08 APRILE 2015 - La Voce d`Italia

Premio Nacional de Periodismo
1950
1950
2015
Anni di Storia...
Anno 66 - N° 61
Fondatore Gaetano Bafile
2015
Anni di Storia...
Direttore Mauro Bafile
Deposito legale: 76/0788
Caracas, mercoledì 8 aprile 2015
La Voce d’Italia
www.voce.com.ve
@voceditalia
Strasburgo condanna l’Italia per il massacro dei manifestanti
e la censura per non avere ancora una legge adeguata
Si stima un Pil pari allo 0,7 per cento
Arriva la crescita,
niente aumenti delle tasse
ROMA - Nessun aumento delle tasse. Il
governo di Matteo Renzi, che ha fatto
degli 80 euro e del taglio Irap la sua bandiera, proseguirà sulla strada intrapresa e
assicura che il prossimo anno la pressione
fiscale non aumenterà. Le clausole di salvaguardia inserite nella scorsa manovra,
pari a 16,8 miliardi solo nel 2016, saranno
quindi disinnescate, facendo leva su una
spending review “giusta” e su una crescita
economica più forte del previsto.
Secondo le nuove stime contenute nel
Def, definito dal consiglio dei ministri
per ora solo nel quadro macroeconomico, quest’anno il Pil crescerà infatti dello
0,7%, un decimale in più rispetto alla
stima d’autunno di +0,6%. Una revisione
minima ma che - per una volta - potrebbe essere superata dalla realtà. Rimasto
scottato dalla ripresa, auspicata ma mai
avvenuta, del 2014, l’esecutivo ha infatti
scelto la strada della prudenza.
(Continua a pagina 7)
DOMENICA SCADE IL PERMESSO
Marò, l'Italia chiede
altri tre mesi per Latorre
(Servizio a pagina 6)
ITALICUM
Alta tensione nel Pd,
ultimo appello della minoranza
(Servizio a pagina 6)
REGIONALI
E’ guerra dentro Fi
L’ex Cav pensa al dopo voto
(Servizio a pagina 7)
G8 Genova, alla Diaz fu tortura
(Servizio a pagina 3)
VENEZUELA
Il Pil, secondo le nuove stime della Cepal, dovrebbe subire una contrazione del 3,5 per cento
L’economia venezuelana
in profonda recessione
CARACAS – Se è vero che la matematica non è un’opinione, allora
lo è anche che la crisi económica
del Venezuela asume proporzioni sempre più preoccupanti. La
Cepal, infatti, ha correto le stime per il Paese e prevede ora una
contrazione del Pil pari al 3,5 per
cento. A dicembre, l’organismo
aveva proiettato una contrazione
del Pil dell’1 per cento.
Per la Cepal questa parte dell’emisfero americano, nel suo complesso, dovrebbe presentare una
crescita piatta. Ovvero, pari allo 0
per cento. Non sarà così, invece,
per Centroamerica e Messico per
il quale l’organismo prevede una
crescita del 3,2 per cento. L’eco-
nomia dei paesi dei Caraibi, nel
loro complesso, dovrebbero crescere attorno all’1,9 per cento.
La minor crescita dell’America
Latina nel suo insieme, stando
alla Cepal, è dovuta al rallentamento dell’economia brasiliana
e al Pil “piatto” del sudamerica.
Nel 2015, stando alle proiezioni della Cepal, i paesi con una
maggior crescita economica dovrebbero essere: Panama, con
un incremento del Pil del 6 per
cento; Antigua e Barbuda, con
una crescita del 5,4 per cento e
Bolivia, Nicaragua e Repubblica
Domenicana con il Pil attorno al
5 per cento.
(Servizio a pagina 4)
NELLO SPORT
Coppa Italia, una Juve
da urlo si prende la finale
Grecia: misure nella direzione sbagliata
(Servizio a pagina 8)
Rif. J - 00089287 - 3
UNIONE EUROPEA
Desde 1953
EL UNICO CAL
ZADO
DE
MUJER
RE DE
OMB
HOMBRE CON N
Calle Bolivia, Edf. Laura, Catia - Caracas
www.calzadoslaura.com e-mail: calzadoslaura@cantv.net
2
PUBBLICITÀ
mercoledì 8 aprile 2015 |
CIRCOSCRIZIONE CONSOLARE DI CARACAS
Legge 23 Ottobre 2003 n.286
ELECCIONES ABRIL 2015
VOTA
¿QUÉ SON LOS COMITES?
Los COMITES son organismos que representan los intereses de los ciudadanos italianos residentes en el extranjero ante las Representaciones
!"#
$
%&
&'
(
)
$
)
)*)
&
+
)+,
antes señalados, en fase tanto de deliberación presupuestaria como de programación anual y expresará obligatoriamente su parecer acerca de las
&&
)
1
asistencia, de difusión de la historia, la
tradición, la cultura y la lengua italiana,
dadas por las administraciones del Estado a los medios de información locales
y podrá presentar a la representación
diplomático-consular aportaciones que
4
)
&&
+
5'
ELIGE TUS REPRESENTANTES
Los electores que hayan efectuado su
solicitud de admisión para ejercer el de
6
& lista electoral, recibirán en su domicilio
el sobre con la Boleta Electoral y las in
(
:;<
hayan recibido, podrán solicitar un duplicado en el Consulado General de Ita!&
=>65
;?(=@;A
LISTAS Y CANDIDATOS
El COMITES DE CARACAS estará
;H"
se expresará tachando con boligrafo
& ' sus candidatos preferidos marcando
hasta un maximo de 6 preferencias
dentro de la lista elegida (es decir no
+P
IL FATTO
www.voce.com.ve | mercoledì 8 aprile 2015
3
TORTURA
Rush finale
alla Camera, forse
l’ok entro l’estate
ROMA - La sentenza della Corte di
Strasburgo contro l’Italia per tortura per quanto accaduto alla scuola
Diaz potrebbe dare la spinta decisiva per l’introduzione di questo
reato nell’ordinamento del nostro
Paese. Dopo anni di discussione
in Parlamento, in effetti, le Camere sembrano davvero sul punto di
poter dare il via libera definitivo a
una proposta di legge in materia
colmando un vuoto legislativo che
anche la Corte accusa il nostro Paese di avere.
Del resto la prima proposta di legge sul tema, a firma del senatore
Nereo Battello del Pci, risale addirittura al 1989 l’anno dopo la ratifica dell’Italia della Convenzione dei
diritti umani contro la tortura del
1984. Ma, dopo dibattiti di anni,
è solo di recente che il Parlamento
si è mosso con più concretezza su
questo fronte. La proposta di legge che introduce il reato di tortura
nel codice penale italiano è, infatti,
approdata in Aula alla Camera il 23
marzo scorso e potrebbe avere il via
libera a breve.
- Già domani potrebbe esserci l’ok
della Camera - spiega la presidente della commissione Giustizia di
Montecitorio, Donatella Ferranti - e
il via libera definitivo potrebbe arrivare entro l’estate.
Si tratta, infatti, della seconda lettura ma il testo del Senato è stato modificato e, dunque, dovrà tornare a
Palazzo Madama. Il provvedimento
prevede l’introduzione del reato di
tortura nell’ordinamento italiano
come reato comune e prevede per
questo il carcere da 4 a 10 anni. E’
prevista una aggravante nel caso
la tortura venga perpetrata da un
pubblico ufficiale con le pene che
vanno dai 5 ai 12 anni.
La Camera è intervenuta, come
spiega la Ferranti, specificando meglio il reato “per evitare sovrapposizioni con reati che già puniscono la
violenza come le lesioni e i maltrattamenti” e sono stati inoltre “raddoppiati i tempi della prescrizione
perché sono reati di difficile accertamento come dimostra anche il
caso della Diaz” (con le lesioni che
sono finite prescritte ndr).
E’ colpevole di tortura, secondo il
testo, chi, con violenza o minaccia
ovvero con violazione dei propri
obblighi di protezione, cura o assistenza, cagiona intenzionalmente a una persona a lui affidata o
sottoposta alla sua autorità acute
sofferenze fisiche o psichiche al
fine di ottenere informazioni o
dichiarazioni o infliggere una punizione o vincere una resistenza
o ancora in ragione dell’appartenenza etnica, dell’orientamento
sessuale o delle opinioni politiche
o religiose.
La Corte europea
dei diritti dell’uomo,
a 15 anni di distanza,
mette per la prima
volta nero su bianco
in un atto giudiziario
quel che decine di testimoni
hanno visto e raccontato:
una “macelleria messicana”
G8 Genova, alla Diaz fu tortura,
la Corte di Strasburgo condanna l’Italia
ROMA - La “macelleria messicana” compiuta dalla Polizia nella
scuola Diaz la notte del 21 luglio
2001 “deve essere qualificata
come tortura”: l’Italia va dunque
condannata doppiamente, per il
massacro dei manifestanti e per
non avere ancora una legge adeguata a punire quel reato. La Corte europea dei diritti dell’uomo, a
15 anni di distanza, mette per la
prima volta nero su bianco in un
atto giudiziario quel che decine di
testimoni hanno visto e raccontato.
La sentenza della Corte di Strasburgo è il risultato del ricorso di
Arnaldo Cestaro, oggi 76enne:
quella notte era alla Diaz e fu uno
degli 87 no global massacrati e
feriti - su 93 che furono arrestati - durante quella che la Polizia
definì una “perquisizione ad iniziativa autonoma” finalizzata alla
ricerca di armi e black bloc dopo
le devastazioni avvenute in mezza
Genova durante le proteste contro il G8.
- Questa sentenza è una cosa
molto importante - ha commentato l’uomo - quel che ho visto e
subito è una cosa indegna in un
sistema democratico.
- Finalmente - ha aggiunto il papà
di Carlo Giuliani - sono state determinate le brutture commesse
dallo Stato italiano. E’ una cosa
bella e chissà se l’attuale governo troverà il tempo di occuparsi
di queste cose che riguardano la
dignità del paese. Resta - aggiunge Giuliano Giuliani -la rabbia
perché l’omicidio di Carlo è ancora impunito.
