Scaricare il libro Der Russe ist einer, der Birken liebt

LINEE GUIDA SIUCP Gennaio 2014
LINEE GUIDA SIUCP
IL CANCRO DEL RETTO
Giuseppe Ferulano
La Società Italiana Unitaria di Colon-Proctologia
(SIUCP), allo scopo di contribuire allo sviluppo ed
al mantenimento di un elevato standard di qualità
nella diagnosi e nella terapia delle patologie
colonproctologiche e pelviperineali, ha deciso di
redigere delle linee guida per le varie patologie di
interesse societario al fine di predisporre un
riferimento dettagliato nella pratica clinica degli
specialisti del settore, fondato sull’evidenza
scientifica e sull’esperienza clinica.
Il comitato di esperti appartenenti alla SIUCP che
ha compilato queste linee guida, fruibili anche dal
personale infermieristico e parasanitario, ha inteso
considerare queste stesse linee guida come
“inclusive” e non “prescrittive”, prefiggendosi
l’obiettivo di fornire informazioni circa le opzioni
terapeutiche più descritte in letteratura e non già
quello di “imporre” qualsivoglia trattamento. Il
giudizio finale, infatti, circa la strategia
terapeutica più appropriata, rimane
appannaggio del singolo chirurgo colorettale che
deciderà, autonomamente, in base alle
caratteristiche specifiche di ogni singolo caso
clinico e le peculiarità di ogni singolo paziente.
In sintesi le raccomandazioni di queste linee guida
hanno lo scopo di indicare, in modo ampio per
quanto possibile ma non esaustivo, diversi
approcci convalidati, che possono essere scelti
con atteggiamento flessibile per il trattamento di
patologie che non di rado riconoscono una
notevole complessità e variabilità anche in
rapporto agli standard assistenziali e alle
specifiche esigenze dei pazienti.
Definizione del problema
Il cancro del colon-retto costituisce la seconda causa di morte nei paesi occidentali, la sua incidenza
è in lenta diminuzione nei paesi più avanzati e in progressivo aumento in quelli in via di sviluppo. Nel
nostro paese si registrano circa 40.000 nuovi casi all’anno ma il carcinoma del colon-retto non ha
ancora raggiunto una considerazione adeguata presso medici e opinione pubblica e continua a
essere un “killer silenzioso”, in qualche modo oscurato da altre neoplasie per varie ragioni più
appariscenti, secondo quanto affermato dai coordinatori dello studio CNR del 2009. [1] Il cancro del
retto costituisce circa il 30% dei tumori del grosso intestino e ha registrato nell’ultima decade una
radicale revisione clinica determinata dalle ricerche di biologia molecolare, dai contributi degli studi
isto-patologici, delle diagnostiche strumentali, delle terapie oncologiche e delle tecniche
endoscopiche e chirurgiche e, in particolare, dei nuovi approcci multidisciplinari che coinvolgono
anche il paziente nelle decisioni di strategia terapeutica.
IL CANCRO DEL RETTO - Gennaio 2014
Materiali e metodi
Queste linee guida sono state compilate sulla base di una ricerca effettuata su
Medline, PubMed e Cochrane Database delle Collected Reviews sino a marzo 2013,
delle linee guida dell’ American Society of Colon and Rectal Surgeons (ASCRS 2013)
[2], NICE 2011 (guidance.nice.org.uk/cg131) [3], SIGN 2011 (Scottish Intercollegiate
Guidelines Network) [155], SAGES 2013 (Society of American Gastrointestinal and
Endoscopic Surgeons) [156], dello studio del CNR del 2009. [1]
Sono state usate parole-chiave in lingua inglese: “Rectal cancer, Rectal surgery,
Laparoscopic rectal surgery, Radiochemoterapy, Rectal imaging”. La ricerca è stata
limitata alle linee guida e alle meta-analisi.
Per esprimere il grado finale di raccomandazione di ogni affermazione elaborata, è
stato utilizzato il GRADE system (Grade of Recommendation, Assessment,
Developement and Evaluation). [2,4] (Tabella 1)
Dal punto di vista anatomico è universalmente accettato che il retto è costituito
dall’ultimo tratto di intestino crasso che si estende dal segmento di sigma terminale in
cui si esauriscono le “teniae coli”, in sede intraperitoneale, sino alla linea pettinata
cui segue il canale anale. La proiezione radiografica del passaggio sigmoido-rettale
corrisponde al promontorio sacrale , e dal punto di vista endoscopico con strumento
rigido si valuta come retto il segmento di circa 15 cm esaminato a partire dal
margine anale, con le variazioni determinate dall’habitus del singolo paziente. Le
lesioni neoplastiche sviluppate in questo tratto sono classificate come cancro del
retto. [5]
Tabella 1. Sistema di classificazione delle raccomandazioni GRADE
1A
1B
1C
Raccomandazione forte basata su evidenze di qualità alta
Raccomandazione forte basata su evidenze di qualità moderata
Raccomandazione forte basata su evidenze di qualità bassa
Raccomandazione debole basata su evidenze di qualità alta
Raccomandazione debole basata su evidenze di qualità moderata
I benefici superano RCT senza [email protected] considerevoli Raccomandazione forte che ne;amente i rischi e gli o [email protected] evidenze da si può applicare senza riserve
svantaggi o viceversa studi osservazionali
I benefici superano RCT con [email protected] considerevoli Raccomandazione forte che ne;amente i rischi e gli ([email protected] [email protected], difeE si può applicare senza riserve
svantaggi o viceversa metodologici) o [email protected] evidenze da studi osservazionali
I benefici superano Studi osservazionali o serie di Raccomandazione forte ma ne;amente i rischi e gli casi
potrebbe cambiare con nuovi svantaggi o viceversa
studi
I benefici sono RCT senza [email protected] considerevoli Raccomandazione debole; il equiparabili ai rischi e o [email protected] evidenze da comportamento migliore 2A
agli svantaggi
studi osservazionali
potrebbe differire in base ai [email protected] e alle circostanze
I benefici sono RCT con [email protected] considerevoli Raccomandazione debole; il equiparabili ai rischi e ([email protected] [email protected], difeE comportamento migliore 2B
agli svantaggi
metodologici) o [email protected] potrebbe differire in base ai evidenze da studi [email protected] e alle circostanze
osservazionali
Raccomandazione Incertezza nella [email protected] di Studi osservazionali o serie di Raccomandazione molto debole basata su benefici, rischi e casi
debole; altre condo;e 2C evidenze di qualità svantaggi che potrebbero essere bassa
potrebbero equipararsi
altre;anto valide
Ada;ato da: Guya; G, Gu;erman D, Baumann MH, et al. Grading strength of [email protected] and quality of evidence in clinical guidelines: report from an American College of Chest Physicians Task Force. Chest. 2006;129:174-­‐181.
2
IL CANCRO DEL RETTO - Gennaio 2014
VALUTAZIONE PREOPERATORIA
A. Valutazione e stima del rischio
1. Eseguire una accurata raccolta anamnestica indagando i sintomi specifici di
malattia, i sintomi associati e la familiarità per carcinoma rettale. In aggiunta agli
esami ematochimici di routine, valutare i livelli di CEA. Raccomandazione forte
basata su evidenze di qualità moderata, 1B.
La storia clinica e l’esame fisico sono le basi della valutazione preoperatoria ed
orientano le successive indagini. Inoltre bisogna considerare le condizioni generali del
paziente che sarà sottoposto all’intervento chirurgico con particolare riguardo alla
valutazione del rischio cardiaco. [6-8]
Una accurata anamnesi familiare può far sospettare un sindrome ereditaria e avviare
la ricerca delle patologie associate. I pazienti con anamnesi familiare sospetta
andrebbero sottoposti ad una consulenza genetica. [9]
Eseguire gli esami di laboratorio di routine per la preparazione all’anestesia generale
e sulla base delle patologie concomitanti. Valutare i livelli di Antigene CarcinoEmbrionario (CEA) prima del trattamento per identificare il valore di base e per poter
monitorare eventuali segni di ripresa di malattia dopo il trattamento. [10] Elevati livelli
di CEA sono considerati un fattore prognostico negativo ma non ci sono dati
sufficienti per giustificare l’uso di alti livelli di CEA preoperatori come indicazione alla
terapia adiuvante. [11,12] Un rialzo dei livelli di CEA durante il follow-up dovrebbe
avviare la ricerca di recidiva di malattia. [13] Attualmente non ci sono sufficienze
evidenze a supporto dell’uso routinario di altri marcatori tumorali come il CA 19-9. [11]
2. Eseguire come parte dell’esame obiettivo una esplorazione rettale digitale ed una
procto-sigmoidoscopia per determinare la distanza della lesione dalla rima anale,
la sua mobilità ed i rapporti con gli sfinteri. Raccomandazione forte basata su
evidenza di qualità bassa, 1C.
3. Quando possibile, tutti i pazienti con cancro del retto dovrebbero eseguire una
colonscopia completa con biopsie di tutte le lesioni colo-rettali.
Raccomandazione forte basata su evidenze di qualità moderata, 1B.
Una valutazione di tutto il colon dovrebbe essere eseguita (prima o dopo
l’intervento) perché l’incidenza di carcinomi sincroni è dell’1-3% e l’incidenza di polipi
sincroni è del 30%. [14-17] La colonscopia è l’opzione di scelta perché consente la
conferma istologica della diagnosi e la rimozione immediata dei polipi sincroni. In
caso di colonscopia incompleta, è possibile eseguire un clisma a doppio contrasto
[18] o una colonscopia virtuale [19-22]. Se non è possibile eseguire una valutazione
preoperatoria, è consigliabile eseguire una precoce valutazione postoperatoria
(entro 3-6 mesi dall’intervento).
L’esame istologico dovrebbe confermare la diagnosi prima di una resezione in
elezione. Ciò è particolarmente vero se si considera una terapia neoadiuvante. Per
lesioni con istologia non confermata che possono essere sottoposte ad escissione
locale, è necessario ottenere una adeguata valutazione istologica al momento
dell’escissione transanale così da poter orientare la successiva gestione chirurgica.
