Download - Federcarni

Federcarni n 2-2014:Federcarni n 2-2014.qxp 30/04/14 08:00 Pagina 1
www.federcarni.com
Supplemento al numero 4/2014
di Unioneinforma
Direttore responsabile: Gianroberto Costa
Redazione: Federico Sozzani
Impaginazione: Santa Santacesaria
Editore: Promo.Ter Unione
Sede e amministrazione: corso Venezia
47/49 - 20121 Milano
Stampa: Graphiti Industria Grafica
via Newton 12 - Pero (Milano)
Maggio 2014
Anno 4 - Numero 2
Trimestrale
di Federcarni
Il percorso di Federcarni
e lʼappuntamento di Imeat: lʼintervento
del presidente di Confcommercio
Carlo Sangalli
Orgogliosi
della Vostra identità
e attenti
al cambiamento
ed alle nuove idee
N
ella famiglia di
Confcommercio ci
sono categorie che
nascono da professioni “di
una volta”: professioni che
segnano i
quartieri delle nostre città, le
abitudini delle famiglie, i
sapori di un luogo. E ci
sono categorie che – sotto i
nostri occhi - stanno cambiando pelle e identità. Per
la crisi, certo, ma anche per
lʼevoluzione degli stili di vita,
degli usi e delle mode. Di
entrambe queste categorie
fanno parte i macellai, professione antica e sapiente a
cui, però, è stato chiesto di
segue a pag. 2
IMeat, tradizione e innovazione
F
Le iniziative Federcarni.
E intanto
la “nostra” nuova Federazione
sta nascendo
dando ai presidenti provinciali la certezza di poter
realizzare i loro programmi.
La Federazione, poi, si
avvale di alcuni presidenti provinciali considerati “esperti” che contribuiscono, con le loro
capacità particolari, a
rendere veramente
operativa e attenta ad
Maurizio Arosio, presidente
nazionale Federcarni
ogni novità la
Federazione stessa.
Questo sistema è anche
Un presidente vicario, un
economico e, una volta risaamministratore ed il presinato il passato (siamo già a
dente coordinano il sistema
buon punto), darà la possirappresentando le richieste
bilità di investire risorse nei
del Consiglio direttivo.
progetti e nel sostenere le
Semplice, essenziale, come
Associazioni più piccole o
dicevo.
nel crearne là dove non esistono.
Ma lʼaspetto più confortante
Questo è il numero
inalmente possiamo
dirlo: sta nascendo la
nuova Federcarni.
Cosa significa? Vuol dire
che il progetto del Consiglio
direttivo sta prendendo
piede, sta assumendo una
sua forma; il profilo si fa più
nitido e si inizia a costruire il
futuro.
Lo statuto, semplice ed
essenziale, dà alle
Federazioni regionali il riconoscimento di essere le fondamenta del nostro sistema.
I presidenti Federcarni
regionali sono il vero motore
della Federazione: così vicini ai soci macellai, rendono
possibile lʼincontro e la
costruzione delle idee,
3341221523
per collegarti
con Federcarni
segue a pag. 2
Le iniziative
promosse da Federcarni
“IMeat” 2014: gli espositori
Ecco cosa noi Macellai
facciamo ad “IMeat”
Qui in prima pagina gli sponsor Federcarni
Q
uesto evento Imeat
2014 porta la nostra
categoria ad avere
un momento di scambio
culturale e professionale
unico per completezza e
per rappresentanza, in
quanto coinvolge tutti i
macellai dʼ Italia.
Federcarni, domenica
18 maggio, vuole esprimere
al meglio questo momento
segue a pag. 3
Arredo Inox Srl Impianti
Pool Pack Srl Packaging
(KR) Calabria
(RE) Emilia Romagna
F.lli Pagani Spa Spezie,
Valnova Srl Arredamento
aromi, emulsionanti (MI)
(BG) Lombardia
Lombardia
Zanussi Professional
F.lli Galloni Spa
Forni, macchinari (PD)
Prosciuttificio (PR)
Friuli Venezia
segue a pag. 3 Giulia
Emilia Romagna
Federcarni n 2-2014:Federcarni n 2-2014.qxp 30/04/14 08:00 Pagina 2
La bottega
della carne
2
IMeat,
tradizione e
innovazione ..
Orgogliosi
della Vostra
identità...
segue da pag. 1
segue da pag. 1
di questo momento è dato
dalla fiducia e dalla credibilità che si sta creando intorno a Federcarni.
Diverse province che erano
lontane o si erano allontanate, hanno intrapreso un percorso che le riporterà in
seno alla Federazione:
Napoli (vedi in questa pagina n.d.r.) e Firenze,
Associazioni molto ben
organizzate, con il nostro
prossimo Consiglio direttivo
diventeranno parte integrante dellʼorganizzazione mentre a Roma la Confraternita
dei Macellai di S. Maria
della Quercia (vedi ancora
in questo giornale con il rinnovo delle cariche sociali e
il dialogo con Federcarni
n.d.r.) ha deciso di sostenere un gruppo di macellai
che vogliono costruire una
nuova associazione.
Federcarni è aperta a tutti,
a condizione di rispettare
unʼunica vera imposizione:
rispettare i soci macellai, i
quali sono lo scopo sociale
della Federazione e devono
essere sempre posti al centro delle nostre attenzioni.
Siamo molto soddisfatti
anche per i risultati ottenuti
nei confronti di grandi
aziende. I nostri partner storici come le coltellerie Dick,
la Fratelli Pagani, Mauri
arredamenti, Stagionello di
Arredo inox hanno confermato la loro fiducia e sono
presenti con noi a Modena
il 18/19 maggio per IMeat.
Ad esse si sono aggiunti il
famoso prosciuttificio Fratelli
Galloni; la Pool Pack
network di produttori di
packaging, Zanussi con i
suoi forni.
Oggi possiamo contare su
una gamma completa di
aziende importanti per il
nostro lavoro. A loro chiederemo di costruire, insieme,
offerte interessanti per i
macellai con prodotti di alta
qualità.
Ora affrontiamo il passaggio
di IMeat a Modena. Questa
fiera è diventata un riferimento per i macellai. Eʼ cresciuta così come è cresciuto il nostro interesse nel
parteciparvi. Non semplici
attori, ma protagonisti con
tre spazi espositivi dedicati
al nostro modo di vedere
lʼassociazionismo sindacale.
Proporre soluzioni alle
necessità quotidiane della
bottega, dimostrando che la
volontà nel fare e nel proporre del nuovo aiuta le
nostre attività.
Durante la fiera conosceremo colleghi che hanno fatto
dellʼinnovazione la loro fortuna commerciale, potremo
vedere preparazioni innovative e utilizzeremo forni per
seguire le tendenze non
nostre, ma dei consumatori
i quali danno segnali importanti. Vi porto un esempio: i
consumi di carne, specie di
bovino, sono in diminuzione, ma nel contempo stanno crescendo come funghi
quei ristoranti americaneggianti che propongono la
carne, in particolare alla
brace, come unica offerta.
E, quindi, può diventare una
risorsa importante la cottura. Street food, pranzo assistito, tavola calda, possono
diventare strategiche; conoscere le tecniche e capire il
nostro mercato aiutano al
sostentamento dellʼattività.
Uno spazio è dedicato alla
tradizione, ma in versione
moderna. Ci siamo chiesti:
come proporre in ogni stagione, ad un prezzo adeguato ai tempi, il meglio
della nostra professionalità?
Un tentativo di risposta la
danno quattro colleghi trasformando un quarto anteriore in attualissime prepa-
razioni di carne. Questa
dimostrazione ha un altro
significato: il macellaio non
può staccarsi dalla qualità
del prodotto che vende, la
qualità, spesso, si trova in
piccole produzioni locali, ma
queste non sono in grado di
soddisfare la richiesta, in
termini di quantità, di tagli
pregiati. Così è necessario
trasformare tutto in preparazioni di qualità al fine di utilizzare la mezzena nella
sua completezza.
Assieme a queste esibizioni
trasformarsi tanto per continuare a competere sul mercato, ma soprattutto per
capire il suo consumatore, i
suoi consumatori.
E così è successo anche
alla Federazione che riunisce i professionisti della
carne, una Federazione
che, per dare un “taglio”
decisamente più agile e
moderno alla propria attività, sta vivendo un anno di
profondi cambiamenti. Così,
oggi, Federcarni rinnova
statuto e profilo organizzati-
I macellai di Napoli
tornano in Federcarni
A
pa, Associazione dei macellai di Napoli, ha chiesto di tornare in Federcarni. Ufficialmente è
necessario attendere lʼautorizzazione del
Consiglio direttivo che avverrà in autunno, ma già da
ora vi è unʼampia disponibilità di tutti nel condividere i
prossimi passaggi della Federazione. A partire da questo IMeat dove la rappresentanza napoletana partecipa
agli eventi in programma.
si svolge in fiera
lʼAssemblea ordinaria di
Federcarni. Il bilancio economico, il resoconto di un
anno di attività, le proposte
per il futuro: tutto pubblicamente perché la trasparenza è un valore fondamentale della nostra Federazione.
Al termine partecipiamo ad
un convegno con due giovani imprenditori ed un
amico inglese di grande
esperienza nel mercato
della carne. Chiederemo
loro come possono due
aziende importanti, che
distribuiscono i loro prodotti
sia nella grande distribuzione sia nel tradizionale,
sostenere le differenze;
valorizzare non solo la qualità del loro prodotto, ma
anche la qualità delle nostre
botteghe e del nostro lavoro.
