del collaudo e
della messa in servizio della linea di scarico e della fornitura delle attrezzature.
ıl WWTP comprende un impianto attivato di fanghi, nitrificazione/denitrificazione biologica,
stabilizzazione aerobica del fango nelle vasche di fanghi attivati.
Informazioni disponibili
Studi di pre fattibilità
□
Studi di mercato
□
Altro
Contributo del promotore locale
Gestione sul sito, organizzazione degli approvvigionamenti locali, relazioni con le autorità
locali, conformità alla normativa locale.
Contributo richiesto dal partner italiano
Tecnologia, know-how, finanziamento, prezzi competitivi
Tempistica e scadenza
Status: Preventivo - Scadenza: Non specificata
Eventuali altri partner coinvolti nel progetto
Variabile
Finanziamento locale/italiano/internazionale inerente il progetto
IPA Budget 13.05.02 del Budget Generale EC (75%) e Contributo Nazionale (25%)
293
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
REALIZZAZIONE DELLA DISCARICA DI RIFIUTI SOLIDI IN ÇORUM
Tipologia progetto
Nuovo
Potenziamento
Riabilitazione
□
□
Descrizione del progetto
Il contratto sarà implementato ai sensi dei requisiti del FIDIC Red Book e consterà di:
• Realizzazione di una discarica controllata avente un volume approssimativo di 3.000.000 m³
• Realizzazione di un impianto di pre-trattamento del percolato
• Realizzazione di un sistema di raccolta delle acque piovane e del percolato nella discarica
• Realizzazione di un sistema di raccolta del gas
• Realizzazione di un impianto pilota di compostaggio
• Realizzazione di un Centro Civico di Amenità (CAC)
• Fornitura dei banchi e dei container per il trasporto
• Realizzazione di quattro stazioni di trasferimento con la fornitura e l'acquisto di veicoli da discarica
• Realizzazione di un Impianto per il Recupero dei Materiali (MRF)
Informazioni disponibili
Studi di pre fattibilità
□
Studi di mercato
□
Altro
Contributo del promotore locale
Gestione sul sito, organizzazione degli approvvigionamenti locali, relazioni con le autorità
locali, conformità alla normativa locale.
Contributo richiesto dal partner italiano
Tecnologia, know-how, finanziamento, prezzi competitivi
Tempistica e scadenza
Status: Preventivo - Scadenza: Non specificata
Eventuali altri partner coinvolti nel progetto
Variabile
294
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Finanziamento locale/italiano/internazionale inerente il progetto
IPA Budget 13.05.02 del Budget Generale EC (62,25%) e Contributo Nazionale (37,75%)
REALIZZAZIONE DELL'IMPIANTO DI RACCOLTA DELLE ACQUE REFLUE
E DRENAGGIO DELLE ACQUE PIOVANE IN ERDEMLI
Tipologia progetto
Nuovo
Potenziamento
Riabilitazione
□
Descrizione del progetto
Il contratto sarà implementato ai sensi dei requisiti del FIDIC Red Book
• potenziamento del sistema fognario nelle aree non attualmente servite e posatura di circa 50 km di
rete fognaria avente tubi dal diametro compreso fra Ø200 e Ø800.
• realizzazione e potenziamento del sistema di raccolta delle acque piovane tramite la posatura di
una rete di circa 19 km il cui diametro varia fra Ø300 e Ø1000 e la realizzazione di un canale aperto
di 1 km per la fiume di Maltaşı
Informazioni disponibili
Studi di pre fattibilità
□
Studi di mercato
□
Altro
Contributo del promotore locale
Gestione sul sito, organizzazione degli approvvigionamenti locali, relazioni con le autorità
locali, conformità alla normativa locale.
Contributo richiesto dal partner italiano
Tecnologia, know-how, finanziamento, prezzi competitivi
Tempistica e scadenza
Status: Preventivo - Scadenza: Non specificata
Eventuali altri partner coinvolti nel progetto
Variabile
Finanziamento locale/italiano/internazionale inerente il progetto
IPA Budget 13.05.02 del Budget Generale EC (72,45%) e Contributo Nazionale (27,55%)
295
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
296
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
ASSISTENZA TECNICA E SUPERVISIONE PER IL PROGETTO DI
ACQUE E ACQUE REFLUE IN NIZIP
Tipologia progetto
Nuovo
Potenziamento
Riabilitazione
□
Descrizione del progetto
I doveri principali del Consulente sono i seguenti:
• supervisione della costruzione del Sistema di Fornitura d'Acqua Potabile di Nizip,
• approntamento dei progetti e della documentazione d'appalto sulla base dei requisiti PRAG e FIDIC
per il progetto delle acque reflue e supervisione della sua realizzazione,
• sviluppo delle capacità della Municipalità/del personale,
• modernizzazione del Dipartimento delle Acque della Municipalità (Mappatura, GIS, modellamento
idraulico, individuazione delle perdite ecc.).
Budget indicativo: EUR 3,100,85600
Informazioni disponibili
Studi di pre fattibilità
□
Studi di mercato
□
Altro
Contributo del promotore locale
NA – Progetto di Servizio Individuale
Contributo richiesto dal partner italiano
Tecnologia, know-how, finanziamento, prezzi competitivi
Tempistica e scadenza
Status: Preventivo - Scadenza: Non specificata
Eventuali altri partner coinvolti nel progetto
Variabile
Finanziamento locale/italiano/internazionale inerente il progetto
IPA Budget 13.05.02 del Budget Generale EC e Contributo Nazionale.
297
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
REALIZZAZIONE DELLA RETE IDRICA DI NIZIP
Tipologia progetto
Nuovo
Potenziamento
Riabilitazione
□
Descrizione del progetto
Il contratto consterà dei seguenti lavori:
a. Sostituzione degli allacciamenti domestici.
b. Rinnovamento (14,8 km di tubi in cemento con asbesto e 29,7 km di vecchie tubature in PVC sulla
base dei risultati del programma di individuazione delle perdite) e realizzazione di una nuova rete
idrica (170,7 km)
c. Installazione di un misuratore per il monitoraggio del sistema.
d. Rinnovo e realizzazione ex novo di depositi
e. Realizzazione di nuovo montante fra i nuovi depositi e la stazione di pompaggio
f. Rinnovamento della stazione di pompaggio con 6 pompe (4 in servizio e 2 di riserva)
Il contratto sarà implementato sulla base delle Condizioni FIDIC per i Contratti si Costruzione
(Yellow Book).
Informazioni disponibili
Studi di pre fattibilità
□
Studi di mercato
□
Altro
Contributo del promotore locale
Gestione sul sito, organizzazione degli approvvigionamenti locali, relazioni con le autorità
locali, conformità alla normativa locale.
Contributo richiesto dal partner italiano
Tecnologia, know-how, finanziamento, prezzi competitivi
Tempistica e scadenza
Status: Preventivo - Scadenza: Non specificata
Eventuali altri partner coinvolti nel progetto
Variabile
Finanziamento locale/italiano/internazionale inerente il progetto
IPA Budget 13.05.02 del Budget Generale EC e Contributo Nazionale.
298
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
ASSISTENZA TECNICA E SUPERVISIONE PER IL PROGETTO DI
GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI IN ÇORUM
Tipologia progetto
Nuovo
Potenziamento
Riabilitazione
□
□
Descrizione del progetto
Il Consulente dovrà eseguire quanto riportato di seguito:
·
Supervisione della realizzazione del progetto della discarica di rifiuti solidi di Çorum che sarà
implementato ai sensi del FIDIC, Red Book
·
Preparazione del design concettuale, della documentazione d'appalto per la Chiusura e
Riabilitazione delle Vecchie Discariche di Çorum che sarà implementato ai sensi del Condizioni
FIDIC Yellow Book e supervisione della realizzazione
•
Istituzione di un’Autorità autonoma per la Gestione dei Rifiuti Solidi e sviluppo delle capacità
di tale dipartimento
•
Fornitura di corsi di formazione ai dipendenti del beneficiario per la gestione di tutti i
componenti del progetto
•
Pianificazione e implementazione dell'educazione pubblica e programmazione
dell'informazione per aumentare la sensibilizzazione sul riciclaggio, riutilizzo e adeguata gestione
dei rifiuti
Informazioni disponibili
Studi di pre fattibilità
□
Studi di mercato
□
Altro
Contributo del promotore locale
Gestione sul sito, organizzazione degli approvvigionamenti locali, relazioni con le autorità
locali, conformità alla normativa locale.
Contributo richiesto dal partner italiano
Tecnologia, know-how, finanziamento, prezzi competitivi
Tempistica e scadenza
Status: Preventivo - Scadenza: Non specificata
Eventuali altri partner coinvolti nel progetto
Variabile
299
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Finanziamento locale/italiano/internazionale inerente il progetto
IPA Budget 13.05.02 del Budget Generale EC (62,25%) e Contributo Nazionale (37,75%)
REALIZZAZIONE RETE DI RACCOLTA DELLE
ACQUE REFLUE E COLLETTORI IN POLATLI
Tipologia progetto
Nuovo
Potenziamento
Riabilitazione
□
□
Descrizione del progetto
Il lavoro consta della realizzazione di una rete avente uno sviluppo complessivo di 84.252 metri con
vari diametri e la realizzazione di 5 depositi settici.
Il contratto sarà implementato sulla base delle condizioni definite dal datore di lavoro per i lavori di
ingegneria e realizzazione degli edifici (FIDIC Red Book).
Informazioni disponibili
Studi di pre fattibilità
□
Studi di mercato
□
Altro
Contributo del promotore locale
Gestione sul sito, organizzazione degli approvvigionamenti locali, relazioni con le autorità
locali, conformità alla normativa locale.
Contributo richiesto dal partner italiano
Tecnologia, know-how, finanziamento, prezzi competitivi
Tempistica e scadenza
Status: Preventivo - Scadenza: Non specificata
Eventuali altri partner coinvolti nel progetto
Variabile
Finanziamento locale/italiano/internazionale inerente il progetto
IPA Budget 13.05.02 del Budget Generale EC e Contributo Nazionale.
300
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
301
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO DI
TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE IN POLATLI
Tipologia progetto
Nuovo
Potenziamento
Riabilitazione
□
□
Descrizione del progetto
L'appalto consiste della progettazione ingegneristica, delle opere di costruzione, civili, meccaniche e
elettriche, dell'avviamento dell'impianto, della messa in servizio, della formazione operativa del
personale del gestore e il trasferimento alla municipalità dell'intero impianto di trattamento delle
acque reflue pronto per il funzionamento. Questo contratto riguarderà anche le opere civili e la
posatura dei tubi e sarà inclusivo del collaudo e della messa in servizio della linea di scarico.
Questo impianto di trattamento delle acque reflue sarà un impianto secondario con rimozione del
carbonio e del nitrogeno a trattamento dei fanghi per una popolazione di 125.887 abitanti e un
equivalente industriale pari a 8.135. L'impianto sarà allargato nel 2025 con l'implementazione di una
seconda fase che servirà 163.839 persone e un equivalente industriale pari a 9.078 sino al 2040.
Il contratto sarà implementato sulla base delle Condizioni FIDIC per i Contratti per la Progettazione e
Realizzazione degli Impianti (Yellow Book).
Informazioni disponibili
Studi di pre fattibilità
□
Studi di mercato
□
Altro
Contributo del promotore locale
Gestione sul sito, organizzazione degli approvvigionamenti locali, relazioni con le autorità
locali, conformità alla normativa locale.
Contributo richiesto dal partner italiano
Tecnologia, know-how, finanziamento, prezzi competitivi
Tempistica e scadenza
Status: Preventivo - Scadenza: Non specificata
Eventuali altri partner coinvolti nel progetto
Variabile
Finanziamento locale/italiano/internazionale inerente il progetto
IPA Budget 13.05.02 del Budget Generale EC e Contributo Nazionale.
