Donne tra ricordi e futuro

Comune di Pratovecchio
PREMIO LETTERARIO
Donne tra
ricordi e futuro
2013 - I EDIZIONE
Premio letterario donne tra ricordi e futuro
riconoscimenti ottenuti
Medaglia Presidente Della Repubblica
Medaglia Presidente
del Senato della Repubblica
Con il patrocinio di
Medaglia Presidente
della Camera dei Deputati
• Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e
del Turismo - CUG - Biblioteca Casanatense
• Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali
• Regione Lazio
• Regione Toscana
• Roma Capitale
• Comune di Firenze
• Provincia di Arezzo
• Città di Viterbo
• Città di Bolsena
• Comune di Borgo San Lorenzo
• Comune di Nardò
• Comune di Stia (AR)
• Comitato Tricolore per gli Italiani nel mondo
• FIDAPA BPW Italy
• FIDAPA Sezioni Roma e Casentino con
Distretto Centro
• Associazione per le Pari Opportunità Empatia
• Stato Maggiore dell’Esercito Italiano
• Croce Rossa Italiana
• Ente Parco Foreste Casentinesi
• Fondazione Giovanni Paolo II
• Fondazione Migrantes
• Pro Loco di Pratovecchio
Associazione Culturale Scrivi la tua storia
Comune di Pratovecchio
Il Presidente Lorena Fiorini – cell. 3473506000
Via Roncegno, 5-00135 Roma
[email protected]toria.com
www.scrivilatuastoria.com
www.donnetraricordiefuturo.org
Il Sindaco Anselmo Fantoni
Piazza Migliorotto Maccioni,1
52015 Pratovecchio (Arezzo) – Italia
[email protected]
www.comune.pratovecchio.ar.it
COME NASCE IL PREMIO LETTERARIO
“DONNE TRA RICORDI E FUTURO”
Il Premio letterario Donne tra ricordi e futuro nasce dalla memoria. Una passione
nata dai racconti di vita vissuta all’interno della mia famiglia. Ho imparato a raccontare
i fatti che mi passavano accanto, i miei e quelli dei miei cari.
La vita ha finito per prendere un altro verso, non più sola in mezzo alla gente, ma in
compagnia di qualcosa che fluisce dalle mie dita verso i tasti del computer. Qualcosa
di incontrollabile, ha dato un senso al cammino, ha preso ogni giorno più spazio, mi ha
proiettato verso un mondo che ha finito per diventare il mio mondo. E la memoria ha
fatto la parte del leone.
Nelle pieghe degli scritti posso andare a ritrovare, ogni volta che sento nostalgia, le
persone amate e che si sono allontanate un po’. Posso cercare momenti preziosi vissuti, recuperare suggerimenti, comportamenti, pezzi di vita, posso ritornare sulla giusta
strada, smarrita dopo tanto sconquasso.
Un regalo a me stessa e agli altri, quelli che mi vivono accanto e quelli che cercano,
trovandoli, sentimenti, modi di vivere, spunti di riflessione. Rispolverare valori, riportarli
alla luce, tenerli accanto, riconquistare il quieto vivere e la serenità.
Il libro “Betty, sono Bruno” è il racconto di un
padre alla figlia, un regalo grande di un papà prima di lasciare il mondo terreno e volare via. Papà
Bruno mi ha donato la sua vita, i pensieri, le gioie,
le traversie, momenti belli e momenti drammatici.
Una condivisione d’affetti, di tempo dedicato
stando vicini, capirsi senza bisogno di parlare. Uno
racconta e l’altro scrive, uno ricorda e l’altro incalza, avido di sapere, di entrare nell’animo della persona cara per trattenerla, per abbracciarla in una
stretta gioiosa, per non lasciarla andare via del tutto. Un lavoro diventato gioia, mesi vissuti accanto a
ricordare, ricercare, vivere in sintonia, quella sintoBruno Fiorini
nia che ci aveva accompagnato tutta la vita.