Concluderemo con un
incontro tra tutti i presidenti
provinciali presenti. Uno
scambio di idee, quelle rea-
vo, ma si rinnova anche
partecipando ad unʼimportante manifestazione come
“IMeat” di Modena.
Rimanere orgogliosi e consapevoli della propria identità e professionalità, ma
insieme incoraggiare lʼinnovazione: questo è il compito
di unʼorganizzazione di
categoria intelligente e
capace di accompagnare i
propri associati.
Perché lʼimprenditore che
innova è anche quello che
esce prima e meglio dalla
crisi e ognuno deve trovare
la propria strada allʼinnovazione. Ma è altrettanto vero
che il successo è “contagioso”, sollecitando negli altri
nuovi spunti, nuove idee,
nuove possibilità.
Ecco perché è terribilmente
importante per gli imprenditori “fare rete”: fare rete
dʼimpresa, fare rete sociale
nelle manifestazioni e nelle
fiere, e soprattutto fare rete
associativa, un formidabile
trampolino di lancio nel
futuro, ma anche un grande
tessuto che ci lega al nostro
passato. Ricordandoci che,
se “buon sangue non
mente”, la “buona carne”
non è certo da meno.
Carlo Sangalli
lizzate e quelle in via di sviluppo, un confronto aperto
per investire nelle attività
delle Associazioni.
Sarà una giornata densa di
proposte, faticosa, anche
con possibili errori, ma sicuramente sarà una giornata
di gioia, per incontrare
amici, per imparare o insegnare, per vivere in pieno e
insieme questo nuovo
passo verso il nostro futuro.
Concludendo, voglio ringraziarvi della fiducia; sono
sicuro che anche questa
volta sarà un successo, non
mio, ma di tutti i macellai
italiani e della loro forza nel
non smettere mai di credere
nel proprio lavoro. Grazie.
Maurizio Arosio
Presidente Federcarni
Federcarni n 2-2014:Federcarni n 2-2014.qxp 30/04/14 08:00 Pagina 3
La bottega
della carne
creando uno stand innovativo e polivalente, riuscendo a
collegare le radici del nostro
lavoro con la classica operazione di disosso e sfesatura,
passando per il nostro presente che sono i preparati a
base di carne, e guardando
verso il futuro che riguarda
la cottura e il consumatore
finale.
Lo stand, relativo alle radici
del nostro lavoro, è rappresentato dai colleghi
Graziano Zanetti, Gerardo
Mongiello, Ulisse Onofri,
Massimo Mandrioli: al suo
interno vengono eseguiti il
disosso e la sfesatura di un
quarto anteriore di bovino
adulto, sino a trasformarlo in
multiformi preparazioni,
Ecco cosa noi Macellai... zialità della cucina legata
al nostro lavoro e di
in modo da far connotare
come ciò possa costituire
la volontà di rimanere
segue da pag. 1
un ottimo modo di sostesempre con i piedi per
gno al nostro reddito e di
terra e fare tesoro di
valorizzazione della
quello che è il nostro
unʼora circa per lʼintera giorsapere, cioè la conoscenza
nata fieristica, rappresentan- nostra professionalità creando il giusto rapporto con la
delle sezioni anatomiche e
ze territoriali di colleghi che
clientela.
dei loro migliori utilizzi nella
eseguono preparazioni e
nostra attività per contribuire modi di esecuzioni particola- “IMeat” ha poi al suo interno
una manifestazione innovaad un migliore sostegno nel
ri provenienti dalla loro vita
tiva: Mistery Box, cioè una
nostro profitto.
lavorativa allʼinterno delle
dimostrazione a scatola
La seconda parte, prevista
varie realtà sparse per tutto
chiusa nel quale otto nostri
in un altro stand, riguarda la
il territorio nazionale.
colleghi provenienti da ogni
trasformazione della materia Nella terza zona, quella
parte dʼItalia danno fiato alla
prima e lʼesecuzione di un
della cottura, vengono cotte
preparato. Questa parte
propria fantasia e professiole preparazioni eseguite in
nalità creando preparati che
viene coordinata dal consifiera: cʼè un team di macelpartono da una base di
gliere Ilario Lui e da me:
lai, coordinati da Giorgio
materie prime non conosciuallʼinterno di questo stand si
Pellegrini, che si adopera
ta fino al momento in cui si
susseguono, ad intervalli di
per spiegare le reali poten-
aprirà la scatola. In questo
modo pensiamo di poter
creare un evento molto
competitivo (anche se
senza premio) con il solo
fine di mettersi alla prova e
dimostrare a se stessi e ai
colleghi presenti come si
può “creare” qualcosa di
unico partendo da zero. I
macellai che partecipano a
Mistery Box (inizio alle 13
c.a.) sono: Lorenzo
Scarcelli, Michele Napoli,
Matteo Fiorenzano,
Salvatore Patorno, Davide
Cecconi, Stefano Vitali,
Bruno Muraro e Pietro
Pironti. Ad essi il compito di
stupirci e di rappresentare la
cultura della carne e dei preparati..
Nella giornata di lunedi vengono riproposte le migliori
preparazioni del giorno precedente con il sostegno
delle Associazioni macellai
di Modena e di Bologna
Daniele Biassoni
“IMeat” 2014:
gli espositori
segue da pag. 1
Alimenta Srl Attrezzature (CN) Piemonte; Angelo Po Spa Arredamento
(MO) Emilia Romagna; Bedogni Egidio Spa ProsciuUificio (PR) Emilia
Romagna; Caber Srl Insaporitori e altro (BO) Emilia Romagna; Capitelli
F.lli Srl Prosciuttificio (PC) Emilia Romagna; Coldar Frigoriferi Banchi frigoriferi inossidabili (PD) Veneto; Confezioni Negri Abbigliamento (BG)
Lombardia; Costan Spa Attrezzature frigorifere (BL) Veneto; Droghe
Palma Commerciale Srl Spezie, aromi (TV) Veneto; Ecod Sas Casa
Editrice-Organizzatore (MI) Lombardia; Edizioni Pubblicità Italia Srl
Stampa (MO) Emilia Romagna; Eurocryor Spa Banchi frigoriferi (PD)
Veneto; Europrodotti Spa Food Ingredients (MB) Lombardia; Fazzini
Technology Coltelleria (LC) Lombardia; Fava Giorgio Axel Macchine e
impianti (PR) Emilia Romagna; ICS Snc Impianti asciugamento e stagionatura (MO) Emilia Romagna; Il Cantiniere dʼItalia Produttori vini e spu-
O
ltre 110 macellerie
di Firenze e provincia (il 5 aprile)
hanno devoluto il 5% dellʼincasso della “Giornata dei
Macellai” allʼAnt Italia onlus
che cura i malati terminali
di tumore gratuitamente a
casa loro. Un gesto di solidarietà - per sostenere il
servizio di assistenza domiciliare e i progetti di prevenzione oncologica - reso
possibile dalla collaborazione delʼʼAssociazione
manti (MI) Lombardia; La
Giardiniera di Morgan
Conserve (VI) Veneto; La
Nazionale della Carta Imballaggi alimentari (VI) Veneto; Lainox Ali Spa
Forni industriali (TV) Veneto; Lineaflesh Accessori per lʼigiene (VI)
Veneto; Menù Srl Industria specialitaʼ alimentari (MO) Emilia Romagna;
New Clean Srl Impianti pulizia (VR) Veneto; Officine Parmeggiani Srl
Attrezzature inox (MO) Emilia Romagna; Passione Preparati Zero glutine
Zero allergeni (VI) Veneto; Rationalltalia Srl Forni industriali (VE) Veneto;
Tecnafood Prodotti ed accessori (MO) Emilia Romagna 5 Ano 8 Prodotti
ed accessori (LT) Lazio; Qualitalia Srl Prodotti e accessori (FR) Lazio.
Tecnobrianza Srl Legatura e clippatura (MI) Lombardia; Trento Trade Srl
(TN) Trentino Alto Adige.
(elenco aggiornato allʼ11 aprile)
Devoluto il 5% dellʼincasso della “Giornata dei Macellai”
Dalle macellerie fiorentine
un aiuto all’onlus Ant
macellai di Firenze e Agiva
Federcarni di Pontassieve.
I negozi che hanno aderito
a questa nuova edizione
dellʼiniziativa hanno esposto la locandina che pubblicizzava lʼevento .
Ant da 36 anni garantisce
un servizio specializzato di
assistenza domiciliare gratuita attraverso medici,
infermieri e psicologi professionisti. La Fondazione
Ant realizza in tutta Italia
campagne di prevenzione,
informazione e controllo
delle neoplasie come il
Progetto melanoma (sono
state già compiute oltre
60.000 visite dermatologiche gratuite), il Progetto
per i tumori della tiroide e
quello dei tumori ginecologici e del carcinoma mammario (Bus della Solidarietà
dotato di mammografo digitale).
3
PUBB:Layout 1 29/04/14 08:54 Pagina 2
PUBB:Layout 1 29/04/14 08:55 Pagina 5
Qualità superiore dal 1960
Il bello di una lunga storia è che insegna ad andare sempre più avanti
Dal 1960 il prosciutto Galloni è ricco di sapori e di “sapere”.
E se è vero che le cose che “sanno”, sanno di buono, è con un sapere
solido, con una cultura di prodotto maturata nel tempo, capace di
innovarsi senza perdere il proprio significato originario, che si spiega la
ricchezza di sapore, il profumo, la morbidezza, il colore naturalmente
brillante di questo Prosciutto che incanta. Un Parma di qualità
superiore realizzato ancora, dopo oltre 50 anni, nel rigoroso
rispetto dei procedimenti della lavorazione tradizionale.
