venerdì santo passione del signore francesco

C A P P E L L A PA PA L E
VENER DÌ SA NTO
PA S S I O N E D E L S I G N O R E
CELEBR AZIONE
D E L L A PA S S I O N E D E L S I G N O R E
P R E S I E D U TA D A L S A N T O PA D R E
FRANCESCO
B A S I L I C A VA T I C A N A , 3 A P R I L E 2 0 1 5
Il Santo Padre, giunto davanti all’altare, si prostra a terra. Tutti,
in silenzio, pregano per breve tempo.
Prayer
Orazione
Remember your mercies, O Lord, and
with your eternal protection sanctify
your servants, for whom Christ your
Son, by the shedding of his Blood, established the Paschal Mystery.
Who lives and reigns for ever and ever.
Ricordati, Padre, della tua misericordia; santifica e proteggi sempre questa
tua famiglia, per la quale Cristo, tuo Figlio, inaugurò nel suo sangue il mistero
pasquale.
Egli vive e regna nei secoli dei secoli.
Oratio
Il Santo Padre:
Reminiscere miserationum tuarum, Domine,
et famulos tuos æterna protectione sanctifica,
pro quibus Christus, Filius tuus,
per suum cruorem instituit paschale mysterium.
Qui vivit et regnat in sæcula sæculorum.
C.Amen.
2
3
First part:
LITURGY OF THE WORD
Parte prima:
LITURGIA DELLA PAROLA
Pars prima:
Liturgia verbi
First reading
Prima lettura
Lectio prima
He was pierced through for our faults.
(Fourth Song of the Servant of the Lord)
Egli è stato trafitto per le nostre colpe.
(Quarto canto del Servo del Signore)
Ipse vulneratus est propter iniquitates nostras
(Quartus cantus Servi Domini).
A reading from the prophet Isaiah
Dal libro del profeta Isaia 52, 13 – 53, 12
See, my servant will prosper, he shall be
lifted up, exalted, rise to great heights. As
the crowds were appalled on seeing him –
so disfigured did he look that he seemed
no longer human – so will the crowds
be astonished at him, and kings stand
speechless before him; for they shall see
something never told and witness something never heard before: ‘Who could
believe what we have heard, and to whom
has the power of the Lord been revealed?’
Like a sapling he grew up in front of us,
like a root in arid ground. Without beauty, without majesty we saw him, no looks
to attract our eyes; a thing despised and
rejected by men, a man of sorrows and
familiar with suffering, a man to make
people screen their faces; he was despised
and we took no account of him.
Ecco, il mio servo avrà successo,
sarà onorato, esaltato e innalzato grandemente.
Come molti si stupirono di lui
– tanto era sfigurato per essere d’uomo il suo aspetto
e diversa la sua forma da quella dei figli dell’uomo –,
così si meraviglieranno di lui molte nazioni;
i re davanti a lui si chiuderanno la bocca,
poiché vedranno un fatto mai a essi raccontato
e comprenderanno ciò che mai avevano udito.
Chi avrebbe creduto al nostro annuncio?
A chi sarebbe stato manifestato il braccio del Signore?
4
È cresciuto come un virgulto davanti a lui
e come una radice in terra arida.
Non ha apparenza né bellezza
per attirare i nostri sguardi,
non splendore per poterci piacere.
Disprezzato e reietto dagli uomini,
uomo dei dolori che ben conosce il patire,
come uno davanti al quale ci si copre la faccia;
era disprezzato e non ne avevamo alcuna stima.
5
And yet ours were the sufferings he bore,
ours the sorrows he carried. But we, we
thought of him as someone punished,
struck by God, and brought low. Yet
he was pierced through for our faults,
crushed for our sins. On him lies a
punishment that brings us peace, and
through his wounds we are healed.
We had all gone astray like sheep, each
taking his own way, and the Lord burdened him with the sins of all of us.
Harshly dealt with, he bore it humbly, he
never opened his mouth, like a lamb that
is led to the slaughter-house, like a sheep
that is dumb before its shearers never
opening its mouth.
By force and by law he was taken; would
anyone plead his cause? Yes, he was torn
away from the land of the living; for our
faults struck down in death. They gave
him a grave with the wicked, a tomb
with the rich, though he had done no
wrong and there had been no perjury in
his mouth.
The Lord has been pleased to crush him
with suffering. If he offers his life in
atonement, he shall see his heirs, he shall
have a long life and through him what
the Lord wishes will be done.
Eppure egli si è caricato delle nostre sofferenze,
si è addossato i nostri dolori;
e noi lo giudicavamo castigato,
percosso da Dio e umiliato.
Egli è stato trafitto per le nostre colpe,
schiacciato per le nostre iniquità.
Il castigo che ci dà salvezza si è abbattuto su di lui;
per le sue piaghe noi siamo stati guariti.
Noi tutti eravamo sperduti come un gregge,
ognuno di noi seguiva la sua strada;
il Signore fece ricadere su di lui
l’iniquità di noi tutti.
Maltrattato, si lasciò umiliare
e non aprì la sua bocca;
era come agnello condotto al macello,
come pecora muta di fronte ai suoi tosatori,
e non aprì la sua bocca.
Con oppressione e ingiusta sentenza fu tolto di mezzo;
chi si affligge per la sua posterità?
Sì, fu eliminato dalla terra dei viventi,
per la colpa del mio popolo fu percosso a morte.
Gli si diede sepoltura con gli empi,
con il ricco fu il suo tumulo,
sebbene non avesse commesso violenza
né vi fosse inganno nella sua bocca.
Ma al Signore è piaciuto prostrarlo con dolori.
Quando offrirà se stesso in sacrificio di riparazione,
vedrà una discendenza, vivrà a lungo,
si compirà per mezzo suo la volontà del Signore.
6
7
Dopo il suo intimo tormento vedrà la luce
e si sazierà della sua conoscenza;
il giusto mio servo giustificherà molti,
egli si addosserà le loro iniquità.
His soul’s anguish over he shall see the
light and be content. By his sufferings
shall my servant justify many, taking
their faults on himself.
Hence I will grant whole hordes for his
tribute, he shall divide the spoil with
the mighty, for surrendering himself
to death and letting himself be taken
for a sinner, while he was bearing the
faults of many and praying all the time
for sinners.
The Word of the Lord.
Thanks be to God.
Tract
Perciò io gli darò in premio le moltitudini,
dei potenti egli farà bottino,
perché ha spogliato se stesso fino alla morte
ed è stato annoverato fra gli empi,
mentre egli portava il peccato di molti
e intercedeva per i colpevoli.
Parola di Dio.
Rendiamo grazie a Dio.
Tratto
O Lord, listen to my prayer and let my
cry for help reach you.
Signore, ascolta la mia preghiera, a te
giunga il mio grido di aiuto.
Do not hide your face from me in the day
of my distress.
Non nascondermi il tuo volto nel giorno
in cui sono nell’angoscia. Tendi verso di
me l’orecchio.
8
Verbum Domi- ni.
Parola di Dio.
C. De- o gra- ti- as.
Rendiamo grazie a Dio.
Tractus
La schola:
Domine, exaudi orationem meam,
et clamor meus ad te veniat.
Ps 101, 2-3ab
D. Non avertas faciem tuam a me:
in quacumque die tribulor, inclina ad me aurem tuam.
9
Second reading
Seconda lettura
Lectio secunda
He learnt to obey through suffering
and became for all who obey him
the source of eternal salvation.
Cristo imparò l’obbedienza
e divenne causa di salvezza
per tutti coloro che gli obbediscono.
Didicit obœdientiam
et factus est omnibus obœdientibus sibi auctor salutis.
A reading from the letter to the Hebrews
Dalla lettera agli Ebrei
Lectura de la carta a los Hebreos 4, 14-16; 5, 7-9
Brothers and sisters:
Since in Jesus, the Son of God, we have
the supreme high priest who has gone
through to the highest heaven, we must
never let go of the faith that we have professed. For it is not as if we had a high
priest who was incapable of feeling our
weaknesses with us; but we have one
who has been tempted in every way that
we are, though he is without sin. Let us
be confident, then, in approaching the
throne of grace, that we shall have mercy
from him and find grace when we are in
need of help.
During his life on earth, he offered up
prayer and entreaty, aloud and in silent
tears, to the one who had the power to
save him out of death, and he submitted so humbly that his prayer was heard.
Although he was Son, he learnt to obey
through suffering; but having been made
perfect, he became for all who obey him
the source of eternal salvation.
Fratelli, poiché abbiamo un sommo sacerdote grande, che è passato attraverso
i cieli, Gesù il Figlio di Dio, manteniamo
ferma la professione della fede. Infatti
non abbiamo un sommo sacerdote che
non sappia prendere parte alle nostre
debolezze: egli stesso è stato messo alla
prova in ogni cosa come noi, escluso il
peccato. Accostiamoci dunque con piena
fiducia al trono della grazia per ricevere
misericordia e trovare grazia, così da essere aiutati al momento opportuno.
[Cristo, infatti,] nei giorni della sua vita
terrena, offrì preghiere e suppliche, con
forti grida e lacrime, a Dio che poteva
salvarlo da morte e, per il suo pieno abbandono a lui, venne esaudito. Pur essendo Figlio, imparò l’obbedienza da ciò
che patì e, reso perfetto, divenne causa
di salvezza eterna per tutti coloro che gli
obbediscono.
Hermanos:
The Word of the Lord.
Thanks be to God.
Parola di Dio.
Rendiamo grazie a Dio.
No tenemos un sumo sacerdote incapaz de compadecerse de nuestras debilidades, sino que ha sido probado en todo exactamente
como nosotros, menos en el pecado. Por eso, acerquémonos con
seguridad al trono de la gracia, para alcanzar misericordia y encontrar gracia que nos auxilie oportunamente.
Cristo, en los días de su vida mortal, a gritos y con lágrimas, presentó oraciones y súplicas al que podía salvarlo de la muerte, cuando en su angustia fue escuchado. Él, a pesar de ser Hijo, aprendió,
sufriendo, a obedecer. Y, llevado a la consumación, se ha convertido para todos los que le obedecen en autor de salvación eterna.