I colpevoli di quella violenza - che
la Cassazione ha definito “sadica e cinica” - sostiene la Corte
di Strasburgo avrebbero dovuto essere puniti adeguatamente
ma ciò non fu possibile “a causa dell’inadeguatezza delle leggi italiane”. Chi “ha torturato”
l’uomo, “non è mai stato identificato, anche perché entrando alla
Diaz aveva il viso coperto, e non
indossava un numero di identificazione, come invece richiede
la Corte”. Ed inoltre anche chi è
stato processato e condannato
Colpevoli sconosciuti e impuniti
STRASBURGO - Chi ha picchiato Arnaldo Cestaro la notte del 21 luglio 2001 nella scuola Diaz doveva essere individuato e condannato
a una pena adeguata al reato commesso, così come dovevano essere
puniti tutti i responsabili di quanto è successo. Invece, così non è
stato e per questo la Corte europea dei diritti umani ha condannato
all’unanimità l’Italia. Con una sentenza in cui si sottolinea che, “tenuto conto della gravità dei fatti avvenuti alla scuola Diaz, la risposta
delle autorità italiane è stata inadeguata”.
Per sostenere la loro tesi, i giudici sono partiti dalla constatazione che
Cestaro, come dimostrano le carte dei processi svoltisi in Italia, è stato vittima di tortura, cioè di un trattamento inumano deliberato che
ha provocato gravi sofferenze. La Corte ha quindi evidenziato che
“nel momento in cui un individuo sostiene, prove alla mano, di aver
subito dalle forze dell’ordine un trattamento inumano o degradante
o la tortura” lo Stato è tenuto, in base alla Convenzione europea
dei diritti umani, a condurre un’inchiesta che porti a individuare i
responsabili e a condannarli con pene che abbiano anche l’effetto di
dissuadere altri dal compiere le stesse azioni. Ed è qui che l’Italia ha
mancato ai suoi obblighi.
“Chi ha torturato Cestaro - si legge nella sentenza - non è mai stato
identificato, anche perché entrando alla Diaz aveva il viso coperto,
e non indossava un numero di identificazione, come invece richiede
la Corte”. Inoltre, anche chi è stato processato e condannato, alla
fine “non ha scontato alcuna pena”. Alcuni reati sono stati prescritti,
e altri imputati hanno goduto di amnistie e indulti. Ma questo non
è stato colpa della magistratura, che anzi, secondo la Corte di Strasburgo, “si è comportata in modo esemplare”. La colpa è invece da
imputare, per i giudici, “alla mancanza in Italia del reato di tortura,
o di reati altrettanto gravi, per cui siano previste pene severe che
non possono cadere in prescrizione”. O per le quali i colpevoli “non
possano avvalersi di amnistie o indulti”.
“non ha scontato alcuna pena”
poiché i reati sono caduti in prescrizione”. E questa è una colpa da
imputare “alla mancanza in Italia
del reato di tortura o di reati altrettanto gravi”.
- Quando parlammo di tortura
ci presero per pazzi - dice il pm
che ha sostenuto l’accusa, Enrico
Zucca, sottolineando che la decisione della Corte era “scontata”
in quanto “ciò che è accaduto in
quella scuola è un concentrato di
violazioni dei diritti dell’uomo”.
Violazioni che la Cassazione - con
la sentenza con cui ha confermato
le condanne ai vertici della Ps che
erano a Genova, Gratteri, Luperi e
Caldarozzi, per i falsi verbali - aveva già pienamente indicato, pur
non potendo parlare di tortura: ci
fu un “uso spropositato della violenza” da parte della Polizia, che
ha “gettato discredito sulla nazione agli occhi del mondo intero”.
I poliziotti, hanno scritto i giudici, “si scagliarono sui presenti,
sia che dormissero, sia che stessero immobili con le mani alzate,
colpendo tutti con i manganelli e
con calci e pugni, sordi alle invocazioni di ‘non violenza’ provenienti dalle vittime, alcune con i
documenti in mano, pure insultate al grido di ‘bastardi’”.
Ora tocca all’Italia far vedere che
le cose sono cambiate, approvando immediatamente la proposta
di legge che introduce il reato,
con pene che vanno dai 4 ai 10
anni, approdata alla Camera lo
scorso 23 marzo. Un vuoto, sostiene il presidente della Camera
Laura Boldrini, “intollerabile”.
Domani il Parlamento inizierà la
votazione e “il via libera defini-
tivo - spiega il presidente della
Commissione Giustizia Donatella
Ferranti - potrebbe arrivare entro
l’estate”. Sel e Prc tornano intanto a criticare il tempo perso e a
chiedere i numeri identificativi sulle divise degli uomini delle forze
di polizia.
- Questa è una macchia indelebile sul volto del nostro paese e
delle classi dirigenti che consentirono un uso arbitrario delle forze
dell’ordine - afferma Nichi Vendola.
Gli risponde Gianfranco Fini, che
all’epoca era vice premier ed era
a Genova.
- Che ci siano stati eccessi è stato
accertato e quindi è giusto che i
colpevoli vadano puniti. Ma su di
me ci furono speculazioni.
Dal canto suo il M5s annuncia
battaglia per modificare l’attuale
testo.
- E’ una vergogna che oggi non
vi sia il reato di tortura - dicono i membri della commissione
giustizia - ma sarebbe ancora più
vergognoso concludere con una
legge inefficace.
E il leader radicale Marco Pannella annuncia invece uno sciopero
della sete contro “questa infamia”: c’è una situazione in Italia,
per quanto riguarda “i diritti e il
funzionamento della giustizia, di
fronte alla quale i fascisti si metterebbero a sghignazzare”.
In attesa che il Parlamento colmi il vuoto, resta una certezza:
l’incursione alla Diaz, hanno
detto i processi, avrebbe dovuto
“riscattare l’immagine della Polizia” dopo le devastazioni, ma
la verità è che l’ha compromessa. Anche perché, ancora oggi,
nessuno degli autori materiali di
quel massacro sta scontando una
pena: per i 10 funzionari condannati in appello per lesioni - il
comandante del Reparto Mobile
di Roma Vincenzo Canterini, il
suo vice e i capisquadra - la Cassazione non ha potuto far altro
che dichiarare prescritto il reato.
E tutti gli altri, decine e decine
di poliziotti, che entrarono nella
scuola, non sono mai stati identificati.
VENEZUELA
FONDATO NEL 1950
DA GAETANO BAFILE
Direttore
Mauro Bafile - CNP 5.613
bafilemauro.voce@gmail.com
A cargo de Berki Altuve
Redazione
Attualità
Angelica Velazco
Romeo Lucci
Yessica Navarro
Arianna Pagano
Pagina 4 |
CASO LEDEZMA
La Comisión Económica
para América Latina y el
Caribe (Cepal) dijo que
la economía de Venezuela
retrocedería un 3,5 por
ciento este año, un nivel
más profundo que la caída
del 1,0 por ciento que se
preveía inicialmente para
esa nación
Cultura
Anna Maria Tiziano
amrytiz@gmail.com
Venezuela
Berki Altuve
berki.altuve@voce.com.ve
Sport
Fioravante De Simone
fioravante.desimone@voce.com.ve
Acusan a Fiscalía
de “mutilar”
expediente
CARACAS- El abogado Omar
Estacio, miembro del equipo de la defensa de Antonio
Ledezma, denunció que la
Fiscalía General de la República
“mutiló actas del expediente”
contra el Alcalde Metropolitano, o “no las presentó” durante el acto de acusación formal
hecha ayer ante el Tribunal
Sexto de Control.
Estacio precisó que la Fiscalía
ratificó la acusación contra
Ledezma por la presunta
comisión de los delitos de
conspiración y asociación para
delinquir, previstos en el Código Penal y la Ley Orgánica
contra la Delincuencia Organizada. Tras vencerse el plazo de
45 días que tenía el Ministerio
Público para el acto conclusivo, la Fiscal 20, Katherine
Harrington, presentó el escrito
ante el Juzgado Sexto de
Control, instancia que deberá
fijar la audiencia preliminar en
un lapso no mayor a 20 días.,
precisó un boletín de prensa
“Lamentamos que la Fiscalía
haya insistido en esta acusación basada en hechos falsos,
en pruebas manipuladas y
en argumentaciones jurídicas
que contradicen 67 jurisprudencias del Tribunal Supremo
de Justicia. Más grave aún es
que la Fiscalía, en esta nueva
actuación, haya mutilado actas
del expediente o no las haya
incorporado al expediente judicial. Con ello se le vulneran
al alcalde Ledezma derechos
constitucionales específicos
que acarrean nuevas causales de nulidad”, dijo Omar
Estacio.
Redazione di New York
Mariza Bafile (Responsabile)
Flavia Romani
Disegno Grafico
Juan José Valente
italiano82@gmail.com
Assistente
Patrizia Padulo
Redazione Europa
Mariza Bafile (Caporedattrice)
mabafile2000@gmail.com
Giovanna Chiarilli
giovanna.7@gmail.com
Laura Polverari
anbirulau@hotmail.com
Juan Carlos Bafile
Lorenzo Di Muro
Edizione Digitale
www.voce.com.ve
Alfredo Bencomo
alfredo.bencomo@voce.com.ve
Leonardo Fernández
leofernan71@gmail.com
Concessionaria
per la Pubblicità
Giuseppina Liberatore
giuseppina.liberatore@voce.com.ve
Consiglio di Amministrazione
Presidente
Vincenzo Rasetti
Consigliere
Amedeo Di Lodovico
Amministrazione
Yoselin Guzmán
amministrazione@voce.com.ve
La Voce d’Italia è una tribuna aperta a tutti
i lettori senza preclusioni di ordine politico.
Le opinioni dei nostri collaboratori non
rispecchiano necessariamente
quelle del giornale.
www.voce.com.ve
@voceditalia
La Voce d’Italia
Ed. Caracas. Local 2.
