Visualizza

In occasione del Cosmopack New York Symposium un’analisi degli scambi USA-Italia
Stati Uniti: mercato, scenari d’interscambio
U n inc rem e n to s u p e r i o re a l 20% del le espo rtaz io ni co sm etic h e i tali ane neg li U S A nell’ult i mo t ri enni o
conto terzi americani.
Le aziende associate presenti ai
seminari e agli incontri B2B hanno
espresso ampia soddisfazione per
l’iniziativa, forti di un know-how che
vede l’offerta italiana di
contoterzismo molto qualificata,
pronta a sostenere un mercato
Lo scorso 22/23 settembre anche
Cosmetica Italia ha partecipato
alla manifestazione Cosmopack
New York Symposium, rivolta alle
aziende italiane della filiera
cosmetica interessate ai servizi e
alle innovazioni a livello di
packaging e ai retailer e produttori
CATEGORIA EXPORT
2012
2013
‘13-’12
Prodotti per capelli
64.787
60.985
-5,9%
Prodotti per il trucco
39.393
36.676
-6,9%
Prodotti per il corpo
33.740
37.819
12,1%
4.603
5.305
15,3%
Igiene orale
845
1.420
68,1%
Prodotti per l’uomo
503
649
29,0%
Profumeria alcolica
57.350
70.386
22,7%
4.246
1.945
-54,2%
205.466
215.186
4,7%
Igiene personale
Altri prodotti
TOTALE
importante sia per le imprese
produttrici che per la
distribuzione.
Grazie all’analisi sui dati
d’interscambio provenienti dalla
banca dati COEWEB dell’ISTAT è
possibile tracciare un profilo ben
delineato: i cosmetici esportati nel
0,9%
variazione
32,9%
Prodotti per capelli
Prodotti per il trucco
Prodotti per il corpo
Igiene personale
Igiene orale
Prodotti per l’uomo
0,1%
0,3%
2,5%
Profumeria alcolica
Altri prodotti
17,7%
continente americano hanno
superato, complessivamente, i 340
milioni di euro nel corso del 2013,
con destinazione privilegiata verso
gli Stati Uniti, che durante l’ultimo
esercizio hanno raggiunto quota
215 milioni di euro (il 7% sul totale
mondiale) con un incremento
complessivo del 4,7% rispetto al
2012. Interessante la performance
registrata dalla prima categoria a
valore, la profumeria alcolica:
+22% per oltre 70 milioni di euro.
L’Europa, primo sbocco storico del
flusso commerciale di comparto,
28,5% ricopre ancora poco meno del
68%, con oltre 2.150 milioni di
euro.
Guardando all’andamento
dell’ultimo triennio, i dati storici
delle esportazioni cosmetiche
italiane negli USA delineano un
incremento di oltre venti punti
percentuali; altrettanto positivi gli
andamenti dell’intera area NAFTA
(Stati Uniti, Canada e Messico) che
17,1% ha superato i 260 milioni nel 2013
ed è cresciuta di ben undici punti
percentuali dal 2011 ad oggi.
[email protected]
I dati salienti relativi al comparto a pochi mesi dall’apertura di Expo 2015
Lombardia:
la
cosmetica
è
di
casa
Nella provincia di Milano la più alta spesa pro-capite in Italia
A pochi mesi dall’Expo2015, è
significativo riportare il peso che
la Lombardia riveste per il
comparto cosmetico.
• in Lombardia c’é la più alta
densità di imprese cosmetiche,
oltre il 52% (circa 520 stabilimenti
produttivi su un totale di quasi
1000) e dei fornitori di materie
prime e servizi, l’85%;
• il fatturato di queste imprese è
prossimo al 60% del totale Italia
(circa 5.500 milioni di euro su un
fatturato totale Italia di 9.280
milioni di euro);
• l’export di cosmetici delle
aziende della Lombardia è poco
oltre i 2.000 milioni di euro, su un totale export di 3.176 milioni di
euro (cioè il 63%);
• in Lombardia sono occupati
18.000 addetti, sul totale di 35.000
dell’intera filiera cosmetica
(51,4%);
• il consumo di cosmetici in
Lombardia è circa il 24% del totale
nazionale;
• Il 54% delle aziende cosmetiche
lombarde si trova nella provincia
di Milano;
• Milano ha la più alta spesa
pro-capite in Italia: 195€/anno a
fronte di una spesa media di
150€/anno;
• Anche gli investimenti globali
delle imprese cosmetiche coprono
oltre il 50% del valore totale del
settore cosmetico che in
Lombardia vede una filiera
completa: al fianco di aziende
produttrici dirette e conto terzi, si
segnalano produttori e fornitori di
materie prime, creazione di
packaging primario e secondario,
progettazione e produzione di
macchinari e impianti, aziende di
confezionamento, aziende di
distribuzione, laboratori esterni
(ricerca, analisi e test) e aziende di
servizi.
[email protected]
A cura del Centro Studi il corso di formazione in programma il prossimo 19 novembre
Formazione: Il futuro della cosmetica su Internet
Una giornata dedicata alle evoluzioni del mondo web e social media
4
Le interazioni sul web tra aziende
don’ts della relazione 2.0 tra azienda
cosmetiche e consumatori sono
e consumatore grazie alla sintesi
sempre più frequenti, dinamiche e
ragionata dei risultati
diversificate. Con uno sguardo
dell’Osservatorio “Brands & social
privilegiato al nostro comparto, il
media” e la giornata formativa sarà
corso di formazione a cura del
arricchita dall’importante contributo
Centro Studi del prossimo 19
di Lucio Carli (Consigliere
novembre cercherà di scoprire le
Netcomm, A.D. Fratelli Carli S.P.A.)
novità del 2014 e analizzare le
e dallo sguardo d’insieme di Google
evoluzioni a livello di social media in
Italia sullo stato dell’arte e le
Italia e nel mondo, le migliori
evoluzioni già in corso
strategie di conversione per le
nell’immediato futuro della ricerca
vendite online, i processi di loyalty
e della fruizione dei contenuti web.
tramite ascolto, passaparola attivo,
Per informazioni e iscrizioni al
processi virali e di gamificazione.
corso:
Verranno inoltre tracciati do’s &
[email protected]
save the date
19 novembre 2014
Introduzione ai lavori
Lucio Carli
Consigliere Netcomm, A.D. Fratelli
Carli S.P.A.
Be first to the future of cosmetics
Simone Zucca
Google Italia
Social media e cosmesi nel 2014
Marco Pirozzi
Cosmetica Italia
Brands & Social Media: best
practices dalla seconda edizione
della ricerca
Andrea Cuman, Nicolò Michetti
Osservatorio OssCom (Univ.
Cattolica), Digital PR
E-commerce e comportamento
d’acquisto online dei prodotti
cosmetici
Lorenzo Facchinotti
Nielsen
69%
Ascolto, gamificazione e loyalty per
migliorare le conversioni in
fatturato
Giovanni Frera
Bewe
a33
il magazine della bellezza
O T T O B R E
accademia 33
2 0 1 4
A N N O
Editore COSMETICA ITALIA - Milano Direttore Responsabile: Benedetta Boni. Realizzazione a cura di UNIPRO SERVIZI s.r.l. - Milano
progetto grafico Area 52 - Stampatore: La Litotipo. Registrazione c/o tribunale di Milano n. 562 del 19/09/2007
7
N ° 8
www.cosmeticaitalia.it
Bellagio: un seminario residenziale “operativo”
Definite le linee guide del nuovo piano triennale
Gli imprenditori tra team building e cortometraggi
Se all’inizio del nuovo millennio si ipotizzava
la comparsa di una diversa “antropologia
d’azienda” in grado di governare la
complessità degli scenari futuri coniugando
visione e azione, energia e controllo, rigore e
creatività, quanto emerso dall’esperienza del
seminario residenziale di Bellagio ne è la
prova conclamata.
Nella due giorni di lavoro sul Lago di Como,
evoluzione dell’appuntamento che nel 2006 e
nel 2011 aveva segnato le prime tappe di
questa ricorrenza, l’intero Consiglio direttivo
di Cosmetica Italia, riunitosi per definire le
strategie del triennio 2014/2017, ha di fatto
confermato il senso di responsabilità e di
concretezza con cui il vertice
dell’associazione sta attuando l’impegno
assunto dopo l’elezione dell’assemblea a fine
giugno.
«Se fosse facile non si chiamerebbe
impresa». Questo il titolo provocatorio,
divenuto tormentone del meeting, usato da Emanuele Maria Sacchi, l’esperto
internazionale di leadership, negoziazione e
comunicazione competitiva per aprire, giovedì
16 ottobre, la prima sessione di lavoro con gli
imprenditori.
Proponendo l’analisi di alcune delle
pubblicità risultate più efficaci nella storia
recente, Sacchi ha individuato nella
discussione attorno all’attraction marketing il
punto di avvio del team building orientato a
riconoscere le leve subliminali utilizzate per
creare interesse nel cliente e, di
conseguenza, per evidenziare l’unicità dei
messaggi veicolati (value proposition strategy) e
del relativo business.