Verbum Domi- ni.
Gradual
Graduale
Christ was humbler yet, even to accepting death, death on a cross.
Per noi Cristo si è fatto obbediente fino
alla morte e a una morte di croce.
But God raised him high and gave him
the name which is above all names.
Per questo Dio lo esaltò e gli donò il
nome che è al di sopra di ogni nome.
10
Mantengamos la confesión de la fe, ya que tenemos un sumo sacerdote grande, que ha atravesado el cielo, Jesús, Hijo de Dios.
Parola di Dio.
C. De- o gra- ti- as.
Rendiamo grazie a Dio.
Graduale
La schola:
Christus factus est pro nobis obœdiens
usque ad mortem, mortem autem crucis.
Cf. Phil 2, 8-9
D. Propter quod et Deus exaltavit illum:
et dedit illi nomen, quod est super omne nomen.
11
Gospel
Vangelo
Evangelium
The passion of our Lord Jesus Christ according to John
Passione di nostro Signore Gesù Cristo
secondo Giovanni
Passio Domini nostri Iesu Christi secundum Ioannem 18, 1 – 19, 42
They seized Jesus and bound him
Catturarono Gesù e lo legarono
Comprehenderunt Iesum et ligaverunt eum.
Jesus left with his disciples and crossed
the Kedron valley. There was a garden
there, and he went into it with his disciples. Judas the traitor knew the place
well, since Jesus had often met his disciples there, and he brought the cohort to
this place together with a detachment of
guards sent by the chief priests and the
Pharisees, all with lanterns and torches
and weapons. Knowing everything that
was going to happen to him, Jesus then
came forward and said, ‘Who are you
looking for?’ They answered, ‘Jesus the
Nazarene.’ He said, ‘I am he.’ Now Judas
the traitor was standing among them.
When Jesus said, ‘I am he’, they moved
back and fell to the ground. He asked
them a second time, ‘Who are you looking for?’ They said, ‘Jesus the Nazarene.’
‘I have told you that I am he,’ replied Jesus. ‘If I am the one you are looking for,
let these others go.’ This was to fulfil the
words he had spoken, ‘Not one of those
you gave me have I lost.’
Simon Peter, who carried a sword, drew
it and wounded the high priest’s servant,
cutting off his right ear. The servant’s
name was Malchus. Jesus said to Peter,
‘Put your sword back in its scabbard; am
I not to drink the cup that the Father has
given me?’
In quel tempo, Gesù uscì con i suoi discepoli al di là del torrente Cedron, dove
c’era un giardino, nel quale entrò con i
suoi discepoli. Anche Giuda, il traditore,
conosceva quel luogo, perché Gesù spesso si era trovato là con i suoi discepoli.
Giuda dunque vi andò, dopo aver preso
un gruppo di soldati e alcune guardie
fornite dai capi dei sacerdoti e dai farisei, con lanterne, fiaccole e armi. Gesù
allora, sapendo tutto quello che doveva
accadergli, si fece innanzi e disse loro:
«Chi cercate?». Gli risposero: «Gesù, il
Nazareno». Disse loro Gesù: «Sono io!».
Vi era con loro anche Giuda, il traditore.
Appena disse loro «Sono io», indietreggiarono e caddero a terra. Domandò
loro di nuovo: «Chi cercate?». Risposero:
«Gesù, il Nazareno». Gesù replicò: «Vi
ho detto: sono io. Se dunque cercate me,
lasciate che questi se ne vadano», perché
si compisse la parola che egli aveva detto:
«Non ho perduto nessuno di quelli che
mi hai dato». Allora Simon Pietro, che
aveva una spada, la trasse fuori, colpì il
servo del sommo sacerdote e gli tagliò
l’orecchio destro. Quel servo si chiamava
Malco. Gesù allora disse a Pietro: «Rimetti la spada nel fodero: il calice che il
Padre mi ha dato, non dovrò berlo?».
12
In illo tempore:
Egressus est Iesus cum discipulis suis trans torrentem Cedron, ubi
erat hortus, in quem introivit ipse et discipuli eius. Sciebat autem et
Iudas, qui tradebat eum, locum, quia frequenter Iesus convenerat
illuc cum discipulis suis.
Iudas ergo, cum accepisset cohortem et a pontificibus et pharisæis
ministros, venit illuc cum lanternis et facibus et armis. Iesus itaque
sciens omnia, quæ ventura erant super eum, processit, et dicit eis:
«Quem quæritis?».
Responderunt ei: «Iesum Nazarenum».
Dicit eis: «Ego sum!». Stabat autem et Iudas, qui tradebat eum, cum
ipsis. Ut ergo dixit eis: «Ego sum!», abierunt retrorsum, et ceciderunt in terram.
Iterum ergo eos interrogavit: «Quem quæritis?».
Illi autem dixerunt: «Iesum Nazarenum».
Respondit Iesus: «Dixi vobis: Ego sum! Si ergo me quæritis, sinite
hos abire», ut impleretur sermo, quem dixit: «Quos dedisti mihi,
non perdidi ex ipsis quemquam».
Simon ergo Petrus, habens gladium, eduxit eum et percussit pontificis servum et abscidit eius auriculam dextram. Erat autem nomen
servo Malchus.
Dixit ergo Iesus Petro: «Mitte gladium in vaginam; calicem, quem
dedit mihi Pater, non bibam illum?».
13
They took him first to Annas
Lo condussero prima da Anna
Adduxerunt Iesum ad Annam primum.
The cohort and its captain and the Jewish guards seized Jesus and bound
him. They took him first to Annas, because Annas was the father-in-law of
Caiaphas, who was high priest that year.
It was Caiaphas who had suggested to
the Jews, ‘It is better for one man to die
for the people.’
Simon Peter, with another disciple,
followed Jesus. This disciple, who was
known to the high priest, went with Jesus
into the high priest’s palace, but Peter
stayed outside the door. So the other disciple, the one known to the high priest,
went out, spoke to the woman who was
keeping the door and brought Peter in.
The maid on duty at the door said to
Peter, ‘Aren’t you another of that man’s
disciples?’ He answered, ‘I am not.’ Now
it was cold, and the servants and guards
had lit a charcoal fire and were standing there warming themselves; so Peter
stood there too, warming himself with
the others.
The high priest questioned Jesus about
his disciples and his teaching. Jesus answered, ‘I have spoken openly for all the
world to hear; I have always taught in the
synagogue and in the Temple where all
the Jews meet together: I have said nothing in secret. But why ask me? Ask my
hearers what I taught: they know what I
said.’ At these words, one of the guards
standing by gave Jesus a slap in the face,
saying, ‘Is that the way to answer the
high priest?’ Jesus replied, ‘If there is
something wrong in what I said, point it
out; but if there is no offence in it, why
do you strike me?’ Then Annas sent him,
still bound, to Caiaphas the high priest.
Allora i soldati, con il comandante e le
guardie dei Giudei, catturarono Gesù, lo
legarono e lo condussero prima da Anna:
egli infatti era suocero di Caifa, che era
sommo sacerdote quell’anno. Caifa era
quello che aveva consigliato ai Giudei:
«È conveniente che un solo uomo muoia
per il popolo».
Intanto Simon Pietro seguiva Gesù
insieme a un altro discepolo. Questo
discepolo era conosciuto dal sommo sacerdote ed entrò con Gesù nel cortile del
sommo sacerdote. Pietro invece si fermò
fuori, vicino alla porta. Allora quell’altro discepolo, noto al sommo sacerdote,
tornò fuori, parlò alla portinaia e fece
entrare Pietro. E la giovane portinaia
disse a Pietro: «Non sei anche tu uno
dei discepoli di quest’uomo?». Egli rispose: «Non lo sono». Intanto i servi e le
guardie avevano acceso un fuoco, perché
faceva freddo, e si scaldavano; anche Pietro stava con loro e si scaldava.
Il sommo sacerdote, dunque, interrogò
Gesù riguardo ai suoi discepoli e al suo
insegnamento. Gesù gli rispose: «Io ho
parlato al mondo apertamente; ho sempre insegnato nella sinagoga e nel tempio, dove tutti i Giudei si riuniscono, e
non ho mai detto nulla di nascosto. Perché interroghi me? Interroga quelli che
hanno udito ciò che ho detto loro; ecco,
essi sanno che cosa ho detto». Appena
detto questo, una delle guardie presenti diede uno schiaffo a Gesù, dicendo:
«Così rispondi al sommo sacerdote?».
Gli rispose Gesù: «Se ho parlato male,
dimostrami dov’è il male. Ma se ho parlato bene, perché mi percuoti?». Allora
Anna lo mandò, con le mani legate, a
Caifa, il sommo sacerdote.
Cohors ergo et tribunus et ministri Iudæorum comprehenderunt Iesum et ligaverunt eum et adduxerunt ad Annam primum;
erat enim socer Caiphæ, qui erat pontifex anni illius. Erat autem
Caiphas, qui consilium dederat Iudæis: «Expedit unum hominem
mori pro populo».
14
Sequebatur autem Iesum Simon Petrus et alius discipulus. Discipulus autem ille erat notus pontifici et introivit cum Iesu in atrium
pontificis; Petrus autem stabat ad ostium foris. Exivit ergo discipulus alius, qui erat notus pontifici, et dixit ostiariæ et introduxit
Petrum. Dicit ergo Petro ancilla ostiaria: «Numquid et tu ex discipulis es hominis istius?».
Dicit ille: «Non sum!». Stabant autem servi et ministri, qui prunas
fecerant, quia frigus erat, et calefaciebant se; erat autem cum eis et
Petrus stans et calefaciens se.
Pontifex ergo interrogavit Iesum de discipulis suis et de doctrina eius. Respondit ei Iesus: «Ego palam locutus sum mundo; ego
semper docui in synagoga et in templo, quo omnes Iudæi conveniunt, et in occulto locutus sum nihil. Quid me interrogas? Interroga eos, qui audierunt quid locutus sum ipsis; ecce hi sciunt, quæ
dixerim ego».