Oggi il libro è diventato un e-book, pubblicato da Sefer Books e disponibile su www.
bookinbox.it.
Il Premio parte dal racconto e dalla sensibilità di Anselmo Fantoni, il Sindaco di Pratovecchio (AR) che, insieme a me, vuole dare spazio alla persona comune, quella che
abbiamo accanto, può essere un padre, una madre, una nonna, un nonno, uno zio,
una zia, un’amica del cuore, un amico caro. La persona alla quale ci dedicheremo non
entrerà nei libri di storia, ma noi la consegneremo alla storia di un’epoca, il Novecento.
Una storia personale entrerà a far parte della storia collettiva. Bruno Fiorini è l’uomo
comune, ha raccontato la sua storia a una donna della sua famiglia, in un racconto che
non tace nulla, nel bene e nel male. A quella donna, altre donne si uniranno, apriranno i
loro cassetti, ritroveranno gli scritti dettati dalla voglia di fermare il tempo e farlo ancora
3
viaggiare, con amore, recheranno un dono non solo alla propria famiglia, ma anche
alla propria Patria.
Il Premio è, quindi, rivolto alle donne che vogliano ripercorrere e raccontare le proprie e altrui esperienze di vita sul filo della memoria, valori, tradizioni, ricordi, emozioni
passate e ancora presenti. Un omaggio alle donne che hanno seguito la famiglia alla
ricerca di un futuro migliore e attraverso la scrittura ne hanno curato il ricordo presente
nei luoghi e nelle persone.
Lorena Fiorini
Testimonial del premio
La testimonial del Premio è Valentina Bisti.
Giornalista professionista dal 2001, laureata in
lettere indirizzo Spettacolo, ha frequentato la
scuola di giornalismo radiotelevisivo di Perugia.
In RAI ha lavorato a Costume e società, rubrica del Tg2, poi al Tg1 nelle redazioni Interni,
Cronaca e attualmente lavora nella redazione
Società e sport. Ha condotto lo Spazio meteo
all’interno del Tg1 delle ore 20,00. Ha ricoperto il
ruolo di inviata, all’Isola del Giglio, per seguire il
recupero della Costa Concordia, ha condotto il
Tg1 60 secondi e UnoMattinaEstate, negli spazi
di approfondimento del Tg1.
Valentina Bisti
Attualmente è conduttrice dell’edizione del
Tg1 delle ore 17,00.
Valentina Bisti ha visto nascere il Premio e lo ha seguito in tutte le sue fasi. È la
prima sostenitrice ed è anche grazie alla sua presenza, al suo impegno, al suo volto
pulito se il Premio ha potuto decollare e continuare la sua crescita.
L'ASSOCIAZIONE SCRIVI LA TUA STORIA
È un centro permanente di vita associativa per fini culturali, ricreativi e solidali.
Opera per sviluppare e diffondere la conoscenza della cultura, per favorire l'allargamento degli orizzonti umani e la crescita individuale attraverso iniziative e attività
culturali, artistiche e didattiche.
www.scrivilatuastoria.com
4
Le tappe del premio
La presentazione del premio si è tenuta il 24 gennaio 2013 a Roma, in Campidoglio, e a seguire a Pratovecchio, Viterbo, Bolsena e Firenze.
Il 5 ottobre si è tenuta a Pratovecchio la conferenza stampa di presentazione del
Premio.
Il 12 ottobre a Roma c'è stato un convegno sulla "storia" della prima edizione del
Premio Letterario.
La promozione è proseguita sulla stampa dedicata, sul web e con la costruzione
del sito www.donnetraricordiefuturo.org.
Campidoglio - Palazzo dei Conservatori, Sala Pietro da Cortona
Viterbo - Sala Regia, Palazzo dei
Priori
Roma - Biblioteca Casanatense
LA TELA DI dalisca
La tela, metafora della memoria, è la memoria ancestrale che
non teme lo scorrere del tempo, al di là di ogni cronologia, essa
sfida il tempo stesso consegnando all'umanità il "Ricordo" universale delle esperienze vissute, ricordo che ci indica la strada giusta
per il nostro cammino.