«Se distinguersi oggi è sempre più
determinante, occorre farlo anche in termini
di cultura aziendale»: anche per questo
l’autore de “Il segreto del carisma” si è servito degli esiti della ricerca Gallup Q12 per
stimolare gli ospiti su nuove riflessioni legate
alla valorizzazione delle risorse umane.
Testato su più di un milione e mezzo di
persone, lo studio ha individuato le dodici
aspettative chiave che, se rispettate, portano
l’individuo a dare il meglio di sé. L’occasione
ha portato gli imprenditori a interrogarsi su
come poter applicare l’esperienza vissuta a
Bellagio alle rispettive aziende in nome di
una più consapevole cultura della
gratificazione e del feedback.
La quarantotto ore di lavoro è proseguita il
giorno successivo sulla spinta del percorso
esperienziale laterale “Cinema a Bellagio”
guidato da Marco Mariani, professore di
Litigation presso l’Università Commerciale L.
Bocconi di Milano.
Con l’obiettivo di «utilizzare il cinema come
strumento formativo fondamentale per
trasferire messaggi e concetti di notevole
complessità in modo gradevole e
stimolante», i componenti del Consiglio
direttivo sono stati suddivisi in squadre
sulla base delle tre aree guida individuate
dal piano triennale del presidente Rossello,
opportunamente riadattate per l'occasione:
Area Mondo Interno, Area Servizi, Area
Mondo Esterno.
Chiamati alla ideazione e produzione di
cortometraggi ispirati ai tre cluster e agli
intenti strategici ad essi legati, gli
imprenditori, camera digitale e copione alla
mano, si sono destreggiati tra
sceneggiature, interpretazioni, riprese,
regia e montaggio per poi presentare la
propria opera in plenaria.
Sono stati i feedback finali dei partecipanti
e la valutazione tecnica del trainer a
evidenziare che «la realizzazione di un
cortometraggio comporta un forte
coinvolgimento cognitivo, operativo ed
emotivo e le ricadute sui componenti del
gruppo sono di notevole impatto, anche a
livello individuale, poiché vengono attivate
ed allenate sia le capacità razionali sia
quelle relazionali creando un contesto
favorevole allo sviluppo di creatività,
apertura mentale e flessibilità».
FABIO ROSSELLO
(expo + comunicazione)
Partecipazione, motivazione e condivisione
sono state le parole chiave di un
appuntamento che ha trovato, nel contesto
informale e amichevole del raduno fuori
porta, la cifra distintiva di un lavoro di
squadra consapevole e orientato alla
valorizzazione di vision e mission
dell’associazione nazionale delle imprese
cosmetiche.
«Nella governance del mio prossimo triennio
il sistema di “delega e responsabilità” sarà,
di fatto, il paradigma al quale ciascun
componente del Consiglio direttivo farà
riferimento per la sua attività. Si lavorerà
come in un “consiglio dei ministri” nel
quale ogni ministro è titolare di una
funzione, ha la delega e il portafoglio per
agire. La riunione del “Consiglio dei
Ministri” assicura quindi lo scambio delle
informazioni, la verifica della coerenza con
le linee politiche del Governo,
la copertura delle leggi di spesa: la
discussione serve quindi per trovare
l’equilibrio e le compatibilità necessarie
per la definizione delle priorità e la
“collegialità” sarà il suo tratto
caratteristico». Queste le parole di Rossello
a sancire il significato ultimo dell’incontro
con gli imprenditori.
[email protected]
CRISTINA SCOCCHIA
RENATO ANCOROTTI
LUCIANO BERTINELLI
(accademia del profumo)
SERENA CAIMANO
VINCENZO MAGLIONE
(ricerca e università+GCF)
CARLO BAIESI
PAOLA ARUTA
BENEDETTO LAVINO
(centro studi)
FABIO PASTORI
(tesoriere)
VALERIA CAVALCANTE
GIANNI MANZETTI
(internazionalizzazione e GPPA)
ENRICO DE TOMA
DARIO BELLETTI
(GCP)
ROBERTO FERRO
(regulatory)
MATTEO LOCATELLI
(sostenibilità e GPCT)
ANTONIO ARGENTIERI
(GCE)
FABIO FRANCHINA
(rapporti interni e riforme)
VITTORIA GANASSINI
(la forza e il sorriso)
FABIO BERCHI
(GCE)
LUCIO CARLI
(e-commerce e made in)
AMBRA MARTONE
(consumatori)
l’editoriale
di Fabio Rossello
Se fosse facile non si chiamerebbe...
Impresa!
Con questo pay-off si è svolto il
seminario residenziale del Consiglio
direttivo il 16 e 17 ottobre. Qualsiasi
governance di organizzazione è
consapevole delle sue responsabilità
verso i soci quando, prima di avviare un
piano di attività e iniziative, si ferma a
riflettere sugli obiettivi che vuole
raggiungere e a creare le condizioni per
favorire la formazione di un team coeso
e determinato. Così, per la terza volta
in nove anni, a Bellagio i vertici di
Cosmetica Italia si sono riuniti per
conoscersi meglio, guardare avanti e
individuare alcune linee di sviluppo
associativo. Una sessione di team
building ha rinsaldato i rapporti tra le
generazioni e i generi, mentre l'attività
di analisi e pianificazione strategica si è
soprattutto rivolta al confronto tra i
numerosi progetti presentati dai
consiglieri e dai presidenti dei Gruppi
merceologici. Il lavoro di gruppo ha
favorito l'approfondimento degli scenari
e la definizione degli input iniziali delle
attività rivolte alla vita associativa (area
dell'imprenditore), dei servizi (area
dell'impresa) e della reputazione (area
del mondo esterno). L'associazione ora
dispone di un ricco portafoglio di
opportunità da cogliere nell'arco del
prossimo triennio; nei prossimi mesi
sarà il Consiglio stesso a stilare le
priorità, identificare le sinergie e fissare
la misura dei risultati. Considerando il
successo, in termini di ricadute positive
sull'associazione, la terza edizione del
seminario di Bellagio, oltre che
consolidare una tradizione potrebbe
diventare anche un efficace
portafortuna.
1
Piattaforma di incontro e networking per la East Coast
Cosmopack a New York si trasforma in Symposium
In scena la filiera produttiva della cosmetica
«Identificare potenziali opportunità di
sviluppo nel mercato nordamericano
e promuovere l’incontro tra le
capacità tecnologiche del Made in
Italy e i più grandi produttori
americani». Con questi obiettivi, lo
scorso 22 e 23 settembre si è svolta
al Trump Soho Hotel di New York la
prima edizione americana di
Cosmopack. La manifestazione
leader nella filiera produttiva della
bellezza ha trasformato la
tradizionale formula bolognese in un
Symposium che ha visto a confronto,
tra momenti di networking e
riflessione sulle strategie necessarie
per affrontare il mercato di
riferimento, circa cinquanta aziende
produttrici e fornitrici dell’industria
del beauty e una selezione dei buyer
maggiormente attivi nel mercato
americano.
Presente alla manifestazione
newyorkese, il Ministro dell’Ambiente
Gian Luca Galletti, in città con il
Premier Matteo Renzi per la
Conferenza delle Nazioni Unite sul
Clima, non ha mancato di ricordare il
valore delle produzioni italiane
dedicate alla cosmesi. «Siamo
sempre al fianco delle imprese
italiane che affrontano mercati
stranieri – ha affermato il Ministro
Galletti – siamo orgogliosi del loro
lavoro, del loro fare sistema, sono
importanti ambasciatori dell’Italia
che ce la fa».
Anche il presidente Fabio Rossello,
con Matteo Moretti, guida del Polo
Tecnologico della Cosmesi, ha
assistito alla due giorni al fianco
degli imprenditori associati a
Cosmetica Italia.
Il debutto di Cosmopack nella
Grande Mela si è articolato tra la
presentazione della ricerca
Opportunities for growth in the
North-America market a cura di
Euromonitor International, dalla
quale è emerso lo stretto rapporto
degli Stati Uniti con Messico e Irlanda
per quanto riguarda le importazioni
di prodotti cosmetici, e il workshop
momento di confronto tra aziende
leader della bellezza su packaging,
componenti e formule innovative ha
chiuso il ricco programma.
Nelle parole di Duccio Campagnoli,
Presidente di BolognaFiere, la
soddisfazione per la riuscita della
manifestazione: «Dopo questo
successo siamo pronti a preparare
l’evento che dal prossimo anno
raddoppierà la nostra presenza in
Usa accanto a Cosmoprof North
America, che organizziamo già ogni
anno in partnership con PBA Professional Beauty Association»
b.b.
Are you ready to do business in the US?
organizzato da ICMAD (Indipendent
Cosmetic Manufacturers And
Distributors Association) sulle
procedure per esportare negli Stati
Uniti.