B. Stadiazione
1. La stadiazione del carcinoma rettale dovrebbe essere eseguita utilizzando il
sistema TNM dell’ American Joint Committee on Cancer assegnando sia uno
stadio clinico pre-trattamento sia uno stadio patologico post-trattamento.
Raccomandazione forte basata su evidenze di qualità moderata, 1B.
3
IL CANCRO DEL RETTO - Gennaio 2014
Il sistema TNM è il più comunemente usato ed è basato sulla profondità dell’invasione
locale (T), il coinvolgimento di linfonodi regionali (N) e la presenza di metastasi a
distanza (M). [23] (Tabella 2 e 3)
La stadiazione del cancro del retto dovrebbe considerare sia lo stadio clinico (pretrattamento), sia lo stadio patologico (post-trattamento); quest’ultimo potrebbe
rappresentare il più importante fattore prognostico per il carcinoma rettale. [23]
Nonostante il sistema TNM sia stato sviluppato prima dell’avvento della terapia
neoadiuvante e della TME, i dati a disposizione suggeriscono che lo stadio
patologico finale sia in grado di stratificare la sopravvivenza libera da malattia. [24] Il
crescente uso di trattamenti pre-operatori ha richiesto che lo stadio patologico
(indicato da una “p”) debba incorporare un prefisso “y” che stia ad indicare un
trattamento multidisciplinare. [25]
Tabella 2. Sistema TNM della AJCC (7° edizione)
TNM
Definizione
Tx
Tumore Primi>vo (T)
Tumore [email protected] non definibile
T0
Nessun evidenza di tumore
Tis
Carcinoma in situ
T1
Il tumore invade la so;omucosa
T2
Il tumore invade la muscolare propria
T3
Il tumore invade la so;osierosa o i [email protected] peri-­‐re;ali non [email protected]
T4a
Il tumore oltrepassa il peritoneo viscerale
T4b
Il tumore aderisce o invade altri organi o altre stru;ure
Nx
Linfonodi Regionali (N)
Linfonodi regionali non definibili
N0
Linfonodi regionali [email protected] da metastasi
N1
Metastasi in 1-­‐3 linfonodi regionali
N1a
Metastasi in un linfonodo regionale
N1b
Metastasi in 2-­‐3 linfonodi regionali
N1c
[email protected] tumorali “[email protected]” nella so;osierosa, nei [email protected] peri-­‐re;ali non [email protected] senza metastasi linfonodali
N2
Metastasi in 4 o più linfonodi regionali
N2a
Metastasi in 4-­‐6 linfonodi regionali
N2b
Metastasi in 7 o più linfonodi regionali
M0
Metastasi a Distanza (M)
Assenza di metastasi a distanza
M1
Presenza di metastasi a distanza
M1a
Metastasi ad un solo organo
M1b
Metastasi in più organi o al peritoneo
AJCC (American Joint Commi/ee on Cancer) Cancer Staging Manual, seventh edi;on (2010). Pubblicato da Springer Science e Business Media LLC, www.springer.com [23]
4
IL CANCRO DEL RETTO - Gennaio 2014
Tabella 3. Raggruppamento in stadi AJCC (7° edizione)
Stadio
T
N
M
Stadio 0
Stadio I
Tis
T1, T2
N0
N0
M0
M0
Stadio IIA
T3
N0
M0
Stadio IIB
T4a
N0
M0
Stadio IIC
T4b
N0
M0
Stadio IIIA
T1, T2
N1/N1c/N2a
M0
Stadio IIIB
T3, T4aT2, T3T1, T2
N1/N1cN2aN2b
M0
Stadio IIIC
T4aT3, T4aT4b
N2aN2bN1/N2
M0
Stadio IVA
Qualunque T
Qualunque N
M1a
Stadio IVB
Qualunque T
Qualunque N
M1b
AJCC (American Joint Commi/ee on Cancer) Cancer Staging Manual, seventh edi;on (2010). Pubblicato da Springer Science e Business Media LLC, www.springer.com [23]
2. La stadiazione clinica del tumore primario dovrebbe essere completata da
un’ecografia transrettale o da una RMN dedicata ad alta risoluzione.
Raccomandazione forte basata su evidenze di qualità moderata, 1B.
L’ecografia transrettale con sonda rigida o flessibile e la RMN con bobina
endorettale o phased array sono le modalità di stadiazione di scelta del tumore
primario. Entrambe le tecniche hanno vantaggi e svantaggi e devono perciò essere
considerate complementari. L’ecografia è meno accurata nella valutazione di
grosse lesioni e di tumori stenosanti. [26,27]
La valutazione dei linfonodi sede di malattia è complessa per entrambe le modalità
diagnostiche. La stadiazione linfonodale è complicata dal fatto che esiste grande
sovrapponibilità tra le dimensioni dei linfonodi benigni e quelli maligni. [28,29] In una
metanalisi, la sensibilità e la specificità delle varie modalità diagnostiche per la
stadiazione dei linfonodi erano le seguenti: TC (55% e 74%), Ecografia (67% e 78%),
RMN (66% e 76%). [30]
Il margine circonferenziale del tumore (CRM) è definito come la minima distanza tra il
tumore e la fascia mesorettale. [31] Nonostante non sia inserito nel sistema di
stadiazione TNM, il CRM è un importante fattore prognostico di recidiva locale e
sopravvivenza [31,32]. Il coinvolgimento della fascia mesorettale aumenta la
probabilità di recidiva locale di quattro volte dopo TME [33]. Il CRM è generalmente
considerato positivo quando è ≤ 1mm. [25] La RMN è particolarmente adatta per la
valutazione del CRM. [34] Il piano della fascia mesorettale visto con la RMN correla
con la fascia propria del mesoretto resecata con la TME. [34,35] Nonostante la RMN
sia utile nella valutazione preoperatoria, sono necessari protocolli specifici perché la
RMN standard non è in grado di fornire le stesse informazioni. [36]
3. Tutti i pazienti con cancro del retto dovrebbero essere sottoposti ad una
stadiazione radiologica per la ricerca di una malattia metastatica.
Raccomandazione forte basata su evidenze di qualità moderata, 1B.
Il fegato ed i polmoni sono il sito di metastasi più frequente. [37,38] Per questo motivo,
la stadiazione radiologica pre-operatoria dovrebbe includere di routine una TC del
torace, dell’addome e della pelvi. La TC del torace è più sensibile della radiografia
nell’individuazione delle metastasi. [39] Inoltre, una TC del torace pre-operatoria
5
IL CANCRO DEL RETTO - Gennaio 2014
consente di seguire meglio le lesioni del torace indeterminate durante il follow-up.
[39]
I pazienti con allergia al mezzo di contrasto TC potrebbero eseguire una RMN
dell’addome e della pelvi oltre che una TC del torace senza contrasto o una PET-TC.
Tuttavia il ruolo della PET-TC è ancora da stabilire a causa della bassa sensibilità e
specificità della metodica.
La PET può essere utile per la valutazione di masse pre-sacrali comparse durante il
follow-up o per i pazienti con rialzo del CEA e diagnostica radiologica convenzionale
negativa. [155]
C. Preparazione all’intervento
1. Se si considera il confezionamento di una stomia, dovrebbe essere eseguita una
consulenza preoperatoria con marcatura del sito più indicato per la realizzazione.
Raccomandazione forte basata su evidenze di qualità moderata, 1B.
Il potenziale sito di confezionamento della stomia andrebbe marcato prima
dell’intervento con l’aiuto di uno specialista per garantire l’ottimale adesione del
device alla superficie cutanea. [40,41] L’insegnamento preoperatorio della gestione
della stomia è in grado di ridurre la durata della degenza ed i relativi costi. [42] Linee
guida sulla marcatura del sito della stomia sono state pubblicate dalle società ASCRS
e WOCN. [43]
2. La preparazione meccanica intestinale preoperatoria può apportare benefici ai
pazienti che saranno sottoposti a resezione del retto in elezione con
ricanalizzazione. Raccomandazione debole basata su evidenze di qualità
moderata, 2B.
Una review Cochrane ha concluso che la
apporta sostanziali benefici nella chirurgia
pazienti con cancro del retto in cui si
ricanalizzazione potrebbero ottenere
preparazione meccanica intestinale. [157]
preparazione meccanica intestinale non
resettiva del colon in elezione. Tuttavia i
esegue una resezione in elezione con
marginali benefici eseguendo una
TRATTAMENTO
La chirurgia del retto andrebbe eseguita da chirurghi con training adeguato ed
esperienza nella presa in carico di questa patologia. [44,45]
A. Tecniche chirurgiche
Escissione Locale
1. L’escissione locale è una tecnica adeguata per tumori del retto T1 attentamente
selezionati senza caratteristiche di alto rischio. Raccomandazione debole basata
su evidenze di qualità moderata, 2B.
L’escissione locale è utilizzabile per pazienti accuratamente selezionati con cancro in
stadio precoce o per pazienti con malattia più avanzata che non possono avvalersi
di una chirurgia radicale. [46] L’escissione locale può essere eseguita tramite
un’escissione trans-anale o con un approccio microchirurgico endoscopico transanale. Una stadiazione preoperatoria accurata è essenziale. Il principale svantaggio
di questo approccio è l’impossibilità di stadiare i linfonodi del mesoretto, specie se si
considera che il 6%-11% dei tumori T1 presenta metastasi linfonodali. [26] I criteri per il
trattamento locale includono tumori T1 almeno moderatamente differenziati,
6
IL CANCRO DEL RETTO - Gennaio 2014
l’assenza di invasione linfovascolare, il diametro minore di 3cm e l’occupazione di
meno di un terzo della circonferenza rettale. [46] La tecnica consiste nell’escissione a
tutto spessore fino al grasso perirettale con un margine macroscopicamente sano di
almeno 10mm. Il segmento escisso deve essere orientato per l’esame istologico.