Av. Andrés Bello, 2da. transv.
Guaicaipuro Norte
Caracas - Venezuela
Telefax: (0058-0212)
576.9785 - 576.7365
571.9174 - 571.9208
E-mail: lavoce@cantv.net
“La testata fruisce dei contributi
statali diretti di cui alla legge 7
agosto 1990, n. 250”.
Agenzie giornalistiche:
ANSA, ADNKRONOS, AISE,
GRTV, Migranti Press, Inform,
AGI, News Italia Press, Notimail,
ABN, 9 colonne.
Servizi fotografici:
Ansa, Notimail, Luciano Biagioni,
Emme Emme.
Cepal espera que la economía
venezolana retroceda 3,5%
SANTIAGO- La Comisión Económica para
América Latina y el Caribe (Cepal) dijo
que la economía de Venezuela retrocedería un 3,5 % este año, un nivel más
profundo que la caída del 1,0 % que se
preveía inicialmente para esa nación.
El organismo revisó a la baja su estimación de crecimiento de la región a un 1,0
% este año, presionada por una contracción en Brasil y una nula expansión de
Suramérica ante un entorno global más
complejo para el bloque, reseñó Reuters.
Cepal había pronosticado originalmente
una expansión para América Latina del
2,2 por ciento. En el caso de Brasil, la mayor economía de la región, el organismo
proyecta ahora una contracción del 0,9
%, desde un cálculo previo de aumento
del 1,3 %.
“Esta revisión refleja un entorno global caracterizado por una dinámica económica
menor a la esperada a fines de 2014. Con
excepción de Estados Unidos, las proyecciones de crecimiento han sido revisadas a
la baja en los países industrializados, y las
economías emergentes se siguen desacelerando”, dijo Cepal en un informe.
Cepal destacó que las particularidades
de las economías de la región, en términos de sus estructuras económicas y
VISITA
Consejero del Departamento
de Estado de EEUU en Caracas
CARACAS El Consejero del Departamento de Estado de EEUU, Thomas Shannon, arribó ayer a Caracas. El funcionario, segundo del secretario de Estado
John Kerry, tiene en su agenda buscar un acuerdo para la Cumbre de las
Américas, y entrevistarse con la Canciller Delcy Rodríguez y el Presidente Nicolás Maduro.
sus formas de inserción en la economía
mundial, dan cuenta de una importante
heterogeneidad en la intensidad y forma
en que los choques externos las han afectado.
Así, este año México empujaría la economía del bloque, con una expansión del
3,0 %, mientras que Argentina no registraría variación.
“Las proyecciones de crecimiento de las
economías especializadas en la producción
de bienes primarios, en especial petróleo y
minerales, son las que han experimentado
las mayores bajas (Sudamérica y Trinidad y
mercoledì 8 aprile 2015
Tobago)”, dijo Cepal.
“Aquellas (naciones) con mayor vinculación
a la economía de Estados Unidos, y que se
benefician de la caída del precio del crudo,
registran las mejores proyecciones”, agregó.
Colombia crecería un 3,6 %, mientras
que Chile avanzaría un 3,0 % este año y
Perú lo haría en 4,2 %.
Los países que liderarán la expansión regional durante 2015 serán Panamá, con
un alza en el PIB de 6,0 %, Antigua y
Barbuda (5,4 %) y Bolivia, Nicaragua y
República Dominicana (5,0 %).
PSUV
Foro de Sao Paulo
se reunirá en Caracas
CARACAS- La próxima semana el Grupo de Trabajo del
Foro de Sao Paulo se reunirán de manera extraordinaria
en la ciudad de Caracas, el próximo 13 de abril, a fin de
expresar su pleno respaldo al presidente de la República
Nicolás Maduro frente a la decisión del gobierno de los
Estados Unidos de declarar a Venezuela como una amenaza a su seguridad nacional.
Rodrigo Cabezas, vicepresidente del Partido Socialista
Unido de Venezuela (Psuv), para Asuntos Internacionales, informó que la decisión fue acordada durante la
reunión del Foro de Sao Paulo celebrada en Marzo en
Ciudad de México tras analizar la nueva escalada injerencista del gobierno norteamericano en los asuntos
internos de Venezuela.
Destacó que adicionalmente durante el encuentro
también se estará convocando una Jornada Mundial de
Solidaridad y rechazo a la intervención norteamericana
en Venezuela para el 19 de Abril.
15 años de Experiencia
Venezuela
Italia
Solicitud y legalización de documentos
de Esdo Civil y de Estudios.
Solicitud y legalización de: Estratti di Nascita.
Matrimonio, Morte e Antecedenti Penali.
Apostilla de la Haya.
Traducción a Italiano, Inglés, Francés,
Español y otros idiomas.
Departamento Legal
Aposlle dell’Aia.
Departamento Legal
Asesoria
Asesoria - Redacción de documentos.
Sucesiones
Divorcios y Secesiones.
Derecho de ciudadania
Solicitud y legalización de documentos en
Argentina, Colombia y Mexico.
MEJORAMOS CUALQUIER PRESUPUESTO
Otros países. Consultar
CONSULTA GRATUITA
Caracas
!"
#$%
&'!()*)+/0!(2"+/)!)"+/)!**
e-mail: docuexpress.caracas@gmail.com
444678";<&67
Roma
=>?
200*K!8
#$%
&'K)02!(++
e-mail: docuexpress.roma@gmail.com
444678";<&67
VENEZUELA
A cargo de Berki Altuve
BREVES
Delcy Rodríguez se reunió
con Nuncio Apostólico de Venezuela
Desde la Casa Amarilla Antonio José de Sucre en Caracas, la ministra
de Relaciones Exteriores Delcy Rodríguez, sostuvo ayer un encuentro
con el Nuncio Apostólico de Venezuela, Monseñor Aldo Giordano.
La reunión se realizó como parte de los lazos de hermandad y entendimiento que ha establecido el Gobierno Bolivariano, liderado por
el presidente Nicolás Maduro Moros, con las autoridades del clero
cristiano venezolano y de la Santa Sede.
Ceballos anunció su postulación a la AN
El exalcalde de San Cristóbal, Daniel Ceballos, anunció a través de
la red social twitter su postulación a la Asamblea Nacional para las
parlamentarias. Indicó que su decisión tiene como objetivo “luchar
junto a ustedes por un país distinto, democrático y libre”
En este sentido, invitó al pueblo de San Cristóbal a organizarse para
así consolidar “el triunfo en las primarias y las elecciones a la Asamblea
Nacional”.
Ceballos aseguró que desde el Parlamento se buscará impulsar el
cambio que a su juicio, va a garantizar “un país de derechos para todas las personas. Es mi compromiso! Es nuestro compromiso!”, escribió.
Simadi subió y cerró en 194,84 bolívares
por dólar este martes
La tasa del Sistema Marginal de Divisas (Simadi) cerró ayer en
194,84 bolívares por dólar estadounidense, mostrando un ligero
aumento con respecto al precio pactado el día lunes, cuando se
ubicó en 193,6 bolívares.
Ismael León y José Guerra presentaron
candidatura al parlamento
El dirigente nacional de Voluntad Popular y candidato suplente
para las elecciones primarias de la MUD Ismael León, junto con el
economista y candidato principal por el partido Primero Justicia José
Guerra, presentaron ayer lo que denominaron “la llave inderrotable”
para el circuito número 4 del Distrito Capital, que conforman las
parroquias El Valle, Coche y Santa Rosalia.
Pdvsa inauguró una planta
de gas licuado en Granada
GRANADA- Petróleos de Venezuela (Pdvsa) a través de su filial Pdv
Caribe inauguró ayer la Planta de Llenado de Cilindros de GLP “Hugo
Chavez” en Grenada, isla caribeña situada a una hora de Venezuela,
donde desde el año pasado se trabajo en la construcción de esta
planta que permitirá ofrecer gas a bajos precios al pueblo granadino.
Con la puesta en marcha de la Planta de Llenado de Cilindro de
Gas Licuado de Petróleo (GLP) se masificará la distribución de gas al
pueblo de Granada, que tendrá la oportunidad de obtenerlo a bajos
precios.
Esta es una obra construida como parte del Acuerdo de Cooperación
Energética de Petrocaribe que cumple Petróleos de Venezuela (Pdvsa) a través de su filial Pdv Caribe, informó Gilder Escalona, gerente
general de la planta.
PDVSA cancela intereses a tenedores de bonos
Petróleos de Venezuela, S.A. (PDVSA) informa a todos los tenedores
de los Bonos PDVSA con vencimientos en abril de 2017, 2027 y
2037 que, de acuerdo con las condiciones preestablecidas en los
papeles emitidos el 12 de abril de 2007, este lunes 13 de abril se
efectuará el pago de intereses, correspondientes al semestre terminado en abril de 2015
En tal sentido, todos los poseedores de Bonos PDVSA 2017, 2027
y 2037 deberán dirigirse a su banco custodio o a la institución en
donde adquirieron dichos bonos, para informarse del estado y del
método de pago.
PDVSA ha dispuesto los números telefónicos (0212) 708-5727 y
708-3064 para aclarar cualquier duda y apoyar a los tenedores de
bonos en el cobro de sus rendimientos.
Yare I, II y III incorporados
al nuevo modelo penitenciario
Los centros penitenciarios Yare I, II y III, ubicados en Los Valles del Tuy,
estado Miranda, fueron incorporados desde ayer al “nuevo modelo
Desde las instalaciones del Penal Yare II y talleres de Yare I, la ministra
precisó “que estamos pacificando todo el complejo penitenciario metropolitano de Los Valles del Tuy”.
Pagina 5 | mercoledì 8 aprile 2015
“El lenguaje que llamó tanto la atención es completamente pro forma”,
dijo Ben Rhodes, alto integrante del Consejo de Seguridad Nacional (CSN)
EEUU baja el tono:
“Venezuela no es una amenaza”
WASHINGTON- Venezuela no
constituye una amenaza para Estados Unidos, admitió ayer una
alta fuente de la Casa Blanca,
bajando así el tono días antes de
un posible encuentro entre los
presidentes Barack Obama y Nicolás Maduro en la Cumbre de las
Américas, en Panamá.