Prosciutificio Fratelli Galloni S.p.A.
www.galloniprosciutto.it
Federcarni n 2-2014:Federcarni n 2-2014.qxp 30/04/14 08:00 Pagina 10
La “Fratelli Galloni Spa”
La “Fratelli Galloni S.p.A.” è, da 54 anni,
un’azienda specializzata nella produzione di prosciutto di Parma di qualità superiore.
Fra i circa 150 produttori di prosciutto di
Parma, la “Fratelli Galloni S.p.A.” si distingue,
insieme con pochissimi altri, per avere mantenuto i procedimenti della lavorazione tradizionale a
salvaguardia dell’altissima qualità del vero prosciutto italiano: la salagione si effettua in modo
ancora del tutto manuale, la sugnatura è doppia
e, se necessario, tripla; la stagionatura avviene in
cantine ove si predilige la ventilazione naturale.
Grazie a un sofisticato controllo qualità, per
il quale abbiamo ottenuto la prestigiosa certificazione internazionale ISO 9001, siamo in
grado di fornire ampia garanzia sugli elevati
standard qualitativi del nostro prodotto.
Ulteriori riconoscimenti dei nostri sforzi sono le
certificazioni IFS e BRC.
La materia prima proviene da allevamenti
selezionati di pregiati maiali “maturi” pesanti di
genetica nazionale, alimentati in modo naturale e
sottoposti a rigorosi controlli sanitari.
Il prodotto su cui puntiamo è, infatti, un prosciutto dalla pezzatura generosa, che rende pos-
sibile una lunga stagionatura (di almeno 16 mesi
anziché 12 come comunemente previsto per il
Parma, fino a 24 mesi e oltre) con bassissime
quantità di sale.
Paesi nei quali siamo leader di mercato per qualità e volumi. Siamo inoltre abilitati all’export
per Canada, Messico, Brasile, Cile, Cina,
Singapore, Australia.
Anche in questo modo intendiamo differenziarci da produzioni che, orientandosi verso
un’alimentazione e una genetica dei suini simili
a quelle nordeuropee, hanno inevitabilmente
abbandonato le caratteristiche di dolcezza, fragranza e sapore del migliore prosciutto di
Parma.
Destinatari del prosciutto Galloni sono qualificati punti vendita e prestigiosi ristoranti in
Italia e all’estero.
Nel rispetto della tradizione, la “Fratelli
Galloni S.p.A.” è da sempre attiva nel campo
della ricerca e dell’innovazione. Ne è derivato,
insieme alla produzione del Parma, un prosciutto
di assoluta novità, “Dulcis”, il primo prosciutto
crudo a ridotto contenuto di sodio, arricchito con
potassio. Il prodotto è caratterizzato da un elevato profilo qualitativo e significative valenze
nutrizionali, in linea con le più recenti direttive
delle più importanti istituzioni internazionali in
materia di salute e alimentazione.
In seguito al riconosciuto rigore del nostro
lavoro, abbiamo ottenuto l’abilitazione ad esportare in Paesi con normative sanitarie particolarmente severe, quali gli Stati Uniti e il Giappone,
Fra le nostre referenze possiamo citare
“Peck”, “La Corte Di Montenapoleone” a
Milano; l’“Harry’s Bar” a Venezia; l’”Osteria
Francescana” a Modena; “KaDeWe” a Berlino;
“Globus Gourmet” a Mosca;“ Tetsuya” a
Sydney; “Balducci’s”; “Grace’s Marketplace”;
“Citarella”e “Dean & Deluca” a New York; i
Food Department Stores “Takashimaya” e
“Isetan” a Tokyo, e molti altri.
Abbiamo inoltre una pluriennale esperienza
con catene della grande distribuzione italiana
particolarmente attente a prodotti di alto profilo,
come Conad Centro Nord, Gigante, Finiper,
Pam, Unes, ecc.
La nostra organizzazione di vendita segue
con cura tutta la clientela, assicurando così, oltre
all’altissimo livello del prodotto, anche un’ottima qualità di servizio.
Ci trovi a Presezzo (BG) Viale I Maggio 18/20
Tel. 035.4376627 Email. [email protected]
[email protected]
L a bottega
della carn e
L’unione da forza ...
Mauri è un marchio con un
esperienza trentennale nel
campo della refrigerazione
commerciale, specializzata
nella progettazione e
allestimento di punti
vendita alimentari per
macellerie, gastronomie,
salumerie, panetterie,
pasticcerie e market.
La caratteristica del
marchio Mauri è porre
come obbiettivo la cura di
ogni negozio nei minimi
particolari, per quanto
riguarda l’innovazione
tecnologica, la funzionalità
e l’estetica.
Le richieste e le
motivazioni prospettate
dai clienti, vengono
rielaborate con gli
opportuni suggerimenti
per rendere esecutivo e
personalizzato un progetto
fino a quel momento
soltanto pensato.
Mauri dopo la prima fase
progettuale, offre la
garanzia di produrre
all’interno dell’azienda
tutto l’arredo che verrà
installato nei punti vendita.
L’affidabilità dei banchi
frigoriferi Mauri è ormai
conosciuta anche a livello
europeo: l’utilizzo di
materie prime della
migliore qualità,
l’introduzione di
macchinari e processi
logistici all’avanguardia,
unito al controllo di ogni
minimo particolare, da
parte di un personale
specializzato abituato a
misurarsi e ad assecondare
qualsiasi specifica
esigenza.
Come è ormai noto
l’introduzione della
cosiddetta
“somministrazione non
assistita” dove viene
consentito il consumo
immediato di prodotti
alimentari nei luoghi
Dalla fine del 2012 grazie
all’unione con Valnova S.r.l.,
oltre agli arredamenti per
negozi del settore food,
offriamo il su misura anche
per bar, ristoranti, hotel e
negozi in genere per poter
soddisfare qualsiasi
esigenza del Cliente.
adiacenti a quelli di
produzione, tramite
l’utilizzo degli arredi
dell’azienda, ha modificato
ed evoluto l’esigenza del
tradizionale negoziante,
portandolo ad inserire
nella propria bottega uno
spazio dedicato al
consumo diretto dei
prodotti di propria
produzione.
Ed è proprio per questo
motivo che entra in gioco
Valnova S.r.l. nata grazie
all’acquisizione dei marchi
Mauri, IBA e Lineart, società
già affermate e note nel
settore dell’arredo per bar,
ristoranti e hotel su misura.
Una grande sfida e
un'opportunità per tutti
coloro che credono in un
gruppo giovane con un
secolo di esperienza.
Valnova può contare, sul
Know-how e sulla serietà
professionale di un gruppo
che da oltre cinquant'anni
progetta e sviluppa
arredamenti su misura per
bar, ristoranti, pasticcerie,
gelaterie, negozi,
macellerie e gastronomie
ma anche alberghi
completi di camere e parti
comuni.
Studio, esperienza,
personalizzazione
dell'offerta e massima cura
durante la fase produttiva
sono la base della
produzione Valnova.
Somministrazione
non assistita:
Come ormai noto, a partire
dal 2009 grazie alla volontà
della Regione Lombardia,
di regolamentare una
nuova realtà a largo
sviluppo, si è dato il via alla
cosiddetta
“Somministrazione non
assistita”, disciplina per la
vendita da parte delle
imprese artigiane, di
prodotti alimentari di loro
produzione e
trasformazione.
Se la vostra attività
necessita di un rinnovo
non esitate a contattarci,
unendo le nostre forze
daremo vita alla vostra
nuova avventura.
Ci trovi a Presezzo (BG) Viale I Maggio 18/20 Tel. 035.4376627
Email. [email protected]
[email protected]
Federcarni n 2-2014:Federcarni n 2-2014.qxp 30/04/14 08:00 Pagina 11
Per andare incontro alle crescenti richieste degli operatori del settore, la Fratelli Pagani Spa ha messo a
punto negli anni la linea di prodotti esclusivi “Pagani
Chef”, che offre una vasta possibilità di scelta tra
ingredienti per la marinatura, la panatura, la farcitura e
le più gustose preparazioni culinarie.
Tutte le novità, i consigli e le ricette sono stati scelti e
catalogati nel ricettario “Pagani Chef”, oggi giunto
alla sua terza edizione, completo di nuove preparazioni incluse le applicazioni della nuova gamma
“Gustosì Pagani”.
Le 7 cremose marinate rigorosamente “made in
Italy” che verranno presentate in occasione di
iMeat 2014, costituiscono, infatti, la nuova grande
Innovazione che va a completare la già vasta linea
di prodotti Pagani Chef.
La caratteristica distintiva principale delle marinate
“Gustosì Pagani” è che sono frutto di uno studio
La Fratelli Pagani Spa
Nata nel 1909 per iniziativa di
Francesco e Filippo Pagani da un
negozio di coloniali, la Fratelli Pagani
Spa rappresenta oggi un’azienda leader in Italia nella produzione di ingredienti funzionali, spezie ed aromi per
la preparazione di carni e salumi, e
ne interpreta la migliore tradizione
gastronomica esportandola in tutto il
mondo. Nel corso di oltre 100 anni di
costante crescita, sviluppo ed innovazione nel settore alimentare, l’esperienza
acquisita si è tradotta in un ampio ventaglio di prodotti specifici che rispondono
importante condotto con l’impegno
diretto del Laboratorio di Ricerca e
Sviluppo che ne ha curato la messa a
punto. Ogni singola fase è stata gestita, sviluppata e controllata direttamente in azienda, senza l’appoggio di produttori terzi.
La gamma di sapori proposti è assolutamente esclusiva ed eterogenea,
lasciando molto spazio alla personale
interpretazione e alla tipologia di
impiego, con grande varietà di preparazione.