L’approccio microchirurgico endoscopico sembra essere superiore all’approccio
transanale specialmente per la visualizzazione e la resezione delle lesioni più alte.
[47-52]
Dopo l’escissione locale, il tasso di recidiva locale è del 7%-21% per i tumori T1 e del
26%-47% per i tumori T2. [53-56] L’escissione locale preceduta da una terapia
neoadiuvante potrebbe essere considerata nei tumori T2 solo all’interno di trial clinici.
[57]
Escissione Radicale
1. Una accurata esplorazione chirurgica dovrebbe essere eseguita e ben
documentata. Raccomandazione forte basata su evidenze di bassa qualità, 1C.
L’esplorazione chirurgica include una accurata valutazione della cavità peritoneale
e degli organi addominali per rilevare lesioni sincrone, segni di malattia avanzata o
patologie coesistenti. [58,59] I rilievi andrebbero documentati nel registro operatorio.
2. L’escissione totale del mesoretto (TME) dovrebbe essere usata per le resezioni
curative dei tumori del terzo medio ed inferiore del retto, sia come parte di una
resezione anteriore sia come parte di una amputazione addomino-perineale. Per i
tumori del terzo superiore del retto, si dovrebbe utilizzare una escissione
mesorettale tumore-specifica con il mesoretto diviso idealmente a non meno di 5
cm dal margine inferiore del tumore. Raccomandazione forte basata su evidenze
di alta qualità, 1A.
Una tecnica chirurgica adeguata che includa un’ampia escissione del mesoretto è
essenziale per ottimizzare gli outcome oncologici. [60,61] Una precisa dissezione tra i
foglietti viscerale e parietale della fascia endopelvica assicura la rimozione “en bloc”
del tumore primario e degli assi vascolari e linfatici regionali. L’escissione del
mesoretto preserva l’innervazione autonoma e riduce i sanguinamenti intraoperatori.
[62]
E’ importante riconoscere che la diffusione neoplastica si estende nel mesoretto più
distalmente che nella parete rettale, con infiltrazione fino a 3-4 cm più in basso del
tumore primario. [63,64] Per i tumori del retto superiore, l’escissione del mesoretto
dovrebbe estendersi 5 cm al di sotto del margine distale del tumore, mentre è
richiesta una TME per i tumori del retto medio e basso. [46, 63]
Ottenere un adeguato CRM è fondamentale per il controllo locoregionale. [31] Un
CRM positivo è un fattore prognostico indipendente di recidiva locale e di mortalità.
[65,67]
Studi istopatologici riportano che un CRM positivo è più frequente nelle resezioni
addomino-perineali che nelle resezioni anteriori, specie quando il piano di resezione
passa all’interno degli sfinteri. [68] La perforazione del retto durante una resezione è
associata ad un maggior rischio di recidiva locale e ad una minore sopravvivenza a
5 anni. [69,70] Durante una resezione addomino-perineale, l’elevatore dell’ano
andrebbe resecato insieme al retto ed al canale anale per evitare che il CRM risulti
positivo e per diminuire il tasso di perforazione. È possibile utilizzare sia un approccio
transpelvico che perineale. [71,72]
7
IL CANCRO DEL RETTO - Gennaio 2014
3. Un margine di resezione distale di 2 cm è adeguato se combinato con una TME.
Per i tumori localizzati al margine inferiore del mesoretto o più in basso, è
sufficiente un margine distale di 1 cm. Raccomandazione forte basata su
evidenze di qualità moderata, 1B.
La diffusione intramurale non è comune ed è trovata oltre 1 cm nel 4-10% dei casi.
[73,74] Perciò un margine di resezione murale di 2 cm rimuoverà la malattia
microscopica della maggioranza dei casi. [73] Per i tumori del retto distale è
accettabile un margine di 1 cm [73,75-77]
4. La legatura vascolare all’origine dell’arteria rettale superiore con resezione di tutti i
linfonodi associati è appropriata per la maggior parte delle resezioni per cancro
del retto. Raccomandazione forte basata su evidenze di alta qualità, 1A.
Una resezione linfatica appropriata è garantita da una legatura all’origine della
arteria rettale superiore, che è appena caudale all’origine della arteria colica sinistra
(legatura bassa). [78,79] Nonostante più linfonodi vengano prelevati con la legatura
della mesenterica inferiore (legatura alta), non ci sono significative differenze di
sopravvivenza tra le due tecniche. [80] Tuttavia nei pazienti con linfonodi sospetti al
di sopra dell’origine dell’arteria rettale superiore, la resezione dovrebbe estendersi
prossimalmente ed includere la legatura della mesenterica inferiore. Linfonodi periaortici sospetti dovrebbero essere prelevati; dissezioni linfonodali più ampie possono
essere eseguite a discrezione del chirurgo. [58]
5. In assenza di coinvolgimento evidente, la dissezione estesa dei linfonodi laterali
non è necessaria in aggiunta alla TME. Raccomandazione forte basata su
evidenze di qualità bassa, 1C.
La dissezione linfonodale laterale (LLND) è la rimozione del tessuto linfonodale lungo
le arterie iliache comuni ed interne [81]. Una meta-analisi ha comparato la LLND con
la chirurgia convenzionale e non ha evidenziato alcun beneficio oncologico per la
LLND ma un maggior rischio di disfunzioni sessuali ed urinarie. [82] Tuttavia, quando
clinicamente coinvolta è un’area che andrebbe resecata a prescindere dall’uso di
una terapia neoadiuvante. [83,84]
6. I pazienti con una risposta clinica apparentemente completa alla terapia
neoadiuvante, dovrebbero essere sottoposti ad una resezione radicale.
Raccomandazione forte basata su evidenze di qualità moderata, 1B.
Una risposta patologica completa senza residue cellule tumorali è stata riportata
nell’8%-16% dei pazienti sottoposti a chemio-radioterapia neoadiuvante. [85-89]
Tuttavia nella pratica clinica si dovrebbe ancora offrire a questi pazienti una
resezione radicale poiché non è possibile identificare accuratamente una remissione
completa con le metodiche attualmente disponibili (RMN, TC, PET). [90-93]
7. Considerare il confezionamento di un reservoir colico dopo una resezione
anteriore bassa e una TME. Raccomandazione debole basata su evidenze di
qualità moderata, 2B.
Problemi funzionali come l'incontinenza, la diarrea, e l'urgency si presentano spesso
dopo una resezione anteriore bassa. Diverse tecniche chirurgiche sono state messe a
punto per migliorare gli esiti funzionali e le evidenze disponibili supportano il
confezionamento di una J-pouch colica. [94,95] Le evidenze a supporto di altri tipi di
reservoir sono meno definite. [94,96]
8. Durante l'intervento andrebbe eseguito un test di filtrazione dell'anastomosi.
Raccomandazione forte basata su evidenze di qualità moderata, 1B.
8
IL CANCRO DEL RETTO - Gennaio 2014
L'incidenza di deiscenza anastomotica varia tra il 3% ed il 32%. [97,98] La deiscenza è
correlata con una minore sopravvivenza ed un maggior rischio di recidiva locale.
[99-101]
La filtrazione anastomotica intraoperatoria è messa in evidenza insufflando aria nel
retto mentre l'anastomosi è immersa (test idro-pneumatico). In una coorte di 998
pazienti, è stato osservato il 7,9% di test positivi: una deiscenza clinicamente evidente
è stata successivamente osservata nel 7,7% dei pazienti con test positivo e nel 3,8%
dei pazienti con test negativo. [102]
9. Considerare il confezionamento di una stomia nei pazienti sottoposti a TME per
cancro del retto. Raccomandazione forte basata su evidenze di qualità
moderata, 1B.
Una meta-analisi ha mostrato un minore tasso di deiscenza anastomotica
clinicamente evidente (RR=0,39, p<0,001) ed un minore tasso di reintervento
(RR=0,29, p<0,001) per i pazienti in cui era stata confezionata una stomia. [103] La
stomia può essere confezionata sul trasverso o sull'ileo. L'ileostomia può essere
ricanalizzata più semplicemente della colostomia ed ha un minore rischio di prolasso.
Tuttavia l'ileostomia è associata a maggiore rischio di disidratazione. [103]
10. Nei pazienti sottoposti a TME, andrebbe eseguito un’irrigazione del retto
intraoperatoria. Raccomandazione debole basata su evidenze di bassa qualità,
2C.
Cellule tumorali esfoliate sono state dimostrate nel lume del retto. Il confezionamento
dell'anastomosi con una suturatrice circolare potrebbe fornire il meccanismo di
impianto di queste cellule nel sito di anastomosi. [104] Molti chirurghi eseguono un
lavaggio del retto prima di confezionare l'anastomosi ma le evidenze a disposizione
sono scadenti. [105,158]
11. In pazienti con tumori rettali T4, la resezione degli organi adiacenti coinvolti
andrebbe eseguita "en bloc". Raccomandazione forte basata su evidenze di
qualità moderata, 1B.
L'obiettivo della chirurgia dovrebbe essere una resezione R0 che è associata ad un
tasso di sopravvivenza a 5 anni fino al 50%. [106,107] Per i tumori T4, andrebbe
valutato il ruolo di una terapia neoadiuvante: la strategia di eseguire una
chemioterapia di induzione seguita da una chemio-radioterapia potrebbe
aumentare la resecabilità e ridurre la tossicità, [106,108-111]
12. La TME laparoscopica può essere eseguita con outcome oncologici non inferiori
alla tecnica open se realizzata da chirurghi esperti con appropriato training.
Raccomandazione forte basata su evidenze di qualità moderata, 1B.