“Estados Unidos no cree que Venezuela represente alguna amenaza
para su seguridad”, dijo Ben Rhodes, alto integrante del Consejo
de Seguridad Nacional (CSN), en
referencia a la orden ejecutiva firmada por Obama en marzo que
aplicó sanciones contra funcionarios venezolanos.
Ese decreto presidencial justificaba las sanciones por considerar
que la situación en Venezuela era
una “amenaza inusual y extraordinaria” a la seguridad estadounidense, pero de acuerdo con
Rhodes se trató apenas de una
fórmula burocrática.
“El lenguaje que llamó tanto la
atención es completamente pro forma”, aseguró Rhodes. “Tenemos
un marco legal para formular este
tipo de órdenes ejecutivas”, añadió.
Por su parte, Ricardo Zúñiga, el
responsable para América Latina
del CSN, afirmó que la Casa Blanca no tiene “ningún programa hostil” con relación a Venezuela.
“Tenemos interés en el éxito de
Venezuela, en su prosperidad, su
seguridad, su estabilidad, su democracia. Somos el principal socio
comercial de Venezuela”, dijo Zúñiga.
Ante la posibilidad de que el tema
de las sanciones a Venezuela y el
agresivo lenguaje adoptado para
justificar la medida sean el foco de
las discusiones en la Cumbre de
las Américas, Zúñiga dijo que la
Casa Blanca esperaba un “evento
correcto”.
“Pensamos que la Cumbre debería
ser un momento para poder tener
un intercambio civilizado con todos los líderes de las Américas, no
tenemos ninguna preocupación de
poder hablar con cualquier participante de la Cumbre. De eso se trata
el diálogo”, comentó.
De acuerdo con Zúñiga, Panamá
hizo fuertes inversiones en una
Cumbre para que los países puedan “hablar con seriedad sobre los
asuntos que nos unen y los temas
que nos dividen, con respeto al anfitrión y a los otros líderes presentes”.
EEUU no maneja endurecer
sanciones contra Venezuela
Durante un encuentro con el ministro español de Asuntos Exteriores, José Manuel García-Margallo.
El coordinador de Política de
Sanciones del Departamento de
Estado de EEUU, Daniel Fried, se
pronunció sobre el caso Venezuela. Asegurando que las sanciones
estadounidenses contra Venezuela son una expresión de solidaridad de Washington con el pueblo
de ese país.
Estas medidas “no van contra el
pueblo, sino que son una expresión
de solidaridad con los venezolanos,
que están sufriendo presiones en lo
político y en lo económico” por parte de las autoridades de Caracas,
dijo el funcionario en Madrid.
“Este es un caso claro en el que
las sanciones, adoptadas de forma
multilateral, por acuerdo de la comunidad internacional”, tienen los
efectos que se persiguen y es posible que no haga falta endurecerlas, aseguró Fried, quien reiteró
que no siempre es así.
El funcionario de EEUU reconoció
que “las sanciones no funcionan en
todos los casos”, cuando se trata de
presionar a un gobierno, y deben
ser adoptadas como “una herramienta política y no como el centro
de la política exterior”.
“Lo que nosotros queremos es que
el pueblo venezolano tenga mayores oportunidades y más libertad”,
defendió el funcionario y añadió
que estas medidas “tienen otros
principios, otro propósito, ya que
van dirigidas directamente contra
las autoridades” venezolanas.
COMUNICADO
Piden a Venezuela cesar hostigamiento a defensores
PANAMÁ- Un total de 28 organizaciones internacionales,
entre las que se encuentran
Human Rights Watch y Amnistía Internacional, pidió ayer y
al Gobierno venezolano que
deje de “intimidar y hostigar”
a los defensores de derechos
humanos “inmediatamente”
“Venezuela está intimidando y
hostigando a defensores y defensoras de derechos humanos y
les ha acusado infundadamente
de que estarían intentando desestabilizar la democracia en el
país”, indicaron las organizaciones en un comunicado de
prensa fechado este martes en
Panamá.
Entre los firmantes internacionales se encuentran Human
Rights Watch, Amnistía Internacional, Transparencia Internacional, Organización Mundial Contra la Tortura, Robert
F. Kennedy Center for Justice
and Human Rights, Comisión
Internacional de Juristas y Servicio Internacional por los Derechos Humanos (ISHR), entre
otras.
Las organizaciones denuncian
que el Gobierno de Nicolás
Maduro las acusa de “recibir
instrucciones de Estados Unidos” y de “hacerle el juego al
imperialismo”.
“La persecución del Gobierno
apunta claramente a desacreditar e intimidar a organizaciones
que documentan violaciones de
derechos humanos”, dijeron las
ONG firmantes.
6
ITALIA
mercoledì 8 aprile 2015 |
DOMENICA SCADE IL PERMESSO
L’ala più dialogante
dei Dem spera
di mantenere ancora
aperto il confronto
per convincere Renzi
su un paio di modifiche.
Il premiere e altri
esponenti del Pd
pensano che la minoranza
punti a far saltare
l’Italicum per accelerare
il ricorso alle urne.
Incognita sui numeri
Italicum: alta tensione nel Pd,
ultimo appello della minoranza
Giovanni Innamorati
ROMA - Inizia questo pomeriggio, in commissione
Affari costituzionali, l’iter
alla Camera delle riforma
elettorale, che dovrà approdare in Aula il 27 aprile. Il
passaggio in commissione
da una parte dovrà essere
rapido ma dall’altra sarà irto
di ostacoli, visto che la minoranza del Pd ha i numeri per mettersi di traverso.
L’ala più dialogante, quella
che fa capo a Roberto Speranza, spera di mantenere
ancora aperto il confronto
per convincere Renzi su un
paio di modifiche all’Italicum: è pronto un appello che sarà reso noto oggi,
anche se l’iniziativa sembra avere scarse possibilità
di successo, visti i dubbi di
Renzi sull’affidabilità della
minoranza.
La difficile partita comincia
con l’illustrazione del provvedimento da parte del presidente della Commissione
nonché relatore, Francesco
Paolo Sisto. Dopo di che
l’ufficio di presidenza stilerà
il calendario, che non potrà
che essere fitto di sedute, visti
i pochi giorni a disposizione.
Proprio i tempi stretti drammatizzano i contrasti, innanzi tutto all’interno del Pd.
Il vice-segretario Lorenzo
Guerini ha ribadito che l’Italicum non deve essere modificato alla Camera ma deve
finalmente diventare legge.
A sua volta la minoranza,
con Alfredo D’Attorre, ribadisce la richiesta di inserire
Fmi avverte, crescita lenta
NEW YORK - La crisi non ha solo fatto crollare l’economia
globale. Ne ha anche ridotto il potenziale di crescita, che
‘’non tornerà ai livelli pre crisi almeno nel medio termine’’. Con effetti sui conti pubblici perchè un potenziale
‘’più basso renderà più difficile mantenere la sostenibilità
di bilancio’’.
A mettere in guardia su un periodo di bassi tassi di crescita
è il Fondo Monetario Internazionale (Fmi), riaccendendo
i timori per quella che molti economisti definiscono ‘stagnazione secolare’. L’invito del Fmi è quindi quello di trovare nuove strade per stimolare la domanda, quali investire nelle infrastrutture, aumentare la partecipazione della
forza lavoro e ridurre le barriere per le imprese.
‘’Le aziende hanno reagito alle vendite deboli riducendo
le spese di capitale. Uno sforzo politico ampio per aumentare la produzione contribuirebbe a un incremento degli
investimenti privati’’ afferma il Fmi, sottolineando che gli
investimenti fissi privati sono calati in media del 25% rispetto alle previsioni pre crisi. Una contrazione ‘’sintomo
del debole contesto economico’’ ma legata anche di vincoli finanziari e alle incertezze politiche che hanno limitato
gli investimenti, soprattutto nel sud Europa.
almeno un paio di modifiche: il superamento dei capilista bloccati e la possibilità
di apparentamento tra liste
in caso di ballottaggio. Richieste che vengono sostenute anche dalle opposizioni, come ha spiegato Stefano
Quaranta, capogruppo di Sel
in Commissione.
Ieri è partita la raccolta di
firme su un documento di
Area Riformista, la componente del capogruppo Roberto Speranza, che chiede
di mantenere aperto il con-
fronto. Si è cercato di avere
le adesioni dei deputati della minoranza più dialoganti
con la segreteria e il governo, come Cesare Damiano
o Nico Stumpo, che sul Jobs
Act hanno condotto una
mediazione.
Oggi l’appello verrà reso
noto, assieme al numero
delle firme: se queste dovessero essere numerose (per
esempio 40-50) vorrebbe
dire che i numeri dell’Italicum sono a rischio non solo
in Commissione ma anche
in Aula. In Commissione
Affari costituzionali la minoranza schiera tutti i big
(Pier Luigi Bersani, Rosi Bindi, Gianni Cuperlo, Alfredo
D’Attorre, Barbara Pollastrini, ecc) i cui voti potrebbero stoppare l’Italicum
sul nascere, se si unissero a
quelli delle opposizioni. La
maggioranza del Pd punta
a risolvere i problemi nella
riunione del Gruppo che
dovrebbe tenersi il 15 aprile, quando verrà decisa la
posizione ufficiale sull’Italicum attraverso un voto.
A quel punto la minoranza
dovrebbe assumersi la responsabilità di non rispettare le decisioni prese democraticamente.