302
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
ASSISTENZA TECNICA PER IL RAFFORZAMENTO DEL
SISTEMA DI PROTEZIONE NATURALE NAZIONALE NATURA 2000
Tipologia progetto
Nuovo
Potenziamento
Riabilitazione
□
□
Descrizione del progetto
L'obiettivo generico del progetto è quello di proteggere e sviluppare gli habitat naturali e la
biodiversità della Turchia. Il progetto mira in modo particolare a rafforzare la capacità istituzionale e
tecnica nella selezione e progettazione della rete Natura 2000. In tale ambito, l'appaltatore fornirà i
seguenti servizi:
— realizzare la struttura tecnica per designare i siti Natura 2000,
— istituire sistemi di gestione dei dati per i processi Natura 2000 e
— sviluppare la capacità di amministrazione e i soci per un'efficace implementazione di Natura 2000
in Turchia.
L'appaltatore fornirà una composizione della lista preliminare delle referenze nazionali per le
Direttive UE Habitat e Uccelli; integrazione della pianificazione di conservazione sistematica (SCP) a
selezione dei potenziali siti Natura 2000 e armonizzazione della normativa nazionale con la
normativa europea. In tale ambito l'appaltatore fornirà consulenza e realizzerà o organizzerà studi in
loco, studi a tavolino, workshop, visite di studio, formazione e incontri.
Budget Massimo: EUR 6.110.000
Informazioni disponibili
Studi di pre fattibilità
□
Studi di mercato
□
Altro
Contributo del promotore locale
NA – Progetto Individuale
Contributo richiesto dal partner italiano
Tecnologia, know-how, formazione, finanziamento, prezzi competitivi
Tempistica e scadenza
Status: Preventivo - Scadenza: Non specificata
Eventuali altri partner coinvolti nel progetto
Variabile
303
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Finanziamento locale/italiano/internazionale inerente il progetto
IPA Budget 13.05.02 del Budget Generale EC (90 %) e Contributo Nazionale (10 %)
ASSISTENZA TECNICA PER LA PREPARAZIONE DI PROGETTI PER LA
GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI SOLIDI
Tipologia progetto
Nuovo
Potenziamento
Riabilitazione
□
□
Descrizione del progetto
I componenti di questo progetto sono: effettuare indagini dettagliate sul sito, tra cui indagini
topografiche, geotecniche e idrogeologiche necessarie per la redazione dei progetti dettagliati e
d'implementazione e disegni ai sensi del FIDIC Red Book, studi di fattibilità, valutazione di impatto
ambientale (VIA), pacchetti applicativi IPA con tutti gli allegati, indagini di mercato per la stima dei
costi, Computo Metrico Opere Edili (BoQ), preparazione dell'İntera documentazione d'appalto per le
Opere (ai sensi del FIDIC Red Book condizioni del contratto), forniture e servizi di per i Progetti di
gestione Integrata dei Rifiuti Solidi per un certo numero di municipalità/associazioni secondo le
procedure PRAG.
Budget indicativo: EUR 4.000.000
Informazioni disponibili
Studi di pre fattibilità
□
Studi di mercato
□
Altro
Contributo del promotore locale
NA – Progetto di Servizio Individuale
Contributo richiesto dal partner italiano
Tecnologia, know-how, formazione, finanziamento, prezzi competitivi
Tempistica e scadenza
Status: Preventivo - Scadenza: Non specificata
Eventuali altri partner coinvolti nel progetto
Variabile
Finanziamento locale/italiano/internazionale inerente il progetto
IPA Budget 13.05.02 del Budget Generale EC (75%) e Contributo Nazionale (25%)
304
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
305
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
ASSISTENZA TECNICA PER LA PREPARAZIONE DI PROGETTI PER LA
GESTIONE INTEGRATA DELLE ACQUE
Tipologia progetto
Nuovo
Potenziamento
Riabilitazione
□
□
Descrizione del progetto
I componenti di questo progetto sono: effettuare indagini dettagliate sul sito, tra cui indagini
topografiche, geotecniche e idrogeologiche e mappe necessarie per la redazione dei progetti
dettagliati/concettuali e d'implementazione e disegni ai sensi del FIDIC Red Book, studi di fattibilità,
valutazione di impatto ambientale (VIA), pacchetti applicativi IPA con tutti gli allegati, indagini di
mercato per la stima dei costi, Computo Metrico Opere Edili (BoQ), preparazione dell'İntera
documentazione d'appalto per le Opere (ai sensi del FIDIC Red Book condizioni del contratto),
forniture e servizi di per i Progetti di gestione Integrata dei Rifiuti Solidi per un certo numero di
municipalità/associazioni secondo le procedure PRAG.
Budget indicativo: EUR 6.000.000
Informazioni disponibili
Studi di pre fattibilità
□
Studi di mercato
□
Altro
Contributo del promotore locale
NA – Progetto di Servizio Individuale
Contributo richiesto dal partner italiano
Tecnologia, know-how, formazione, finanziamento, prezzi competitivi
Tempistica e scadenza
Status: Preventivo - Scadenza: Non specificata
Eventuali altri partner coinvolti nel progetto
Variabile
Finanziamento locale/italiano/internazionale inerente il progetto
IPA Budget 13.05.02 del Budget Generale EC (75%) e Contributo Nazionale (25%)
306
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
307
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
ASSISTENZA TECNICA E SUPERVISIONE PER IL PROGETTO DI
ACQUE E ACQUE REFLUE IN SIVEREK
Tipologia progetto
Nuovo
Potenziamento
Riabilitazione
□
□
Descrizione del progetto
Il contratto prevede il sostegno e l'assistenza per:
• Ammodernamento del Dipartimento delle Acque e fornitura della formazione necessaria e
sostegno alla sostenibilità istituzionale
•
Sviluppo della capacità del Dipartimento delle Acque della Municipalità
• Assistenza tecnica alla Municipalità e PIU sotto forma di formazione pratica nella gestione
progettuale e gestione del WWTP (Impianto Trattamento Acque reflue) durante e dopo la
realizzazione
•
Supervisione dei lavori contrattuali durante la realizzazione del WWTP
• Supervisione dei lavori contrattuali per la realizzazione dei collettori di acque reflue e piovane e
riabilitazione del fiume di Esmerçayı
•
Assistenza durante la fase d'appalto e di contrattazione
Budget indicativo: EUR 2.501.299,00
Informazioni disponibili
Studi di pre fattibilità
□
Studi di mercato
□
Altro
Contributo del promotore locale
NA – Progetto di Servizio Individuale
Contributo richiesto dal partner italiano
Tecnologia, know-how, formazione, finanziamento, prezzi competitivi
Tempistica e scadenza
Status: Preventivo - Scadenza: Non specificata
Eventuali altri partner coinvolti nel progetto
Variabile
308
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Finanziamento locale/italiano/internazionale inerente il progetto
IPA Budget 13.05.02 del Budget Generale EC e Contributo Nazionale.
ASSISTENZA TECNICA E SUPERVISIONE PER IL PROGETTO DI
GESTIONE DEI RIFIUTI SOLIDI IN BALIKESIR
Tipologia progetto
Nuovo
Potenziamento
Riabilitazione
□
□
Descrizione del progetto
Il Consulente dovrà eseguire quanto riportato di seguito:
·
Supervisione della realizzazione del progetto della discarica di rifiuti solidi che sarà
implementato ai sensi del FIDIC Condizioni per i Contratti di Costruzione, Red Book, 1999
·
Preparazione del design concettuale, della documentazione d'appalto per la Chiusura e
Riabilitazione di Sette Vecchie Discariche di Balikesir che sarà implementato ai sensi del Condizioni
FIDIC per i Contratti per la Progettazione e Realizzazione degli Impianti, Yellow Book, 1999 e
supervisione della realizzazione
·
Fornitura di assistenza tecnica e sviluppo della capacità istituzionale per una gestione
efficiente, sensibilizzazione del pubblico e formazione.
Budget indicativo: EUR 1,333,200.00
Informazioni disponibili
Studi di pre fattibilità
□
Studi di mercato
□
Altro
Contributo del promotore locale
NA – Progetto di Servizio Individuale
Contributo richiesto dal partner italiano
Tecnologia, know-how, formazione, finanziamento, prezzi competitivi
Tempistica e scadenza
Status: Preventivo - Scadenza: Non specificata
309
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Eventuali altri partner coinvolti nel progetto
Variabile
Finanziamento locale/italiano/internazionale inerente il progetto
IPA Budget 13.05.02 del Budget Generale EC e Contributo Nazionale.
310
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
ASSISTENZA TECNICA E SUPERVISIONE PER IL PROGETTO DI
ACQUE E ACQUE REFLUE IN AMASYA
Tipologia progetto
Nuovo
Potenziamento
□
Riabilitazione
□
Descrizione del progetto
Il consulente fornirà assistenza tecnica per lo sviluppo delle capacità in materia di gestione dei
servizi idrici della Municipalità di Amasya compresi i necessari corsi di formazione, la supervisione
dei lavori di costruzione dell'impianto di trattamento delle acque reflue, il miglioramento della qualità
dell'acqua potabile, la riduzione delle perdite e l'estensione e la riabilitazione delle reti di raccolta
delle acque reflue secondo i requisiti FIDIC.
Budget indicativo: EUR
1.136.325
Informazioni disponibili
Studi di pre fattibilità
□
Studi di mercato
□
Altro
Contributo del promotore locale
NA – Progetto di Servizio Individuale
Contributo richiesto dal partner italiano
Tecnologia, know-how, formazione, finanziamento, prezzi competitivi
Tempistica e scadenza
Status: Preventivo - Scadenza: Non specificata
Eventuali altri partner coinvolti nel progetto
Variabile
Finanziamento locale/italiano/internazionale inerente il progetto
IPA Budget 13.05.02 del Budget Generale EC (75%) e Contributo Nazionale (25%)
311
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
312
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
REALIZZAZIONE E RIABILITAZIONE DEI SISTEMI DI COLLETTORE DI
ACQUE REFLUE E DI DRENAGGIO DI ACQUE PIOVANE A DIYARBAKIR
Tipologia progetto
Nuovo
Potenziamento
□
Riabilitazione
□
Descrizione del progetto
Il contratto consterà dei seguenti lavori:
Lotto 1: Realizzazione del completamento e riabilitazione del sistema del collettore delle acque
reflue di Diyarbakır con i seguenti principali compiti:
• Realizzazione dei Collettori Ovest e di Alipaşa (49,653 km)
• Realizzazione di una stazione di pompaggio per la zona di 450 Evler
• Realizzazione di una linea di pompaggio fra la stazione di pompaggio e il collettore Est (0,204 km)
Lotto 2: Realizzazione di un sistema di drenaggio dell'acqua piovana per le esistenti zone
residenziali (62,472 km)
I contratti per questi lavori saranno approntati sulla base del FIDIC Red Book and consisteranno
della realizzazione dei lavori civili, meccanici e elettrici per la realizzazione del collettore di acque
reflue e del sistema di drenaggio dell'acqua piovana.
Informazioni disponibili
Studi di pre fattibilità
□
Studi di mercato
□
Altro
Contributo del promotore locale
Gestione sul sito, organizzazione degli approvvigionamenti locali, relazioni con le autorità
locali, conformità alla normativa locale.
Contributo richiesto dal partner italiano
Tecnologia, know-how, formazione, finanziamento, prezzi competitivi
Tempistica e scadenza
Status: Preventivo - Scadenza: Non specificata
Eventuali altri partner coinvolti nel progetto
Variabile
Finanziamento locale/italiano/internazionale inerente il progetto
IPA Budget 13.05.02 del Budget Generale EC e Contributo Nazionale.