Hæc autem cum dixisset, unus assistens ministrorum dedit alapam Iesu dicens: «Sic respondes pontifici?».
Respondit ei Iesus: «Si male locutus sum, testimonium perhibe de
malo; si autem bene, quid me cædis?».
Misit ergo eum Annas ligatum ad Caipham pontificem.
15
Aren’t you another of his disciples?
I am not
As Simon Peter stood there warming
himself, someone said to him, ‘Aren’t
you another of his disciples?’ He denied
it saying, ‘I am not.’ One of the high
priest’s servants, a relation of the man
whose ear Peter had cut off, said, ‘Didn’t
I see you in the garden with him?’ Again
Peter denied it; and at once a cock crew.
Non sei anche tu uno dei suoi discepoli?
Non lo sono!
Intanto Simon Pietro stava lì a scaldarsi. Gli dissero: «Non sei anche tu uno
dei suoi discepoli?». Egli lo negò e disse: «Non lo sono». Ma uno dei servi del
sommo sacerdote, parente di quello a cui
Pietro aveva tagliato l’orecchio, disse:
«Non ti ho forse visto con lui nel giardino?». Pietro negò di nuovo, e subito un
gallo cantò.
Numquid et tu ex discipulis eius es? Non sum!
Erat autem Simon Petrus stans et calefaciens se. Dixerunt ergo ei:
«Numquid et tu ex discipulis eius es?».
Negavit ille et dixit: «Non sum!».
Dicit unus ex servis pontificis, cognatus eius, cuius abscidit Petrus
auriculam: «Nonne ego te vidi in horto cum illo?». Iterum ergo negavit Petrus; et statim gallus cantavit.
Mine is not a kingdom of this world
Il mio regno non è di questo mondo
Regnum meum non est de mundo hoc.
They then led Jesus from the house of
Caiaphas to the Praetorium. It was now
morning. They did not go into the Praetorium themselves or they would be defiled and unable to eat the passover. So
Pilate came outside to them and said,
‘What charge do you bring against this
man?’ They replied, ‘If he were not a
criminal, we should not be handing him
over to you.’ Pilate said, ‘Take him yourselves, and try him by your own Law.’
The Jews answered, ‘We are not allowed
to put a man to death.’ This was to fulfil
the words Jesus had spoken indicating
the way he was going to die.
So Pilate went back into the Praetorium
and called Jesus to him, ‘Are you the king
of the Jews?’ he asked. Jesus replied, ‘Do
you ask this of your own accord, or have
others spoken to you about me?’ Pilate
answered, ‘Am I a Jew? It is your own
people and the chief priests who have
handed you over to me: what have you
done?’ Jesus replied, ‘Mine is not a kingdom of this world; if my kingdom were
of this world, my men would have fought
to prevent my being surrendered to the
Jews. But my kingdom is not of this kind.’
‘So you are a king then?’ said Pilate. ‘It
is you who say it’ answered Jesus. ‘Yes,
I am a king. I was born for this, I came
into the world for this: to bear witness to
Condussero poi Gesù dalla casa di Caifa nel pretorio. Era l’alba ed essi non
vollero entrare nel pretorio, per non
contaminarsi e poter mangiare la Pasqua. Pilato dunque uscì verso di loro e
domandò: «Che accusa portate contro
quest’uomo?». Gli risposero: «Se costui
non fosse un malfattore, non te l’avremmo consegnato». Allora Pilato disse loro:
«Prendetelo voi e giudicatelo secondo la
vostra Legge!». Gli risposero i Giudei:
«A noi non è consentito mettere a morte nessuno». Così si compivano le parole
che Gesù aveva detto, indicando di quale
morte doveva morire.
Pilato allora rientrò nel pretorio, fece
chiamare Gesù e gli disse: «Sei tu il re dei
Giudei?». Gesù rispose: «Dici questo da
te, oppure altri ti hanno parlato di me?».
Pilato disse: «Sono forse io Giudeo? La
tua gente e i capi dei sacerdoti ti hanno
consegnato a me. Che cosa hai fatto?».
Rispose Gesù: «Il mio regno non è di
questo mondo; se il mio regno fosse di
questo mondo, i miei servitori avrebbero
combattuto perché non fossi consegnato
ai Giudei; ma il mio regno non è di quaggiù». Allora Pilato gli disse: «Dunque tu
sei re?». Rispose Gesù: «Tu lo dici: io sono
re. Per questo io sono nato e per questo
sono venuto nel mondo: per dare testimonianza alla verità. Chiunque è della
Adducunt ergo Iesum a Caipha in prætorium. Erat autem mane.
Et ipsi non introierunt in prætorium, ut non contaminarentur,
sed manducarent Pascha. Exivit ergo Pilatus ad eos foras et dicit:
«Quam accusationem affertis adversus hominem hunc?».
Responderunt et dixerunt ei: «Si non esset hic malefactor, non tibi
tradidissemus eum».
Dixit ergo eis Pilatus: «Accipite eum vos et secundum legem
vestram iudicate eum!».
Dixerunt ei Iudæi: «Nobis non licet interficere quemquam», ut sermo
Iesu impleretur, quem dixit, significans qua esset morte moriturus.
Introivit ergo iterum in prætorium Pilatus et vocavit Iesum et dixit
ei: «Tu es rex Iudæorum?».
Respondit Iesus: «A temetipso tu hoc dicis, an alii tibi dixerunt de me?».
Respondit Pilatus: «Numquid ego Iudæus sum? Gens tua et pontifices tradiderunt te mihi; quid fecisti?».
Respondit Iesus: «Regnum meum non est de mundo hoc; si ex hoc
mundo esset regnum meum, ministri mei decertarent, ut non traderer Iudæis; nunc autem meum regnum non est hinc».
Dixit itaque ei Pilatus: «Ergo rex es tu?».
Respondit Iesus: «Tu dicis quia rex sum. Ego in hoc natus sum et ad
hoc veni in mundum, ut testimonium perhibeam veritati; omnis,
qui est ex veritate, audit meam vocem».
16
17
Dicit ei Pilatus: «Quid est veritas?».
the truth; and all who are on the side of
truth listen to my voice.’ ‘Truth?’ said Pilate ‘What is that?’; and with that he went
out again to the Jews and said, ‘I find no
case against him. But according to a custom of yours I should release one prisoner
at the Passover; would you like me, then,
to release the king of the Jews?’ At this
they shouted: ‘Not this man,’ they said
‘but Barabbas.’ Barabbas was a brigand.
verità, ascolta la mia voce». Gli dice Pilato: «Che cos’è la verità?».
E, detto questo, uscì di nuovo verso i
Giudei e disse loro: «Io non trovo in lui
colpa alcuna. Vi è tra voi l’usanza che, in
occasione della Pasqua, io rimetta uno
in libertà per voi: volete dunque che io
rimetta in libertà per voi il re dei Giudei?». Allora essi gridarono di nuovo:
«Non costui, ma Barabba!». Barabba era
un brigante.
Hail, king of the Jews!
Salve, re dei Giudei!
Ave, rex Iudæorum!
Pilate then had Jesus taken away and
scourged; and after this, the soldiers
twisted some thorns into a crown and
put it on his head, and dressed him in a
purple robe. They kept coming up to him
and saying, ‘Hail, king of the Jews!’; and
they slapped him in the face.
Pilate came outside again and said to
them, ‘Look, I am going to bring him out
to you to let you see that I find no case.’
Jesus then came out wearing the crown of
thorns and the purple robe. Pilate said,
‘Here is the man.’ When they saw him
the chief priests and the guards shouted,
‘Crucify him! Crucify him!’ Pilate said,
‘Take him yourselves and crucify him: I
can find no case against him.’ ‘We have a
Law,’ the Jews replied ‘and according to
that Law he ought to die, because he has
claimed to be the Son of God.’
When Pilate heard them say this his
fears increased. Re-entering the Praetorium, he said to Jesus, ‘Where do you
come from?’ But Jesus made no answer.
Pilate then said to him, ‘Are you refusing
to speak to me? Surely you know I have
power to release you and I have power to
Allora Pilato fece prendere Gesù e lo fece
flagellare. E i soldati, intrecciata una corona di spine, gliela posero sul capo e gli
misero addosso un mantello di porpora.
Poi gli si avvicinavano e dicevano: «Salve, re dei Giudei!». E gli davano schiaffi.
Pilato uscì fuori di nuovo e disse loro:
«Ecco, io ve lo conduco fuori, perché sappiate che non trovo in lui colpa alcuna».
Allora Gesù uscì, portando la corona di
spine e il mantello di porpora. E Pilato
disse loro: «Ecco l’uomo!».
Come lo videro, i capi dei sacerdoti e le
guardie gridarono: «Crocifiggilo! Crocifiggilo!». Disse loro Pilato: «Prendetelo voi e crocifiggetelo; io in lui non trovo colpa». Gli risposero i Giudei: «Noi
abbiamo una Legge e secondo la Legge
deve morire, perché si è fatto Figlio di
Dio».
All’udire queste parole, Pilato ebbe ancor più paura. Entrò di nuovo nel pretorio e disse a Gesù: «Di dove sei tu?». Ma
Gesù non gli diede risposta. Gli disse
allora Pilato: «Non mi parli? Non sai
che ho il potere di metterti in libertà e il
potere di metterti in croce?». Gli rispose
Tunc ergo apprehendit Pilatus Iesum et flagellavit. Et milites,
plectentes coronam de spinis, imposuerunt capiti eius et veste
purpurea circumdederunt eum; et veniebant ad eum, et dicebant:
«Ave, rex Iudæorum!», et dabant ei alapas.
18
Et cum hoc dixisset, iterum exivit ad Iudæos et dicit eis: «Ego nullam invenio in eo causam. Est autem consuetudo vobis, ut unum
dimittam vobis in Pascha; vultis ergo dimittam vobis regem
Iudæorum?».