A pesare sono state le parole
della scorsa settimana di Alfredo D’Attorre che ha detto
esplicitamente di puntare al
voto anticipato con il Consultellum, il sistema proporzionale uscito dalla sentenza della Consulta. Sia Renzi
che gli altri dirigenti del Pd
pensano che la minoranza
punti a far saltare l’Italicum
per accelerare il ricorso alle
urne. La situazione potrebbe cambiare solo se l’appello di Area Riformista si
concludesse con l’impegno
esplicito a votare l’Italicum,
con o senza modifiche, rispettando la volontà della
maggioranza dei deputati
Pd. Solo allora si aprirebbe
uno spiraglio, fanno notare
esponenti della maggioranza interna.
Marò, ‘l’Italia chiede
altri tre mesi per Latorre’
Maria Grazia Coggiola
NEW DELHI - A pochi giorni dalla scadenza dei tre
mesi di convalescenza concessi al marò Massimiliano Latorre, l’Italia ha deciso di chiedere una nuova
proroga del permesso sanitario, verosimilmente di tre
mesi secondo indiscrezioni della stampa indiana. La
richiesta sarà presentata domani alla Corte Suprema
indiana. Ieri i giudici della terza sezione hanno accettato un’istanza avanzata del legale Soli Sorabjee
di mettere in calendario un’udienza nella quale sarà
presentata la richiesta di proroga. Il pubblico ministero indiano (P.L. Narasimha) non ha opposto alcuna
obiezione. In aula era presente il neo ambasciatore
d’Italia a New Delhi, Lorenzo Angeloni, che come il
suo predecessore Daniele Mancini sta seguendo da
vicino tutte le tappe della complessa vicenda giudiziaria.
La durata del nuovo permesso che sarà richiesto ai
giudici, rivela l’agenzia di stampa indiana Ians, sarebbe di altri tre mesi. La richiesta è corroborata da una
documentazione medica composta, in particolare,
da referti dei sanitari dell’Ospedale militare di Taranto secondo cui “Latorre deve continuare una intensa
terapia riabilitativa nel suo ambiente familiare al fine
di facilitarne un completo recupero”.
Il 14 gennaio scorso la Corte Suprema aveva concesso a Latorre di stare altri tre mesi in Italia per proseguire il trattamento terapeutico previsto dopo l’ictus
che lo aveva colpito a fine agosto. L’estensione era
stata sostenuta dallo stesso governo indiano. In quella occasione, i legali del marò avevano consegnato
una nuova garanzia scritta firmata dall’ambasciatore
Mancini in cui l’Italia si era impegnata a rispettare la
scadenza dei tre mesi per il rientro di Latorre.
Il militare, che insieme al collega Salvatore Girone si
trova in libertà provvisoria dietro cauzione con l’accusa di aver ucciso due pescatori indiani, era stato
ricoverato il 31 agosto in seguito a un ictus cerebrale.
I suoi legali avevano poi chiesto alla Corte Suprema
l’autorizzazione a rientrare in Italia per la convalescenza. Il 12 settembre i giudici avevano quindi autorizzato Latorre “ad andare in Italia per cure mediche,
riabilitazione e proseguimento della convalescenza
per un periodo di quattro mesi” a partire dal giorno della sua partenza. E’ difficile azzardare previsioni,
ma è ipotizzabile che il funzionamento del canale diplomatico italo-indiano, la cui esistenza è stata confermata di recente anche da New Delhi, faciliterà il
buon esito della richiesta di rinnovo del permesso per
il militare pugliese.
Se invece dai giudici dovesse arrivare un ‘niet’ - ma
questo scenario è davvero poco probabile - si aprirebbe una nuova crisi che pregiudicherebbe il lavoro negoziale fatto finora con l’esecutivo di Narendra Modi.
Qualche giorno fa, i parlamentari e responsabili della
consulta sicurezza di Forza Italia, Maurizio Gasparri e
Elio Vito, hanno chiesto che Latorre non rientri in India. E ieri Gasparri ha rinnovato l’appello, accusando
il governo Renzi “di essere incapace e in ginocchio
davanti all’India”. Non solo, lo stesso parlamentare
azzurro ha annunciato la richiesta in Commissione di
chiarimenti sul ruolo del sottosegretario con delega
ai servizi Marco Minniti e delle “mortificazioni che sta
subendo in un presunto negoziato che starebbe conducendo con l’India”.
Stando alle ultime informazioni disponibili, che sono
poche, dato il riserbo assoluto di Roma, gli esperti
legali del governo indiano sono ancora al lavoro per
esaminare la “proposta” italiana presentata lo scorso anno e trovare una via di uscita all’aggrovigliata
vicenda giudiziaria entrata in un vicolo cieco dopo
le nuove indagini affidate alla polizia antiterrorismo
Nia. Una proroga del permesso a Latorre, e quindi il
congelamento dello status quo, permetterebbero di
avere ulteriore tempo per eventuali negoziati extragiudiziari.
Nel frattempo il ricorso alla Corte Suprema sulla competenza della polizia Nia ad indagare sul caso non
è ancora stato calendarizzato e per ora non ci sono
indicazioni di quando potrebbe accadere. E finché il
massimo organo giudiziario non si pronuncia, l’avvio del processo presso il ‘tribunale ad hoc’ (prossima
udienza il 1ø luglio) è di fatto bloccato. Una situazione kafkiana dato che la polizia Nia non ha ancora
presentato neppure i capi di accusa.
ITALIA
www.voce.com.ve | mercoledì 8 aprile 2015
7
DALLA PRIMA PAGINA
Arriva la crescita,...
Se alla fine dell’anno, l’economia
italiana riserverà delle sorprese più
positive sarà tanto di guadagnato,
ma per ora si è deciso di volare bassi.
In ogni caso la ripresa stavolta arriverà, con un’accelerazione a +1,4%
nel 2016 e +1,5% nel 2017 ma, a
differenza del passato, l’aumento del
Pil non sarà funzionale al rientro del
deficit. Anzi. Nonostante la maggiore spinta all’economia, gli obiettivi
di indebitamento restano infatti
quelli prefissati: 2,6% quest’anno,
1,8% nel 2016 e 0,8% nel 2017.
Come già sperimentato nella legge
di stabilità, il governo punta così
a garantirsi maggiori margini di
manovra, con risorse a disposizione
che, ha annunciato Renzi, dopo i
21 miliardi di riduzione della tassazione di quest’anno, potranno
“eventualmente”, “se ci saranno le
condizioni”, portare ad un ulteriore
taglio delle tasse a partire dall’anno
prossimo.
Stesso ragionamento vale anche per
il pareggio di bilancio, raggiungibile,
secondo l’esecutivo, già dall’anno
prossimo, ma confermato al 2017
proprio per “conferire una natura
espansiva alla programmazione
per il 2016”. Il deficit strutturale
rientrerà invece di appena lo 0,1%
del Pil e non - come comporterebbe
un’applicazione rigida delle regole
Ue - dello 0,5%. Grazie alla clausola
sulle riforme offerta dalla comunicazione sulla flessibilità Ue di cui
il governo intende avvalersi pienamente, la correzione sarà dunque di
circa un miliardo e mezzo, oltre 6 in
meno (pari allo 0,4% di differenza)
di quanto sarebbe invece costata.
Sul fronte del debito, il 2015 sarà
ancora un anno di difficoltà con
un’ulteriore salita rispetto ai livelli
record già toccati nel 2014. Poi, grazie anche al programma di privatizzazioni, inizierà la discesa e nel 2018
arriverà la vera svolta. Tra tre anni,
ha spiegato il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, “la regola
europea sarà pienamente soddisfatta. L’incubo della montagna del debito che può attivare la ghigliottina
delle regole sarà finalmente finito”.
Fin qui il quadro macro messo a
punto nella riunione del consiglio
dei ministri, aggiornato a venerdì
per l’approvazione del piano nazionale di riforme, la seconda costola
del Def che conterrà anche i dettagli
della spending review.
L’operazione di revisione della spesa
varrà circa 10 miliardi, ha chiarito
Renzi, anche se gli spazi di intervento sarebbero di circa il doppio.
Il premier ha citato come esempi le
partecipate pubbliche e i centri di
acquisto, assicurando che i tagli non
riguarderanno minimamente le prestazioni ai cittadini. L’impostazione
è anzi opposta. “La revisione della
spesa - ha puntualizzato il presidente del Consiglio - non è il tentativo
di far del male ai cittadini ma di
utilizzare meglio loro soldi. Non
tocca la carne viva degli italiani, ma
gli sprechi della P.A.”.
Berlusconi, piú
che alle prossime
scadenze
amministrative,
pensa a come dare
una veste nuova al
partito e per questo
preferisce tenersi
lontano da quella
che sempre di più
assomiglia ad una
guerriglia tra bande
Regionali, è guerra dentro Fi
L’ex Cav pensa al dopo voto
Yasmin Inangiray
ROMA - Deciso a restare
ancora qualche giorno in
Sardegna, Silvio Berlusconi
preferisce tenersi lontano
da quella che sempre di più
assomiglia ad una guerriglia tra bande che da mesi
tiene banco dentro Forza
Italia. Più che alle prossime scadenze amministrative, racconta chi in queste
ore è in collegamento con
villa Certosa, l’ex capo del
governo è concentrato già
sul dopo elezioni: poter
tornare innanzitutto in in
campo senza più condizionamenti, e poi dare una
veste nuova al suo partito (ed in questa direzione
va il mandato consegnato
alla fedelissima Mariarosaria Rossi di lavorare al
rinnovamento delle liste
elettorali) anche se questo
dovesse procurare spaccature del vertice nazionale e
di conseguenza dei gruppi
parlamentari.
Che la linea sia oramai
tracciata lo si intuisce chiaramente da quanto sta
accadendo per le elezioni
regionali su cui Berlusconi ha deciso di continuare
a tenere un “low profile”
(saranno sporadiche anche
le apparizioni in campagna
elettorale) lasciando che
ad occuparsi attivamente
della questione siano i suoi
fedelissimi, “cerchio magi-
Salvini: “La Lega pronta
sulla proposta Damiano anti-Fornero”
ROMA - La Lega “mette a disposizione le proprie idee
per l’economia e la crescita: apriamo un tavolo e discutiamone. Se serve, ci sono”: così Matteo Salvini che
a diMartedì su La7 ha detto che il Carroccio è pronto
a dare un “contributo di idee” al governo. Una ipotetica opposizione costruttiva. Ad esempio - ha detto
- “c’è la proposta Damiano per superare l’infame legge
Fornero: ebbene ragioniamo di quella e finiamola di
portare in giro Renzi come fosse Papa Francesco...”.
co” soprattutto. Ma nonostante al voto non manchi
moltissimo, la situazione è
tutt’altro che risolta.