Molte evidenze supportano la sicurezza e la fattibilità della colectomia
laparoscopica mentre non esiste un equivalente corpo di evidenze per il cancro del
retto. La configurazione della pelvi può aumentare le difficoltà dell’approccio
laparoscopico nei tumori del retto distale. Le dimensioni e la sede del tumore, il sesso
maschile, l’obesità, le dimensioni dell’utero e la terapia radiante pregressa possono
influenzare l’adeguatezza della resezione e obbligare alla conversione. Solo lo studio
CLASICC riporta il follow-up a lungo termine per i pazienti con cancro del retto
operati con tecnica laparoscopica. [112] Non sono state trovate differenze nella
sopravvivenza complessiva, incidenza di recidive, sopravvivenza libera da malattia,
qualità di vita fra chirurgia open e laparoscopica. Questo studio dimostra un maggior
tasso di coinvolgimento del margine radiale nell'approccio laparoscopico rispetto a
quello open [12% vs 6%] ma la differenza non è significativa e non si traduce in un
9
IL CANCRO DEL RETTO - Gennaio 2014
maggior tasso di recidiva locale a 5 anni. [113] Infine si dimostra un maggior tasso di
disfunzione erettile nel braccio laparoscopico.
Il COREAN RCT non ha evidenziato differenze significative nel tasso di positività del
CRM o nel tasso di resezione totale del mesoretto. [114] Una meta-analisi non ha
mostrato differenze significative nello stato dei margini prossimale, distale e radiale.
[115] Quattro studi prospettici non hanno riportato differenze di sopravvivenza libera
da malattia o di sopravvivenza media. [116-119] Lo studio COLOR II non ha
identificato differenze nel tasso di positività dei margini distale o radiale e nel numero
di linfonodi prelevati. [120]
Attualmente è in corso un RCT multicentrico che compara la resezione
laparoscopica e quella open nei pazienti che hanno eseguito una chemioradioterapia neoadiuvante. [121]
Alcuni studi che hanno esaminato la learning curve della colectomia laparoscopica
suggeriscono che sia necessario eseguire almeno 50 procedure prima di ottenere le
competenze necessarie. [116-118] L’addestramento con programmi specifici e l’uso
di simulatori potrebbe ridurre il numero di procedure richieste per ottenere le
necessarie competenze [119]
13. Durante una resezione colo-rettale laparoscopica, l’uso di protettori di parete e
l’irrigazione delle brecce dei trocar potrebbero ridurre l’impianto di cellule
neoplastiche sulla parete addominale. Raccomandazione forte basata su
evidenze di bassa qualità, 1C.
La recidiva tumorale sulla parete addominale è stata segnalata in letteratura sia al
sito di estrazione che a livello delle incisioni dei trocar. [4,37,39,59,80] Un report della
EAES (European Association of Endoscopic Surgeons) ha stimato tale incidenza allo
0,72%. [72]
Molti chirurghi posizionano protettori di parete al sito di estrazione per evitare il
contatto della neoplasia con la parete addominale. [72] L’irrigazione delle incisioni
dei trocar riduce l’impianto tumorale in alcuni modelli animali ma non esiste un
consenso sull’utilità di questa procedura negli esseri umani. [96-101]
14. La chirurgia robotica del cancro del retto appare fattibile e sicura ma, in assenza
di outcome oncologici a lungo termine, non può essere formulata una chiara
raccomandazione. Raccomandazione debole basata su evidenze di bassa
qualità, 1C.
Alcuni case-report sostengono la sicurezza e la fattibilità della chirurgia robotica del
cancro del colon e del retto [102-115,159]. Studi prospettici randomizzati su larga
scala sono richiesti per valutare gli outcome clinici a lungo termine.
15. L'annessiectomia è raccomandata per ovaie macroscopicamente anormali o in
continuità con il cancro del retto ma l'annessiectomia profilattica di routine non è
necessaria. Raccomandazione forte basata su evidenze di bassa qualità, 1C.
Le ovaie sono il sito di metastasi in meno del 15% dei pazienti con cancro colorettale, ma queste metastasi raggiungono spesso grandi dimensioni (tumore di
Krukenberg). Attualmente non ci sono dati a supporto dell'annessiectomia
profilattica, tuttavia essa andrebbe eseguita in caso di invasione o metastasi anche
solo sospette. [122] Se un solo ovaio è sede di malattia, andrebbe eseguita
comunque una annessiectomia bilaterale. Esistono pochi dati sull'annessiectomia
profilattica nelle donne con cancro colorettale senza altri fattori di rischio per
patologia ovarica come HNPCC o BRCA. [123]
10
IL CANCRO DEL RETTO - Gennaio 2014
L'annessiectomia profilattica di routine non è associata ad una maggiore
sopravvivenza, tuttavia non vi sono sufficienti dati a favore o contro la sua
esecuzione. [124] L'annessiectomia profilattica potrebbe essere considerata nelle
donne in menopausa o in quelle a rischio per cancro dell'ovaio.
B. Urgenze correlate alla neoplasia
1. Nei pazienti con ostruzione del colon-retto, il posizionamento di uno stent è una
procedura accettabile sia come trattamento palliativo sia in attesa di una
resezione definitiva. Raccomandazione forte basata su evidenze di qualità bassa,
1C.
Il 20% dei carcinomi colo-rettali si presenta come urgenza; il trattamento di questi casi
è complesso con una mortalità intraoperatoria che arriva al 20%. [125-127] Una
ostruzione del grosso intestino che non sia immediatamente pericolosa per la vita
può essere sottoposta ad una terapia endoluminale come l'ablazione ed il
posizionamento di uno stent. La migrazione di uno stent anche correttamente
posizionato può causare dolore e incontinenza. [128] Il posizionamento di uno stent è
una procedura accettabile sia come trattamento palliativo sia in attesa di una
resezione definitiva, consentendo la decompressione dell'intestino. [129] Il
posizionamento di uno stent nel retto distale può essere inappropriato perchè può
causare tenesmo e dolore.
Una stomia prossimale può essere una alternativa per i pazienti non candidabili al
posizionamento di uno stent o nei centri in cui non è disponibile questa procedura.
C. Terapia multimodale
La terapia multimodale è divenuta lo standard per i pazienti con cancro del retto
localmente avanzato; la sua efficacia è stata inizialmente dimostrata negli studi
GISTG e NASBP in cui la chemio-radioterapia adiuvante riduceva la recidiva locale
dal 55% al 33% con un significativo prolungamento della sopravvivenza libera da
malattia. [130-132] Questi risultati sono stati la base per la consensus del National
Cancer Institute del 1990 che raccomandava la terapia adiuvante per i cancri del
retto in stadio II e III. [133]
Terapia neoadiuvante
1. La terapia neoadiuvante dovrebbe essere usata per i tumori localmente avanzati
del retto medio e distale. Raccomandazione forte basata su evidenze di alta
qualità, 1A.
Esistono due protocolli di terapia neoadiuvante, entrambi ben supportati dalle
evidenze disponibili: 1) la radioterapia "short-course" (SCRT), che somministra 5Gy al
giorno per 5 giorni ed è seguita dalla resezione chirurgica entro 1 settimana [134]. 2)
la chemio-radioterapia "long-course" (LCCRT) che somministra 2Gy per frazione per
5-6 settimane (fino ad una dose totale di 45-50Gy) insieme ad una chemioterapia
basata sul 5-fluorouracile ed è seguita dalla resezione chirurgica 8-12 settimane più
tardi. [86]
La SCRT seguita dalla chirurgia ha dimostrato, rispetto alla sola chirurgia, una ridotto
tasso di recidiva locale (11% vs 27%) ed una maggiore sopravvivenza a 5 anni (58% vs
48%). [135] Questi benefici restavano significativi anche ad un follow-up di 13 anni.
[136] Tuttavia questi pazienti vanno incontro a complicanze gastro-intestinali più
frequentemente e ad un maggior tasso di ospedalizzazione nei 6 mesi seguenti
11
IL CANCRO DEL RETTO - Gennaio 2014
all'intervento chirurgico. [137] Uno studio olandese ha dimostrato che i pazienti con
neoplasia del retto superiore non ricevono benefici addizionali dalla SCRT. [138,139]
La LCCRT è diventato il trattamento di scelta in America del Nord ed in molti paesi
europei. La maggior parte dei pazienti che ricevono una LCCRT ottengono un
"downstaging" della neoplasia che facilita anche la resezione del tumore. Nel
15%-20% dei pazienti si ottiene una risposta patologica completa senza cellule
tumorali evidenziabili nel retto resecato. [140-142] Uno studio tedesco ha dimostrato
che la LCCRT neoadiuvante è caratterizzata da una minore recidiva locale (6% vs
13%) e da una minore tossicità rispetto alla LCCRT eseguita dopo l'intervento
chirurgico. [88] La LCCRT neoadiuvante è diventata il trattamento standard per i
pazienti con tumore del retto localmente avanzato.
In conclusione, entrambi i protocolli (LCCRT e SCRT), quando seguiti da una accurata
TME, consentono un eccellente controllo locale della malattia per neoplasie
localmente avanzate del retto medio ed inferiore. Il vantaggio maggiore della LCCRT
è il "downstaging" del tumore che può favorire l'adozione di tecniche chirurgiche più
conservative. La SCRT sembra causare minore tossicità ed avere una migliore
compliance. [143-145]. Alcuni studi sono in corso per stabilire l'efficacia di altri agenti
chemioterapici (oxaliplatino e capecitabina) e per permettere di utilizzare più
selettivamente la radioterapia. [146,147]
Terapia adiuvante
1. La chemio-radioterapia adiuvante dovrebbe essere raccomandata per pazienti
selezionati con cancro del retto in stadio III o in stadio II ad alto rischio che non
abbiano ricevuto terapia neoadiuvante. Raccomandazione forte basata su
evidenze di qualità moderata, 1B.
Alcuni pazienti potrebbero essere sottostadiati dagli esami preoperatori ed essere
inviati direttamente alla chirurgia; in questa situazione, a pazienti selezionati
andrebbe raccomandata una chemio-radioterapia adiuvante. I principali svantaggi
sono: l'aumentata tossicità sull'intestino tenue nel campo di irradiazione; la maggiore
radioresistenza del letto chirurgico dovuta all'ipossia; la difficile cicatrizzazione dopo
resezione addomino-perineale. [28] Numerosi RCT hanno dimostrato l'efficacia della
chemio-radioterapia adiuvante nel ridurre le recidive locali e la mortalità.