Clamaverunt ergo rursum dicentes: «Non hunc, sed Barabbam!».
Erat autem Barabbas latro.
Et exiit iterum Pilatus foras et dicit eis: «Ecce adduco vobis eum
foras, ut cognoscatis quia in eo invenio causam nullam». Exiit ergo
Iesus foras, portans spineam coronam et purpureum vestimentum.
Et dicit eis: «Ecce homo!».
Cum ergo vidissent eum pontifices et ministri, clamaverunt dicentes: «Crucifige, crucifige [eum]!».
Dicit eis Pilatus: «Accipite eum vos et crucifigite; ego enim non
invenio in eo causam».
Responderunt ei Iudæi: «Nos legem habemus, et secundum legem
debet mori, quia Filium Dei se fecit».
Cum ergo audisset Pilatus hunc sermonem, magis timuit et ingressus est prætorium iterum et dicit ad Iesum: «Unde es tu?». Iesus
autem responsum non dedit ei. Dicit ergo ei Pilatus: «Mihi non
loqueris? Nescis quia potestatem habeo dimittere te et potestatem
habeo crucifigere te?».
19
crucify you?’ ‘You would have no power
over me’ replied Jesus ‘if it had not been
given you from above; that is why the
one who handed me over to you has the
greater guilt.’
Take him away, take him away.
Crucify him!
Gesù: «Tu non avresti alcun potere su di
me, se ciò non ti fosse stato dato dall’alto. Per questo chi mi ha consegnato a te
ha un peccato più grande».
Respondit Iesus: «Non haberes potestatem adversum me ullam,
nisi tibi esset datum desuper; propterea, qui tradidit me tibi, maius
peccatum habet».
Via! Via! Crocifiggilo!
Tolle, tolle, crucifige eum!
From that moment Pilate was anxious
to set him free, but the Jews shouted, ‘If
you set him free you are no friend of Caesar’s; anyone who makes himself king is
defying Caesar.’ Hearing these words,
Pilate had Jesus brought out, and seated
himself on the chair of judgement at a
place called the Pavement, in Hebrew
Gabbatha. It was Passover Preparation
Day, about the sixth hour. ‘Here is your
king’ said Pilate to the Jews. ‘Take him
away, take him away!’ they said. ‘Crucify
him!’ ‘Do you want me to crucify your
king?’ said Pilate. The chief priests answered, ‘We have no king except Caesar.’
So in the end Pilate handed him over to
them to be crucified.
Da quel momento Pilato cercava di metterlo in libertà. Ma i Giudei gridarono:
«Se liberi costui, non sei amico di Cesare! Chiunque si fa re si mette contro
Cesare». Udite queste parole, Pilato fece
condurre fuori Gesù e sedette in tribunale, nel luogo chiamato Litostroto, in
ebraico Gabbatà. Era la Parasceve della
Pasqua, verso mezzogiorno. Pilato disse
ai Giudei: «Ecco il vostro re!». Ma quelli gridarono: «Via! Via! Crocifiggilo!».
Disse loro Pilato: «Metterò in croce il
vostro re?». Risposero i capi dei sacerdoti: «Non abbiamo altro re che Cesare».
Allora lo consegnò loro perché fosse crocifisso.
Exinde quærebat Pilatus dimittere eum; Iudæi autem clamabant
dicentes: «Si hunc dimittis, non es amicus Cæsaris! Omnis [enim],
qui se regem facit, contradicit Cæsari». Pilatus ergo, cum audisset
hos sermones, adduxit foras Iesum, et sedit pro tribunali in locum,
qui dicitur Lithostrotos, Hebraice autem Gabbatha. Erat autem Parasceve Paschæ, hora erat quasi sexta.
They crucified him with two others
Lo crocifissero e con lui altri due
Crucifixerunt eum et cum eo alios duos.
They then took charge of Jesus, and carrying his own cross he went out of the
city to the place of the skull or, as it was
called in Hebrew, Golgotha, where they
crucified him with two others, one on either side with Jesus in the middle. Pilate
wrote out a notice and had it fixed to the
cross; it ran: ‘Jesus the Nazarene, King of
the Jews.’ This notice was read by many of
the Jews, because the place where Jesus
was crucified was not far from the city,
and the writing was in Hebrew, Latin and
Greek. So the Jewish chief priests said to
Pilate, ‘You should not write “King of the
Jews,” but “This man said: I am King of
the Jews.”’ Pilate answered, ‘What I have
written, I have written.’
Essi presero Gesù ed egli, portando la
croce, si avviò verso il luogo detto del
Cranio, in ebraico Golgota, dove lo crocifissero e con lui altri due, uno da una
parte e uno dall’altra, e Gesù in mezzo. Pilato compose anche l’iscrizione e
la fece porre sulla croce; vi era scritto:
«Gesù il Nazareno, il re dei Giudei». Molti Giudei lessero questa iscrizione, perché il luogo dove Gesù fu crocifisso era
vicino alla città; era scritta in ebraico, in
latino e in greco. I capi dei sacerdoti dei
Giudei dissero allora a Pilato: «Non scrivere: “Il re dei Giudei”, ma: “Costui ha
detto: Io sono il re dei Giudei”». Rispose
Pilato: «Quel che ho scritto, ho scritto».
Susceperunt ergo Iesum. Et baiulans sibi crucem exivit in eum, qui
dicitur Calvariæ locum, quod Hebraice dicitur Golgotha, ubi eum
crucifixerunt et cum eo alios duos hinc et hinc, medium autem Iesum. Scripsit autem et titulum Pilatus et posuit super crucem; erat
autem scriptum: «Iesus Nazarenus Rex Iudæorum». Hunc ergo titulum multi legerunt Iudæorum, quia prope civitatem erat locus,
ubi crucifixus est Iesus; et erat scriptum Hebraice, Latine, Græce.
20
Et dicit Iudæis: «Ecce rex vester!».
Clamaverunt ergo illi: «Tolle, tolle, crucifige eum!».
Dicit eis Pilatus: «Regem vestrum crucifigam?».
Responderunt pontifices: «Non habemus regem nisi Cæsarem».
Tunc ergo tradidit eis illum, ut crucifigeretur.
Dicebant ergo Pilato pontifices Iudæorum: «Noli scribere: Rex
Iudæorum, sed [quia]: Ipse dixit: “Rex sum Iudæorum”».
Respondit Pilatus: «Quod scripsi, scripsi!».
21
They shared out my clothing among them
Si sono divisi tra loro le mie vesti
Partiti sunt vestimenta mea sibi.
When the soldiers had finished crucifying Jesus they took his clothing and
divided it into four shares, one for each
soldier. His undergarment was seamless,
woven in one piece from neck to hem;
so they said to one another, ‘Instead of
tearing it, let’s throw dice to decide who
is to have it.’ In this way the words of
scripture were fulfilled: ‘They shared out
my clothing among them. They cast lots
for my clothes.’ This is exactly what the
soldiers did.
I soldati poi, quando ebbero crocifisso
Gesù, presero le sue vesti, ne fecero quattro parti – una per ciascun soldato –, e
la tunica. Ma quella tunica era senza cuciture, tessuta tutta d’un pezzo da cima
a fondo. Perciò dissero tra loro: «Non
stracciamola, ma tiriamo a sorte a chi
tocca». Così si compiva la Scrittura, che
dice: “Si sono divisi tra loro le mie vesti e
sulla mia tunica hanno gettato la sorte”.
E i soldati fecero così.
Milites ergo cum crucifixissent Iesum, acceperunt vestimenta eius
et fecerunt quattuor partes, unicuique militi partem, et tunicam.
Erat autem tunica inconsutilis, desuper contexta per totum. Dixerunt ergo ad invicem: «Non scindamus eam, sed sortiamur de illa,
cuius sit», ut Scriptura impleatur dicens: «Partiti sunt vestimenta
mea sibi et in vestem meam miserunt sortem». Et milites quidem
hæc fecerunt.
Woman, this is your son.
This is your mother
Ecco tuo figlio!
Ecco tua madre!
Ecce filiius tuus. Ecce mater tua.
Near the cross of Jesus stood his mother
and his mother’s sister, Mary the wife of
Clopas, and Mary of Magdala. Seeing his
mother and the disciple he loved standing near her, Jesus said to his mother,
‘Woman, this is your son. Then to the
disciple he said, ‘This is your mother.’
And from that moment the disciple
made a place for her in his home.
Stavano presso la croce di Gesù sua madre, la sorella di sua madre, Maria madre di Cleopa e Maria di Magdala. Gesù
allora, vedendo la madre e accanto a lei
il discepolo che egli amava, disse alla
madre: «Donna, ecco tuo figlio!». Poi
disse al discepolo: «Ecco tua madre!». E
da quell’ora il discepolo l’accolse con sé.
Stabant autem iuxta crucem Iesu mater eius et soror matris eius,
Maria Cleopæ, et Maria Magdalene. Cum vidisset ergo Iesus matrem et discipulum stantem, quem diligebat, dicit matri: «Mulier,
ecce filius tuus». Deinde dicit discipulo: «Ecce mater tua». Et ex illa
hora accepit eam discipulus in sua.
It is accomplished
È compiuto!
Consummatum est!
After this, Jesus knew that everything
had now been completed, and to fulfil
the scripture perfectly he said:
‘I am thirsty.’
A jar full of vinegar stood there, so putting a sponge soaked in the vinegar on a
hyssop stick they held it up to his mouth.
After Jesus had taken the vinegar he said,
‘It is accomplished’; and bowing his head
he gave up his spirit.
Dopo questo, Gesù, sapendo che ormai
tutto era compiuto, affinché si compisse
la Scrittura, disse: «Ho sete». Vi era lì un
vaso pieno di aceto; posero perciò una
spugna, imbevuta di aceto, in cima a una
canna e gliela accostarono alla bocca.
Dopo aver preso l’aceto, Gesù disse: «È
compiuto!». E, chinato il capo, consegnò
lo spirito.