313
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
314
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
REALIZZAZIONE DELLA DISCARICA DI RIFIUTI SOLIDI IN BALIKESIR
Tipologia progetto
Nuovo
Potenziamento
□
Riabilitazione
□
Descrizione del progetto
Il Contratto, che sarà attuato sulla base del FIDIC Red Book, Condizioni per i Contratti di
Costruzione, sarà composto da:
• Realizzazione di una nuova discarica controllare con gruppo di pulizia delle ruote e sistema di
gestione dei gas
• Realizzazione di un impianto di trattamento del percolato
• Realizzazione di due stazione di trasferimento
• Realizzazione di un impianto di compostaggio per sviluppare il riciclaggio/riuso dei rifiuti
• Realizzazione di un Impianto per il Recupero dei Materiali (MRF)
• Realizzazione di un impianto per la sterilizzazione dei rifiuti clinici
Informazioni disponibili
Studi di pre fattibilità
□
Studi di mercato
□
Altro
Contributo del promotore locale
Gestione sul sito, organizzazione degli approvvigionamenti locali, relazioni con le autorità
locali, conformità alla normativa locale.
Contributo richiesto dal partner italiano
Tecnologia, know-how, formazione, finanziamento, prezzi competitivi
Tempistica e scadenza
Status: Preventivo - Scadenza: Non specificata
Eventuali altri partner coinvolti nel progetto
Variabile
Finanziamento locale/italiano/internazionale inerente il progetto
IPA Budget 13.05.02 del Budget Generale EC e Contributo Nazionale.
315
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
REALIZZAZIONE DI UN IMPIANTO PER IL
TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE IN SIVEREK
Tipologia progetto
Nuovo
Potenziamento
□
Riabilitazione
□
Descrizione del progetto
Il contratto prevedrà' la realizzazione della prima fase dell'Impianto di Trattamento delle Acque
Reflue, compreso il trattamento e la movimentazione dei fanghi. l'Impianto di Trattamento delle
Acque Reflue sarà progettato e realizzato per una popolazione di 128.000 e un equivalente
industriale di 410. Questo contratto riguarderà anche le opere civili e la posatura dei tubi e sarà
inclusivo del collaudo e della messa in servizio della linea di scarico e della fornitura delle
attrezzature.
Il contratto sarà implementato sulla base delle Condizioni FIDIC per i Contratti per la Progettazione e
Realizzazione degli Impianti (Yellow Book).
Informazioni disponibili
Studi di pre fattibilità
□
Studi di mercato
□
Altro
Contributo del promotore locale
Gestione sul sito, organizzazione degli approvvigionamenti locali, relazioni con le autorità
locali, conformità alla normativa locale.
Contributo richiesto dal partner italiano
Tecnologia, know-how, formazione, finanziamento, prezzi competitivi
Tempistica e scadenza
Status: Preventivo - Scadenza: Non specificata
Eventuali altri partner coinvolti nel progetto
Variabile
Finanziamento locale/italiano/internazionale inerente il progetto
IPA Budget 13.05.02 del Budget Generale EC e Contributo Nazionale.
316
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
317
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
REALIZZAZIONE DI UN WWTP E DI UN COLLETTORE DI ACQUE REFLUE
COMPRESA LA RIABILITAZIONE FLUVIALE PER LA
MUNICIPALITA' METROPOLITANA DI ERZURUM
Tipologia progetto
Nuovo
Potenziamento
Riabilitazione
□
Descrizione del progetto
Il contratto consterà dei seguenti lavori:
- Realizzazione di un Impianto di Trattamento delle acque Reflue (WWTP) per la città di Erzurum.
Il WWTP sarà progettato e realizzato per una popolazione di 444.934 e un equivalente industriale di
56.300.
- Realizzazione di collettori addizionali per le linee di acque reflue che attualmente scaricano nei
fiumi (circa 17.0 km), riabilitazione dell'attuale collettore (circa 3,1 km), sostituzione della vecchia
rete di Ilıca (circa 28.9km), realizzazione della stazione di pompaggio, realizzazione del montante
principale dalla stazione principale (circa 2,4km), trasloco dei rami dei fiumi di Çaykara (circa
1,2km), Aziziye (circa 0,6km) e Taşmağazaları (circa 2,0km) e estensione del collettore principale di
acque reflue sino al WWTP (circa 0,4km)
Il contratto sarà implementato sulla base delle Condizioni FIDIC per i Contratti per la Progettazione e
Realizzazione degli Impianti (Yellow Book).
Informazioni disponibili
Studi di pre fattibilità
□
Studi di mercato
□
Altro
Contributo del promotore locale
Gestione sul sito, organizzazione degli approvvigionamenti locali, relazioni con le autorità
locali, conformità alla normativa locale.
Contributo richiesto dal partner italiano
Tecnologia, know-how, formazione, finanziamento, prezzi competitivi
Tempistica e scadenza
Status: Preventivo - Scadenza: Non specificata
Eventuali altri partner coinvolti nel progetto
Variabile
Finanziamento locale/italiano/internazionale inerente il progetto
IPA Budget 13.05.02 del Budget Generale EC e Contributo Nazionale.
318
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
319
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
REALIZZAZIONE DELLA RETE DI ACQUE REFLUE E COLLETTORI DI
ACQUE PIOVANE E RIABILITAZIONE DEL FIUME DI ESMERÇAYI IN SIVEREK
Tipologia progetto
Nuovo
Potenziamento
Riabilitazione
□
Descrizione del progetto
Il contratto consterà dei seguenti lavori:
• Realizzazione dei circa 241 km di rete di raccolta delle acque reflue con tubi aventi diametri
compresi fra i 200 mm e i 1000 mm.
• Realizzazione di un collettore di 1.54 km con un diametro di 1400mm per raggiungere l'impianto
di trattamento delle acque reflue
•
Riabilitazione del Fiume di Esmerçayı (largo 4 m a profondo 3.3 m, lunghezza ca. 6 km)
• Realizzazione dei una rete per la raccolta delle acque piovane nelle aree problematiche (tubature
con diametri compresi fra i 300 e i 500 mm per una lunghezza di 3,04 km)
Il contratto sarà implementato sulla base delle condizioni definite dal datore di lavoro per i lavori di
ingegneria e realizzazione degli edifici (FIDIC Red Book).
Informazioni disponibili
Studi di pre fattibilità
□
Studi di mercato
□
Altro
Contributo del promotore locale
Gestione sul sito, organizzazione degli approvvigionamenti locali, relazioni con le autorità
locali, conformità alla normativa locale.
Contributo richiesto dal partner italiano
Tecnologia, know-how, formazione, finanziamento, prezzi competitivi
Tempistica e scadenza
Status: Preventivo - Scadenza: Non specificata
Eventuali altri partner coinvolti nel progetto
Variabile
Finanziamento locale/italiano/internazionale inerente il progetto
IPA Budget 13.05.02 del Budget Generale EC e Contributo Nazionale.
320
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
REALIZZAZIONE DELLA DISCARICA DI RIFIUTI SOLIDI IN KONYA
Tipologia progetto
Nuovo
Potenziamento
Riabilitazione
□
□
Descrizione del progetto
Il contratto, conforme al FIDIC Red Book, comprende la costruzione di una nuova discarica
controllate, di un impianto di compostaggio, di un sistema per la raccolta e la rimozione dei gas di
discarica (LFG), delle relative stazioni di trasferimento e di un sistema di riciclaggio (CAC).
Informazioni disponibili
Studi di pre fattibilità
□
Studi di mercato
□
Altro
Contributo del promotore locale
Gestione sul sito, organizzazione degli approvvigionamenti locali, relazioni con le autorità
locali, conformità alla normativa locale.
Contributo richiesto dal partner italiano
Tecnologia, know-how, formazione, finanziamento, prezzi competitivi
Tempistica e scadenza
Status: Preventivo - Scadenza: Non specificata
Eventuali altri partner coinvolti nel progetto
Variabile
Finanziamento locale/italiano/internazionale inerente il progetto
IPA Budget 13.05.02 del Budget Generale EC (60,83%) e Contributo Nazionale (39,17%)
321
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DELLE
ACQUE REFLUE E RIABILITAZIONE DEL FIUME KAVAK
Tipologia progetto
Nuovo
Potenziamento
Riabilitazione
□
✔
Descrizione del progetto
Il contratto è composto della realizzazione di un impianto di trattamento delle acque reflue (WWTP)
per una popolazione di circa 157.000 abitanti, una rete di raccolta delle acque reflue (circa 111 km)
a la riabilitazione del fiume Kavak (Tosbağa).
Il Contratto, soggetto al FIDIC Yellow Book, consiste delle opere di costruzione, civili, meccaniche e
elettriche, dell'avviamento dell'impianto, della messa in servizio, della formazione operativa del
personale del gestore e il trasferimento alla municipalità dell'intero impianto di trattamento delle
acque reflue pronto per il funzionamento.
Questo contratto riguarderà anche le opere civili e la posatura dei tubi e sarà inclusivo del collaudo e
della messa in servizio della linea di scarico e della fornitura delle attrezzature.
ıl WWTP comprende un impianto attivato di fanghi, nitrificazione/denitrificazione biologica,
stabilizzazione aerobica del fango nelle vasche di fanghi attivati.
Informazioni disponibili
Studi di pre fattibilità
□
Studi di mercato
□
Altro
Contributo del promotore locale
Gestione sul sito, organizzazione degli approvvigionamenti locali, relazioni con le autorità
locali, conformità alla normativa locale.
Contributo richiesto dal partner italiano
Tecnologia, know-how, formazione, finanziamento, prezzi competitivi
Tempistica e scadenza
Status: Preventivo - Scadenza: Non specificata
Eventuali altri partner coinvolti nel progetto
Variabile
Finanziamento locale/italiano/internazionale inerente il progetto
IPA Budget 13.05.02 del Budget Generale EC (75%) e Contributo Nazionale (25%)
322
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
REALIZZAZIONE DELL'IMPIANTO DI
TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE DI CEYHAN
Tipologia progetto
Nuovo
Potenziamento
Riabilitazione
□
□
Descrizione del progetto
Il contratto prevede la realizzazione di un impianto per il trattamento delle acque reflue per una
popolazione di circa 136.220 persone e di una popolazione equivalente industriale pari a 925 e la
sostituzione e potenziamento dell'attuale collettore lungo 197 metri.
Il Contratto, soggetto al FIDIC Yellow Book, consiste delle opere di costruzione, civili, meccaniche e
elettriche, dell'avviamento dell'impianto, della messa in servizio, della formazione operativa del
personale del gestore e il trasferimento alla municipalità dell'intero impianto di trattamento delle
acque reflue pronto per il funzionamento.
Informazioni disponibili
Studi di pre fattibilità
□
Studi di mercato
□
Altro
Contributo del promotore locale
Gestione sul sito, organizzazione degli approvvigionamenti locali, relazioni con le autorità
locali, conformità alla normativa locale.
Contributo richiesto dal partner italiano
Tecnologia, know-how, formazione, finanziamento, prezzi competitivi
Tempistica e scadenza
Status: Preventivo - Scadenza: Non specificata
Eventuali altri partner coinvolti nel progetto
Variabile
Finanziamento locale/italiano/internazionale inerente il progetto
IPA Budget 13.05.02 del Budget Generale EC (75%) e Contributo Nazionale (25%)
323
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
324
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
REALIZZAZIONE DELL'IMPIANTO DI
TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE DI DIYARBAKIR
Tipologia progetto
Nuovo
Potenziamento
□
Riabilitazione
□
Descrizione del progetto
L'impianto di trattamento delle acque reflue sarà progettato e realizzato per una popolazione di
1.430.000 persone e un equivalente industriale di 46.875; l'impianto sarà potenziato nel 2025 con
una seconda fase che rifornirà 1.541.086 persone e un equivalente industriale di 44.911 sino al
2040. La costruzione interessa comune solo la prima fase. L'impianto di trattamento delle acque
reflue consterà di un trattamento attivato dei fanghi comprendente un depuratore primario con
nitrificazione/denitrificazione biologica a rimozione del fosforo biologico e chimico.