La Tela della Memoria
5
I NOSTRI NUMERI
Questi alcuni numeri sugli elaborati pervenuti alla Segreteria del Premio per la sua
prima edizione:
Le autrici che hanno partecipato al Premio sono state 206, per un totale di 387
elaborati.
La sezione “poesia” è la più gettonata con 164 singole liriche e 7 raccolte (73 componimenti in totale) per un totale di 237 opere pervenute da 81 autrici.
Segue la sezione “narrativa” con 12 romanzi presentati da altrettante scrittrici e
con 123 elaborati (racconti e novelle), opera di 98 autrici.
Gli ultimi numeri riguardano la “saggistica” con 4 lavori di altrettante autrici e la
“cucina in famiglia” con 11 elaborati, opera di 11 concorrenti.
Qualche curiosità: anche dall’estero sono pervenuti elaborati, dall’Algeria, Belgio,
Canada, Francia, Regno Unito, Slovenia, Spagna. Alcune autrici sono risultate nate
all’estero e domiciliate in Italia. Anche un uomo si è affacciato con un elaborato!
La sensazione è di grande impatto emotivo. Abbiamo avuto e abbiamo in mano le
storie delle donne italiane. Siamo entrati, in punta di piedi, nelle case e nei cuori della
gente. Comodamente seduti a casa stiamo viaggiando accompagnati dalla memoria
inserita nei meandri della storia. Quella storia che non leggeremo sui libri, ma che ritroviamo intatta nel nostro passato, un passato ricco e che preme spinto dalle parole, dalle frasi, dai racconti. La scrittura letta come veicolo per dare valore a quanto abbiamo
alle spalle, superare il presente e incamminarci con i nostri bagagli verso il futuro visto
con gli occhi dei sentimenti. Per i nostri figli, i nostri nipoti, per le persone che amiamo.
Tante le persone, tanti i professionisti, tanti i nomi di valore, tutti amici che con simpatia hanno seguito il Premio, hanno indirizzato, sostenuto questo viaggio, un viaggio
avventuroso, del cuore. Ognuno ha donato il proprio tempo, la propria attenzione,
ha dato il proprio contributo. In particolare ci piace segnalare il Comitato d’onore (del
quale fanno parte ben 54 personalità), il Comitato di lettura (con 21 esperti ed esperte) e la Giuria (altre 20 persone). A essi si è aggiunto chi ha amato il Premio, lo ha sostenuto e appoggiato.
6
Assetto del premio
Presidente Onorario: Anselmo Fantoni, Sindaco del Comune di Pratovecchio (AR)
Presidente del Premio e della Giuria: Lorena Fiorini, Scrittrice
Testimonial: Valentina Bisti, Giornalista TG1
COMITATO D’ONORE
Il Comitato d'onore, nominato dal Sindaco di Pratovecchio (AR) in accordo con il Presidente del Premio, svolge funzioni di rappresentanza e consulenza, è composto da
esponenti delle Istituzioni e da rappresentanti delle Accademie.