Un’altra importante caratteristica tecnica da sottolineare è che le Marinate
“Gustosì Pagani” contengono olio di
oliva e sono senza additivi. La loro cremosità fa sì che non scivoli via dalla
carne rendendola brillante.
“Gustosì Pagani”, insieme alla linea “NOVIT”
costituiscono dunque la grande Innovazione della
gamma Pagani Chef garantendo la possibilità di
avere una “clean lebel” sul prodotto finito: tutte le
tipologie di prodotto afferenti alla gamma Gustosì
Pagani ed alla linea NOVIT sono infatti senza additivi, senza conservanti e senza allergeni, preservando il gusto e la naturalità della carne, garantendo l’etichetta pulita ed un risultato finale eccellente, dimostrandosi perfettamente in linea con l’attuale richiesta del mercato.
In particolare la linea NOVIT migliora la fragranza e mantiene più a lungo la freschezza e il colore naturale della carne senza
additivi e conservanti grazie all’uso degli
aromi e delle spezie orientali. Le linee
NOVIT e Gustosì non contengono allergeni
e sono adatte al consumo di qualsiasi consumatore.
Nella nuova versione del ricettario, disponibile anche online, ci sono tantissime
nuove idee, facili da realizzare e di suc-
alle esigenze di una realtà dinamica ed
in continua evoluzione.
Con 11 linee di miscelazione e 7 di
confezionamento, varie sedi internazionali ed un fatturato che sfiora i 21
milioni di euro, oggi la F.lli Pagani Spa
è gestita da Marco e Francesco
Cardazzi, sotto la cui guida si è affermata raggiungendo una posizione di
leadership nel mercato nazionale.
Indiscussa competenza acquisita grazie all’esperienza centenaria, garanzia di
qualità certificata, valore di una
costante assistenza tecnica personalizzata, centralità delle persone come
fondamento aziendale: sono questi i
principali punti di forza della F.lli Pagani
cesso garantito, insieme ad utili suggerimenti descritti
passo per passo, con un linguaggio semplice e chiaro
che illustrano tutte le preparazioni guidando l’utente al
corretto impiego anche delle nuove Gustosì Pagani e
della linea NOVIT.
Da sempre qualsiasi investimento ed ogni iniziativa
commerciale hanno come obiettivo principale la soddisfazione del Cliente e delle sue specifiche esigenze. In
quest’ottica sono nati i Corsi di Aggiornamento
Professionale Pagani Chef, una risposta alla richiesta
degli operatori del settore di approfondire e migliorare
le proprie conoscenze. I Corsi organizzati dalla
Fratelli Pagani S.p.A. costituiscono, infatti, una
ormai consolidata certezza per la creazione di
valore nelle preparazioni dei nostri Clienti: in queste occasioni, grazie al contributo dei Tecnologi
Pagani Chef, si ottiene la dimostrazione pratica di
quanto descritto nel ricettario stesso, dai metodi
alle tecniche più innovative per la preparazione e
la trasformazione delle carni, in particolare quali
parti di carne usare (tagli anatomici e sezionatura), come utilizzarli per recuperare valore aggiunto, quali ingredienti e aromi scegliere con la corretta metodologia di impiego, oltre ai consigli su
preparazione e conservazione di piatti gastronomici; tutto questo con l’obiettivo di ottenere tante
alternative appetitose e di pronto consumo, di
qualità garantita e di etichetta pulita.
Spa, sinonimo di evoluzione nella tradizione.
Da non dimenticare poi l’elevata specializzazione: l’azienda infatti non ha
mai ceduto alla tentazione di utilizzare le
proprie conoscenze per uscire dal proprio mercato di riferimento che è sempre
rimasto la carne, contrariamente ad altre
aziende del settore. Ciò ha portato la
Fratelli Pagani Spa ad essere, nel
mondo delle carni, un interlocutore unico
per competenza, qualità e specializzazione, in grado di fornire al produttore di
salumi e carni, prodotti, servizi e tutta
l’assistenza necessaria per realizzare
prodotti di elevata qualità, appetibilità e
genuinità.
Oggi l’obiettivo primario della F.lli Pagani
Spa consiste nell’offrire un’assistenza
tecnica personalizzata ad ogni singolo cliente: obiettivo perseguito grazie ad
una rete di venditori tecnici ben diffusa
sul mercato italiano e ad un servizio tecnico esterno, on site, ed interno, rapido
ed efficiente.
“La nostra realtà nazionale - spiega
Francesco Cardazzi, amministratore
delegato della F.lli Pagani Spa - si
integra e viene rafforzata dalla presenza
a livello internazionale di numerosi distributori partner ai quali affidiamo la cura
dei nostri prodotti, nonché delle nostre
filiali in Romania, Slovenia e Croazia,
formando un network complessivo di
oltre 100 persone a garanzia dell’elevato
standard qualitativo. Nel gennaio 1999,
inoltre, abbiamo ottenuto la certificazione del sistema di qualità aziendale
secondo la norma Iso 9001”.
L’offerta con la quale l’azienda si rivolge
ai propri Clienti si compone di ampie
linee di prodotto. Mortadella, würstel,
salami stagionati, prosciutti cotti,
speck, salsicce, bresaola, coppa e
pancetta, sono solo alcuni esempi
della tradizione tipica regionale italiana per i quali la F.lli Pagani Spa offre
soluzioni specifiche, oltre alla vasta
gamma di prodotti della linea Pagani
Chef.
PACKAGING & PAPER
ABBO CARTA
®
ROSSELLO CARTA
®
ARMA DI TAGGIA (IM)
BORGHETTO
SANTO SPIRITO (SV)
UDINE
CASTELLO D’ARGILE
(BO)
CALERNO
(RE)
MANTOVA
OSTE
MONTEMURLO
(PO)
VILLASTELLONE
(TO)
PAGLIARE DI
SPINETOLI
(AP)
CRESSA
(NO)
BOLZANO
GENOVA
ORA / AUER
(BZ)
LE NOSTRE AZIENDE PRODUTTIVE:
Il gruppo Pool Pack è Partner esclusivo di
www.pooolpack.com
SAN GIORGIO
(MN)
ARA NOVA FIUMICINO
(RM)
SAN SPERATE
(CA)
PADOVA
MONSANO
(AN)
[email protected]
VALLECCHIA DI
PIETRASANTA
(LU)
MIRANO
(VE)
Pool_Pack_redazionale:Layout 1 28/04/14 18:06 Pagina 1
Federcarni n 2-2014:Federcarni n 2-2014.qxp 30/04/14 08:00 Pagina 4
La bottega
della carne
Impatto con i Regolamenti Ce1169/11 e 1337/13
Etichettatura fra trasparenza e confusione
I
n forma schematica vediamo
Reg. 1169/2011, articolo 26
di fare il punto della situazione
nellʼetichettatura, ed in partico- Par. 2, lett. b) “Lʼindicazione del paese dʼorigine o del luogo di provenienza è obbligatoria… per le carni dei codici della nomenclatulare quella riguardante le carni
ra combinata (NC) elencati allʼallegato XI (0203 Carni suine fresche, refrigerate o congelate, 0204 – Carni di ovini e caprini fresche, refrigerate o congelate, ex 0207 – Carni di volatili fresche,
refrigerate o congelate)”.
Reg. 1337/2013
Precedenti scandali alimentari:
BSE…diossina….influenza aviare…Carni di cavallo…
Par. 8: “Entro il 13 dicembre 2013, e
a seguito di valutazioni dʼimpatto, la
Commissione adotta atti di esecuzione relativi allʼapplicazione del paragrafo 2, lettera b) del presente articolo e allʼapplicazione del paragrafo 3
del presente articolo…”.
Le carni sono fra gli alimenti
nei quali lʼorigine è maggiormente considerata
Per tutte le specie
Indicazione “Origine Italia”:
animale è nato, allevato e
macellato in Italia.
2013 - Carne di cavallo nelle lasagne. Prodotto ritirato da scaffali
dei market”
“Scandalo Horsegate...Si allarga a macchia dʼolio lo scandalo dei prodotti surgelati a base di carne di cavallo…”
Accresciuta esigenza di rendere disponibili per i consumatori
le informazioni circa lʼorigine dei prodotti.
Reg. 1337/2013
3 Ricaduta per le aziende alimentari e per lʼautorità sanitaria:
tracciabilità e trasmissione delle informazioni (filiera completa)
3 Ricaduta per il consumatore:
informazioni in etichetta: provenienza, rintracciabilità, sicurezza?
Indicazioni richieste dai consumatori:
Suini
Lʼindicazione “Allevato in Italia” può essere utilizzata solo se:
1) Lʼanimale viene macellato sopra i 6 mesi ed
ha trascorso almeno gli ultimi 4 mesi in Italia;
2) Lʼanimale è entrato in Italia ad un peso inferiore ai 30 kg e viene macellato ad un peso
superiore ad 80 kg;
3) Lʼanimale viene macellato ad
un peso inferiore ad 80 kg ed ha
trascorso lʼintero periodo di allevamento in Italia.
Ovi-caprini
Lʼindicazione
“allevato in
Italia” può
essere utilizzata solo se:
1) Lʼanimale
ha trascorso
almeno gli
ultimi 6 mesi
in Italia;
2) Lʼanimale
viene macellato sotto i 6
mesi ed ha trascorso lʼintero periodo di allevamento in Italia.
Pollame
Lʼindicazione “Allevato in Italia” può essere utilizzata solo se:
1) Lʼanimale ha trascorso almeno lʼultimo
mese in Italia;
2) lʼanimale viene macellato sotto 1 mese di
età ed ha trascorso lʼintero periodo di ingrasso
in Italia.