L'appalto consiste della progettazione ingegneristica, delle opere di costruzione, civili, meccaniche e
elettriche, dell'avviamento dell'impianto, della messa in servizio, della formazione operativa del
personale del gestore e il trasferimento alla municipalità dell'intero impianto di trattamento delle
acque reflue pronto per il funzionamento.
Questo contratto riguarderà anche le opere civili e la posatura dei tubi e sarà inclusivo del collaudo e
della messa in servizio della linea di scarico e della fornitura delle attrezzature.
I lavori saranno commissionati ai sensi del FIDIC Yellow Book
Informazioni disponibili
Studi di pre fattibilità
□
Studi di mercato
□
Altro
Contributo del promotore locale
Gestione sul sito, organizzazione degli approvvigionamenti locali, relazioni con le autorità
locali, conformità alla normativa locale.
Contributo richiesto dal partner italiano
Tecnologia, know-how, formazione, finanziamento, prezzi competitivi
Tempistica e scadenza
Status: Preventivo - Scadenza: Non specificata
Eventuali altri partner coinvolti nel progetto
Variabile
Finanziamento locale/italiano/internazionale inerente il progetto
IPA Budget 13.05.02 del Budget Generale EC e Contributo Nazionale.
325
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
326
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
ASSISTENZA TECNICA E SUPERVISIONE PER IL PROGETTO DI
ACQUE E ACQUE REFLUE IN AKŞEHIR
Tipologia progetto
Nuovo
Potenziamento
□
Riabilitazione
□
Descrizione del progetto
Il Consulente dovrà eseguire quanto riportato di seguito:
•
supervisione della costruzione dell'Impianto di Trattamento delle Acque Reflue e della rete di
raccolta di acque reflue in Akşehir realizzate rispettivamente sulla base del FIDIC Yellow Book e del
FIDIC Red Book
•
sviluppo della capacità e modernizzazione del Dipartimento delle Acque della Municipalità
•
redazione dei disegni tecnici e della documentazione d'appalto per la riabilitazione
dell'attuale rete di acqua potabile e supervisione dei lavori di costruzione
Budget indicativo: EUR 2,473,704
Informazioni disponibili
Studi di pre fattibilità
□
Studi di mercato
□
Altro
Contributo del promotore locale
NA – Progetto di Servizio Individuale
Contributo richiesto dal partner italiano
Tecnologia, know-how, formazione, finanziamento, prezzi competitivi
Tempistica e scadenza
Status: Preventivo - Scadenza: Non specificata
Eventuali altri partner coinvolti nel progetto
Variabile
Finanziamento locale/italiano/internazionale inerente il progetto
IPA Budget 13.05.02 del Budget Generale EC (75%) e Contributo Nazionale (25%)
327
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Progetti Idrici
REALIZZAZIONE DELLA RETE DI DRENAGGIO DELLE
ACQUE PIOVANE DI CEYHAN
Tipologia progetto
Nuovo
Potenziamento
□
Riabilitazione
□
Descrizione del progetto
Il contratto prevede la realizzazione di un sistema di drenaggio delle acque piovane lungo 26,5 km
da implementarsi ai sensi del FIDIC Red Book.
Informazioni disponibili
Studi di pre fattibilità
□
Studi di mercato
□
Altro
Contributo del promotore locale
Gestione sul sito, organizzazione degli approvvigionamenti locali, relazioni con le autorità
locali, conformità alla normativa locale.
Contributo richiesto dal partner italiano
Tecnologia, know-how, formazione, finanziamento, prezzi competitivi
Tempistica e scadenza
Status: Preventivo - Scadenza: Non specificata
Eventuali altri partner coinvolti nel progetto
Variabile
Finanziamento locale/italiano/internazionale inerente il progetto
IPA Budget 13.05.02 del Budget Generale EC (75%) e Contributo Nazionale (25%)
328
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
329
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DI RETE DI ACQUA POTABILE IN
DOĞUBAYAZIT
Tipologia progetto
Nuovo
Potenziamento
□
Riabilitazione
□
Descrizione del progetto
Il contratto sarà implementato ai sensi dei requisiti del FIDIC Red Book e consterà di:
•
realizzazione di un impianto di trattamento delle acque che opererà sulla base del principio
dell'areazione del trattamento fisico e chimico,
•
riabilitazione della struttura d'ingresso e della linea di trasmissione dal Balık Göl,
•
realizzazione di una nuova stazione di pompaggio e di un condotto principale (Karabulak),
•
realizzazione di un nuovo deposito di distribuzione,
•
riabilitazione di tre depositi,
•
installazione di un sistema di monitoraggio,
•
rinnovo di 194 km di rete di distribuzione idrica,
•
realizzazione di nuove condotte di trasmissione,
•
rinnovamento degli allacciamenti domestici
Informazioni disponibili
Studi di pre fattibilità
□
Studi di mercato
□
Altro
Contributo del promotore locale
Gestione sul sito, organizzazione degli approvvigionamenti locali, relazioni con le autorità
locali, conformità alla normativa locale.
Contributo richiesto dal partner italiano
Tecnologia, know-how, finanziamento, prezzi competitivi
Tempistica e scadenza
Status: Preventivo - Scadenza: Non specificata
Eventuali altri partner coinvolti nel progetto
Variabile
330
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Finanziamento locale/italiano/internazionale inerente il progetto
IPA Budget 13.05.02 del Budget Generale EC (75%) e Contributo Nazionale (25%)
REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DI RETE DI ACQUA POTABILE IN ERZINCAN
Tipologia progetto
Nuovo
Potenziamento
Riabilitazione
□
Descrizione del progetto
Il contratto sarà implementato ai sensi dei requisiti del FIDIC Red Book
•
Sostituzione delle tubature della rete idrica
•
Ricostruzione dei depositi di stoccaggio e sostituzione del sistema di cloraggio
•
Rinnovamento degli allacciamenti si servizi
•
Istituzione di un sistema loca di monitoraggio e fornitura degli strumenti
•
Apertura di nuovi pozzi nella Regione di Kurutelek e rinnovamento dei pozzi di Beytahtı
•
Ricostruzione della stazione di pompaggio di Beytahtı (comprese le pompe e le opere civili) e
realizzazione dell'edificio trasformatore di Beytahtı
•
Realizzazione di protezione catodiche per la linea di trasmissione di Beytahtı.
•
Sostituzione delle linee di trasmissione nella zona dei pozzi di Beytahtı
Informazioni disponibili
Studi di pre fattibilità
□
Studi di mercato
□
Altro
Contributo del promotore locale
Gestione sul sito, organizzazione degli approvvigionamenti locali, relazioni con le autorità
locali, conformità alla normativa locale.
Contributo richiesto dal partner italiano
Tecnologia, know-how, finanziamento, prezzi competitivi
331
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Tempistica e scadenza
Status: Preventivo - Scadenza: Non specificata
Eventuali altri partner coinvolti nel progetto
Variabile
Finanziamento locale/italiano/internazionale inerente il progetto
IPA Budget 13.05.02 del Budget Generale EC (72.975%) e Contributo Nazionale (27.025%)
ASSISTENZA TECNICA E SUPERVISIONE PER IL
PROGETTO DI ACQUA POTABILE IN ERCIŞ
Tipologia progetto
Nuovo
Potenziamento
□
Riabilitazione
□
Descrizione del progetto
I doveri principali del Consulente sono i seguenti:
— progettazione e preparazione della documentazione d'appalto per lo sviluppo della capacità
dell'investimento nelle acque reflue sulla base di FIDIC Red Book,
— supervisione dei lavori di realizzazione degli investimenti d'acqua potabile e acque reflue,
— assistenza nello sviluppo di una struttura organizzativa adeguata per il Dipartimento delle Acque,
— sviluppo della capacità del PIU e del Dipartimento delle Acque della Municipalità,
— preparazione di un programma dettagliato di individuazione delle perdite con procedure
performanti,
— revisione e verifica della documentazione d'appalto per la fornitura di equipaggiamenti e
assistenza durante le fasi d'appalto, consegna e utilizzo.
Budget indicativo: EUR 3.117.428
Informazioni disponibili
Studi di pre fattibilità
□
Studi di mercato
□
Altro
Contributo del promotore locale
NA – Progetto di Servizio Individuale
Contributo richiesto dal partner italiano
Tecnologia, know-how, finanziamento, prezzi competitivi
Tempistica e scadenza
Status: Preventivo - Scadenza: Non specificata
332
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Eventuali altri partner coinvolti nel progetto
Variabile
Finanziamento locale/italiano/internazionale inerente il progetto
IPA Budget 13.05.02 del Budget Generale EC e Contributo Nazionale.
333
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DI RETE DI ACQUA POTABILE IN ERCIŞ
Tipologia progetto
Nuovo
Potenziamento
□
Riabilitazione
Descrizione del progetto
Il contratto consterà dei seguenti lavori:
— installazione di un sistema di monitoraggio,
— riabilitazione dei 4 depositi esistenti,
— riabilitazione e sostituzione degli allacciamenti domestici,
— riabilitazione del sito e della struttura di presa presso la sorgente di Is ıklı,
— costruzione ella linea di trasmissione fra la sorgente d'acqua di Is ıklı e l'impianto di trattamento
dell'acqua (3 km),
— costruzione del nuovo impianto di trattamento dell'acqua avente una capacità quotidiana di 26 562
m3/giorno con una stazione di pompaggio,
— realizzazione di una nuova stazione di pompaggio e di un condotto principale,
— rinnovamento e costruzione ex novo di una rete di distribuzione idrica (132 km di rinnovamento e
63 km costruzione ex novo),
— riabilitazione della rete di distribuzione idrica.
Il contratto sarà implementato sulla base delle condizioni definite dal datore di lavoro per i lavori di
ingegneria e realizzazione degli edifici (FIDIC Red Book).
Informazioni disponibili
Studi di pre fattibilità
□
Studi di mercato
□
Altro
Contributo del promotore locale
Gestione sul sito, organizzazione degli approvvigionamenti locali, relazioni con le autorità
locali, conformità alla normativa locale.
Contributo richiesto dal partner italiano
Tecnologia, know-how, finanziamento, prezzi competitivi
Tempistica e scadenza
Status: Preventivo - Scadenza: Non specificata
Eventuali altri partner coinvolti nel progetto
Variabile
Finanziamento locale/italiano/internazionale inerente il progetto
IPA Budget 13.05.02 del Budget Generale EC e Contributo Nazionale.
334
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
335
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
SOSTEGNO ALLO SVILUPPO DELLA CAPACITA' DELLA TURCHIA NELLA
GESTIONE DELLE ACQUE SOTTERRANEE
Tipologia progetto
Nuovo
Potenziamento
□
Riabilitazione
□
Descrizione del progetto
Lo scopo del contratto è quello di fare fronte ai requisiti UE sulla gestione delle acque sotterranee in
Turchia
rafforzando la capacità istituzionale del Ministero delle Foreste e degli Affari Idrici (moFWA) per
l'implementazione delle Direttive UE (GWD-2006/118/EC and WFD-2000/60/EC). In tale ambito,
l'appaltatore fornirà i seguenti servizi:
— fornitura della formazione sulla gestione delle acque sotterranee e delle correlate direttive UE
(GWD-2006/118/EC and WFD-2000/60/EC),
— redazione dei rapporti sulle esigenze formative del MoFWA ed approntamento dei materiali
formativi,
— visite di studio per usufruire delle best practices degli Stati Membri UE,
— implementazione della GWD-2006/118/EC e delle inerenti disposizioni della WFD-2000/60/EC nei
bacini fluviali di Akarc ay e Sakarya,
— determinazione dei valori di soglia nei bacini fluviali di Akarc ay e Sakarya.