Maria Pia Ammirati, vice direttore Rai 1, scrittrice, Presidente Pari Opportunità Rai
Maria Grazia Avanzini, Relazioni esterne Newton Compton Editore
Mons. Patrizio M.R. Benvenuti, presidente Fondazione Kepha
Maria Grazia Bianco, docente universitario
Luigi Bizzarri, capo struttura Raitre, autore televisivo, divulgatore storico
Bruno Bonghesi, compagno di prigionia di Bruno Fiorini
Eugenia Bono, presidente Fondazione FIDAPA
Stefano Caccialupi, segretario generale A.N.E.I., Associazione Nazionale Ex Internati
Patrizia Cardone, architetto, scenografo
Margherita Carotenuto, filosofo, psicoterapeuta
Pia Celozzi Baldelli, professore universitario
Maurizio Chiavari, architetto
Clemencia Cibelli Tagliani, editore audiolibro "Betty, sono Bruno" di Lorena Fiorini raccontato da Bruno Fiorini
Mons. Agostino Corbanese, Segreteria di Stato, Vaticano
Gianfranco Duranti, direttore Teletruria
Francesca Fazzi, editore libro “Betty, sono Bruno” di Lorena Fiorini raccontato da Bruno Fiorini
Nuccio Fava, giornalista
Liletta Fornasari, docente universitaria, critico d'arte
Gianpiero Gamaleri, giornalista, docente universitario Università degli Studi Roma Tre
Giancarlo Governi, scrittore
Don Walter Insero, responsabile dell'Ufficio Comunicazioni Sociali del Vicariato
Eufemia Ippolito, presidente FIDAPA BPW Italy
Rossella Izzo, regista, direttore doppiaggio
Andrea Jengo, direttore Sede Rai per la Toscana
Giuseppe Marchetti Tricamo, docente universitario
Maria Enrica Monaco Gorni, delegato provinciale Storia CRI
Italo Moscati, giornalista, scrittore
Domenico Nucera, giornalista
Roberto Olla, giornalista TG1
Don Francesco Pasetto, docente, scrittore
Elio Pecora, poeta
Irene Pivetti, presidente Fondazione LTBF Onlus
7
Lucia Poli, attrice
Raffaella Restaino, presidente Fondazione W ALE Onlus
Francesco Rocca, commissario straordinario Croce Rossa Italiana
Guglielmo Rositani, consigliere di amministrazione Rai
Domenico Rossi, senatore
Lucrezia Ruggi d’Aragona, capo servizio Biblioteca del Quirinale
Claudio Santori, docente
Duca Amedeo Savoia d’Aosta
Learco Saporito, senatore
Grazia Sestini, docente
Pino Scaccia, giornalista, scrittore
Anna Scafuri, giornalista TG1
Veniero Scarselli, poeta, filosofo
Edda Silvestri, direttore Conservatorio Santa Cecilia
Vittorio Sindoni, regista
Juliana Stradaioli, CTIM, Comitato Tricolore per gli Italiani nel Mondo
Gianbattista Tagliani, direttore Canale Tre
Angelo Talocci, compositore
Francesco Torellini, direttore www.quotidianoitalia.it
Pamela Villoresi, attrice
Rosanna Vaudetti, presentatrice TV
Lucia Votano, già direttore dei Laboratori Nazionali del Gran Sasso
COMITATO DI LETTURA
Camillo Alessandrelli, docente universitario
Paola Benvenuti, docente
Angela Calderone, giornalista
Margherita Campiglio, laureata in pedagogia
Cristina Casetti, docente, critico letterario
Oscar Coltellacci, artista lirico, amante della lettura
Anna Rita D’Ascenzi, promoter
Carla Durante, giornalista
Tullia Ferrero, programmista-regista
Milli Fiori, programmista-regista
Barbara Gallo,docente
Gabriella Lazzoni, editor
Mara Costa Mariani, docente universitario
Maria Pia Langerano, poetessa
Gemma Menigatti Scarselli, docente
Silvio Manglaviti, ten. col. esperto geografo-storico
Carla Michelli Giaccone, critico d’arte
Alba Stella Paioletti Maffei, giornalista
Mirella Saulini, saggista
Gianna Silvestri, regista televisivo
8
LA GIURIA
1) Narrativa (romanzo, racconto, novella)
Claudia Mazzola, giornalista TG1
Giuseppe Noviello, docente universitario, ingegnere
Luciano Russi, docente universitario
Mirella Serri, docente universitario, scrittrice
Giuseppe Sicari, giornalista