Pezzi di carne di diversa origine (specie o provenienza)
a) per ciascuna specie, lʼelenco dei relativi Paesi;
b) il codice della partita che identifica le carni fornite al consumatore o alla collettività.
Informazioni facoltative (art. 8)
Gli operatori del settore alimentare potranno utilizzare informazioni supplementari
relative alla provenienza delle carni che non siano in contrasto con quelle previste
dagli articoli del regolamento.
Reg. CE 1169/2011
Le informazioni sugli alimenti non inducono in errore, in particolare:
- attribuendo al prodotto effetti o proprietà che non possiede;
- suggerendo che lʼalimento possiede caratteristiche particolari, quando in realtà
tutti gli alimenti analoghi possiedono le stesse caratteristiche.
“Origine Italia”
Vale già per molti animali
“Allevato in Italia”
Suini
Suino pesante: disciplinare (es. Parma)
Suino leggero?
(suino, pollame)
Ovi-caprini
Pecore a fine carriera ed
agnelli.
Carni di agnelli di provenienza estera (esempio
Nuova Zelanda)
Pollame
Quasi tutto il pollame
vive in Italia dalla nascita,
Importazione di carni
(non di animali)
Considerazioni finali
14
“Di certo la tracciabilità deve partire da unʼorigine…Cosa ben diversa è controllare i processi produttivi che devono garantirla; magari è su questo che va messa la massima attenzione
degli organismi di controllo”.
“Questi sono talmente lontani dalla realtà produttiva che non sanno proprio di cosa stanno parlando. Eʼ evidente”.
A parte la considerazione sul fatto che il 99% delle persone non legge nemmeno lʼetichetta attuale, figuriamoci quando si troveranno tutte le informazioni di cui stanno parlando.
“…ci ritroveremo per ogni salame acquistato un libricino con le indicazioni di tutte le origini delle
varie materie prime. Bello… Davvero utile…”
“…Cʼè solo da sperare che la proposta sia bocciata nelle fasi successive dellʼiter parlamentare”.
Non cʼè garanzia assoluta, anche con lʼinformazione più completa al consumatore
Parlamento Europeo (29/01/2014), seduta plenaria: 368/595 a favore.
Ha adottato una proposta di risoluzione sul Reg. 1337/2013
(2013/2530 RSP)
Il Parlamento Europeo invita la Commissione a ritirare il Regolamento e a predisporne una versione modificata.
- Aggiunta dellʼindicazione obbligatoria in etichettatura del luogo di
nascita…per le carni non trasformate di animali della specie suina,
ovina, caprina e di volatili, in conformità alla legislazione vigente in
materia di etichettatura di origine delle carni bovine.
- La Commissione viene inoltre invitata a eliminare le deroghe previste per le carni macinate e le rifilature.
a cura di Luca Ballabio
Federcarni n 2-2014:Federcarni n 2-2014.qxp 30/04/14 08:00 Pagina 5
La bottega
della carne
Richiesti incontri e chiarimenti a Regione Lombardia e Ministro della Salute
Le lettere di Marco Mola
presidente di Federcarni Lombardia
Spacci agricoli, farmerʼs
market, agriturismi:
quanto effettivamente
vendono
di loro produzione?
1) La lettera a Marco Melazzini, assessore alle Attività produttive di Regione Lombardia.
Le sottopongo una questione
abbastanza complessa: lʼoperato degli spacci agricoli e dei
farmerʼs market.
Non voglio essere lapidario
con queste nuove realtà commerciali, anche perché se
sono veritiere portano un prodotto di indubbio valore, ma
tutto questo deve essere reale
e dimostrabile attraverso leggi
più chiare e severe.
I punti negativi dellʼattuale
legge, alquanto vaga, sono:
come viene classificato lo
spaccio agricolo;
se è produzione propria;
se è lavorazione propria
Infatti, molti spacci agricoli
vendono prodotti non di propria produzione, ma che vengono acquistati non solo nelle
zone limitrofe allo spaccio
come indicato dalla normativa,
ma anche in zone alquanto
lontane ed estere.
Nella maggior parte dei casi
solo il 10% della merce venduta è prodotto aziendale,
mentre il resto è acquistato.
Purtroppo, in questi ultimi anni
gli spacci agricoli e i farmerʼs
market si sono allargati in
modo eclatante e viene il dubbio che parecchi operatori non
appartengano al mondo agricolo e quindi usufruiscano di
questa immagine per illudere il
consumatore.
Di queste realtà dubbie fanno
parte anche molti agriturismi,
che servono anche 100/150
pasti giornalieri: quanti polli,
anatre, maiali, bovini hanno
nel loro allevamento? Quanta
frutta e verdura producono?
Pertanto Le chiedo di poter fissare un incontro per discutere
dellʼargomento in questione.
In attesa di una Sua cortese e
pronta risposta, colgo lʼoccasione per porgerLe i miei
migliori saluti
La macellazione
dei bovini e il costoso
smaltimento
di materiale a rischio
2) Lettera a Beatrice Lorenzin
(Ministro della Salute)
Con questa mia sono a chiedere gentilmente un Suo interessamento presso gli Organi
competenti su questo gravoso
problema per tutti gli operatori
del settore che causa un
dispendio di risorse e che
aggrava la situazione economica dello stesso.
Dal 2001 con il regolamento
Ce 999/2001, recante disposizioni per la prevenzione, il
controllo e lʼeradicazione della
Bse, sono state sancite le
azioni da espletare in occasione della macellazione dei
bovini.
Dette azioni riguardano principalmente il campionamento
Bse e la procedura di eliminazione del Materiale Specifico a
Rischio:
dal 2001 è stato reso obbligatorio il prelievo del tronco
encefalico su bovini sopra i 24
mesi dʼetà, appartenenti alle
categorie a rischio (animali
morti ed animali non deambulanti) e superiore ai 30 mesi
regolarmente macellati;
separazione del Materiale
Specifico a Rischio cat.1 (cranio, inclusi il cervello e gli
occhi, midollo spinale, intestino, la colonna vertebrale di
bovini al di sopra dei 12 mesi
dʼetà) ed invio a ditte specializzate per lo smaltimento. Dal
2006 è stata innalzata a 24
mesi lʼetà dei bovini per la
rimozione della colonna vertebrale, e poi a 30 mesi nel
Marco Mola
2008.
Dal 2009, a seguito di pareri
scientifici che evidenziavano
il Materiale Specifico a Rischio
un basso livello di rischio, lʼetà
non ha subito variazioni
degli animali da sottoporre a
Considerato che negli ultimi 5
test Bse è stata modificata:
anni non si sono riscontrati
il prelievo del tronco encefalico casi di Bse nei bovini macellati
è stato portato a 48 mesi sia
in Italia ed alla luce di quanto
per la categoria regolarmente
sopra esposto, dove si evince
macellata che per quella a
che il test per la Bse non
rischio;
viene più eseguito, non si
il Materiale Specifico a Rischio comprende il motivo per cui il
non ha subito variazioni
Materiale Specifico a Rischio
Dal 1° luglio 2011 lʼItalia ha
cat.1 debba ancora essere
rivisto il programma annuale di smaltito tramite aziende specontrollo della Bse portando il
cializzate con aggravio di costi
campionamento per Bse dei
per le ditte di macellazione, in
soli bovini di età superiore ai
considerazione anche del fatto
72 mesi per la categoria dei
che già da tempo sono vietate
regolarmente macellati e 48
le farine di carne, ritenute
mesi per la categoria a rischio. responsabili della trasmissione
Nel 2013 sono state apportate
della malattia, per lʼalimentaaltre modifiche:
zione dei ruminanti.
il prelievo del tronco encefalico
non viene più effettuato sulle
Marco Mola,
bovine regolarmente macellapresidente di Federcarni
te, ma solo sulla categoria a
Lombardia e consigliere
rischio;
nazionale Federcarni
Provincia
di Sondrio:
Ezio Gusmeroli
nuovo
presidente
dell’Associazione
Macellai
Milano (e dintorni)
e le malattie alimentari
Dati e tendenze
E’
stato recentemente pubblicato dalla Asl di
Milano il consuntivo
relativo alle malattie alimentari
(Mda) nellʼarea milanese per
lʼanno 2013.
La struttura operativa che si
occupa di studiare e controllare
questi fenomeni è il Servizio di
igiene Alimenti e nutrizione
dellʼAsl ed il dipartimento veterinario, per quanto di competenza, vi collabora.
Un poʼ di dati: nel 2013 sono
giunte 194 segnalazioni di
MDA da parte di enti ospedalieri e privati cittadini. Di questi
casi, 48 sono stati trattati come
sospette tossinfezioni alimentari e 50 casi come sospette sindromi sgombro idi.
Le altre segnalazioni sono riferibili soprattutto a epatiti virali,
listeriosi ed infezioni da salmonelle.
Dallʼesame dellʼandamento dei
casi nel corso degli ultimi anni,
si possono trarre alcune considerazioni:
lʼandamento dei casi di MDA è
sostanzialmente stazionario
con leggeri incrementi per talune patologie e lievi flessioni per
altre.
Ad esempio, le salmonellosi
non tifoidee sono in decremento e le shigellosi, malattia
“emergente”, in lieve aumento.
A Milano (e dintorni) viene rilevato più del 30% delle Mda di
tutta la Regione Lombardia.
Ciò vuol dire o che Milano e
dintorni rappresenta una zona
piuʼ a rischio, oppure che il
sistema di rilevazione delle
Mda nellʼarea milanese è più
efficiente.