Budget Massimo: EUR 2.200.000
Informazioni disponibili
Studi di pre fattibilità
□
Studi di mercato
□
Altro
Contributo del promotore locale
NA – Progetto Individuale
Contributo richiesto dal partner italiano
Tecnologia, know-how, finanziamento, prezzi competitivi
Tempistica e scadenza
Status: Preventivo - Pubblicazione Entro li: Febbraio 2014
Eventuali altri partner coinvolti nel progetto
Variabile
Finanziamento locale/italiano/internazionale inerente il progetto
IPA Budget 13.05.02 del Budget Generale EC (90 %) e Contributo Nazionale (10 %)
336
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
ASSISTENZA TECNICA E SUPERVISIONE PER IL PROGETTO DI
ACQUE E ACQUE REFLUE IN MANAVGAT
Tipologia progetto
Nuovo
Potenziamento
□
Riabilitazione
Descrizione del progetto
Lo scopo del contratto è duplice; assistenza tecnica alla Municipalità e servizi di supervisione dei
lavori di costruzione. I doveri principali del Consulente sono i seguenti:
•Progettazione e preparazione della documentazione d'appalto per gli investimenti nelle acque reflue
sulla base delle Condizioni Contrattuali FIDIC e PRAG
•Supervisione della realizzazione della Rete Idrica.
•Supervisione della realizzazione dei progetti di acque reflue
•Preparazione di un programma dettagliato per l'individuazione delle perdite
•Ammodernamento (digitalizzazione di tutti i dati in GIS) del Dipartimento delle Acque.
•Sviluppo della capacità del Dipartimento delle Acque della Municipalità;
•Approntamento della documentazione d'appalto per la fornitura di equipaggiamenti e assistenza
durante l'appalto.
Budget indicativo: EUR
2.856.691,00
Informazioni disponibili
Studi di pre fattibilità
□
Studi di mercato
□
Altro
Contributo del promotore locale
NA – Progetto di Servizio Individuale
Contributo richiesto dal partner italiano
Tecnologia, know-how, formazione, finanziamento, prezzi competitivi
Tempistica e scadenza
Status: Preventivo - Scadenza: Non specificata
Eventuali altri partner coinvolti nel progetto
Variabile
Finanziamento locale/italiano/internazionale inerente il progetto
IPA Budget 13.05.02 del Budget Generale EC e Contributo Nazionale.
337
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
338
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
REALIZZAZIONE DELLA RETE IDRICA DI MANAVGAT
Tipologia progetto
Nuovo
Potenziamento
□
Riabilitazione
Descrizione del progetto
Il Contratto dei progetti di rete idrica comprendono i seguenti lavori:
•Realizzazione degli impianti E&M alle sommità dei pozzi nuovi e esistenti
•Realizzazione di nuove condotte di trasmissione
•Realizzazione di un deposito in cemento armato da 10.000 m3
•Realizzazione della condotta di trasmissione a Kızılagaç (8 km)
•Sostituzione degli allacciamenti domestici
•Installazione di misuratori dell'acqua inerte.
•Riabilitazione e estensione di circa 46 km della rete compreso il distretto di Kızılagaç
I lavori saranno commissionati ai sensi del FIDIC Red Book
Informazioni disponibili
Studi di pre fattibilità
□
Studi di mercato
□
Altro
Contributo del promotore locale
Gestione sul sito, organizzazione degli approvvigionamenti locali, relazioni con le autorità
locali, conformità alla normativa locale.
Contributo richiesto dal partner italiano
Tecnologia, know-how, formazione, finanziamento, prezzi competitivi
Tempistica e scadenza
Status: Preventivo - Scadenza: Non specificata
Eventuali altri partner coinvolti nel progetto
Variabile
Finanziamento locale/italiano/internazionale inerente il progetto
IPA Budget 13.05.02 del Budget Generale EC e Contributo Nazionale.
339
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
SCHEDE PROGETTO PER GLI IMPIANTI IDROELETTRICI DISPONIBILI 7
Questi progetti sono agibili, il che significa che l'investitore può rivolgersi e ottenere il
permesso di costruire e gestire la centrale elettrica nel luogo designato. Oltre al fatto che il
progetto che di per sé rappresenta un potenziale investimento, tali progetti rappresentano
un'opportunità per le varie aziende che forniscono attrezzature e/o know-how. I progetti che
sono in corso, non sono inclusi nella lista perché i negoziati dei relativi appalti sono già stati
conclusi. Infine, questi progetti sono finanziati dall'investitore e non esistono
finanziatori/donatori locali o internazionali.
Produzione
Annua
Pianificata
(GWh)
Denominazione
Provincia
Bacino
Fiume
Tipologia
Capacità
Pianificata
(MW)
1
AKÖREN
GİRESUN
14-BACINO
YEŞİLIRMAK
MADENİN D.
Tipologia
Fiume
1,52
5,96
2
AKŞAR
SİVAS
14-BACINO
YEŞİLIRMAK
AKŞAR D.
Tipologia
Fiume
1,26
4,28
3
ARGAŞAN
KARS
24-BACINO
ARAS
ESKİKARAKURT D.
Tipologia
Fiume
1,15
3,21
KARGI Ç.
Tipologia
Fiume
1,24
3,67
ANTALYA
09-BACINO
MEDIT.
CENTRALE
SİNOP
15-BACINO
KIZILIRMAK
KOCAÇAY
Tipologia
Fiume
1,57
4,18
VAN
25-BACINO
LAGO DI
VAN
KÖPRÜÇAY
Tipologia
Fiume
1,69
6,24
RİZE
22-BACINO
MAR NERO
ORIENTALE
BEYAZSU D.
Tipologia
Fiume
0,2
1,32
TRABZON
22-BACINO
MAR NERO
ORIENTALE
KUŞTUL D.
Tipologia
Fiume
1,84
10,44
ADANA
18-BACINO
AKSU D.
Tipologia
0,32
1,39
#
4
ASARTEPE
5
BALCIOĞLU
BERKİŞ
6
BEYAZSU
7
8
BİBAT
9
CIVIKLI
7
Il formato della scheda di progetto è differente di quella proposta in quanto non esistono altre informazioni
disponibili. Tuttavia, le aziende che operano nel settore sia come fornitore di operatore, che come venditori di
attrezzature o fornitori di know-how possono trarre alcuni elementi sulla base delle informazioni fornite,
soprattutto sul versante delle apparecchiature.
340
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Denominazione
Provincia
Bacino
Fiume
Tipologia
#
SEYHAN
10
ÇELİKKÖY
11
ÇENE
12
DEĞİRMEN
13
DİPÇİN
14
15
17
GÖKTAŞ
18
GÜVERCİNLİK
19
KARAKIZ-4
21
KARAYONCA
22
ERFELEK Ç.
Tipologia
Fiume
1,47
7,1
SİNOP
15-BACINO
KIZILIRMAK
DEĞİRMEN+KALOS
Tipologia
Fiume
1,54
5,01
GİRESUN
22-BACINO
MAR NERO
ORIENTALE
DEĞİRMEN D.
Tipologia
Fiume
0,69
3,82
ARTVİN
23-BACINO
ÇORUH
SUAT DERE
Tipologia
Fiume
4,14
14,47
ORDU
22-BACINO
MAR NERO
ORIENTALE
DİVANE D.
Tipologia
Fiume
0,64
3,02
MERSİN
17-BACINO
MEDIT.
ORIENTALE
ERÇEL D.
Tipologia
Fiume
3,53
12,36
HAKKARİ
21-BACINO
TIGRIEUFRATE
ESENYAMAÇ
Rockfill
9
25
BURSA
03-BACINO
SUSURLUK
ORHANELİ
Rockfill
48
156
BURSA
03-BACINO
SUSURLUK
GÜVERCİNLİK D.
Tipologia
Fiume
2,18
9,93
RİZE
22-BACINO
MAR NERO
ORIENTALE
HAKO DERE
Tipologia
Fiume
0,73
4,76
MERSİN
17-BACINO
MEDIT.
ORIENTALE
KARAKIZ D.
Tipologia
Fiume
3,49
12,07
ORDU
14-BACINO
YEŞİLIRMAK
KARAYONCA+KARAPELİT
D.
Tipologia
Fiume
0,92
3,61
BİTLİS
25-BACINO
LAGO DI
VAN
DELİÇAY
Tipologia
Fiume
15,36
52,45
HAKO
20
KERTİS
Fiume
13-BACINO
MAR NERO
OCCID.
ERÇEL
ESENYAMAÇ
Produzione
Annua
Pianificata
(GWh)
SİNOP
DİVANE
16
Capacità
Pianificata
(MW)
341
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Denominazione
Provincia
Bacino
Fiume
Tipologia
ERZURUM
23-BACINO
ÇORUH
KIZIL DERE
Tipologia
Fiume
1,46
5,7
BALIKESİR
04-BACINO
EGEO SETT.
KOZAK Ç.
Tipologia
Fiume
0,61
2,26
KARS
24-BACINO
ARAS
KÖTEK Ç.
Tipologia
Fiume
1,08
3,35
KARS
24-BACINO
ARAS
KÖTEK Ç.
Tipologia
Fiume
1,08
3,35
BALIKESİR
03-BACINO
SUSURLUK
BIÇKI D.
Tipologia
Fiume
0,7
2,91
SAMSUN
15-BACINO
KIZILIRMAK
ŞIKLIKALTI Ç.
Tipologia
Fiume
1,35
4,69
GİRESUN
14-BACINO
YEŞİLIRMAK
SAY D.
Tipologia
Fiume
1,15
4,3
KARABÜK
13-BACINO
MAR NERO
OCCID.
SÖĞÜTLÜ D.
Tipologia
Fiume
0,48
2,07
ARTVİN
22-BACINO
MAR NERO
ORIENTALE
LORHE DERE
Tipologia
Fiume
0,81
4,55
ADANA
18-BACINO
SEYHAN
KÜÇÜK DERE
Tipologia
Fiume
0,56
1,87
BALIKESİR
03-BACINO
SUSURLUK
TAŞEYREK D.
Tipologia
Fiume
0,16
0,6
ADANA
18-BACINO
SEYHAN
KÜÇÜK DERE
Tipologia
Fiume
0,56
1,74
VAN
25-BACINO
LAGO DI
VAN
ULU D.
Tipologia
Fiume
0,44
1,63
ANTALYA
09-BACINO
MEDIT.
CENTRALE
ULUPINAR Ç.
Tipologia
Fiume
1,04
5,05
BALIKESİR
03-BACINO
SUSURLUK
YAYLABAYIRI D.
Tipologia
Fiume
0,48
1,98
BOLU
13-BACINO
MAR NERO
SINAPLI D.
Tipologia
Fiume
0,63
3,5
#
23
KIZIL
24
KOZAK
25
KÖTEK
26
KÖYCÜK
27
ÖRENCİK
28
PAMUKLU
29
SAY
30
SÖĞÜTLÜ
31
SÖĞÜTÖZÜ
32
TARAKLI
33
TAŞEYREK
34
TEKELİK
35
ULUDERE
36
ULUPINAR
37
YAYLA
38
YAYLACIK
Produzione
Annua
Pianificata
(GWh)
Capacità
Pianificata
(MW)
342
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Denominazione
Provincia
Bacino
Fiume
Tipologia
Capacità
Pianificata
(MW)
#
Produzione
Annua
Pianificata
(GWh)
OCCID.
39
40
VAN
25-BACINO
LAGO DI
VAN
GÖZE D.
Tipologia
Fiume
0,65
2,03
TRABZON
22-BACINO
MAR NERO
ORIENTALE
DURANA D.
Rockfill
3,39
15,61
YEŞİLKANAT
YOMRA
La BEI in Turchia nel 2013.