2) Poesia (singola lirica, raccolta di liriche, lirica in forma di poema)
Ennio Cavalli, giornalista, poeta
Marco Dané, poeta, autore televisivo
Alessandra Di Tommaso, giornalista TG1
Mario Mazzantini, critico letterario, poeta
Mariù Safier, giornalista, scrittrice
3) Saggistica (storia, antropologia, sociologia)
Alessandra Cori, giornalista comunicazione istituzionale
Renata Giunchi Palandri, critico letterario
Rocco Panunzi, già responsabile logistica Esercito Italiano
Andrea Pettini, capo ufficio ricerche, RFL e Protezione della CRI
Antonino Zarcone, capo ufficio storico Esercito Italiano
4) Cucina in famiglia
Isa Grassano, giornalista, scrittrice
Pierluigi Rossi, medico, nutrizionista
Bruno Gambacorta, giornalista TG2
Giampaolo Trombetti, autore, presentatore Casa Alice Sky
Claudio Zeni, giornalista
9
LE FINALISTE
La Giuria del Premio Donne tra ricordi e futuro si è ripetutamente riunita e ha deliberato la rosa della autrici finaliste selezionate nelle seguenti sezioni:
• NARRATIVA, romanzo, racconto, novella
• POESIA
• SAGGISTICA
• CUCINA IN FAMIGLIA
Si tratta delle autrici indicate in ordine alfabetico qui di seguito:
- Stefania Buraschi e Francesca Mauri
- Nataša Cyijanović
- Maria Grazia De Castro
- Grazia Frisina
- Sonia Galdeman
- Margherita Litterio
- Rita Muscardin
- Maria Cristina Orga
- Roberta Pieraccioli
- Donata Robiolio Bose
- Nicolina Ros
- Carmen Salis
- Marta Signi
- Laura Sugaroni
- Anna Vailati Canta
- Anna Maria Vignali
La Giuria ha, inoltre, deliberato di assegnare un riconoscimento alla più giovane scrittrice e alla meno giovane indicate, qui di seguito, in rigoroso ordine alfabetico
- Anna Rita Meschini
- Valentina Papello
10
I DINTORNI DEL PREMIO
Come definire in poche parole il Casentino?
C’è chi ha proposto di chiamarlo la “Valle dello Spirito” e come dargli torto? Sono
innumerevoli gli edifici religiosi sparsi nel territorio: parlano di Dio i monasteri come
Camaldoli, i conventi come quello francescano della Verna, le badie vallombrosane come San Fedele di Poppi, i santuari, le pievi romaniche, le semplici priorie e le
cappelle.
I campi sono disseminati di croci, mèta delle rogazioni con cui si implorava l’aiuto
celeste sui seminati.
Non meno numerose – ai bordi delle strade – le edicole con l’immagine della Madonna e dei Santi, ingaggiati a tempo pieno dietro ricompensa di un fiore.
Qualcuno ha preferito dare risalto alle foreste di Camaldoli, di Campigna, di Badia
Prataglia, le più vaste d’Italia. Le piantate di abeti si alternano con i boschi di faggi, di
castagni e d’infinite altre specie vegetali. Tutti questi alberi imponenti e le piante fruttifere, i folti cespigli e le umili erbe dei prati giustificano appieno il titolo di “Valle Verde”
attribuito al Casentino.
I turisti restano colpiti dallo spettacolo dei castelli, delle torri, dei borghi
fortificati che dalle alture strategiche
dominano il territorio. La loro importanza è fuori discussione. Pur avendo una
storia già ricca prima del Mille, il Casentino ha acquisito i caratteri che lo
distinguono ancora oggi ne Medioevo,
in particolare nella fase dell’incastellamento. Merita perciò anche l’epiteto di
Il Castello di Romena
“Valle dei Guidi”, benché i monaci e i
Vescovi aretini abbiano conteso ai conti Guidi il titolo di “domini loci”, prima che arrivasse Firenze (nei secoli XIV-XV) a mettere tutti d’accordo.
Non sbagliano neppure quanti ripiegano sul vecchio nome “Alta Valle dell’Arno”. è
infatti il “fiume dal letto infossato”, nato dal Falterona, a plasmare il Casentino, grazie
ai torrenti che allegramente confluiscono nelle sue acque attraverso i mille fossi, veri
capolavori della natura.