[28,130,132,148]
Nonostante le poche evidenze dell'efficacia dell'oxaliplatino per il cancro del retto, il
regime FOLFOX è approvato per la terapia adiuvante del carcinoma del retto sulla
base dell'efficacia dimostrata per i pazienti con carcinoma del colon. [46, 149-151]
2. La chemioterapia adiuvante dovrebbe essere raccomandata per i pazienti con
cancro del retto in stadio III o in stadio II ad alto rischio che abbiano ricevuto una
terapia neoadiuvante. Raccomandazione forte basata su evidenze di qualità
alta, 1A.
E’ attualmente raccomandato intraprendere una terapia adiuvante sulla base dello
stadio di malattia precedente all’eventuale “downstaging” ottenuto con la chemioradioterapia neoadiuvante. [88,152]
Alcuni dati preliminari indicano che i pazienti in cui si è ottenuto un "downstaging"
con la terapia neoadiuvante, potrebbero ottenere maggiori benefici da una
chemioterapia adiuvante. [153]
12
IL CANCRO DEL RETTO - Gennaio 2014
D. Documentazione
1. Il report chirurgico dovrebbe includere informazioni riguardanti il processo
diagnostico, i rilievi intraoperatori ed i dettagli tecnici della procedura.
Raccomandazione forte basata su evidenze di bassa qualità, 1C.
E' essenziale segnalare ogni trattamento preoperatorio eseguito e descrivere
accuratamente gli eventi avversi intraoperatori, come la perforazione del tumore
che è correlata ad un maggior rischio di recidiva locale e ad una minore
sopravvivenza. [69,70]
2. Un report istologico accurato è essenziale per stabilire la prognosi e guidare il
trattamento del paziente con carcinoma del retto. Si raccomanda l'adozione di
protocolli strutturati. Raccomandazione forte basata su evidenze di bassa qualità,
1C.
Il patologo gioca un ruolo fondamentale nella gestione del paziente confermando la
diagnosi, definendo lo stadio tumorale e la risposta alla terapia neoadiuvante. [38] Il
chirurgo dovrebbe facilitare questo processo orientando correttamente la resezione
ed inviandola prontamente al patologo. L'uso di protocolli ben strutturati ha
dimostrato di incrementare il contenuto informativo del report istologico. [25,154]
Bibliofrafia
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
9.
Beretta G, Labianca R, Silvestrini R: “Basi scientifiche per la definizione di lineeguida in ambito clinico per i Tumori del Colon-Retto e dell’Ano” (2009)
www.alleanzacontroilcancro.it
Monson JR, Weiser MR, Buie WD et al. Practice parameters for the management
of rectal cancer (revised). Dis Colon Rectum. 2013 May;56(5):535-50. doi: 10.1097/
DCR.0b013e31828cb66c.
NICE. Colorectal cancer: the diagnosis and management of colorectal cancer.
Clinical guidelines, CG131 - Issued: November 2011
Guyatt G, Gutterman D, Baumann MH, et al. Grading strength of
recommendations and quality of evidence in clinical guidelines: report from an
American College of Chest Physicians Task Force. Chest. 2006;129:174-181
Lowry AC, Simmang CL, Boulos P, et al. Consensus statement of definitions for
anorectal physiology and rectal cancer: report of the Tripartite Consensus
Conference on Definitions for Anorectal Physiology and Rectal Cancer,
Washington, D.C., May 1, 1999. Dis Colon Rectum. 2001;44:915-919
Lee TH, Marcantonio ER, Mangione CM, et al. Derivation and prospective
validation of a simple index for prediction of cardiac risk of major noncardiac
surgery. Circulation. 1999;100:1043-1049
Senagore AJ, Warmuth AJ, Delaney CP, Tekkis PP, Fazio VW. POSSUM, p-POSSUM,
and Cr-POSSUM: implementation issues in a United States health care system for
prediction of outcome for colon cancer resection. Dis Colon Rectum.
2004;47:1435-1441
Cohen ME, Bilimoria KY, Ko CY, Hall BL. Development of an American College of
Surgeons National Surgery Quality Improvement Program: morbidity and mortality
risk calculator for colorectal surgery. J Am Coll Surg. 2009;208:1009-1016
Church J, Simmang CStandards Task Force; American Society of Colon and
Rectal Surgeons; Collaborative Group of the Americas on Inherited Colorectal
13
IL CANCRO DEL RETTO - Gennaio 2014
10.
11.
12.
13.
14.
15.
16.
17.
18.
19.
20.
21.
22.
23.
24.
25.
26.
27.
28.
29.
Cancer and the Standards Committee of The American Society of Colon and
Rectal Surgeons. . Practice parameters for the treatment of patients with
dominantly inherited colorectal cancer (familial adenomatous polyposis and
hereditary nonpolyposis colorectal cancer). Dis Colon Rectum. 2003;46:1001-1012
Sturgeon CM, Duffy MJ, Stenman UH, et al.National Academy of Clinical
Biochemistry. National Academy of Clinical Biochemistry laboratory medicine
practice guidelines for use of tumor markers in testicular, prostate, colorectal,
breast, and ovarian cancers. Clin Chem. 2008;54:e11-e79
Locker GY, Hamilton S, Harris J, et al.ASCO. ASCO 2006 update of
recommendations for the use of tumor markers in gastrointestinal cancer. J Clin
Oncol. 2006;24:5313-5327
Harrison LE, Guillem JG, Paty P, Cohen AM. Preoperative carcinoembryonic
antigen predicts outcomes in node-negative colon cancer patients: a
multivariate analysis of 572 patients. J Am Coll Surg. 1997;185:55-59
Wiratkapun S, Kraemer M, Seow-Choen F, Ho YH, Eu KW. High preoperative serum
carcinoembryonic antigen predicts metastatic recurrence in potentially curative
colonic cancer: results of a five-year study. Dis Colon Rectum. 2001;44:231-235
Barillari P, Ramacciato G, De Angelis R, et al. Effect of preoperative colonoscopy
on the incidence of synchronous and metachronous neoplasms. Acta Chir
Scand. 1990;156:163-166
Adloff M, Arnaud JP, Bergamaschi R, Schloegel M. Synchronous carcinoma of the
colon and rectum: prognostic and therapeutic implications. Am J Surg.
1989;157:299-302
Bat L, Neumann G, Shemesh E. The association of synchronous neoplasms with
occluding colorectal cancer. Dis Colon Rectum. 1985;28:149-151
Isler JT, Brown PC, Lewis FG, Billingham RP. The role of preoperative colonoscopy in
colorectal cancer. Dis Colon Rectum. 1987;30:435-439
Sosna J, Sella T, Sy O, et al. Critical analysis of the performance of doublecontrast barium enema for detecting colorectal polyps > or = 6 mm in the era of
CT colonography. AJR Am J Roentgenol. 2008;190:374-385
Fenlon HM, McAneny DB, Nunes DP, Clarke PD, Ferrucci JT. Occlusive colon
carcinoma: virtual colonoscopy in the preoperative evaluation of the proximal
colon. Radiology. 1999;210:423-428
Macari M, Berman P, Dicker M, Milano A, Megibow AJ. Usefulness of CT
colonography in patients with incomplete colonoscopy. AJR Am J Roentgenol.
1999;173:561-564
Neri E, Giusti P, Battolla L, et al. Colorectal cancer: role of CT colonography in
preoperative evaluation after incomplete colonoscopy. Radiology.
2002;223:615-619
Sun L, Wu H, Guan YS. Colonography by CT, MRI and PET/CT combined with
conventional colonoscopy in colorectal cancer screening and staging. World J
Gastroenterol. 2008;14:853-863
A Colon and Rectum. Edge SB, Byrd DR, Compton CC In: AJCC Cancer Staging
Manual. 20107th ed New York, NY Springer:143-164
Kuo LJ, Liu MC, Jian JJ, et al. Is final TNM staging a predictor for survival in locally
advanced rectal cancer after preoperative chemoradiation therapy? Ann Surg
Oncol. 2007;14:2766-2772
Washington MK, Berlin J, Branton P, et al.Members of the Cancer Committee,
College of American Pathologists. Protocol for the examination of specimens
from patients with primary carcinoma of the colon and rectum. Arch Pathol Lab
Med. 2009;133:1539-1551
Garcia-Aguilar J, Pollack J, Lee SH, et al. Accuracy of endorectal
ultrasonography in preoperative staging of rectal tumors. Dis Colon Rectum.
2002;45:10-15
Marusch F, Koch A, Schmidt U, et al. Routine use of transrectal ultrasound in rectal
carcinoma: results of a prospective multicenter study. Endoscopy.
2002;34:385-390
Valentini V, Beets-Tan R, Borras JM, et al. Evidence and research in rectal cancer.
Radiother Oncol. 2008;87:449-474
Muthusamy VR, Chang KJ. Optimal methods for staging rectal cancer. Clin
Cancer Res. 2007;13(22 pt 2):6877s-6884s
14
IL CANCRO DEL RETTO - Gennaio 2014
30. Bipat S, Glas AS, Slors FJ, Zwinderman AH, Bossuyt PM, Stoker J. Rectal cancer:
local staging and assessment of lymph node involvement with endoluminal US,
CT, and MR imaging: a meta-analysis. Radiology. 2004;232:773-783
31. Nagtegaal ID, Quirke P. What is the role for the circumferential margin in the
modern treatment of rectal cancer? J Clin Oncol. 2008;26:303-312
32. Nagtegaal ID, Marijnen CA, Kranenbarg EK, van de Velde CJ, van Krieken
JHPathology Review Committee; Cooperative Clinical Investigators. .
Circumferential margin involvement is still an important predictor of local
recurrence in rectal carcinoma: not one millimeter but two millimeters is the limit.