Per una crescita intelligente in Turchia, nel 2013 la BEI ha rafforzato ulteriormente il proprio
sostegno alle PMI e alle infrastrutture vitali con nuovi fondi per un totale di 2,30 miliardi di
Euro (2012: 2,14 miliardi di Euro). Il sostegno alle piccole e medie imprese (PMI) ha
dimostrato il ruolo attivo della BEI nel sostenere il principale settore del Paese che offre
occupazione. Mirando il favorire della crescita, nel 2013 i finanziamenti della BEI hanno
sostenuto anche altri settori cruciali dell'economia turca, come i trasporti, le
telecomunicazioni, l'ambiente, il turismo, l'energia e lo sviluppo urbano.
FONDI BEI IN TURCHIA NEL 2013 PER SETTORE (2,302 miliardi di Euro)
343
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Traguardi Totali BEI nel 2013
19 miliardi di Euro
in Attività 71.7
miliardi di Euro totale
ambientaliste
sostenendo
soluzioni
di finanziamenti 37% dei quali 64 miliardi di
efficienza delle risorse e rispetto del clima
Euro in abito UE (41%)
15.6 miliardi di Euro per tecnologie 21.8 miliardi di Euro
sostegno del
chiave e sviluppo tecnologico per un'Europa Gruppo BEI alle PMI e media capitalizzazione
– il volume più alto in assoluto e la maggiore
innovativa
priorità della Banca
6.4 miliardi di Euro per il sostegno di
La BEI ha stanziato più di 9 miliardi di
infrastrutture strategiche nel trasporto ed Euro
nel
proprio
programma
di
energia nonché per lo sviluppo di infrastrutture
occupazione giovanile, creando circa 50.000
a banda larga per internet ad alta velocità
posti lavoro per i giovani
Sostegno alle PMI e media capitalizzazione
Nel 2013 la BEI ha unito le proprie forze con molti dei suoi partner bancari turchi nel tentativo
di sostenere l'economia reale. La BEI ha fornito un totale di 1,4 miliardi di Euro per sostenere
le piccole e medie imprese (PMI) e gli investimenti di efficienza energetica e di sanità turistica
di piccola e media entità e le autorità locali in collaborazione con le banche partner turche. Il
sostegno alle PMI e alle piccole società a media capitalizzazione internazionale e locale
rappresentano il 43% dei fondi totali concessi dalla BEI in Turchia nel 2013. Questo ingente
alle PMI e alla media capitalizzazione ha contribuito allo sviluppo economico e alla creazione
di posti di lavoro nel Paese in stretta collaborazione con le banche partner della BEI sia
pubbliche, che promozionali e intermediari del settore privato. I fondi BEI sono stati
convogliati verso l'economia reale sotto forma di linee di credito attraverso la Denizbank, la
Eximbank, la Halkbank, la Isbank, la TKB, la TSKB, la Vakifbank, la Yapi Kredi Bank e la
Ziraatbank.
Esempi di particolare importanza per la BEI sono:
1. 100 milioni accordati alla Turkiye Halk Bankasi A.S. (Halkbank) per sostenere le piccole e
medie imprese e alle piccole società a media capitalizzazione innovative e orientate
alla ricerca della Turchia, con il sostegno finanziario dell'Unione Europea (UE). Il sistema è
stato istituito in modo tale da sviluppare sinergie con le istituzioni dell'UE per un impatto
ottimale. I due membri del Gruppo BEI - la Banca Europea degli Investimenti (BEI) e il Fondo
Europeo per gli Investimenti (FEI) - hanno realizzato questa operazione utilizzando un
344
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
meccanismo di garanzia sviluppato in collaborazione con la Commissione Europea (CE).
L'operazione è strutturata come un prestito della BEI alla Halkbank. E' dotato di una garanzia
FEI che fornisce una copertura del rischio di credito per Halkbank nell'ambito dello strumento
di ripartizione del rischio (RSI), uno strumento di garanzia sviluppato in collaborazione con la
Commissione Europea e sostenuto finanziariamente dall'UE.
Questo sforzo congiunto migliorerà le condizioni di prestito offerte da Halkbank alle imprese
innovative. Oltre a scadenze più lunghe e a prezzi interessanti, lo strumento del Gruppo BEI
permetterà alle imprese innovative di accedere ai finanziamenti, che solitamente vengono
concessi con maggiore riluttanza da parte del settore finanziario a tali società a causa dei
livelli relativamente alti di incertezza e di rischio inerenti l'innovazione. Questo sforzo
congiunto UE è sostenuto dal Settimo Programma Quadro, del quale fa parte anche la
Turchia, e aumenterà l'accesso ai finanziamenti per le PMI innovative e le piccole società a
media capitalizzazione.
2. 150 milioni accordati alla Turkiye İş Bankası A.Ş. (Isbank) per sostenere gli investimenti
di piccola e media entità delle PMI e delle piccole società a media capitalizzazione per
progetti che contribuiscono alle comunità sostenibili. Tali investimenti possono essere
nel campo d'efficienza energetica, dell'ambiente, della protezione contro le catastrofi naturali,
della salute e del miglioramento delle condizioni di lavoro, nonché degli obblighi di sicurezza
previsti dalla legge.
3. 150 milioni di Euro di dilazione per la Greater Anatolia Guarantee Facility (GAGF), che è
stato inaugurata nel 2010. La GAGF combina prestiti della BEI e la ripartizione del rischio FEI
supportati dall'assistenza pre-adesione dell'UE (IPA) finanziando le PMI nelle regioni
economicamente più deboli della Anatolia.
Le province orientali rappresentano circa il 25% delle PMI in Turchia, ma ricevono solo il 10%
dei fondi riconosciuti alle PMI, principalmente a causa dello sviluppo minore e del maggiore
rischio percepito in questa area geografica. Il GAGF riguarda l'implementazione parallela del
finanziamento BEI per lo strumento delle PMI e la garanzia del portafoglio parziale fornita dal
FEI per facilitare l'accesso delle PMI a finanziamenti a condizioni agevolate quali tasso di
interesse più basso, scadenza più lunga, garanzie minori o alternative, aumento della
capacità di indebitamento o una combinazione del tutto. La garanzia FEI è stato messa in
atto con il sostegno dei fondi IPA per la Turchia nell'ambito del Programma Operativo per la
Competitività Regionale. Basato sul grado di assorbimento, con un 97% dei prestiti concessi ad oltre 5.000 piccole e
medie imprese, il budget GAGF è stato incrementato di 19 milioni di euro di fondi IPA
addizionali e 200 milioni di Euro di finanziamenti BEI alle PMI. Grazie al budget aggiuntivo, le
PMI della regione utilizzeranno finanziamenti per 900 milioni di Euro. 345
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Sostenibilità ambientale
Nel 2013 la BEI ha concesso un totale di 402,5 milioni di Euro per la sostenibilità ambientale
in Turchia. Di tale importo, 52,5 milioni di Euro per l'efficienza energetica, 150 milioni di Euro
per la riabilitazione delle foreste, il rimboschimento e controllo dell'erosione e 200 milioni di
Euro per le attività di turismo sostenibile.
Quest'ultimo è di particolare importanza, e rappresenta un esempio del contributo BEI alle
attività ambientaliste:
1. Il prestito di 150 milioni di Euro concesso alla Repubblica di Turchia per le attività di
riabilitazione delle foreste, di rimboschimento e di controllo dell'erosione che si
terranno nel periodo 2014-2015, e come follow-up del precedente il simile sostegno della BEI
alla Turchia di 100 milioni di Euro sottoscritto nel dicembre 2012. Il progetto è attualmente
implementato con successo dal Ministero delle Foreste e Opere Idrauliche.
L'operazione del 2013 si basa sulla precedente, dando maggiore enfasi al miglioramento
della qualità della gestione forestale. La Turchia è uno dei paesi più a rischio di erosione di
tutto il mondo, a causa della sua topografia, del clima, della vulnerabilità del tipo di terreno e
della tendenza di sfruttamento eccessivo dei pascoli e delle foreste. Grazie al supporto delle
attività di rimboschimento e di controllo dell'erosione, l'attuale operazione contribuisce al
mitigamento ed adattamento del cambiamento climatico, nonché alla gestione delle risorse
naturali in Turchia, rafforzando la crescita economica e la stabilità. Si prevede di generare
molteplici benefici ambientali compresi i miglioramenti dello stato di salute delle foreste, la
tutela delle risorse del suolo e idriche, e una maggiore offerta di legname e di biomasse per
la produzione di energia.
Il nuovo finanziamento BEI dovrebbe coprire le attività di controllo dell'erosione in 155.600
ettari, la riabilitazione di 110.000 ettari di terreni forestali degradati e il rimboschimento in
80.000 ettari. Comprende inoltre anche investimenti in attrezzature e impianti per realizzare
le summenzionate opere e per facilitare lo sviluppo della qualità della gestione forestale. Le
attività si svolgeranno in tutto il paese, concentrandosi in particolare sulle regioni della
penisola anatolica maggiormente soggette ad erosione.
2. Prestito di 200 milioni di Euro per il turismo sostenibile in Turchia. L'accordo è stato
siglato con la Türkiye Kalkınma Bankası (TKB) e la Türkiye Sınai Kalkınma Bankası (TSKB).
Si tratta del finanziamento della ristrutturazione e degli investimenti di efficienza energetica
delle strutture turistiche esistenti, nonché altri investimenti volti a razionalizzare l'uso delle
risorse naturali e mitigare gli effetti ambientali negativi del turismo.
346
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Finanziamenti per infrastrutture moderne atte al miglioramento delle condizioni di vita
Nel 2013, il ruolo di catalizzatore della BEI nelle infrastrutture moderne in Turchia è
riassumibile nei 200 milioni di Euro concessi Ferrovie dello Stato turco come ulteriore
contributo al potenziamento della linea ferroviaria ad alta velocità Istanbul- Ankara, il
principale corridoio di trasporto del paese che unisce i due principali poli della economia
turca:
Tale finanziamento aggiuntivo per questo progetto di punta che collega l'Europa all'Asia
porta il sostegno totale della BEI a questo progetto ferroviario ad alta velocità a circa 1,5
miliardi di Euro, e consolida ulteriormente la posizione della BEI come principale partner
finanziario della Turchia nel finanziamento dei grandi progetti prioritari e gli sforzi del paese
per ristrutturare il mix delle modalità di trasporto a favore delle ferrovie. Il primo finanziamento
BEI per questo progetto risale al 2006. Esso mira a costruire la prima ferrovia ad alta
velocità del Paese fra le due maggiori città del paese. Sarà interconnesso il Tunnel sotto il
Bosforo Marmaray, anch'esso finanziato dalla BEI. In questo modo saranno possibili i
collegamenti ferroviari tra i due continenti. I suoi vantaggi sono numerosi e diversi, compreso
il notevole risparmio di tempo notevole per i viaggiatori, il sostegno dello sviluppo economico
e della qualità della vita e la generazione di benefici ambientali.
Il progetto costituisce un elemento chiave dei piani del Governo per aumentare la quota del
trasporto ferroviario, migliorando la produttività e l'efficacia delle operazioni ferroviarie. La BEI
ha fortemente sostenuto questo sforzo e il valore totale dei finanziamenti BEI al sistema
ferroviario turco negli ultimi cinque anni ha raggiunto i 2,5 miliardi di Euro circa.
Inoltre, il progetto è importante dal punto di vista del sostegno agli obiettivi strategici della
politica dell'Unione Europea ed è una continuazione del Corridoio Paneuropeo n.
IV. L'Unione Europea sta quindi fornendo anche un credito di 120 milioni di Euro al progetto
HSL attraverso i fondi di assistenza alla pre-adesione (IPA). Questo progetto è quindi un
ottimo esempio di uso complementare dei finanziamenti UE e dei prestiti BEI a favore di
investimento prioritario nelle infrastrutture di trasporto sostenibili del paese.