Lʼandamento temporale delle
segnalazioni di tossinfezioni alimentari sono poi più elevate
nei mesi di aprile, giugno e
novembre, ma aprile e novembre sono mesi in cui i colleghi
medici dicono ricorrano maggiormente i casi di sintomatologia gastroenterica di origine
virale similinfluenzale (maggiormente incidenti nelle realtà
segue a pag. 17
(Delebio), Andrea Meneghini
(Sondrio), Mauro Moschetti
(Teglio), Loris Nani (Chiesa in
Valmalenco), Claudio Negri
(Aprica), Lorenzo Pedrini (Valdisotto) e Piero
Sandrini (Morbegno).
Il Consiglio direttivo si è riunito per completare il
rinnovo delle cariche con lʼelezione del presidente
e del vicepresidente: Ezio Gusmeroli e Mauro
Moschetti. “Sono grato – ha dichiarato Gusmeroli
– per la fiducia che mi è stata accordata dal
Direttivo. In questi anni i negozi di macelleria si
sono evoluti e il nostro lavoro, che già richiedeva
una notevole professionalità, è divenuto più complesso e articolato. LʼAssociazione Macellai è un
punto di riferimento importante per una categoria
che, legata alle tradizioni e allʼidentità del nostro
territorio, vuole crescere e guardare al futuro».
Già decise le prossime iniziative che i Macellai di
Sondrio intendono intraprendere: a partire dalla
partecipazione ad “IMeat” (vedi questo giornale
n.d.r.) e dalla visita a un salumificio in provincia
di Parma, fissata per fine giugno.
Da sinistra Mauro Moschetti (vicepresidente) e il nuovo
presidente dei macellai di Sondrio Ezio Gusmeroli
L’
Associazione Macellai della provincia di
Sondrio ha rinnovato le proprie cariche
eleggendo presidente Ezio Gusmeroli, che
ha assunto lʼincarico prima ricoperto da Mauro
Moschetti, a sua volta designato vicepresidente.
Lʼassemblea dei macellai si è svolta nella sede
dellʼUnione Confcommercio di Sondrio ed è stata
presieduta dal presidente uscente Moschetti che
ha ripercorso il lavoro svolto dalla categoria nellʼultimo quinquennio. In particolare, Moschetti si è
soffermato sulle principali problematiche del settore interessato in questi anni da numerosi cambiamenti, soprattutto per quanto attiene alla legislazione in materia di salute e sicurezza degli alimenti.
Dieci i componenti del Direttivo dellʼAssociazione
Macellai in carica fino al 2018: Pierangelo
Bresesti (Poggiridenti), Bernardo Augusto Corvi
(Aprica), Ugo Galli (Tresivio), Ezio Gusmeroli
15
Federcarni n 2-2014:Federcarni n 2-2014.qxp 30/04/14 08:00 Pagina 6
La bottega
della carne
Lʼimpegno di Federcarni Umbria
“Pollo Rurale Umbro”: progetto al via
P
ollo Rurale Umbro: Federcarni Umbria è impegnata
in questo progetto. La
distribuzione dei primi capi è
prevista per la fine di maggio
quando i polli avranno raggiunto lʼetà minima di 90 giorni.
Lʼaccordo fatto con la filiera
prevede che lʼintera distribuzione al consumatore avvenga tramite le macellerie Federcarni,
compresi gli eventuali ristoranti
che vorranno usufruire di questo prodotto. Lʼobiettivo, con il
progetto di filiera corta, è rafforzare il ruolo dei macellai nella
garanzia di sicurezza alimentare nei confronti della clientela.
Analizziamo più in dettaglio il
progetto del “Pollo Rurale
Umbro”. In Umbria il numero di
capi allevati/anno di circa 2-2,5
milioni. Il Dipartimento di
Scienze agrarie, alimentari e
ambientali di Perugia, attraverso il gruppo di lavoro gestito dal
professor Cesare Castellini, ha
acquisito notevole esperienza
sulle produzioni avicole estensive. Attualmente, in collaborazione con alcuni operatori del
settore, ha progettato una filiera avicola rurale corta
creando una
stretta connessione tra incubatoi,
svezzatori, allevatori, mangimifici,
fornitori di attrezzature e mezzi
tecnici (macello
itinerante), macellai, autorità sanitaria locale,
ricerca e sensibilizzazione al
consumo.
Tale filiera, sostenuta con entusiasmo dalle istituzioni, è stata
presentata ad Agriumbria 2014
con lʼinaugurazione del macello
itinerante. In Umbria le uniche
strutture presenti per la macellazione di avi-cunicoli esistenti
sono aziendali ed esclusive. La
legislazione consente la macellazione in strutture senza obbligo di autorizzazione sanitaria
per produzioni inferiori a 500
capi/anno. Per canali commerciali diversi (ristorazione, agriturismi, mercati settimanali, dettaglianti, etc.) e per chi alleva un
numero di animali allʼanno
Confraternita
dei Macellai di Roma
Roberto Dionisi
alla presidenza
Il consigliere Mario Di Pilla
è il nuovo camerlengo. Congratulazioni
e vicinanza di Federcarni
R
16
oberto Dionisi è il nuovo presidente della Confraternita dei
Macellai di Roma, Santa Maria della Quercia. Dionisi è una
figura di rilievo nella categoria dei macellai romani, nonché
erede di unʼantica e benemerita dinastia di macellai.
Nello stesso Consiglio direttivo che ha portato alla nomina di
Dionisi è stato eletto camerlengo della Confraternita il consigliere
Mario Di Pilla. Il presidente nazionale Federcarni Maurizio Arosio,
il presidente Federcarni Lazio Augusto Muraro, il Consiglio direttivo della Federazione, si sono congratulati con i neoeletti auspicando di continuare il percorso di amicizia e collaborazione intrapreso nellʼinteresse dellʼintera categoria e per il raggiungimento
degli scopi sociali dei rispettivi sodalizi.
“Ancora una volta – ha scritto il presidente Federcarni Arosio a
Dionisi - la Vostra illustre Confraternita ha voluto accogliere il
Consiglio Direttivo di Federcarni..con unʼaccoglienza che supera il
normale dovere di ospite. Vi siamo immensamente grati per questa opportunità e siamo molto contenti della Vostra disponibilità
nellʼaiutarci a creare una nuova forma associativa tra i macellai
Romani. Ricordando lʼimportanza, per Federcarni, dei macellai
romani, Arosio ha rilevato come “sia affiorato il vero desiderio che
accomuna le nostre organizzazioni: il bene dei nostri macellai, aiutarli per come possiamo a superare i momenti difficili, essere portatori di informazioni utili ed essere presenza là dove le istituzioni
limitino la crescita della categoria”.
compreso tra 500 e 10.000
capi è necessario disporre di
macello autorizzato dallʼAsl.
In seguito a numerose ricerche
seguite da altrettanti incontri
con i tecnici della Sint
Tecnologie (azienda che si
occupa dellʼallestimento degli
impianti di macellazione) e i
servizi veterinari regionali, è
stato realizzato il mattatoio itinerante che offrirà il servizio
recandosi direttamente presso
le aziende interessate.
La realizzazione del macello itinerante è un progetto assolutamente innovativo ed è il primo
in Europa. I principali soggetti
promotori della filiera corta
sono: Agricola San Nicolò,
L
e organizzazioni di rappresentanza sono oggi chiamate ad esprimere la propria posizione sulla questione
delle riforme istituzionali cercando di immaginare quale
possa essere lʼimpatto che lʼassetto costituzionale ipotizzato
avrebbe sulle legislazioni dei
settori del commercio e del terziario in genere.
Cosa non semplice, perché le
modifiche alla Costituzione
non hanno una conseguenza
immediatamente visibile, prevedibile e chiara sul sistema delle
imprese né forniscono un sicuro riferimento per valutare se
da queste deriverà una migliore
operatività delle attività economiche e produttive.
Nel riflettere su quelle che sono
le esigenze generali del mondo
imprenditoriale e del commercio in particolare in tema di
riassetto istituzionale, piuttosto
che entrare nella disamina prettamente tecnica del progetto di
riforma, tipo come o se realizzare il bicameralismo differenziato oppure il monocameralismo, potremmo procedere indicando, come prima cosa, i
risultati che, certamente, le
imprese si aspettano da queste
riforme:
- risolvere i problemi della
frammentazione delle compe-
Nuovo Molino di Assisi, Sint
Tecnologie, Istituto
Zooprofilattico Sperimentale
Umbria e Marche, spin-off
Accademico Fare Srl e Iktome.
Il progetto di filiera corta si basa
su elementi quali: la qualità
delle produzioni, il benessere
animale, il territorio, lʼimpatto
ambientale.
Oltre a ciò questa filiera ha un
impatto anche sul sociale.
Infatti, si sta realizzando un
allevamento di polli rurali nel
carcere di Capanne con un piccolo macello aziendale.
Il progetto finale prevede la
creazione di un centro genetico
dove si gestirà la selezione di
linee avicole adattate al siste-
Lʼopinione
Riforme
costituzionali
e piccola impresa
Opportunità
da cogliere
o un’occasione
persa?
Costante Persiani
tenze tra istituzioni che incidono
sulla legislazione di settore
impedendo alle imprese di muosegue a pag. 19
ma estensivo (anche questo
unico EU), lo studio di nuove
formulazioni alimentari, deposito del macello itinerante e dove
si accoglieranno allevatori interessati e consumatori.