Post hoc sciens Iesus, quia iam omnia consummata sunt, ut consummaretur Scriptura, dicit: «Sitio». Vas positum erat aceto plenum; spongiam ergo plenam aceto hyssopo circumponentes,
obtulerunt ori eius. Cum ergo accepisset acetum, Iesus dixit:
«Consummatum est!». Et inclinato capite tradidit spiritum.
22
Qui ci si genuflette e si fa una breve pausa.
23
And immediately there came out
blood and water
It was Preparation Day, and to prevent the
bodies remaining on the cross during the
sabbath – since that sabbath was a day of
special solemnity – the Jews asked Pilate
to have the legs broken and the bodies taken away. Consequently the soldiers came
and broke the legs of the first man who
had been crucified with him and then of
the other. When they came to Jesus, they
found he was already dead, and so instead
of breaking his legs one of the soldiers
pierced his side with a lance; and immediately there came out blood and water. This
is the evidence of one who saw it – trustworthy evidence, and he knows he speaks
the truth – and he gives it so that you may
believe as well. Because all this happened
to fulfil the words of scripture: ‘Not one
bone of his will be broken; and again, in
another place scripture says: They will
look on the one whom they have pierced.’
They wrapped the body of Jesus in linen
cloths, with spices
After this, Joseph of Arimathaea, who
was a disciple of Jesus – though a secret
one because he was afraid of the Jews –
asked Pilate to let him remove the body
of Jesus. Pilate gave permission, so they
came and took it away. Nicodemus came
as well – the same one who had first come
to Jesus at night-time – and he brought
a mixture of myrrh and aloes, weighing
about a hundred pounds. They took the
body of Jesus and wrapped it with the
spices in linen cloths, following the Jewish burial custom. At the place where he
had been crucified there was a garden,
and in this garden a new tomb in which no
one had yet been buried. Since it was the
Jewish Day of Preparation and the tomb
was near at hand, they laid Jesus there.
The Gospel of the Lord.
Praise to you, Lord Jesus Christ.
Homily
24
E subito ne uscì sangue e acqua
Et continuo exivit sanguis et aqua.
Era il giorno della Parasceve e i Giudei,
perché i corpi non rimanessero sulla
croce durante il sabato – era infatti un
giorno solenne quel sabato –, chiesero a
Pilato che fossero spezzate loro le gambe
e fossero portati via. Vennero dunque i
soldati e spezzarono le gambe all’uno e
all’altro che erano stati crocifissi insieme
con lui. Venuti però da Gesù, vedendo
che era già morto, non gli spezzarono
le gambe, ma uno dei soldati con una
lancia gli colpì il fianco, e subito ne uscì
sangue e acqua. Chi ha visto ne dà testimonianza e la sua testimonianza è vera;
egli sa che dice il vero, perché anche voi
crediate. Questo infatti avvenne perché
si compisse la Scrittura: “Non gli sarà
spezzato alcun osso”. E un altro passo
della Scrittura dice ancora: “Volgeranno
lo sguardo a colui che hanno trafitto”.
Iudæi ergo, quoniam Parasceve erat, ut non remanerent in cruce
corpora sabbato, erat enim magnus dies illius sabbati, rogaverunt
Pilatum, ut frangerentur eorum crura, et tollerentur. Venerunt
ergo milites et primi quidem fregerunt crura et alterius, qui crucifixus est cum eo; ad Iesum autem cum venissent, ut viderunt eum
iam mortuum, non fregerunt eius crura, sed unus militum lancea
latus eius aperuit, et continuo exivit sanguis et aqua.
Presero il corpo di Gesù
e lo avvolsero con teli insieme ad aromi
Dopo questi fatti Giuseppe di Arimatea,
che era discepolo di Gesù, ma di nascosto, per timore dei Giudei, chiese a Pilato
di prendere il corpo di Gesù. Pilato lo
concesse. Allora egli andò e prese il corpo di Gesù. Vi andò anche Nicodemo –
quello che in precedenza era andato da
lui di notte – e portò circa trenta chili di
una mistura di mirra e di aloe. Essi presero allora il corpo di Gesù e lo avvolsero
con teli, insieme ad aromi, come usano
fare i Giudei per preparare la sepoltura.
Ora, nel luogo dove era stato crocifisso,
vi era un giardino e nel giardino un sepolcro nuovo, nel quale nessuno era stato ancora posto. Là dunque, poiché era il
giorno della Parasceve dei Giudei e dato
che il sepolcro era vicino, posero Gesù.
Parola del Signore.
Lode a te, o Cristo.
Omelia
Et qui vidit, testimonium perhibuit, et verum est eius testimonium,
et ille scit quia vera dicit, ut et vos credatis. Facta sunt enim hæc,
ut Scriptura impleatur: «Os non comminuetur eius», et iterum alia
Scriptura dicit: «Videbunt in quem transfixerunt».
Ligaverunt corpus Iesu linteis cum aromatibus.
Post hæc autem rogavit Pilatum Ioseph ab Arimathæa, qui erat discipulus Iesu, occultus autem propter metum Iudæorum, ut tolleret corpus Iesu; et permisit Pilatus. Venit ergo et tulit corpus eius.
Venit autem et Nicodemus, qui venerat ad eum nocte primum, ferens mixturam myrrhæ et aloes quasi libras centum. Acceperunt
ergo corpus Iesu et ligaverunt illud linteis cum aromatibus, sicut
mos Iudæis est sepelire. Erat autem in loco, ubi crucifixus est, hortus, et in horto monumentum novum, in quo nondum quisquam
positus erat. Ibi ergo propter Parascevem Iudæorum, quia iuxta
erat monumentum, posuerunt Iesum.
Verbum Domi- ni.
Parola del Signore.
C. Laus ti- bi, Christe.
Lode a te, o Cristo.
Homilia
Il Predicatore della Casa Pontificia tiene l’omelia.
Silenzio per la riflessione personale.
25
The Solemn Intercessions
Oratio universalis
Preghiera universale
I. For Holy Church
I. Per la santa Chiesa
I. Pro sancta Ecclesia
Let us pray, dearly beloved, for the holy
Church of God, that our God and Lord
be pleased to give her peace, to guard her
and to unite her throughout the whole
world and grant that, leading our life in
tranquillity and quiet, we may glorify
God the Father almighty.
Preghiamo, fratelli carissimi, per la
santa Chiesa di Dio: il Signore le conceda unità e pace, la protegga su tutta la
terra, e doni a noi, in una vita serena e
tranquilla, di render gloria a Dio Padre
onnipotente.
Il Diacono:
Oremus, dilectissimi nobis, pro Ecclesia sancta Dei,
ut eam Deus et Dominus noster
pacificare, adunare et custodire dignetur
toto orbe terrarum,
detque nobis, quietam et tranquillam vitam degentibus,
glorificare Deum Patrem omnipotentem.
Preghiera in silenzio.
Almighty ever-living God, who in Christ
revealed your glory to all the nations,
watch over the works of your mercy, that
your Church, spread throughout all the
world, may persevere with steadfast faith
in confessing your name.
Through Christ our Lord.
Dio onnipotente ed eterno, che hai rivelato in Cristo la tua gloria a tutte le genti,
custodisci l’opera della tua misericordia,
perché la tua Chiesa, diffusa su tutta la
terra, perseveri con saldezza di fede nella
confessione del tuo nome.
Per Cristo nostro Signore.
Il Santo Padre:
Omnipotens sempiterne Deus,
qui gloriam tuam omnibus in Christo gentibus revelasti:
custodi opera misericordiæ tuæ,
ut Ecclesia tua, toto orbe diffusa,
stabili fide in confessione tui nominis perseveret.
Per Christum Dominum nostrum.
C.Amen.
II. For the Pope
II. Per il Papa
II. Pro Papa
Let us pray also for our most Holy Father
Pope Francis, that our God and Lord,
who chose him for the Order of Bishops,
may keep him safe and unharmed for the
Lord’s holy Church, to govern the holy
People of God.
Preghiamo il Signore per il nostro Santo
Padre il Papa Francesco: il Signore Dio
nostro, che lo ha scelto nell’ordine episcopale, gli conceda vita e salute e lo conservi alla sua santa Chiesa, come guida e
pastore del popolo santo di Dio.
Il Diacono:
Oremus et pro beatissimo Papa nostro Francisco,
ut Deus et Dominus noster,
qui elegit eum in ordine episcopatus,
salvum atque incolumem custodiat Ecclesiæ suæ sanctæ,
ad regendum populum sanctum Dei.
Preghiera in silenzio.
26
27
Almighty ever-living God, by whose decreeall things are founded, look with favoron our prayers and in your unending
kindness protect me your unworthy servant, that the Christian people, entrusted to my pastoral care, may grow in
merit by reason of their faith.
Through Christ our Lord.
Dio Onnipotente ed eterno, sapienza
che regge l’universo, ascolta la tua famiglia in preghiera, e custodisci con la tua
continua bontà me, indegno tuo servo,
perché il popolo cristiano, affidato dalla
tua provvidenza alla mia cura pastorale,
progredisca sempre nella fede.
Per Cristo nostro Signore.
Il Santo Padre:
Omnipotens sempiterne Deus,
cuius iudicio universa fundantur,
respice propitius ad preces nostras,
et me indignum famulum tuum continua pietate custodi,
ut christiana plebs,
quam mihi pascendam tua providentia commisisti,
fidei suæ meritis augeatur.
Per Christum Dominum nostrum.
C.Amen.
III. For all orders and degrees of the
faithful
III. Per tutti gli ordini sacri e per tutti
i fedeli
Let us pray also for all Bishops, Priests,
and Deacons of the Church and for the
whole of the faithful people.
Preghiamo per tutti i vescovi, i presbiteri
e i diaconi, per tutti coloro che svolgono
un ministero nella Chiesa e per tutto il
popolo di Dio.
Almighty ever-living God, by whose
Spirit the whole body of the Church is
sanctified and governed, hear our humble prayer for your ministers, that, by
the gift of your grace, all may serve you
faithfully.
Through Christ our Lord.