La tavola rotonda Excellence Made in
Italy ha, invece, coinvolto alcuni
imprenditori italiani: il costante
investimento in ricerca e innovazione
è stato indicato come fattore vincente
del business italiano. View from the
top: the recipe for success, ulteriore
Novità da Linkedin: entra nella rete di Cosmetica Italia
Un nuovo strumento per promuovere le attività dell’associazione e il contatto con le aziende
In sintonia con vision e mission, il
profilo di Cosmetica Italia su Linkedin
si pone l’obiettivo di ampliare la base
di conoscenza dell’associazione e dei
suoi servizi mediante il contatto
diretto con i singoli dipendenti delle
aziende associate presenti sul social;
grazie all’effetto virale, sarà possibile
raggiungere anche dipendenti di
aziende non associate, aziende che
orbitano intorno alla cosmetica,
istituzioni, studenti, giornalisti e altre
figure legate al modo della cosmetica
che possano valorizzare, riconoscere
e diffondere l’autorevolezza di CI.
La pagina sarà articolata in quattro
sezioni (Tecnico-normativo, Centro
Studi, Internazionalizzazione e
Formazione) orientate a presentare i
principali servizi offerti
dall’associazione. Inoltre, fino al
mese di dicembre un calendario di
aggiornamenti bisettimanali sulle
attività di Cosmetica Italia saggerà la
risposta degli utenti sul social.
«Linkedin è uno strumento dinamico
per stabilire nuovi contatti e dare
spazio a una informazione chiara e
sistematica, veloce e puntuale – ha
commentato il presidente Fabio
Rossello – Grazie a news,
appuntamenti, curiosità e
segnalazioni che animeranno la
pagina istituzionale dell’associazione,
Cosmetica Italia invita associati e
follower a interagire».
Cosmobeauté Indonesia è una piattaforma di business cruciale per la regione ASEAN
Tappa in Indonesia per il beauty Made in Italy
Anche l’Asia nel mirino delle attività di internazionalizzazione promosse da Cosmetica Italia
ICE-Agenzia e Cosmetica Italia
ancora insieme per promuovere il
Made in Italy sui mercati esteri.
L’obiettivo è stato l’Indonesia, in
particolare Jakarta, dove dal 9 all’11
ottobre si è svolto Cosmobeauté
Indonesia, una delle tappe del
circuito di fiere di settore organizzate
da ITE Group anche in Vietnam,
Tailandia, Myanmar e Malesia, oltre
che importante piattaforma di
business per l'industria della
bellezza nella regione ASEAN.
Nel corso della manifestazione
ICE-Agenzia e Cosmetica Italia
hanno per la prima volta realizzato
una Collettiva di 16 aziende
provenienti da diversi distretti
produttivi italiani: BBCOS Hair Pro Betafarma – Bioteb - Ceriotti – Deka
- Dr. Lauranne – Dreamon - Kaaral
Italy - Natura House – Orising Parisienne Italia - Pennelli Faro Pettenon Cosmetics – Purevanity -
2
Renée Blanche - S.I.R.P.E.A.
Articolata su un’area espositiva di
170 mq. all’interno della Plenary Hall,
la Collettiva è stata valorizzata nella
sua identificazione nazionale
garantendo, allo stesso tempo, una
rappresentazione personalizzata
delle peculiarità e del design tipici
dei brand e dei prodotti esposti.
Al fine di dare massima visibilità alla
partecipazione collettiva italiana è
stata realizzata una serie di azioni di
comunicazione e pubblicitarie
promozionali dell’evento, tra le quali
la redazione di una brochure di
presentazione delle aziende
partecipanti - distribuita ai visitatori
in fiera e inviata a una selezionata
lista di operatori di settore
Indonesiani e di altri paesi dell’Area
ed inserzioni pubblicitarie su alcune
fra le principali riviste di settore e
giornali locali.
L’Indonesia rappresenta per le
SPOT
Verso Cosmoprof Asia 2014
Si avvicina l’appuntamento con la
diciannovesima edizione di Cosmoprof
Asia in programma dal 12 al 14
Novembre presso l’Hong Kong
Convention & Exhibition Centre.
I numeri della manifestazione indicano
già più di 2300 espositori con una
previsione vicina ai 64.000 visitatori
provenienti da tutto il mondo.
Anche quest’anno Cosmetica Italia
parteciperà alla fiera sostenendo la
presenza di aziende cosmetiche
italiane in Collettiva.
Non mancheranno inoltre attività a
sostegno della presenza media locale
e nazionale.
Parole e profumi nel volume edito
da Skira
Il 22 ottobre il mondo della cosmesi e
gli studi letterari si incontrano grazie
al volume Il profumo della letteratura.
Sarà infatti presentato il libro edito da
Skira e realizzato col contributo
dell’Università Ca’ Foscari di Venezia e
Cosmetica Italia. Un caleidoscopico
quadro dell’universo
olfattivo-letterario che si estende
dall’antichità alla cultura
rinascimentale, dal simbolismo e dal
decadentismo della fin de siècle a
fenomeni letterari postmoderni di
grande risonanza mediatica.
Lanciato lo scorso 13 ottobre il profilo CI sul social dedicato ai contatti professionali
È il social network per eccellenza che
riesce a mettere in contatto
professionisti dei più svariati settori.
Solo considerando i profili che si
contraddistinguono per afferenza al
mondo della cosmesi si contano più
di 24.000 utenti.
Queste sono solo alcune delle
considerazioni di partenza che hanno
spinto Cosmetica Italia al debutto su
Linkedin con una pagina istituzionale.
Ma si tratta anzitutto di un’azione
mossa dalla richiesta degli associati
e dal suo inquadramento all’interno
del progetto reputation che mira a
consolidare la reputazione
dell’associazione quale riferimento
del settore cosmetico.
BEAUTY
aziende italiane un mercato
potenzialmente interessante: si tratta
di una tra le principali economie del
Sud Est Asiatico, con un PIL in
crescita del 5,6% nel 2013,
un’inflazione al 3,9% e una
popolazione di oltre 254 milioni di
abitanti. Un’economia solida,
accompagnata da costante stabilità
politica, che raccoglie la fiducia dei
mercati internazionali nel
proseguimento di un costante
sviluppo nel medio-lungo termine.
Il mercato offre interessanti attrattive
a cominciare dalle dimensioni, dal
notevole dinamismo, dai suoi stretti
legami con quella che è tutt’ora
l’area con i tassi di espansione
economica più elevati al mondo; le
esportazioni italiane di cosmetici
verso l’Indonesia sono rimaste
pressoché stabili dal 2009 al 2013 e i
volumi sono ancora contenuti.
[email protected]
Bellezza sul web: al via il BWA 2014
Si rinnova l’appuntamento con il
Beauty Web Award, l’iniziativa
promossa dal portale Bellezza.it in
collaborazione con Cosmetica Italia.
Articolato in tre diverse categorie
(miglior sito consumer, miglior sito
professional e miglior sito
ecommerce) il riconoscimento intende
raccogliere il parere dei consumatori
sui siti web delle aziende cosmetiche.
Quest’anno inoltre il Premio della
Giuria andrà a individuare il miglior
progetto di comunicazione integrata
con riferimento alla sfera dei social
media. Le aziende potranno iscrivere il
proprio sito fino al 9 novembre 2014;
fino alla stessa data rimarranno
aperte le votazioni degli utenti. Per
maggiori informazioni:
www.beautywebaward.it
Un’azienda cosmetica per il Premio
Pininfarina
Mavi Sud si attesta quale una tra le
aziende italiane più innovative con la
menzione speciale del Premio Imprese x
Innovazione - Andrea Pininfarina.
Realizzato da Confindustria in
collaborazione con la Fondazione
Giuseppina Mai, Intesa Sanpaolo,
Mediocredito Italiano, Unione
Industriale di Torino e con il supporto
tecnico dell'Associazione Premio
Qualità Italia, il riconoscimento
intende individuare le imprese che si
distinguono per investimenti di
successo in ricerca e innovazione. Tra
le 20 aziende premiate, Mavi Sud è
stata l’unica afferente al settore
cosmetico.
Cosmetica Italia a Pharmevolution
Quarta edizione per la
convention-evento dedicata alla
farmacia ospitata presso Etnafiere
(Catania) lo scorso 27-28 settembre.
Pharmevolution ha riunito autorevoli
esperti del campo farmaceutico,
esponenti politici attenti ai temi della
salute e numerosi farmacisti
provenienti dalla Sicilia e dal Sud Italia
per discutere dei problemi del
comparto e prospettare nuove
soluzioni per il futuro della farmacia.
Presente anche Cosmetica Italia che
con il suo Centro Studi ha
approfondito l’attuale scenario del
mercato cosmetico italiano e
presentato l’indagine Gfk sulle
dinamiche dei comportamenti
d’acquisto nel canale farmacia.