Il pollo al pascolo deve essere
un pollo medio-leggero a spiccata rusticità che lo rende particolarmente adatto allʼimpiego in
terreni marginali, dove è possibile realizzare con semplici strutture mobili e a basso impatto
ambientale un habitat ottimale
per il suo allevamento. Il tipo
genetico utilizzato presenta una
spontanea attitudine esplorativa
che gli permette di ingerire consistenti quantità dʼerba. In queste condizioni di allevamento il
pollo al pascolo espleta la maggior parte del repertorio comportamentale della specie raggiungendo un eccellente stato di
benessere che si ripercuote
positivamente sulla qualità della
carne.
Lʼampia disponibilità di pascolo
(10 m2/capo) con lʼerba ingerita
rappresenta unʼintegrazione
naturale alla razione di vitamine
e antiossidanti (tocoferolo, carotene, polifenoli), e di alcuni acidi
grassi polinsaturi (ac. alfa-linolenico) che influenzano positivamente la composizione acidica,
la stabilità ossidativa e quindi la
conservabilità della carne.
versi con regole certe per effetto
della crescita della conflittualità
tra Stato, Regioni e autonomie
locali (vedi le più recenti norme
centrali e periferiche, spesso
contraddittorie tra loro sui temi
importanti come le liberalizzazioni, le regolamentazioni di
alcuni settori del commercio e
dellʼartigianato, le norme sulla
concorrenza, i saldi, gli orari di
apertura);
- garantire alle istituzioni centrali e locali il massimo di efficienza possibile a minor costo,
operando senza stravolgimenti
(che provocano perdite di efficacia), ma attraverso logiche di
razionalizzazione di amministrazioni ed istituzioni esistenti;
- favorire un nuovo metodo
di coordinamento istituzionale
tra Stato e Regioni, in cui vengano previste forme di partecipazione delle parti sociali e delle
organizzazioni di rappresentanza dei settori economici, le quali
possono fornire il loro contributo
concreto su temi di confronto
che investono direttamente il
mondo delle imprese.
- Riduzione del numero dei
parlamentari e migliore gestione
della rappresentanza dei territori;
- tempi ridotti di approvazione delle norme.
Federcarni n 2-2014:Federcarni n 2-2014.qxp 30/04/14 08:00 Pagina 7
La bottega
della carne
“El Bistecòn”:
la carica dei mille
Successo oltre le aspettative
per la rassegna gastronomica
di Confcommercio e
Federcarni Venezia
M
ille partecipanti, sette
macellai, quindici ristoratori e 300 chili di carne
per un totale di 60 ʻbisteconiʼ
cucinati.
È il risultato della seconda edizione de “El Bistecòn”, la rassegna gastronomica che
Confcommercio Unione
Venezia, assieme ai macellai di
Federcarni e ai ristoratori di
Fipe, dedica a questo particolare taglio di Scottona che, con i
suoi 5 chili di peso, è la risposta
veneta alla più famosa fiorentina.
La rassegna si
è conclusa a
fine marzo
allʼOsteria Porca
Vacca di
Salzano, dopo
aver toccato lʼintera provincia
veneziana
facendo tappa
in precedenza al
Green Garden
di Mestre, allo
Shapò a Musile
di Piave, al
Posto Fisso e
Alla Capinera in
Riviera del
Brenta, Alle
Baruffe e al
Gato a
Chioggia, al
Canton e alla
Farsora nel
Miranese, al
Cacciatore, alla
Tavernetta del Tocai, al Carro,
alla Botte e al Pigafetta nel
Portogruarese.
Lʼiniziativa, che aveva preso il
scolastiche) spesso con effetto
confondente nei confronti dei
reali episodi tossinfettivi.
Altra considerazione di natura
statistica è che i casi di tossinfezione di ambito domestico rilevati sono assai meno numerosi
di quelli che avvengono effettivamente. Ciò in ragione del
fatto che, essendo spesso di
entità non grave, non vengono
sottoposti al vaglio del pronto
soccorso dellʼospedale e quindi
sfuggono alle rilevazioni statistiche.
Ancora, si deve rilevare il tendenziale aumento dei casi di
Mda attribuibili al consumo di
alimenti di origine vegetale
rispetto a quelli dʼorigine pretta-
via il 24 gennaio percorrendo tutta la provincia di
Venezia attraverso rinomati
ristoranti, è stata sostenuta
dalla Provincia di Venezia e
da Fidimpresa Veneto,
[email protected]à, Ente
Bilaterale Turismo Spiagge.
Ogni serata ha registrato il pienone di presenze, per un
totale di mille commensali,
di fronte ai quali i macellai
Chinellato, Zavattin, Da Re,
Ragazzo, Sabbadin,
Pantarotto e Favaretto
hanno tagliato questa particolare porzione orizzontale
del quarto posteriore di
Scottona, una sorta di
gigantesca bistecca con
lʼosso al centro che i ristoratori hanno cotto alla griglia e
imprenditoriali è stata
vinta.
“Questa è la strada da
percorrere, i numeri parlano chiaro – commenta
il presidente di
Confcommercio Unione
Venezia Massimo
Zanon, che ha ospitato
Mauro Chinellato (qui sopra),
presidente di Federcarni Venezia
e (qui a destra) Alessandro
Da Re, nuovo presidente
dellʼAscom di Chioggia
nel suo ristorante di
Portogruaro
una delle
tappe della
rassegna Mille partecipanti danno
abbinato ad altre piacevoli pietanze.
La scommessa di mettere in
rete due diverse categorie
mente animale che, in verità,
rappresentano una fonte sicura
di infezione/intossicazione direi
quasi trascurabile.
Le strutture operative dellʼAsl
che si occupano delle Mda (il
Sian ed il Servizio igiene alimenti veterinario, soprattutto) in
caso di segnalazione cercano di
effettuare una correlazione tra i
casi singoli verificatisi sporadicamente ed epidemiologicamente correlabili tra loro. Lavoro
difficile e che tarda a volte a
dare risultati.
Tuttavia, tecniche di ricerca
genetica recentemente acquisite dai nostri laboratori di riferimento (Istituto Zooprofilattico in
particolare) consentono ora lʼap-
Milano (e dintorni)...
segue da pag. 15
Giovanni Pietro Pirola
parentamento di casi isolati e
dei quali ci si chiede se esistono
correlazioni dirette o indirette
(cosa non si fa col famoso dna).
In particolare, nel 2013, sempre
per lʼarea del milanese, due
sono stati gli episodi tossinfettivi
noti più rilevanti e che hanno
interessato una pluralità di persone ed ambedue hanno
riguardato due comunità: uno
ha riguardato una residenza per
anziani ed un altro una comunità di filippini.
Nella torta statistica delle tossinfezioni (dati 2013), il 68% dei
casi ha riguardato la ristorazione collettiva, nel 19 % il consumo domestico e per il 13% la
ristorazione pubblica.
Rarissimi i casi che hanno coin-
la misura di quanto
questʼiniziativa, già
dalla seconda edizione, sia entrata nel cuore della
gente. Carte vincenti: la professionalità e il gioco di squadra”.
“El Bistecòn” ha saputo mettere
insieme non solo due diverse
categorie di imprenditori, ma
generazioni diverse, unendo
innovazione e tradizione. “Il
risultato si è visto - aggiunge
Mauro Chinellato, presidente di
Federcarni Venezia – Ci siamo
divertiti lavorando, abbiamo
spiegato agli ospiti come si
taglia e si valuta la qualità di
questa particolare porzione di
carne, abbiamo risposto alle loro
curiosità. Mentre ai colleghi
ristoratori e agli chef è spettato il
compito di valorizzare i diversi
metodi di cottura e consigliare
gli abbinamenti migliori”.
volto in qualche modo lʼesercizio di vendita, di qualsiasi genere e quindi anche di lavorazione
e vendita di carni e derivati.
Per quanto concerne le “sindromi sgombroidi”, come il nome
suggerisce, riguarda il consumo
di prodotti ittici sia freschi sia
conservati. Non riguarda, quindi, in primis la categoria dei
macellai, ma è una patologia
emergente dato il numero rilevante di casi riscontrati rispetto
al totale dei casi segnalati (circa
il 50%). Per fortuna si tratta di
patologia comunque, in genere,
non grave; se ne parlerà qualche altra volta.
Giovanni Pietro Pirola
17
PUBB:Layout 1 29/04/14 08:55 Pagina 4
Federcarni n 2-2014:Federcarni n 2-2014.qxp 30/04/14 08:00 Pagina 8
L’
La bottega
della carne
Istituto nazionale di ricerca per gli alimenti e la
nutrizione (Inran, attuale
Cra-Nut), in collaborazione con
la Stazione sperimentale
Industria delle conserve alimentari (Ssica), ha effettuato lʼaggiornamento dei valori nutrizionali dei salumi italiani, le cui ultime analisi risalivano al 1993.
Bisogna premettere che la composizione chimica dei salumi è
estremamente variabile per il
tipo di prodotto, per cui un ruolo
fondamentale è ricoperto dalla
materia prima, dalla ricetta del
salume e dalla tecnologia applicata. Il miglioramento delle
caratteristiche nutrizionali riguarda tutta la filiera: dalla scelta di
qualità delle materie prime, preferendo tagli più magri, alla trasformazione, in cui vengono utilizzati meno sale e nitrati. Le
riduzioni percentuali hanno interessato anche il colesterolo e in
generale i grassi; questo miglioramento, ad esempio, è correlato anche allʼevoluzione delle tec-
Salumi italiani:
i nuovi valori nutrizionali
Conoscere le proprietà aggiornate
e scegliere prodotti di qualità
niche di allevamento, quindi
allʼintervento umano su alimentazione e sedentarietà dellʼanimale e allʼinnovazione che coinvolge lʼindustria del settore.