Dio onnipotente ed eterno che con il tuo
Spirito guidi e santifichi tutto il corpo
della Chiesa, accogli le preghiere che ti
rivolgiamo perché secondo il dono della
tua grazia tutti i membri della comunità
nel loro ordine e grado ti possano fedelmente servire.
Per Cristo nostro Signore.
28
III. Pro omnibus ordinibus gradibusque fidelium
Il Diacono:
Oremus et pro omnibus Episcopis, presbyteris, diaconis Ecclesiæ,
et universa plebe fidelium.
Preghiera in silenzio.
Il Santo Padre:
Omnipotens sempiterne Deus,
cuius Spiritu totum corpus Ecclesiæ
sanctificatur et regitur,
exaudi nos pro ministris tuis supplicantes,
ut, gratiæ tuæ munere, ab omnibus tibi fideliter serviatur.
Per Christum Dominum nostrum.
C.Amen.
29
IV. For catechumens
IV. Per i catecumeni
IV. Pro catechumenis
Let us pray also for our catechumens,
that our God and Lord may open wide
the ears of their inmost hearts and unlock the gates of his mercy, that, having received forgiveness of all their sins
through the waters of rebirth, they, too,
may be one with Christ Jesus our Lord.
Preghiamo per i nostri catecumeni: il Signore Dio nostro illumini i loro cuori e
apra loro la porta della sua misericordia,
perché mediante l’acqua del Battesimo
ricevano il perdono di tutti i peccati e
siano incorporati in Cristo Gesù, nostro
Signore.
Il Diacono:
Oremus et pro catechumenis nostris,
ut Deus et Dominus noster
adaperiat aures præcordiorum ipsorum
ianuamque misericordiæ,
ut, per lavacrum regenerationis
accepta remissione omnium peccatorum,
et ipsi inveniantur in Christo Iesu Domino nostro.
Preghiera in silenzio.
Almighty ever-living God, who make
your Church ever fruitful with new offspring, increase the faith and understanding of our catechumens, that, reborn in
the font of Baptism, they may be added
to the number of your adopted children.
Through Christ our Lord.
Dio onnipotente ed eterno, che rendi la
tua Chiesa sempre feconda di nuovi figli,
aumenta nei nostri catecumeni l’intelligenza della fede, perché, nati a vita nuova nel fonte battesimale, siano accolti fra
i tuoi figli di adozione.
Per Cristo nostro Signore.
Il Santo Padre:
Omnipotens sempiterne Deus,
qui Ecclesiam tuam nova semper prole fecundas,
auge fidem et intellectum catechumenis nostris,
ut, renati fonte baptismatis,
adoptionis tuæ filiis aggregentur.
Per Christum Dominum nostrum.
C.Amen.
V. For the unity of Christians
V. Per l’unità dei cristiani
Let us pray also for all our brothers and
sisters who believe in Christ, that our
God and Lord may be pleased, as they
live the truth, to gather them together
and keep them in his one Church.
Preghiamo per tutti i fratelli che credono in Cristo: il Signore Dio nostro conceda loro di vivere la verità che professano e li raduni e li custodisca nell’unica
sua Chiesa.
30
V. Pro unitate Christianorum
Il Diacono:
Oremus et pro universis fratribus in Christum credentibus,
ut Deus et Dominus noster eos, veritatem facientes,
in una Ecclesia sua congregare et custodire dignetur.
Preghiera in silenzio.
31
Almighty ever-living God, who gather
what is scattered and keep together what
you have gathered, look kindly on the
flock of your Son, that those whom one
Baptism has consecrated may be joined
together by integrity of faith and united
in the bond of charity.
Through Christ our Lord.
Dio onnipotente ed eterno, che riunisci i
dispersi e li custodisci nell’unità, guarda
benigno al gregge del tuo Figlio, perché
coloro che sono stati consacrati da un
solo Battesimo formino una sola famiglia nel vincolo dell’amore e della vera
fede.
Per Cristo nostro Signore.
Il Santo Padre:
Omnipotens sempiterne Deus,
qui dispersa congregas et congregata conservas,
ad gregem Filii tui placatus intende,
ut, quos unum baptisma sacravit,
eos et fidei iungat integritas
et vinculum societ caritatis.
Per Christum Dominum nostrum.
C.Amen.
VI. For the Jewish people
VI. Per gli Ebrei
VI. Pro Iudæis
Let us pray also for the Jewish people, to
whom the Lord our God spoke first, that
he may grant them to advance in love of
his name and in faithfulness to his covenant.
Preghiamo per gli Ebrei: il Signore Dio
nostro, che li scelse primi fra tutti gli uomini ad accogliere la sua parola, li aiuti
a progredire sempre nell’amore del suo
nome e nella fedeltà alla sua alleanza.
Il Diacono:
Oremus et pro Iudæis,
ut, ad quos prius locutus est Dominus Deus noster,
eis tribuat in sui nominis amore
et in sui fœderis fidelitate proficere.
Preghiera in silenzio.
Almighty ever-living God, who bestowed your promises on Abraham and
his descendants, graciously hear the
prayers of your Church, that the people
you first made your own may attain the
fullness of redemption.
Through Christ our Lord.
Dio onnipotente ed eterno, che hai fatto le tue promesse ad Abramo e alla sua
discendenza, ascolta la preghiera della
tua Chiesa, perché il popolo primogenito della tua alleanza possa giungere alla
pienezza della redenzione.
Per Cristo nostro Signore.
Il Santo Padre:
Omnipotens sempiterne Deus,
qui promissiones tuas Abrahæ eiusque semini contulisti,
Ecclesiæ tuæ preces clementer exaudi,
ut populus acquisitionis prioris
ad redemptionis mereatur plenitudinem pervenire.
Per Christum Dominum nostrum.
C.Amen.
32
33
VII. For those who do not believe in
Christ
VII. Per i non cristiani
VII. Pro iis qui in Christum non credunt
Let us pray also for those who do not believe in Christ, that, enlightened by the
Holy Spirit, they, too, may enter on the
way of salvation.
Preghiamo per coloro che non credono
in Cristo, perché illuminati dallo Spirito
Santo, possano entrare anch’essi nella
via della salvezza.
Il Diacono:
Oremus et pro iis qui in Christum non credunt,
ut, luce Sancti Spiritus illustrati,
viam salutis et ipsi valeant introire.
Preghiera in silenzio.
Il Santo Padre:
Omnipotens sempiterne Deus,
fac ut qui Christum non confitentur,
coram te sincero corde ambulantes, inveniant veritatem,
nosque, mutuo proficientes semper amore
et ad tuæ vitæ mysterium plenius percipiendum sollicitos,
perfectiores effice tuæ testes caritatis in mundo.
Per Christum Dominum nostrum.
Almighty ever-living God, grant to
those who do not confess Christ that, by
walking before you with a sincere heart,
they may find the truth, and that we
ourselves, being constant in mutual love
and striving to understand more fully
the mystery of your life, may be made
more perfect witnesses to your love in
the world.
Through Christ our Lord.
Dio onnipotente ed eterno, fa’ che gli uomini che non conoscono il Cristo possano conoscere la verità camminando alla
tua presenza in sincerità di cuore, e a noi
tuoi fedeli concedi di entrare profondamente nel tuo mistero di salvezza e di
viverlo con una carità sempre più grande
tra noi, per dare al mondo una testimonianza credibile del tuo amore.
Per Cristo nostro Signore.
VIII. For those who do not believe in
God
VIII. Per coloro che non credono in Dio
VIII. Pro iis qui in Deum non credunt
Let us pray also for those who do not acknowledge God, that, following what is
right in sincerity of heart, they may find
the way to God himself.
Preghiamo per coloro che non credono
in Dio, perché, vivendo con bontà e rettitudine di cuore, giungano alla conoscenza del Dio vero.
Il Diacono:
Oremus et pro iis qui Deum non agnoscunt,
ut, quæ recta sunt sincero corde sectantes,
ad ipsum Deum pervenire mereantur.
C.Amen.
Preghiera in silenzio.
34
35
Il Santo Padre:
Omnipotens sempiterne Deus,
qui cunctos homines condidisti,
ut te semper desiderando quærerent
et inveniendo quiescerent,
præsta, quæsumus,
ut inter noxia quæque obstacula
omnes, tuæ signa pietatis
et in te credentium testimonium
bonorum operum percipientes,
te solum verum Deum nostrique generis Patrem
gaudeant confiteri.
Per Christum Dominum nostrum.
C.Amen.
Almighty ever-living God, who created
all people to seek you always by desiring
you and, by finding you, come to rest,
grant, we pray, that, despite every harmful obstacle, all may recognize the signs
of your fatherly love and the witness of
the good works done by those who believe in you, and so in gladness confess
you, the one true God and Father of our
human race.
Through Christ our Lord.
Dio onnipotente ed eterno, tu hai
messo nel cuore degli uomini una così
profonda nostalgia di te, che solo quando ti trovano hanno pace: fa’ che, al
di là di ogni ostacolo, tutti riconoscano i segni della tua bontà e, stimolati dalla testimonianza della nostra
vita, abbiano la gioia di credere in te,
unico vero Dio e padre di tutti gli uomini.
Per Cristo nostro Signore.
IX. For those in public office
IX. Per i governanti
IX. Pro rempublicam moderantibus
Let us pray also for those in public office,
that our God and Lord may direct their
minds and hearts according to his will
for the true peace and freedom of all.
Preghiamo per coloro che sono chiamati
a governare la comunità civile, perché il
Signore Dio nostro illumini la loro mente e il loro cuore a cercare il bene comune
nella vera libertà e nella vera pace.
Il Diacono:
Oremus et pro omnibus rempublicam moderantibus,
ut Deus et Dominus noster
mentes et corda eorum secundum voluntatem suam dirigat
ad veram omnium pacem et libertatem.
Preghiera in silenzio.
Almighty ever-living God, in whose
hand lies every human heart and the
rights of peoples, look with favor, we
pray, on those who govern with authority over us, that throughout the whole
world, the prosperity of peoples, the assurance of peace, and freedom of religion
may through your gift be made secure.