50 candeline per Farmen
Nella cornice del Museo
dell’Automobile di Torino l’azienda
Farmen-Vitality’s ha celebrato
cinquant’anni di passione, lavoro e
successi, a livello nazionale e
internazionale. Un traguardo
significativo festeggiato con la
presenza delle personalità che hanno
contribuito nel tempo al successo
dell’impresa che da sempre ha fatto
della conduzione familiare la sua
caratteristica chiave.
Giovedì 23 ottobre l’appuntamento organizzato dell’Area tecnica per gli associati
Aggiornamenti normativi, Europa, vigilanza e
contraffazione: arriva l’Information Day 2014
Novità tra i relatori di quest’edizione con la presenza di Cosmetics Europe, ASL lombarde e Guardia di Finanza
È il momento d’incontro per
eccellenza tra gli esperti che
seguono gli aspetti
tecnico-regolatori all’interno delle
aziende aderenti a Cosmetica Italia.
L’Information Day è l’appuntamento
che l’Area tecnico - normativa
organizza con cadenza annuale per
offrire agli associati aggiornamenti
e spunti di confronto sulle
tematiche cruciali per il settore.
Moderati da Lorenzo Zappa,
Presidente del Comitato Tecnico
di Cosmetica Italia i partecipanti si
riuniranno il prossimo 23 ottobre
presso l’Hotel Ramada Plaza di
Milano.
L’edizione 2014 vedrà alcune novità
rispetto al tradizionale format.
Gli interventi cardine dell’incontro
sulle novità riguardanti le
normative europee ed italiane
(Stefano Dorato – Cosmetica Italia)
e sugli ingredienti attualmente in
discussione nell’Unione europea
(Giancarlo Melato – Cosmetica
Italia) saranno accompagnati dalla
partecipazione di alcuni ospiti
esterni.
Recentemente chiamato alla
presidenza di Cosmetics Europe,
Loic Armand illustrerà le sfide che
l’industria cosmetica si trova ad
affrontare in Europa, nonché gli
obiettivi che l’associazione di
rappresentanza a livello europeo si
pone a riguardo. Una presenza
significativa quella del neo
presidente, che ha inaugurato il suo
mandato con una serie di visite
presso le diverse associazioni di
categoria nazionali appartenenti a
Cosmetics Europe.
Un punto di vista non strettamente
legato al settore sarà invece offerto
da Raffaello Maffi ed Elena
Marchetto che approfondiranno il
tema della vigilanza
sull’applicazione delle GMP nelle
imprese cosmetiche, portando ad
esempio le prime esperienze delle
rispettive ASL di appartenenza,
Bergamo e Milano.
Infine, l’attualità, anche mediatica,
del fenomeno contraffazione sarà
oggetto dell’intervento del T. Col.
Pietro Romano che presenterà il
Progetto S.I.A.C. (Sistema
Informativo Anti Contraffazione)
della Guardia di Finanza: uno
strumento di lotta alla
contraffazione che richiede il
coinvolgimento e la partecipazione
delle imprese interessate e colpite.
«L’Information Day completa un
servizio costante di informazione e
consulenza sui cosmetici e sui temi
legati alla normativa specifica che li
regolamenta - commenta il
presidente di Cosmetica Italia,
Fabio Rossello, che sarà presente
all’apertura dei lavori - Assistere
direttamente gli associati su tutte
le questioni legate all'immissione in
commercio dei prodotti cosmetici,
gestire il rilascio delle pratiche di
certificazione alla libera vendita dei
prodotti e rappresentare gli
interessi del settore interagendo
con le istituzioni legislative
nazionali ed europee: sono sole
alcune delle attività con cui gli
esperti dell’area tecnica offrono il
proprio supporto agli associati»
[email protected]
Quarta edizione per la manifestazione dedicata all’estetica applicata, dermatologia e nail
Nail e non solo: Esthetiworld torna a Milano
Presente il GCE con uno stand istituzionale e interventi congressuali
4.000mq di superficie espositiva e
oltre 200 brand, presenza di
10.800 operatori, nonché apertura
speciale anche al consumatore
finale. Questi sono i numeri che
descrivono Esthetiworld, la fiera
dedicata al mondo dell’estetica
applicata, della dermatologia e
del nail, che si è svolta a Milano
dal 4 al 6 ottobre.
Una manifestazione rivolta a un
pubblico specializzato, ma che
trae proprio da questa specificità
la sua forza: Esthetiworld è infatti
un’occasione importante di
aggiornamento e
approfondimento per i
professionisti del settore.
Ma è anche un cruciale punto di
incontro tra aziende e operatori.
Per questo, anche in
quest’edizione, si è rinnovata la
presenza del Gruppo Cosmetici
per l’Estetica attraverso uno stand
istituzionale nell’area espositiva:
una testimonianza dell’impegno di
cui il Gruppo si fa carico nel
promuovere il canale e rafforzare
il dialogo con le professioniste
dell’estetica. In questo spazio
dedicato gli esperti
dell’associazione hanno offerto ai
visitatori il loro supporto su
aspetti tecnico-regolatori e hanno
illustrato le attività che
caratterizzano il GCE.
Tra gli appuntamenti della fiera,
inoltre, il 35° Congresso Italiano
di Estetica Applicata ha animato
la parte di approfondimento
pratico e teorico della
professione. Lunedì 6 ottobre il
presidente del GCE, Fabio Berchi,
è intervenuto tra i relatori a
illustrare le iniziative e i principali
obiettivi del Gruppo volti ad
affrontare il mondo in continua
evoluzione dell’estetica
professionale.
Presente anche il Centro Studi e
Cultura d’Impresa che ha
inquadrato le peculiarità del
settore cosmetico con focus sulle
dinamiche del canale estetica e
particolare attenzione al trend
legato ai cosmetici a vocazione
naturale.
Presso l’Università di Ferrara l’incontro rivolto ai laureati in discipline economiche
Cosmesi: quali sbocchi occupazionali?
Cosmetica Italia promuove l’incontro tra industria e mondo accademico
È una panoramica a 360° sul
settore quella che è stata offerta
dall’incontro Uno sbocco
occupazionale per laureati in discipline
scientifiche – La cosmesi tenutosi lo
scorso 15 ottobre presso
l’Università di Ferrara.
L’appuntamento si inserisce nel
contesto delle iniziative promosse
da Cosmetica Italia per
intensificare il dialogo con il mondo
accademico, favorendo una
maggiore consapevolezza sul
comparto dell’industria chimica
votata al beauty.
La mattinata di lavoro ha visto la
presenza dei diversi attori che
compongono il mondo della
cosmesi. Al direttore generale di
Cosmetica Italia, Maurizio Crippa, è
spettato il compito di introdurre le
attività dell’associazione e
inquadrare il comparto dal punto di
vista economico; Rossano Bozzi di
SoGeCos ha invece presentato il
format di Cosmoprof Worldwide,
fiera di riferimento per il settore
della cosmesi declinata negli
appuntamenti di Bologna, Las
Vegas e Hong Kong. Presente
anche il Ministero della Salute,
rappresentato da Emanuela Fabbri,
che ha affrontato il tema di forte
attualità relativo alla
cosmetovigilanza e al ruolo
dell’autorità competente in materia.
Alessia De Ascentis di
Cosmoproject e Luca Belloni di
Incos hanno approfondito le
prospettive e le potenzialità per i
laureati in discipline scientifiche
che si possono aprire all’interno
delle industrie cosmetiche.
Fondamentale è stata la
testimonianza offerta dalle case
history di alcune aziende: Coswell
(Paolo Gualandi), Barex Italiana
(Carlo Baiesi) e P.A.C. Beauty
Project (Alessandra Franceschetto).
Nell’ottica di continuare lo scambio
tra università e industria cosmetica,
sottolineando il valore del settore
per i giovani laureati, è già in
programma per il prossimo 10
dicembre un analogo seminario
presso l’Università di Torino.
l.n.
«Esthetiworld si conferma come l'unica fiera-congresso rivolta
all'estetica professionale che ha
lo scopo di condividere valori,
strategie e opportunità del mondo
dell'industria cosmetica e delle
estetiste professioniste - ha
commentato Fabio Berchi,
Presidente del Gruppo Cosmetici
per l'Estetica - un momento
importante di confronto e di
business per gli operatori del
settore, strizzando l'occhio al
nuovo e stimolante mercato delle
unghie, che dà un contorno
colorato al mondo della bellezza e
del benessere».
f.c.
Proseguono le precandidature
per il CosmeticAward
Fino al 31 dicembre è possibile
precandidare il proprio progetto
sul tema “Innovazione nella
comunicazione” in una delle tre
le categorie previste a seconda
della tipologia di azienda:
multinazionali (fatturato >25 mio €),
grandi aziende italiane
(fatturato >25 mio €),
piccole e medie imprese
(fatturato <25 mio €).