Am J Surg Pathol. 2002;26:350-357
33. Wibe A, Rendedal PR, Svensson E, et al. Prognostic significance of the
circumferential resection margin following total mesorectal excision for rectal
cancer. Br J Surg. 2002;89:327-334
34. Lahaye MJ, Engelen SM, Nelemans PJ, et al. Imaging for predicting the risk
factors-the circumferential resection margin and nodal disease-of local
recurrence in rectal cancer: a meta-analysis. Semin Ultrasound CT MR.
2005;26:259-268
35. Mercury Study Group Diagnostic accuracy of preoperative magnetic resonance
imaging in predicting curative resection of rectal cancer: prospective
observational study. Br Med J. 2006;333:779
36. Brown G, Daniels IR, Richardson C, Revell P, Peppercorn D, Bourne M. Techniques
and trouble-shooting in high spatial resolution thin slice MRI for rectal cancer. Br J
Radiol. 2005;78:245-251
37. Scheele J, Stang R, Altendorf-Hofmann A, Paul M. Resection of colorectal liver
metastases. World J Surg. 1995;19:59-71
38. Mehta S, Johnson RJ, Schofield PF. Staging of colorectal cancer. Clin Radiol.
1994;49:515-523
39. Colorectal Cancer (Contemporary Issues in Cancer Imaging). 20071st ed New
York, NY Cambridge University Press
40. Bass EM, Del Pino A, Tan A, Pearl RK, Orsay CP, Abcarian H. Does preoperative
stoma marking and education by the enterostomal therapist affect outcome? Dis
Colon Rectum. 1997;40:440-442
41. Crooks S. Foresight that leads to improved outcome: stoma care nurses' role in
siting stomas. Prof Nurse. 1994;10:89-92
42. Chaudhri S, Brown L, Hassan I, Horgan AF. Preoperative intensive, communitybased vs. traditional stoma education: a randomized, controlled trial. Dis Colon
Rectum. 2005;48:504-509
43. ASCRS and WOCN joint position statement on the value of preoperative stoma
marking for patients undergoing fecal ostomy surgery. J Wound Ostomy
Continence Nurs. 2007;34:627-628
44. Read TE, Myerson RJ, Fleshman JW, et al. Surgeon specialty is associated with
outcome in rectal cancer treatment. Dis Colon Rectum. 2002;45:904-914
45. Ricciardi R, Roberts PL, Read TE, Baxter NN, Marcello PW, Schoetz DJ. Presence of
specialty surgeons reduces the likelihood of colostomy after proctectomy for
rectal cancer. Dis Colon Rectum. 2011;54:207-213
46. NCCN Clinical Practice Guidelines in Oncology Rectal Cancer 3. Available at:
www.nccn.org Accessed on May 21, 2012.
47. Langer C, Liersch T, Suss M, et al. Surgical cure for early rectal carcinoma and
large adenoma: transanal endoscopic microsurgery (using ultrasound or
electrosurgery) compared to conventional local and radical resection. Int J
Colorectal Dis. 2003;18:222-229
48. Christoforidis D, Cho HM, Dixon MR, Mellgren AF, Madoff RD, Finne CO. Transanal
endoscopic microsurgery versus conventional transanal excision for patients with
early rectal cancer. Ann Surg. 2009;249:776-782
49. Doornebosch PG, Tollenaar RA, De Graaf EJ. Is the increasing role of transanal
endoscopic microsurgery in curation for T1 rectal cancer justified? A systematic
review. Acta Oncol. 2009;48:343-353
50. Neary P, Makin GB, White TJ, et al. Transanal endoscopic microsurgery: a viable
operative alternative in selected patients with rectal lesions. Ann Surg Oncol.
2003;10:1106-1111
51. Gavagan JA, Whiteford MH, Swanstrom LL. Full-thickness intraperitoneal excision
by transanal endoscopic microsurgery does not increase short-term
complications. Am J Surg. 2004;187:630-634
15
IL CANCRO DEL RETTO - Gennaio 2014
52. Guillem JG, Chessin DB, Jeong SY, Kim W, Fogarty JM. Contemporary applications
of transanal endoscopic microsurgery: technical innovations and limitations. Clin
Colorectal Cancer. 2005;5:268-273
53. Nash GM, Weiser MR, Guillem JG, et al. Long-term survival after transanal excision
of T1 rectal cancer. Dis Colon Rectum. 2009;52:577-582
54. Greenberg JA, Shibata D, Herndon JE 2nd, Steele GD Jr, Mayer R, Bleday R. Local
excision of distal rectal cancer: an update of cancer and leukemia group B 8984.
Dis Colon Rectum. 2008;51:1185-1191
55. Bach SP, Hill J, Monson JR, et al.Association of Coloproctology of Great Britain
and Ireland Transanal Endoscopic Microsurgery (TEM) Collaboration. A predictive
model for local recurrence after transanal endoscopic microsurgery for rectal
cancer. Br J Surg. 2009;96:280-290
56. You YN, Baxter NN, Stewart A, Nelson H. Is the increasing rate of local excision for
stage I rectal cancer in the United States justified?: a nationwide cohort study
from the National Cancer Database. Ann Surg. 2007;245:726-733
57. Garcia-Aguilar J, Shi Q, Thomas CR Jr, et al. A phase II trial of neoadjuvant
chemoradiation and local excision for T2N0 rectal cancer: preliminary results of
the ACOSOG Z6041 trial. Ann Surg Oncol. 2012;19:384-391
58. Nelson H, Petrelli N, Carlin A, et al.National Cancer Institute Expert Panel.
Guidelines 2000 for colon and rectal cancer surgery. J Natl Cancer Inst.
2001;93:583-596
59. Association of Coloproctology of Great Britain and Ireland T. Guidelines for the
Management of Colorectal Cancer. 20073rd ed London, UK The Association of
Coloproctology of Great Britain and Ireland at the Royal College of Surgeons of
England
60. Heald RJ, Ryall R. Recurrent cancer after restorative resection of the rectum. Br
Med J (Clin Res Ed). 1982;284:826-827
61. Martling AL, Holm T, Rutqvist LE, Moran BJ, Heald RJ, Cedemark B. Effect of a
surgical training programme on outcome of rectal cancer in the County of
Stockholm. Stockholm Colorectal Cancer Study Group, Basingstoke Bowel
Cancer Research Project. Lancet. 2000;356:93-96
62. Heald RJ, Husband EM, Ryall RD. The mesorectum in rectal cancer surgery-the
clue to pelvic recurrence? Br J Surg. 1982;69:613-616
63. Scott N, Jackson P, al-Jaberi T, Dixon MF, Quirke P, Finan PJ. Total mesorectal
excision and local recurrence: a study of tumour spread in the mesorectum distal
to rectal cancer. Br J Surg. 1995;82:1031-1033
64. Hida J, Yasutomi M, Maruyama T, Fujimoto K, Uchida T, Okuno K. Lymph node
metastases detected in the mesorectum distal to carcinoma of the rectum by
the clearing method: justification of total mesorectal excision. J Am Coll Surg.
1997;184:584-588
65. Quirke P, Durdey P, Dixon MF, Williams NS. Local recurrence of rectal
adenocarcinoma due to inadequate surgical resection. Histopathological study
of lateral tumour spread and surgical excision. Lancet. 1986;2:996-999
66. Adam IJ, Mohamdee MO, Martin IG, et al. Role of circumferential margin
involvement in the local recurrence of rectal cancer. Lancet. 1994;344:707-711
67. Quirke P, Steele R, Monson J, et al.MRC CR07/NCIC-CTG CO16 Trial Investigators;
NCRI Colorectal Cancer Study Group. Effect of the plane of surgery achieved on
local recurrence in patients with operable rectal cancer: a prospective study
using data from the MRC CR07 and NCIC-CTG CO16 randomised clinical trial.
Lancet. 2009;373:821-828
68. Nagtegaal ID, van de Velde CJ, Marijnen CA, van Krieken JH, Quirke PDutch
Colorectal Cancer Group; Pathology Review Committee. . Low rectal cancer: a
call for a change of approach in abdominoperineal resection. J Clin Oncol.
2005;23:9257-9264
69. Porter GA, O'Keefe GE, Yakimets WW. Inadvertent perforation of the rectum
during abdominoperineal resection. Am J Surg. 1996;172:324-327
70. Slanetz CA Jr. The effect of inadvertent intraoperative perforation on survival and
recurrence in colorectal cancer. Dis Colon Rectum. 1984;27:792-797
71. Holm T, Ljung A, Haggmark T, Jurell G, Lagergren J. Extended abdominoperineal
resection with gluteus maximus flap reconstruction of the pelvic floor for rectal
cancer. Br J Surg. 2007;94:232-238
16
IL CANCRO DEL RETTO - Gennaio 2014
72. West NP, Finan PJ, Anderin C, Lindholm J, Holm T, Quirke P. Evidence of the
oncologic superiority of cylindrical abdominoperineal excision for low rectal
cancer. J Clin Oncol. 2008;26:3517-3522
73. Wolmark N, Fisher B. An analysis of survival and treatment failure following
abdominoperineal and sphincter-saving resection in Dukes' B and C rectal
carcinoma. A report of the NSABP clinical trials. National Surgical Adjuvant Breast
and Bowel Project. Ann Surg. 1986;204:480-489
74. Williams NS, Dixon MF, Johnston D. Reappraisal of the 5 centimetre rule of distal
excision for carcinoma of the rectum: a study of distal intramural spread and of
patients' survival. Br J Surg. 1983;70:150-154
75. Andreola S, Leo E, Belli F, et al. Distal intramural spread in adenocarcinoma of the
lower third of the rectum treated with total rectal resection and coloanal
anastomosis. Dis Colon Rectum. 1997;40:25-29
76. Kuvshinoff B, Maghfoor I, Miedema B, et al. Distal margin requirements after
preoperative chemoradiotherapy for distal rectal carcinomas: are < or = 1 cm
distal margins sufficient? Ann Surg Oncol. 2001;8:163-169
77. Guillem JG, Chessin DB, Shia J, et al. A prospective pathologic analysis using
whole-mount sections of rectal cancer following preoperative combined
modality therapy: implications for sphincter preservation. Ann Surg.