Lʼevoluzione dei sistemi di produzione, il controllo dei periodi di
asciugatura e stagionatura, la
maggiore attenzione alla qualità
e alla quantità delle spezie
usate, ha comportato una sensibile riduzione dei sali, soprattutto
del cloruro di sodio. Il trend di
miglioramento del contenuto di
sale consiste in una riduzione
che va dal 4% al 45% e oltre, a
seconda del prodotto.
È evidente che siccome la prima
L
a tradizione è la storia di
un popolo, di come attraverso abitudini che sono
state tramandate di generazione in generazione, è arrivato
al suo stato attuale.
Purtroppo, le tradizioni sono in
pericolo in quanto le nuove
generazioni non sembrano
propense a mantenerle. Forse
anche perché i giovani di oggi
non sono incoraggiati dai propri genitori i quali si sono
lasciati coinvolgere da questo
mondo dai valori superficiali.
Ad esempio, io non penso
siano molte le persone che
ancora per comunicare utilizzano lettere scritte in bella
scrittura con tanto di busta e
francobollo, ormai è quasi
diventato scontato utilizzare le
e-mail o i social network. Eʼ
veramente giusto così?
Insomma, va bene il progresso tecnologico odierno, ma
dovʼè finito il piacere dellʼ attesa di una lettera? Il piacere di
quella busta ancora sigillata?
Di leggere quelle parole sincere scritte in corsivo, di imbucare la lettera in quelle belle cassette rosso scarlatto. Io penso
che ci sia una grande differenza fra un e-mail e una lettera
perché dietro a una lettera vi è
un lavoro che porta il destinatario a pensare quanto il mit-
Lʼopinione
19
segue da pag. 16
Ci sembra che su questi obiettivi generali si possa pienamente concordare, ma una
domanda possiamo porla a
noi stessi ed ai rappresentanti
politici chiamati ad individuare
la strada che porta al raggiungimento di questi scopi: è possibile ottenere questi risultati
funzione del sale è quella di
agire da conservante, non può
essere eliminato a piacere. A
questo proposito, si stanno studiando nuovi sistemi per sostituire il cloruro di sodio con altri sali,
come il cloruro di potassio,
senza alterare troppo il tipico
equilibrio organolettico dei salumi.
Anche il contenuto di nitrati è
diminuito dal 1993, con percentuali che in alcuni salumi arrivano fino al 96%. Questo è dovuto
anche ad un migliore controllo
igienico-sanitario degli ambienti
di lavorazione e allo sfruttamento delle proprietà batteriostatiche
di spezie ed erbe aromatiche,
come aglio, pepe e peperoncino.
Quindi si può affermare che
oggi è possibile produrre salumi
sicuri dal punto di vista sanitario,
come in passato, ma con migliori proprietà organolettiche e un
minor contenuto di conservanti.
Il contenuto di nitriti, ad oggi, è
praticamente nullo.
Le botteghe e la tradizione
viste da una giovane
Il nostro Bel Paese fonda le sue radici nella tradizione,
Ma cosʼ è la tradizione?
tente tenga a lui. Mentre in
una mail non vi è quel viaggio
“fisico”, quella strada che compie quella lettera per arrivare a
destinazione. Vi è un altro tipo
di viaggio.
Così è diventato anche per le
nostre botteghe che hanno
contribuito alla storia e alle tradizioni del nostro Paese perché sinonimo di qualità e di
fiducia: basti pensare ai nostri
nonni e ai loro tempi quando
ognuno aveva la propria bottega di riferimento; tra commerciante e cliente si instaurava
un rapporto di complicità e di
amicizia che adesso, se pensiamo ai grandi ipermercati, è
impossibile coltivare. Questo
è, a mio parere, il lato negativo del progresso, la perdita
del rapporto umano tra le persone: per esempio, vi è molta
differenza fra andare a com-
anche senza passare per una
radicale riforma del sistema
costituzionale? A mio avviso sì.
La proposta attuale di riforma,
comunque, va nella direzione
più ambiziosa e agisce pesantemente su due fronti: modifica il sistema bicamerale perfetto, e la ripartizione del potere legislativo tra Stato e autonomie.
Il progetto di istituzione di un
bicameralismo differenziato,
va a toccare il livello di rap-
prare la carne dal proprio
macellaio o al banco della
carne. In una macelleria, il
macellaio sceglie personalmente le carni garantendone
la qualità e la provenienza,
mentre in un ipermercato non
sappiamo quasi mai chi sceglie i prodotti e chi ce li consegna; salvo eccezioni non è in
genere una persona il cui
grado di conoscenza ci consente di poter dare fiducia.
Anzi, spesso, non è nemmeno
una persona; la carne viene
confezionata e la scegliamo
direttamente da uno scaffale.
Eʼ anche da questo che vediamo come il rapporto umano
vada offuscandosi. Andare in
una macelleria è molto più
divertente e interessante
rispetto al supermercato:
vedere gli strumenti artigianali
e soprattutto la passione e la
competenza che il macellaio
può farci apprezzare attraverso il suo lavoro, rende una
persona per noi importante
presentatività delle autonomie
territoriali non riconoscendo
alle stesse funzioni legislative
autonome (e allontanandoci
da ogni obiettivo federalista)
se non per pochi casi di
esame congiunto, senza che
la Camera dei deputati dia il
suo consenso.
Così facendo, si incide in
misura profonda sullʼattuale
iter di formazione delle leggi,
ma nulla viene specificato
circa la necessità di trovare
anche solo attraverso il consiglio che si dà ad ogni cliente
nella scelta del prodotto o
anche per le informazioni sullo
scontrino e nei cartelli dove
vengono inserito sesso e provenienza dellʼanimale. Un rapporto che in un supermercato
difficilmente si trova.
Purtroppo, la tradizione italiana sta andando via via svanendo, anche e soprattutto a
causa della crisi che è motivo
di difficoltà in particolare per le
piccole botteghe tradizionali le
quali, spesso e malvolentieri,
non riescono a sostenere le
spese e sono costrette a chiudere i battenti. I clienti abituali
sono sempre più anziani e la
tradizione della bottega di fiducia non viene più alimentata
dalle generazioni nuove che
tendono a prediligere il risparmio alla qualità dei prodotti stessi.
Per lʼeconomia di un bravo
commerciante instaurare un
rapporto costante e di fiducia
forme di partecipazione istituzionale alle realtà imprenditoriali che esistono ed operano
nei territori e che sono il sistema delle piccole imprese.
Questo assunto, non vuole
essere una posizione contraria. Solo farci riflettere se veramente colpiremo il bersaglio
attraverso le riforme delineate.
Costante Persiani
(1. continua)
Nella produzione salumiera
attuale è diminuita anche la
quantità dei lipidi ed è migliorata
la loro qualità compositiva. In
particolare, questo miglioramento ha interessato tutti gli insaccati cotti come il prosciutto cotto,
per il quale si è registrata una
diminuzione del 37% degli acidi
grassi saturi. È migliorato anche
lʼequilibrio tra il contenuto di
grassi saturi e insaturi; nella
maggioranza dei prodotti questi
ultimi sono passati a oltre il 60%
dei grassi totali. In parallelo a
ciò, si sono registrate anche
riduzioni del contenuto in colesterolo con variazioni dal 2 fino
al 22%. Resta il fatto che per il
consumo settimanale è meglio
preferire salumi possibilmente
magri di qualità, facendone un
uso moderato (al massimo 2
volte) e lasciare alle occasioni
lʼabitudine al consumo di insaccati.
dottoressa
Lucia Taragnoloni
Biologa nutrizionista
con la clientela è fondamentale perché porta il cliente a
rifornirsi abitualmente da lui
con soddisfazione. Recarsi dal
proprio macellaio di fiducia
rende fare la spesa un rito
positivo: basti pensare anche
solo alle notizie ed esperienze
che ci si scambia, allʼutilità dei
consigli che ci vengono dati
per cucinare al meglio, al
vedere tagliare la carne e a
quellʼ irresistibile profumo che
sicuramente al banco del
supermercato percepiamo di
meno. Sono cose che spiegano come mai queste botteghe
abbiano fatto parte della storia
italiana: un Paese, lʼ Italia, che
ha visto genti andare e venire,
fra una migrazione e lʼ altra, e
fra questo via vai di genti, le
botteghe restavano un punto
di riferimento, di generazioni,
di donne e di uomini italiani
che le hanno rese rinomate nel
mondo. Loro erano li, pronte
ad accogliere chi, pochi anni
prima, partiva e or ora ritornava, ricordandosene il nome e le
abitudini, e ricordando a chi tornava la bellezza delle proprie
tradizioni, la bellezza di un rapporto umano.
Racconterò la storia e lʼimportanza delle piccole botteghe
per la tradizione e per tutti noi,
a partire anche dal ruolo che
hanno avuto nella letteratura e
nellʼ arte oltre che nella storia,
fino ad arrivare a quello che
sono ora e a come fare per
preservare questʼ importante
fetta della nostra cultura per il
nostro futuro.
Francesca Persiani
P.S. Forse, se i soldi non
sono tanti, vale la pena
comperare la carne una
volta di meno, ma quella
volta comprarla da chi conosci e dove sai che sicuramente è sana e gustosa.
IGIENE SENZA COMPROMESSI
La serie SteriGrip e il Dickoron Hygienic
Ioni di argento per una protezione
antibatterica duratura
Manico sicuro, antiscivolo con una
superficie vellutata
Taglio superfine
Lama completamente di acciaio inox
Manico igienico
Plastica antiabrasione serrata all’acciaio
senza fessure
www.fdick.it
Coltelli . Attrezzi . Acciaini . Affilatrici