COSMETICAWARD
PREMIO ITALIANO DELLA COSMETICA
Maggiori informazioni sul sito
www.cosmeticaward.it
3
Piattaforma di incontro e networking per la East Coast
Cosmopack a New York si trasforma in Symposium
In scena la filiera produttiva della cosmetica
«Identificare potenziali opportunità di
sviluppo nel mercato nordamericano
e promuovere l’incontro tra le
capacità tecnologiche del Made in
Italy e i più grandi produttori
americani». Con questi obiettivi, lo
scorso 22 e 23 settembre si è svolta
al Trump Soho Hotel di New York la
prima edizione americana di
Cosmopack. La manifestazione
leader nella filiera produttiva della
bellezza ha trasformato la
tradizionale formula bolognese in un
Symposium che ha visto a confronto,
tra momenti di networking e
riflessione sulle strategie necessarie
per affrontare il mercato di
riferimento, circa cinquanta aziende
produttrici e fornitrici dell’industria
del beauty e una selezione dei buyer
maggiormente attivi nel mercato
americano.
Presente alla manifestazione
newyorkese, il Ministro dell’Ambiente
Gian Luca Galletti, in città con il
Premier Matteo Renzi per la
Conferenza delle Nazioni Unite sul
Clima, non ha mancato di ricordare il
valore delle produzioni italiane
dedicate alla cosmesi. «Siamo
sempre al fianco delle imprese
italiane che affrontano mercati
stranieri – ha affermato il Ministro
Galletti – siamo orgogliosi del loro
lavoro, del loro fare sistema, sono
importanti ambasciatori dell’Italia
che ce la fa».
Anche il presidente Fabio Rossello,
con Matteo Moretti, guida del Polo
Tecnologico della Cosmesi, ha
assistito alla due giorni al fianco
degli imprenditori associati a
Cosmetica Italia.
Il debutto di Cosmopack nella
Grande Mela si è articolato tra la
presentazione della ricerca
Opportunities for growth in the
North-America market a cura di
Euromonitor International, dalla
quale è emerso lo stretto rapporto
degli Stati Uniti con Messico e Irlanda
per quanto riguarda le importazioni
di prodotti cosmetici, e il workshop
momento di confronto tra aziende
leader della bellezza su packaging,
componenti e formule innovative ha
chiuso il ricco programma.
Nelle parole di Duccio Campagnoli,
Presidente di BolognaFiere, la
soddisfazione per la riuscita della
manifestazione: «Dopo questo
successo siamo pronti a preparare
l’evento che dal prossimo anno
raddoppierà la nostra presenza in
Usa accanto a Cosmoprof North
America, che organizziamo già ogni
anno in partnership con PBA Professional Beauty Association»
b.b.
Are you ready to do business in the US?
organizzato da ICMAD (Indipendent
Cosmetic Manufacturers And
Distributors Association) sulle
procedure per esportare negli Stati
Uniti.
La tavola rotonda Excellence Made in
Italy ha, invece, coinvolto alcuni
imprenditori italiani: il costante
investimento in ricerca e innovazione
è stato indicato come fattore vincente
del business italiano. View from the
top: the recipe for success, ulteriore
Novità da Linkedin: entra nella rete di Cosmetica Italia
Un nuovo strumento per promuovere le attività dell’associazione e il contatto con le aziende
In sintonia con vision e mission, il
profilo di Cosmetica Italia su Linkedin
si pone l’obiettivo di ampliare la base
di conoscenza dell’associazione e dei
suoi servizi mediante il contatto
diretto con i singoli dipendenti delle
aziende associate presenti sul social;
grazie all’effetto virale, sarà possibile
raggiungere anche dipendenti di
aziende non associate, aziende che
orbitano intorno alla cosmetica,
istituzioni, studenti, giornalisti e altre
figure legate al modo della cosmetica
che possano valorizzare, riconoscere
e diffondere l’autorevolezza di CI.
La pagina sarà articolata in quattro
sezioni (Tecnico-normativo, Centro
Studi, Internazionalizzazione e
Formazione) orientate a presentare i
principali servizi offerti
dall’associazione. Inoltre, fino al
mese di dicembre un calendario di
aggiornamenti bisettimanali sulle
attività di Cosmetica Italia saggerà la
risposta degli utenti sul social.
«Linkedin è uno strumento dinamico
per stabilire nuovi contatti e dare
spazio a una informazione chiara e
sistematica, veloce e puntuale – ha
commentato il presidente Fabio
Rossello – Grazie a news,
appuntamenti, curiosità e
segnalazioni che animeranno la
pagina istituzionale dell’associazione,
Cosmetica Italia invita associati e
follower a interagire».
Cosmobeauté Indonesia è una piattaforma di business cruciale per la regione ASEAN
Tappa in Indonesia per il beauty Made in Italy
Anche l’Asia nel mirino delle attività di internazionalizzazione promosse da Cosmetica Italia
ICE-Agenzia e Cosmetica Italia
ancora insieme per promuovere il
Made in Italy sui mercati esteri.
L’obiettivo è stato l’Indonesia, in
particolare Jakarta, dove dal 9 all’11
ottobre si è svolto Cosmobeauté
Indonesia, una delle tappe del
circuito di fiere di settore organizzate
da ITE Group anche in Vietnam,
Tailandia, Myanmar e Malesia, oltre
che importante piattaforma di
business per l'industria della
bellezza nella regione ASEAN.
Nel corso della manifestazione
ICE-Agenzia e Cosmetica Italia
hanno per la prima volta realizzato
una Collettiva di 16 aziende
provenienti da diversi distretti
produttivi italiani: BBCOS Hair Pro Betafarma – Bioteb - Ceriotti – Deka
- Dr. Lauranne – Dreamon - Kaaral
Italy - Natura House – Orising Parisienne Italia - Pennelli Faro Pettenon Cosmetics – Purevanity -
2
Renée Blanche - S.I.R.P.E.A.
Articolata su un’area espositiva di
170 mq. all’interno della Plenary Hall,
la Collettiva è stata valorizzata nella
sua identificazione nazionale
garantendo, allo stesso tempo, una
rappresentazione personalizzata
delle peculiarità e del design tipici
dei brand e dei prodotti esposti.
Al fine di dare massima visibilità alla
partecipazione collettiva italiana è
stata realizzata una serie di azioni di
comunicazione e pubblicitarie
promozionali dell’evento, tra le quali
la redazione di una brochure di
presentazione delle aziende
partecipanti - distribuita ai visitatori
in fiera e inviata a una selezionata
lista di operatori di settore
Indonesiani e di altri paesi dell’Area
ed inserzioni pubblicitarie su alcune
fra le principali riviste di settore e
giornali locali.
L’Indonesia rappresenta per le
SPOT
Verso Cosmoprof Asia 2014
Si avvicina l’appuntamento con la
diciannovesima edizione di Cosmoprof
Asia in programma dal 12 al 14
Novembre presso l’Hong Kong
Convention & Exhibition Centre.
I numeri della manifestazione indicano
già più di 2300 espositori con una
previsione vicina ai 64.000 visitatori
provenienti da tutto il mondo.
Anche quest’anno Cosmetica Italia
parteciperà alla fiera sostenendo la
presenza di aziende cosmetiche
italiane in Collettiva.
Non mancheranno inoltre attività a
sostegno della presenza media locale
e nazionale.
Parole e profumi nel volume edito
da Skira
Il 22 ottobre il mondo della cosmesi e
gli studi letterari si incontrano grazie
al volume Il profumo della letteratura.
Sarà infatti presentato il libro edito da
Skira e realizzato col contributo
dell’Università Ca’ Foscari di Venezia e
Cosmetica Italia. Un caleidoscopico
quadro dell’universo
olfattivo-letterario che si estende
dall’antichità alla cultura
rinascimentale, dal simbolismo e dal
decadentismo della fin de siècle a
fenomeni letterari postmoderni di
grande risonanza mediatica.
Lanciato lo scorso 13 ottobre il profilo CI sul social dedicato ai contatti professionali
È il social network per eccellenza che
riesce a mettere in contatto
professionisti dei più svariati settori.
Solo considerando i profili che si
contraddistinguono per afferenza al
mondo della cosmesi si contano più
di 24.000 utenti.
Queste sono solo alcune delle
considerazioni di partenza che hanno
spinto Cosmetica Italia al debutto su
Linkedin con una pagina istituzionale.
Ma si tratta anzitutto di un’azione
mossa dalla richiesta degli associati
e dal suo inquadramento all’interno
del progetto reputation che mira a
consolidare la reputazione
dell’associazione quale riferimento
del settore cosmetico.
BEAUTY
aziende italiane un mercato
potenzialmente interessante: si tratta
di una tra le principali economie del
Sud Est Asiatico, con un PIL in
crescita del 5,6% nel 2013,
un’inflazione al 3,9% e una
popolazione di oltre 254 milioni di
abitanti. Un’economia solida,
accompagnata da costante stabilità
politica, che raccoglie la fiducia dei
mercati internazionali nel
proseguimento di un costante
sviluppo nel medio-lungo termine.