2007;245:88-93
78. Grinnell RS. Results of ligation of inferior mesenteric artery at the aorta in
resections of carcinoma of the descending and sigmoid colon and rectum. Surg
Gynecol Obstet. 1965;120:1031-1036
79. Tjandra JJ, Fazio VW. Restorative resection for cancer of the rectum.
Hepatogastroenterology. 1992;39:195-201
80. Titu LV, Tweedle E, Rooney PS. High tie of the inferior mesenteric artery in curative
surgery for left colonic and rectal cancers: a systematic review. Dig Surg.
2008;25:148-157
81. Fujita S, Yamamoto S, Akasu T, Moriya Y. Lateral pelvic lymph node dissection for
advanced lower rectal cancer. Br J Surg. 2003;90:1580-1585
82. Georgiou P, Tan E, Gouvas N, et al. Extended lymphadenectomy versus
conventional surgery for rectal cancer: a meta-analysis. Lancet Oncol.
2009;10:1053-1062
83. Heriot AG, Byrne CM, Lee P, et al. Extended radical resection: the choice for
locally recurrent rectal cancer. Dis Colon Rectum. 2008;51:284-291
84. Shoup M, Guillem JG, Alektiar KM, et al. Predictors of survival in recurrent rectal
cancer after resection and intraoperative radiotherapy. Dis Colon Rectum.
2002;45:585-592
85. Gerard JP, Azria D, Gourgou-Bourgade S, et al. Comparison of two neoadjuvant
chemoradiotherapy regimens for locally advanced rectal cancer: results of the
phase III trial ACCORD 12/0405-Prodige 2. J Clin Oncol. 2010;28:1638-1644
86. Bosset JF, Collette L, Calais G, et al.EORTC Radiotherapy Group Trial 22921.
Chemotherapy with preoperative radiotherapy in rectal cancer. N Engl J Med.
2006;355:1114-1123
87. Gambacorta MA, Valentini V, Coco C, et al. Chemoradiation with raltitrexed and
oxaliplatin in preoperative treatment of stage II-III resectable rectal cancer:
phase I and II studies. Int J Radiat Oncol Biol Phys. 2004;60:139-148
88. Sauer R, Becker H, Hohenberger W, et al.German Rectal Cancer Study Group.
Preoperative versus postoperative chemoradiotherapy for rectal cancer. N Engl J
Med. 2004;351:1731-1740
89. Crane CH, Eng C, Feig BW, et al. Phase II trial of neoadjuvant bevacizumab,
capecitabine, and radiotherapy for locally advanced rectal cancer. Int J Radiat
Oncol Biol Phys. 2010;76:824-830
90. Allen SD, Padhani AR, Dzik-Jurasz AS, Glynne-Jones R. Rectal carcinoma: MRI with
histologic correlation before and after chemoradiation therapy. AJR Am J
Roentgenol. 2007;188:442-451
91. Cascini GL, Avallone A, Delrio P, et al. 18F-FDG PET is an early predictor of
pathologic tumor response to preoperative radiochemotherapy in locally
advanced rectal cancer. J Nucl Med. 2006;47:1241-1248
92. Capirci C, Rubello D, Chierichetti F, et al. Long-term prognostic value of 18F-FDG
PET in patients with locally advanced rectal cancer previously treated with
neoadjuvant radiochemotherapy. AJR Am J Roentgenol. 2006;187:W202-W208
17
IL CANCRO DEL RETTO - Gennaio 2014
93. Vanagunas A, Lin DE, Stryker SJ. Accuracy of endoscopic ultrasound for restaging
rectal cancer following neoadjuvant chemoradiation therapy. Am J
Gastroenterol. 2004;99:109-112
94. Brown CJ, Fenech DS, McLeod RS. Reconstructive techniques after rectal
resection for rectal cancer. Cochrane Database Syst Rev. 2008:CD006040
95. Liao C, Gao F, Cao Y, Tan A, Li X, Wu D. Meta-analysis of the colon J-pouch vs
transverse coloplasty pouch after anterior resection for rectal cancer. Colorectal
Dis. 2009;12:624-631
96. Fazio VW, Zutshi M, Remzi FH, et al. A randomized multicenter trial to compare
long-term functional outcome, quality of life, and complications of surgical
procedures for low rectal cancers. Ann Surg. 2007;246:481-488
97. Matthiessen P, Hallbook O, Rutegard J, Simert G, Sjodahl R. Defunctioning stoma
reduces symptomatic anastomotic leakage after low anterior resection of the
rectum for cancer: a randomized multicenter trial. Ann Surg. 2007;246:207-214
98. Tsikitis VL, Larson DW, Poola VP, et al. Postoperative morbidity with diversion after
low anterior resection in the era of neoadjuvant therapy: a single institution
experience. J Am Coll Surg. 2009;209:114-118
99. den Dulk M, Marijnen CA, Collette L, et al. Multicentre analysis of oncological and
survival outcomes following anastomotic leakage after rectal cancer surgery. Br J
Surg. 2009;96:1066-1075
100.Matthiessen P, Hallbook O, Andersson M, Rutegard J, Sjodahl R. Risk factors for
anastomotic leakage after anterior resection of the rectum. Colorectal Dis.
2004;6:462-469
101.Gendall KA, Raniga S, Kennedy R, Frizelle FA. The impact of obesity on outcome
after major colorectal surgery. Dis Colon Rectum. 2007;50:2223-2237
102.Ricciardi R, Roberts PL, Marcello PW, Hall JF, Read TE, Schoetz DJ. Anastomotic
leak testing after colorectal resection: what are the data? Arch Surg.
2009;144:407-411
103.Tan WS, Tang CL, Shi L, Eu KW. Meta-analysis of defunctioning stomas in low
anterior resection for rectal cancer. Br J Surg. 2009;96:462-472
104.Umpleby HC, Fermor B, Symes MO, Williamson RC. Viability of exfoliated
colorectal carcinoma cells. Br J Surg. 1984;71:659-663
105.Constantinides VA, Cheetham D, Nicholls RJ, Tekkis PP. Is rectal washout effective
for preventing localized recurrence after anterior resection for rectal cancer? Dis
Colon Rectum. 2008;51:1339-1344
106.Gosens MJ, Klaassen RA, Tan-Go I, et al. Circumferential margin involvement is
the crucial prognostic factor after multimodality treatment in patients with locally
advanced rectal carcinoma. Clin Cancer Res. 2007;13(22 pt 1):6617-6623
107.Lehnert T, Methner M, Pollok A, Schaible A, Hinz U, Herfarth C. Multivisceral
resection for locally advanced primary colon and rectal cancer: an analysis of
prognostic factors in 201 patients. Ann Surg. 2002;235:217-225
108.Chua YJ, Barbachano Y, Cunningham D, et al. Neoadjuvant capecitabine and
oxaliplatin before chemoradiotherapy and total mesorectal excision in MRIdefined poor-risk rectal cancer: a phase 2 trial. Lancet Oncol. 2010;11:241-248
109.Medich D, McGinty J, Parda D, et al. Preoperative chemoradiotherapy and
radical surgery for locally advanced distal rectal adenocarcinoma: pathologic
findings and clinical implications. Dis Colon Rectum. 2001;44:1123-1128
110.Nguyen NP, Sallah S, Karlsson U, et al. Combined preoperative chemotherapy
and radiation for locally advanced rectal carcinoma. Am J Clin Oncol.
2000;23:442-448
111.Fernandez-Martos C, Pericay C, Aparicio J, et al. Phase II, randomized study of
concomitant chemoradiotherapy followed by surgery and adjuvant
capecitabine plus oxaliplatin (CAPOX) compared with induction CAPOX
followed by concomitant chemoradiotherapy and surgery in magnetic
resonance imaging-defined, locally advanced rectal cancer: Grupo cancer de
recto 3 study. J Clin Oncol. 2010;28:859-865
112.Guillou PJ, Quirke P, Thorpe H, et al.MRC CLASICC trial group. Short-term
endpoints of conventional versus laparoscopic-assisted surgery in patients with
colorectal cancer (MRC CLASICC trial): multicentre, randomised controlled trial.
Lancet. 2005;365:1718-1726
113.Jayne DG, Thorpe HC, Copeland J, Quirke P, Brown JM, Guillou PJ. Five-year
follow-up of the Medical Research Council CLASICC trial of laparoscopically
assisted versus open surgery for colorectal cancer. Br J Surg. 2010;97:1638-1645
18
IL CANCRO DEL RETTO - Gennaio 2014
114.Kang SB, Park JW, Jeong SY, et al. Open versus laparoscopic surgery for mid or
low rectal cancer after neoadjuvant chemoradiotherapy (COREAN trial): shortterm outcomes of an open-label randomised controlled trial. Lancet Oncol.
2010;11:637-645
115.Anderson C, Uman G, Pigazzi A. Oncologic outcomes of laparoscopic surgery for
rectal cancer: a systematic review and meta-analysis of the literature. Eur J Surg
Oncol. 2008;34:1135-1142
116.Jayne DG, Guillou PJ, Thorpe H, et al.UK MRC CLASICC Trial Group. Randomized
trial of laparoscopic-assisted resection of colorectal carcinoma: 3-year results of
the UK MRC CLASICC Trial Group. J Clin Oncol. 2007;25:3061-3068
117.Braga M, Frasson M, Vignali A, Zuliani W, Capretti G, Di Carlo V. Laparoscopic
resection in rectal cancer patients: outcome and cost-benefit analysis. Dis Colon
Rectum. 2007;50:464-471
118.Hillingso JG, Wille-Jorgensen P. Staged or simultaneous resection of synchronous
liver metastases from colorectal cancer-a systematic review. Colorectal Dis.