Lo intuì Dante Alighieri, che in bocca a Mastro Adamo ha messo i famosi versi:
Li ruscelletti che di’ verdi colli
del Casentin discendon giuso in Arno
facendo i lor canali freddi e molli
sempre mi stanno innanzi…
E questa è l’immagine che si portano dentro i casentinesi costretti a vivere lontano
dalla loro valle: un’immagine carica di nostalgia.
11
Le costruzioni risalenti alle più diverse età e distribuite su tutto il Casentino, fino a
quote elevate, sono innumerevoli. Anche limitandoci a ricordare quelle che resistono
alle ingiurie del tempo e degli uomini in forme significative, l’elenco non si presenta
affatto esiguo.
Le pievi romaniche
Fra le tracce del periodo romanico emergono le grandi pievi, situate sulle principali
strade medioevali.
Pieve a Socana, non lontana da Rassina. La località è diventata famosa perché
ha accolto diversi culti legati fra loro in una sequenza fantastica. Il primo culto è attestato dal grande altare etrusco in pietra arenaria (m 5 × 3,75 × 1), costruito nel V
secolo a. C. sulla terrazza rivolta a est. In direzione opposta si è sviluppata, fra il XII e
il XIV secolo, la pieve di Sant’Antonino.
La Pieve di Romena
San Pietro a Romena fu
fondata, come si legge nel primo capitello a sinistra dell’entrata, tempore famis, cioè in tempo
di carestia, nell’anno 1152. Per la
perfezione con cui è lavorata la
pietra, soprattutto nell’abside, resta forse la testimonianza più interessante dell’abilità dei Maestri
Comacini.
Santa Maria Assunta di Stia risale al
secolo XII, ma è stata molto rimaneggiata
nel corso dei secoli. Oggi la arricchiscono
opere pittoriche di grande rilievo, e le fa da
corona Piazza Tanucci, uno degli spazi più
suggestivi dei borghi casentinesi.
La Pieve di Santa Maria Assunta
12
Monasteri e conventi
All’interno delle foreste storiche casentinesi, su un antico sentiero che congiungeva il Casentino alla Romagna, l’Eremo di
Camaldoli (1105 metri s.l.m.) e il Monastero omonimo (300 metri più in basso). Rappresentano da soli tanta parte della storia
dell’Alta Valle dell’Arno, da quando, all’inizio
del secolo XI, san Romualdo li fondò, coll’intento di congiungere la vita contemplativa
con la vita attiva. Il Codice forestale camaldolese rimane un documento
straordinario che anticipa temi di grande attualità, come quello relativo allo
sfruttamento “sostenibile” delle risorse
naturali.
Centro della spiritualità francescana
rimane il Sacro Monte della Verna,
in cui il “poverello di Assisi” ricevette le
stimmate nell’anno 1224. La memoria
Il Santuario della Verna
di san Francesco rivive nel groviglio dei
massi al cui interno volle trascorrere in
letizia periodi di dura penitenza, piuttosto che nella basilica costruita con il contributo
della fiorentina Arte della Lana, e divenuta fra l’altro famosa per alcuni capolavori dei
Della Robbia, disseminati per la verità in diversi ambienti dell’insigne convento: dalla
piccola chiesa di Santa Maria degli Angeli alla Cappella delle Stimmate.
Importanti per il loro legame con la famiglia comitale dei Guidi e con l’ordine camaldolese i monasteri di Santa Maria a Poppiena, detta per antonomasia la Badia,
e il Monastero di San Giovanni Evangelista, fondati rispettivamente nei secoli XI
e XII nel territorio di Pratovecchio. Più recente (risale al Cinquecento) il convento delle
domenicane intitolato a Santa Maria della Neve.
Proprio accanto a questi luoghi sacri, al centro di Pratovecchio, sorge il Palazzo
Vigiani, oggi sede del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona,
Campigna.