Il mercato offre interessanti attrattive
a cominciare dalle dimensioni, dal
notevole dinamismo, dai suoi stretti
legami con quella che è tutt’ora
l’area con i tassi di espansione
economica più elevati al mondo; le
esportazioni italiane di cosmetici
verso l’Indonesia sono rimaste
pressoché stabili dal 2009 al 2013 e i
volumi sono ancora contenuti.
[email protected]
Bellezza sul web: al via il BWA 2014
Si rinnova l’appuntamento con il
Beauty Web Award, l’iniziativa
promossa dal portale Bellezza.it in
collaborazione con Cosmetica Italia.
Articolato in tre diverse categorie
(miglior sito consumer, miglior sito
professional e miglior sito
ecommerce) il riconoscimento intende
raccogliere il parere dei consumatori
sui siti web delle aziende cosmetiche.
Quest’anno inoltre il Premio della
Giuria andrà a individuare il miglior
progetto di comunicazione integrata
con riferimento alla sfera dei social
media. Le aziende potranno iscrivere il
proprio sito fino al 9 novembre 2014;
fino alla stessa data rimarranno
aperte le votazioni degli utenti. Per
maggiori informazioni:
www.beautywebaward.it
Un’azienda cosmetica per il Premio
Pininfarina
Mavi Sud si attesta quale una tra le
aziende italiane più innovative con la
menzione speciale del Premio Imprese x
Innovazione - Andrea Pininfarina.
Realizzato da Confindustria in
collaborazione con la Fondazione
Giuseppina Mai, Intesa Sanpaolo,
Mediocredito Italiano, Unione
Industriale di Torino e con il supporto
tecnico dell'Associazione Premio
Qualità Italia, il riconoscimento
intende individuare le imprese che si
distinguono per investimenti di
successo in ricerca e innovazione. Tra
le 20 aziende premiate, Mavi Sud è
stata l’unica afferente al settore
cosmetico.
Cosmetica Italia a Pharmevolution
Quarta edizione per la
convention-evento dedicata alla
farmacia ospitata presso Etnafiere
(Catania) lo scorso 27-28 settembre.
Pharmevolution ha riunito autorevoli
esperti del campo farmaceutico,
esponenti politici attenti ai temi della
salute e numerosi farmacisti
provenienti dalla Sicilia e dal Sud Italia
per discutere dei problemi del
comparto e prospettare nuove
soluzioni per il futuro della farmacia.
Presente anche Cosmetica Italia che
con il suo Centro Studi ha
approfondito l’attuale scenario del
mercato cosmetico italiano e
presentato l’indagine Gfk sulle
dinamiche dei comportamenti
d’acquisto nel canale farmacia.
50 candeline per Farmen
Nella cornice del Museo
dell’Automobile di Torino l’azienda
Farmen-Vitality’s ha celebrato
cinquant’anni di passione, lavoro e
successi, a livello nazionale e
internazionale. Un traguardo
significativo festeggiato con la
presenza delle personalità che hanno
contribuito nel tempo al successo
dell’impresa che da sempre ha fatto
della conduzione familiare la sua
caratteristica chiave.
Giovedì 23 ottobre l’appuntamento organizzato dell’Area tecnica per gli associati
Aggiornamenti normativi, Europa, vigilanza e
contraffazione: arriva l’Information Day 2014
Novità tra i relatori di quest’edizione con la presenza di Cosmetics Europe, ASL lombarde e Guardia di Finanza
È il momento d’incontro per
eccellenza tra gli esperti che
seguono gli aspetti
tecnico-regolatori all’interno delle
aziende aderenti a Cosmetica Italia.
L’Information Day è l’appuntamento
che l’Area tecnico - normativa
organizza con cadenza annuale per
offrire agli associati aggiornamenti
e spunti di confronto sulle
tematiche cruciali per il settore.
Moderati da Lorenzo Zappa,
Presidente del Comitato Tecnico
di Cosmetica Italia i partecipanti si
riuniranno il prossimo 23 ottobre
presso l’Hotel Ramada Plaza di
Milano.
L’edizione 2014 vedrà alcune novità
rispetto al tradizionale format.
Gli interventi cardine dell’incontro
sulle novità riguardanti le
normative europee ed italiane
(Stefano Dorato – Cosmetica Italia)
e sugli ingredienti attualmente in
discussione nell’Unione europea
(Giancarlo Melato – Cosmetica
Italia) saranno accompagnati dalla
partecipazione di alcuni ospiti
esterni.
Recentemente chiamato alla
presidenza di Cosmetics Europe,
Loic Armand illustrerà le sfide che
l’industria cosmetica si trova ad
affrontare in Europa, nonché gli
obiettivi che l’associazione di
rappresentanza a livello europeo si
pone a riguardo. Una presenza
significativa quella del neo
presidente, che ha inaugurato il suo
mandato con una serie di visite
presso le diverse associazioni di
categoria nazionali appartenenti a
Cosmetics Europe.
Un punto di vista non strettamente
legato al settore sarà invece offerto
da Raffaello Maffi ed Elena
Marchetto che approfondiranno il
tema della vigilanza
sull’applicazione delle GMP nelle
imprese cosmetiche, portando ad
esempio le prime esperienze delle
rispettive ASL di appartenenza,
Bergamo e Milano.
Infine, l’attualità, anche mediatica,
del fenomeno contraffazione sarà
oggetto dell’intervento del T. Col.
Pietro Romano che presenterà il
Progetto S.I.A.C. (Sistema
Informativo Anti Contraffazione)
della Guardia di Finanza: uno
strumento di lotta alla
contraffazione che richiede il
coinvolgimento e la partecipazione
delle imprese interessate e colpite.
«L’Information Day completa un
servizio costante di informazione e
consulenza sui cosmetici e sui temi
legati alla normativa specifica che li
regolamenta - commenta il
presidente di Cosmetica Italia,
Fabio Rossello, che sarà presente
all’apertura dei lavori - Assistere
direttamente gli associati su tutte
le questioni legate all'immissione in
commercio dei prodotti cosmetici,
gestire il rilascio delle pratiche di
certificazione alla libera vendita dei
prodotti e rappresentare gli
interessi del settore interagendo
con le istituzioni legislative
nazionali ed europee: sono sole
alcune delle attività con cui gli
esperti dell’area tecnica offrono il
proprio supporto agli associati»
[email protected]
Quarta edizione per la manifestazione dedicata all’estetica applicata, dermatologia e nail
Nail e non solo: Esthetiworld torna a Milano
Presente il GCE con uno stand istituzionale e interventi congressuali
4.000mq di superficie espositiva e
oltre 200 brand, presenza di
10.800 operatori, nonché apertura
speciale anche al consumatore
finale. Questi sono i numeri che
descrivono Esthetiworld, la fiera
dedicata al mondo dell’estetica
applicata, della dermatologia e
del nail, che si è svolta a Milano
dal 4 al 6 ottobre.
Una manifestazione rivolta a un
pubblico specializzato, ma che
trae proprio da questa specificità
la sua forza: Esthetiworld è infatti
un’occasione importante di
aggiornamento e
approfondimento per i
professionisti del settore.
Ma è anche un cruciale punto di
incontro tra aziende e operatori.
Per questo, anche in
quest’edizione, si è rinnovata la
presenza del Gruppo Cosmetici
per l’Estetica attraverso uno stand
istituzionale nell’area espositiva:
una testimonianza dell’impegno di
cui il Gruppo si fa carico nel
promuovere il canale e rafforzare
il dialogo con le professioniste
dell’estetica. In questo spazio
dedicato gli esperti
dell’associazione hanno offerto ai
visitatori il loro supporto su
aspetti tecnico-regolatori e hanno
illustrato le attività che
caratterizzano il GCE.
Tra gli appuntamenti della fiera,
inoltre, il 35° Congresso Italiano
di Estetica Applicata ha animato
la parte di approfondimento
pratico e teorico della
professione. Lunedì 6 ottobre il
presidente del GCE, Fabio Berchi,
è intervenuto tra i relatori a
illustrare le iniziative e i principali
obiettivi del Gruppo volti ad
affrontare il mondo in continua
evoluzione dell’estetica
professionale.
Presente anche il Centro Studi e
Cultura d’Impresa che ha
inquadrato le peculiarità del
settore cosmetico con focus sulle
dinamiche del canale estetica e
particolare attenzione al trend
legato ai cosmetici a vocazione
naturale.
Presso l’Università di Ferrara l’incontro rivolto ai laureati in discipline economiche
Cosmesi: quali sbocchi occupazionali?
Cosmetica Italia promuove l’incontro tra industria e mondo accademico
È una panoramica a 360° sul
settore quella che è stata offerta
dall’incontro Uno sbocco
occupazionale per laureati in discipline
scientifiche – La cosmesi tenutosi lo
scorso 15 ottobre presso
l’Università di Ferrara.