2009;11:3-10
119.Laurent C, Leblanc F, Wutrich P, Scheffler M, Rullier E. Laparoscopic versus open
surgery for rectal cancer: long-term oncologic results. Ann Surg. 2009;250:54-61
120.Bonjer HJ, Haglind E, Cuesta MA, et al. Laparoscopic surgery versus open surgery
for rectal cancer: short-term outcomes of a randomised trial. 2011 ViganelloLugano, Switzerland European Society of Medical Oncology:LBA 2
121.Fleshman J American College of Surgeons Oncology Group (ACOSOG)-Z6051. A
Phase III prospective randomized trial comparing laparoscopic-assisted resection
versus open resection for rectal cancer. Available at: http://clinicaltrials.gov
Accessed on May 12, 2012
122.Sielezneff I, Salle E, Antoine K, Thirion X, Brunet C, Sastre B. Simultaneous bilateral
oophorectomy does not improve prognosis of postmenopausal women
undergoing colorectal resection for cancer. Dis Colon Rectum. 1997;40:1299-1302
123.Banerjee S, Kapur S, Moran BJ. The role of prophylactic oophorectomy in women
undergoing surgery for colorectal cancer. Colorectal Dis. 2005;7:214-217
124.Young-Fadok TM, Wolff BG, Nivatvongs S, Metzger PP, Ilstrup DM. Prophylactic
oophorectomy in colorectal carcinoma: preliminary results of a randomized,
prospective trial. Dis Colon Rectum. 1998;41:277-83 283
125.McArdle CS, Hole DJ. Emergency presentation of colorectal cancer is associated
with poor 5-year survival. Br J Surg. 2004;91:605-609
126.Smothers L, Hynan L, Fleming J, Turnage R, Simmang C, Anthony T. Emergency
surgery for colon carcinoma. Dis Colon Rectum. 2003;46:24-30
127.Diggs JC, Xu F, Diaz M, Cooper GS, Koroukian SM. Failure to screen: predictors
and burden of emergency colorectal cancer resection. Am J Manag Care.
2007;13:157-164
128.Hunerbein M, Krause M, Moesta KT, Rau B, Schlag PM. Palliation of malignant
rectal obstruction with self-expanding metal stents. Surgery. 2005;137:42-47
129.Watson AJ, Shanmugam V, Mackay I, et al. Outcomes after placement of
colorectal stents. Colorectal Dis. 2005;7:70-73
130.Fisher B, Wolmark N, Rockette H, et al. Postoperative adjuvant chemotherapy or
radiation therapy for rectal cancer: results from NSABP protocol R-01. J Natl
Cancer Inst. 1988;80:21-29
131.Gastrointestinal Tumor Study Group. . Prolongation of the disease-free interval in
surgically treated rectal carcinoma. N Engl J Med. 1985;312:1465-1472
132.Krook JE, Moertel CG, Gunderson LL, et al. Effective surgical adjuvant therapy for
high-risk rectal carcinoma. N Engl J Med. 1991;324:709-715
133.NIH Consensus Conference. . Adjuvant therapy for patients with colon and rectal
cancer. JAMA. 1990;264:1444-1450
134.Sebag-Montefiore D, Stephens RJ, Steele R, et al. Preoperative radiotherapy
versus selective postoperative chemoradiotherapy in patients with rectal cancer
(MRC CR07 and NCIC-CTG C016): a multicentre, randomised trial. Lancet.
2009;373:811-820
135.Improved survival with preoperative radiotherapy in resectable rectal cancer.
Swedish Rectal Cancer Trial. N Engl J Med. 1997;336:980-987
136.Folkesson J, Birgisson H, Pahlman L, Cedermark B, Glimelius B, Gunnarsson U.
Swedish Rectal Cancer Trial: long lasting benefits from radiotherapy on survival
and local recurrence rate. J Clin Oncol. 2005;23:5644-5650
19
IL CANCRO DEL RETTO - Gennaio 2014
137.Birgisson H, Pahlman L, Gunnarsson U, Glimelius BSwedish Rectal Cancer Trial
Group. . Adverse effects of preoperative radiation therapy for rectal cancer:
long-term follow-up of the Swedish Rectal Cancer Trial. J Clin Oncol.
2005;23:8697-8705
138.Kapiteijn E, Marijnen CA, Nagtegaal ID, et al.Dutch Colorectal Cancer Group.
Preoperative radiotherapy combined with total mesorectal excision for
resectable rectal cancer. N Engl J Med. 2001;345:638-646
139.van Gijn W, Marijnen CA, Nagtegaal ID, et al.Dutch Colorectal Cancer Group.
Preoperative radiotherapy combined with total mesorectal excision for
resectable rectal cancer: 12-year follow-up of the multicentre, randomised
controlled TME trial. Lancet Oncol. 2011;12:575-582
140.Ceelen WP, Van Nieuwenhove Y, Fierens K. Preoperative chemoradiation versus
radiation alone for stage II and III resectable rectal cancer. Cochrane Database
Syst Rev. 2009 CD006041
141.Quah HM, Chou JF, Gonen M, et al. Pathologic stage is most prognostic of
disease-free survival in locally advanced rectal cancer patients after
preoperative chemoradiation. Cancer. 2008;113:57-64
142.Weiser MR, Quah HM, Shia J, et al. Sphincter preservation in low rectal cancer is
facilitated by preoperative chemoradiation and intersphincteric dissection. Ann
Surg. 2009;249:236-242
143.Bujko K, Nowacki MP, Nasierowska-Guttmejer A, Michalski W, Bebenek M, Kryj M.
Long-term results of a randomized trial comparing preoperative short-course
radiotherapy with preoperative conventionally fractionated chemoradiation for
rectal cancer. Br J Surg. 2006;93:1215-1223
144.Bujko K, Nowacki MP, Nasierowska-Guttmejer A, et al. Sphincter preservation
following preoperative radiotherapy for rectal cancer: report of a randomised
trial comparing short-term radiotherapy vs. conventionally fractionated
radiochemotherapy. Radiother Oncol. 2004;72:15-24
145.Wong RK, Tnadan V, De Silva S, et al. Pre-operative radiotherapy and curative
surgery for the management of localized rectal carcinoma. Cochrane Database
Syst Rev. 2007:CD002102
146.Carlomagno C, Farella A, Bucci L, et al. Neo-adjuvant treatment of rectal cancer
with capecitabine and oxaliplatin in combination with radiotherapy: a phase II
study. Ann Oncol. 2009;20:906-912
147.Rodel C, Liersch T, Hermann RM, et al. Multicenter phase II trial of chemoradiation
with oxaliplatin for rectal cancer. J Clin Oncol. 2007;25:110-117
148.Gray G, Barnwell J, et al. Adjuvant chemotherapy versus observation in patients
with colorectal cancer: a randomized study. Lancet. 2007;370:2020-2029
149.Andre T, Boni C, Mounedji-Boudiaf L, et al.Multicenter International Study of
Oxaliplatin/5-Fluorouracil/Leucovorin in the Adjuvant Treatment of Colon Cancer
(MOSAIC) Investigators. Oxaliplatin, fluorouracil, and leucovorin as adjuvant
treatment for colon cancer. N Engl J Med. 2004;350:2343-2351
150.Andre T, Boni C, Navarro M, et al. Improved overall survival with oxaliplatin,
fluorouracil, and leucovorin as adjuvant treatment in stage II or III colon cancer in
the MOSAIC trial. J Clin Oncol. 2009;27:3109-3116
151.Kuebler JP, Wieand HS, O'Connell MJ, et al. Oxaliplatin combined with weekly
bolus fluoruoracil and leukovorin as surgical adjuvant chemotherapy for stage II
and III colon cancer: results from NSABP C-07. J Clin Oncol. 2007;25:2198-2204
152.Fietkau R, Klautke G. Adjuvant chemotherapy following neoadjuvant therapy of
rectal cancer: the type of neoadjuvant therapy (chemoradiotherapy or
radiotherapy) may be important for selection of patients. J Clin Oncol.
2008;26:507-8 508
153.Collette L, Bosset JF, den Dulk M, et al.European Organisation for Research and
Treatment of Cancer Radiation Oncology Group. Patients with curative resection
of cT3-4 rectal cancer after preoperative radiotherapy or radiochemotherapy:
does anybody benefit from adjuvant fluorouracil-based chemotherapy? A trial of
the European Organisation for Research and Treatment of Cancer Radiation
Oncology Group. J Clin Oncol. 2007;25:4379-4386
154.Cross SS, Feeley KM, Angel CA. The effect of four interventions on the
informational content of histopathology reports of resected colorectal
carcinomas. J Clin Pathol. 1998;51:481-482
20
IL CANCRO DEL RETTO - Gennaio 2014
155.Scottish Intercollegiate Guidelines Network (SIGN). Diagnosis and management
of colorectal cancer. Edinburgh: SIGN; 2011. (SIGN publication no. 126).
[December 2011].
156.Zerey M, Hawver LM, Awad Z et al. SAGES evidence-based guidelines for the
laparoscopic resection of curable colon and rectal cancer. Surg Endosc. 2013
Jan;27(1):1-10. doi: 10.1007/s00464-012-2592-x. Epub 2012 Dec 13.
157.Güenaga KF, Matos D, Wille-Jørgensen P. Mechanical bowel preparation for
elective colorectal surgery. Cochrane Database Syst Rev. 2011 Sep 7;
(9):CD001544. doi: 10.1002/14651858.CD001544.pub4.
158.Rondelli F, Trastulli S, Cirocchi R et al. Rectal washout and local recurrence in
rectal resection for cancer: a meta-analysis. Colorectal Dis. 2012 Nov;14(11):
1313-21. doi: 10.1111/j.1463-1318.2011.02903.x.
159.Trastulli S, Farinella E, Cirocchi R et al. Robotic resection compared with
laparoscopic rectal resection for cancer: systematic review and meta-analysis of
short-term outcome. Colorectal Dis. 2012 Apr;14(4):e134-56. doi: 10.1111/j.
1463-1318.2011.02907.x.
21