I borghi e i castelli
La notizia tramandata dal Villani, secondo cui dopo la battaglia di Campaldino (11
giugno 1289) i guelfi fiorentini distrussero oltre 40 castelli dei ghibellini alleati con Arezzo, induce a immaginare il territorio casentinese presidiato da innumerevoli torri fortificate. Di esse rimangono le memorie in
molti ruderi oggi completamente nascosti
da un’arruffata vegetazione spontanea, ma
anche in costruzioni tuttora imponenti.
Limitandoci a queste, ricordiamo che
alla prima fase dell’incastellamento, cioè
al periodo anteriore al 1050, appartengono Castel Castagnaio, Porciano, Romena
e Bibbiena. Romena è oggi il castello che
caratterizza l’alto Casentino con le sue tre
torri ancora svettanti in cima alle “coste” e
Il Castello di Poppi
13
con le sue diverse cinte murarie. Qui d’altra parte Dante Alighieri ha collocato l’episodio del falsario mastro Adamo, che per conto dei fratelli Guido, Alessandro e Aghinolfo, conti della famiglia Guidi, accettò di coniare il fiorino con «tre carati di mondiglia».
La condanna al rogo dell’abile artigiano riflette gli usi e i costumi del secolo XIII meglio
di tante testimonianze scritte.
Alla terza fase dell’incastellamento, che si colloca cronologicamente nella seconda metà del secolo XII, appartengono Castel San Niccolò, sopra Strada, e il castello di Poppi, senza dubbio il meglio conservato anche perché, dopo la cacciata
del conte Francesco Guidi (1440), è rimasto per secoli la sede del vicario fiorentino. è
sicuramente questo castello, con il magnifico borgo, costruito ai suoi piedi, che conviene visitare per avere un’idea di un mondo che ci portiamo dentro magari in maniera
inconsapevole.
Del Castello di Pratovecchio, in particolare dei lati orientali e meridionali, rimangono due testimonianze che, adattate alle nuove esigenze, sono tuttora presenti nella
vita del paese: il Teatro degli Antei e la Sala del Podestà, così chiamata perché
sede dell’autorità (il Podestà appunto), a cui era affidata l’amministrazione della parte più alta del Casentino, ossia dei popoli che facevano capo a Stia e a Pratovecchio. Qui abitò Dante Alighieri, accolto da Guido Selvatico di Dovadola e dalla moglie
Manentessa, dopo la sua condanna all’esilio. Nell’Epistola IV indirizzata a Moroello
Malaspina, il divino Poeta caratterizza la località da cui scrive come «prossima alla
corrente dell’Arno», «in mezzo all’alpi», ossia al centro di un’alta catena di monti. Non
si potrebbe definire meglio la parte più antica di Pratovecchio, il borgo che effettivamente sorge in prossimità dell’Arno ancora spumeggiante e chiaro, al centro dell’ampia conca delimitata dal Falterona, dalla Giogana, dalla Verna, dall’Alpe di Catenaia
e dal Pratomagno.