Negli ultimi dieci anni, la Banca ha concesso prestiti per circa 17 miliardi di Euro. E '
soprattutto a partire dal 2005 che si registra un aumento delle attività della Banca, che ora si
attestano ad un volume annuo di circa 2 miliardi di Euro. Questo rende la Turchia il paese
extra UE che principalmente beneficia dei fondi BEI e il 7° in Europa. Questa crescita dei
finanziamenti della BEI è un riflesso dei cambiamenti che hanno avuto luogo in Turchia, e
anche tra la Turchia e l'Unione Europea.
347
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Project
AFFORESTATION AND EROSION
CONTROL II
Description
EUR m illion
150.00
Afforestation and erosion control for the most erosion-prone regions of
BROADBAND ROLL-OUT EASTERN
REGIONS
Broadband telecom services in Eastern regions
DENIZBANK LOAN FOR SMES II
Financing of small and medium-scale projects carried out by SMEs
99.95
Financing of small and medium-scale projects carried out by SMEs
150.00
DEVELOPMENT LOAN II SMES
MIDCAPS & PRIORITIES
ENERGY EFFICIENCY COFINANCING
FACILITY
EXIMBANK LOAN FOR SMES AND
MIDCAPS
GREATER ANATOLIA SME LOAN
EXTENSION
GREEN FOR GROWTH FUND II
HALKBANK INNOVATIVE
ENTERPRISES
ISBANK FACILITY FOR SUSTAINABLE
COMMUNITIES
ISTANBUL-ANKARA RAILWAY
TRANCHE B
ISTANBUL EARTHQUAKE RISK
MITIGATION II
SUSTAINABLE TOURISM & EE GLOBAL
LOAN
SUSTAINABLE TOURISM & EE GLOBAL
LOAN
SUSTAINABLE TOURISM & EE GLOBAL
LOAN
TSKB LOAN II FOR SMES MIDCAPS &
OTHER PRIORITIES
VAKIFBANK MUNICIPAL GLOBAL
LOAN
Environmental sustainability through energy efficiency
200.00
50.00
Financing of small and medium-scale projects carried out by SMEs
100.00
Financing of small and medium-scale projects carried out by SMEs
150.00
Climate action investments
Financing of innovation projects carried out by SMEs
SMEs and Mid-Caps w ith a focus on projects contributing to
sustainable communities
Construction of electrified high-speed line betw een Ankara and
Istanbul
Earthquake risk mitigation programme in Istanbul
Financing of hotel refurbishment, energy efficiency and sustainable
tourism projects
Financing of hotel refurbishment, energy efficiency and sustainable
tourism projects
Financing of hotel refurbishment, energy efficiency and sustainable
tourism projects
Financing of small and medium-scale projects carried out by SMEs
SMEs and Mid-Caps w ith a focus on projects contributing to
sustainable communities
Upgrading and expansion of mobile telecommunications netw orks in
VODAFONE SEE MOBILE BROADBAND Romania and Turkey through rollout of reinforced mobile broadband
services
YAPI KREDI CLIMATE CHANGE
Small and medium sized investments in climate action
FACILITY II
ZIRAATBANK LOAN FOR SMES AND
Financing of small and medium-scale projects carried out by SMEs
MIDCAPS
2.50
100.00
150.00
200.00
200.00
40.00
6.00
154.00
150.00
100.00
100.00
99.39
100.00
2 301.84
348
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
PRESTITI DELLA BEI IN TURCHIA 2009-2013
BEI - Informazioni Generali
La BEI è l'istituto che fornisce crediti a lungo termine dell'Unione Europea di proprietà dei Paesi
Membri. Concede finanziamenti a lungo termine in Europa e non a investimenti redditizi che
contribuiscono alla crescita, all'occupazione, alla convergenza regionale e alla sostenibilità
ambientale.
L'aumento del capitale interamente versato consente alla Banca di fornire fino a 60 miliardi di euro in
prestiti supplementari per il periodo 2013-2015. Per massimizzare la crescita e la creazione di posti di
lavoro, la BEI si rivolge a quattro settori prioritari: innovazione e capacità, PMI, energia pulita e
infrastrutture moderne in tutta l'UE.
Quasi un terzo dei prestiti concessi dalla Banca nel 2013 - 18,5 miliardi di Euro (21,9 miliardi di Euro
includendo anche il Fondo Europeo per gli Investimenti) - sono stati destinati alle PMI e alle piccole
società a media capitalizzazione, a conferma del forte impegno del Gruppo BEI nel contribuire alla
crescita e all'occupazione.
Il programma della BEI per occupazione giovanile "Competenze e Occupazione - Investire nella
Gioventù", affronta i deficit di competenze legate al lavoro e l'assunzione di giovani nelle PMI.
Nel 2013, la BEI ha dedicato più di 9 miliardi di Euro a questo programma, un importo nettamente
superiore al volume iniziale di 6 miliardi di Euro.
349
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Il Fondo Europeo per gli Investimenti (FEI) è un ramo della BEI specializzato nella fornitura agli
intermediari finanziari di soluzioni di finanziamento del rischio a sostegno delle PMI e per
promuovere l'innovazione in Europa. Nel 2013, il FEI ha impegnato un totale di 1,46 miliardi di Euro in
68 fondi raggiungendo un totale pari a 7,15 miliardi di Euro. Sul versante delle garanzie, il FEI ha
impegnato 1,84 miliardi di Euro in 69 operazioni che hanno portato a nuovi finanziamenti alle PMI per
un importo di 8,61 miliardi di EUR. Il sostegno del FEI alle micro-imprese in tutta UE-28 ha raggiunto
un totale pari a 53,8 milioni di Euro, per un volume di prestiti di 201,3 milioni di Euro.
Complessivamente, più di 140.000 piccole e medie imprese sono state finanziate dal FEI nel 2013.
In Turchia, il FEI ha impegnato 23 milioni di Euro per un totale di 100 milioni di Euro; inoltre, ha
impegnato 205 milioni di Euro in operazioni di garanzia attraverso le quali sono stati resi disponibili
nuovi finanziamenti alle PMI per circa 2 miliardi di Euro.
350
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Intermediari finanziari in Turchia
Other intermediaries working with EIB Group can be found on the
website of the European Investment Fund (EIF) http://www.eif.org/what_we_do/where/index.htm.
Industrial Development Bank of Turkey – TSKB
Meclisi Mebusan Caddesi n°161
TR - 34427 Fındıklı – Istanbul
Mr Orhan BEŞKÖK
Tel. +90 212 334 5007
Fax +90 212 334 5234
E-mail: [email protected]
Türkiye Vakıflar Bankası
Atatürk Bulvarı n°211 / 12
TR - 06680 Kavaklıdere – Ankara
Mr Mustafa Turan
Head of International Banking
Tel. +90 312 316 7500
Fax +90 312 316 7126
E-mail: [email protected]
Türkiye Kalkınma Bankası
Necatibey Cad. No: 98
TR - Çankaya/Ankara
Mr Murat BUĞAN
Tel. +90 312 231 43 08/79
+90 312 231 44 61
Fax +90 312 229 68 10
T.C. Ziraat Bankası
Genel Müdürlük
Şişli Maslak Mah.
Eskibüyükdere Cad. No: 41
C Blok Kat 4
34398 Maslak – İstanbul
E-mail: [email protected]
Mr Yavuz Yeter
Tel. +90 212 304 30 55
Fax +90 212 2765285
E-mail: [email protected]
or
Mr A.Kadir Sarı
Tel. +90 212 304 30 83
Fax +90 212 2765285
E-mail: [email protected]
or
Ms R. Ebru Tan
Tel. +90 212 304 3080
Fax +90 212 2765285
E-mail: [email protected]
Türkiye Halk Bankası
Barbaros Mahallesi, Şebboy Sokak No.4
34746 Ataşehir-İstanbul
Mr Recep GÜLEÇ
Tel. +90 216 503 5775
Fax +90 212 340 0997
E-mail: [email protected]
Türkiye İş Bankası
Genel Mudurluk
Is Kuleleri, 34330 Levent - Istanbul
Ms Sule Akalin
Tel. +90 212 316 2819
Fax +90 212 316 08 32
E-mail: [email protected]
351
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Türk Eximbank
Milli Müdafaa Caddesi No.20.
06100 Bakanlıklar – Ankara
Mr Necdet KARADENİZ
Tel. +90 0216 666 5747
Fax +90 216 666 5897
E-mail: [email protected]
Mr H. Egemen KILIÇ
Tel. +90 0216 666 57 76
Fax +90 0216 666 5897 E‐mail: [email protected] Mr Şevket Ersin KAPLAN Tel. +90 0216 666 57 81 Fax +90 0216 666 5887 E‐mail: ekapl[email protected]
DenizBank A.S.
Büyükdere Cad. n° 106
TR – 34394 Mecidiyeköy – Istanbul
Ms Zeynep Sürmen
Tel. +90 212 336 43 83
Fax +90 212 272 99 35
E-mail: [email protected]
Deniz Finansal Kiralama
Rıhtım Cad. n°26
TR – 34425 Halkalı– Istanbul
Ms Nilufer SENYEL
Tel. +90 212 370 16 88
Fax +90 212 272 29 98
E-mail: [email protected]
Akbank
Sabancı Center
TR - 34330, İstanbul
Mr Cem EGRITAG Tel. +90 212 385 6246
Fax + 90 212 325 2045
E-mail: [email protected]
Ms Isil GURBUZ
Tel. +90 212 318 5168
Fax +90 212 318 5648
E-mail: [email protected]
Finansbank
Büyükdere Cad. n° 129
TR – 34394 Mecidiyeköy – Istanbul
Yapı ve Kredi Bankası
Yapı ve Kredi Bankasi A.S.
Yapı Kredi Plaza D Block
TR – 34330 Levent - Istanbul
Garanti Bank
Nispetiye Mah. Aytar Cad. n°2
TR – 34340 Besiktas – Istanbul
Garanti Leasing
Eski Büyükdere cad. Ayazağa Köy Yolu n°23
TR – 34396 Maslak – Istanbul
Ms İsmet Sinem Doğu
Tel. +90 (212) 339 7238
Fax +90 (212) 339 6132
E-mail: [email protected]
Mr. Batuhan Tufan
Tel. +90 212 318 1735
Fax +90 212 216 6217
E-mail: [email protected] Ms Ozlem Gokceimam
Tel. +90 212 3181 711
E-Mail: [email protected]
Mr Cem SÜRMEN
Tel. +90 212 365 3176
Fax +90 212 365 3001
E-mail: [email protected] 352
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
EFG Finansal Kiralama A.Ş.
Büyükdere Cad. No.195
34394 Levent Istanbul
ING Bank
Eski Büyükdere Cad. Ayazaga Köyyolu No:6
Maslak 34398 / Istanbul / Turkey
Mr Koray KALLECI
Tel. +90 212 284 2657
E-mail: [email protected] or
Mr Cüneyt AKPINAR
Tel. +90 212 284 2830
Central Tel. +90 212 324 3131
Fax +90 212 284 2333
E-mail: [email protected]
Mr Oğuz Bardak Tel. +90 212 335
Fax +90 212 365 4392
E-mail: oguz.bardakngbank.com.tr 353
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Alcune opportunità d’affari nel settore pubblico
I progetti e le occasioni di business, sono vari e finanziati/gestiti da diversi meccanismi.