Oggi Giovanni Toti con il
vertice locale azzurro aprirà ufficialmente la campagna elettorale in Liguria,
nel week end dovrebbe
sbloccarsi la situazione in
Campania per la corsa di
Caldoro. A tenere banco
però è la Puglia che rischia
di trasformarsi in un campo di battaglia con l’ipotesi
di una spaccatura del partito. Entro settantadue ore
al massimo, fanno sapere
i ben informati, Francesco
Schittulli avrebbe intenzione di chiudere la trattativa
ufficializzando, in caso di
mancato accordo, la corsa
con il sostegno di Fitto senza Forza Italia.
L’eurodeputato
pugliese
non sembra disposto ad accettare compromessi anzi,
l’intenzione è quella di
proseguire con gli attacchi
alla gestione del partito.
- Per le regionali, escludere chi ha consenso è suicida... - dice senza tanti giri
di parole il capo della minoranza azzurra che bolla
come “retorici” gli appelli
all’unità e come “finto” il
ragionamento che in questi giorni si fa sul rinnovamento interno.
- E’ solo un modo - accusa
Fitto - per lasciare tutto in
mano ai soliti autonominati.
Parole pesanti dietro cui si
nasconde, anche da parte
dell’eurodeputato, la consapevolezza che dopo le regionali si aprirà la vera partita per il centrodestra. Gli
affondi di Fitto non colgo-
no di sorpresa Berlusconi.
- Non ho mai messo in discussione la sua fiducia, ma
chiamasse in causa me - è il
ragionamento dell’ex capo
del governo con i suoi - e
non i miei consiglieri. Evidentemente sa che non
gli è utile puntarmi il dito
contro.
Ragionamenti,
quelli
dell’ex capo del governo,
che chiamano indirettamente in causa la tesoriera
e braccio destro Mariarosaria Rossi finita nel mirino
dopo l’ufficializzazione dei
criteri per la composizione delle liste elettorali. La
diretta interessata si tiene
lontano da repliche ufficiali ma, nei discorsi fatti nei
giorni scorsi, non esita a
dirsi convinta che in modo
sempre più chiaro l’obiettivo del capo frondista sia
quello di evitare qualsiasi
mediazione: dalle interviste e dalle dichiarazioni di
Fitto e dei suoi - è il ragionamento della senatrice azzurra - appare chiaro che il
loro interesse è solo quello
di non sedersi al tavolo per
la compilazione delle liste,
evitando di partecipare ad
un progetto di rinnovamento. Non si preoccupano nemmeno - avrebbe poi
aggiunto - di stilare un programma da proporre agli
elettori
8
MONDO
USA 2016
Rand Paul lancia
la corsa alla Casa Bianca
WASHINGTON - “Ho un messaggio forte e
chiaro: siamo qui per riprenderci il nostro
Paese”. Così Rand Paul, 52enne senatore del
Kentucky, dal palco di Luisville lancia la sua
campagna per la nomination repubblicana
nella corsa alla Casa Bianca. Ed è il secondo,
dopo il senatore del Texas Ted Cruz, anche
lui repubblicano, a sciogliere gli indugi e farsi
avanti ufficialmente, aprendo così di fatto la
stagione elettorale.
La sfida di Rand Paul è doppia: vuole e deve
conciliare quella voce libertaria, ‘fuori dal
coro’, che lo ha reso popolare - alla guida
dell’onda Tea Party dal 2010 che lo ha portato fino al Congresso quanto all’agognato
voto dei giovani - con la necessità di tenersi anche l’elettorato ‘tradizionale’, per avere
una chance prima di tutto sul fronte repubblicano che al momento appare quello più
affollato da aspiranti candidati presidenziali.
Lo fa però senza rinunciare all’attacco antiestablishment suo cavallo di battaglia, alla
critica più classica verso quella che chiama la
“macchina di Washington”. Una ‘macchina
della politica’ che anche negli Stati Uniti suscita reazioni appassionate: contro la chiusura elitaria, contro la distanza dagli interessi
veri dei cittadini.
Così Rand Paul non manca di ricordare quanto ami la sua vita da medico di una piccola
città, che gli fa ‘fare la differenza’. Da lì parte con la promessa di scardinare un sistema
per cui entrambi i partiti, democratico e repubblicano, ritiene responsabili. E allora “ripristinare” diventa parola chiave, evocando
più volte una “visione dell’America” che va
“ripristinata” con ‘’la Costituzione americana
in una mano e la carta dei diritti nell’altra”.
- Voglio guidare un ritorno: alla prosperità,
alla privacy, all’opportunità alla libertà. - dice
- Troppo spesso vittorie repubblicane si sono
trasformate in un’opportunità sprecata diventando parte della macchina di Washington. Questo non è ciò che io sono.
Per correre davvero deve tuttavia limare bene
il suo messaggio originario, renderlo più
mainstream, avvicinarsi anche ai toni più ‘tradizionali’ del padre Ron - per tre volte candidato presidenziale - che lo ascolta in platea
a Luisville e gli passa un’eredità politica (e
di sostegno, donatori inclusi) non solo utile
ma necessaria. Così oggi smussa il suo messaggio in tema di politica estera e di difesa
in risposta alle critiche che lo danno troppo
isolazionista- La mia visione è per un’America con una
difesa nazionale senza pari, imbattibile.
Sul programma nucleare iraniano è altrettanto chiaro nella convinzione che l’accordo
debba essere approvato dal Congresso, così
come non ha dubbi sulla minaccia terroristica:
- Il nemico è l’Islam radicale. Farò tutto il necessario per difendere l’America.
Stando ad un sondaggio condotto per la
Cnn, Rand Paul è al terzo posto per consensi
tra i repubblicani con il 12%, Jeb Bush è in
testa con il 16% seguito da Scott Walker con
il 13%. Ma il prossimo a scendere in campo
potrebbe essere Marco Rubio, pronto ad annunciare la sua candidatura già la prossima
settimana.
mercoledì 8 aprile 2015 |
Oggi, durante la riunione dell’euro working group, la Commissione potrebbe fare il punto della situazione.
Fonti dell’Ue fanno sapere che “non bisogna aspettarsi nessuna decisione” dall’incontro
Ue striglia la Grecia,
misure nella direzione sbagliata
Lucia Sali
BRUXELLES - Nessun passo avanti nello stallo sul
fronte greco. Anzi, Bruxelles, sul punto di perdere la
pazienza, striglia Atene: le
misure della lista necessarie
per sbloccare gli aiuti, fanno sapere fonti Ue, “vanno
nella direzione sbagliata”. Il
nervosismo cresce anche in
vista dell’incontro di oggi a
Mosca tra il premier greco
Alexis Tsipras e il presidente russo Vladimir Putin, in
una ridda di voci su trattamenti di favore per Atene,
da prestiti a sconti sul gas
sino all’allentamento del
bando russo sulle importazioni per alcuni prodotti
agroalimentari.
La Grecia intanto continua
a soffiare sul fuoco con la
Germania, mettendo sul
tavolo la cifra di 279 mld
per i rimborsi dei danni di
guerra.
- I contatti sono in corso si premura di assicurare la
Commissione Ue, che però
non conferma nessuno incontro politico di alto livello tra Atene e Bruxelles. I
giornali greci avevano invece ventilato l’ipotesi di un
bilaterale tra il ministro delle finanze Yanis Varoufakis
e il commissario agli affari
economici Pierre Moscovici
per giovedì.
Intanto oggi si terrà anche
la riunione dell’euro working group, “una buona
occasione per fare il punto
della situazione” secondo
la Commissione. Ma, fanno sapere fonti Ue, “non
bisogna aspettarsi nessuna
decisione” dall’incontro. Il
punto è che “non ci sono
stati sviluppi significativi
Usa pronti a depennare
Cuba dalla lista nera del terrorismo
NEW YORK - Al Vertice delle Americhe a Panama il 10
e 11 aprile, Barack Obama si presenterà con una nuova
svolta nei confronti dell’Avana: la rimozione di Cuba
dalla lista nera Usa dei Paesi che sponsorizzano il terrorismo. E allo stesso tempo, potrebbe arrivare anche
la “storica” stretta di mano con il presidente cubano
Raul Castro.
Come si dice in questi casi, ‘il condizionale è d’obbligo’, perchè di ufficiale ancora non c’è nulla, ma le informazioni lasciate filtrare dalla Casa Bianca lasciano
ben pochi dubbi.
- La nostra aspettativa è che Cuba venga tolta dalla lista nera - ha detto alla Cnn un funzionario protetto
dall’anonimato, secondo il quale, anche se l’annuncio
dell’amministrazione ancora non c’è stato, prevedibilmente il Dipartimento di Stato renderà nota al Governo la sua richiesta in tal senso al più presto oggi. Parole che fanno peraltro seguito a quando ha detto a sua
volta il vice consigliere per la sicurezza nazionale Ben
Rhodes, secondo il quale il Dipartimento di Stato “ha
quasi completato” la sua revisione della Lista per ciò
che riguarda Cuba, e non eè esclusa la possibilità di un
annuncio entro questa settimana. Ovvero entro i tempi
per il vertice delle Americhe.
Giorni fa Roberta Jacobson assistente segretario di Stato
per l’America Latina - e capo della delegazione ai colloqui con l’Avana - ha inoltre detto che Barack Obama
“sapeva, quando ha accettato di andare (a Panama), che
Cuba era stata invitata, che ci sarebbe stata una interazione” e quindi, per essere ancora più chiara, ha detto
esplicitamente che “ci sarà una interazione con Castro”.