L’appuntamento si inserisce nel
contesto delle iniziative promosse
da Cosmetica Italia per
intensificare il dialogo con il mondo
accademico, favorendo una
maggiore consapevolezza sul
comparto dell’industria chimica
votata al beauty.
La mattinata di lavoro ha visto la
presenza dei diversi attori che
compongono il mondo della
cosmesi. Al direttore generale di
Cosmetica Italia, Maurizio Crippa, è
spettato il compito di introdurre le
attività dell’associazione e
inquadrare il comparto dal punto di
vista economico; Rossano Bozzi di
SoGeCos ha invece presentato il
format di Cosmoprof Worldwide,
fiera di riferimento per il settore
della cosmesi declinata negli
appuntamenti di Bologna, Las
Vegas e Hong Kong. Presente
anche il Ministero della Salute,
rappresentato da Emanuela Fabbri,
che ha affrontato il tema di forte
attualità relativo alla
cosmetovigilanza e al ruolo
dell’autorità competente in materia.
Alessia De Ascentis di
Cosmoproject e Luca Belloni di
Incos hanno approfondito le
prospettive e le potenzialità per i
laureati in discipline scientifiche
che si possono aprire all’interno
delle industrie cosmetiche.
Fondamentale è stata la
testimonianza offerta dalle case
history di alcune aziende: Coswell
(Paolo Gualandi), Barex Italiana
(Carlo Baiesi) e P.A.C. Beauty
Project (Alessandra Franceschetto).
Nell’ottica di continuare lo scambio
tra università e industria cosmetica,
sottolineando il valore del settore
per i giovani laureati, è già in
programma per il prossimo 10
dicembre un analogo seminario
presso l’Università di Torino.
l.n.
«Esthetiworld si conferma come l'unica fiera-congresso rivolta
all'estetica professionale che ha
lo scopo di condividere valori,
strategie e opportunità del mondo
dell'industria cosmetica e delle
estetiste professioniste - ha
commentato Fabio Berchi,
Presidente del Gruppo Cosmetici
per l'Estetica - un momento
importante di confronto e di
business per gli operatori del
settore, strizzando l'occhio al
nuovo e stimolante mercato delle
unghie, che dà un contorno
colorato al mondo della bellezza e
del benessere».
f.c.
Proseguono le precandidature
per il CosmeticAward
Fino al 31 dicembre è possibile
precandidare il proprio progetto
sul tema “Innovazione nella
comunicazione” in una delle tre
le categorie previste a seconda
della tipologia di azienda:
multinazionali (fatturato >25 mio €),
grandi aziende italiane
(fatturato >25 mio €),
piccole e medie imprese
(fatturato <25 mio €).
COSMETICAWARD
PREMIO ITALIANO DELLA COSMETICA
Maggiori informazioni sul sito
www.cosmeticaward.it
3
In occasione del Cosmopack New York Symposium un’analisi degli scambi USA-Italia
Stati Uniti: mercato, scenari d’interscambio
U n inc rem e n to s u p e r i o re a l 20% del le espo rtaz io ni co sm etic h e i tali ane neg li U S A nell’ult i mo t ri enni o
conto terzi americani.
Le aziende associate presenti ai
seminari e agli incontri B2B hanno
espresso ampia soddisfazione per
l’iniziativa, forti di un know-how che
vede l’offerta italiana di
contoterzismo molto qualificata,
pronta a sostenere un mercato
Lo scorso 22/23 settembre anche
Cosmetica Italia ha partecipato
alla manifestazione Cosmopack
New York Symposium, rivolta alle
aziende italiane della filiera
cosmetica interessate ai servizi e
alle innovazioni a livello di
packaging e ai retailer e produttori
CATEGORIA EXPORT
2012
2013
‘13-’12
Prodotti per capelli
64.787
60.985
-5,9%
Prodotti per il trucco
39.393
36.676
-6,9%
Prodotti per il corpo
33.740
37.819
12,1%
4.603
5.305
15,3%
Igiene orale
845
1.420
68,1%
Prodotti per l’uomo
503
649
29,0%
Profumeria alcolica
57.350
70.386
22,7%
4.246
1.945
-54,2%
205.466
215.186
4,7%
Igiene personale
Altri prodotti
TOTALE
importante sia per le imprese
produttrici che per la
distribuzione.
Grazie all’analisi sui dati
d’interscambio provenienti dalla
banca dati COEWEB dell’ISTAT è
possibile tracciare un profilo ben
delineato: i cosmetici esportati nel
0,9%
variazione
32,9%
Prodotti per capelli
Prodotti per il trucco
Prodotti per il corpo
Igiene personale
Igiene orale
Prodotti per l’uomo
0,1%
0,3%
2,5%
Profumeria alcolica
Altri prodotti
17,7%
continente americano hanno
superato, complessivamente, i 340
milioni di euro nel corso del 2013,
con destinazione privilegiata verso
gli Stati Uniti, che durante l’ultimo
esercizio hanno raggiunto quota
215 milioni di euro (il 7% sul totale
mondiale) con un incremento
complessivo del 4,7% rispetto al
2012. Interessante la performance
registrata dalla prima categoria a
valore, la profumeria alcolica:
+22% per oltre 70 milioni di euro.
L’Europa, primo sbocco storico del
flusso commerciale di comparto,
28,5% ricopre ancora poco meno del
68%, con oltre 2.150 milioni di
euro.
Guardando all’andamento
dell’ultimo triennio, i dati storici
delle esportazioni cosmetiche
italiane negli USA delineano un
incremento di oltre venti punti
percentuali; altrettanto positivi gli
andamenti dell’intera area NAFTA
(Stati Uniti, Canada e Messico) che
17,1% ha superato i 260 milioni nel 2013
ed è cresciuta di ben undici punti
percentuali dal 2011 ad oggi.
[email protected]talia.it
I dati salienti relativi al comparto a pochi mesi dall’apertura di Expo 2015
Lombardia:
la
cosmetica
è
di
casa
Nella provincia di Milano la più alta spesa pro-capite in Italia
A pochi mesi dall’Expo2015, è
significativo riportare il peso che
la Lombardia riveste per il
comparto cosmetico.
• in Lombardia c’é la più alta
densità di imprese cosmetiche,
oltre il 52% (circa 520 stabilimenti
produttivi su un totale di quasi
1000) e dei fornitori di materie
prime e servizi, l’85%;
• il fatturato di queste imprese è
prossimo al 60% del totale Italia
(circa 5.500 milioni di euro su un
fatturato totale Italia di 9.280
milioni di euro);
• l’export di cosmetici delle
aziende della Lombardia è poco
oltre i 2.000 milioni di euro, su un totale export di 3.176 milioni di
euro (cioè il 63%);
• in Lombardia sono occupati
18.000 addetti, sul totale di 35.000
dell’intera filiera cosmetica
(51,4%);
• il consumo di cosmetici in
Lombardia è circa il 24% del totale
nazionale;
• Il 54% delle aziende cosmetiche
lombarde si trova nella provincia
di Milano;
• Milano ha la più alta spesa
pro-capite in Italia: 195€/anno a
fronte di una spesa media di
150€/anno;
• Anche gli investimenti globali
delle imprese cosmetiche coprono
oltre il 50% del valore totale del
settore cosmetico che in
Lombardia vede una filiera
completa: al fianco di aziende
produttrici dirette e conto terzi, si
segnalano produttori e fornitori di
materie prime, creazione di
packaging primario e secondario,
progettazione e produzione di
macchinari e impianti, aziende di
confezionamento, aziende di
distribuzione, laboratori esterni
(ricerca, analisi e test) e aziende di
servizi.
[email protected]
A cura del Centro Studi il corso di formazione in programma il prossimo 19 novembre
Formazione: Il futuro della cosmetica su Internet
Una giornata dedicata alle evoluzioni del mondo web e social media
4
Le interazioni sul web tra aziende
don’ts della relazione 2.0 tra azienda
cosmetiche e consumatori sono
e consumatore grazie alla sintesi
sempre più frequenti, dinamiche e
ragionata dei risultati
diversificate. Con uno sguardo
dell’Osservatorio “Brands & social
privilegiato al nostro comparto, il
media” e la giornata formativa sarà
corso di formazione a cura del
arricchita dall’importante contributo
Centro Studi del prossimo 19
di Lucio Carli (Consigliere
novembre cercherà di scoprire le
Netcomm, A.D. Fratelli Carli S.P.A.)
novità del 2014 e analizzare le
e dallo sguardo d’insieme di Google
evoluzioni a livello di social media in
Italia sullo stato dell’arte e le
Italia e nel mondo, le migliori
evoluzioni già in corso
strategie di conversione per le
nell’immediato futuro della ricerca
vendite online, i processi di loyalty
e della fruizione dei contenuti web.
tramite ascolto, passaparola attivo,
Per informazioni e iscrizioni al
processi virali e di gamificazione.
corso:
Verranno inoltre tracciati do’s &
[email protected]
save the date
19 novembre 2014
Introduzione ai lavori
Lucio Carli
Consigliere Netcomm, A.D. Fratelli
Carli S.P.A.