Through Christ our Lord.
36
Dio onnipotente ed eterno, nelle tue
mani sono le speranze degli uomini e i
diritti di ogni popolo: assisti con la tua
sapienza coloro che ci governano, perché, con il tuo aiuto, promuovano su
tutta la terra una pace duratura, il progresso sociale e la libertà religiosa.
Per Cristo nostro Signore.
Il Santo Padre:
Omnipotens sempiterne Deus,
in cuius manu sunt hominum corda et iura populorum,
respice benignus ad eos, qui nos in potestate moderantur,
ut ubique terrarum populorum prosperitas,
pacis securitas et religionis libertas,
te largiente, consistant.
Per Christum Dominum nostrum.
C.Amen.
37
X. For those in tribulation
X. Per i tribolati
Let us pray, dearly beloved, to God the
Father almighty, that he may cleanse
the world of all errors, banish disease,
drive out hunger, unlock prisons, loosen
fetters, granting to travellers safety, to
pilgrims return, health to the sick, and
salvation to the dying.
Preghiamo, fratelli carissimi, Dio Padre onnipotente, perché liberi il mondo
da ogni disordine: allontani le malattie,
scacci la fame, renda libertà ai prigionieri, giustizia agli oppressi, conceda sicurezza a chi viaggia, il ritorno ai lontani
da casa, la salute agli ammalati, ai morenti la salvezza eterna.
X. Pro tribulatis
Il Diacono:
Oremus, dilectissimi nobis, Deum Patrem omnipotentem,
ut cunctis mundo purget erroribus,
morbos auferat, famem depellat,
aperiat carceres, vincula solvat,
viatoribus securitatem, peregrinantibus reditum,
infirmantibus sanitatem
atque morientibus salutem indulgeat.
Preghiera in silenzio.
Almighty ever-living God, comfort of
mourners, strength of all who toil, may
the prayers of those who cry out in any
tribulation come before you, that all may
rejoice, because in their hour of need
your mercy was at hand.
Through Christ our Lord.
Dio onnipotente ed eterno, conforto degli afflitti, sostegno dei tribolati, ascolta
il grido dell’umanità sofferente, perché
tutti si rallegrino di avere ricevuto nelle
loro necessità il soccorso della tua misericordia.
Per Cristo nostro Signore.
Il Santo Padre:
Omnipotens sempiterne Deus,
mæstorum consolatio, laborantium fortitudo,
perveniant ad te preces
de quacumque tribulatione clamantium,
ut omnes sibi in necessitatibus suis
misericordiam tuam gaudeant affuisse.
Per Christum Dominum nostrum.
C.Amen.
38
39
Second part:
THE ADORATION OF THE HOLY CROSS
Parte seconda:
ADORAZIONE DELLA SANTA CROCE
Pars secunda:
Adoratio sanctæ Crucis
The Showing of the Holy Cross
Ostensione della Santa Croce
Ostensio sanctæ Crucis
Un Diacono si reca alla porta della Basilica. Riceve la Croce e la
porta processionalmente attraverso la Basilica, facendo tre soste.
Il Diacono:
Behold the wood of the Cross,
on which hung
the salvation of the world.
Ecco il legno della croce,
al quale fu appeso il Cristo,
Salvatore del mondo.
Ecce
li-
mun- di
Come, let us adore.
Venite, adoriamo.
La schola:
Venite, adoremus.
Let us kneel.
Mettiamoci in ginocchio.
Il Diacono:
Flectamus genua.
gnum Cru-
pe- pen-
cis,
in quo
sa- lus
dit.
Pausa di silenzio.
Let us stand.
40
Alzatevi.
Il Diacono:
Levate.
41
The Adoration of the Holy Cross
Adorazione della santa Croce
Adoratio sanctæ Crucis
The Reproaches
Lamenti del Signore
Improperia
Popule meus, quid feci tibi?
La schola:
1 e 2 Popule meus, quid feci tibi?
Aut in quo contristavi te? Responde mihi!
My people, what have I done to you? Or
how have I grieved you? Answer me!
Popolo mio che male ti ho fatto? In che ti
ho provocato? Dammi risposta.
Hagios o Theos,
Hágios o Theós.
1 Ἅγιος ὁ Θεός.
Holy is God,
Santo Dio.
2 Sanctus Deus.
Hagios Ischyros,
Hágios ischyrós.
1 Ἅγιος ἰσχυρός.
Holy and Mighty,
Santo forte.
2 Sanctus Fortis.
Hagios Athanatos, eleison himas.
Hágios athánatos, eléison himás.
1 Ἅγιος ἀθάνατος, ἐλέησον ἡμᾱς.
Holy and Immortal One, have mercy
on us.
Santo e immortale, abbi pietà di noi.
2 Sanctus et Immortalis, miserere nobis.
42
Mich 6, 3
43
Stabat Mater
La schola:
1. Stabat Mater dolorosa
iuxta Crucem lacrimosa,
dum pendebat Filius.
At the cross her station keeping, stood
the mournful mother weeping, close to
Jesus to the last.
Addolorata, in pianto la Madre stava
presso la Croce su cui pendeva il Figlio.
Through her heart, his sorrow sharing,
all his bitter anguish bearing, now at
length the sword has passed.
E il suo animo gemente, contristato e dolente una spada trafiggeva.
2. Cuius animam gementem,
contristatam et dolentem,
pertransivit gladius.
Oh, how sad and sore distressed was that
mother highly blessed of the sole-begotten One.
Oh, quanto triste e afflitta fu la benedetta Madre dell'Unigenito.
3. O quam tristis et afflicta
fuit illa benedicta
Mater Unigeniti!
Christ above in torment hangs; she beneath beholds the pangs of her dying
glorious Son.
Ella si struggeva, soffriva e tremava
mentre vedeva le sofferenze dell'inclito
Figlio.
4. Quæ mærebat, et dolebat,
et tremabat, cum videbat
Nati pœnas incliti.
Is there one who would not weep,
whelmed in miseries so deep, Christ’s
dear Mother to behold?
Chi è l'uomo che non piangerebbe, se vedesse la Madre di Cristo in un supplizio
così grande?
5. Quis est homo, qui non fleret,
Christi Matrem si videret
in tanto supplicio?
Can the human heart refrain from partaking in her pain, in that mother’s pain
untold?
Chi potrebbe non addolorarsi, nel contemplare la pia Madre, sofferente insieme al Figlio?
6. Quis non posset contristari,
piam Matrem contemplari
dolentem cum Filio?
Bruised, derided, cursed, defiled she
beheld her tender child all with bloody
scourges rent.
Per i peccati del popolo suo ella vide
Gesù nei tormenti del duro supplizio.
7. Pro peccatis suæ gentis
vidit Iesum in tormentis,
et flagellis subditum.
For the sins of his own nation saw him
hang in disolation, till his spirit forth he
sent.
Vide il dolce suo Figlio morire, abbandonato, mentre emanava lo spirito.
8.Vidit suum dulcem natum
morientem desolatum,
dum emisit spiritum.
44
45
O you Mother, fount of love! Touch my
spirit from above, make my heart with
yours accord.
O Madre, fonte dell’amore, fammi sentire la forza della sofferenza, affinché io
pianga con te.
9.Eia Mater, fons amoris,
me sentire vim doloris
fac, ut tecum lugeam.
Make me feel as you have felt; make my
soul to glow and melt with the love of
Christ our Lord.
Fa' che arda il mio cuore nell’amare il
Cristo Dio, per essergli gradito.
10.Fac, ut ardeat cor meum
in amando Christum Deum,
ut sibi complaceam.
Holy Mother, pierce me through; in my
heart each wound renew of my Saviour
crucified.
Ti prego, Madre santa, siano impresse
nel mio cuore le piaghe del tuo Figlio.
11. Sancta Mater, istud agas,
crucifixi fige plagas
cordi meo valide.
Let me share with you his pain who for
all my sins was slain, who for me in torments died.
Le pene del Tuo Figlio trafitto, che si è
degnato di patire per me, con me condividi.
12. Tui nati vulnerati,
tam dignati pro me pati,
mecum pœnas divide.
Let me mingle tears with you, mourning
him who mourned for me all the days
that I may live.
Fa' che io pianga sinceramente con te,
che condivida il dolore del Crocifisso,
finché avrò vita.
13. Fac me vere tecum flere,
Crucifixo condolere,
donec ego vixero.
By the cross with you to stay, there with
you to weep and pray, is all I ask of you
to give.
Stare presso la Croce con te, volentieri
farti compagnia, desidero nel pianto.
14. Iuxta Crucem tecum stare,
te libenter sociare
in planctu desidero.
Virgin of all virgins blest, listen to my
fond request: let me share your grief divine.
O Vergine gloriosa tra le vergini, non essere aspra con me, fammi piangere con
te.
15. Virgo virginum præclara,
mihi iam non sis amara:
fac me tecum plangere.
Let me, to my latest breath, in my body
bear the death of that dying Son of yours.
Fa' che io porti la morte di Cristo, che sia
partecipe della Passione e veneri le sue
piaghe.
16. Fac, ut portem Christi mortem,
passionis fac consortem,
et plagas recolere.
Wounded with his every wound, steep
my soul till it has swooned in his very
blood away.
Fa' che sia ferito dalle sue piaghe, inebriato da questa Croce, per amore del
Figlio.
17. Fac me plagis vulnerari,
Cruce hac inebriari
ob amorem Filii.
46
47
Be to me, O Virgin, nigh, lest in flames I
burn and die in his awful judgment day.
Infiammato e ardente per te, o Vergine,
che io sia difeso, nel giorno del giudizio.
18. Inflamatus et accensus
per te, Virgo, sim defensus
in die iudicii.
Christ, when you shall call me hence, be
your Mother my defense, be your cross
my victory.
Fa' che io sia custodito dalla Croce, difeso dalla morte di Cristo, confortato dalla
grazia.
19. Fac me Cruce custodiri,
morte Christi præmuniri
confoveri gratia.
While my body here decays, may my soul
your goodness praise, safe in paradise
with you.