L’iscrizione di Cuba nella lista nera dei Paesi che sponsorizzano il terrorismo è stata finora uno dei maggiori ostacoli alla riapertura dell’ambasciata americana
all’Avana e di quella cubana a Washington. E anche se
il presidente accetterà la richiesta del Dipartimento di
Stato, come è prevedibile, il Congresso avrà poi 45 giorni di tempo per approvare la decisione. Lo stesso Ben
Rhodes ha esortato alla prudenza per quanto riguarda
la riapertura delle rispettive ambasciate.
- Quando come in questo caso ci sono due Paesi non
si sono parlati per oltre 50 anni, il lavoro da fare per
superare diverse questioni è molto - ha detto.
Ma in ogni caso, il tragitto sembra ormai tracciato e
viene percorso a passo veloce. In fondo, lo storico annuncio in contemporanea di Obama e Castro che Usa e
Cuba si avviano verso il ripristino di normali relazioni
diplomatiche risale solo al 17 dicembre scorso.
nelle ultime settimane”,
anzi, rispetto alle richieste
di Bruxelles “molte domande restano senza risposta”.
In particolare, il problema
riguarda le misure rivolte
ai più vulnerabili che “non
sono abbastanza mirate” e,
con la loro formulazione
vaga, “aprono la porta anche ad altri beneficiari” e
quindi “non ci sono stime
esatte sui costi e sulle coperture”.
Nella partita Atene ha rimesso sul piatto anche le
compensazioni per i danni
di guerra, quantificando in
279 mld (sono 240 quelli
ricevuti in prestito per la
crisi) i risarcimenti che la
Germania le dovrebbe.
- Un dibattito stupido - lo
ha bollato il vicecancelliere Sigmar Gabriel, secondo
cui le due cose non hanno
nulla a che vedere. Con la
Grecia che si è impegnata a rispettare le scadenze
dei rimborsi ai suoi creditori ha allora preso quota
l’ipotersi di un prestito
russo, ma il ministro delle
finanze di Mosca Anton Siluanov ha smentito. Si parla anche di un potenziale
sconto sul gas e di un allentamento dell’embargo
russo su fragole, pesche e
formaggi greci. Uno scenario sminuito a “speculazioni” dalla Commissione
Ue, che però ha lanciato
lo stesso un avvertimento
alla Grecia:
- La politica commerciale è competenza esclusiva dell’Ue, e tutti gli stati
membri devono avere un
uguale trattamento e parlare con una voce sola.
SPORT
www.voce.com.ve | mercoledì 8 aprile 2015
9
FORMULA UNO
Raikkonen sfida la Mercedes:
“La Ferrari è forte”
Sul campo della Fiorentina,
i Bianconeri ribaltano la sconfitta
subita a Torino e il prossimo 7 giugno
cercheranno di conquistare la loro
decima Coppa Italia: al Franchi finisce
3-0, segnano Matri, Pereyra e Bonucci
Una Juve da urlo
si prende la finale
FIRENZE - Anche senza
Pirlo, Pogba e, in extremis
Tevez, la Juventus è riuscita a espugnare il Franchi
superando la Fiorentina
per 3-0 e conquistando
così l’accesso alla finale
di Coppa Italia.
Un’impresa, come l’ha
definita a caldo Massimiliano Allegri, che certifica
la superiorità dei bianconeri a livello nazionale. E’
stato l’ex Matri, alla prima
da titolare, dentro per
sostituire l’asso argentino
fermato da un infortunio
muscolare, a sbloccare il
match dopo appena 21’,
poi lo scatenato Pereyra
ha raddoppiato poco prima dell’intervallo e quindi Bonucci, su corner di
Marchisio, ha timbrato il
3-0 che di fatto ha spento
i sogni della Fiorentina.
Allegri aveva detto di
crederci e aveva ragione:
anche con una squadra
priva di molti titolari
(durante il riscaldamento
si è infortunato ai flessori
pure Lichsteiner, al suo
posto Padoin) il tecnico
bianconero sapeva che la
rimonta era possibile anche dopo la sconfitta per
2-1 subita contro i viola
un mese fa a Torino. Unico neo: l’espulsione nel finale di Morata per un fallo da dietro su Diamanti
che costerà allo spagnolo
la finale. Una vera sciocchezza seppur sanzionata
esageratamente dalla modesta direzione di Massa.
Mancherà nella finale di
giugno pure Marchisio, al
rientro dopo l’infortunio
al ginocchio che tanto ha fatto discutere in
nazionale: il centrocampista, diffidato, è stato
ammonito per un inutile
battibecco con Gonzalo
Rodríguez.
La Fiorentina è uscita comunque fra gli applausi
dei suoi tifosi che hanno
continuato ad incitarla
anche quando era sotto
di tre gol. Ha però perso
l’ennesima occasione la
squadra viola: Diego e
Andrea Della Valle in tribuna erano delusi come
del resto tutti i tifosi, ma
è anche vero che Montella e i suoi restano in corsa
per l’Europa League e un
piazzamento importante
in campionato.
I viola hanno pagato l’assenza contemporanea
dell’infortunato Pizarro e
dello squalificato Badelj
cosicché il centrocampo
ha sofferto da subito la
verve di Pereyra e compagni: senza riuscire a
far gioco la Fiorentina
ha faticato a innescare
le sue bocche di fuoco,
da Gomez (sostituito a
metà ripresa con Babacar)
a Salah che pure aveva
iniziato bene illudendo il
popolo viola che potesse
replicare le prodezze della
semifinale d’andata, vinta
dalla Fiorentina con una
sua doppietta. All’egi-
ziano è stato annullato
un gol sullo 0-0 per una
spinta a Padoin evidente,
poi Chiellini e Bonucci lo
hanno controllato senza
troppi affanni. Anche
a Gonzalo Rodríguez è
stata annullata una rete
al 37’ del primo tempo,
sullo 0-1, per fuorigioco.
Ma è stata sempre la Juve
a dominare in lungo e
largo, come non era stato l’anno scorso quando
sempre al Franchi i bianconeri eliminarono i viola
dall’Europa League (una
maledizione per Montella
e i suoi) con una punizione di Pirlo che neutralizzò
l’1-1 dell’andata. Stavolta
non ci fosse stato Neto il
punteggio avrebbe anche
potuto essere più rotondo. Tre a zero, come a
Dortmund contro il Borussia: miglior viatico in
attesa della imminente
sfida di Champions League con il Monaco non
potrebbe esserci.
ROMA - La Ferrari è forte e anche in Cina farà vedere
di poter lottare con le Mercedes, anche se le Stelle d’Argento restano le vetture più veloci. A quattro
giorni dal terzo semaforo verde della stagione 2015
a Shanghai, Kimi Raikkonen accende la sfida tra la
scuderia di Maranello e il team campione del mondo
dicendosi ottimista sulle chance della Rossa di poter
dire la sua anche domenica dopo la bella prova a Sepang.
“Potrebbero essere state le condizioni, molto calde e vantaggiose per noi, a favorire il risultato della
Malesia - spiega il pilota finlandese - Ma credo che
anche a Melbourne, se fossimo stati alle spalle delle
Mercedes all’inizio, non sarebbero scappate via eccessivamente”. Parlando delle prestazioni della sua
Ferrari, Iceman si ‘scioglie’ in una serie di considerazioni all’insegna dell’ottimismo: “Ovviamente ogni
circuito, ogni condizione climatica e tutto il resto giocano una parte importante nel risultato, ma per me e’
chiaro - aggiunge Raikkonen come riporta il giornale
tedesco Speedweek - che abbiamo una monoposto
competitiva, anche nel caso in cui non faccia caldo
come a Sepang. Stiamo lavorando per migliorare in
qualifica. Abbiamo fatto enormi progressi rispetto al
2014, tutti i cambiamenti sono stati corretti, lo sviluppo è in esecuzione come dovrebbe. A poco a poco
ci avviciniamo alle Mercedes”.
RIO 2016
Futuro hotel olimpico occupato da decine di senzatetto
RIO DE JANEIRO - Biglietti già in vendita, qualche ritardo e tante polemiche nell’ultimazione delle strutture per l’Olimpiade
di Rio de Janeiro. E adesso si aggiunge un caso che potrebbe
rappresentare un campanello d’allarme importante a poco
più di un anno dai Giochi: decine di senzatetto hanno invaso
un immobile che avrebbe dovuto diventare un hotel 4 stelle
in vista dell’Olimpiade della metropoli carioca.
Un problema di difficile soluzione. Perché allontanare i senzatetto dall’edificio avrà fatalmente implicazioni politiche.
L’edificio, che fu l’antica sede del club di canottaggio del Flamengo, nel 2012 era stato dato in concessione a Eike Batista,
l’ex miliardario brasiliano ora al centro di una inchiesta per
il fallimento della sua società petrolifera. Ma il progetto di
trasformarlo in un albergo di lusso da allora è rimasto solo
sulla carta, e quindi i senza tetto hanno occupato. E a questo
punto tanti saluti per sempre all’hotel.
Shanghai rappresenterà per la Ferrari un banco di prova importante per testare le sue potenzialità in questo
campionato: “Sappiamo di non essere esattamente
veloci tanto quanto loro, almeno sul giro singolo,
ma - ricorda Raikkonen - stiamo lavorando su questo
aspetto e guardando a come abbiamo concluso lo
scorso anno rispetto all’inizio di questa stagione, si
tratta di un grande salto in avanti. La squadra ha fatto
le cose giuste, spingendo nella direzione corretta e
piano piano proveremo a raggiungere le Mercedes”.
E da parte sua la Mercedes punta a tornare davanti
subito alla Ferrari, come puntualizza il campione del
mondo Lewis Hamilton : “Shanghai è una delle mie
località preferite. Il circuito è diverso rispetto all’Albert Park e Sepang, ma è una pista che mi piace molto e si adatta piuttosto bene al mio stile di guida. Qui
ho vinto l’anno scorso e - aggiunge il pilota inglese
della Mercedes - non sono andato a podio solo due
volte, quindi l’obiettivo è continuare così e tornare
davanti”.