1. Progetti finanziati e coordinati dai Ministeri competenti:
Sono progetti di livello medio e grande. Sono vari e molto articolati.
o
Ministero delle Foreste e
dell'Acqua http://www.ormansu.gov.tr/osb/AnaSayfa.aspx?sflang=tr
Per avere maggiore informazioni sui progetti potete rivolgervi al Dipartimento
Unione Europea e Relazioni Esterne:
http://did.ormansu.gov.tr/did/AnaSayfa/iletisimGrup/yerlesim.aspx?sflang=tr
o
Ministero dell’Ambiente e della Pianificzione
urbana http://www.csb.gov.tr/turkce/index.php
Per avere maggiore informazioni sui progetti potete rivolgervi al Dipartimento
Relazioni Esterne:
Dr. Cengiz Taylan
Baykara http://www.csb.gov.tr/gm/disiliskiler/index.php?Sayfa=iletisim
o
Ministero dell'Alimentazione, dell'Agricoltura e della Zootecnia http://www.tarim.gov.tr/
Per avere maggiore informazioni sui progetti potete rivolgervi al Dipartimento
Unione Europea e Relazioni Esterne:
http://www.tarim.gov.tr/Sayfalar/Detay.aspx?SayfaId=2
o
Ministero dell’Energia e delle Risorse Naturali http://www.enerji.gov.tr/index.php Per
avere maggiore informazioni sui progetti potete rivolgervi al Dipartimento Unione
Europea e Relazioni Esterne:
Dr. Murat Karapınar
http://www.enerji.gov.tr/index.php?dil=tr&sf=webpages&b=iletisim&bn=&hn=&id=40
2
354
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
2. Progetti finanziati dall’UNDP Programma di Sviluppo delle Nazioni Unite. UNDP ha il
proprio ufficio in Turchia. Collabora con diverse strutture locali tra cui anche TTGV.
http://www.tr.undp.org/content/turkey/en/home/
http://www.gefsgp.net/ - GEF Fondo Globale per l'Ambiente (SGP)
http://www.ttgv.org.tr/en/about-ttgv
3. Progetti della Banca Mondiale
http://www.worldbank.org/tr/country/turkey
4. Progetti/programmi dell’Unione Europea
http://www.ab.gov.tr/index.php?p=11&l=1
–
Ministero
dell’Unione
Europea
5. Progetti finanziati e coordinati della Tubitak, il Consiglio turco per le ricerche
scientifiche e tecnologiche (Ufficio Nazionale di Coordinamento dei Programmi di
Quadro Europei) http://www.tubitak.gov.tr/en
6. Progetti finanziati dalle agenzie di sviluppo regionali
http://www.ab.gov.tr/index.php?p=45921&l=1
7. Progetti delle municipalita’:
o Grande Municipalita’ di Istanbul - Direttore delle Relazioni con UE Nazif Eyup Korkut
http://www.ibb.gov.tr/enUS/Organization/birimler/abiliskilerimd/Pages/AnaSayfa.aspx#.U4cxL8hrPVI
o Grande Municipalita’ di Ankara
http://www.ankara.bel.tr/genel-sekreter-yardimcisi/dis-liskiler-daire-baskanligi
o Grande Municipalita’ di Izmir – Dipartimento Relazioni con UE
http://www.izmir.bel.tr/KaAbOfisi/138/327/tr
355
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
PER LE GARE PUBBLICHE:
KIK Autorita’ delle Gare Pubbliche
http://www.ihale.gov.tr/default.aspx
EKAP Piattaforma Elettronica di Acquisti Pubblici
https://ekap.kik.gov.tr/EKAP/Default.aspx?ReturnUrl=%2fEKAP
IPA Strumento di preadesione UE
http://www.ipa.gov.tr/TenderSearch/ (selezionare “forecast” e “open”)
356
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Altre opportunità d’affari settoriali
Si segnalano di seguito alcuni progetti che possono dare idea delle opportunita’ d’affari
presenti Turchia nei settori dell’ ambiente, della gestione delle risorse idriche e delle energie
rinnovabili:
AMBIENTE
Gare
aperte
per
36
progetti
Europaid
in
lingua
inglese:
http://www.ipa.gov.tr/TenderSearch/ (segnalare “forecast” e “open”) Sono in genere le gare
per la costruzione di impianti per acque reflue.
Alcune segnalazioni:
•
•
Ministero dell'Ambiente e dell'Urbanizzazione, Dipartimento di investimenti UE
Gara per la "Costruzione di trattamento delle acque reflue a Soma" con il numero di
riferimento EuropeAid/132842/IH/WKS/TR - Scadenza: 18 July 2014.
Progetto
impianto
di
incenerimento
della
ISTAÇ
(Istac A.S. è la società fondata dalla Grande Municipalità di Istanbul nel 1994. Istac si
occupa della gestione ambientale secondo gli standard nazionali ed internazionali) L’impianto avra’ una capacità di 3000 tonnellate / giorno e produrra’ 70 MWh di
energia elettrica. Il progetto sarà un importante passo avanti nel processo di
integrazione
europea.
http://www.istac.com.tr/projeler/vizyon-projeler/yakma-tesisi-projesi.aspx Una
delle priorità della BEI, Banca Europa degli Investimenti, in Turchia è rappresentata
da investimenti infrastrutturali a favore delle municipalità metropolitane, quali ad
esempio impianti di gestione delle acque reflue, con l’obiettivo di migliorare le
condizioni di vita dei cittadini turchi.
Esistono grandi opportunita’ di business anche nella raccolta e nella gestione dei rifiuti
ospedalieri: In Turchia vi sono 1.449 strutture sanitarie attive. Nel 2012 il totale dei rifuti
sanitari raccolti e’ stato 69.000 tonnellate. Solo gli ospedali Universitari di Cerrahpaşa e di
Çapa di Istanbul hanno rifiuti annuali di 1 milione e 60 mila tonnellate (che creano una spesa
annua di 849.000 lire turche). I due ospedali trattano 2,5 milioni di persone ogni anno (con
una quota del 12% dei pazienti trattati ad Istanbul).L’obiettivo e’ quello di poter produrre
l’energia per i propri consumi dai rifiuti sanitari.
357
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
GESTIONE RISORSE IDRICHE
Alcuni progetti in corso:
•
•
•
•
Costruzione
di
un
Impianto
d'irrigazione
presso
Kayabogazi
Il progetto, che è uno dei progetti prioritari del Ministero delle Foreste e dell’Acqua,
sotto la Direzione Generale di Opere Idrauliche (DSI), è stato esentato dalle
procedure VIA (Valutazione di Impatto Ambientale). Il progetto, una volta completato,
servirà per irrigare circa 1.500 ettari di terreno.
Progetto Göl-Su della Direzione Generale di Opere Idrauliche (DSI) L’obiettivo e’
quello di costruire degli stagni dove depositare 1 miliardo m3 di acqua per irrigare
2.121.280 ettari e per proteggere 208.340 ettari di terreni agricoli dalle inondazioni. Il
budget complessivo e’ di circa 5 miliardi di lire turche. 334 progetti sono stati
completati, 652 sono nella fase di costruzioni e 739 progetti di stagni e di irrigazione
verranno completati entro il 2014.
Progetto di approvvigionamento idrico per Cipro Nord - Con il progetto 75 milioni di
m3 di acqua verranno trasmessi al Nord di Cipro dalla Diga Alakopru costruita sul
fiume Anamur_Dragon. Con la condotta offshore, che sarà attuata per la prima volta
al mondo, avra’ una lunghezza di 106 km. Nell’ambito del progetto verrano costruiti 2
dighe, una condotta offshore di 107 km. e 2 stazioni di pompaggio.
TRAGEP: progetto di sviluppo della Tracia Il progetto ha un budget totale di 10
miliardi di lire turche (3,2 miliardi di lire turche solo per il progetto Ergene). Il progetto
prevede la costruzione di dighe, stagni, impianti di acqua potabile, stazioni di
monitoraggio automatiche.
•
ENERGIA RINNOVABILE
Le prossime domande di licenza per la produzione di energia solare saranno accettate dalla
EPDK dal 1 al 7 aprile 2015, quelle per la produzione di energia eolica dal 24 al 30 aprile
2015.
Dopo il 2015 le domande per l’energia solare verranno accettate nei primi 5 giorni di ottobre e
quelle per l’energia eolica negli ultimi giorni di ottobre in base alla capacita’ dichiarata
dall’Autorita’ un anno prima.
358
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
Obiettivo al 2023 MW (centenario della Repubblica Turca)
•
•
•
•
•
Idroelettrico 35.000
Eolico 20.000
Geotermico 600
Fotovoltaico 3.000
Biomasse e Biogas 300
La Banca Mondiale ha annunciato una linea di credito di 350 milioni di dollari per sostenere il
finanziamento di progetti di energia rinnovabile in Turchia. La Banca Internazionale per la
Ricostruzione e lo Sviluppo fornirà 300 milioni di dollari con un periodo di rimborso di 18 anni
e un periodo di grazia di cinque anni, mentre il Clean Technology Fund, un fondo
multilaterale dalla Banca Mondiale, aggiungerà altri 50 milioni di dollari con un periodo di
rimborso di 20 anni e quello di grazia di 10 anni. Il progetto ‘Renewable Energy Integration’
sarà attuato dall’autorità per l’energia elettrica turca, con la garanzia del Tesoro turco. Il
progetto ha lo scopo di facilitare la produzione su larga scala di energia da fonti rinnovabili
per coprire il fabbisogno energetico in crescita.
Progetti del TUBITAK (Consiglio Turco di Ricerca Scientifica e Tecnologica).
http://www.eie.gov.tr/projeler/tubitak_projeleri.aspx
Progetto Milges per lo Sviluppo del Centrale di Energia Solare Nazionale
E’ un progetto di ricerca e sviluppo che ha l’obiettivo di produrre localmente tutti i componenti
necessari per la produzione di energia solare (celle PV, pannelli PV, inverter, sistemi di monitoraggio
e di controllo) e di costruire una centrale Pv di 10 MW.
•
•
•
•
Progetto di Sviluppo delle Tecnologie di Produzione LED e OLED
Progetto Milhes per lo sviluppo di Sistema Nazionale di Centrale Idroelettrico
Progetto di Sviluppo di Convertitori di alta corrente ad alta tensione
Progetto di Produzione locale di pallette di turbine a gas
359
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale
PESCA ED ACQUACOLTURA
Progetti Tagem
Studio preliminare per la creazione di una banca genetica del pesce: custodia seminale
(2013-)
Progetto di Monitoraggio della Popolazione della bluefish (Pomatomus saltatrix): Dallo
Stretto dei Dardanelli allo Hopa (2013-)
Definizione della struttura genetica delle popolazioni della trota fario (Salmo trutta L.) in
Turchia con il metodo di analisi microsatelliti e dloop sekans (2013-)
Distribuzione e abbondanza di uova, larve e individui giovani di acciuga (Engraulis
encrasicolus ponticus) nella Regione del Mar Nero (2013-)
Definizione dell’accettazione del consumatore dell’affumicazione di pesce Doğu
Karadeniz’de Avlanan ve Yetiştirilen Bazı Balıkların Tütsülenmesinde Tüketici
Kabulünün ve Depolama Stabilizesinin Belirlenmesi (2013-)
Definizione delle situazioni di qualita’ ecologica delle coste del Mar Nero e Diversita’ di
specie degli organismi Benthic invertebrati Orientale (2013-)
Progetti Tübitak
Sviluppo delle opzioni di gestione della pesca basata all’ecosistema nei mari della
(DEkoYön) (2013- )
Per ogni eventuale approfondimento si invita a contattare l’ufficio ICE di Istanbul:
ITALYAN TICARET MERKEZI
ICE - AGENZIA PER LA PROMOZIONE ALL’ESTERO E
L’INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ITALIANE
LUTFI KIRDAR ULUSLARARASI KONGRE ve SERGI SARAYI
GUMUS SOK. N. 60, 34267 HARBIYE/ISTANBUL
E-mail: [email protected]
Tel: (0090212) 373.03.00 (pbx) - Fax: (0090212) 241.82.23
Orario di apertura al pubblico:09:00 - 17:00
Pagina web generale: www.ice.gov.it
Pagina web Ufficio ICE di Istanbul: http://www.ice.gov.it/paesi/europa/turchia/
360
Turchia - Indagine di mercato multisettoriale