Francesco Pasetto
14
GLI AMICI CHE CI HANNO SOSTENUTO
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Agriturismo Castagneto Picci - Frazione Romena - Pratovecchio
Tel: +39 0575 58.38.36 cel.:+39 339.1521967 Fabio;+39 333.7706860 Giuliana
http://www.agritur-castagneto.com
Agriturismo La Chiusa - Loc. Gaviserri 1 - Pratovecchio
Tel: +39 0575.509066 - http://www.agriturismolachiusa.com
Agriturismo Mattoni - Viale Roma, 35 - Pratovecchio
Tel: +39 335.6036571 - http://www.agriturismomattoni.it
Agriturismo Podere Fiume di L. Brunelli - Via Romena, 48 - Pratovecchio
Tel: +39 0575/582088 - +39 333.7400960 - http://www.poderefiume.it
Azienda Agricola Maura Lucatello - Loc. San Donato, 24 - Pratovecchio
Tel.: +39 0575.582231 Cel.: +39 340.9096261 - http://www.agriturismolucatello.it
B&B IL CAMINETTO - Piazza Paolo Uccello, 39 - Pratovecchio
Tel: +39 338.6822378 - http://www.lepoggetta.it/b&bilcaminetto.html
B&B Valagnesi - Loc. Valagnesi di Gonzano - Pratovecchio
Tel: +39 0575.509038 Cell: +39 338.2818858 - http://www.agriresidencevalagnesi.com
B&B Villa Ciop - Via Pancaldi, 29 – 52015 Pratovecchio
Tel. +39 0575 582598; Cell: +39 338.8311495 - info: [email protected]
Borgo Corsignano - Località Corsignano - Poppi
Tel. +39 0575.500294 - http://www.borgocorsignano.it
Castello di Porciano - Loc. Porciano - STIA
Tel: +39 0575.583533 Cell: +39 337.671277 - http://www.castellodiporciano.com
Villaggio Poppiena - Fraz.S. Maria a Poppiena, 38 – Pratovecchio
Tel. +39 0575.58.11.93; Cell. +39 335.595.44.52 - http://www.agriturismopoppiena.com
…e inoltre
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Alberti - Ferramenta - Pratovecchio
Autocarrozzeria Cenni Roberto - Pratovecchio
Beoni Preziosi - Pratovecchio
Betilfa srl - consulenza informatica - Roma
Borri spa - Industrial Power Solutions - Bibbiena
Bresciani - Panificio - Pasticceria - Pratovecchio
Bresciani Cristina - Tabaccheria - Pratovecchio
Brocchi - Ortofrutta - Pratovecchio
Ceramiche Tapinassi - Castel San Niccolò
Cipriani & Fiorini - Cartolibreria- Pratovecchio
Claude V - Profumi del Casentino di Claudia
Vangelisti - Poppi
Consumi - Gioielleria - Ponte a Poppi
Da Giubbino - Alimentari - Pratovecchio
Della Nesta - Agenzia di Pubblicità - Arezzo
Fantechi Stefano - Arte del cuoio - Pratovecchio
Fattoria Poggiotondo - Subbiano
Fidapa Casentino
Fondazione Giovanni Paolo II - Pratovecchio
Francesca Scambelluri - Comunicazione italiana
- Roma
Il Crocus - Decori e arredi per la casa - Pratovecchio
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
La Sorgente spa - Inchiostri Per Stampa - Poppi
Lea Abbigliamento - Pratovecchio
Lina Giorgi - Cartolibreria Articoli Regalo - Poppi
Lunghi Cinzia - Pasticceria - Pratovecchio
Marinella - Parrucchiera - Parrucchiera
Massimo e Donella - Frutta Verdura Fiori
- Pratovecchio
Milloni - Panificio Pasticceria - Pratovecchio
Officina Italia di Lombardo Pietro
- Pratovecchio
Orlandi Dino - Macelleria - Pratovecchio
Orlandi Giampaolo - Pratovecchio
Orlandi Marcellino - Macelleria - Pratovecchio
Stock House di Maria Cristina Ristori Abbigliamento - Stia
Stylefactory - webdesign e grafica - Roma
T.A.C.S. - Tessitura artigianale - Stia
Tenuta Vitereta - Laterina
Tessilnova - Tessitura artigianale - Stia
Vama - Divani & Poltrone - Pratovecchio
VE.LA di Andrea Vezzosi - Legnami - Poppi
“La donna senza tempo” di Antonella Cappuccio, logo del premio, evoca le Madonne dei Della
Robbia, artisti radicati nel territorio del Casentino, dove nasce il Premio.
I colori dell’opera hanno una valenza simbolica: il blu, il colore del cielo, ci riporta al padre; il
verde, colore della natura, ci riconduce alla madre, mentre il rosa è il colore del futuro e della
positività in cui va visto.
Il libro che ha in mano offre lo spunto per avvicinarsi ai tanti ricordi che altrimenti andrebbero
perduti e lo sfondo con il Castello di Romena è di per sé uno dei simboli storici del territorio.
www.scrivilatuastoria.com
www.comune.pratovecchio.ar.it