Be first to the future of cosmetics
Simone Zucca
Google Italia
Social media e cosmesi nel 2014
Marco Pirozzi
Cosmetica Italia
Brands & Social Media: best
practices dalla seconda edizione
della ricerca
Andrea Cuman, Nicolò Michetti
Osservatorio OssCom (Univ.
Cattolica), Digital PR
E-commerce e comportamento
d’acquisto online dei prodotti
cosmetici
Lorenzo Facchinotti
Nielsen
69%
Ascolto, gamificazione e loyalty per
migliorare le conversioni in
fatturato
Giovanni Frera
Bewe
a33
il magazine della bellezza
O T T O B R E
accademia 33
2 0 1 4
A N N O
Editore COSMETICA ITALIA - Milano Direttore Responsabile: Benedetta Boni. Realizzazione a cura di UNIPRO SERVIZI s.r.l. - Milano
progetto grafico Area 52 - Stampatore: La Litotipo. Registrazione c/o tribunale di Milano n. 562 del 19/09/2007
7
N ° 8
www.cosmeticaitalia.it
Bellagio: un seminario residenziale “operativo”
Definite le linee guide del nuovo piano triennale
Gli imprenditori tra team building e cortometraggi
Se all’inizio del nuovo millennio si ipotizzava
la comparsa di una diversa “antropologia
d’azienda” in grado di governare la
complessità degli scenari futuri coniugando
visione e azione, energia e controllo, rigore e
creatività, quanto emerso dall’esperienza del
seminario residenziale di Bellagio ne è la
prova conclamata.
Nella due giorni di lavoro sul Lago di Como,
evoluzione dell’appuntamento che nel 2006 e
nel 2011 aveva segnato le prime tappe di
questa ricorrenza, l’intero Consiglio direttivo
di Cosmetica Italia, riunitosi per definire le
strategie del triennio 2014/2017, ha di fatto
confermato il senso di responsabilità e di
concretezza con cui il vertice
dell’associazione sta attuando l’impegno
assunto dopo l’elezione dell’assemblea a fine
giugno.
«Se fosse facile non si chiamerebbe
impresa». Questo il titolo provocatorio,
divenuto tormentone del meeting, usato da Emanuele Maria Sacchi, l’esperto
internazionale di leadership, negoziazione e
comunicazione competitiva per aprire, giovedì
16 ottobre, la prima sessione di lavoro con gli
imprenditori.
Proponendo l’analisi di alcune delle
pubblicità risultate più efficaci nella storia
recente, Sacchi ha individuato nella
discussione attorno all’attraction marketing il
punto di avvio del team building orientato a
riconoscere le leve subliminali utilizzate per
creare interesse nel cliente e, di
conseguenza, per evidenziare l’unicità dei
messaggi veicolati (value proposition strategy) e
del relativo business.
«Se distinguersi oggi è sempre più
determinante, occorre farlo anche in termini
di cultura aziendale»: anche per questo
l’autore de “Il segreto del carisma” si è servito degli esiti della ricerca Gallup Q12 per
stimolare gli ospiti su nuove riflessioni legate
alla valorizzazione delle risorse umane.
Testato su più di un milione e mezzo di
persone, lo studio ha individuato le dodici
aspettative chiave che, se rispettate, portano
l’individuo a dare il meglio di sé. L’occasione
ha portato gli imprenditori a interrogarsi su
come poter applicare l’esperienza vissuta a
Bellagio alle rispettive aziende in nome di
una più consapevole cultura della
gratificazione e del feedback.
La quarantotto ore di lavoro è proseguita il
giorno successivo sulla spinta del percorso
esperienziale laterale “Cinema a Bellagio”
guidato da Marco Mariani, professore di
Litigation presso l’Università Commerciale L.
Bocconi di Milano.
Con l’obiettivo di «utilizzare il cinema come
strumento formativo fondamentale per
trasferire messaggi e concetti di notevole
complessità in modo gradevole e
stimolante», i componenti del Consiglio
direttivo sono stati suddivisi in squadre
sulla base delle tre aree guida individuate
dal piano triennale del presidente Rossello,
opportunamente riadattate per l'occasione:
Area Mondo Interno, Area Servizi, Area
Mondo Esterno.
Chiamati alla ideazione e produzione di
cortometraggi ispirati ai tre cluster e agli
intenti strategici ad essi legati, gli
imprenditori, camera digitale e copione alla
mano, si sono destreggiati tra
sceneggiature, interpretazioni, riprese,
regia e montaggio per poi presentare la
propria opera in plenaria.
Sono stati i feedback finali dei partecipanti
e la valutazione tecnica del trainer a
evidenziare che «la realizzazione di un
cortometraggio comporta un forte
coinvolgimento cognitivo, operativo ed
emotivo e le ricadute sui componenti del
gruppo sono di notevole impatto, anche a
livello individuale, poiché vengono attivate
ed allenate sia le capacità razionali sia
quelle relazionali creando un contesto
favorevole allo sviluppo di creatività,
apertura mentale e flessibilità».
FABIO ROSSELLO
(expo + comunicazione)
Partecipazione, motivazione e condivisione
sono state le parole chiave di un
appuntamento che ha trovato, nel contesto
informale e amichevole del raduno fuori
porta, la cifra distintiva di un lavoro di
squadra consapevole e orientato alla
valorizzazione di vision e mission
dell’associazione nazionale delle imprese
cosmetiche.
«Nella governance del mio prossimo triennio
il sistema di “delega e responsabilità” sarà,
di fatto, il paradigma al quale ciascun
componente del Consiglio direttivo farà
riferimento per la sua attività. Si lavorerà
come in un “consiglio dei ministri” nel
quale ogni ministro è titolare di una
funzione, ha la delega e il portafoglio per
agire. La riunione del “Consiglio dei
Ministri” assicura quindi lo scambio delle
informazioni, la verifica della coerenza con
le linee politiche del Governo,
la copertura delle leggi di spesa: la
discussione serve quindi per trovare
l’equilibrio e le compatibilità necessarie
per la definizione delle priorità e la
“collegialità” sarà il suo tratto
caratteristico». Queste le parole di Rossello
a sancire il significato ultimo dell’incontro
con gli imprenditori.
[email protected]
CRISTINA SCOCCHIA
RENATO ANCOROTTI
LUCIANO BERTINELLI
(accademia del profumo)
SERENA CAIMANO
VINCENZO MAGLIONE
(ricerca e università+GCF)
CARLO BAIESI
PAOLA ARUTA
BENEDETTO LAVINO
(centro studi)
FABIO PASTORI
(tesoriere)
VALERIA CAVALCANTE
GIANNI MANZETTI
(internazionalizzazione e GPPA)
ENRICO DE TOMA
DARIO BELLETTI
(GCP)
ROBERTO FERRO
(regulatory)
MATTEO LOCATELLI
(sostenibilità e GPCT)
ANTONIO ARGENTIERI
(GCE)
FABIO FRANCHINA
(rapporti interni e riforme)
VITTORIA GANASSINI
(la forza e il sorriso)
FABIO BERCHI
(GCE)
LUCIO CARLI
(e-commerce e made in)
AMBRA MARTONE
(consumatori)
l’editoriale
di Fabio Rossello
Se fosse facile non si chiamerebbe...
Impresa!
Con questo pay-off si è svolto il
seminario residenziale del Consiglio
direttivo il 16 e 17 ottobre. Qualsiasi
governance di organizzazione è
consapevole delle sue responsabilità
verso i soci quando, prima di avviare un
piano di attività e iniziative, si ferma a
riflettere sugli obiettivi che vuole
raggiungere e a creare le condizioni per
favorire la formazione di un team coeso
e determinato. Così, per la terza volta
in nove anni, a Bellagio i vertici di
Cosmetica Italia si sono riuniti per
conoscersi meglio, guardare avanti e
individuare alcune linee di sviluppo
associativo. Una sessione di team
building ha rinsaldato i rapporti tra le
generazioni e i generi, mentre l'attività
di analisi e pianificazione strategica si è
soprattutto rivolta al confronto tra i
numerosi progetti presentati dai
consiglieri e dai presidenti dei Gruppi
merceologici. Il lavoro di gruppo ha
favorito l'approfondimento degli scenari
e la definizione degli input iniziali delle
attività rivolte alla vita associativa (area
dell'imprenditore), dei servizi (area
dell'impresa) e della reputazione (area
del mondo esterno). L'associazione ora
dispone di un ricco portafoglio di
opportunità da cogliere nell'arco del
prossimo triennio; nei prossimi mesi
sarà il Consiglio stesso a stilare le
priorità, identificare le sinergie e fissare
la misura dei risultati. Considerando il
successo, in termini di ricadute positive
sull'associazione, la terza edizione del
seminario di Bellagio, oltre che
consolidare una tradizione potrebbe
diventare anche un efficace
portafortuna.
1