Quando morirà questo corpo, fa’ che
all’anima sia donata la gloria del paradiso.
20. Quando corpus morietur,
fac ut animæ donetur
paradisi gloria.
Il Santo Padre eleva la Croce e, stando davanti all’altare, la presenta all’adorazione silenziosa dell’assemblea.
48
49
Third part:
HOLY COMMUNION
Pars tertia:
Sacra Communio
Parte terza:
SANTA COMUNIONE
Un Diacono porta sull’altare il Santissimo Sacramento per la
Santa Comunione.
At the Saviour’s command and formed
by divine teaching, we dare to say:
Obbedienti alla parola del Salvatore e
formati al suo divino insegnamento,
osiamo dire:
Il Santo Padre:
Præceptis salutaribus moniti,
et divina institutione formati,
audemus dicere:
Il Santo Padre e l’assemblea:
Our Father, who art in heaven, hallowed
be thy name; thy kingdom come, thy will
be done on earth as it is in heaven. Give
us this day our daily bread, and forgive
us our trespasses, as we forgive those
who trespass against us; and lead us not
into temptation, but deliver us from evil.
Padre nostro, che sei nei cieli, sia santificato il tuo nome, venga il tuo regno, sia
fatta la tua volontà, come in cielo così in
terra. Dacci oggi il nostro pane quotidiano, e rimetti a noi i nostri debiti come
noi li rimettiamo ai nostri debitori, e
non ci indurre in tentazione, ma liberaci
dal male.
Pa-ter noster, qui
men tu- um;
tas tu- a,
es in cæ- lis:
sancti- fi- ce- tur no-
adve-ni- at regnum tu- um; fi- at vo-lun-
sic-ut
in cæ- lo,
et
in terra.
nostrum co- ti- di- a-num da no-bis ho-di- e;
mitte
no-bis de-bi- ta
nostra,
sic- ut
50
Pa-nem
et di-
et nos dimit-
51
timus de-bi- to-ri-bus nostris;
et ne nos
indu-cas in
mitte
no-bis de-bi- ta
nostra,
timus de-bi- to-ri-bus nostris;
tenta- ti- o- nem;
Deliver us, Lord, we pray, from every
evil, graciously grant peace in our days,
that, by the help of your mercy, we may
be always free from sin and safe from all
distress, as we await the blessed hope and
the coming of our Saviour, Jesus Christ.
Liberaci, o Signore, da tutti i mali, concedi la pace ai nostri giorni, e con l’aiuto
della tua misericordia vivremo sempre
liberi dal peccato e sicuri da ogni turbamento, nell’attesa che si compia la beata speranza e venga il nostro Salvatore
Gesù Cristo.
sic- ut
et ne nos
sed li-be-ra nos
et nos dimit-
indu-cas in
a ma- lo.
Il Santo Padre:
Libera nos, quæsumus, Domine, ab omnibus malis,
da propitius pacem in diebus nostris,
ut, ope misericordiæ tuæ adiuti,
et a peccato simus semper liberi
et ab omni perturbatione securi:
exspectantes beatam spem
et adventum Salvatoris nostri Iesu Christi.
L’assemblea:
For the kingdom, the power and the
glory are yours now and for ever.
Tuo è il regno, tua la potenza e la gloria
nei secoli.
Qui- a tu- um est regnum, et po- testas,
et glo- ri- a
in sæ-cu-la.
52
53
Behold the Lamb of God, behold him
who takes away the sins of the world.
Blessed are those called to the supper of
the Lamb.
Beati gli invitati alla Cena del Signore.
Ecco l’Agnello di Dio, che toglie i peccati
del mondo.
Lord, I am not worthy that you should
enter under my roof, but only say the
word and my soul shall be healed.
O Signore, non sono degno di partecipare alla tua mensa: ma di’ soltanto una
parola e io sarò salvato.
Communion Antiphon
Antifona alla comunione
Il Santo Padre:
Ecce Agnus Dei, ecce qui tollit peccata mundi.
Beati qui ad cenam Agni vocati sunt.
Il Santo Padre e l’assemblea:
Domine, non sum dignus, ut intres sub tectum meum,
sed tantum dic verbo, et sanabitur anima mea.
Antiphona ad communionem
La schola e l’assemblea:
Ps 21, 19
I
They divide my clothing among them.
They cast lots for my robe.
Si dividono le mie vesti, sulla mia tunica
gettano la sorte.
C. Di- vi- se-runt si-bi * vestimenta me- a,
su-per
Israel, come back to the Lord your God.
Torna, Israele, al Signore, tuo Dio.
All her people groan as they search for
bread; they barter their valuables for
food, to keep life in them. “Look, o Lord,
and mark how despised I am.”
Tutto il suo popolo sospira in cerca di
pane; danno gli oggetti più preziosi in
cambio di cibo, per sostenersi in vita.
«Osserva, Signore, e considera come
sono disprezzata!»
54
vestem me-
am
et
mi- se-runt sor-tem.
La schola:
Cf. Os 14, 2; Lam 1, 11-12
1. Ierusalem, convertere ad Dominum Deum tuum. C.
2. Omnis populus eius gemens,
et quærens panem;
dederunt pretiosa quæque pro cibo
ad refocillandam animam.
Vide, Domine, et considera
quoniam facta sum vilis! C.
55
“All you who pass this way, look and see:
is any sorrow like the sorrow that afflicts
me, with which the Lord has struck me
on the day of his burning anger?”
«Voi tutti che passate per la via, considerate e osservate se c'è un dolore simile al
mio dolore, al dolore che ora mi tormenta, e con cui il Signore mi ha afflitta nel
giorno della sua ira ardente».
3. O vos omnes qui transitis per viam,
attendite, et videte
si est dolor sicut dolor meus!
quoniam vindemiavit me,
ut locutus est Dominus,
in die iræ furoris sui. C.
Silenzio per la preghiera personale.
Prayer after Communion
Post communionem
Dopo la comunione
Let us pray.
Preghiamo.
Almighty ever-living God, who have restored us to life by the blessed Death and
Resurrection of your Christ, preserve in
us the work of your mercy, that, by partaking of this mystery, we may have a life
unceasingly devoted to you.
Through Christ our Lord.
Dio onnipotente ed eterno, che hai rinnovato il mondo con la gloriosa morte e
risurrezione del tuo Cristo, conserva in
noi l’opera della tua misericordia, perché
la partecipazione a questo grande mistero ci consacri per sempre al tuo servizio.
Per Cristo nostro Signore.
Il Santo Padre:
Oremus.
Omnipotens sempiterne Deus,
qui nos Christi tui beata morte et resurrectione reparasti,
conserva in nobis opus misericordiæ tuæ,
ut huius mysterii participatione
perpetua devotione vivamus.
Per Christum Dominum nostrum.
C.Amen.
56
57
Prayer over the People
Oratio super populum
Orazione sul popolo
Bow down for the blessing.
Inchinatevi per la benedizione.
May abundant blessing, O Lord, we pray,
descend upon your people, who have honored the Death of your Son in the hope
of their resurrection: may pardon come,
comfort be given, holy faith increase, and
everlasting redemption be made secure.
Through Christ our Lord.
Scenda, o Padre, la tua benedizione su
questo popolo, che ha commemorato la
morte del tuo Figlio nella speranza di
risorgere con lui; venga il perdono e la
consolazione, si accresca la fede, si rafforzi la certezza nella redenzione eterna.
Il Diacono:
Inclinate vos ad benedictionem.
Il Santo Padre:
Super populum tuum, quæsumus, Domine,
qui mortem Filii tui in spe suæ resurrectionis recoluit,
benedictio copiosa descendat,
indulgentia veniat, consolatio tribuatur,
fides sancta succrescat, redemptio sempiterna firmetur.
Per Christum Dominum nostrum.
C.Amen.
L’assemblea si scioglie in silenzio.
58
59
Pater noster, qui es in cælis:
sanctificetur nomen tuum;
adveniat regnum tuum;
fiat voluntas tua, sicut in cælo, et in terra.
Panem nostrum cotidianum da nobis hodie;
et dimitte nobis debita nostra,
sicut et nos dimittimus debitoribus nostris;
et ne nos inducas in tentationem;
sed libera nos a malo. Amen.
Ave, Maria, gratia plena, Dominus tecum;
benedicta tu in mulieribus,
et benedictus fructus ventris tui, Iesus.
Sancta Maria, Mater Dei,
ora pro nobis peccatoribus
nunc et in hora mortis nostræ. Amen.
Gloria Patri et Filio
et Spiritui Sancto.
Sicut erat in principio, et nunc et semper,
et in sæcula sæculorum. Amen.
The faithful who take part in this liturgical celebration in Saint Peter’s
Basilica can obtain a Plenary Indulgence under the usual conditions:
- freedom from all attachment to sin, including venial sin
- sacramental confession
- reception of Holy Communion
- prayer for the intentions of the Holy Father
I fedeli che partecipano alla presente celebrazione liturgica nella
Basilica di San Pietro possono ottenere il dono dell’Indulgenza Plenaria,
alle solite condizioni:
- esclusione di qualsiasi affetto al peccato anche veniale
- confessione sacramentale
- comunione eucaristica
- preghiera secondo le intenzioni del Sommo Pontefice
C O P E RTI NA :
CROCIFISSIONE
M I N IATU R A ( X VII S E C . )
C E R I M O N IA L E P E R U S O D E L PA PA U R BA N O VIII , M S . 3 8 - 1 2 , F. 3 V.
BIB L I O TE C A D E L L A C ATTE D R A L E D I T O L E D O ( S PAG NA )
Riproduzione vietata
TUTTI I DIR ITTI R ISERVATI
A C U R A D E L L’ U F F IC IO DE L L E C E L EB R A Z ION I L ITU R GIC H E
D E L S O M M O P O N TE F I C E
La serie completa dei libretti 2015 sarà disponibile previa prenotazione
presso la Tipografia Vaticana (email: [email protected]ipografia.va)
TIPO GR AF IA VATICANA