Il nostro quotidiano
A cargo de Berki Altuve
Salute
Il nostro quotidiano
10 | mercoledi 8 aprile 2015
Según la Organización Mundial de la Salud, los víveres que contienen bacterias, virus, parásitos o sustancias
químicas dañinas, causan más de 200 enfermedades, que van desde la diarrea hasta el cáncer
NOVEDADES
La actividad física beneficia cuerpo,
cerebro y espíritu
Importancia de la inocuidad
de los alimentos
CARACAS- Según la Organización Mundial de la
Salud (OMS), los alimentos
insalubres son los causantes
de la muerte de aproximadamente dos millones de
personas al año, siendo en
su mayoría niños. De igual
manera, aquellos víveres
que contienen bacterias,
virus o sustancias químicas
nocivas, causan más de 200
enfermedades que van desde diarrea hasta el cáncer.
Por esta razón, este 2015 la
OMS eligió esta temática
como el punto central de la
campaña del Día Mundial
de la Salud, a celebrarse todos los 7 de abril, como una
manera para crear conciencia en la población sobre la
importancia de fomentar
medidas que mejoren la
inocuidad de los alimentos desde su producción,
hasta el momento de su
consumo.
No cuidar la salubridad de
los alimentos puede generar la propagación
de los riesgos microbiológicos, con
bacterias como la
Salmonella o
Echerichia
Coli, según
expresa el
portal
w e b
del organismo.
“Solo las
enfermedades
diarreicas matan a
1,8 millones de niños cada
año, y la mayoría de ellas
son atribuibles a aguas o
alimentos contaminados”.
De igual manera, su preparación adecuada puede
evitar la mayoría de estas
patologías, por lo que los
habitantes de las zonas
urbanas, los cuales consumen más com i d a s
pre-
paradas fuera de casa,
poseen más riesgo de padecerlas.
“Aproximadamente un 75%
de las nuevas enfermedades
infecciosas humanas aparecidas en los últimos 10 años
fueron causadas por bacterias
y otros virus que surgieron
en animales y productos
animales. Muchas de esas
patologías están relacionadas
con la manipulación de animales domésticos y salvajes
durante la producción de los
alimentos en los mercados y
mataderos”, indica.
Por ello, es recomendable
tomar medidas de higiene desde el momento de
su producción hasta su
preparación en casa. En el
hogar, Sanitas Venezuela le
invita a:
s3EPARARLACARNEYLOSVÓVEres crudos de los cocinados.
s,AVARSELASMANOSALCOCInar y mantenerlas limpias
en todo momento, especialmente antes de comer.
s #OCINAR BIEN LA CARNE
de manera que no queden
zonas de color rosado.
s 0RESERVAR LOS ALIMENTOS
a temperaturas adecuadas.
s 5TILIZAR AGUA FILTRADA E
ingredientes bien lavados.
s-ANTENERLALIMPIEZAEN
la cocina.
TRATAMIENTO
ANEW Rejuvenate
CARACAS- Conocido como el
primer tratamiento antiedad,
ANEW ha venido revolucionando la industria de la belleza en todo el mundo, debido
a los exitosos resultados que
han experimentado las féminas que hacen uso de cada
producto que conforman la
marca.
Actualmente la línea cuenta
con diferentes tratamientos,
/3$4-&))
Un sorriso splendido vale più di mille parole
Dr. Giacomo Figliulo
Coronas - Implantes
!"
#$%&&'&()*+(&()++$%-&-'+&&&*
cada uno con formulaciones
y propiedades específicas
para acompañar a las mujeres en las distintas etapas de
su vida. ANEW Rejuvenate, es
el primero de ellos, dirigida a
mujeres mayores de 25 años,
quienes buscan en una crema
toda suavidad y que a su vez
les garantice un cutis menos
graso.
ANEW Reversalist, también
forma parte de estos tratamientos, cuyos ingredientes
combaten el decaimiento,
permitiendo que la piel genere por sí misma, todos los
nutrientes necesarios para
mantenerse fresca y lozana.
Ultimate cuenta con una exclusiva formula que combina la tecnología Pro-Sirturin
Peptide Complex con la Pro-X
Complex, que ayuda a reparar
el daño causado por el paso
del tiempo, deteniendo el envejecimiento de la piel.
Está demostrado que la actividad física regular ayuda a mantener el cuerpo sano y combinada con una buena alimentación
mejora la calidad de vida y el bienestar individual. Pero a su vez
trae consigo otros beneficios a nivel psicológico, neurológico
y espiritual, como lo avalan varios especialistas en distintas áreas médicas.
De acuerdo con la Organización Mundial de la Salud, la inactividad física es el cuarto factor de riesgo más importante de
mortalidad para las personas. Sus estudios indican que la falta
de ejercicios es la principal causa de aproximadamente 25%
de los casos de cáncer en el colon y mama, 27% de diabetes y
30% de cardiopatía isquémica.
Dado al aumento de los problemas de salud asociados a una
vida sedentaria y con deficiencias alimenticias, desde 2002 la
OMS celebra cada 6 de abril el Día de la Actividad Física.
Ricardo Javornik, experto en medicina deportiva y embajador
de la cadena Gold´s Gym Venezuela, indicó que la actividad
física es útil en el campo de la medicina preventiva al sacar a
las personas del sedentarismo. “Se ha demostrado que 30 minutos diarios de ejercicio de intensidad moderada, producen efectos
benéficos sobre el sistema cardiovascular, pulmonar, muscular,
digestivo, cerebral y metabólico”.
El especialista explicó que el acondicionamiento físico tiene
como objetivo mejorar variables como el peso, la grasa corporal, resistencia, fuerza muscular y flexibilidad, y se desarrolla
mediante un plan específico que generalmente amerita hasta
una hora diaria de trabajo.
Por su parte el neurólogo Ciro Gaona y aliado de Gold´s Gym,
sostuvo que hay evidencia científica que asocia el ejercicio con
tener un mejor cerebro. “Cada vez que hacemos una actividad
física se activan los circuitos de las neuronas, facilita la liberación
de sustancias que tienen funciones neurotróficas, es decir, sirven
como abono para facilitar el cuidado, formación y comunicación
(sinapsis) de esas células del sistema nervioso”.
Gaona quien es también director médico de la Fundación Alzheimer Venezuela añadió que la actividad física disminuye
el riesgo de desarrollar trastornos cognitivos y enfermedades
neurodegenerativas. En caso de que ya se tenga el diagnóstico,
puede disminuir la velocidad de progresión de la patología.
El neurólogo aseveró que el ejercicio físico colabora también
en el equilibrio de los neurotransmisores, lo que facilita la motivación, atención, memoria, aprendizaje y promueven condiciones para tomar mejores decisiones y ser creativos. “Es extraordinario para cuidar ese precioso milagro que es nuestro cerebro,
ese órgano físico y espiritual que marca nuestra vida y la de todos
en nuestro entorno”, señaló.
A su vez la psicóloga María Garassini indicó que la actividad
física y el bienestar psicológico tienen una relación muy importante para lograr salud y bienestar. “Realizar actividades y ejercitación física producen endorfinas que cuidan el sistema inmunológico y permiten tener más energía y sentimientos positivos de
orgullo, satisfacción, alegría hacía uno mismo y buena disposición
para el relacionamiento con los demás”, concluyó.
ODA
Il nostro quotidiano
Il nostro quotidiano
11 | mercoledì 8 aprile 2015
Conoscere i suoceri
Conoscere i suoceri è un passo importante e bisogna essere preparate ma senza farsi
angosciare da questo fatidico
incontro, alla fine ammettiamolo non è che tutte le suocere sono come Jane Fonda
nel celebre film “Quel mostro
di suocera“, mediamente non
sono neanche zuccherini o
persone con cui poter essere
amiche, ma diciamo che con
un pò di buona educazione e
qualche chilometro in mezzo
si può convivere felicemente.
Un pò di tempo fa avevamo
visto i consigli per presentare
il vostro lui ai vostri genitori,
oggi invece giochiamo fuori
casa e vediamo come sopravvivere all’incontro con i no-
stri futuri suoceri, evitando il
terribile e irreversibile odio a
prima vista!
Ecco qualche consiglio per
fare una bella figura senza
esagerare:
Non preparatevi troppo,
quindi niente vestiti apposta l’occasione, parrucchiere, manicure, pedicure, liposuzione, depilazione laser
ecc… fate un bel respiro e
ridimensionate tutto, state
solo incontrando due persone nuove, nulla di più! Sono
persone fondamentali per il
vostro uomo ma non dovete
diventare amici, basta solo
andare d’amore d’accordo
quando vi incontrate.
Chiedete al vostro fidanzato
se ci sono cose da sapere o
argomenti da evitare ma non
fate le investigatrici, insomma giusto per evitare di fare
gaffe colossali.
Siate voi stesse ed evitate di
strafare, non c’è bisogno di
farvi apprezzare a tutti i costi, i rapporti si costruiscono
con il tempo, offrite il vostro
aiuto ma non esagerate, ci sta
che la padrona di casa voglia
fare tutto da sola e fare anche
lei, una buona impressione.
Anche se i suoi genitori sono
gentili e vi mettono a proprio
agio non esagerate, mantenete compostezza e la semplicità, ovviamente senza fare
le signorine iper perfettine,
niente vino, niente battutacce, non lasciate niente nel
piatto anche se non vi fa impazzire quello che c’è dentro,
aiuta a sparecchiare ma se vi
dicono che non c’è bisogno
non andate in cucina di vostra iniziativa.
Evitate le confidenze con la
suocera, non chiedete consigli sul suo figlioletto e non
scherzate di lui con lei…
potreste scatenare il gene
dell’invadenza che è nel dna
di tutte le suocere!
Fuente
http://www.pourfemme.it/articolo/conoscere-i-suoceri-aiuto/4285/